Chiesa di Santa Pelagia

Chiesa Santa Pelagia a TorinoLa chiesa di Santa Pelagia venne edificata tra il 1769 e il 1772 per volere delle monache agostiniane. Il progetto fu realizzato dall'architetto torinese Filippo Nicolis di Robilant.

A inizio Ottocento l'ordine religioso delle monache agostiniare fu soppresso per le leggi napoleoniche e le autorità francesi affidarono i locali alla Regia Opera della Mendicità Istruita (ora Opera Munifica Istruzione), un'opera pia nata all'inizio del '700 per istruire e soccorrere i ragazzi poveri che operò molto attivamente nel campo dell'educazione.

A partire dal 1789, grazie all'interessamento di Vittorio Amedeo II, vengono aperte le prime due classi gratuite del Piemonte. Nella chiesa furono istiuite anche le prime scuole serali ancora attive fino a pochi anni fa.

L'intervento educativo, dopo la chiusura delle scuole elementari, si concentra nelle aree della formazione per adulti e della didattica per bambini. Vengono organizzati seminari per educatori e corsi di musica per i più piccoli.

L'edificio è a pianta centrale e al vano centrale circolare si aggregano quattro spazi ellittici che opsitano il presbiterio, due cappelle laterali e l'organo. Dalla cappella sinistra si accede all'ampio coro a forma semiovale dove le monache assistevano, separate dal popolo, alle funzioni religiose. Il vano centrale è sormontato da una cupola con finta prospettiva al centro nella quale si innestano le cupole che sovrastano gli altari.

Opere del pittore Vittorio Blanchery sono la pala dell'altare maggiore, raffigurante la Vergine metre incorona Santa Pelagia con i santi Agostino e Anna, e le due grandi tele destinate alle cappelle latarali: per la cappella di sinistra San Francesco di Sales in contemplazione del Sacro Cuore di Gesù, e per l’altare di destra San Luigi Gonzaga sostenuto da un angelo.

http://www.santapelagia.it

<== ::::::: ==>






Libro degli ospiti

 
TORNA SU