Salmi

1-25 | 26-50 | 51-75 | 76-100 | 101-125 | 126-150

Il salmo è un componimento lirico religioso della letteratura ebraica. Solitamente scritti per essere cantati, i salmi venivano usati per forme di devozione pubbliche e private e recano spesso annotazioni preliminari con indicazione sull'uso e sul modo di seguirli.

Alcune di queste preghiere sono molto antiche, forse anteriori a Davide stesso. Altre risalgono proprio a lui, altre sono più recenti o sono state riscritte, allungate, completate in seguito a qualche avvenimento particolare per pregarle in tempi in cui sorgevano problematiche e necessità nuove

Esse sono raccolte in uno dei libri dell'Antico Testamento, chiamato appunto Libro dei Salmi o Salterio.

Abbiamo 150 Salmi che dai tempi antichi, secondo il testo ebraico, sono suddivisi in cinque "libri".
Alla fine di ogni raccolta troviamo una forma di benedizione.

  • La sezione 1 fino al 41° Salmo
  • La sezione 2 fino al 72° Salmo
  • La sezione 3 fino al 89° Salmo
  • La sezione 4 fino al 106° Salmo
  • La sezione 5 fino al 150° Salmo

C'è un collegamento con i 5 libri del PENTATEUCO.

Vi sono 2 tipi di visione dei Salmi:

  • CRISTOLOGIA: Gesù che prega come uomo attraverso i Salmi
  • ECCLESIOLOGIA: La preghiera di Cristo ridonda su tutta l'umanità.

Cristo ha pregato coi Salmi, tutti coloro che pregano i Salmi lo fanno insieme a Lui.

In Cristo il tempo e lo spazio vengono scardinati.

NUMERAZIONE:
La traduzione Greca porta una numerazione diversa da quella Ebraica. Dal Salmo 10 al 148 risulta maggiorata di 1. Questo perché per la traduzione Ebraica il Salmo 9 rappresenta i Salmi 9 e 10 della traduzione Greca. Poi il Salmo 147 è diviso in due dai Greci riportando uguale la numerazione finale.

DIVISIONE: Anche se tutti i Salmi hanno una base unica celebrativa e lodativa vi è una classificazione di base:

  • Inni: sono preghiere per tutti i motivi cui si dà loda al Signore (carattere laudativo gratuito). (Es. Salmo 8). Trattano la storia degli Atti di Jahvè, la creazione, la contrapposizione tra ordine e disordine. [E' preghiera pubblica]
  • Ringraziamenti: Inno legato ad un beneficio ricevuto personale o comunitario. (Es: Salmo 34).
  • Suppliche/lamentazioni: sono preghiere a Dio con cui si esprime la sofferenza dell'uomo e nello stesso tempo la fiducia che Dio intervenga. (Es: Salmo 22). Possono essere pubbliche o private.
  • Salmi di fiducia.
  • Sapienziali
All'interno ci sono altre divisioni:
  • Salmi regali: cantano il re, la figura del re, il suo ruolo; aprono alla MESSIANICITA' (Salmo 2-110-72-89-132 - 45)
  • Inni della regalità di Jahvè: celebrano il regno di Dio (Salmo 93-96-97-98)
  • I Cantici di Sion: cantano la città di Sion, la sua bellezza e il suo valore (Salmo 46-48-76-87-84-122)

All'interno dei Salmi vi si riconoscono alcune RACCOLTE.

  • I Cantici dell'ascensione (Salmi 120-134): E' tra le raccolte più recenti; venivano cantati dagli Israeliti lungo il pellegrinaggio a Gerusalemme. Facevano memoria della liberazione dalla schiavitù, del dono della libertà e di quello di una terra.
  • Raccolte dell'Allel (Salmi 113-118 + 136 [grande Allel]): Scandivano le celebrazioni liturgiche della Pasqua in Israele. I Salmi 113-114 sono stati recitati da Gesù prima dell'ultima cena e dal 115° al 118° dopo il banchetto).
  • Raccolte Alleluistici (Salmi 146-150): Raccolta detta Piccolo Allelluia
1-25 | 26-50 | 51-75 | 76-100 | 101-125 | 126-150





Libro degli ospiti

 
TORNA SU