Logo Piemonte Sacro

Cappella di San Bernardino da Siena - Lusernetta (TO)

Cappelletta di San Bernardino nel Cimitero di Lusernetta, 2020.jpg
CC BY-SA 4.0, Collegamento
La cappella di San Bernardino da Siena, costruita tra il 1450 e il 1520, si trova nel cimitero di Lusernetta.
La facciata, in stile neogotico, presenta un portico ricostruito posteriormente.
Fu intitolata a San Bernardino da Siena (1380-1444) che nel 1425 si recò nelle valli di Lucerna per convertire i Valdesi.
La cappella custodisce affreschi del XV secolo.
Sulla parte destra della navata è raffigurato san Chiaffredo, al suo fianco san Bernardino da Siena che mostra l’ostia a coloro che vorrebbe convertire.
Sulla parete sinistra, l’affresco della “Madonna della Misericordia col Bambino”, di Jacobino Longo (inizi del XVI sec.), raffigura la Madonna in trono e sotto il suo manto blusotto trova protezione la famiglia dei conti Luserna di Rorà, committenti dell’opera.
L’abside gotica presenta un ciclo di affreschi di artista anonimo denominato &ldquoMaestro di Lusernetta” e fu restaurato nel 1972. Al centro della volta vi è Cristo benedicente circondato dai simboli dei quattro Evangelisti; sulle pareti sono effigiati i dodici Apostoli, sei per lato, in altrettante nicchie.
Sulla parete terminale, la decorazione è di epoca posteriore e raffigura una Madonna in trono con in braccio il Bambino vestito di un cappottino (immagine rarissima), al suo fianco troviamo Maria Maddalena e Giovanni Battista; a destra le figure di San Chiaffredo e di san Bernardino da Siena.
Dopo i recenti restauri è venuto alla luce, sulla parete sinistra esattamente sopra alla Madonna con il Bambino, un bellissimo san Giorgio a cavallo che uccide il drago per salvare la Principessa. Tutti elementi che fanno pensare che l’affresco possa essere quattrocentesco. Altro notevole ritrovamento la figura di san Michele che pesa le anime con la bilancia.
Attorno all’abside si è riscoperto sant’Antonio Abate, patrono di Lusernetta, il cui volto non è piugrave; visibile. Sulla parete di destra sono stati riportati alla luce gli affreschi che rappresentano santa Marta e san Nicola da Tolentino.

Segui piemontesacro.it sui social:

piemontesacro.it su facebook   piemontesacro.it su instagram


Mani in preghiera di Albrecht Dú
Scrivi una preghiera

Aiuta ORA
Sostieni Piemonte Sacro donando ALMENO 2 euro!
Te ne sarò GRATO .



TORNA SU