Il Mortorio pasquale: a Villafalletto va in scena il funerale di Cristo



Villafalletto è un grosso paese della piana cuneese collocato allo sbocco delle vallate alpine del Maira e del Varaita, ad una manciata di Km da Saluzzo sulla strada per Cuneo, famoso per aver dato i natali a Nicola Sacco, anarchico che con Bartolomeo Vanzetti fu condannato, innocente, alla sedia elettrica a Boston nel 1927.
Questo tuttavia non è l’unico motivo per cui la località è conosciuta, ve ne è un secondo che vanta tradizioni molto più antiche: il Mortorio pasquale.
Si tratta di una processione pasquale che ogni 4 anni assume le caratteristiche di Sacra rappresentazione, diventando solenne per gli arredi che vi vengono usati (l’addobbo nero con cui viene rivestita la chiesa da cui parte la processione) ed i figuranti che vi prendono parte i quali, in quell’occasione, superano il numero di 500.
Sacra rappresentazione a Villafalletto

Il Mortorio pasquale, come detto, ha tradizioni antiche; tipica manifestazione barocca figlia della Controriforma, risale sostanzialmente al 1622, anno in cui venne eretta la Compagnia della Misericordia, intitolata a S. Giovanni Decollato. Tra le finalità della Confraternita, sorta soprattutto per fornire l’ultimo conforto ai condannati a morte, vi erano anche gli obblighi di organizzare le funzioni di preparazione alla Pasqua e di partecipare alla processione del Giovedì Santo in abito nero con cappuccio. Era questa, sostanzialmente, una prima rudimentale versione del Mortorio Pasquale che prenderà forma, con tale denominazione, soltanto il secolo successivo, nel 1715. In questa data, infatti, negli Statuti della Compagnia si parla di rito solenne del Funerale di Cristo (questo in effetti vuole essere il Mortorio pasquale), preceduto dal rito della deposizione dalla croce, eretta nella chiesa seicentesca di S. Giovanni Decollato e concluso con la tumulazione, all’interno della stessa chiesa.
Oggi il Mortorio solenne si svolge ogni 4 anni nell’anno bisestile (negli altri anni una semplice processione pasquale animata dai fedeli) ed inizia con la discesa della statua del Cristo (a grandezza naturale), da una croce eretta nella chiesa suddetta completamente addobbata di nero, ove è sostanzialmente riprodotto il diorama del Calvario, con il Cristo in mezzo ai ladroni.
Dall’anno 2000, la celebrazione si svolge il martedì di pasqua (un tempo si svolse prima il giovedì, quindi il venerdì) onde non recare intralcio alle altre funzioni e naturalmente, con un numero così grande di partecipanti, coinvolge non solo buona parte degli abitanti del paese, ma richiede anche la partecipazione di esterni.
Appena deposta, la statua viene adagiata su una portantina a forma di barella e viene portata in giro per le vie del paese, coperta da un baldacchino, preceduta e seguita da unl’immensa folla di figuranti: tra confratelli incappucciati con raganelle e tarabachi, tre angeli con trombe e corni che intonano il Dies Irae, la grande croce portata da un incappucciato, scortata da altri confratelli con lanternoni, seguono soldati in divisa settecentesca con tamburi e lo stendardo del Mortorio, recante l’effigie della testa decollata di S. Giovanni Battista (cui è appunto intitolata la Compagnia che tutt"oggi organizza la manifestazione). Sacra rappresentazione a Villafalletto

Passano quindi le rappresentazioni dei 15 misteri della Passione e morte di Cristo, quindi soldati a cavallo ed una fila di angioletti reclutati fra i bimbi delle scuole del paese, ancora il coro degli angeli ed il coro della Cantoria. Ancora, incappucciati con la testa di S. Giovanni su un vassoio i membri della Confraternita locale più altre numerose Confraternite, invitate, provenienti dai paesi vicini. Congregazione della Nera

A questo punto sfila il gruppo che trasporta il Cristo morto, portato a spalle, quindi il lenzuolo della Sindone, retto da tre confratelli e scortato da Carabinieri in uniforme, Sacra rappresentazione a Villafalletto

la reliquia della Croce, portata dal parroco, le tre Marie in lutto, le Consorelle, vestite in giallo e nero, che recano a spalle una grande statua della Vergine Addolorata, Sacra rappresentazione a Villafalletto

20 orfanelle ed il grande gruppo di Pellegrini con saio e bordone. Sacra rappresentazione a Villafalletto - Pellegrini

Chiudono la processione le autorità civili e militari.
Effettuato un percorso ad anello che si chiude presso la chiesa della Confraternita, la manifestazione si conclude con l’inumazione di Cristo, calato in una botola del palco tra frastuono di tamburi e raganelle. La banda intona il Vexilla Regis, composto nel 1786 appositamente per il Mortorio. E’ la glorificazione del Cristo e l’annuncio della sua resurrezione; un messaggio di speranza e di fede destinato a far comprendere che la morte, secondo la visione cristiana, non è per sempre.


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 03.10.2019





TROVA SOLLIEVO INTERIORE
Con la Preghiera e la Pietra della Fede

Pietra della fede con incisa croce color oro


Tieni in mano la pietra fluviale naturale con incisa una Croce


Sacchettino e pietra della fede con incisa croce color oro

Benefici

- RIDUCI lo stress e l'ansia
- GESTISCI la rabbia.
- La Croce è un promemoria quotidiano di Incoraggiamento.

Caratteristiche

- La pietra è Liscia al tatto

Sacchettino e pietra della fede con incisa croce color nero

Regala la pietra della fede a chi vuoi bene.

Acquista adesso la pietra della fede su www.negoziodelsacro.com, CLICCA QUI


Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro ora.


 
TORNA SU