Il Cristo Rosso di Venaus: la Processione del Giovedi Santo



Non sono molte le sacre rappresentazioni della Passione di Cristo che si sono conservate tanto da giungere intatte fino ai nostri giorni. Tra queste, sicuramente, la Processione del Giovedì Santo che annualmente si svolge a Venaus, paese della val Cenischia ove per altro si è mantenuta anche la tradizione degli spadonari.
Sacra rappresentazione a Venaus

La Processione del Giovedì Santo si svolge a corollario dei riti del Triduo Pasquale che prevedono, come momento altamente significativo la lavanda dei piedi. Si tratta di un rito antichissimo che un tempo, assieme a molte altre sacre rappresentazioni celebrate in quasi tutti i villaggi delle valli Susa e Cenischia, evidenziava uno svolgimento assai complesso. Ciò che è giunto fino a noi è purtroppo soltanto la parte essenziale della rappresentazione, quella in cui si rappresenta la salita al Calvario di Cristo. Sacra rappresentazione a Venaus - Lavanda dei piedi

La manifestazione inizia nel tardo pomeriggio del giovedì di Pasqua, dopo la funzione del Vespro; ne sono elementi fondamentali la figura del Cristo, vestito di una tunica rossa e coperto di un cappuccio dello stesso colore, su cui è infilata la corona di spine.
Seguono il Cristo le donne della Confraternita del S. Rosario, gli uomini della Compagnia del SS. sacramento e 12 apostoli, scelti fra gli anziani del paese. Davanti alla parrocchiale del paese (all’interno della quale vi è un importante ciclo di affreschi quattrocenteschi raffiguranti la Passione) si forma un corteo composto dagli uomini e dalle donne delle due Confraternite e dai fedeli. Il corteo è preceduto dal Cristo che trascina una enorme croce, rossa come il vestito del Cristo stesso. Sacra rappresentazione a Venaus

I membri delle confraternite recano in mano grossi ceri e lanterne costituite da una gabbia di metallo, con manico in legno, entro la quale arde una candela. Sacra rappresentazione a Venaus

La processione si snoda per le vie del paese e lungo le strade campestri che corrono alle spalle della chiesa; durante il suo svolgimento vengono inscenate le tre cadute del Cristo. Giunti di fronte all’ingresso della chiesa parrocchiale, prima di entrarvi Cristo si inginocchia sui gradini, scortato da 4 donne della Confraternita femminile, recanti ognuna un grosso cero. Qui, ai fedeli che lo desiderano, viene permesso, uno ad uno, di baciare la croce. Sacra rappresentazione a Venaus

Entrati in chiesa la funzione continua, in sacrestia, con il rito evangelico della Lavanda dei piedi: il parroco lava i piedi in un catino ai 12 anziani scelti come Apostoli. Sacra rappresentazione a Venaus - Lavanda dei piedi

Contestualmente vengono letti brani della Passione, tratti dal Vangelo.



©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 03.10.2019







LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online



Sostieni piemontesacro.it


 
TORNA SU