Sacra rappresentazione a Sordevolo

La passione di Sordevolo: evento teatrale o Sacra rappresentazione?



Per quanto ultraduecentenaria, per quanto nata come Sacra rappresentazione, la Passione di Sordevolo, piccolo Comune in provincia di Biella diventato famoso proprio per questo evento, è oggi diventata una rappresentazione teatrale di grande significato, forse uno tra i più grandi spettacoli corali mai esistiti in Italia. Sacra rappresentazione a Sordevolo

Questa Passione affonda le radici della sua origine addirittura nel Medioevo, ovvero dalla rappresentazione, avvenuta a Biella Piazzo nel 1529, della Vita di Abramo e della sommersione di Sodoma e Gomorra. La notizia, tratta dal "Libro dei Conti del can. Giacomo Carrarino", conservato nell’archivio capitolare della Diocesi di Biella, ci racconta di una delle tante manifestazioni realizzate per narrare al vulgo le vicende dell’Antico Testamento, così come dal 1572 si iniziò a svolgere annualmente una processione detta delle Angiolette, organizzata dalla Compagnia della Dottrina Cristiana, cui prendevano parte dai 500 ai 600 figuranti. La stessa venne poi soppressa nel 1783 dal Vescovo Giulio Cesare Viancini, perché ormai lontana dall’esprimere valori religiosi.
Nel 1777 a Sordevolo, venne messa in scena La Conversione di S. Agostino, mentre si sa che fino a metà "800, erano normalmente inscenate rappresentazioni sulla Resurrezione e sul Giudizio Universale, che evidentemente richiedevano apparati scenici di un certo livello.
Sacra rappresentazione a Sordevolo

Per quanto sia probabile che la Passione di Sordevolo possa avere origini settecentesche, non si trova traccia della manifestazione fino all’inizio del secolo successivo, così come delle analoghe rappresentazioni che in quei tempi si tenevano in altre località del Biellese come Occhieppo, Cavaglià, Andorno, Romagnano Sesia, Mongrando e Castelnuovo nel Canavese (poi Castelnuovo Nigra). In particolare a Sordevolo si parla di 1816 come data di cui si è trovata labile traccia negli archivi comunali. Di certo, da studi di inizio `900, si sa che nel XIX secolo la drammatizzazione venne rappresentata negli anni 1850, 1860, 1865, 1871, 1876, 1881, 1886 e 1891.
Sacra rappresentazione a Sordevolo

Resta da chiedersi chi ha introdotto questa consuetudine e soprattutto chi ha portato il testo della Passione nel piccolo centro biellese. Dal momento che il testo deriva dal testo recitato in Roma al Colosseo, nel XVI sec, dall’arciconfraternita del Gonfalone, si può ipotizzare che possano essere stati imprenditori lanieri biellesi, che nel XVII sec. intrattenevano rapporti commerciali con grossisti romani, dai quali si approvvigionavano di lana. Tra queste molte famiglie di Sordevolo, che probabilmente, per spirito di emulazione, si incaricarono di portare il testo nel paese, per offrire uno spettacolo di prim"ordine ai valligiani e guadagnarne in benemerenze di vario genere. Potrebbe anche darsi, però, che siano stati gli stessi membri della Confraternita di Santa Lucia di Sordevolo, affiliati con la Confraternita del Gonfalone di Roma, ad incaricarsi dell’operazione. Sacra rappresentazione a Sordevolo

Di fatto questo evento non può essere assimilato alle normali Sacre rappresentazioni. Intanto perché non si svolge nel periodo pasquale, bensì in quello estivo, poi perché non si tratta di una sola rappresentazione, come di norma, ma di una serie di recite che si svolgono in tutti i sabati e domeniche del periodo estivo (talora anche di venerdi), nell’anno in cui è previsto si debba mettere in scena. Questa passione, infatti, viene rappresentata soltanto ogni 5 anni, in quanto estremamente complessa ed impegnativa nell’organizzazione e nel coinvolgimento di attori e comparse, nonché di cavalli ed attrezzature varie. Da qualche anno, infatti, essa si svolge in un enorme anfiteatro, costruito appositamente e specificamente per la manifestazione. Sacra rappresentazione a Sordevolo

Naturalmente nel corso degli anni, il testo e la sceneggiatura sono cambiati, dall’edizione del 1970, ad esempio, non compaiono più in scena pellegrini ed incappucciati, relitti della versione barocca di questo genere di spettacoli, in quanto lo scopo della rappresentazione è volto unicamente alla messa in scena della passione, della morte e della sepoltura di Cristo e per questo motivo è stato quindi sfrondato e depurato di tutte quelle contaminazioni sovrastrutturali venutesi a sovrapporre nel corso dei secoli e dovute a momentanee tendenze culturali spesso poco attinenti al tema fondamentale della morte di Cristo. Sacra rappresentazione a Sordevolo

Sacra rappresentazione a Sordevolo


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 03.10.2019





Macrolibrarsi


LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online


Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro ora.


 
TORNA SU