La Chiesa di Santa Maria

La chiesa sorge sulle prime propaggini del Monferrato, verso la pianura alluvionale in corrispondenza del vallone che il Rio Pocapaglia scava tra queste modeste alture.
E' serrata dal cimitero, sorto ai primi dell'ottocento, e dal cascinale, detto dei "Capusin" che deve essere coevo alla costruzione del convento.
Essa ci appare subito nella sua veste funebre.
L'edificio risale al 1539: grandi "ristorazioni" nel 1840 ne hanno mutato radicalmente le forme.
La facciata di gusto neogotico si slancia verso l'alto con la sua mole massiccia e greve contornata da curiosi pinnacoli laterali e" caratterizzata" dalla forma originale del campanile.
Altro aspetto curioso è la decorazione plastica esterna: sono numerose le colonnine pensili che si aggrappano alla facciata e alle paraste laterali di S.Maria: pare rappresentino, per analogia funubre, giganteschi ceri.
Attualmente, varcato il portale d'ingresso di gusto barocco, posto alla destra della facciata di S.Maria, sovrastato da un consunto affresco della Madonna con Bimbo, si entra nel chiostro.
Questo è addossato alla chiesa e si presenta aperto verso sud con appendici adiacenti di ex locali conventuali. Nel cortile è presente un pozzo con elegante vera in mattoni ed elegantissima ghiera in ferro battuto di gusto prettamente barocco.

Andrea Strumia

<== ::::::: ==>






LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti



Libro degli ospiti

 
TORNA SU