Itinerario in Piemonte: Sentiero dell’Ostia: dal Santuario di San Chiaffredo a Frazione Borgo

Anello dell’anima con sentiero dell’ostia: Borgo – San Chiaffredo – Ciampagna – Madonna degli Angeli – Borgo

Pietre della Fede. Negozio www.negoziodelsacro.it

Dislivello: m 300 circa
Tempo: ore 2
Difficoltà: E

Questo tracciato era utilizzato da un ministro di culto, per andare a celebrare la messa da Borgo, villaggio della valle del Po, al Santuario di San Chiaffredo posto a circa 30 min. di cammino.

Santuario di S. Chiaffredo - Esterno
Santuario di San Chiaffredo

Si tratta del cosiddetto "Sentiero dell’Ostia", suggestivo e panoramico, che si sviluppa lungo l’assolato fianco sinistro dell’alta val Po.
L’itinerario qui proposto non comprende semplicemente questo tratto di sentiero, ma è un lungo e piacevolissimo anello che, pur inglobandolo, tocca le più significative borgate di Ostana e di Crissolo. Attrezzato ad anello, includendovi la tratta San Chiaffredo – Ciampagna – Borgo, con visita al luogo in cui fu rinvenuto il sepolcro di San Chiaffredo, l’intero percorso ha assunto la denominazione di "Anello dell’anima".

Accesso: Da Pinerolo a Bibiana attraverso la Provinciale della Val Pellice che, superati Bagnolo e Barge, porta alla Colletta di Paesana ed al paese omonimo (km 27). Dal piccolo centro posto allo sbocco della valle del Po, si sale in direzione Crissolo. Qui, nel centro del paese, si devia per "Pian del Re" seguendo la stretta strada per circa 2 Km, fino alla deviazione, sulla destra, per il grazioso abitato di Borgo, posto circa 1 Km dopo il bivio (90 Km da Torino).

frazione Borgo
Frazione Borgo

frazione Borgo - Mistà Madonna di Oropa
Mistà Madonna di Oropa in frazione Borgo

Attraversato l’abitato di Borgo (1529 m), procedendo tra le case in direzione est, si entra presto in un sentiero, conosciuto come "Sentiero dell’Ostia" (OM/V 31), chiamato in tal modo perché un tempo utilizzato dal parroco di Borgo per portare le ostie benedette al santuario di San Chiaffredo. Tagliando a mezzacosta, il tracciato, ben indicato con cartelli in legno, si sviluppa su un costone soleggiato che offre bellissime visioni del Monviso e, in basso, di Crissolo e delle sue frazioni.
Dopo un tratto aperto ed in forte ascesa su un crinale, la mulattiera pianeggia e, con qualche passaggio tra rami intricati, si porta in vista del Santuario (1417 m), raggiungibile poi con breve discesa che termina a ridosso dell’abside della struttura, affacciato su un profondo intaglio oltre il quale, sul versante opposto, spiccano le borgate di Ostana toccate in precedenza: Ciampagna, Sagne, Brich ecc.

Santuario di S. Chiaffredo - Interno

Cappella di San Chiaffredo

Galleria degli ex voto

Aggirando il santuario sulla sua sinistra, a circa metà della sua fiancata sud, ove inizia anche la scala che porta alle ritirate, si individua un sentiero discendente (la via de Gorge) che, aggirato un costone, inizia a scendere nella faggeta perdendo rapidamente quota ed incontrando, dopo pochi tornanti, una parete sporgente su cui è affissa la lapide che ricorda, in quel luogo, il ritrovamento del sepolcro di San Chiaffredo.

lapide sul sepolcro di San Chiaffredo

Con stretti tornanti si scende fino a portarsi sul rio Toussié, che si attraversa (se il regime delle acque lo consente), su una griglia di captazione.
ponte sul rio Toussié

Giunti sulla sponda opposta del rio si risale nel bosco fino a raggiungere l’ampio sentiero proveniente da Ostana e diretto alla borgata Ciampagna (OM/V 31), presto destinato a confluire su una strada asfaltata (quella che collega Villa di Ostana a Borgo) proprio nei pressi della borgata (1374 m), preceduta da un pilone votivo (ore 1.10 da Borgo).
Senza entrare in Ciampagna, si continua sulla carrareccia asfaltata, incontrando presto il bivio per Sagne, preceduto da due piloni votivi. Senza deviare dalla carrozzabile si prosegue ancora per alcune decine di metri, superando un ponticello e deviando a sinistra, poco dopo, presso un ennesimo piccolo pilone, per imboccare un ampio tratturo (OM/V 31) leggermente discendente.
Lasciata a destra una grande croce in cemento,

Croce sul sentiero dell'ostia

si incontrano ancora due edicole votive prima di giungere alla settecentesca cappelletta di Madonna degli Angeli, oltre la quale si incontrano, precedute da un altro pilone, alcune case dirute della frazione Bertolini. Una di queste si rivela interessante perché sulla facciata intonacata reca ancora l’insegna di un emporio di sale e tabacchi.

cappelletta Madonna degli Angeli 1

cappelletta Madonna degli Angeli 2

Ancora un piccolo oratorio precede il bel ponte in pietra gettato sul rio Toussié, oltre il quale il tracciato inizia a salire ripidamente, superando in poche centinaia di metri e con due tornanti finali il significativo dislivello che separa il fondo del vallone con l’abitato di Borgo, posto sull’alto in bella posizione solatia (ore 2 complessive).


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 31.03.2021




Porta SEMPRE CON TE
la Pietra della FEDE con Croce incisa


Pietra nera con croce incisa nella mano

SCOPRI DI PIÙ



 
TORNA SU