Itinerario in Piemonte: Lungo la Via Crucis di Coazze

Itinerario in Piemonte: dal santuario di N.S. di Lourdes al Colletto del Forno

Pietre della Fede. Negozio www.negoziodelsacro.it

Lungo la Via Crucis di Coazze.

La via sacra qui descritta, trae spunto dal frequentatissimo Santuario di Coazze, dedicato alla Madonna di Lourdes che costituisce una discutibile rappresentazione in cemento della famosa grotta dell’apparizione a Bernadette Soubirou.

Santuario di Coazze, dedicato alla Madonna di Lourdes

Il percorso, attrezzato con piloni in pietra, ciascuno dei quali dotato di un’effigie bronzea raffigurante una delle 14 stazioni della via crucis, rappresenta una salita ideale al Calvario che inizia con una grande statua dell’Ecce Homo, per culminare con le tre croci innalzate sul monte della Passione. Oltre il culmine della via, l’itinerario propone di raggiungere il Colletto del Forno, che rappresenta un buon punto panoramico affacciato sulla val Sangone e le sue montagne.

Colletto del Forno


Difficoltà: E
Dislivello: m 188
Tempo: ore 1.15

Accesso: Da Torino ad Avigliana con l’autostrada A 32. Di qui, imboccando la prima uscita alla rotonda, che si incontra appena fuori del tunnel, ci si porta al semaforo posto all’ingresso di Trana e di qui, volgendo a destra, con la statale n. 589 si giunge a Giaveno. Una volta in centro al paese, si prosegue in direzione Coazze per circa quattro chilometri e, prima di iniziare la salita verso il paese, si tiene la sinistra costeggiando il Sangone per circa otto chilometri (indicazioni Forno).
Dal parcheggio del santuario di N. S. di Lourdes 959 m, si passa davanti alla grande ed originale struttura santuariale, per procedere verso monte imboccando un’ampia sterrata con fondo in cattive condizioni, disseminato di ciottoli.
Lasciata quasi subito, sulla destra, una rappresentazione bronzea a grandezza naturale dell’Ecce Homo si sale nella fitta faggeta con numerosi tornanti, fiancheggiando i piloni della Via Crucis.

rappresentazione bronzea a grandezza naturale dell’Ecce Homo

Ad un certo punto, in corrispondenza di un tornante, in uno slargo sono collocate tre grandi croci metalliche che rappresentano la scena del Calvario; di queste quella centrale reca, nel punto in cui le braccia si incrociano, la rappresentazione di una corona di spine.

Via crucis Santuario grotta Coazze con le tre croci

A fianco, un grande pannello in bronzo raffigura la crocifissione; siamo in presenza della XII stazione della salita al Calvario, dedicata alla morte di Cristo.

Via crucis al santuario grotta di Coazze

Dopo gli ultimi due piloni, la strada incontra una mulattiera che taglia a mezzacosta il fianco della montagna. Si tratta del sentiero EPT 414, diretto a destra verso l’Alpe Sellery ed il Colle la Roussa ed a sinistra verso il Colletto del Forno. Prima di proseguire verso il Colletto del Forno, tuttavia, è possibile con una diramazione della carrareccia, raggiungere la sommità del versante ove è sita una grande statua del Cristo Redentore, posta a 1220 m di quota.
Volgendo a sinistra, dunque, si affronta una ripida discesa, per poi attraversare un valloncello e risalirne il versante opposto. Ancora una breve discesa poi un tratto rettilineo che mantiene la curva di livello mette ad un bivio: a sinistra verso l’Alpeggio Colletto del Forno, la borgata Ciandet e, 8 Km più a valle, la frazione Pontepietra; a destra per l’amena insellatura erbosa del Colletto del Forno 1138 m (ore 1.15 dal Santuario), presidiato da una piccola cappella.

Colletto del Forno 1138 m

Colletto del Forno 1138 m


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 31.03.2021




Porta SEMPRE CON TE
la Pietra della FEDE con Croce incisa


Pietra nera con croce incisa nella mano

SCOPRI DI PIÙ



Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro.


 
TORNA SU