Giovanna D'Arco

Giovanna D'Arco a cavallo

Giovanna D’Arco, detta la Pulzella d’Orlèans, nasce nel 1412 a Domrémy, in Lorena, da una famiglia di poveri contadini. A tredici anni delle voci le rivelano che, per volere di Dio, dovrà liberare la Francia stremata dalla guerra dei Cent’anni e occupata dagli inglesi.

Abbandonata la famiglia, nel 1429 si presenta alla corte di Carlo VII, detto il Delfino (ultimo principe di Francia, divenuto sovrano senza corona e senza regno) e ottiene di poter cavalcare – senza nessun comando - alla testa di un’armata per liberare Orléans stretta d'assedio dall'esercito del re d’Inghilterra Enrico VI.
Incoraggiando le truppe con la sua ispirata presenza, nel maggio 1429 riesce a liberare Orléans e a riportare la vittoria di Patay. Finalmente, dopo questa vittoria, il 7 luglio del 1429, a Reims, Carlo VII è consacrato re.

Lasciata sola per la diffidenza della corte e del re, l'8 settembre viene ferita da una freccia sotto le mura di Parigi ed è costretta a ritirarsi. Nella primavera del 1430 marcia su Compiègne per difenderla dagli anglo-borgognoni ma, durante una ricognizione, viene catturata e consegnata a Giovanni di Lussemburgo, che la cede come bottino di guerra agli Inglesi. Carlo VII non tenta neppure di liberarla.

Portata a Ruen davanti a un tribunale di ecclesiastici, dopo lunghi e snervanti interrogatori, all'alba del 30 maggio 1431 la Pulzella d'Orlèans è arsa viva per eresia e stregoneria. Nel 1456, quando Carlo VII rioccupa Rouen, Giovanna viene riabilitata.

Proclamata santa nel 1920 dal papa Benedetto XV, è anche patrona della Francia (festa: 30 maggio).

Simbolo dell’amore patriottico e dell’unità spirituale della Francia la sua figura ha ispirato opere letterarie (Shakespeare, Voltaire, Schiller, G.B. Shaw), cinematografiche (C. Th. Dreyer), musicali (oratorio di Claudel musicato da Honegger).









Libro degli ospiti

 
TORNA SU