Certosa di Santa Maria in Valle Pesio



Sorta nel periodo di massimo splendore del monachesimo medievale, la Certosa di Pesio venne fondata nel 1173 dal priore Ulderico, originario di Casale Monferrato e già confratello della Certosa madre di Grenoble, che ricevette in dono la parte alta della Valle del Pesio dalla popolazione di Chiusa e dai Signori di Morozzo.
Certosa di Pesio
La donazione venne fatta ufficialmente, come si legge dal documento, allo scopo di edificare un chiostro e una chiesa "in onorem Dei Sanctaeque Virginis Mariae et Sancti Joannis Baptistae" (per onorare Dio e la Santa Vergine Maria e San Giovanni Battista).
Certosa di Pesio
In realtà la realizzazione della certosa, oltre a soddisfare l’esigenza di guida spirituale, aveva anche altri scopi. Si era al termine della lunga e dura dominazione saracena e ciò corrispondeva al rifiorire di fede e pietà religiosa, che in quel momento vedeva negli istituti monastici luoghi ideali in cui la popolazione, oltre all’assistenza spirituale, trovava anche rifugio e assistenza. Inoltre la presenza nella vicina Certosa di Casotto, nella valle omonima sorta poco prima (1172), di un numero di monaci superiore ai 12 consentiti dalla primitiva regola, indusse quel Priore a promuovere un secondo insediamento poco lontano. Questo insieme di fattori concomitanti favorì dunque la costruzione della Certosa che, per sei secoli, concentrò in sé destino e vicende dalla Valle.
Certosa di Pesio
All’inizio i monaci si stabilirono sulla riva sinistra del Pesio dove costruirono una Correria, ovvero un complesso destinato ai membri laici del monastero, e solo qualche anno dopo, sulla sponda destra, sorse la chiesa dedicata alla Vergine Maria e a San Giovanni Battista, primo nucleo della Certosa. La Correria è un edificio a unl’unica aula con abside semicircolare, la cui parte bassa mantiene la muratura originale, con pietre a taglio netto e giunti stretti. Sopra a questo primo impianto si nota una successiva sopraelevazione i cui muri sono stati realizzati con malta, ciottoli e mattoni.
Per assicurare il sostentamento della comunità, le terre a disposizione dei monaci vennero fin da subito suddivise in piccole aziende agricole dette grange. Il sistema era molto efficiente e all’inizio i poderi vennero gestiti da Conversi e Donati.
Certosa di Pesio
Conversi erano chiamati i due laici che, con quattro chierici, furono i primi compagni di San Bruno, fondatore dell’Ordine. Tutti cercavano l’unione con Dio nella solitudine, ma secondo modalità diverse. Salvaguardando l’isolamento dei padri Certosini, i Conversi, che vivevano all’interno del "deserto", riuscivano così a proteggere anche la loro stessa solitudine.
Con l’andar del tempo ai conversi si aggiunse un altro gruppo, quello dei Donati. All’inizio erano semplici operai aggregati al monastero e tenuti solamente ad alcuni momenti di preghiera. In seguito però i Donati vestirono l’abito monacale, conducendo una vita simile a quella dei conversi senza tuttavia vincolarsi con voti ma "donandosi" al monastero con la promessa di servire Dio di tutto cuore.
All’inizio i valligiani appoggiarono l’insediamento della comunità religiosa, ma dopo qualche decennio i rapporti cominciarono a deteriorarsi e sfociarono in contrasti sempre più aspri. Come al solito i motivi furono di natura economica perché i chiusaschi si videro gradatamente privati di terre che avevano sfruttato da sempre per il taglio della legna, il pascolo, la pesca e la raccolta dei prodotti del sottobosco. Privilegi che, in periodi di unl’economia di pura sussistenza, potevano fomentare l’invidia, la bramosia, l’odio. Col tempo le scaramucce si moltiplicarono fino a trasformarsi in disordini che, nei casi più gravi, sfociarono in veri assalti alla Certosa con distruzioni e saccheggi. Violenze che indussero i padri ad abbandonare il complesso nel 1350 e a restarne lontano per più di cinquant"anni, fino all’inizio del XV secolo. Al loro ritorno i rapporti non migliorarono e continuarono a deteriorarsi finché, nel 1509, si verificarono nuovi disordini scatenati dalla disputa sui possedimenti dell’odierna località San Bartolomeo, al confine tra le proprietà certosine e quelle comunali di Chiusa Pesio. Gli scontri furono così violenti da costringere il duca di Savoia a inviare soldati e commissari per sedare la rivolta. Questi riportarono la calma (con numerose condanne a carico dei paesani) e restituirono al monaci il maltolto.
Certosa di Pesio
Da quel momento, però, pur rimanendo tesi i rapporti tra certosini e valligiani non arrivarono più allo scontro fisico, salvo un episodio accaduto nel 1655. In quell’anno un gruppo di bravacci della Chiusa " la cosiddetta "banda del Carnevale" " sfogò il proprio odio contro i monaci assaltando la Certosa e portando scompiglio tra le mura del convento. Tuttavia si trattò di un episodio isolato e non del culmine di una nuova fase di scontri fisici.
Nonostante i rapporti tesi, la Certosa era un complesso fiorente che nel 1635 monsignor Della Chiesa descriveva come "una delle più magnifiche che siano in Piemonte " e se la fabrica del Monasterio e di sua Chiesa consideriamo, è tale che essendo tutta cinta d’alte mura, vedendosi da lontano, appare un buon castello in cima a questa valle situato".
Ciò che non poterono i chiusaschi riuscì invece a Napoleone Buonaparte che, decretando l’abolizione degli ordini monastici e la confisca dei beni, costrinse i monaci ad abbandonare definitivamente la Certosa (3 marzo 1803). Da quel momento il complesso subì un veloce degrado dovuto a furti, danneggiamenti e all’asportazione degli arredi che vennero dispersi un po’ ovunque, come accadde per le campane d’argento oggi al Louvre di Parigi.
Dal 1840 a fine secolo la Certosa conobbe una breve rinascita. Acquistata dal cavaliere Giovanni Avena fu trasformata in complesso idroterapico, frequentato tra gli altri anche da Camillo Benso, conte di Cavour, Massimo d’Azeglio e Maria Clotilde di Savoia. Tuttavia, durante la Belle Epocque lo stabilimento non resse alla concorrenza dei nuovi e più mondani centri sparsi in tutta Italia e fu definitivamente abbandonato. Infine, dal 1934, i Padri Missionari della Consolata di Torino ne presero possesso dando vita a un centro spirituale ancor oggi assai frequentato.
Tra i numerosi personaggi storici legati alla Certosa, dallo stesso fondatore, padre Ulderico, al Beato Ambrogio de Feis, morto alla Certosa il 30 giugno 1540, un cenno a parte merita padre Antonio Le Cocq, nato ad Avigliana nel 1390 e ricordato per il libro delle profezie che scrisse. Un"opera importante per l’epoca tanto che nel 1494, ben 36 anni dopo la morte del frate, l’Imperatore Carlo VIII venne a consultarlo per conoscere i propri destini.
Nonostante le mille difficoltà incontrate, i certosini svolsero comunque un ruolo fondamentale per la vita dell’Alta Valle e non solo nell’ambito spirituale e culturale. Essi infatti contribuirono allo sviluppo dell’agricoltura e della pastorizia, organizzarono la rete viaria, a partire dall’attuale carrozzabile da San Bartolomeo, e furono gli artefici della nascita di nuovi borghi e comunità quali Pradeboni, Vigna e San Bartolomeo della Certosa. Determinante, infine, fu la loro opera di salvaguardia dell’importante patrimonio boschivo, oggi parte del Parco Naturale dell’Alta Valle Pesio e Tanaro, una delle aree gestite dall’Ente Parco del Marguareis.
La Certosa di Santa Maria, sepolta nel verde delle foreste di faggi e castagni che la circondano, nel suo isolamento montano regala al visitatore quella sensazione di solitudine che eleva lo spirito fino al contatto col sacro che i frati certosini ricercarono in quei luoghi. Il complesso, che compare quasi improvviso sulla destra orografica del Pesio, è ricco di elementi artistici e architettonici nonostante le spogliazioni subite nel corso dei secoli.
Chiesa inferiore della Certosa di Pesio
Chiesa inferiore

In primo luogo la facciata, col monumentale portale settecentesco e il porticato in stile barocco che lo sovrasta. Il complesso si compone poi di numerose costruzioni variamente articolate intorno al Grande Chiostro, di origine cinquecentesca e più volte rimaneggiato nel secoli successivi fino all’800. Aperto su un lato verso la montagna, lungo i 250 metri di porticato sorretto da colonnine in stile romanico si aprivano le celle dei monaci composte da unl’umile stanza, una piccola cantina e un orticello col pozzo. Dal Grande Chiostro si accede alla cappella del Priore, un piccolo locale con affreschi settecenteschi.
Chiesa superiore della Certosa di Pesio
Chiesa superiore della Certosa di Pesio
Chiesa superiore della Certosa di Pesio
Chiesa superiore della Certosa di Pesio
Chiesa superiore

Oltre al Piccolo Chiostro, primitiva costruzione della Certosa, si segnala poi la Chiesa superiore costruita a fine `500 su un preesistente edificio del 1175, che era un vero gioiello ricco di scanni intagliati, stucchi e pitture, molti dei quali andati perduti o trafugati. E ancora lo scalone d’ingresso, opera dell’architetto della Corte di Savoia Giovenale Boetto, oltre ai numerosi pregevoli affreschi che si trovano in diversi punti del complesso, alcuni dei quali sono opera di pittori famosi come Antonio Parentano e del fiammingo Jean Claret.

Accesso: La Certosa di Pesio si raggiunge da Cuneo con la statale n. 564 seguendo, all’altezza di Beinette, la deviazione per il Parco dell’Alta Valle Pesio. La Certosa si trova una decina di chilometri dopo l’abitato di Chiusa Pesio.
Dall’Autostrada A 6, Torino-Savona, si esce invece a Mondovì seguendo poi le indicazioni per Chiusa Pesio che dista circa 15 chilometri.
Orari di visita della Certosa: tutti i giorni 9 " 12 e 14,30 " 18. Tel. 0171/738123.

l’Ecomuseo dei Certosini in valle Pesio

l’Ecomuseo dei Certosini nella Valle Pesio è nato con l’intento di ripercorrere le tappe più importanti della presenza dei religiosi in valle e documentare la storia degli insediamenti, con unl’attenzione particolare all’ambiente e al rapporto con la comunità locale.
Oltre alla Certosa sono oggi visitabili altri tre punti significativi: la chiesa della Correria, di cui si è detto nel testo, la Grangia del Castellar e la Fornace per la calce della Roccarina.
I ruderi della Grangia del Castellar sorgono su un poggio raggiungibile a piedi in 15 minuti lungo una strada sterrata che si trova poco a monte dell’abitato di Chiusa Pesio. Alla fine dell’abitato, superata la sede del Parco naturale, si apre il parcheggio dove una bacheca fornisce le indicazioni per raggiungere i resti. Il complesso è stato recuperato dal Parco dell’Alta Valle Pesio e Tanaro ed è dotato di una grande piattaforma in legno che permette l’affaccio sulle strutture murarie della Grangia, sulla valle e sull’anfiteatro dell’ex cava. La Grangia, che anticamente aveva anche una cappella dedicata a Sant’Anna di cui non rimane traccia, venne edificata nel 1206 su un sito dove si erano insediati i monaci durante la costruzione della Certosa e quindi affidata a conversi e donati. Nel XVII secolo, quando le proprietà certosine divennero così grandi e importanti da rendere necessario l’aiuto di personale esterno, il Castellar venne gestito da mezzadri che avevano l’obbligo di tenere sempre aperta e transitabile la strada dalla cappella di Sant’Anna alla Certosa e " " a far sempre dormire una persona in detto ospizio che possa quello custodire e mai dar ricovero ad alcuno nel medesimo salvo i padri e i loro agenti".
Nel 1798, poco prima delle requisizioni napoleoniche, il Castellar veniva descritto come una "casa rustica con cortile, seccatoio, piccola casa per religiosi della Certosa e più in alto, su una montagnetta, le fornaci, la stalla e in piano un altro seccatoio, l’aia e l’orto", il tutto con una pertinenza di 74 giornate di terra (una "giornata" piemontese equivale a 3.810 metri quadrati ed è suddivisa in 100 tavole). Quattro anni dopo (1802) tutti i beni dei Certosini vennero venduti a privati e la Grangia del Castellar fu acquistata dal conte Francesco Giordana di Peveragno.
Poco oltre la Grangia del Castellar si incontrano i resti della cava di calce della Roccarina la cui coltivazione ha origini antiche. Ne parla infatti lo storico ottocentesco Botteri, il quale ricorda che "una non spregevole sorgente di ricchezza ebbe per secoli il villaggio nella calce eccellente che si cavava in abbondanza dalla pietra calcarea del colle presso Sant’Anna".
Per la verità, quella della Roccarina non era la sola cava e in zona esistevano numerosi piccoli forni che, degradando in più ordini, sfruttavano l’andamento naturale del pendio fino al torrente Pesio. Nel XVI secolo anche i Certosini tentarono di produrre calce nella zona della Roccarina e costruirono due fornaci ma la reazione degli abitanti del luogo, che ne temevano la concorrenza, indussero i monaci a rinunciare all’iniziativa.
Intorno al 1890 venne costruito un forno a fuoco continuo, capace di produrre più di 100 quintali di calce al giorno. Il forno era fra i più grandi e moderni dell’epoca e il materiale proveniva dai fianchi della Roccarina, scavati fino a lambire la Grangia del Castellar. La fornace, che rimase attiva fino al 1973, contava 3 bocche da fuoco chiuse con sportelli di ferro da dove si introduceva il legname e il carbone. La bocca centrale forniva calore alla parte prospiciente mentre quelle laterali, dotate di feritoie, riscaldavano la parte posteriore. Manovrando lunghe sbarre di ferro, ogni otto ore gli operai provocavano la fuoriuscita della calce che veniva raccolta nel vagoncino sottostante.


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 24.01.2020






TROVA SOLLIEVO INTERIORE
Con la Preghiera e la Pietra della Fede

Pietra della fede con incisa croce color oro


Tieni in mano la pietra fluviale naturale con incisa una Croce


Sacchettino e pietra della fede con incisa croce color oro

Benefici

- RIDUCE lo stress e l'ansia
- Aiuta a GESTIRE La rabbia.

La Croce è un promemoria quotidiano di Incoraggiamento.

La pietra fluviale è liscia al tatto

Sacchettino e pietra della fede con incisa croce color nero

Il numero di pietre della Fede con Croce incisa è limitato.

Acquista adesso la pietra della Fede su www.negoziodelsacro.com

CLICCA QUI


Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro ora.


 
TORNA SU