Itinerario in Piemonte: Sant'Ambrogio di Torino – Sacra di S. Michele

Itinerario in Piemonte: Sant'Ambrogio di Torino – Sacra di S. Michele

Pietre della Fede. Negozio www.negoziodelsacro.it

La Strada dei Pellegrini.

Si tratta dell’antica via che i pellegrini percorrevano dal fondovalle, per raggiungere la cima del Monte Pirchiriano, ove sorge il poderoso edificio della Sacra di San Michele.

Monte Pirchiriano con la Sacra di San Michele

Il percorso, nella sua prima parte, fino all’abitato di San Pietro è completamente lastricato e fiancheggiato da croci e piloni votivi.

Via dei Pellegrini per la Sacra di San Michele

Dalla cima del Pirchiriano, ovvero dalla terrazza cui si accede, dalla chiesa della Sacra, per la Porta dei Monaci, il panorama sulla bassa val Susa è grandioso.

Accesso: Dall’Autostrada A32 (Torino-Bardonecchia) si esce ad Avigliana per proseguire sulla S.S. 24 del Monginevro in direzione Susa per pochi Km, fino a giungere nel punto in cui la Statale lambisce l’abitato di S. Ambrogio di Torino. Nel paese si lascia l’auto (da Torino Km 31).
Dal centro di S. Ambrogio (353 m) si passa di fronte alla chiesa parrocchiale di San Giovanni Vincenzo, individuando poi una stradetta sulla sinistra (indicazioni Strada dei Pellegrini – EPT 502) che, passando tra le case, dopo aver lasciato sulla sinistra la cappelletta di San Rocco sale all’edificio medievale del Castello abbaziale, confluendo poi in una mulattiera selciata. Salendo a tornanti, l’ampia mulattiera, perfettamente lastricata con grosse pietre che un tempo permettevano la salita e la discesa dei sedili-slittoni con cui venivano trasportati i turisti, prende rapidamente quota offrendo belle visuali dell’abitato di Sant’Ambrogio,

abitato di Sant’Ambrogio

della bassa valle e del Monte Musiné.
Qui e là, lungo il tracciato, si incontrano le grandi croci in pietra che rappresentano le stazioni di una via crucis, cui ogni tanto si intercalano in successione: una fresca fontana edificata con il contributo del CAI-UGET Torino, un pilone votivo dedicato a San Michele e, più in alto, un punto di sosta coperto, con piccola fontanella.

Via dei Pellegrini per la Sacra di San Michele

Via dei Pellegrini per la Sacra di San Michele

Superata la Stazione n° XIV della via-crucis, l’ultima, si esce sulla strada che connette Avigliana con la Sacra di San Michele ed il Colle Braida, nei pressi delle poche case che costituiscono l’abitato di San Pietro (frazione di Sant’ambrogio) 790 m (ore 1 dalla partenza).
Di qui si continua passando tra le case, affrontando un tratto di sentiero scalinato che in breve porta, dopo aver lasciato a destra un ripido sentiero alternativo per la sacra (faticoso e meno curato), alla graziosa chiesetta di San Pietro. Superato l’edificio si entra in una stradetta ascendente, cementata, che porta in breve ad un’abitazione per poi tornare ad essere mulattiera in parte terrosa ed in parte lastricata. Seguendo questa in pochi minuti si giunge ad un bivio: a sinistra per il piazzale detto del Colle della Croce Nera 861 m, con ristorante, ove lasciano l’automezzo i turisti che salgono da Avigliana; a destra, invece, salendo un po’ più vigorosamente, si giunge sul piazzale in cui è sito il Sepolcro dei Monaci, rudere consolidato e restaurato di cui non è chiaro quale sia stata la funzione.

Sepolcro dei Monaci

Di qui all’ingresso dell’abbazia (962 m) in poche centinaia di metri.

Porta dei monaci

chiesa della Sacra di San Michele

Qualora si scegliesse di uscire sul Piazzale della Croce Nera, per stradetta asfaltata, in 5 min., volgendo a destra, si giunge al Sepolcro dei Monaci e di qui, come sopra.

Vai alla scheda di approfondimento sulla Sacra di San Michele: CLICCA QUI


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 31.03.2021




Porta SEMPRE CON TE
la Pietra della FEDE con Croce incisa


Pietra nera con croce incisa nella mano

SCOPRI DI PIÙ



Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro.


 
TORNA SU