Itinerario in Piemonte: Ornavasso – Santuario di Madonna del Boden lungo la via della fede

Itinerario in Piemonte: Ornavasso – Santuario di Madonna del Boden lungo la via della fede

Pietre della Fede. Negozio www.negoziodelsacro.it

Difficoltà: E
Dislivello: m 262
Tempo: ore 0.40

Sorto a seguito di un’apparizione cinquecentesca in cui la Madonna guidò verso casa una pastorella che si era smarrita dopo essere caduta in un dirupo, il santuario del Boden fu in origine una piccola cappella. Meta di frequenti pellegrinaggi, questa fu ampliata verso la metà del XVII sec. e venne a comprendere una sagrestia, un grande coro, le due cappelle laterali di S. Giulio e S. Bartolomeo ed un portico in facciata, utile ad offrire riparo, per quanto occasionale ed improvvisato, ai sempre più numerosi fedeli che convenivano al santuario.

Santuario Madonna del Boden - Esterno

Nel '700 e ancora ad inizio XIX sec., con altri ampliamenti vennero realizzate le due navate laterali e fu restaurato ed abbellito l'altare maggiore. In questo modo si giunse così all'edificio odierno, caratterizzato da una pianta a tre navi, separati dalla navata centrale da due arcate a 4 fornici, di cui i primi due si affacciano sul presbiterio, gli altri sullo spazio riservato ai fedeli.

Santuario Madonna del Boden - Interno

Altare del Santuario Madonna del Boden

La via sacra che conduce al santuario del Boden, alternativa ad una strada carrozzabile, è acciottolata e fiancheggiata da oratori votivi seicenteschi, ed è conosciuta come Via della fede. Data la sua fama il Boden fu anche uno tra i tanti Santuari à Repìt (cfr. pagina sul sito) delle Alpi occidentali, in cui si praticava il rito del ritorno in vita per i bimbi morti senza battesimo.
Accesso: Da Torino, il santuario del Boden si raggiunge per l'Autostrada A4 (Torino - Milano) fino allo svincolo per la A 26 (Genova - Gravellona). Qui si imbocca quest'ultima in direzione Gravellona e la si segue fino al Casello di Arona, continuando poi ancora sul tratto successivo che porta a Baveno ed all'imbocco della superstrada per il Sempione (E 62). Descritti alcuni Km su quest'ultima, presso Feriolo si volge a destra (indicazioni) ed in breve si giunge al grazioso centro di Mergozzo, affacciato sul lago omonimo e, subito dopo, ad Ornavasso.
Dal centro di Ornavasso 213 m, si sale fiancheggiando il torrente S. Carlo, raggiungendo la caratteristica Rotonda del Crocifisso (rudere di una cappella settecentesca)

Rotonda del Crocifisso

l’antico cimitero e, poco dopo, la fastosa parrocchiale di S. Nicolao.
Abbandonata la strada (bellissimo edificio affrescato sulla sinistra), a questo punto si entra in una mulattiera lastricata (Indicazione “Via Crucis del Boden”), che salendo vigorosamente, incontra dapprima un piccolo oratorio dedicato a S. Antonio, quindi prosegue nel fitto del bosco, fiancheggiata, sulla destra, da innumerevoli cappelle affrescate con riprodotte le scene della Passione di Cristo o, talora, immagini di santi.

Cappella sulla Via Crucis del Boden

Cappella sulla Via Crucis del Boden

Giunta sulla strada asfaltata che sale da Ornavasso al Santuario del Boden 475 m, la mulattiera si esaurisce in prossimità di una scala in pietra che, in una sola breve rampa, mette sul piazzale erboso del santuario (ore 0.40 dalla partenza).
La discesa può essere effettuata lungo la strada asfaltata, che con alcuni tornanti porta, dapprima alla deviazione per l’antica cava di marmo e le postazioni della linea Cadorna, quindi al piazzale del santuario di Madonna della Guardia, caratterizzato dalla presenza di una bella torre medievale.

santuario di Madonna della Guardia

torre medievale santuario Madonna della Guardia.jpg

Di qui, in pochi minuti, si fa ritorno al centro del paese.


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 31.03.2021




Porta SEMPRE CON TE
la Pietra della FEDE con Croce incisa


Pietra nera con croce incisa nella mano

SCOPRI DI PIÙ



Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro.


 
TORNA SU