Chiesa Cristiana Evangelica dei Fratelli

Le sedi delle chiese pentecostali a Torino

  • Via Polonghera 42
  • Via Aquila 26/D
  • Via Viverone 6,

L'unica e insostituibile autorità in materia di fede e di etica per i "Fratelli" è la Bibbia, quale Parola di Dio. Per questo essi rifiutano tutte quelle dottrine che sono state formulate nel corso dei secoli e che sono in contrasto con l'insegnamento biblico.
I "Fratelli" si identificano con tutti coloro che in ogni tempo hanno messo in pratica l'insegnamento della Scrittura nella sua purezza e semplicità. Essi riconoscono come Capo della Chiesa solo Gesù Cristo e la vita dei singoli membri si basa sui principi del Suo insegnamento (cfr. 1 lettera di Giovanni 2:3-6).Le "Chiese dei Fratelli" sono:1. chiese evangeliche, perché accettano l'autorità della Scrittura e si collegano a quel filone di testimoni e di martiri che in tutti i tempi hanno voluto onorare la Parola di Dio;2. chiese che pongono l'accento sulla necessità della conversione individuale e sull'impegno di una vita cristiana coerente e personale (cfr. Giovanni 3:3-5);3. chiese che, in accordo con la Bibbia, mettono in evidenza che Dio ci salva per grazia tramite la fede in Cristo, unico mediatore, e non per mezzo di riti o meriti che possiamo avere (cfr. Giovanni 14:6; Efesini 2:8,9; Romani 3:23,24; 1 Timoteo 2:5; ecc.);4. chiese libere, in quanto si reggono indipendentemente dallo Stato (non aderiscono alla distribuzione dell'8 x mille) e senza la necessità di una struttura centralizzata, anche se sono incoraggiate le attività comuni e gli scambi tra chiese locali.La conduzione della chiesa locale è affidata ad "Anziani". Alcuni di questi svolgono la loro attività a tempo pieno per la chiesa, mentre altri la esercitano accanto ad una professione secolare.
Le "Chiese dei Fratelli" hanno un loro periodico mensile nazionale, "Il Cristiano", che è il giornale evangelico più antico in Italia, fondato nel 1888 e pubblicato ad Arezzo per molti anni. È tuttora in piena attività, con la redazione ad Anghiari (AR).







Libro degli ospiti

 
TORNA SU