Santuario Beata Vergine del Trompone (Moncrivello)

Facciata Santuario Trompone
Trompone è la versione italianizzata del termine dialettale "tronco", su cui la Madonna sarebbe apparsa.
Secondo la leggenda, nel 1559 la Madonna sarebbe apparsa su un ramo di un olmo a una donna muta ordinandole di costruire un santuario in suo onore in quel luogo.
Il santuario venne eretto tra l'anno 1559 e l'anno 1562 per interessamento della comunità di Moncrivello e in particolare del feudatario locale, Cesare Maggio.
Accanto alla chiesa, sorsero un chiostro e una casa religiosa affidata ai Cappuccini (1627-1802) i quali, a causa delle soppressioni degli ordini religiosi, furono costretti a lasciare il santuario nel 1802. Solo nel 1827 vennero sostituiti dai Cistercensi.
Con l'allontanamento dei Cistercensi nel 1866, il santuario rimase chiuso fino al 1881, quando fu riaperto al culto e affidato al clero diocesano che trasformò il chiostro e la casa religiosa in seminario.

Il santuario è una chiesa a tre navate di cinque archi sostenute da piccole colonne di pietra.
Vengono edificate quattordici cappelle della Via Crucis, distrutte nel 1886.
Nel 1890 viene decorata la facciata in stile neoclassico sotto cui sorge un piccolo atrio a cinque archi.

Nella cupola si possono ammirare gli affreschi, attribuiti a Gaudenzio Ferrari, rappresentanti l'incoronazione della Vergine.

Festività principale: 8 settembre; 21 settembre
Coincidenza liturgica: Natività di Maria Vergine; San Matteo

Fino alla fine del XIX secolo è attestata la consuetudine di celebrare la Via Crucis nei venerdì e nelle domeniche di quaresima; per questo vennero realizzate quattordici croci (poi sostituite da cappelle) all'esterno del santuario; le cappelle vennero distrutte nel 1886.

Santuario trompone Grotta di Lourdes al Trompone Madonna del Trompone Affresco Santuario del Trompone Organo del Trompone Addolorata e S. Giovanni

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it







Libro degli ospiti

 
TORNA SU