Santuario Beata Panacea al Monte (Quarona)

Variazione del nome: Beata al Monte

Edificio isolato; non raggiungibile con mezzi di trasporto; la costruzione sorge a venti minuti circa di cammino dall'abitato, a breve distanza dalla chiesa di San Giovanni al Monte, antica parrocchiale di Quarona.
Il santuario risale al XV secolo: secondo la tradizione, non avvalorata da documenti scritti, l'anno di fondazione è il 1409. Tuttavia il primo documento scritto risale al 14 ottobre 1540.
Panacea (Beta Panaxia, volgarizzato in Panasia e poi Panacea), quindicenne pastorella di Quarona, fu uccisa a colpi di rocca e fusi dalla matrigna sul Monte Tucri, per aver disatteso alla cura del gregge essendo assorta in preghiera (maggio 1383, primo venerdì del mese). Il santuario fu edificato sul luogo del martirio.

Oggetto del culto è il sasso sporco del sangue del martirio della beata Panacea.

Cronologia eventi:
1409: fondazione, secondo la tradizione, del santuario.
1540: anno della più antica attestazione scritta.
1 gennaio 1632: passaggio del santuario dalla parrocchia di San Giovanni alla parrocchia di Sant'Antonio Abate di Quarona.
1663: ampliamento della prima costruzione secondo le forme del barocco valsesiano, provocando la distruzione degli affreschi quattrocenteschi con scene della vita della Beata (1594).
1763: ciclo di affreschi del pittore Lorenzo Peracino sulle pareti della volta.
Nel Settecento, lungo il percorso dall'antica parrocchiale di San Giovanni al Monte all'oratorio, fu edificata una serie di cappelle con affreschi illustranti la vita e la morte della beata Panacea; gli affreschi, deterioratisi, vennero rifatti dal pittore Ermanno Zamboni (1975). Le raffigurazioni sono di una rustica semplicità, attente all'iconografia tradizionale della beata.
Attualmente la chiesa è a navata unica, absidata, coperta da volta. All'esterno, in facciata, un ampio portico a nartece sostiene due vani adibiti all'accoglienza del clero.

Festività principale: Ultima domenica di maggio
Messa e processione annuale degli abitanti di Ghemme l'ultima domenica di maggio; pranzo con accompagnamento musicale della banda locale.

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it







LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti



Libro degli ospiti

 
TORNA SU