Santuario Madonna del Sangue in Val Vigezzo - Re

Santuario Della Madonna Del Sangue - panoramio
Il santuario è situato nella valle Vigezzo orientale, in provincia di Verbania a 7 chilometri dal confine con la Svizzera (Canton Ticino), a 116 Km. di distanza da Novara.
L'antica dedicazione della chiesa era San Maurizio. Dopo il miracolo dell'effusione di sangue, avvenuta nel 1494 sopra un affresco raffigurante una Madonna del Latte, l'antica dedicazione fu sostituita lentamente da quella di Madonna del Sangue.

Oggetto del culto:
Affresco della Madonna che allatta il Bambino, da cui nel 1494 scaturì miracolosamente del sangue. La Madonna è rappresentata nella sua funzione di madre-nutrice del Figlio di Dio, nella mano destra tiene tre rose, il "fiore delle vergini" e il simbolo del rosario. Ai piedi dell'immagine un cartiglio annuncia il significato teologico della missione di Maria: "In gremio Matris sedet sapientia Patris". L'affresco, che in origine si trovava sulla facciata dell'antica parrocchia di San Maurizio a Re, non è firmato né datato, tuttavia sembrerebbe collocabile tra il XIII e il XIV secolo. Sebbene il miracolo del sanguinamento dell'immagine della Madonna sia avvenuto nel 1494, per cento anni non fu possibile edificare il santuario ("il maestoso tempio di cui si parla dei documenti comprovanti l'autenticità del miracolo) a causa delle guerre e delle calamità che colpirono a più riprese la zona.
Solo nel 1596 monsignor Bescapè, vescovo di Novara, nella sua prima visita pastorale, dà un impulso decisivo al culto della Madonna del Sangue. Decreta delle disposizioni severe relative alla custodia dell'immagine e delle reliquie del sangue; con una lettera invita i vicari foranei della diocesi a far conoscere e venerare la Madonna di Re; e sollecita la costruzione di un tempio degno del miracolo.
Il santuario della Madonna del Sangue venne riedificato sull'antica parrocchiale di San Maurizio dove già era custodita l'immagine miracolosa.
Tra il 1922 e il 1958 fu costruito un nuovo santuario che inglobò l'edificio precedente (una chiesa a tre navate con cupola su presbiterio in stile gotico-bizantino con cripta e campanile). L'attuale costruzione si presenta nella forma di due chiese intersecate tra di loro: la chiesa seicentesca è orientata da est a ovest, l'altra si espande dall'altare centrale verso sud. La facciata antica è posta ad ovest, mentre la facciata recente guarda a est. Una cupola centrale (alta 51 m.) si innalza su un tamburo quadrato alla base, circolare alla sommità. La costruzione novecentesca è stata realizzata in granito locale grigio.

Altri elementi notevoli nell'edificio del Santuario:
- Affreschi di Lorenzo Peretti (1774-1851):
- Vetrate e altare in marmo bianco di padre Costantino Ruggieri (1900).
- Via Crucis (1960) a smalto su rame.
- Cinque mosaici nelle lunette del portale (1960).

Festività principale: 29 aprile (Madonna di Re); seconda domenica di ottobre (festa dei bambini)

Il 29 aprile vengono portati in processione i panni intrisi del sangue della Madonna. Si va in pellegrinaggio a piedi da Domodossola fino al santuario. Viene portato in processione anche un cuore d'oro realizzato come ex voto nell'Ottocento dalla fusione di oggetti d'oro offerti in dono alla Madonna.

Re Chiesa 086ReSantuario 084ReSantuario 082ReSantuario 090ReSantuario 091ReSantuario 093ReSantuario 092ReSantuario Re Chiesa inside Re Wallfahrtskirche innen Re Wallfahrtskirche Kerzen Re Wallfahrtskirche Kreuz Innen

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it







Libro degli ospiti

 
TORNA SU