Santuario di San Besso - Valprato Soana (TO)

Santuario di San Besso - Valprato Soana (TO))



Accesso: Campiglia si raggiunge, da Torino, attraverso la direttrice Pont Canavese (ss. 460) " Ronco " Pianprato " Valprato Soana (Provinciale della val Soana).
Valprato Soana
Valprato Soana

A Valprato, volgendo a sinistra ed abbandonando la provinciale, si giunge alla frazione Campiglia (Km 68 da Torino). Da Campiglia il santuario può solo essere raggiunto a piedi, lungo il fondovalle dapprima ed il sentiero E.P.T. 626 diretto al Colle della Borra e discendente a Pianprato Soana, posto nell’altra diramazione di valle. Pianprato Soana
Pianprato Soana

Il percorso richiede circa 2 ore di cammino, durante le quali si vince un dislivello di 669 m. Come da Campiglia il santuario può essere raggiunto, con un tempo di marcia più lungo, da Pianprato, attraverso il sentiero che porta ovviamente in senso inverso) al Colle della Borra e poi scende alla piccola chiesa.
Santuario di San Besso 1
Santuario di San Besso

Il santuario di S. Besso è una piccola chiesa alpina (aperta solo in occasione delle 2 feste che vi si svolgono) che, se certamente non si rivela significativa dal punto di vista architettonico o artistico, si rivela un luogo interesse paesaggistico veramente spettacolare. Essa, infatti si trova a 2019 m di quota, incastrata al di sotto di una immensa sporgenza rocciosa denominata M.te Fantonio (o Fautenio), in cima alla quale oggi sorge un piccolo oratorio. Santuario di San Besso 2
Santuario di San Besso

Secondo la leggenda, proprio da questa rupe il santo titolare, scampato al martirio della Legione Tebea, avvenuto ad Ingaunum, in Svizzera, nel 481, giunto in val Soana per predicare ed evangelizzare, sarebbe stato scaraventato dai legionari del governatore romano. Statua di San Besso
Statua di San Besso

Cima della rupe
Cima della rupe

In realtà, riguardo la vita di questo santo esistono anche altre 2 ipotesi che lo vogliono rispettivamente vescovo della vicina città di Ivrea nel VII sec ed eremita e taumaturgo vissuto sul luogo ove oggi sorge il santuario, più o meno nello stesso periodo.
Nella cattedrale della medesima città, in effetti, oggi sono visibili una pala d'altare settecentesca, che raffigura il santo nelle vesti di legionario e, nella cripta, un sarcofago in pietra, nel quale si dice fossero conservate le sue spoglie, dopo la traslazione dalla val Soana avvenuta in età arduinica (X sec.). Cripta nella cattedrale di Ivrea, contenente il sarcofago di San Besso
Cripta nella cattedrale di Ivrea, contenente il sarcofago di San Besso

Le due feste del santuario, si tengono annualmente il 10 agosto (festa titolare) e (quando la neve non lo impedisce) l’1 dicembre ed in entrambi i casi sono animate da una suggestiva processione in cui viene portata a spalle la statua del Santo, conservata all’interno del santuario. Un tempo il diritto di portare la statua del santo in processione, fu a lungo conteso, con interminabili liti, tra Cognensi e Campigliesi, oggi è assegnata mediante bando. Il culto del Santo, venerato tanto nel Canavese quanto nella vicina valle aostana di Cogne, richiama sul luogo ogni anno molte persone provenienti dalle due vallate, spesso con il costume della valle, attraverso le montagne; queste feste, dunque, vedono sempre un gran concorso di pubblico. Il piccolo santuario, edificato nel XVII sec. e restaurato a metà '800 ad a fine '900, presenta i caratteri tipici dell’architettura alpina, con copertura in lastre d'ardesia, ampio protiro sulla facciata, per offrire occasionale riparo ai viandanti, struttura in pietra da concio. Santuario di San Besso 3
Santuario di San Besso

Attiguo al santuario, un grande edificio a tre piani ove è possibile, previa richiesta (magari visitando il sito del Comune di Valprato Soana), pernottare e cucinare. La struttura, infatti costituisce un piccolo rifugio, recentemente rinnovato ed è intitolato a Giovanni Bausano.
All’interno il santuario non conserva nulla di particolarmente pregevole dal punto di vista artistico: una pala d'altare settecentesca, alcuni ex voto ed arredi lignei sul vecchio altare, oggi soppiantato da una cattedra in legno. Lignea anche la statua del santo in abiti da legionario, collocata sul lato destro della chiesa.


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo.





Macrolibrarsi


LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online


Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro ora.


 
TORNA SU