Santuario Madonna di Prascondù - RIBORDONE (TO)

Santuario prascondù 01
Madonna di Prascondù
RIBORDONE (TO) - Prascundù

Il santuario sorge in luogo ameno e panoramico, piuttosto isolato dal centro abitato, tra boschi e folta vegetazione.

Oggetti del culto
Statua lignea della Vergine, esemplata sul modello della Madonna di Loreto
Entrata in uso: tra l'anno 1621 e l'anno 1654

Note sulle peculiarità funzionali e cultuali:
Nel 1619 la Madonna sarebbe apparsa ad un giovane muto, invitandolo a convincere il padre a votarsi a Lei e a compiere un pellegrinaggio a Loreto, e a incitare la popolazione di Ribordone a edificare un santuario in suo onore.

Il primo nucleo del santuario, costruito nella prima metà del XVII secolo (tra l'anno 1619 e l'anno 1654), venne parzialmente distrutto da una valanga di neve. Successivamente il santuario venne riedificato e ingrandito.

Altri eventi e dati cronologici rilevanti
Il santuario nacque per celebrare il prodigio occorso ad un giovane muto che ricuperò l'uso della parola. La chiesa venne consacrata nel 1654 e nel tempo subì ampliamenti (specialmente nel secolo XIX).

Tipologia Architettonica
Tra l'anno 1800 e l'anno 1899: nel corso del XIX secolo il santuario venne ingrandito e abbellito.

Tipologie Architettoniche precedenti
Piccola cappella

Altri elementi notevoli nell'edificio del Santuario:
Altare maggiore in marmo e numerose icone

Frequenza dei pellegrinaggi
Frequenza: Festa principale annuale
Festività principale: 27 agosto

Note sulle raccolte di miracoli:
E' conservato la memoria dell'apparizione della Vergine del 1619 in un il processo testimoniale.

Note sulle pratiche rituali particolari:
Processioni dai paesi vicini il giorno della festa.

Santuario prascondù 03 Santuario prascondù 02

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it







LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti



Libro degli ospiti

 
TORNA SU