Santuario Madonna di Loreto - GROSCAVALLO (TO)

Santuario Madonna di Loreto - GROSCAVALLO (TO)



Accesso: Da Torino si raggiunge attraverso la direttrice Venaria ??? Lanzo ??? Germagnano ??? Pessinetto. Lasciato a destra il bivio per la val Grande, si continua in direzione di Ceres, e, senza raggiungere il paese, si devia ancora a destra proseguendo per Cantoira, primo paese significativo della val Grande. Di qui, passando per Chialamberto e Groscavallo, in circa 15 Km si raggiunge Forno Alpi Graie. Il santuario è posizionato fuori dal paese e pu?? essere raggiunto, nel suo ultimo tratto, solo a piedi, mediante una lunga scalinata di 444 gradini che un tempo molti pellegrini salivano inginocchiati, o per una stradetta pedonale (Km 75 complessivi).
Santuario Madonna di Loreto a Groscavallo

Santuario Madonna di Loreto a Groscavallo - Scala santa negli anni 50
Scala santa negli anni 50

Collocato tra i boschi, a ridosso di un costone montuoso, il santuario sorse a seguito di una apparizione mariana, avvenuta negli anni della grande epidemia seicentesca di peste (e raccontata in riquadro), in sostituzione di una piccola edicola eretta dal valligiano cui la Madonna era apparsa: Pietro Garino.
La cappella che costui aveva fatto costruire a sue spese nel 1630, infatti, risult?? ben presto insufficiente per la grande e continua affluenza di pellegrini che volevano recarsi sul luogo del miracolo. Nel 1757, allora, si inizi?? a costruire il santuario oggi esistente, progettato dagli ingegneri luganesi Francesco Brilli e Giovanni Battista Gagliardi, che fu terminato solo nel 1869 da Luigi Baretta, realizzatore della facciata. Nel 1940, infine, vi fu aggiunta la casa del pellegrino, per dare ospitalità (data la disagevole raggiungibilità del luogo) alle persone ed ai gruppi che si recavano sul luogo.
La grande affluenza di pellegrini, fin dai primi anni della sua fondazione, ha fatto sì che la chiesa possa disporre oggi di un immenso patrimonio di quadri votivi ed ex voto (per lo più appesi alle pareti), i più antichi dei quali risalgono al XVIII sec. In essi la Madonna viene raffigurata principalmente come la Vergine di Loreto ma anche come Ausiliatrice, Addolorata o come la Consolata di Torino.
Santuario Madonna di Loreto a Groscavallo - Ex-voto

Santuario Madonna di Loreto a Groscavallo - Ex-voto
Attentato al giudice di Ceres Vittorio Badini Confalonieri 1835

Esternamente il complesso, assai massiccio, si presenta nella struttura classica che caratterizza gli edifici religiosi della montagna piemontese del '700, con facciata suddivisa verticalmente, portale sormontato da piccola ghimberga. Il campanile, appoggiato sul lato destro è basso, lineare e non fondato a terra, bensì sulla struttura stessa.
Santuario Madonna di Loreto a Groscavallo

All’interno, da segnalare, oltre le già citate 300 tavolette votive, l’altar maggiore in avorio e noce indica, che reca al centro (tronetto) la statua lignea della Madonna nera con Bambino. Questa statua, purtroppo recente, è stata scolpita dall’intagliatore Raimondo Santifaller di Ortisei, in sostituzione della raffigurazione originale della Madonna Nera, rubata nel 1977.
L’altare, dopo lunghe ricerche, è stato recentemente (2016) attribuito dall’ebanista sabaudo Luigi Prinotto. Commissionato all’artigiano reale nel 1723, era in origine destinato alla cattedrale di S. Eusebio a Vercelli, ove avrebbe dovuto ornare la cappella dedicata al beato Amedeo di Savoia. Tuttavia, in seguito a contrasti tra i canonici della cattedrale vercellese, l’altare finì alla Reggia di Veneria, nella sacrestia della Chiesa di S. Uberto. Ad inizio `800 per?? (data presunta) fu trasferito a Groscavallo ove i primi documenti che ne attestano la presenza, risalgono agli anni ’40 di quel secolo.
Santuario Madonna di Loreto a Groscavallo - Inerno

La leggenda della fondazione del santuario di Groscavallo


Per quanto posti a discreta distanza tra di loro, questo santuario ed il M.te Rocciamelone, massima elevazione tra le valli si Susa e di Viù, hanno tra loro un forte legame.
La sua storia infatti, ha inizio nel 1629 quando il torinese Pietro Garino ed altri due suoi compagni, ascesero in pellegrinaggio il M.te Rocciamelone, ove sorgeva una chiesetta fatta erigere da Bonifacio Rotario d'Asti che, nel lontano 1358, aveva salito quella montagna allo scopo di sciogliere un voto. Il voto di Rotario riguardava la sua guarigione dalla terribile peste nera del 1348 ed allo stesso modo, il Garino, stava salendo il monte per chiedere alla Madonna, cui la montagna era intitolata, la grazia di scampare dalla terribile epidemia di peste (rossa) che proprio in quegli anni stava cominciando a serpeggiare in Europa. Giunti alla cappella che custodiva l’icona della Vergine, portata da Rotario, il famoso Trittico del Rocciamelone oggi conservato al Museo diocesano di Susa, i tre rinvennero due quadretti raffiguranti la Vergine di Loreto e San Carlo Borromeo. Dal momento che i quadri risultavano deteriorati per le intemperie, in quanto erano stati trovati all’aperto, Garino pens?? di portarli a Torino e restaurarli, per poi riportarli sul Rocciamelone l’anno successivo. Così in effetti accadde: l’uomo, torinese originario di Forno Alpi Graie, torn?? nella sua città ed affid?? ad un pittore i due quadretti. Nel 1630 la peste dilag?? anche in Piemonte e Garino, preoccupato per la salute sua e dei famigliari, cerc?? scampo nel suo luogo d'origine, a Forno. Un giorno, per?? si ricord?? dei quadretti e torn?? a prenderli a Torino e, tornatone in possesso, li mise in una cassapanca, in attesa di riportarli ove li aveva presi.
Un giorno di settembre si rec?? a raccogliere foglie secche per la lettiera delle vacche nel vicino vallone di Sea, proprio dove oggi sorge il santuario e guardando in alto, vide i suoi due quadretti sui rami di un albero. Si inginocchi??, inizi?? a pregare e subito, su di un sasso, gli apparve la Vergine, tra due donne, che gli raccomand?? di essere più timorato di Dio e soprattutto di far sì che anche i suoi compaesani lo fossero. In questo modo ella avrebbe potuto far rifluire l’epidemia che stava infuriando. Non creduto dal parroco don Teppati e dai compaesani, Garino chiese al sacerdote di celebrare una messa sul luogo dell’apparizione, promettendogli che avrebbe portato i quadretti. Tornato a casa not?? che erano nuovamente scomparsi, ma nel frattempo erano stati notati da qualcuno sulla rocca dell’apparizione della Madonna. A quel punto la gente credette e spontaneamente form?? un corteo processionale diretto al luogo in cui i quadri erano stati ritrovati. Il giorno seguente Garino rilasci?? una dichiarazione di tutti gli eventi davanti a 22 testimoni di Groscavallo e al notaio di Monastero che stese l’atto pubblico. Quello stesso anno Pietro Garino fece costruire sul luogo una piccola cappella per conservare i quadri che si trovano ancora oggi al santuario, che in seguito fu innalzato, conservati in un apposito reliquario.


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo.





Macrolibrarsi


LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online


Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro ora.


 
TORNA SU