Santuario Madonna degli Olmetti (Lemie)

Presso a Lemie (Valle di Viù) il Santuario della Madonna degli Olmetti, in origine non è che un semplice pilone, costruito su di una roccia della sponda scoscesa del fiume. è dipinto su tre lati: sul lato maggiore, che guarda verso la strada, è dipinta una bella immagine della Madonna, seduta sulle nubi, con in capo una corona ed aureola di stelle; tiene con la destra il Bambino appoggiato al grembo, la sinistra sul petto in atteggiamento di devozione; agli angoli superiori si vedono due teste di angeli.

Un giorno del 1701, tal Gian Bartolomeo Bovero di Castagnole, frazione di Germagnano, sta vagando lungo il fiume in cerca di qualche pesce per far fronte alle cure del figlio e di una figlia, entrambi gravemente infermi, quando alza lo sguardo, i suoi occhi si posano sull’Immagine della Madonna posta in alto sul pilone. Gli viene spontaneo presentare alla Madonna la pena che gli opprime il cuore e chiedere a Lei aiuto e conforto. Madre amorosa, guarisci i miei figli!

A sera, sull’imbrunire, tornando a casa si vede con grande meraviglia venirgli incontro festanti proprio i due figli, guariti. Non ha parole per ringraziare la Vergine, e il 14 novembre 1738 depone la propria testimonianza davanti al notaio Coatto di Viù che stende il relativo rogito.

La fama del miracolo si diffonde, cresce il concorso della gente che si rivolge alla Madonna di quel Pilone ed ottiene numerose grazie. Fu presto costruita una chiesetta che, benché di modeste dimensioni, è già ricordata nelle memorie del 1721, e che, di tempo in tempo, va ingrandendosi fino alla consistenza dell’attuale edificio che risale al 1848. Numerosi sono gli Ex-voto che attestano grazie ricevute, le più disparate, molti dei quali purtroppo sono stati, negli anni, trafugati. I più antichi risalgono al 1716-1718 ed attestano così la devozione alla Madonna fin da quei lontani anni.

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it







Libro degli ospiti

 
TORNA SU