Santuario San Fiorenzio (Bastia Mondovì)

Il santuario sorgeva in prossimità del cimitero, in aperta campagna, lungo la strada che porta a Cigliè.

Il santuario custodiva, secondo la tradizione nell'altare della prima cappella, le spoglie del martire Fiorenzo. Sorse come cappella cimiteriale tra l'XI e il XII secolo. Nei primi decenni del XV secolo, la famiglia Torre fece ampliare la chiesa ed eseguire il ciclo pittorico. Nel XVIII secolo, quando la devozione per il santo si era ridotta e il santuario versava in stato di abbandono, il parroco di Bastia, G.B. Quaglia, si impegnò a rinvigorire il culto di Fiorenzo e a ristrutturarne il santuario. Vennero trovate le reliquie del santo e fu pubblicata una sua biografia. A questo punto iniziarono i lavori di ampliamento e restauro della chiesa, conclusisi nel corso dell'Ottocento. Il culto tornò a essere vivo e il santuario assai frequentato. Dal secondo dopoguerra la chiesa andò progressivamente perdendo la sua funzione santuariale, oggi del tutto scomparsa.

Secondo una tradizione locale Fiorenzo sarebbe stato martirizzato dai saraceni; secondo un'altra tradizione Fiorenzo sarebbe invece un milite tebeo martirizzato nel III secolo.

Altre notizie sulla struttura
La cappella è celebre per gli affreschi interni, risalenti al XV secolo, in stile tardo gotico di derivazione provenzale. Si tratta di cinquantuno riquadri incorniciati da belle grottesche dedicati alle storie di san Fiorenzo, di san Martino e sant'Antonio, alla vita e passione di Cristo, al Paradiso e all'Inferno. Fra gli artisti che lavorarono alla loro realizzazione figura Giovanni Mazzucco. Altrettanto suggestivi sono i riquadri con i beati, la cavalcata dei vizi, gli angeli musici, il drago e i beati. Gli affreschi recano la data 24 giugno 1472.

Attualmente la chiesa è chiusa al culto, però è visitabile da maggio a ottobre.

Note sulle pratiche rituali particolari:
Tradizione di recitare la novena girando attorno alla cappella.

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it







LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti



Libro degli ospiti

 
TORNA SU