Madonna degli Angeli a Frassino (Valle Varaita)



Accesso: Frassino, paese della bassa val Varaita, si raggiunge, da Torino, attraverso la direttrice Saluzzo - Verzuolo e di qui, lungo la S.P. 8, per gli abitati di Piasco, Venasca, Brossasco e Melle. Oltre questo abitato, posto a lato della strada di fondovalle, si entra in Frassino. Il santuario si trova oltre il concentrico, in corrispondenza della centrale idroelettrica e di un grande pilone votivo ottocentesco. Qui, sulla destra, trae origine una ripida stradetta asfaltata (indicazioni per il santuario), che in 300 m mette al piazzale del luogo di culto, immerso nel fitto del castagneto (Km 88 da Torino).
Santuario Madonna degli Angeli a Frassino

Il santuario di Frassino, dedicato alla Madonna degli Angeli, sorge solitario a 780 metri di quota, nella media val Varaita in Comune di Frassino, su un ampio pianoro boschivo. La struttura è posta, circa 100 m al di sopra della strada di fondovalle, lungo unl’antica via di transito medievale diretta a Sampeyre che nel XVIII secolo, ampliata, acquisì una discreta importanza sul piano commerciale. Il luogo di culto, come la Madonna del Bel Fò ad Oncino e l’oratorio di S. Caterina al Colle di Gilba, si trovava sull’itinerario che i pellegrini seguivano, dal saluzzese, per raggiungere il santuario della Madonna Nera di Becetto, frazione alta di Sampeyre.
Santuario Madonna degli Angeli a Frassino
l’edificio evidenzia oggi una struttura assai complessa, derivante probabilmente dall’aggregazione di alcuni fabbricati costruiti in epoche diverse. Il più antico, tutt"oggi un oratorio settecentesco annesso lateralmente al corpo del santuario, è probabilmente quello che sorge in luogo del più antico tempietto citato in una relazione pastorale del 1643, ove il vescovo saluzzese mons. Dalla Chiesa parla di una cappella, da poco restaurata, recante la stessa intitolazione di Madonna degli Angeli, collocata lungo la via che collega Sampeyre a Frassino. Questo edificio, è oggi coperto da un tetto a capanna, sostenuto da due grandi colonne a sezione circolare, che formano un piccolo protiro antistante la facciata secondaria, nella struttura classica di molti luoghi di culto (cappelle soprattutto) della montagna saluzzese e cuneese. Santuario Madonna degli Angeli a Frassino

Sopra il portale di ingresso un affresco di metà "700 raffigura la Vergine che, salendo al cielo circondata da angeli, lascia a terra il sepolcro vuoto cosparso di fiori ed alcuni astanti che osservano attoniti la scena. La raffigurazione, di estrema semplicità, è certamente opera di uno dei tanti pittori girovaghi che tra XVIII e XIX secolo visitavano le borgate delle valli del cuneese, con la speranza di essere chiamati a realizzare affreschi sulle case dei contadini (le famose Mistà), sui piloni votivi o sulle chiese. Non si può neppure escludere possa trattarsi di unl’opera giovanile di Giors Boneto, il più famoso tra questi pittori, nato a metà "700 a Paesana.
Santuario Madonna degli Angeli a Frassino

l’ingresso principale alla chiesa, tuttavia, non è quello qui descritto. Esso si trova sulla destra, caratterizzato da un vasto sagrato in erba e preceduto da un ampio porticato poggiante su 4 colonne a sezione quadrilatera e ad arco ribassato.
Santuario Madonna degli Angeli a Frassino

Questa parte corrisponde ad un ampliamento ottocentesco, successivo dunque rispetto la relazione pastorale del 1643 e sta a testimoniare l’importanza che il luogo assunse nel tempo lungo i percorsi di fede del Saluzzese. l’odierno santuario, in ogni caso, fu edificato tra il 1854 ed i 1860 ed alla sua realizzazione lavorarono: il maestro Stefano Cornaglia (ex Sindaco di Frassino) e gli stuccatori Borgna e Giacone di Martiniana Po. Il pittore Giovanni Borgna, anch"egli di Martiniana, nel 1879 realizzò i raffinati affreschi visibili all’interno della chiesa, così come al medesimo sono attribuite le pitture murali che ornano il bel pilone quadrilatero posto all’esterno del tempio. Su una delle facciate, quella su cui campeggia la scritta "orate pro nobis", compare la figura di S. Liberata (S. Delibera), protettrice delle puerpere e dei fanciulli. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui il luogo era così visitato.
Santuario Madonna degli Angeli a Frassino

Il portico antistante la chiesa, prolungato anche attorno alle strutture complementari, rappresenta un elemento tipico di molti luoghi di fede del saluzzese e del cuneese: la Madonna dell’Oriente a Croesio, la già citata Madonna del Bel fò, lo stesso grande santuario di S. Magno a Castelmagno e molti altri. Esso serviva certamente ad offrire riparo ai pellegrini, ma anche per svolgervi processioni o vie crucis (specie in caso di maltempo). In molti casi, gli stessi pellegrini scioglievano voti percorrendolo scalzi o in ginocchio.
Oltre le pitture del Borgna, la chiesa grande evidenzia un altare unico in muratura, "alla romana" decorato con finti marmi, una torre campanaria ottocentesca, costruita tra santuario e cappella, con cuspide in metallo ed un coro ligneo semplice e lineare nell’abside.
Santuario Madonna degli Angeli a Frassino

Santuario Madonna degli Angeli a Frassino

La data (1745) impressa sul portale ligneo della chiesa fa presumere ad un riutilizzo dell’elemento, in quanto non corrisponde all’epoca.


©PIEMONTESACRO.IT. Tutti i diritti riservati.
Testo e foto di Gian Vittorio Avondo. Pubblicato il 03.01.2020





TROVA SOLLIEVO INTERIORE
Con la Preghiera e la Pietra della Fede

Pietra della fede con incisa croce color oro


Tieni in mano la pietra fluviale naturale con incisa una Croce


Sacchettino e pietra della fede con incisa croce color oro

Benefici

- RIDUCI lo stress e l'ansia
- GESTISCI la rabbia.
- La Croce è un promemoria quotidiano di Incoraggiamento.

Caratteristiche

- La pietra è Liscia al tatto

Sacchettino e pietra della fede con incisa croce color nero

Regala la pietra della fede a chi vuoi bene.

Acquista adesso la pietra della fede su www.negoziodelsacro.com, CLICCA QUI


Ecco come puoi aiutarci: dona 2 euro ora.


 
TORNA SU