Santuario Madonnina delle Vigne (Piovera)

Variazioni del nome: Madonna delle Vigne

La chiesa sorge in aperta campagna, in regione Madonna.

La dedicazione ufficiale è quella di Madonna delle Vigne, tuttavia da subito si impose quella di Madonnina delle Vigne. Il santuario, in alcuni documenti dell'epoca, viene citato anche come "oratorio campestre della B.V. di Loreto" perché l’immagine della Madonna ivi conservata è una riproduzione, sebbene non completamente fedele, della Madonna di Loreto.
La prima costruzione ubicata in questo luogo si presume sia stata la pieve, abbandonata già nei secoli IX-X. La vecchia costruzione divenne lazzaretto e col passare dei secoli fu abbandonata.
Dopo la dominazione spagnola, e precisamente nel 1633, si provvide ai primi restauri abbattendo le parti pericolanti e fu recuperato l'affresco della Madonna delle Grazie che venne inserito in una cornice in stucco nella zona absidale. L’oratorio campestre, perciò, si può considerare santuario solo a partire da questa data.
A metà del XIX secolo viene edificato un portico a tre fornici addossato alla facciata.
La chiesa attuale, è a una navata, misura ca. 12 m di lunghezza e 5.50 m di larghezza e incorpora la zona absidale della chiesa precedente.

Oggetto del culto:
L'affresco raffigura la Madonna col Bambino, riproduzione non del tutto fedele della Madonna di Loreto, con ai lati i santi Rocco e Caterina probabilmente risalente al secolo XV, tuttavia completamente alterata dal restauro del 1633. Le tiare sul capo della Madonna e del Bambino imitano, forse, quelle della statua della Madonna d'Oropa che nel 1620 veniva per la prima volta incoronata con la tiara.

Festività principale: 15 agosto
Coincidenza liturgica: Assunzione di Maria Vergine

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it







LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti



Libro degli ospiti

 
TORNA SU