Santuario Nostra Signora di Lourdes - GIAVENO (TO)

Nostra Signora di Lourdes
GIAVENO (TO) - Frazione Selvaggio

Variazioni del nome
Santuario del Selvaggio

Il santuario sorge su un poggio panoramico.

Oggetti del culto
Riproduzione della grotta di Lourdes nel braccio sinistro della crociera
Entrata in uso: tra l'anno 1915 e l'anno 1926
Luogo: Grotta

Ciclo di vita del Santuario (durata): dall'anno 1908 fino all'anno 1926
Il santuario di Nostra Signora di Lourdes fu ideato e voluto da monsignor Carlo Bovero. La sua costruzione iniziò nel 1908 su disegno dell'architetto Giulio Valotti e comprendeva la parte centrale dell'attuale edificio. Il lavoro terminò nel 1914. Nel frattempo monsignor Bovero maturò il progetto di ingrandire subito la nuova chiesa e sempre sotto la direzione dello stesso architetto, ripresero i lavori che terminarono nel 1926. La consacrazione del santuario fu fatta dal cardinale Giuseppe Gamba il 22 agosto 1926.

Tipologia Culto
Luogo legato ad un santo non martire:

Note sulle peculiarità funzionali e cultuali:
Il santuario riproduce il culto della Vergine di Lourdes.

Edificazione del primo Santuario
tra l'anno 1908 e l'anno 1926: il santuario venne eretto su una preesistente cappella del XVII secolo. La costruzione del santuario iniziò nel 1908 per volere di monsignor Carlo Bovero, su disegno dell'architetto Giulio Valotti e corrispondeva alla parte centrale dell'attuale edificio liturgico.

Altri eventi e dati cronologici rilevanti
Il santuario nasce per iniziativa di mons. Carlo Bovero che in poco tempo riuscì a coinvolgere nel progetto di costruzione l'arcivescovo di Torino, la corte sabauda e la nobiltà cittadina. I fondatori del santuario si posero l'obbiettivo di riprendere e riprodurre la devozione mariana di Lourdes. Per questo venne realizzata all'interno della chiesa una copia della grotta di Lourdes.

Riconoscimenti ufficiali
Nel 1926 il principe Umberto di Savoia presenziò alla benedizione delle campane.

Altri tipi di riconoscimenti:
Il 22 agosto 1909 la chiesa venne solennemente consacrata dal cardinale Agostino Richelmy, arcivescovo di Torino. Venne riconsacrata dal cardinale Giuseppe Gamba il 22 agosto 1926.

Tipologia Architettonica
Tra l'anno 1908 e l'anno 1926: l'edificio, in stile romanico-lombardo, è interamente rivestito in pietra. La facciata è fiancheggiata da due alte torri. L'interno alto, slanciato e luminoso, presenta un imponente altare maggiore, è ricco di mosaici e di marmi preziosi. Nel transetto destro è collocata una riproduzione della grotta di Lourdes.

Altre notizie sulla struttura
L'edificio è realizzato sotto il progetto e la direzione dell'architetto Giulio Valotti.

Altri elementi notevoli nell'edificio del Santuario:
Sculture realizzate nel corso del XX secolo: Madonna di Lourdes sull'altare maggiore (Luigi Aghemo). / Pregevole pulpito; le quattro scultore che ornano il pulpito furono eseguite dallo scultore Capitano su disegno di Valotti; esse rappresentano rispettivamente: la Samaritana al pozzo, il Seminatore evangelico, la missione degli apostoli, la guarigione del cieco. / Pitture all'altezza delle logge raffiguranti i simboli della Sacra Scrittura, opera del prof. Guglielmino. / Cattedra episcopale in legno, realizzata su disegno del Valotti. / Ritratto del fondatore del santuario (Carlo Bovero) dipinto da G. Navarini (1931).

Frequenza dei pellegrinaggi
Frequenza: Afflusso continuo

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it



Con il motore di ricerca di Piemontesacro puoi trovare qualsiasi prodotto presente nel negozio Amazon! Clicca qui

 
TORNA SU