Articoli religiosi

Varie - Santi E Patroni



Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "Madonna di Lourdes" - altezza 23 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016825
Prezzo: € 119.00

Descrizione:

Raffinata statua in legno di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Lourdes. La Vergine è scalza e poggia i piedi su una roccia in cui è incisa la scritta "Lourdes". La stesura del colore e le increspature date dalla scultura rendono questa roccia estremamente realistica. Sul bordo inferiore della tunica bianca, cinta in vita da una fusciacca azzurra, ci sono due rose finemente realizzare. La tunica è bordata in oro, e dal velo che ricopre la testa, anch'esso bordato in oro, emergono i capelli della Vergine ad incorniciarle il volto. Sul braccio destro è presente il rosario, così come nella raffigurazione classica. La sapiente stesura del colore restituisce alla statua un grande realismo, visibile soprattutto nelle pieghe della stoffa del vestito, donando alla Vergine un'aspetto regale ma delicato.

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno "Madonna di Lourdes con corona" - altezza 24 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016849
Prezzo: € 144.00

Descrizione:

Statua in legno di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Lourdes. La Vergine è scalza e poggia i piedi su una roccia in cui è incisa la scritta "Lourdes". Ad ornare la parte bassa della veste ci sono due rose rosse. La tunica bianca è cinta in vita da una fusciacca azzurra. La stesura del colore restituisce con grande realismo l'immagine delle pieghe della stoffa. Sia la tunica che il velo con cui è coperto il capo, entrambi candidi e di colore bianco, sono bordati in oro, e sul braccio destro è presente il rosario, color oro e argento. Il capo è sormontato da una corona, simbolo di regalità, realizzata in modo particolareggiato. Le mani giunte in preghiera e il volto sereno fanno di questa statua una bellissima rappresentazione della Madonna di Lourdes.

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno "Madonna di Lourdes con corona e Bernadette" - altezza 24 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016856
Prezzo: € 185.00

Descrizione:

Raffinata statua in legno di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Lourdes e Bernadette Soubirous. La Vergine è rappresentata secondo l'iconografia classica, derivante dai racconti della giovane pastorella alla quale apparve. Il capo della Madonna è sormontato da una corona, simbolo di regalità Ai suoi piedi, una giovane Bernadette è raffigurata inginocchiata in segno di adorazione, porgendo all'Immacolata una candela, con riferimento all'episodio avvenuto durante la diciassettesima apparizione. Anche Bernadette reca con sé il rosario, mentre la sua mano sinistra è portata al petto.

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno "Madonna di Lourdes con corona e manto blu" - altezza 24 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016832
Prezzo: € 144.00

Descrizione:

Statua in legno di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Lourdes. La Vergine è scalza e poggia i piedi su una roccia in cui è incisa la scritta "Lourdes". Ad ornare la parte bassa della veste ci sono due rose rosse. La tunica bianca è cinta in vita da una fusciacca azzurra. La stesura del colore restituisce con grande realismo l'immagine delle pieghe della stoffa. Sia la tunica che il velo con cui è coperto il capo sono bordati in oro, e sul braccio destro la Madonna reca il rosario, color oro e argento. La particolarità di questa statua consiste nel velo dipinto di blu, a richiamare la natura celeste e sacra della Madonna. Il capo è sormontato da una corona, simbolo di regalità, realizzata con dovizia di particolari. Le mani giunte in preghiera e il volto sereno fanno di questa statua una bellissima rappresentazione della Madonna di Lourdes.

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Medaglia San Giovanni Paolo II tonda in argento 925 - 1,6 cm"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052216930
Prezzo: € 11.27

Descrizione:

La medaglietta è con bordo leggermente zigrinato e nell'interno è stampato in rilievo San Giovanni Paolo II. 

L'altezza è di cm 1,6.

Il peso è di 1,5 gr.

Il prodotto è totalmente made in Italy. 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card "Sacra Sindone" con preghiera e medaglia - (10 pezzi)"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859027859
Prezzo: € 9.80

Descrizione:

Graziosa card in polimero con medaglietta raffigurante la Sacra Sindone.

Il cartoncino è incapsulato con film pvc, la medaglietta è realizzata in zama mediante pressofusione.

Sulla parte frontale una cornice color sabbia racchiude l'immagine del volto impresso sulla Sindone, mentre sul retro è possibile leggere la Preghiera davanti alla Sindone in pigmento blu su sfondo bianco.

Il termine "sindone" deriva dal greco σινδν ("sindon") ed indica un lenzuolo che originariamente non aveva alcuna accezione funebre. Con Sacra Sindone si intende il tessuto giallo ocra conservato nel Duomo di Torino su cui è visibile l’immagine di un uomo adulto con barba e capelli lunghi che ha subito torture compatibili con le sofferenze patite da Cristo durante la Passione. La tradizione cristiana identifica l’uomo con Gesù e il tessuto con il lenzuolo che ne avvolse il corpo nel sepolcro.

L'immagine a rilievo proposta sul fronte della medaglietta è quella canonica della Sindone. Sul retro della medaglia la scritta "Ora Pro Nobis" accompagna due mani giunte in preghiera rappresentate a rilievo.

Il culto della Sindone comincia nel 1353, ma ad oggi la Chiesa non si è ancora espressa ufficialmente sulla questione dell’autenticità del tessuto, pur considerandola un’icona cristologica.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immagine Sacra Gesù crocifisso (10 pezzi)"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400037357
Prezzo: € 2.40

Descrizione:

Immagine sacra da collezione di Gesù crocifisso contornata da decorazioni dorate. Sul retro c'è la preghiera "Davanti al Crocifisso" di Paolo VI.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra in resina argentata "Sant'Antonio di Padova" - altezza 50 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525014245
Prezzo: € 148.40

Descrizione:

Bellissima statua alta 50 cm realizzata in resina e dipinta a mano raffigurante il Santo di Padova.
Molto bello e sontuoso l'effetto dato dal color argento. La monocromia viene spezzata da alcuni dettagli dorati, come le pagine della Bibbia, i petali del giglio e il rosario che cinge la vita di Sant'Antonio.

Il santo poggia su una base ed è raffigurato con i simboli classici che lo rappresentano: il giglio, la Bibbia e il Bambinello.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card "Maria che scioglie i nodi" con preghiera e medaglia - (10 pezzi)"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859029969
Prezzo: € 9.80

Descrizione:

Graziosa card in polimero con medaglietta raffigurante Maria che scioglie i nodi.

Il cartoncino è incapsulato con film pvc, la medaglietta è realizzata in zama mediante pressofusione.

Sulla parte frontale una cornice color sabbia racchiude l'immagine della Vergine trasmessa secondo i canoni, mentre sul retro è possibile leggere la Preghiera a Maria che scioglie i nodi in pigmento blu su sfondo bianco.

"Maria che scioglie i nodi” è il nome di un dipinto settecentesco realizzato da Schmidtner. Da esso ha avuto origine una devozione mariana molto ricca nel tempo.

Nella rappresentazione, Maria è al centro con indosso una tunica rossa, a simboleggiare la sua dimensione umana, sormontata da un manto blu, che ne indica la natura trascendente e divina. A destra un angelo le porge un filo pieno di nodi intrecciati, a sinistra un altro angelo lo raccoglie sciolto. In basso una luna a falce si trova vicino ad un serpente, simbolo del diavolo, calpestato da Maria. In basso al centro dipinta in miniatura vediamo la scena biblica relativa a Tobia.

I nodi sciolti da Maria rappresentano le preghiere dei fedeli esaudite da Dio per intercessione della Vergine.

L'immagine a rilievo proposta sul fronte della medaglietta è quella canonica della Vergine. Sul retro della medaglia la scritta "Ora Pro Nobis" accompagna due mani giunte in preghiera rappresentate a rilievo.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card Angelo Custode in PVC - misura 5,5 x 8,5 cm - Spagnolo"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052357312
Prezzo: € 1.44

Descrizione:

Questa immagine plastificata rappresenta l'Angelo Custode ed è impreziosita da una medaglia in resina a colori che ha attorno una cornice in argento a caldo. L'angelo custode è un angelo che, secondo la tradizione cristiana, acompagna ogni persona nella vita, aiutandola nelle difficoltà e guidandola verso Dio. L'angelo custode ha lo scopo principale di tenere il fedele lontalo dalle tentazioni e dal peccato. 

La misura di questa card è di cm 5,5x8,5 // Materiale: pvc // Realizzato in Italia



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "Maria Ausiliatrice" - altezza 60 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525011398
Prezzo: € 248.40

Descrizione:

Statua in resina colorata di Maria Ausiliatrice.

La Madonna è scalza e poggia su un piedistallo. La sua veste è molto ricca: l'abito rosa cinto in vita e il mantello azzurro allacciato al collo e tenuto in grembo sono bordati in oro. Anche l'abito di Gesù è bordato in oro e ugualmente sgargiante nei colori.
Maria tiene lo scettro dorato nella mano destra e Gesù sul braccio sinistro, segni della signoria di Cristo e della Madre di Dio sull'universo.
I capelli della Vergine sono sciolti e sormontati da una corona dorata lavorata ad intaglio. La stessa corona, più piccola, è indossata anche dal Cristo.

Adatta ad ambienti esterni.

Maria Ausiliatrice è uno degli appellativi mariani più diffusi.

L'iconografia dell'Ausiliatrice è basata sui canoni trasmessi da Don Bosco: la Madonna è in piedi avvolta in una tunica rossa e un mantello blu. Con il braccio sinistro sostiene Gesù, con la mano destra impugna lo scettro. Le teste di Madre e Figlio sono sormontate da una corona.
L'invocazione “Auxilium christianorum ora pro nobis” è stata inserita nelle Litanie lauretane nel 1576.

Fu papa Pio V ad affidarle la protezione del destino dell’Occidente in occasione della battaglia di Lepanto del 1571 contro l’avanzata ottomana. I soldati di ritorno dalla battaglia si fermarono a Loreto per ringraziare la Madonna e la sua protezione contro l’invasione musulmana.

La festività ricorre il 24 maggio e la diffusione della devozione si deve a Don Bosco.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "Sacro Cuore Gesù" - altezza 30 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525000590
Prezzo: € 50.37

Descrizione:

Statuetta in resina colorata raffigurante il Sacro Cuore di Gesù. Il Cristo indossa una tunica bianca bordata in oro e sormontata da un mantello rosso. Una mano è benedicente, l'altra punta verso il petto. Il cuore è il simbolo dell'amore di Gesù per l'umanità ed è racchiuso dalle spine in memoria del suo sacrificio sulla croce.

Il Sacro Cuore di Gesù è adorato dai credenti perché rappresenta l'amore di Gesù risorto verso l'umanità e perché è l'organo umano più connesso alla divinità. Viene rappresentato cinto da una corona di spine, sormontato da una croce, trafitto da una lancia e circonfuso da fiamme.

È la tradizione mistica tedesca medievale a dare impulso alla devozione al Sacro Cuore di Gesù, ma solo dopo le apparizioni a Margherita Maria Alacoque, avvenute a partire dal 27 dicembre 1673, il culto si diffonde.
La festività è mobile e dipende dalla data della Pasqua, può quindi variare tra il 29 maggio e il 2 luglio. Il mese di giugno è pertanto devoto al Sacro Cuore di Gesù e in questo periodo è possibile ripetere una breve giaculatoria per avere dei benefici: "Gesù, mite e umile di cuore, fa' il cuore mio simile al tuo!".



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Arazzo sacro "Sant'Antonio con Gesù Bambino" - dimensioni 40x32 cm"
Editore: M&T
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599004365
Prezzo: € 12.60

Descrizione:

Arazzo rettangolare di dimensioni medio-piccole (40x32 cm), totalmente ideato e prodotto in Italia con filati di alta qualità lavorati con telaio Jacquard.

La lavorazione di questo arazzo lo rende un pregiato articolo d'arredamento artistico per la casa e un dono raffinato per i devoti a Sant'Antonio di Padova.

Composizione
53% viscosa, 41% cotone, 4% poliestere, 2% nylon

Il telaio Jacquard è un particolare telaio che tramite l'aggiunta di un macchinario permette la movimentazione automatica dei singoli fili di ordito. Questo tipo di lavorazione consente di ottenere tessuti dai disegni complessi e ricchi di colori.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "Madonna di Fatima con corona" - altezza 27 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016870
Prezzo: € 161.00

Descrizione:

Raffinata ed elegante statua di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Fatima. I piedi scalzi della Vergine poggiano su una nuvoletta che, a sua volta, è adagiata su una base che reca la scritta in colore oro "Fatima". La veste e il velo della Madonna sono bianchi, bordati d'oro. Il velo, che scende fino ai piedi, è impreziosito da ricami dorati che donano luminosità e regalità al drappeggio. Il rosario al collo della Vergine e una unica stella posta in fondo alla veste completano i simboli attribuiti alla Madonna di Fatima dall'iconografia classica. Sormonta il capo una corona, rappresentata con dovizia di particolari. Le mani giunte in preghiera e lo sguardo rivolto con tenerezza verso l'osservatore rendono questa statua ancora più bella e realistica.

Nostra Signora di Fatima è uno degli appellativi con cui la Chiesa cattolica venera Maria in seguito alle apparizioni iniziate il 13 maggio 1917 che ebbero come protagonisti tre pastorelli portoghesi, Lucia dos Santos, Jacinta Marto e Francisco Marto. Nel 1930 la Chiesa cattolica proclamò il carattere soprannaturale delle apparizioni e ne autorizzò il culto.
Soltanto nel 2000 la Chiesa ha autorizzato la diffusione del terzo ed ultimo segreto di Fatima, un messaggio rivelato dalla Madonna ai bambini durante le apparizioni. Secondo la dottrina cattolica i segreti appartengono alle rivelazioni private e fanno parte di un unico messaggio diviso in tre momenti differenti.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno naturale "Sant'Antonio di Padova" - altezza 21 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525001795
Prezzo: € 136.00

Descrizione:

In questa statua di sant'Antonio di Padova, in legno naturale, l'autore ha cercato di mantenere lo stile classico rivisitandolo e donandogli un'idea di movimento: i soggetti rappresentati, infatti, fuoriescono leggermente dalla loro base di appoggio; il saio del Santo è rappresentato come se fosse mosso da un soffio di vento. Il gioco di sguardi tra sant'Antonio e il bambino Gesù dona l'idea di una relazione intensa tra i due soggetti. Diversamente dalla solita iconografia, è il Bambinello che porge al Santo il giglio fiorito. Questa statua è davvero unica nel suo genere.

Antonio di Padova, noto in Portogallo come Antonio da Lisbona (in portoghese António de Lisboa), al secolo Fernando Martins de Bulhões (Lisbona, 15 agosto 1195 – Padova, 13 giugno 1231), è stato un religioso e presbitero portoghese appartenente all'Ordine francescano, proclamato santo da papa Gregorio IX nel 1232 e dichiarato dottore della Chiesa nel 1946.
Entrò a 15 anni in monastero nell'ordine degli agostiniani. Dopo aver visto tornare a Coimbra i cinque corpi dei frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare, decise di entrare nell'ordine dei Minori mutando il suo nome in Antonio, per diffondere la fede tra i popoli dell'Africa.
Abile oratore, su indicazione di Francesco predicò molto anche in Romagna, in Italia settentrionale e in Francia, finché non approdò a Padova, dove morì il 13 giugno 1231, all'età di soli 36 anni. Rapidamente canonizzato (in meno di un anno), il suo culto è ancora oggi fra i più diffusi del cattolicesimo.

Il giglio è simbolo di purezza, bellezza, innocenza e fragilità.
Nell'Antico Testamento viene citato nel libro di Osea: «Sarò come rugiada per Israele; [il popolo di Israele] fiorirà come un giglio e metterà radici come un albero del Libano» (Os 14,6). Nel Cantico dei cantici il "giglio delle valli", cioè cresciuto spontaneamente, è simbolo della bellezza dell'amore fedele, unico e gratuito: «Io sono un narciso della pianura di Saron, un giglio delle valli. Come un giglio fra i rovi, così l'amica mia tra le ragazze» (2, 1-2).
Nel Nuovo Testamento il giglio viene citato in questo passo di Matteo: «Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro» (Mt 6, 28-29). Tramite la metafora del giglio, Gesù invita a non affannarsi per il domani e ad avere fiducia in Dio che ha cura di tutte le sue creature, soprattutto delle più fragili e deboli.

Nell'iconografia cristiana il giglio, simbolo di innocenza e candore, è un attributo spesso associato alla Madonna, definita "giglio tra i cardi", e ai santi, dei quali esprime la nobiltà, la purezza, e il loro affidamento a Dio.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra in legno colorato dipinto a mano "Sant'Antonio di Padova" - altezza 30 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525004673
Prezzo: € 291.00

Descrizione:

Bellissima statua in legno dipinto a mano alta 30 cm e raffigurante Sant'Antonio di Padova.
La resa delicata dei colori contribuisce a dare valore al legno di fabbricazione.

In questa rappresentazione, Sant'Antonio volge il suo sguardo protettivo verso il Bambinello, che con la mano tocca il mento del Santo, trasmettendo tenerezza a chi contempla la statua.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina dipinta a mano "Madonna di Lourdes" - altezza 50 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525000651
Prezzo: € 142.80

Descrizione:

Statua raffigurante la classica e più nota rappresentazione della Madonna di Lourdes. Il soggetto è stato realizzato in resina e poi colorato a mano.

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Arazzo sacro "Sant'Antonio con Gesù Bambino" - dimensioni 65x53 cm"
Editore: M&T
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599002217
Prezzo: € 33.00

Descrizione:

Arazzo rettangolare di dimensioni medio-grandi (65x53 cm), totalmente ideato e prodotto in Italia con filati di alta qualità lavorati con telaio Jacquard.

La lavorazione di questo arazzo lo rende un pregiato articolo d'arredamento artistico per la casa e un dono raffinato per i devoti a Sant'Antonio di Padova.

Composizione
53% viscosa, 41% cotone, 4% poliestere, 2% nylon

Il telaio Jacquard è un particolare telaio che tramite l'aggiunta di un macchinario permette la movimentazione automatica dei singoli fili di ordito. Questo tipo di lavorazione consente di ottenere tessuti dai disegni complessi e ricchi di colori.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Arazzo sacro "Sant'Antonio con Gesù Bambino" - dimensioni 33x25 cm"
Editore: M&T
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599004358
Prezzo: € 8.10

Descrizione:

Arazzo rettangolare di dimensioni medio-piccole (33x25 cm), totalmente ideato e prodotto in Italia con filati di alta qualità lavorati con telaio Jacquard.

La lavorazione di questo arazzo lo rende un pregiato articolo d'arredamento artistico per la casa e un dono raffinato per i devoti a Sant'Antonio di Padova.

Composizione
53% viscosa, 41% cotone, 4% poliestere, 2% nylon

Il telaio Jacquard è un particolare telaio che tramite l'aggiunta di un macchinario permette la movimentazione automatica dei singoli fili di ordito. Questo tipo di lavorazione consente di ottenere tessuti dai disegni complessi e ricchi di colori.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra in legno colorato "Sant'Antonio di Padova" - altezza 30 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525005014
Prezzo: € 291.00

Descrizione:

Bella statua in legno colorato alta 30 cm e raffigurante Sant'Antonio di Padova.
In questa rappresentazione, Sant'Antonio e il Bambinello guardano entrambi nella stessa direzione con fare contemplativo.
Il Bambinello tiene la mano sinistra alzata in segno di benedizione ed è seduto sulla Bibbia che Sant'Antonio tiene tra le braccia.
Particolarmente affettuoso il gesto del Santo di trattenere il Bambinello dal piede destro, per innalzarlo e proteggerlo al tempo stesso.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card "Madonna del Carmine" con preghiera e medaglia - (10 pezzi)"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859027811
Prezzo: € 9.80

Descrizione:

Graziosa card in polimero con medaglietta raffigurante la Madonna del Carmine.

Il cartoncino è incapsulato con film pvc, la medaglietta è realizzata in zama mediante pressofusione.

Sulla parte frontale una cornice color sabbia racchiude l'immagine della Vergine trasmessa secondo i canoni, mentre sul retro è possibile leggere la Preghiera alla Madonna del Carmine in pigmento blu su sfondo bianco.

La Vergine tiene in braccio il Bambinello ed ha il capo cinto da una corona. Le vesti di entrambi sono semplici, marrone e bianca quella Maria, rosa quella di Gesù. Gli scapolari recano il simbolo mariano.

L'immagine a rilievo proposta sul fronte della medaglietta sotto la scritta "Virgin of Carmel" è quella canonica della Vergine. Sul retro della medaglia la scritta "Ora Pro Nobis" accompagna due mani giunte in preghiera rappresentate a rilievo.

"Beata Vergine Maria del Monte Carmelo" - o "del Carmine" - è l'appellativo con cui si fa riferimento a Maria in seguito all'apparizione del 1251 al presbitero Simone Stock, durante la quale il religioso avrebbe ricevuto uno scapolare.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card Madonna Miracolosa in PVC - 5,5 x 8,5 cm - francese"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052359859
Prezzo: € 1.44

Descrizione:

Questa immagine plastificata rappresenta la Madonna Miracolosa ed è impreziosita da una medaglia in resina a colori che ha attorno una cornice in argento a caldo.

La misura di questa card è di cm 5,5x8,5.

Materiale: pvc

Realizzato in Italia



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in metallo "San Michele Arcangelo" con base in legno d'ulivo - altezza 24 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8027846199011
Prezzo: € 90.90

Descrizione:

Bellissima statua in metallo di San Michele arcangelo, appoggiata su base poligonale in legno d'ulivo.

San Michele è rappresentato come un guerriero a difesa della fede in Dio, così come lo descrivono i passi dell'Apocalisse. Viene solitamente rappresentato con delle splendide ali luminose. Nella mano destra cinge una spada con cui sconfigge il demonio, a cui sta calpestando la testa con il piede sinistro.
È il comandante delle milizie celesti contro le orde di angeli caduti capitanati da Lucifero.
Spesso nella mano sinistra tiene una bilancia con cui, la tradizione narra, pesa le anime. Il nome Michele deriva dall'espressione “Mi-ka-El”, che significa "chi è come Dio?".



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "Santa Rita da Cascia" - altezza 33 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525000620
Prezzo: € 40.00

Descrizione:

Statua della santa di Cascia. Rita è rappresentata con l'abito monacale, le rose sotto i piedi, il segno della spina sulla fronte e tiene tra le mani il Crocifisso e la corona di spine. 

Rita da Cascia, al secolo Margherita Lotti (Roccaporena, 1381 – Cascia, 22 maggio 1457), è stata una monaca dell'ordine agostiniano. Durante i suoi quarant’anni di vita monacale, Rita non fece altro che pregare e dedicarsi a penitenze e digiuni, prestando servizio presso i poveri e gli ammalati di Cascia.
Secondo la tradizione, la sera del Venerdì Santo 18 aprile 1432 Rita era in preghiera della Passione di Gesù ed in quell’occasione ha ricevuto, conficcata in fronte, una spina dalla corona del Crocifisso. La venerazione della santa cominciò subito dopo la sua morte avvenuta nel 1457.

Si festeggia il 22 maggio. I suoi attributi iconografici sono la stigmata in fronte a simboleggiare la sua santità; il crocifisso di fronte al quale si trova a pregare mentre riceve la spina da Gesù; le rose portate in riferimento ad un miracolo compiuto dalla santa; le api, che parlano di un altro miracolo avvenuto durante l’infanzia; il flagello e il libro delle preghiere, a rappresentare la religione intrisa di mortificazione vissuta da Rita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card "Sant'Anna" con preghiera e medaglia - (10 pezzi)"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859027736
Prezzo: € 9.80

Descrizione:

Graziosa card in polimero con medaglietta raffigurante Sant'Anna con la piccola Maria.

Il cartoncino è incapsulato con film pvc, la medaglietta è realizzata in zama mediante pressofusione.

Sulla parte frontale una cornice color sabbia racchiude l'immagine della madre di Maria con la Vergine in un contesto famigliare, mentre sul retro è possibile leggere la Preghiera a Sant'Anna in pigmento blu su sfondo bianco.

L’iconografia ci trasmette la figura di Sant’Anna con un velo a cingerle la testa e seduta con a fianco la piccola Maria: la sta educando alla lettura della Bibbia. I colori delle vesti sono simbolici: il rosso esprime la regalità della natura divina di Gesù, il blu la sua trascendenza divina, il verde la speranza e la vita. Sullo sfondo due cherubini in volo cingono una corona di fiori.

L'immagine a rilievo proposta sul fronte della medaglietta a fianco della scritta "St. Ann" è quella di Sant'Anna abbracciata alla piccola Maria. Sul retro della medaglia la scritta "Ora Pro Nobis" accompagna due mani giunte in preghiera rappresentate a rilievo.

Sant’Anna è la madre della Vergine Maria. Nonostante il suo culto sia molto diffuso a partire dal X secolo e lei sia considerata patrona di molti dei mestieri legati allo status di madre, poche sono le notizie ufficiali e canoniche riguardo alla sua figura. Si narra che tanto Anna quanto il marito Gioacchino soffrissero di sterilità e che desiderassero con tutto il cuore un figlio. Anna cominciò a pregare intensamente per rimanere incinta e durante la contemplazione un angelo le annunciò che così sarebbe stato.

Fu papa Gregorio XIII a inserire la celebrazione di Sant’Anna nel Messale Romano nel 1584.

Nel calendario della Chiesa cattolica la sua festa ricorre il 26 luglio.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU