Articoli religiosi

Varie - Santi E Patroni



Titolo: "Card "Papa Francesco" multilingue con frase e crocetta - (10 pezzi)"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859027880
Prezzo: € 9.80

Descrizione:

Graziosa card in polimero con medaglietta raffigurante Papa Francesco.

Il cartoncino è incapsulato con film pvc, la crocetta è realizzata in zama mediante pressofusione.

Sulla parte frontale una cornice color sabbia racchiude l'immagine del papa, mentre sul retro è possibile leggere la frase "Non c'è Croce piccola o grande della nostra vita che il Signore non condivide con noi" in sette lingue diverse, scritte in pigmento blu su sfondo bianco.

L'immagine propone in primo piano il papa vestito con il suo canonico abito bianco e sullo sfondo la stilizzazione della Basilica di San Pietro e della piazza antistante.

Jorge Mario Bergoglio è il 266º papa della Chiesa Cattolica e vescovo di Roma. Il suo pontificato è iniziato nel 2013. Appartiene all'ordine dei chierici regolari della Compagnia di Gesù ed è il primo papa sudamericano nella storia. La scelta del nome papale è da ricondursi al momento dell'elezione, in cui papa Francesco conferma di aver pensato a Francesco d'Assisi. 

A papa Francesco non manca la parola: ogni suo discorso testimonia il percorso intrapreso in seno alla Chiesa e rende fruibili ai fedeli le conoscenze accumulate durante gli anni di studio e riflessione, il tutto con l'unico obiettivo di mettersi al servizio di Dio per indicare la via ai credenti di tutto il mondo.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card "Madonna di Lourdes" con preghiera e medaglia - (10 pezzi)"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859027743
Prezzo: € 9.80

Descrizione:

Graziosa card in polimero con medaglietta raffigurante la Madonna di Lourdes.

Il cartoncino è incapsulato con film pvc, la medaglietta è realizzata in zama mediante pressofusione.

Sulla parte frontale una cornice color sabbia racchiude l'immagine della Madonna nella grotta, mentre sul retro è possibile leggere la Preghiera a Nostra Signora di Lourdes in pigmento blu su sfondo bianco.

La Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca impreziosita dagli orli dorati e cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza - con bordo dorato. Un velo bianco bordato d'oro le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. La testa è circonfusa da un nimbo di luce dorata bordato dalla scritta in lingua francese "Io sono l'Immacolata Concezione". Due rose colorate sono applicate sul davanti della parte finale della tunica. La figura della Madonna è inserita all’interno di una grotta fiorita e rigogliosa. Una fedele inginocchiata le chiede la grazia e in secondo piano in alto a sinistra si intravede la Basilica di Nostra Signora del Rosario.

L'immagine a rilievo proposta sul fronte della medaglietta è quella canonica della Vergine. Sul retro della medaglia la scritta "Ora Pro Nobis" accompagna due mani giunte in preghiera rappresentate a rilievo.

Nostra Signora di Lourdes - o "Nostra Signora del Rosario" o, più semplicemente, "Madonna di Lourdes" - è l'appellativo con cui la Chiesa Cattolica venera Maria in seguito alle apparizioni del 1858 a Bernadette Soubirous.

L'Immacolata Concezione è un dogma cattolico proclamato da papa Pio IX l'8 dicembre 1854 che sancisce l’immunità di Maria dal peccato originale sin dal concepimento.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Arazzo sacro "San Francesco" - dimensioni 46x31 cm"
Editore: M&T
Autore: Cimabue
Pagine:
Ean: 2483599002194
Prezzo: € 39.90

Descrizione:

Arazzo rettangolare di dimensioni medio-piccole (46x31 cm), totalmente ideato e prodotto in Italia con filati di alta qualità lavorati con telaio Jacquard.

La lavorazione di questo arazzo lo rende un pregiato articolo d'arredamento artistico per la casa e un dono raffinato per i devoti a San Francesco d'Assisi o per gli appassionati d'arte.

Composizione
92% viscosa, 5% poliestere, 3% poliammide

Il telaio Jacquard è un particolare telaio che tramite l'aggiunta di un macchinario permette la movimentazione automatica dei singoli fili di ordito. Questo tipo di lavorazione consente di ottenere tessuti dai disegni complessi e ricchi di colori.

Il dipinto risale al 1290 e ad oggi è conservato nel Museo della Porziuncola presso la basilica di Santa Maria degli Angeli ad Assisi. L'immagine propone un dettaglio dell'opera. Il santo è raffigurato a mezzo busto con indosso il canonico saio francescano con cappuccio marrone. Un nimbo dorato gli circonda il volto e tra le braccia San Francesco tiene stretto il libro della Regola.
Sulle mani sono ben visibili le ferite delle stimmate e il saio strappato lascia intravedere la ferita sul costato.
Lo sfondo blu oltremare fa da contrasto con i colori del santo, rendendo viva e luminosa la sua figura.

Cenni di Pepo, detto Cimabue, nacque a Firenze nel 1240 circa e morì a Pisa nel 1302.
Operò in una corrente artistica ancora legata al classicismo bizantino, ma iniziò a concepire una rappresentazione degli eventi sacri più aderente alla realtà.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Icona in lamina d'argento "Padre Pio" - dimensioni 23,5x9,5 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 2483500003203
Prezzo: € 64.50

Descrizione:

Icona in lamina d'argento con l'immagine di Padre Pio, con asola e piedino.

Il Santo è rappresentato nella sua raffigurazione classica, con gli occhi rivolti al cielo in segno di preghiera. Dal capo si stagliano dei raggi, ad espressione della sua santità.

Pio da Pietrelcina, meglio noto come padre Pio, al secolo Francesco Forgione (Pietrelcina, 25 maggio 1887 – San Giovanni Rotondo, 23 settembre 1968), è stato un presbitero dell'Ordine dei frati minori cappuccini. Gode di un’imponente venerazione popolare e la chiesa lo celebra come santo il 23 settembre, anniversario della sua morte.
La devozione nasce a seguito della crescente fama di Padre Pio come taumaturgo.
Lo ricordiamo con una sua frase che racchiude la sua vita e la sua essenza religiosa: "Camminate pure tra il vento ed i flutti, ma con Gesù".

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Quadro Maria che sciogle i nodi in Argento 925 - Bassorilievo - 6,5 x 5 cm"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052310102
Prezzo: € 16.32

Descrizione:

La piccola icona che misura cm 6,5 x 5 è in lastra d'argento 925 con alcune decorazioni in foglia oro.

L'icona è inserita in un quadretto di legno color mogano, sul retro vi è la possibilità che il quadretto oltre che ad essere appeso al muro possa essere appoggiato su un piano.

Il peso del quadretto con la scatola è di gr. 45,7 

Il prodotto è totalmente made in Italy



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Arazzo sacro "San Francesco predica agli uccelli" - dimensioni 44x33 cm"
Editore: M&T
Autore: Giotto
Pagine:
Ean: 2483599002200
Prezzo: € 25.50

Descrizione:

Arazzo rettangolare di dimensioni medio-piccole (44x33 cm), totalmente ideato e prodotto in Italia con filati di alta qualità lavorati con telaio Jacquard.

La lavorazione di questo arazzo lo rende un pregiato articolo d'arredamento artistico per la casa e un dono raffinato per i devoti a San Francesco d'Assisi o per gli appassionati d'arte.

Composizione
93% viscosa, 5% poliestere, 2% poliammide
Fodera: 100% cotone

Il telaio Jacquard è un particolare telaio che tramite l'aggiunta di un macchinario permette la movimentazione automatica dei singoli fili di ordito. Questo tipo di lavorazione consente di ottenere tessuti dai disegni complessi e ricchi di colori.

La Predica agli uccelli è la quindicesima delle ventotto scene del ciclo di affreschi delle Storie di san Francesco della Basilica superiore di Assisi. Fu dipinta da Giotto verosimilmente tra il 1295 e il 1299.
San Francesco è rappresentato con il caratteristico saio, scalzo, e con un'aureola attorno al capo. Sta predicando ad uno stormo di uccelli che ascoltano speranzosi le parole del santo e dopo la benedizione volano via. I colori che caratterizzano l'affresco sono il marrone e l'azzurro.

Giotto di Bondone, conosciuto semplicemente come Giotto (Colle di Vespignano, 1267 circa – Firenze, 8 gennaio 1337), è stato uno dei personaggi più famosi della storia dell'arte italiana. Pittore ed architetto sublime, la sua fama e la sua considerazione crebbero nei secoli.
Fu considerato un anticipatore del Rinascimento: introduce la prospettiva, non ancora evoluta, ma efficace; gli spazi e le architetture dipinte sono realistiche e non più simboliche; i personaggi sono psicologicamente connotati.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Medaglia San Benedetto in metallo nichelato e resina - 1,5 cm"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052271571
Prezzo: € .54

Descrizione:

Medaglia in metallo nichelato raffigurante San Benedetto. L'immagine del Santo è ricoperta da uno strato di resina trasparente che rende i colori lucidi e ben visibili. Il prodotto misura 1,5 cm ed è realizzato in ITALIA. 





VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno colorato "Sant'Antonio di Padova" - altezza 120 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525002884
Prezzo: € 6325.00

Descrizione:

Statua di Sant'Antonio in legno colorato con rifiniture di alcuni particolari decorativi in color oro.
Il Santo francescano è riprodotto nell'iconografia classica che lo contraddistingue.
L'imballo per la spedizione è una cassa di legno.

Antonio di Padova, noto in Portogallo come Antonio da Lisbona (in portoghese António de Lisboa), al secolo Fernando Martins de Bulhões (Lisbona, 15 agosto 1195 – Padova, 13 giugno 1231), è stato un religioso e presbitero portoghese appartenente all'Ordine francescano, proclamato santo da papa Gregorio IX nel 1232 e dichiarato dottore della Chiesa nel 1946.
Entrò a 15 anni in monastero nell'ordine degli agostiniani. Dopo aver visto tornare a Coimbra i cinque corpi dei frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare, decise di entrare nell'ordine dei Minori mutando il suo nome in Antonio, per diffondere la fede tra i popoli dell'Africa.
Abile oratore, su indicazione di Francesco predicò molto anche in Romagna, in Italia settentrionale e in Francia, finché non approdò a Padova, dove morì il 13 giugno 1231, all'età di soli 36 anni. Rapidamente canonizzato (in meno di un anno), il suo culto è ancora oggi fra i più diffusi del cattolicesimo.

Il giglio è simbolo di purezza, bellezza, innocenza e fragilità.
Nell'Antico Testamento viene citato nel libro di Osea: «Sarò come rugiada per Israele; [il popolo di Israele] fiorirà come un giglio e metterà radici come un albero del Libano» (Os 14,6). Nel Cantico dei cantici il "giglio delle valli", cioè cresciuto spontaneamente, è simbolo della bellezza dell'amore fedele, unico e gratuito: «Io sono un narciso della pianura di Saron, un giglio delle valli. Come un giglio fra i rovi, così l'amica mia tra le ragazze» (2, 1-2).
Nel Nuovo Testamento il giglio viene citato in questo passo di Matteo: «Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro» (Mt 6, 28-29). Tramite la metafora del giglio, Gesù invita a non affannarsi per il domani e ad avere fiducia in Dio che ha cura di tutte le sue creature, soprattutto delle più fragili e deboli.

Nell'iconografia cristiana il giglio, simbolo di innocenza e candore, è un attributo spesso associato alla Madonna, definita "giglio tra i cardi", e ai santi, dei quali esprime la nobiltà, la purezza, e il loro affidamento a Dio.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card medaglia "Presepe" (10 pezzi)"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599003344
Prezzo: € 5.40

Descrizione:

Card tascabile con l'immagine di un presepe e medaglia in metallo della Madonna Miracolosa.
Nel prezzo sono compresi 10 pezzi di questo articolo.

Sulla card è riportata questa frase:

"Oggi è un giorno di gioia perchè è nato per noi il Salvatore del mondo".

Sul retro invece:

"Tutte le persone che porteranno questa Medaglia riceveranno grandi grazie.
Le grazie saranno abbondanti per quelle che la porteranno con fiducia
".

Sotto c'è la preghiera di Giovanni XXIII:

"O Gesù, che tenerezza questo arrivo delle notre anime davanti alla semplicità del presepio;
che commozione soave e pia dei nostri cuori:
che desiderio vivo di cooperare tutti insieme all'opera della pace universale innanzi a te,
divino autore e principe della pace!"
.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra in legno colorato "Sant'Antonio di Padova" - altezza 60 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525014474
Prezzo: € 1127.00

Descrizione:

Bellissima statua in legno colorato alta 60 cm e raffigurante Sant'Antonio di Padova.
La statua è dipinta a mano e la resa delicata dei colori contribuisce a dare valore al legno di fabbricazione, di cui sono ben visibili le venature.

In questa rappresentazione, Sant'Antonio e il Bambinello guardano entrambi nella stessa direzione con fare contemplativo.
Gesù tiene tra le mani un uovo azzurro, simbolo della Risurrezione.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra in legno naturale "Sant'Antonio di Padova" - altezza 30 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525004994
Prezzo: € 164.50

Descrizione:

Bellissima statua in legno naturale alta 30 cm e raffigurante Sant'Antonio di Padova.

In questa rappresentazione, Sant'Antonio guarda il Bambinello con fare protettivo. Gesù tocca il mento del Santo con la dolcezza che solo un fanciullo sa trasmettere.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra in resina bianca "Sant'Antonio di Padova" - altezza 50 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525007551
Prezzo: € 127.70

Descrizione:

Statua alta 50 cm realizzata in resina bianca e raffigurante il Santo di Padova.
La finitura in resina bianca rende la statua molto elegante e l'occhio non manca di apprezzare i molti dettagli della lavorazione, dal chiaroscuro del panneggio, all'aspetto dei volti alla resa dei movimenti di Sant'Antonio e del Bambinello.

Il santo poggia su una base ed è raffigurato con i simboli classici che lo rappresentano: il giglio, la Bibbia e il Bambinello.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra processionale "Sant'Antonio di Padova" - altezza 150 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525008534
Prezzo: € 8694.00

Descrizione:

Statua sacra da processione e da altare realizzata in legno dipinto a mano raffigurante il Santo di Padova.

Si tratta della rappresentazione classica del Santo, con il Bambinello benedicente tra le braccia e lo sguardo amorevole assorto e meditativo.
Il Santo poggia i piedi su un basamento quadrato. 
La stesura del colore lascia intravedere le venature del legno.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua sacra in legno di tiglio patinato "Sant'Antonio di Padova" - altezza 80 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525014849
Prezzo: € 2990.00

Descrizione:

Questa statua alta 80 cm raffigura il Santo di Padova ed è realizzata in legno di tiglio patinato.
Molto elegante il gioco di luci ed ombre creato dal panneggio della veste di Sant'Antonio, rappresentato nella posa classica che lo vede con il Bambinello tra le braccia.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "Madonna di Fatima" - altezza 23 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016887
Prezzo: € 121.00

Descrizione:

Raffinata ed elegante statua di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Fatima. I piedi scalzi della Vergine poggiano su una nuvoletta che, a sua volta, è adagiata su una base che reca la scritta in colore oro "Fatima". La veste e il velo della Madonna sono bianchi, bordati d'oro. Il velo, che scende fino ai piedi, è impreziosito da ricami dorati che donano luminosità e regalità al drappeggio. Il rosario al collo della Vergine, un'unica stella posta in fondo alla veste e le mani giunte in preghiera completano i simboli attribuiti alla Madonna di Fatima dall'iconografia classica. La sapiente stesura del colore rende le pieghe della veste estremamente realistiche, così come lo sguardo rivolto verso l'osservatore trasmette tutta la sua tenerezza.

Nostra Signora di Fatima è uno degli appellativi con cui la Chiesa cattolica venera Maria in seguito alle apparizioni iniziate il 13 maggio 1917 che ebbero come protagonisti tre pastorelli portoghesi, Lucia dos Santos, Jacinta Marto e Francisco Marto. Nel 1930 la Chiesa cattolica proclamò il carattere soprannaturale delle apparizioni e ne autorizzò il culto.
Soltanto nel 2000 la Chiesa ha autorizzato la diffusione del terzo ed ultimo segreto di Fatima, un messaggio rivelato dalla Madonna ai bambini durante le apparizioni. Secondo la dottrina cattolica i segreti appartengono alle rivelazioni private e fanno parte di un unico messaggio diviso in tre momenti differenti.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta "Nostra Signora di Fatima con pastorelli" - altezza 23 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016894
Prezzo: € 141.00

Descrizione:

Graziosa statua di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Fatima con i tre pastorelli, Francisco, Jacinta e Lucia, in adorazione.
La composizione di figure poggia su una base di forma ottagonale color legno. La Vergine è raffigurata secondo l'iconografia classica, con la veste ed il velo bianchi bordati d'oro e una greca ad impreziosire quest'ultimo. Completano la sua rappresentazione il rosario al collo e le mani giunte in preghiera. I tre pastorelli sono inginocchiati ai suoi piedi e i loro sguardi sono rivolti alla Madonna in segno di adorazione.

Nostra Signora di Fatima è uno degli appellativi con cui la Chiesa cattolica venera Maria in seguito alle apparizioni iniziate il 13 maggio 1917 che ebbero come protagonisti tre pastorelli portoghesi, Lucia dos Santos, Jacinta Marto e Francisco Marto. Nel 1930 la Chiesa cattolica proclamò il carattere soprannaturale delle apparizioni e ne autorizzò il culto.
Soltanto nel 2000 la Chiesa ha autorizzato la diffusione del terzo ed ultimo segreto di Fatima, un messaggio rivelato dalla Madonna ai bambini durante le apparizioni. Secondo la dottrina cattolica i segreti appartengono alle rivelazioni private e fanno parte di un unico messaggio diviso in tre momenti differenti.

L'immagine della Madonna di Fatima che oggi conosciamo è quella che è stata realizzata da José Ferreira Thedim nel 1920 seguendo le indicazioni di suor Lucia testimone, insieme a due fratelli Jacinta e Francisco Marto, delle apparizioni della Vergine a partire dal 1917.
La Madonna è sospesa a piedi scalzi su una nuvola e una preziosa veste bianca bordata da una greca dorata le cinge il capo ed il corpo. Un rosario è appeso al braccio destro e le mani sono giunte in preghiera. Una corona di dodici stelle le cinge il capo circonfuso da un nimbo di luce bianca.
Ai suoi piedi alcune rose in fiore sembrano tornare in vita grazie alla sua presenza. I tre ragazzini sono di fronte a Maria e pregano, in un paesaggio bucolico in cui la luce emanata dalla Madonna ha fatto diradare le nuvole.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "Madonna di Medjugorjie" - altezza 20 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016900
Prezzo: € 134.00

Descrizione:

Raffinata ed elegante statua di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Medjugorjie.
L'intera figura poggia su in piedistallo ottagonale in legno, color marrone, bordato d'oro. I piedi nudi della Vergine poggiano su una nuvola e un drappo riporta la scritta "MIR", a ricordo dell'episodio miracoloso in cui nel cielo di Medjugorje apparvero queste lettere, il cui significato è "Pace". Il velo e la tunica bianchi, bordati d'oro, sono finemente colorati e sembrano mossi da un alito di vento. La posizione delle mani della Vergine sono simili a quelle del Sacro Cuore di Gesù: la mano destra tocca il petto, mentre la sinistra è tesa in avanti con il palmo rivolto verso l'alto, in segno di accoglienza.

Medjugorje è una cittadina dell'attuale Bosnia-Erzegovina, diventata meta dei pellegrinaggi di fedeli provenienti da tutto il mondo in seguito alle apparizioni mariane iniziate il 24 giugno 1981 e tuttora in corso.
Tra il 1984 e il 1985 la Madonna avrebbe rivelato dieci segreti, ovvero rivelazioni sul futuro, e da allora il messaggio di pace della Vergine si è diffuso in tutto il mondo tramite i suoi veggenti.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in fibra di vetro dipinta a mano "Madonna delle Grazie - Immacolata" - altezza 120 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525000835
Prezzo: € 3059.00

Descrizione:

Statua della Madonna delle grazie in fibra di vetro colorata a mano . Il manto blu e il vestito bianco, il mondo con la luna e le stelle sotto alla Vergine, il serpente schiacciato dalla "Tutta bella" attribuiscono alla raffigurazione anche il titolo di Immacolata. La statua si presenta molto slanciata e ben proporzionata nelle varie parti.

Maria incarna la Grazia per eccellenza, ovvero Gesù: da qui l’appellativo di “Madre della Divina Grazia”. Tuttavia è anche colei che intercede per noi presso Dio facendoci ottenere tutte le Grazie. Nel calendario liturgico cattolico non esiste una data festiva dedicata alla Madonna delle Grazie, ma questo titolo lo si trova associato a varie feste mariane.

L'Immacolata Concezione è un dogma cattolico, proclamato da papa Pio IX l'8 dicembre 1854, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento; tale dogma non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria. La Chiesa cattolica celebra la solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria l'8 dicembre. Nella devozione cattolica l'Immacolata è collegata con le apparizioni di Lourdes (1858) e iconograficamente con le precedenti apparizioni di Rue du Bac a Parigi (1830).
Il tema pittorico dell’Immacolata trova nascita nell’Italia meridionale e particolare diffusione in Spagna. Siamo alla fine del Quattrocento.
Ecco l'iconologia attribuita all'Immacolata: 'Signora nel fiore' della sua età, una donna molto giovane con tonaca bianca e manto blu; 'vestita di sole', un sole ovale ocra e bianco, che circondi tutta l’immagine, unito dolcemente con il cielo; una 'corona di stelle', dodici stelle simboliche; serafini e angeli; la presenza di un dragone o di un serpente la cui testa è schiacciata dalla Madonna. Tali segni rappresentativi sono tratti dal libro dell'Apocalisse di san Giovanni apostolo della Bibbia.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno "Madonna di Lourdes" stilizzata - altezza 23 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016863
Prezzo: € 151.00

Descrizione:

Originale ed elegante statua di medie dimensioni, completamente realizzata in legno e dipinta a mano nei dettagli che la compongono. La sagoma, sinuosa, richiama quella della Madonna di Lourdes, con il suo velo bianco bordato d'oro a cingerle il capo, e le rose fiorite ai suoi piedi. I colori delicati, sulle tinte pastello, che caratterizzano l'intera figura, sono ravvivati dalla bordatura dorata e dal particolare rosso dei fiori alla base.

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "Immacolata" - altezza 15 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8055969458135
Prezzo: € 40.30

Descrizione:

Graziosa statuina in resina colorata raffigurante l'Immacolata.

La statua è dipinta a mano nei colori mariani per eccellenza, il bianco e l'azzurro.
La veste bianca, colore della purezza, è bordata d'oro e avvolta da un manto azzurro ben drappreggiato.
Una fusciacca azzurra cinge la vita della Madonna.

Maria tiene le mani aperte in segno di accoglienza verso i fedeli e il suo volto sereno trasmette pace e quite a chi la osserva.

L'Immacolata Concezione è un dogma cattolico, proclamato da papa Pio IX l'8 dicembre 1854, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento; tale dogma non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria. La Chiesa cattolica celebra la solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria l'8 dicembre. Nella devozione cattolica l'Immacolata è collegata con le apparizioni di Lourdes (1858) e iconograficamente con le precedenti apparizioni di Rue du Bac a Parigi (1830).
Il tema pittorico dell’Immacolata trova nascita nell’Italia meridionale e particolare diffusione in Spagna. Siamo alla fine del Quattrocento.
Ecco l'iconologia attribuita all'Immacolata: 'Signora nel fiore' della sua età, una donna molto giovane con tonaca bianca e manto blu; 'vestita di sole', un sole ovale ocra e bianco, che circondi tutta l’immagine, unito dolcemente con il cielo; una 'corona di stelle', dodici stelle simboliche; serafini e angeli; la presenza di un dragone o di un serpente la cui testa è schiacciata dalla Madonna. Tali segni rappresentativi sono tratti dal libro dell'Apocalisse di san Giovanni apostolo della Bibbia.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "San Michele arcangelo" - altezza 19 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8055969458227
Prezzo: € 49.50

Descrizione:

Bellissima statua di medie dimensioni realizzata in resina colorata e raffigurante l'arcangelo Michele.

San Michele poggia su un piedistallo ed è raffigurato nell'atto di sconfiggere il demonio, così come ce lo trasmette l'iconografia classica.

San Michele è rappresentato come un guerriero a difesa della fede in Dio, così come lo descrivono i passi dell'Apocalisse. Viene solitamente rappresentato con delle splendide ali luminose. Nella mano destra cinge una spada con cui sconfigge il demonio, a cui sta calpestando la testa con il piede sinistro.
È il comandante delle milizie celesti contro le orde di angeli caduti capitanati da Lucifero.
Spesso nella mano sinistra tiene una bilancia con cui, la tradizione narra, pesa le anime. Il nome Michele deriva dall'espressione “Mi-ka-El”, che significa "chi è come Dio?".



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno "Madonna delle Grazie con raggi e corona" - altezza 24 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599017396
Prezzo: € 222.00

Descrizione:

Bellissima rappresentazione in legno dipinto a mano della Madonna con un'attenzione particolare a tutta la simbologia che la tradizione le attribuisce. La raffigurazione è simile a quella della Madonna Miracolosa e all'Immacolata. Il manto blu e la tunica bianca, entrambi impreziositi dai dettagli color oro, il cielo stellato, la testa del serpente schiacciata dalla vergine, le braccia aperte con i palmi rivolti al cielo in segno di accoglienza sono le caratteristiche peculiari di questa statua. A dare maggior enfasi alla natura regale e santa della Vergine troviamo la corona posta sul capo e realizzata finemente e i raggi dorati che si dipartono dalle mani.

La sagoma è posta su un piedistallo di forma ottagonale realizzato in legno.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "Sacro Cuore di Maria" - altezza 23 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599017402
Prezzo: € 139.00

Descrizione:

Raffinata statua di medie dimensioni realizzata in legno e dipinta a mano, raffigurante la Vergine nella sua rappresentazione più conosciuta. con il manto blu bordato oro, la tunica bianca e la fusciacca anch'essa color oro. Ai suoi piedi un cielo stellato, a ricordarne la natura celeste, e la testa di un serpente che lei stessa schiaccia con il piede. Le braccia, aperte in segno di accoglienza, e le mani, con i palmi rivolti verso l'alto, sono l'invito ad avvicinarsi alla sua figura e alla sua venerazione. Sul petto è visibile il Cuore Immacolato di Maria, circondato da una corona di fiori bianchi. Sopra il cuore è visibile la Fiamma d’Amore del Cuore Immacolato di Maria, splendente e ardente.

La statua poggia su un piedistallo di forma ottagonale anch'esso realizzato in legno.

La devozione cattolica al Cuore Immacolato di Maria si deve a Giovanni Eudes e risale alla metà del 1600 circa.
Soltanto dopo l’introduzione della festa del Sacro Cuore di Gesù nel 1765 fu concessa da Roma la possibilità di celebrare il Sacro Cuore di Maria.
Nel 1805 ne è stata istituita la festività e il Culto del Cuore Immacolato di Maria ha ricevuto un forte impulso dopo le apparizioni di Fatima del 1917.
Tuttavia è a papa Pio XII che se ne deve la diffusione su larga scala durante la Seconda guerra mondiale.
Il Cuore Immacolato di Maria è solitamente rappresentato circondato da una corona di fiori, simbolo di purezza.
Il cuore di Maria è depositario delle parole di Dio, che vanno ascoltate, conservate, vissute e meditate: Maria ci indica come la meditazione, la preghiera ed il silenzio siano le strade maestre per la comprensione di Dio.

Questo l’atto di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria:

Cuore Immacolato di Maria,
Modello perfetto di santità, prendici, trasformaci a tua immagine.
Purifica e libera il nostro cuore da ogni ostacolo alla santità.
Che, liberato da noi stessi e da ogni altra seduzione,
Tu ci possa rendere ricchi di Te, delle virtù del Tuo Cuore Immacolato.
E guidaci a quella intimità divina che Tu solo conosci,
e che sola può colmare l'immenso bisogno d'amoree d'unione che Dio ci ha messo nel cuore.
Attendiamo da Te, con fiducia, questa grazia di santità...
e affidiamo il nostro destino eterno al Tuo Cuore Immacolato.
Amen.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "Maria Rosa Mistica" - altezza 20 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599017426
Prezzo: € 129.00

Descrizione:

Raffinata statua di medie dimensioni, completamente realizzata in legno e dipinta a mano, raffigurante Maria Rosa Mistica. 

Maria si presenta scalza, vestita di una tunica bianca e di un mantello bordato d'oro, con le tre rose apposte sul petto come vuole la tradizione. Le mani giunte e la testa lievemente chinata rimandano ad un atteggiamento di preghiera e di tenerezza.

La Vergine poggia su un piedistallo, anch'esso realizzato in legno, su cui campeggia in maiuscolo e color oro la scritta "Maria Rosa Mystica".

Presso gli Ebrei la rosa era il simbolo della bellezza perfetta. Nulla le si poteva aggiungere. Quando si voleva descrivere la bellezza più pura, armoniosa, di incanto, non mancava mai la rosa. La tradizione cristiana ha voluto così attribuire alla Madre di Dio il titolo di rosa mistica, invocato nelle litanie lauretane ("Rosa mistica, prega per noi").

Ricordiamo inoltre che Maria Rosa Mistica è l'appellativo che è stato dato alla Madonna apparsa tra il 1944 ed il 1947 a Fontanelle di Montichiari alla mistica Pierina Gilli.
Pierina descrisse così la visione: «Una bellissima Signora, come trasparente, vestita di color viola e un velo che le copriva la testa e le scendeva fino ai piedi di color bianco, teneva le braccia aperte e così si potevano vedere tre spade che le erano confitte al petto in corrispondenza del cuore».
Beata Suor Maria Rosa, apparsa a Pierina assieme alla Vergine, chiese che in ogni comunità tre suore si offrano come altrettante rose: «Prima, Rosa Bianca, e cioè spirito di preghiera per riparare le offese che danno a N. Signore le religiose che tradiscono la vocazione. Seconda, Rosa Rossa, e cioè spirito di sacrificio per riparare le offese che danno a N. Signore le religiose che vivono in peccato mortale. Terza, Rosa Gialla-oro, cioè spirito di immolazione totale per riparare le offese che danno a N. Signore i sacerdoti Giuda, ed in particolare per la santificazione dei sacerdoti. Queste tre rose saranno quelle che faranno cadere le tre spade dai Cuori Ss.mi di Gesù e di Maria».
Ecco il significato delle tre rose sul petto di Maria Rosa Mistica.
Le apparizioni non hanno ancora ricevuto approvazione e riconoscimento ecclesiastico, essendo ancora in corso l'esame da parte dell'autorità competente. Questo culto di Maria “Rosa Mistica” è invece stato approvato, avendo la Chiesa riconosciuto la bontà dei frutti di fede, carità e preghiera che la devozione sorta a Fontanelle di Montichiari ha portato nel corso degli anni.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "Madonna di Lourdes" - altezza 23 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016825
Prezzo: € 119.00

Descrizione:

Raffinata statua in legno di medie dimensioni raffigurante la Madonna di Lourdes. La Vergine è scalza e poggia i piedi su una roccia in cui è incisa la scritta "Lourdes". La stesura del colore e le increspature date dalla scultura rendono questa roccia estremamente realistica. Sul bordo inferiore della tunica bianca, cinta in vita da una fusciacca azzurra, ci sono due rose finemente realizzare. La tunica è bordata in oro, e dal velo che ricopre la testa, anch'esso bordato in oro, emergono i capelli della Vergine ad incorniciarle il volto. Sul braccio destro è presente il rosario, così come nella raffigurazione classica. La sapiente stesura del colore restituisce alla statua un grande realismo, visibile soprattutto nelle pieghe della stoffa del vestito, donando alla Vergine un'aspetto regale ma delicato.

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.

 

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU