Articoli religiosi

Varie - Santi E Patroni



Titolo: "Card pvc con preghiera "San Michele Arcangelo""
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859019243
Prezzo: € .52

Descrizione:

Piccola card in pvc raffigurante San Michele Arcangelo.

Sul retro in pigmento nero su sfondo grigio chiaro è possibile leggere la preghiera all'arcangelo:

San Michele Arcangelo,
difendici nella battaglia;
contro le malvagità
e le insidie del diavolo
sii nostro aiuto.
Ti preghiamo supplici:
che il Signore lo comandi!
E tu, principe delle milizie
celesti, con la potenza
che ti viene da Dio,
ricaccia nell'inferno Satana
e gli altri spiriti maligni,
che si aggirano per il mondo
a perdizione delle anime.

San Michele è rappresentato come un guerriero a difesa della fede in Dio, così come lo descrivono i passi dell'Apocalisse. Viene solitamente rappresentato con delle splendide ali luminose. Nella mano destra cinge una spada con cui sconfigge il demonio, a cui sta calpestando la testa con il piede sinistro.
È il comandante delle milizie celesti contro le orde di angeli caduti capitanati da Lucifero.
Spesso nella mano sinistra tiene una bilancia con cui, la tradizione narra, pesa le anime. Il nome Michele deriva dall'espressione “Mi-ka-El”, che significa "chi è come Dio?".

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card pvc con preghiera "San Giuseppe con il Bambino""
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859029617
Prezzo: € .52

Descrizione:

Piccola card in pvc raffigurante San Giuseppe e il Bambinello.

Sul retro è possibile leggere la preghiera al santo:

A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione
ricorriamo, e fiduciosi invochiamo
il tuo patrocinio dopo quello 
della tua santissima Sposa.
Proteggi o prrovido Custode della divina Famiglia,
l'eletta prole di Gesù Cristo.

L'immagine di san Giuseppe con il bambino in braccio evidenzia l'importanza e la dignità del ruolo paterno del Padre putativo di Gesù e di tutti noi, in passato spesso sminuite.
Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries: «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

San Giuseppe, sposo di Maria Vergine, e padre putativo di Cristo, viene menzionato poche volte nei Vangeli, che lo qualificano come tecton, l'artigiano. Le sue vicende sono state narrate più diffusamente dai Vangeli apocrifi. Gli evangelisti citano Giuseppe negli episodi relativi all'infanzia di Gesù, ma non ne parlano a proposito della vita pubblica di Cristo.
Nei Vangeli apocrifi si racconta che Giuseppe (anziano e vedovo) era tra i pretendenti della Madonna: i sacerdoti fecero collocare le verghe dei dodici pretendenti nel tempio; il giorno successivo quella di Giuseppe era miracolosamente fiorita e vi si era posata sopra una colomba. Proprio da questo episodio trae origine il suo attributo iconografico più frequente, il giglio, il quale sarebbe la trasformazione della verga fiorita.

Nel Vangelo di Matteo leggiamo che a Giuseppe viene attribuito il titolo di "giusto". Giuseppe aveva deciso di separarsi da Maria dopo aver scoperto che aveva concepito per opera dello Spirito Santo. Tale decisione non era dettata da un sospetto, ma esprimeva il rispetto verso l'azione e la Presenza di Dio, tale da spiegare la fiducia che gli venne conseguentemente accordata, per mezzo dell'angelo, di tenere con sé la sua sposa e di fare da padre a Gesù.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immaginetta plastificata con preghiera "San Giuseppe lavoratore" - dimensioni 6x10 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400299229
Prezzo: € .76

Descrizione:

Card plastificata dalle linee classiche raffigurante San Giuseppe lavoratore. Il materiale la rende resistente all'usura.

Sul retro è possibile leggere la preghiera al santo:

O San Giuseppe,
padre putativo di Gesù e sposo purissimo di Maria,
che a Nazareth hai conosciuto la dignità e il peso del lavoro,
accettandolo in ossequio alla volontà del Padre e per contribuire alla nostra salvezza,
aiutaci a fare del lavoro quotidiano un mezzo di elevazione;
insegnaci a fare del luogo di lavoro una "Comunità di persone",
unita dalla solidarietà e dall'amore;
dona a tutti i lavoratori e alle loro famiglie, la salute, la serenità e la fede;
fa' che i disoccupati trovino presto una dignitosa occupazione
e che coloro che hanno onorato il lavoro per una vita intera,
possano godere un lungo e meritato riposo.
Te lo chiediamo per Gesù, nostro Redentore,
e per Maria, Tua castissima Sposa e nostra carissima Madre.

Amen

L'immagine di san Giuseppe con il bambino in braccio evidenzia l'importanza e la dignità del ruolo paterno del Padre putativo di Gesù e di tutti noi, in passato spesso sminuite.
Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries: «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

San Giuseppe, sposo di Maria Vergine, e padre putativo di Cristo, viene menzionato poche volte nei Vangeli, che lo qualificano come tecton, l'artigiano. Le sue vicende sono state narrate più diffusamente dai Vangeli apocrifi. Gli evangelisti citano Giuseppe negli episodi relativi all'infanzia di Gesù, ma non ne parlano a proposito della vita pubblica di Cristo.
Nei Vangeli apocrifi si racconta che Giuseppe (anziano e vedovo) era tra i pretendenti della Madonna: i sacerdoti fecero collocare le verghe dei dodici pretendenti nel tempio; il giorno successivo quella di Giuseppe era miracolosamente fiorita e vi si era posata sopra una colomba. Proprio da questo episodio trae origine il suo attributo iconografico più frequente, il giglio, il quale sarebbe la trasformazione della verga fiorita.

Nel Vangelo di Matteo leggiamo che a Giuseppe viene attribuito il titolo di "giusto". Giuseppe aveva deciso di separarsi da Maria dopo aver scoperto che aveva concepito per opera dello Spirito Santo. Tale decisione non era dettata da un sospetto, ma esprimeva il rispetto verso l'azione e la Presenza di Dio, tale da spiegare la fiducia che gli venne conseguentemente accordata, per mezzo dell'angelo, di tenere con sé la sua sposa e di fare da padre a Gesù.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.




VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immaginetta plastificata con preghiera "Santissima Trinità" - dimensioni 6x10 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400298765
Prezzo: € .76

Descrizione:Card plastificata dalle linee classiche raffigurante la Santissima Trinità. Il materiale la rende resistente all'usura.

Sul retro è possibile leggere la seguente preghiera:

Satnissima Trinità,
Padre, Figlio e Spirito Santo,
io ti offro il Preziosissimo Corpo,
Sangue, Anima e Divinità
di nostro Signore Gesù Cristo,
presente in tutti i tabernacoli del mondo,
in riparazione degli oltraggi che ti offendono.
Per i meriti infiniti del Suo Cuore Santissimo
e per l'intercessione del Cuore Immacolato di Maria,
ti prego di concedermi la sincera conversione del cuore.

La raffigurazione ripropone fedelmente l'icona di Andrej Rublëv, realizzata in un periodo non meglio definito tra il 1411 e il 1430.
L'opera - definita "icona delle icone" - ad oggi è conservata nella Galleria statale di Tret'jakov, a Mosca.
Fu dipinta nel monastero Andronikov in memoria di san Sergio di Radonez, che la considerava simbolo di pace e concordia.
È un capolavoro di bellezza ineguagliabile, ricco di simboli e rimandi teologici, uno su tutti quello della Trinità, concetto che le correnti eretiche in voga fino al 1600 non riconoscevano come dogma. Rublev riprende l'episodio biblico dell'ospitalità di Abramo, in cui la Trinità gli fa visita e gli promette una discendenza [Genesi 18,1-3]. Per questo motivo la Chiesa orientale chiama questa icona "philoxenia", ovvero "ospitalità". Diverse sono le attribuzioni ai soggetti raffigurati, ma lo scopo dell’icona è di rappresentare l’unità spirituale della triade, che si tratti di tre angeli o di Dio Padre, di Gesù e dello Spirito Santo.
Nonostante l’uso della prospettiva, lo spazio risulta poco profondo e quasi bidimensionale, inoltre i protagonisti risultano tutti della stessa grandezza e sono disposti a formare un cerchio. I loro volti sono giovanili e non presentano i tratti somatici tipici dell'uno o dell'altro sesso: in Dio, Uno e Trino, maschio e femmina sono tutt'uno.
Sullo sfondo sono raffigurate la tenda di Abramo, la quercia presso Mamre e la montagna. L'armonia e la comunione d'intenti è visibile anche nella somiglianza di atteggiamento e modo di vestire dei tre protagonisti.
Il piatto di vitello offerto da Abramo al centro del tavolo rappresenta il banchetto eucaristico: il vassoio-calice indica il sacrificio di Cristo.
Il bastone del pellegrino in mano ai personaggi simboleggia la missione salvifica di Dio per mezzo di Cristo e dello Spirito Santo nei confronti dell'umanità. L'espressione triste e mesta di Cristo indica la consapevolezza del proprio sacrificio Importante l’uso dei colori, ben equilibrati fra loro: il rosa-oro ricorda il manto imperiale, l’oro rappresenta la luce divina, il rosso il sacrificio di Cristo, il verde la vita creata da attribuirsi allo Spirito Santo e il blu la trascendenza, l’eternità  e la verità divine.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.




VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immaginetta plastificata con preghiera "Santa Chiara" - dimensioni 6x10 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400205916
Prezzo: € .76

Descrizione:

Card plastificata dalle linee classiche raffigurante il Santa Chiara. Il materiale la rende resistente all'usura.

Sul retro è possibile leggere la preghiera a Santa Chiara:

O amabile Santa Chiara,
Tu che, ricalcando le orme della Vergine Maria
sei stata madre nel Corpo mistico di Cristo,
donaci il tuo amore per la Chiesa,
per tutti i fratelli.
Tu che, nelle tue ultime parole,
hai benedetto il Signore per averti creata,
ottienici di comprendere il grande dono della vita;
intercedi per le nostre famiglie la concordia,
la laboriosità serena,
la gioia di stare insieme
e fa' che un giorno possiamo raggiungerti
per lodare e cantare eternamente con te
le misericordie del Signore.
Amen

Santa Chiara d'Assisi, nata Chiara Scifi (Assisi, 1193 circa – Assisi, 11 agosto 1253) nacque da una famiglia nobile. Rimase profondamente affascinata dalle prediche e dalla vita di San Francesco d'Assisi, che la consacrò al Signore, tagliandole i bellissimi capelli biondi e rivestendola di un saio, davanti all'altare della Vergine, alla Porziuncola. Chiara si ritirò nel monastero annesso alla chiesetta di San Damiano e lì visse per tutta la vita, fondando l'ordine delle Sorelle Povere, diventate dopo la sua morte le Clarisse.
Chiara e le sue compagne vivevano del loro lavoro in assoluta povertà. La Santa dormiva per terra, con un sasso di fiume come cuscino. San Francesco la considerava la figlia prediletta e la sorella spirituale alla quale chiedere consiglio.
Papa Alessandro IV la canonizzò nel 1255.
Viene spesso rappresentata con il giglio in mano, simbolo di purezza.

Si festeggia l'11 agosto. È protettrice dei vetrai, delle lavandaie, delle stiratrici, della televisione e delle telecomunicazioni.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card pvc con preghiera "Sant'Antonio di Padova""
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859011001
Prezzo: € .52

Descrizione:

Piccola card in pvc raffigurante Sant'Antonio di Padova.

Sul retro è possibile leggere la preghiera al santo:

O gran Santo, chiamato comunenmente il Santo di Padova
ma degno di essere nominato il Santo del mondo,
perché in ogni terra si onora il vostro merito,
e tanti altari s'alzano al vostro nome,
quanti sono i cuori degli uomini, deh!
non isdegnate di ricevere anche i piccoli tributi della mia divozione
e d'accogliermi sotto il vostro patrocinio.
Voi che di frequente stringeste nelle braccia il Celeste Bambino,
e vel'accostaste al seno,
riconducetelo in questo mio cuore,
donde più volte l'ho scacciato peccando;
ma che non parta mai più dandomi
perseveranza in servirlo,
e gratitudine in riamarlo.

Il santo indossa il canonico saio francescano con cappuccio, cinto in vita da un cordiglio che presenta tre nodi e che ha appesa la corona dei sette gaudi sul fianco sinistro. Il giglio rappresenta la purezza del santo e la lotta contro il male, mentre la presenza di Gesù Bambino ricorda la visione che Antonio ebbe a Camposampiero, oltre al suo attaccamento all'umanità del Cristo e all'intimità con Dio.
Il libro simboleggia la sua scienza, la sua dottrina, la sua predicazione e il suo insegnamento sempre ispirato al Libro per eccellenza, la Bibbia.

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.

Il suo culto è tra i più diffusi nella fede cattolica e la sua festività cade il 13 giugno.

Antonio di Padova, noto in Portogallo come Antonio da Lisbona (in portoghese António de Lisboa), al secolo Fernando Martins de Bulhões (Lisbona, 15 agosto 1195 – Padova, 13 giugno 1231), è stato un religioso e presbitero portoghese appartenente all'Ordine francescano, proclamato santo da papa Gregorio IX nel 1232 e dichiarato dottore della Chiesa nel 1946.
Entrò a 15 anni in monastero nell'ordine degli agostiniani. Dopo aver visto tornare a Coimbra i cinque corpi dei frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare, decise di entrare nell'ordine dei Minori mutando il suo nome in Antonio, per diffondere la fede tra i popoli dell'Africa.
Abile oratore, su indicazione di Francesco predicò molto anche in Romagna, in Italia settentrionale e in Francia, finché non approdò a Padova, dove morì il 13 giugno 1231, all'età di soli 36 anni. Rapidamente canonizzato (in meno di un anno), il suo culto è ancora oggi fra i più diffusi del cattolicesimo.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Bracciale decina di San Benedetto in legno nero - grani tondi 1 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400210750
Prezzo: € 6.30

Descrizione:

Decina di San Benedetto di grandi dimensioni con legatura in corda e grani in legno nero di 1 cm di diametro.
I grani sono lucidi e la corda che funge da legatura è anch'essa di colore nero. Al posto della crocera una medaglia di San Benedetto raffigurante da un lato l'effigie del santo in un ciondolo argentato a sua volta circondato da una rondella in legno nero. Sul retro la classica medaglia.

Le origini della medaglia di San Benedetto sono antichissime e risalgono a Papa Benedetto XIV. 
Sul diritto della medaglia San Benedetto tiene nella mano destra una croce elevata verso il cielo e nella sinistra il libro aperto della santa Regola. Lungo il perimetro sono coniate queste parole: “EIUS IN OBITU NOSTRO PRESENTIA MUNIAMUR”, ovvero “Possiamo essere protetti dalla Sua presenza nell'ora della nostra morte”.

Sul rovescio della medaglia figura la croce di San Benedetto e le iniziali C, S, P, BLa devozione della Medaglia o Croce di San Benedetto divenne popolare intorno al 1050 dopo la guarigione miracolosa del giovane Brunone, figlio del conte Ugo di Eginsheim in Alsazia. La sua diffusione cominciò a seguito di un processo per stregoneria tenutosi in Baviera nel 1647 e che portò, negli anni successivi, alla trascrizione delle iniziali che ancora oggi si trovano impresse sulla medaglia.

Acronimi presenti sul retro della Medaglia:

C.S.S.M.L.: Che la Croce Santa sia la mia Luce
N.D.S.M.D.: Che il demonio non sia il mio capo
V.R.S.: Allontanati, Satana!
N.S.M.V.: Non mi persuaderai di cose malvagie
S.M.Q.L.: Ciò che mi presenti è cattivo
I.V.B.: Bevi tu stesso i tuoi veleni

Il bracciale è confezionato in una raffinata scatolina in cartone componibile che sul fronte ha disegnata la medaglia di San Benedetto e sul retro ha l'immagine del santo.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "San Giuseppe con bambino" - altezza 11 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599018218
Prezzo: € 51.50

Descrizione:

Pregiata e raffinata statua dipinta a mano raffigurante san Giuseppe con il bambino.
La sapiente stesura del colore rende la composizione estremanente realistica. I colori intensi e le tonalità tenui conferiscono all'immagine una particolare tenerezza e tranquillità, sottolineate dal dolce sguardo che san Giuseppe e Gesù bambino rivolgono all'osservatore.

L'immagine di san Giuseppe con il bambino in braccio evidenzia l'importanza e la dignità del ruolo paterno del Padre putativo di Gesù e di tutti noi, in passato spesso sminuite.
Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries: «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "San Giuseppe con bambino" - altezza 17 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599018225
Prezzo: € 83.00

Descrizione:

Pregiata e raffinata statua dipinta a mano raffigurante san Giuseppe con il bambino.

La sapiente stesura del colore rende la composizione estremanente realistica. I colori intensi e le tonalità tenui conferiscono all'immagine una particolare tenerezza e tranquillità, sottolineate dal dolce sguardo che san Giuseppe e Gesù bambino rivolgono all'osservatore.

L'immagine di san Giuseppe con il bambino in braccio evidenzia l'importanza e la dignità del ruolo paterno del Padre putativo di Gesù e di tutti noi, in passato spesso sminuite.
Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries: «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "San Giuseppe con bambino" - altezza 45 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599018256
Prezzo: € 507.00

Descrizione:

Pregiata e raffinata statua dipinta a mano raffigurante san Giuseppe con il bambino.

La sapiente stesura del colore rende la composizione estremanente realistica. I colori intensi e le tonalità tenui conferiscono all'immagine una particolare tenerezza e tranquillità, sottolineate dal dolce sguardo che san Giuseppe e Gesù bambino rivolgono all'osservatore.

L'immagine di san Giuseppe con il bambino in braccio evidenzia l'importanza e la dignità del ruolo paterno del Padre putativo di Gesù e di tutti noi, in passato spesso sminuite.
Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries: «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "San Giuseppe con bambino" - altezza 34 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599018249
Prezzo: € 273.00

Descrizione:

Pregiata e raffinata statua dipinta a mano raffigurante san Giuseppe con il bambino.

La sapiente stesura del colore rende la composizione estremanente realistica. I colori intensi e le tonalità tenui conferiscono all'immagine una particolare tenerezza e tranquillità, sottolineate dal dolce sguardo che san Giuseppe e Gesù bambino rivolgono all'osservatore.

L'immagine di san Giuseppe con il bambino in braccio evidenzia l'importanza e la dignità del ruolo paterno del Padre putativo di Gesù e di tutti noi, in passato spesso sminuite.
Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries: «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in legno dipinta a mano "San Giuseppe con bambino" - altezza 23 cm"
Editore: Salcher Werner
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599018232
Prezzo: € 145.00

Descrizione:

Pregiata e raffinata statua dipinta a mano raffigurante san Giuseppe con il bambino.

La sapiente stesura del colore rende la composizione estremanente realistica. I colori intensi e le tonalità tenui conferiscono all'immagine una particolare tenerezza e tranquillità, sottolineate dal dolce sguardo che san Giuseppe e Gesù bambino rivolgono all'osservatore.

L'immagine di san Giuseppe con il bambino in braccio evidenzia l'importanza e la dignità del ruolo paterno del Padre putativo di Gesù e di tutti noi, in passato spesso sminuite.
Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries: «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

Questa statua è scolpita in legni pregiati di acero, noce, frassino, quercia e tiglio provenienti dalla Val Gardena - Italia, da sapienti mani di maestri artigiani specializzati da anni nella lavorazione del legno. Le rifiniture sono ad opera di maestri pittori che rendono ogni statua un esempio unico e un oggetto di pregio durevole nel tempo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "Immacolata" - altezza 20 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400001099
Prezzo: € 11.90

Descrizione:

Graziosa statua di medie dimensioni in resina colorata rappresentante l'Immacolata.

L'Immacolata Concezione è un dogma cattolico, proclamato da papa Pio IX l'8 dicembre 1854, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento; tale dogma non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria. La Chiesa cattolica celebra la solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria l'8 dicembre. Nella devozione cattolica l'Immacolata è collegata con le apparizioni di Lourdes (1858) e iconograficamente con le precedenti apparizioni di Rue du Bac a Parigi (1830).
Il tema pittorico dell’Immacolata trova nascita nell’Italia meridionale e particolare diffusione in Spagna. Siamo alla fine del Quattrocento.
Ecco l'iconologia attribuita all'Immacolata: 'Signora nel fiore' della sua età, una donna molto giovane con tonaca bianca e manto blu; 'vestita di sole', un sole ovale ocra e bianco, che circondi tutta l’immagine, unito dolcemente con il cielo; una 'corona di stelle', dodici stelle simboliche; serafini e angeli; la presenza di un dragone o di un serpente la cui testa è schiacciata dalla Madonna. Tali segni rappresentativi sono tratti dal libro dell'Apocalisse di san Giovanni apostolo della Bibbia.

La statua viene spedita imballata in uno strato di polistirolo e confezionata in una scatola con coperchio. 
Ciascuna facciata delle scatola è impreziosita dal dettaglio grafico di fiori colorati. 
L'immagine della statuetta compare intera sul retro della confezione e di profilo sul davanti.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "Madonna di Lourdes"- altezza 50 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480525011367
Prezzo: € 132.30

Descrizione:

Statua della Madonna di Lourdes in resina colorata.
La Vergine è scalza ed in piedi su una roccia da cui sgorga un ruscelletto. Indossa una tunica bianca con gli orli dorati, una fusciacca azzurra in vita ed un velo bianco bordato in oro.
Le mani sono giunte in preghiera e sul braccio destro è appoggiato un lungo rosario dorato. Due fiori dorati si trovano all'altezza dei piedi nella parte finale della veste.

Adatta anche ad ambienti esterni.

 

Nostra Signora di Lourdes (o Nostra Signora del Rosario o, più semplicemente, Madonna di Lourdes) è l'appellativo con cui la Chiesa cattolica venera Maria, in seguito alle apparizioni del 1858. Il nome della località si riferisce al comune francese di Lourdes, nel cui territorio - tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 - la giovane Bernadette Soubirous, contadina quattordicenne del luogo, riferì di aver assistito a diciotto apparizioni di una "bella signora" in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle. A proposito della prima, la giovane affermò: «Io scorsi una signora vestita di bianco. Indossava un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi».
Questa immagine della Vergine, vestita di bianco e con una cintura azzurra che le cingeva la vita, è poi entrata nell'iconografia classica.
Infatti, la Madonna è scalza su un piedistallo di roccia ed indossa una semplice veste bianca cinta in vita da una fusciacca azzurra - il colore mariano per eccellenza. Un velo bianco le copre il capo. Le mani sono giunte in preghiera e appeso al braccio destro c'è un lungo rosario dorato con grani e croce in oro. Due rose sono applicate sul davanti della parte finale della tunica.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Card pvc con preghiera "Maria che scioglie i nodi""
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859026524
Prezzo: € .52

Descrizione:

Piccola card in pvc raffigurante Maria che scioglie i nodi.

Sul retro è possibile leggere la preghiera alla Madonna:

Vergine Maria, Madre che non hai mai abbandonato un figliolo che grida aiuto,
Madre le cui mani lavorano senza sosta per i tuoi figli tanto amati,
perché sono spinte dall'amore divino e dall'infinita misericordia
che esce dal tuo cuore,
vogli verso di me il tuo sguardo pieno di compassione,
guarda il cumulo di 'nodi' che soffocano la mia vita.
Tu conosci la mia disperazione e il mio dolore.
Sai quanto mi paralizzano questi nodi e li ripongo tutti nelle tue mani.
Nessuno, neanche il demonio, può sottrarmi dal tuo aiuto misericordioso.
Nelle tue mani non c'è un nodo che non sia sciolto.
Vergine Madre, con la grazia e il tuo potere d'intercessione
presso tuo Figlio Gesù, mio Salvatore,
ricevi oggi questo 'nodo' (nominandolo se possibile).
Per la gloria di Dio ti chiedo di scioglierlo e di scioglierlo per sempre.
Spero in te. Sei l'unica consolatrice che il Padre mi ha dato.
Sei la fortezza delle miei deboli forze, la ricchezza delle mie miserie,
la liberazione da tutto ciò che m'impedisce di essere con Cristo.
Accogli la mia richiesta.
Preservarmi, guidami, proteggimi.
Sii il mio rifugio.
Maria, che sciogli i nodi, prega per me.

"Maria che scioglie i nodi" è il nome di un dipinto settecentesco realizzato da Schmidtner.
Da esso ha avuto origine una devozione mariana molto ricca nel tempo. Nella rappresentazione, Maria è al centro con indosso una tunica rossa, a simboleggiare la sua dimensione umana, sormontata da un manto blu, che ne indica la natura trascendente e divina. A destra un angelo le porge un filo pieno di nodi intrecciati, a sinistra un altro angelo lo raccoglie sciolto.
I nodi sciolti da Maria rappresentano le preghiere dei fedeli esaudite da Dio per intercessione della Vergine.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "San Giuseppe dormiente" - lunghezza 20 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400296556
Prezzo: € 14.64

Descrizione:

Statua in resina dipinta a mano raffigurante San Giuseppe dormiente.

L'articolo viene spedito in una confezione di cartoncino robusto che riporta l'immagine del santo sui lati della scatola. 
All'interno uno strato di polistirolo è posto a riparazione della statua.

San Giuseppe dormiente è un'immagine non molto comune e conosciuta in Europa, ma molto nota ai fedeli sudamericani. Si tratta di una rappresentazione molto cara a papa Francesco che ne ha diffuso la devozione negli ultimi anni.
San Giuseppe compare poche volte nei Vangeli e parte degli episodi più salienti li vive in sogno. Nel sonno riceve i messaggi di Dio, che lo avverte del pericolo rappresentato da Re Erode e lo raccomanda di amare e proteggere Maria e il Bambino. Nel sogno Giuseppe assume il suo ruolo di Padre putativo di Gesù e di tutti gli uomini.
Giuseppe è l’attento e tenero custode della Famiglia, l'uomo giusto, che accoglie e custodisce i misteri di Dio, come ha scelto consapevolmente di accettare e proteggere Maria, la donna che Dio ha voluto come madre santissima e immacolata del suo unico Figlio.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Iconcina in lamina d'argento e legno "S. Antonio con Gesù Bambino" - dimensioni 8x6 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400019971
Prezzo: € 9.20

Descrizione:

Quadretto a cappella in legno sintetico con placca in argento.
La cornice marrone è in legno sintetico ed è provvista, nella parte posteriore, di un sostegno sempre dello stesso materiale. 
La lamina d'argento raffigura Sant'Antonio da Padova in una classica posa devozionale che tiene tra le braccia Gesù bambino e tre gigli bianchi (simbolo del Santo). L'oggetto è provvisto di una confezione di plastica trasparente e di un certificato di garanzia.

Antonio di Padova, noto in Portogallo come Antonio da Lisbona (in portoghese António de Lisboa), al secolo Fernando Martins de Bulhões (Lisbona, 15 agosto 1195 – Padova, 13 giugno 1231), è stato un religioso e presbitero portoghese appartenente all'Ordine francescano, proclamato santo da papa Gregorio IX nel 1232 e dichiarato dottore della Chiesa nel 1946.
Entrò a 15 anni in monastero nell'ordine degli agostiniani. Dopo aver visto tornare a Coimbra i cinque corpi dei frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare, decise di entrare nell'ordine dei Minori mutando il suo nome in Antonio, per diffondere la fede tra i popoli dell'Africa.
Abile oratore, su indicazione di Francesco predicò molto anche in Romagna, in Italia settentrionale e in Francia, finché non approdò a Padova, dove morì il 13 giugno 1231, all'età di soli 36 anni. Rapidamente canonizzato (in meno di un anno), il suo culto è ancora oggi fra i più diffusi del cattolicesimo.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immagine Gesù bambino (10 pezzi)"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400005349
Prezzo: € 2.40

Descrizione:

Immagine sacra da collezione di Gesù bambino contornata da decorazioni dorate. Sul retro c'è la preghiera "Inno a Gesù bambino".



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immagine Presepe (10 pezzi)"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400005356
Prezzo: € 2.40

Descrizione:

Immagine sacra da collezione del Presepe contornata da decorazioni dorate. Sul retro c'è la "Preghiera dei Genitori".



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immagine Maria e Gesù (10 pezzi)"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400037319
Prezzo: € 2.40

Descrizione:

Immagine sacra da collezione di Maria che tiene tra le braccia Gesù contornata da decorazioni dorate. Sul retro c'è la preghiera "Ave Maria".



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Immagine Divina Misericordia (10 pezzi)"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400015461
Prezzo: € 2.40

Descrizione:

Immagine sacra da collezione di Gesù contornata da decorazioni dorate. Sul retro c'è la preghiera "Coroncina della Divina Misericordia".



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Statua in resina colorata "Madonna di Medjugorie" - altezza 20 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400119206
Prezzo: € 11.90

Descrizione:

Graziosa statua di medie dimensioni in resina colorata rappresentante la Madonna di Medjugorie.

La Madonna poggia su un piedistallo marrone e indossa un velo bianco e una tunica bianca, impreziosita dal collo bordato d''oro. Il drappeggio della veste è ben delineato e ai piedi della Vergine assume l'aspetto di una nuvola.
La disposizione delle mani ricorda quella tipica del Sacro Cuore di Gesù: la destra tocca il petto, mentre la sinistra è tesa in avanti con il palmo rivolto verso l'alto, in segno di accoglienza.
Il volto dai tratti serafici infonde serenità ed armonia in chi osserva la Vergine.

Medjugorje è una cittadina dell'attuale Bosnia-Erzegovina, diventata meta dei pellegrinaggi di fedeli provenienti da tutto il mondo in seguito alle apparizioni mariane iniziate il 24 giugno 1981 e tuttora in corso.
Tra il 1984 e il 1985 la Madonna avrebbe rivelato dieci segreti, ovvero rivelazioni sul futuro, e da allora il messaggio di pace della Vergine si è diffuso in tutto il mondo tramite i suoi veggenti.

La statua viene spedita imballata in uno strato di polistirolo e confezionata in una scatola con coperchio. 
Ciascuna facciata delle scatola è impreziosita dal dettaglio grafico di fiori colorati. 
L'immagine della statuetta compare intera sul retro della confezione e di profilo sul davanti.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU