Libreria cattolica

Varie - Presepi



Titolo: "Presepe completo da 12 pezzi Linea Martino Landi - presepe da 12 cm"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052360190
Prezzo: € 241.56

Descrizione:

Presepe in resina, colorato e rifinito a mano, realizzato su modello dello scultore Martino Landi. La capanna, in legno e sughero, misura 41x17,5 cm ed è alta 31 cm circa. Il modello e la misura potrebbero variare in base alla disponibilità.

Il presepe è composto da 12 statuine confezionate singolarmente: Madonna e Gesù Bambino, San Giuseppe, bue e asino, i Re Magi, pecora che bruca, capretta, pastore con lanterna, pastore meravigliato, levatrice, pastore con legna.

Dalle sapienti mani dello scultore Martino Landi le statue del presepe ci fanno rivivere l'atmosfera della nascita di Gesù. Le forme e i costumi tradizionali sono riprodotti fedelmente nei minimi particolari e con cura artigianale: i volti sono espressivi, la linea delle vesti è morbida e delicata. La cura dei particolari e dei colori rende uniche queste creazioni. Vendute in tutto il mondo sono diventate negli anni oggetti da collezione.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Questi presepi sono frutto dell'appassionato lavoro del Prof. Martino Landi, uno tra i maggiori scultori contemporanei di arte sacra. Nascono dall’esperienza maturata nell’allestimento e ambientazione dei più prestigiosi presepi italiani e dalla continua collaborazione con i migliori scultori d’arte sacra.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe completo da 10 pezzi Linea Martino Landi - presepe da 12 cm"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052289736
Prezzo: € 146.40

Descrizione:

Presepe in resina, colorato e rifinito a mano, ideato dallo scultore Martino Landi.
La capanna misura 41x18 cm ed è alta 28 cm circa.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Dalle sapienti mani dello scultore Martino Landi le statue del presepe ci fanno rivivere l'atmosfera della nascita di Gesù. Le forme e i costumi tradizionali sono riprodotti fedelmente nei minimi particolari e con cura artigianale: i volti sono espressivi, la linea delle vesti è morbida e delicata. La cura dei particolari e dei colori rende uniche queste creazioni. Vendute in tutto il mondo sono diventate negli anni oggetti da collezione.

Questi presepi sono frutto dell'appassionato lavoro del Prof. Martino Landi, uno tra i maggiori scultori contemporanei di arte sacra. Nascono dall’esperienza maturata nell’allestimento e ambientazione dei più prestigiosi presepi italiani e dalla continua collaborazione con i migliori scultori d’arte sacra.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sacra Famiglia tridimensionale sagomata in MDF - presepe 40 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400159875
Prezzo: € 79.00

Descrizione:

Tre statue in legno (MDF) scontornate, spesse circa 1,5 cm e dotate di piedino da appoggio.
Si possono utilizzare in chiesa, ma, date le dimensioni non eccessivamente grandi, possono essere acquistate anche per un presepe "casalingo" decisamente originale e di grandi dimensioni.

La statua più grande è quella di San Giuseppe (altezza 40 cm); vi è poi Maria inginocchiata in adorazione di Gesù Bambino (altezza 28 cm); infine il Bambinello sulla greppia (altezza 15 cm).

La famiglia di Nazareth rappresenta un soggetto iconografico semplice e complesso al tempo stesso, in cui i tre protagonisti principali sono raffigurati in pose canoniche, a prototipo della famiglia ideale. Maria è una donna giovane e premurosa, Giuseppe è vicino alla Vergine e sorveglia con fare protettivo Gesù Bambino.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Alberello in legno con Natività lavorato a mano - altezza 10 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480583009542
Prezzo: € 36.80

Descrizione:

Alberello in legno naturale, con piccola natività all'interno. 
La composizione è realizzata in Italia. 
La rifinitura e la lavorazione del legno avviene completamente a mano, per conferirle linee essenziali e uniche.

La Natività è realizzata anch'essa in legno naturale e colorata con finiture oro a mano.
In un unico e amorevole abbraccio viene
 rappresenta la Sacra Famiglia completa: la Madonna tiene tra le braccia il piccolo Gesù Bambino e San Giuseppe cinge entrambi amorevolmente.

Deliziosa ed elegante decorazione per la casa durante il periodo natalizio.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe napoletano in terracotta e sughero - altezza 12 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599011561
Prezzo: € 32.35

Descrizione:

Presepe artigianale in terracotta e sughero che rappresenta la Santa Natività. 

L'arte presepiale napoletana si è mantenuta inalterata per secoli, divenendo parte delle tradizioni natalizie più consolidate e seguite nel mondo. Con queste tradizioni, esperti artigiani hanno costruito queste opere seguendo i metodi di antichi maestri del '700.

Questa opera è una riproduzione di uno dei famosi presepi settecenteschi presenti nei principali musei napoletani. I materiali, nonché gli strumenti e le tinture, rispettano le tradizioni dell'arte presepistica partenopea.

Il presepe è confezionato in un'elegante scatola di cartoncino spesso color ecru.
Il tutto è corredato di certificato di garanzia.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Corteccia con "Presepe e Re Magi" tridimensionale intagliato - dimensioni 11x11 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480583014539
Prezzo: € 21.90

Descrizione:

Originale decorazione natalizia realizzata in corteccia di legno e rappresentante un presepe intagliato a più strati per dare l'effetto di tridimensionalità.

La superficie levigata del legno lavorato ad intaglio è chiara e dona leggerezza ed omogeneità ai vari soggetti rappresentati, ovvero la Sacra Famiglia, i Magi, la stella cometa e la mangiatoia.

La Natività è completamente stilizzata: la capanna, la stella cometa, l'albero e i protagonisti della Sacra Famiglia non presentano alcun tratto caratterizzante.
Il legno è protagonista in questo articolo e la sua lavorazione ad intaglio conferisce solennità alle piccole forme ricavate nella corteccia, rendendo la scena empatica, viva e ricca di spirito natalizio.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Corteccia con "Presepe" tridimensionale intagliato - dimensioni 11x11 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480583014546
Prezzo: € 21.90

Descrizione:

Originale decorazione natalizia realizzata in corteccia di legno e rappresentante il Presepe, intagliato al suo interno.

La superficie levigata del legno lavorato ad intaglio è chiara e dona leggerezza ed omogeneità ai vari soggetti rappresentati, ovvero la Sacra Famiglia, gli animali, dei pastori e la stella cometa che illumina dall'alto la piccola mangiatoia ricavata nella corteccia.

Il presepe è completamente stilizzata: la capanna, la stella cometa, l'albero e i protagonisti della Sacra Famiglia non presentano alcun tratto caratterizzante.

Il legno è protagonista in questo articolo e la sua lavorazione ad intaglio conferisce solennità alle piccole forme ricavate nella corteccia, rendendo la scena empatica, viva e ricca di spirito natalizio.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe tridimensionale in cartoncino con Gesù bambino fosforescente"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400002287
Prezzo: € 1.70

Descrizione:

Presepe in cartoncino con parti in plastica e Gesù Bambino fosforescente, confezionato in semplice confezione di nylon trasparente. 
Una volta costruito il presepe diventa tridimensionale.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Villaggio natalizio con treno e funivia in movimento, luci, musica (30 x 29 x 26,5 cm)"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052449451
Prezzo: € 181.78

Descrizione:

Villaggio natalizio con slitta renna e funivia movimento luci musica 28x28,5x27 cm.

Ci sono due modalità di accensione, la prima permette di riprodurre musica, movimenti e illuminazione, la seconda invece accende i movimenti e le luci.

La giostra funziona con energia elettrica ed è consegnato con trasformatore presa europea 220-240V. 

Tutti i nostri villaggi si adattano perfettamente a qualsiasi ambiente ed sono compatibile con tutti i villaggi e accessori dello stesso stile (come ad esempio i prodotti MyVillage e i villaggi Lemax).

Il prodotto è realizzato in resina.

  



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Villaggio natalizio con giostra in movimento, luci, musica (30 x 33,5 x 27 cm)"
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052449413
Prezzo: € 180.07

Descrizione:

Villaggio natalizio con giostra carosello in movimento, luci e musica. Il prodotto è realizzato in resina e misura 25x30x30 cm.

 

Ci sono due modalità di accensione, la prima permette di riprodurre musica, movimenti e illuminazione, la seconda invece accende i movimenti e le luci.

 

La giostra funziona con energia elettrica ed è consegnato con trasformatore presa europea 220-240V.

 

Tutti i nostri villaggi si adattano perfettamente a qualsiasi ambiente e sono compatibile con tutti i villaggi e accessori dello stesso stile (come ad esempio i prodotti MyVillage e i villaggi Lemax).



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe su blocco in resina colorata - altezza 8 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8024299286695
Prezzo: € 2.90

Descrizione:

Piccolo presepe in resina colorata realizzato in un unico blocco.

Le vesti dei protagonisti della Natività sono riccamente drappeggiate e i volti sono ben caratterizzati.
Maria è inginocchiata ed indossa i colori canonici che indicano la doppia natura di Cristo, il rosso ed il blu, mentre un velo bianco le cinge la testa.
Ai piedi della Madonna in preghiera c'è il Bambinello, adagiato nella tradizionale culla di paglia e avvolto in un drappo bianco, colore della purezza. I piedi sono incrociati, a prefigurare la morte sulla croce, mentre le mani sono aperte e pronte ad accoglierci. Giuseppe indossa una tunica verde, colore simbolo della vita creata, e regge tra le mani un bastone, sorvegliando con fare apprensivo Maria e Gesù. Alle spalle dei tre protagonisti una capanna appena accennata offre riparo alla Santa Famiglia, che saluta assieme alla splendida stella cometa l'arrivo del Salvatore.

La famiglia di Nazareth rappresenta un soggetto iconografico semplice e complesso al tempo stesso, in cui i tre protagonisti principali sono raffigurati in pose canoniche, a prototipo della famiglia ideale. Maria è una donna giovane e premurosa, Giuseppe è vicino alla Vergine e sorveglia con fare protettivo Gesù Bambino.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe componibile per l'Avvento - dimensioni 7x9 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400079074
Prezzo: € 3.40

Descrizione:

Presepe in polimero componibile per l'Avvento.
Contiene un pezzo per ogni domenica dell'Avvento.

Sul cartoncino che accompagna i pezzi del presepe è possibile vedere la versione finale del presepe.
Lo stile grafico delle componenti del presepe è quello tipico delle illustrazioni e dei cartoni animati, quindi l'articolo è adatto al Natale dei più piccoli.
Assieme ai protagonisti sorridenti della Sacra Famiglia ci sono l'asinello, il bue e la stella cometa che salutano l'avvento del Salvatore.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Stella cometa - Demetz - Deur - Statua in legno colorato dipinta a mano. Larghezza pari a 11 cm."
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052369186
Prezzo: € 29.28

Descrizione:Stella cometa - Scultura in legno realizzata e dipinta a mano da scultori della Val Gardena, in Trentino Alto Adige. Altezza pari a 11 cm.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe in legno con personaggi in metallo argentato - dimensioni 8x13 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8027846205910
Prezzo: € 31.60

Descrizione:

Capanna in legno con personaggi del presepe realizzati in metallo argentato.

I protagonisti del presepe sono ben caratterizzati nei lineamenti ed espressivi, rendendo vivo il momento della Natività.
Giuseppe e Maria si trovano ai lati del Bambinello, mentre i Re Magi sono diposti a semicerchio in adorazione del Salvatore. Più in disparte un pastorello porta i propri doni alla Sacra Famiglia. L'asinello e il bue salutano l'avvento di Cristo, mentre sul tetto della capanna un angelo in preghiera è rappresentato a mani giunte.

La capanna in legno è recintata e il muro di fondo è traforato.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe in legno con LED e personaggi in metallo argentato - dimensioni 10x15 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8027846205965
Prezzo: € 48.90

Descrizione:

Presepe di piccole dimensioni realizzato in legno e metallo argentato.

La classica capanna è qui rivisitata in una forma, più lineare e minimale. È dotata di LED.
Il tetto è rappresentato da due travi di legno oblique applicate su un muro di fondo traforato ed appena accennato.
La base della capanna è strutturata su più livelli.

La Sacra Famiglia è al centro sul livello più alto, circondata dai Magi a sinistra, posizionati su un livello più basso, e da un pastorello e dall'angelo sulla destra, che si trovano sul basamento più basso assieme ad una capretta.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe da poggio in resina bianca con dettagli dorati - dimensioni 9x7 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400309911
Prezzo: € 3.70

Descrizione:

Piccolo presepe moderno da appoggiare sul tavolo o sulla mensola dedicata alle decorazioni natalizie nella propria casa.

Il bianco è il colore dominante della statuetta, che risulta molto elegante e miminale.
La stella cometa, il bastone di Giuseppe e i nimbi dei tre protagonisti della Natività sono dorati, a rendere regale e sontuosa questa graziosa decorazione natalizia.

L'articolo è confezionato in una semplice scatola di pvc trasparente.

Ideale come regalo per le feste di Natale.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Stella cometa - Demetz - Deur - Statua in legno naturale dipinta a mano. Larghezza pari a 11 cm."
Editore: F&A
Autore:
Pagine:
Ean: 8020052446009
Prezzo: € 18.06

Descrizione:

Stella cometa - Statua in legno naturale dipinta a mano. Larghezza pari a 11 cm.

Il Legno non viene trattato in alcun modo, bensì viene lasciato al naturale.

In Val Gardena non è soltanto la Statua ad avere una tradizione centenaria, bensì anche la policromatura.
Esistono varie tecniche per conferire alle sculture un tocco particolare attraverso la loro finitura o colorazione.

La famiglia Demetz - Deur è strettamente legata all'artiginato artistico da generazioni.

Grazie ai prodotti di altissima qualità, all'amore per i dettagli e alle pregiate realizzazioni, il laboratorio del maestro artigiano Demetz - Deur è diventato uno dei piu' importanti atelier di Statua della Val Gardena.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe in legno d'ulivo con albero di Natale - altezza 9 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480583014232
Prezzo: € 5.60

Descrizione:

Originale presepe in legno d'ulivo con intagliata all'interno di un albero di Natale la rappresentazione della Natività.

La decorazione natalizia poggia su una base di legno più scuro a forma di stella. Lungo i bordi chiari dell'albero di Natale bidimensionale sono presenti dei fiocchi di neve, che culminano in alto in una bellissima stella.
All'interno, su un sfondo più scuro, risaltano i protagonisti della Natività, raffigurati nelle pose canoniche in cui siamo abituati a vederli.

Maria è inginocchiata e con fare amorevole tiene tra le braccia il Bambinello, mentre alle sue spalle Giuseppe prega con le mani giunte appoggiate sul petto.

Si tratta di una Natività moderna, stilizzata, giovane e al tempo stesso tradizionale, che dà valore alla famiglia come fonte primaria di amore e protezione.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe a capanna in stile moderno completo di Magi e pastore - dimensioni 21x19 cm"
Editore: SPLogg
Autore:
Pagine:
Ean: 8032551431035
Prezzo: € 170.00

Descrizione:

Presepe artigianale in stile moderno in pregiato legno d'ulivo proveniente da Betlemme. Dalla lavorazione del legno nasce una vera e propria scultura della Natività rappresentata con i suoi personaggi tradizionali: la Sacra Famiglia, il pastore, le pecore ed i Re Magi.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Tutti gli oggetti "Artigianato di Betlemme" sono prodotti e lavorati a mano. Il materiale utilizzato è esclusivamente il legno d'ulivo.
Tutti gli articoli sono prodotti ed importati da Betlemme.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe con Sacra Famiglia e Magi in corteccia d'ulivo - altezza 19 cm"
Editore: SPLogg
Autore:
Pagine:
Ean: 8032551431141
Prezzo: € 9.80

Descrizione:

Corteccia d'ulivo traforata e lavorata artigianalmente fino a ricavarne nella parte centrale una adorazione dei Magi stilizzata.
La tradizione del legno d'ulivo si fonde con la modernità della rappresentazione in un perfetto equilibrio.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Tutti gli oggetti "Artigianato di Betlemme" sono prodotti e lavorati a mano. Il materiale utilizzato è esclusivamente il legno d'ulivo.
Tutti gli articoli sono prodotti ed importati da Betlemme.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Natività in legno d'ulivo - altezza cm 15,5"
Editore: SPLogg
Autore:
Pagine:
Ean: 8032551432780
Prezzo: € 80.40

Descrizione:

Gruppo scultoreo in legno d'ulivo rappresentante il momento intimo della nascita di Gesù.
Il legno d'ulivo è stato lavorato artigianalmente e l'articolo proviene da Betlemme. Si tratta quindi di un articolo pregiato sia per il materiale, il legno con le sue caratteristiche venature, il suo profumo ed il calore delle sue sfumature, sia per la lavorazione e la provenienza.

La famiglia di Nazareth rappresenta un soggetto iconografico semplice e complesso al tempo stesso, in cui i tre protagonisti principali sono raffigurati in pose canoniche, a prototipo della famiglia ideale. Maria è una donna giovane e premurosa, Giuseppe è vicino alla Vergine e sorveglia con fare protettivo Gesù Bambino.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Tutti gli oggetti "Artigianato di Betlemme" sono prodotti e lavorati a mano. Il materiale utilizzato è esclusivamente il legno d'ulivo.
Tutti gli articoli sono prodotti ed importati da Betlemme.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe da appoggio con albero stilizzato in resina colorata - altezza 8 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8022934158642
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Elegante rappresentazione della Natività realizzata in un blocco unico di resina accompagnata dalla stilizzazione di un albero traforato.

La composizione del presepe è quella canonica, che vede Maria inginocchiata con le mani giunte in preghiera mentre sorveglia il Bambinello adagiato nella culla, con Giuseppe in piedi a sorvegliare la Madonna in contemplazione del Salvatore.

I bordi dorati delle vesti, i capelli della coppia, il bastone marrone tra le mani di Giuseppe e alcuni indumenti bianchi sono gli unici cenni di colore, mentre la base su cui è realizzato il presepe e l'albero sulla sinistra sono color ecru.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe in legno d'ulivo con personaggi in metallo argentato - dimensioni 10x15 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8027846205941
Prezzo: € 44.30

Descrizione:

Moderno presepe di piccole dimensioni realizzato in legno d'ulivo e metallo argentato.

La classica capanna è qui rivisitata in una forma, più lineare, pulita, minimale e moderna.
Il tetto è rappresentato da due travi di legno oblique applicate su un muro di fondo traforato ed appena accennato.
La base della capanna è strutturata su più livelli.

La Sacra Famiglia è al centro sul livello più alto, circondata dai Magi a sinistra, posizionati su un livello più basso, e da un pastorello e dall'angelo sulla destra, che si trovano sul basamento più basso assieme ad una capretta.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe in legno d'ulivo con capanna - altezza 8 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480583014249
Prezzo: € 5.60

Descrizione:

Originale presepe in legno d'ulivo con una Natività intagliata all'interno di una bellissima mangiatoia.

La decorazione natalizia poggia su una base di legno più scuro a forma di stella. La capanna bidimensionale presenta il tetto di paglia, su cui poggia una bellissima stella cometa.
All'interno, su un sfondo più scuro, risaltano i protagonisti della Natività, raffigurati nelle pose canoniche in cui siamo abituati a vederli.

Maria è inginocchiata e con fare amorevole tiene tra le braccia il Bambinello, mentre alle sue spalle Giuseppe prega con le mani giunte appoggiate sul petto.

Si tratta di una Natività moderna, stilizzata, giovane e al tempo stesso tradizionale, che dà valore alla famiglia come fonte primaria di amore e protezione.
Il gioco di chiaroscuro realizzato sul legno contribuisce a rendere empatica la rappresentazione.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe in terracotta decorata a mano con fondo di mattoni - dimensioni 13x7 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599016085
Prezzo: € 33.55

Descrizione:

Grazioso presepe di piccole dimensioni realizzato in un blocco unico di terracotta e decorato a mano.

Uno sfondo di mattoni incornicia la mangiatoia fatta di muschio e ramoscelli.

Un angelo veglia dall'alto sulla Sacra Famiglia, raffigurata così come la dipinge l'iconografia classica.

Il presepe viene spedito in una pratica scatolina marrone e avvolto all'interno in un panno e in carta protettiva.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Queste presepe appartiene alla famosa arte presepiale napoletana, che si è mantenuta inalterata per secoli, diventando parte delle tradizioni natalizie più consolidate e seguite nel mondo.
Con queste tradizioni, esperti artigiani hanno costruito queste opere seguendo i metodi di antichi maestri del '700.
Questa opera è una riproduzione di uno dei famosi presepi settecenteschi presenti nei principali musei napoletani. I materiali, nonché gli strumenti e le tinture rispettano le tradizioni dell'arte presepistica partenopea.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU