Libreria cattolica

Libri - Vocazione



Titolo: "Pedagogia delle vocazioni presbiteriali"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Roberto Reggi
Pagine: 464
Ean: 9788825041439
Prezzo: € 35.00

Descrizione:Studio multidisciplinare sulla formazione dei presbiteri italiani di oggi, che esamina il tema dal punto di vista teologico, storico e scientifico, facendo soprattutto ricorso a intuizioni e metodi propri delle scienze umane. Questo tipo di analisi permette di rilevare elementi interessanti che sono propriamente dinamici, attinenti al «prima» e all'«attorno» al seminario, e le ripercussioni che hanno nella vita e nella spiritualità dei seminaristi. Emerge con chiarezza che il seminarista non è solo una monade psichica impegnata in un processo interno di integrazione di valori umani e trascendenti, ma una persona (con tutte le implicazioni che questo termine riveste nel personalismo) inserita in un contesto specifico e con una propria storia di vita.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La voce di Dio"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore:
Pagine: 96
Ean: 9788837228767
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Chiamare implica che qualcuno parli e qualcun altro ascolti e risponda: uno schema che si declina nella Bibbia in molteplici modi. La "chiamata" è parola di Dio, di Gesù, dei profeti; può essere "invocazione" o può indicare una "vocazione"; implica l'irrompere di un mutamento (con la risposta "Eccomi!" di Samuele) e l'adeguamento a una condotta di vita, ma anche l'"obiezione" (di Mosè, di Isaia?). Pagine celebri della Bibbia - rilette qui in chiave esegetica, spirituale, storico-filosofica - diventano il luogo in cui sorprendere significati talvolta inattesi di una Parola che, oltre la lettera, investe la nostra vita. Come il tema del discernimento e del lavoro alla base delle comunità monastiche: modelli di vocazione, che ancora ci interpellano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Istruzione sui voti"
Editore: Velar
Autore: Giovanna Antida Thouret
Pagine: 168
Ean: 9788866711476
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Oggi, più che mai, c'è bisogno di fare memoria delle origini, di andare alle radici della propria storia personale e della storia della comunità religiosa alla quale si appartiene, per conquistare così una forte identità. Fare memoria del passato è vivere responsabilmente nel presente compiendo un atto di speranza nel futuro. L'Istruzione sui voti è un viaggio interiore dai molti percorsi dentro la via alta della santità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Preti"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Diego Goso
Pagine: 112
Ean: 9788821594915
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Quelli descritti in questo libro sono solo alcuni tra i preti che ho conosciuto nella mia vita e che hanno seminato in me il desiderio di rispondere alla vocazione del Signore. Vantano in ogni modo la loro diversità, ognuno con una vera personalità, uomini maturi che sono una benedizione per le loro comunità. Figli del proprio tempo, con sensibilità diverse, che creano un arcobaleno di speranza e fedeltà alle promesse sacerdotali. Non un esercito di funzionari del sacro, ma una fraternità di pastori del gregge. Ciascuno di costoro ha colorato un tratto del mistero del sacerdozio. Ciascuno è una sfumatura dell'infinita ricchezza di colore e fantasia che il ministero a servizio del regno di Dio può essere. Ciascuno è una sfumatura dell'Eterno Sacerdote che nessuno di noi può pretendere di ingabbiare nei propri schemi e modi di vita. Ciascuno di loro è una sfumatura della vita della chiesa. 50 ritratti di preti di oggi, per riflettere sulla figura dei pastori e imparare ad amare le loro... sfumature.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Stravolti da Cristo"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: Emanuele Lombardini
Pagine: 200
Ean: 9788831545884
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il libro presenta diciotto storie di religiosi - uomini e donne - la cui vocazione è arrivata dopo un percorso di vita tortuoso, spesso inizialmente lontano dalla fede.Si tratta di testimonianze raccolte in prima persona e raccontate senza spettacolarizzare gli eventi, che pure, spesso, hanno avuto qualcosa di straordinario.Per questo, l'Autore ha privilegiato storie «di periferia» o confinate a una notorietà locale o addirittura sconosciute, cercando di dare spazio alle vocazioni più diverse ed emerse dalle esperienze più disparate: Marco Capecci, per esempio, era dirigente alla Rai; Cristina Alfano aveva intrapreso la carriera di cantante lirica; Graziano Lorusso, Gianni Castorani e Samuele Biondini erano delle promesse dello sport; John McElroy era sergente maggiore della marina militare americana; Roberta Vinerba era militante di estrema sinistra; Benedetta Umiker era protestante; Firmin Adamon era musulmano.Il volume intende evidenziare come la vocazione abbia completamente cambiato la prospettiva e la visione esistenziale di ciascuna di queste persone, che hanno abbandonato la vita precedente per mettere al centro Cristo e il suo messaggio salvifico.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Caro prete, questa sera ascolti tu"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Roberto Contu
Pagine: 136
Ean: 9788810513453
Prezzo: € 13.00

Descrizione:«Caro prete, grazie per essere stato a cena con noi ieri sera. Scusa di nuovo per i nostri tre bambini: hanno fatto di tutto per non farci parlare tranquillamente. Inoltre, quando sei arrivato la cena non era nemmeno pronta: mia moglie aveva fatto tardi al lavoro e doveva fare il bagnetto al più piccolo. Tu però sei stato gentile, hai portato caramelle morbide e hai raccontato le barzellette, tanto che come hai visto alla fine non c'era verso di ficcarli a letto. Quando hai iniziato a parlare, mi hai detto che va tutto bene, che ringrazi Dio, che ogni cosa è una grazia, che comunque è bello. Me lo dicevi, ma gli occhi dicevano altro. Parlo di un sentimento che, per utilizzare un linguaggio che capisci bene, chiamerò il silenzio del Sabato Santo». Un colloquio tra un giovane prete e un giovane sposo sulla vita, la vocazione, lo smarrimento e la speranza.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Chiamò quelli che egli volle"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Carlo Maria Martini
Pagine: 136
Ean: 9788821594953
Prezzo: € 12.50

Descrizione:Attraverso tutta la Bibbia, da Abramo fino ai Dodici Apostoli, passando per Mosè, Samuele e Geremia, Carlo Maria Martini analizza con estrema finezza, e allo stesso tempo con semplicità, ciò che l'economia della salvezza ci insegna sulla vocazione dei testimoni di Dio. Ogni chiamata, quando viene da Dio, coinvolge l'intera esistenza, rendendola dono e promessa.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Signore ti chiama"
Editore: Marcianum Press
Autore: Valentino Vecchi
Pagine: 114
Ean: 9788865122914
Prezzo: € 11.00

Descrizione:

Valentino Vecchi è stato contemporaneamente un uomo di Dio, di questo mondo e di questa Chiesa. Quello che egli diceva prima di tutto lo viveva. È dalla sua esperienza di uomo, di prete, di rettore per un decennio del Seminario patriarcale di Venezia che hanno tratto alimento le riflessioni sulla vocazione che potete leggere in questo volume. A trent'anni dalla sua morte sono ancora tesori di saggezza, perle spirituali valide per tutti quelli che avranno la pazienza di leggerle e meditarle.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La vocazione"
Editore: Tau Editrice
Autore: Gioia Francesco
Pagine: 60
Ean: 9788862443623
Prezzo: € 5.00

Descrizione:Il mistero della Grazia e il mistero della nostra umanità si intrecciano nella "chiamata" di ogni uomo. L'autore offre un contributo analizzandone i diversi aspetti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Nella libertà e per amore"
Editore: Qiqajon Edizioni
Autore: Enzo Bianchi
Pagine: 128
Ean: 9788882274368
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

Non la necessità ma la libertà domina la vita cristiana. Non il caso, ma l'amore vi ha il primo posto.
Se si vuole camminare alla sequela di Cristo, due condizioni sono imprescindibili: libertà e amore sono al cuore del mistero cristiano. Un'affascinante riflessione sulla vita cristiana e sul senso profondo della vocazione.

 

VIVERE ALTRIMENTI

Scriveva Voltaire:

La vita monastica non deve essere invidiata per nessuna ragione. C'è un detto molto noto: "I monaci sono gente che si mette insieme senza conoscersi, vive senza amarsi e muore senza rimpiangersi".

Ho letto, ascoltato e meditato sovente queste parole, soprattutto in particolari momenti della mia vita in cui mi ritornavano alla mente e mi trovavo a dire a me stesso: "Fosse davvero come dice Voltaire!".

In verità la vita monastica è intrapresa da uomini e donne che come gli altri vivono nel mondo, dunque è progettata, edificata, assunta da persone appartenenti alla loro epoca, a una certa società, inevitabilmente segnate dall'ambiente e dalla cultura in cui sono immerse. Dopo oltre quarant'anni di vita monastica intensa, una vita non solo ereditata dalla tradizione ma anche progettata, riformata con consapevolezza, esperita a lungo con altri, mi sento ormai capace di parlare dei monaci e di riflettere sulla loro vita concreta: certo, innanzitutto sulla vita a Bose, ma anche in tante comunità che ho frequentato e con cui ho vissuto solidarietà, tensioni e ricerca comune.

L'incontro

In più di quarant'anni di vita a Bose sono molti i giovani, uomini e donne, che hanno manifestato un certo interesse per la nostra forma di vita e si sono detti in ricerca della loro vocazione da parte del Signore: vocazione da parte del Signore appunto, non vocazione da parte mia o da parte di Bose... Talora erano volti quasi attraenti, in altri casi anonimi o poco belli; a volte subito simpatici, altre volte addirittura scostanti o ispiranti diffidenza. In ogni caso - mi ripeto a ogni nuova occasione una decisione deve precedere l'ora di un tale incontro: mi appresto ad ascoltare chi ha chiesto di parlarmi, ma devo farlo in obbedienza a Dio, amando questo altro che mi si presenta innanzi prima di conoscerlo, prima di leggerlo per quel che è, quindi al di là di possibili antipatie e anche nelle sue debolezze.

Voltaire ha dunque ragione? In un certo senso sì. Questo particolare incontro non segue infatti la logica degli altri incontri umani, nei quali abitualmente ci si conosce, ci si giudica e, se c'è intesa, se si trovano ragioni per stare insieme, si giunge naturalmente ad amarsi. Nella vita monastica si decide al contrario di amare l'altro prima di conoscerlo, anche prevedendo uno sforzo, mettendo in conto delle difficoltà; di amarlo cioè gratuitamente per il solo fatto che cerca Dio sulle mie stesse vie e può pensare di avermi come fratello in una vita comune. Questo in obbedienza al comandamento nuovo lasciatoci da Gesù (cf. Gv 13,34; 15,12): nel suo evangelo infatti l'amore è un comando gratuito, assoluto, che non richiede reciprocità che deve estendersi ben oltre l'antipatico, fino al nemico (cf. Mt 5,44; Lc 6,27.35).

La vita comune

Dei circa centocinquanta giovani che si sono affacciati alla nostra vita, almeno un centinaio un giorno sono arrivati in comunità per fare vita monastica a Bose. Quando qualcuno chiede di venire a vivere con noi ha bisogno di tempo per considerare bene le ragioni che l'hanno spinto a bussare alla nostra porta: occorre un primo periodo in cui conoscere meglio questa vita che l'ha attratto; poi il postulandato, per cominciare a sentirsi discepolo dietro al Signore in una forma di sequela che si accoglie dalla tradizione monastica; in seguito il noviziato, vera "scuola del servizio divino" (dominici schola servitii: RB, Prologo 45); quindi il probandato che conduce infine, con la grazia del Signore e la decisione libera e amorosa del candidato, alla professione monastica definitiva, solennemente emessa davanti alla chiesa. Sono circa otto anni di ricerca, verifica, esercizio, discernimento, maturazione umana e spirituale per giungere alla decisione dell' "Amen" definitivo al Signore.

Così chi è arrivato, poco per volta "entra" in comunità, viene accolto e integrato più o meno facilmente, più o meno rapidamente nella vita comunitaria. Sempre preventivamente amato, il novizio deve però dare prova di avere i requisiti per una vita comune e per una sequela esigente del Signore. Viene perciò accompagnato dal maestro dei postulanti e poi da quello dei novizi, che lo seguono con occhio vigilante, lo aiutano nel discernimento e nella crescita. Ma è tutta la comunità che giorno dopo giorno nella communio della preghiera, nella solidarietà del lavoro, nella condivisione dei molti servizi, nella gratuità del riposo e della parola scambiata, plasma il novizio, lo fa crescere e, in questa assiduità con lui, impara ad amarlo concretamente e ad accettare di essere da lui amata. Non per tutti questo cammino è uguale: ci sono alcuni che sono ricchi di doni (sempre per un ora, per una stagione); ci sono i deboli (anch'essi per una stagione); ci sono i volonterosi e i "lenti"...

Nessuna idealizzazione della comunità monastica: come le famiglie e le altre forme di vita comune della nostra società, essa è una realtà umana, dunque povera, debole, fragile, non esente da contraddizioni interne. In essa si hanno crisi, si manifestano malattie psichiche, emergono tratti caratteriali difficili, si sente il fratello simpatico o antipatico, vicino o lontano, interessante o insipido. Eppure i monaci comprendono e vedono le cose altrimenti, ed è per questo che vivono altrimenti, progettano la loro vita altrimenti. Sì, come vedremo in dettaglio più avanti, la vita dei monaci è la stessa vita umana degli altri, eppure è differente.

La "stabilitas"

Nella Regola di Benedetto la parola stabilitas indica la perseveranza, la capacità di durare nella vocazione ricevuta e accolta. Il monaco benedettino al momento della sua professione definitiva promette pubblicamente la propria stabilitas, insieme alla conversione di vita e all'obbedienza (cf. RB 58,17). Il termine stabilitas ricorre altre volte nella Regola (cf. RB 4,78; 58,9; 6o,8; 61,5): Benedetto è consapevole che per la vocazione è necessaria la fedeltà fino alla morte; che per l'edificazione di una comunità occorre un patto di alleanza fedele tra fratelli; che i monaci che vivono in un corpo, la comunità , un corpo animato dall'amore, devono poter contare gli uni sugli altri sempre. Certamente in ogni monaco cenobita c'è anche un "girovago" (cf. RB 1,10-I i), un instabile, ma questa è una tentazione che deve essere assolutamente domata e vinta all'inizio del cammino monastico: meglio non avventurarvisi se non si è stabili, saldi, perché si finirebbe per soffrire e per far soffrire gli altri. Ma è anche vero che la stabilitas deve essere conservata e confermata progredendo, crescendo umanamente e spiritualmente, cercando di custodire e rinnovare la vocazione giorno dopo giorno.

Se viene meno la crescita spirituale, se cominciano a mancare la preghiera, assiduità con Dio, e la comunione, assiduità con i fratelli, allora la stabilità si fa precaria, si svuota dei suoi contenuti e poco per volta diventa insignificante, addirittura insopportabile. Come può accadere? Solo Dio conosce il cammino di regressione di una persona da lui chiamata alla sequela di Gesù, un cammino che a un certo punto si inceppa, trova ostacoli che paiono insormontabili, si smarrisce e si perde... Questo succede: il monaco lo sappia, perché la stabilità dipende da quello che uno pensa, sente, vive quotidianamente!

La separazione

Nella mia ormai lunga esperienza di comunità mi sono trovato a dover affrontare anche la separazione. Proprio quest'ora così dolorosa mi ha insegnato quanto fosse sbagliata l'Affermazione di Voltaire, perché in realtà anche nella vita monastica, quando ci si lascia, non solo ci si rimpiange, ma si soffre. Aver amato ed essere stati amati, aver vissuto per anni una stessa vicenda, essere stati coinvolti nella stessa vita, insieme assidui ogni giorno alla preghiera e alla tavola (cf. At 2,46), non è cosa da poco: è la vita, la vita quotidiana di ogni monaco e di ogni monaca, sempre fratello o sorella di un altro fratello, di un'altra sorella. Eppure talvolta la separazione accade, e oggi accade sempre più spesso: accade nel mondo, dove i legami amorosi, familiari o no, sono diventati fragilissimi, si rivelano di corto respiro e sono facilmente contraddetti; e accade anche nel monachesimo. "Perché?" è la domanda che sorge spontanea: "Perché, Signore?", ma anche: "Perché, fratello? Perché, sorella?".

A volte la separazione è annunciata da una crisi cui ne seguono altre sempre più prepotenti; altre volte sorge improvvisamente, inattesa, per chi ritenevamo saldo e affidabile. Com'è possibile, magari dopo tanti anni di vita comune? Com'è possibile quando "si camminava insieme nella casa di Dio", quando il fratello era "amico e compagno (cf. Sal 55 [54],14-15)? Eppure succede che la vita comune diventa una fatica, la comunità una prigione, la preghiera intollerabile, la parola di Dio non dice più nulla; c'è solo il desiderio di fuggire, dell'altrove, di luoghi altri pensati come libertà. Capita di non poter più riconoscere il fratello o la sorella che se ne va: il volto cambia, da fraterno si fa nemico, minaccioso, pretenzioso... Che abisso! Il fratello che va via diventa un enigma, aumentando ancora di più la sofferenza di chi resta.

Chi presiede registra purtroppo questi esiti, conosce un'esperienza che resta sempre come una ferita aperta, che toglie il sonno, che fa piangere. Chi se ne va gli era stato affidato dal Signore: "Ho fatto tutto quello che potevo e dovevo fare verso di lui?", si chiede. E trema al ricordo della Regola di Benedetto, scandita dalla menzione ossessiva del giudizio finale di Dio sull'operato dell'abate (cf. RB 2,34.37.38; 3,II; 31,9; 63,2; 64,7; 65,22). Viene in mente - senza per questo essere consolante - un insegnamento di Doroteo di Gaza:

Preoccupiamoci di noi stessi, fratelli, siamo vigilanti ... Noi siamo così negligenti che non sappiamo perché siamo usciti dal mondo e neppure sappiamo ciò che vogliamo ... Non è neppure certo che quando abbiamo lasciato il mondo per entrare in monastero avessimo per scopo l'acquisizione delle virtù. Alcuni di noi hanno fatto qualche progresso e poi si sono fermati; altri hanno avanzato un po' di più; altri sono arrivati a metà strada e poi si sono fermati. Ce ne sono ancora altri che non hanno fatto proprio niente ... Altri fanno un po' di bene e subito lo distruggono; altri ne distruggono addirittura di più di quanto ne abbiano fatto. Altri hanno sì acquisito le virtù, ma hanno nutrito orgoglio e disprezzo verso il prossimo, e dunque sono rimasti fuori.

La comunità conosce questa precarietà: vive un'alleanza promessa solennemente davanti a Dio e alla chiesa, un'alleanza custodita da Dio ma non sempre custodita da noi. Sì, è una sofferenza grande la separazione, da viversi oggi anche in solidarietà con tanti uomini e donne che nel mondo vivono il medesimo dramma. Ripensando a quanti prendono altre strade, emergono molte domande: ma noi abbiamo fatto discernimento? C'era o non c'era la vocazione? E, soprattutto quando chi se ne va dice ciò che mai aveva detto prima - "Qui non sono mai stato felice!" -, viene da chiedersi: è vero? Era vero? Ecco quanti pensieri e quante parole ci tentano, spingendoci a dare risposte non evangeliche. No, è bene non giudicare, è bene restare nella quiete, è bene affidare tutto a Dio e pregare per il fratello o la sorella che si allontana dall'alleanza stipulata liberamente e per amore.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pastori"
Editore: AVE
Autore: Francesco (Jorge Mario Bergoglio)
Pagine: 96
Ean: 9788882848330
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Sia l'introduzione di Domenico Sigalini sia l'antologia di testi di papa Francesco raccontano il significato della parola "Pastore" per il pontefice e il ruolo delicato attribuito al sacerdote, chiamato dalla sua vocazione a vivere sempre a servizio totale del suo "gregge"; "pastore" in mezzo alle pecore, e non "funzionario". Il libro tratteggia come delicati colori su una tela l'identità del sacerdote, che ascolta e sostiene, che ama e richiama, amico degli ultimi.L'ampia introduzione di Sigalini apre l'antologia mettendo a fuoco il nocciolo del mandato sacerdotale.Il libro è una piccola perla per ogni pastore.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La Custodia dell'umano"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Rino Cozza
Pagine: 128
Ean: 9788810507391
Prezzo: € 10.00

Descrizione:La vita religiosa sta con fatica cercando nuove strade per reinventarsi, nel desiderio di non lasciarsi imprigionare dal passato, anche se glorioso, e nello sforzo di immaginare un futuro ancora tutto da inventare. Sembra più facile elencare le frustrazioni prodotte da maldestri tentativi di riforma che godere di qualche frutto, segno di una stagione nuova che sta per iniziare. Papa Francesco, con il suo parlare semplice e diretto, evangelico e profondamente umano, invita ad uscire dal tempo delle diagnosi per entrare nel tempo della profezia. Ma come? La vita religiosa è ancora capace di cogliere il soffio dello Spirito per fare strada con l'uomo d'oggi, guardandolo con simpatia e cordiale amicizia, offrendo un'esperienza di fraternità che non esclude nessuno, ma che coinvolge tutti perché ricca di umanità? Proprio «la custodia dell'umano», argomenta l'autore, invita a «essere fedeli al tempo che ci rende fedeli all'eterno», fedeli alle persone che cambiano le relazioni e le istituzioni.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Mi fido di te!"
Editore: Libreria Editrice Vaticana
Autore: Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione
Pagine: 72
Ean: 9788820993221
Prezzo: € 5.00

Descrizione:Questo quarto volume della collana I passi della Fede, curata dal Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, raccoglie i discorsi, i messaggi, le preghiere, le omelie di pronunciati da Papa Francesco, tra il 4 e il 7 luglio 2013, in occasione dell'incontro con i seminaristi e i religiosi in formazione, oltre a numerose testimonianze dirette dei partecipanti all'incontro.Il volume è inoltre corredato da suggestive immagini a colori che ritraggono i momenti più significativi dell'evento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un assist dal cielo"
Editore: Elledici
Autore: Lorenzo Galliani
Pagine: 96
Ean: 9788801056228
Prezzo: € 9.00

Descrizione:

C'è chi giocava nel Manchester United e chi correva nella nazionale di atletica leggera, chi era un asso del baseball Usa e chi, nei tuffi dalla piattaforma, non aveva rivali: questo libro racconta storie di campioni che hanno abbandonato la carriera per seguire la vocazione religiosa, riscoprendo nei valori dello sport i punti cardinali grazie ai quali orientare la nuova vita di consacrati. Sono inoltre raccolte le testimonianze di chi ha scoperto il professionismo già da religioso, e gli interventi di grandi protagonisti del mondo dello sport (Sara Simeoni, David Rudisha, Osvaldo Bagnoli e Davide Ballardini) che hanno conosciuto alcuni dei ragazzi raccontati nel libro.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le preghiere nei Vangeli"
Editore: Rogate
Autore: De Virgilio Giuseppe
Pagine:
Ean: 9788880754237
Prezzo: € 17.00

Descrizione:

Si tratta dello studio in prospettiva vocazionale di sette preghiere evangeliche.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Vocazione cristiana oggi"
Editore: Cittadella
Autore: Molari Carlo
Pagine:
Ean: 9788830813625
Prezzo: € 12.50

Descrizione:Il tema della vocazione è centrale per ogni persona per poter raggiungere la propria identità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La vocazione personale. Trasformazione in profondità per mezzo degli esercizi spirituali"
Editore:
Autore: Alphonso Herbert
Pagine: 52
Ean: 9788876529498
Prezzo: € 13.00

Descrizione:La vocazione personale non si trova a livello di un fare né di una "funzione", ma a livello dell'essere. Tante persone interpretano la parola "vocazione" in termini di puro agire o di puro fare. Il livello dell'agire o del fare, prima o poi, è destinato ad entrare in crisi. Se mi trovo in crisi e non possiedo alcuna risorsa "dell'essere" per sostenermi, allora mi troverò in una crisi totale. Se in una crisi del genere posso trovare sostegno nelle mie risorse dell'essere - così unicamente date a me, in dono, con la mia "vocazione personale" - allora non ho da temere: posso non solo superare la crisi ma "integrarla" grazie al "senso" profondamente personale a livello dell'essere che posso trovare nella crisi stessa. Perché tutto l'agire sgorga dall'essere. Faremo bene dunque a ricordarci che la "vocazione personale" è il modo irrepetibilmente unico per un individuo di donarsi e arrendersi - e non di chiudersi in se stesso. In altre parole la "vocazione personale" è precisamente il modo unico e irripetibile di aprirsi alla comunità - aprirsi alle realtà sociali, alle responsabilità sociali, agli impegni sociali.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La gioia di rispondere si"
Editore: Priuli & Verlucca
Autore: Ernesto Olivero
Pagine: 239
Ean: 9788880686378
Prezzo: € 10.90

Descrizione:

Queste pagine sono indirizzate ai giovani che si avvicinano alla nostra fraternità. Sono anche per ognuno di noi che ha già detto il suo sì al Signore nel matrimonio, nel sacerdozio, nella vita consacrata, perché tutti siamo chiamati ad amare e a servire. Dopo tanti anni penso ancora, e oggi con maggior convinzione, che diventare semplicemente cristiani sia l'avventura più bella della vita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La scelta"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Paolo Damosso
Pagine: 280
Ean: 9788821590160
Prezzo: € 12.50

Descrizione:Un romanzo che narra la storia vera di una vocazione tra le suore cappuccine di madre Francesca Rubatto; la crisi che spinge la protagonista Ilaria, juniores, ad abbandonare la strada intrapresa, per poi riprenderla definitivamente. Una storia per gli uomini e le donne di oggi, in particolare per i giovani, perché sia come una piccola luce sul cammino di tanti che sono alla ricerca di un posto nel mondo dentro un disegno più grande, una volontà di bene che Dio Padre ha sul mondo. Affinché ogni uomo sia pronto ad accogliere la chiamata. Capita, nella vita, di dover scegliere. Capita di tornare sui propri passi. Capita di rimanere travolti da una storia imprevista che sembra sfuggire di mano. Capita? Ma la scelta deve essere fatta? per sempre!

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Smetto di fare il prete?"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: D'Agostino Marco
Pagine: 96
Ean: 9788825033489
Prezzo: € 9.00

Descrizione:Il prete, protagonista del racconto, nella notte tra il mercoledì e il giovedì santo, si trova in una profonda crisi riguardo al suo rapporto affettivo con un Dio che non sente più, con gli altri e con se stesso, tentato di mettere fine a un cammino che credeva autentico e invece si rivela non più percorribile, addirittura sterile. Il testo ha un potere terapeutico: in un'epoca in cui i legami, sempre più fragili, generano debolezza, questa narrazione insegna ai giovani la bellezza di amarsi e scegliersi in Cristo e agli adulti la forza di perseverare nella scelta.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La promozione delle vocazioni al ministero sacerdotale"
Editore: Libreria Editrice Vaticana
Autore:
Pagine: 190
Ean: 9788820991029
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Al fine di accogliere e sostenere ogni germoglio vocazionale della vita della Chiesa, è stato organizzato dall'Istituto di Pedagogia Vocazionale dell'Università Salesiana di Roma e dalla Pontificia Opera per le Vocazioni Sacerdotali (POVS) un importante seminario di studio e approfondimento sugli orientamenti pastorali per la promozione delle vocazioni al ministero sacerdotale.Il presente volume contiene i contributi delle autorità che hanno partecipato a tale evento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "50 messaggi pontifici per la Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni"
Editore: Rogate
Autore: Sapienza Leonardo
Pagine:
Ean: 9788880754183
Prezzo: € 15.00

Descrizione:

Il volume raccoglie i 50 messaggi Pontifici per la Giornata Mondiale di preghiera per le Vocazioni; è corredato da un'Introduzione teologica, schede di lettura, indici tematici, e si offre come una ricca antologia sulla vocazione e sulla pastorale per le vocazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Operai nella sua messe"
Editore: Studium
Autore: Paolo VI
Pagine: 160
Ean: 9788838242113
Prezzo: € 12.00

Descrizione:«Questo termine di "vocazione" ha, in realtà, un significato molto ampio e si applica a tutta l'umanità chiamata alla salvezza cristiana, ma si specifica poi in ordine a particolari attitudini e a particolari doveri, che determinano la scelta che ciascuno fa per dare alla propria vita un senso ideale: ogni stato della vita, ogni professione, ogni dedizione può essere caratterizzata come vocazione, che le conferisce per ciò stesso una dignità superiore e un valore trascendente. Ma la parola vocazione acquista una pienezza di significato, che senz'altro tende a divenire, se non esclusivo, specifico e perfetto, là dove si tratta di vocazione doppiamente speciale: perché viene da Dio direttamente, come un raggio di luce folgorante i più intimi e profondi recessi della coscienza; e perché si esprime praticamente in una oblazione totale d'una vita all'unico e sommo amore; a quello di Dio e a quello, che ne deriva e fa tutt'uno col primo, dei fratelli. La vocazione, in questo senso speciale, è un fatto così singolare e così delicato, così sacro, che non può prescindere dall'intervento della Chiesa; la Chiesa lo studia, la Chiesa lo favorisce, la Chiesa lo educa, la Chiesa lo verifica, la Chiesa lo assume». (Paolo VI)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il mondo rovesciato"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Giuseppe Forlai
Pagine: 80
Ean: 9788821576539
Prezzo: € 8.00

Descrizione:

Nei consigli evangelici di povertà, castità e obbedienza è celata una gioia singolare che mi raggiunge ogni giorno con soavità e senza frastuono. Sono convinto che la riforma della Chiesa, di cui oggi tutti sentiamo un impellente bisogno, passi prima di tutto attraverso una fede in Gesù capace di spingersi verso quella santità che i consigli evangelici veicolano. Siamo troppo poco poveri: diciamo di non volere privilegi ma poi li cerchiamo; siamo troppo poco casti: ci scandalizziamo della decadenza dei costumi, ma poi leghiamo le persone ai nostri carismi o alle nostre idee; siamo troppo poco obbedienti: predichiamo il vangelo, ma non siamo disposti a convertire ad esso le nostre strutture. Senza santità i nostri programmi (la cui elaborazione occupa tristemente la maggior parte della vita della Chiesa), parafrasando Paolo, appaiono fugaci “cembali che tintinnano”. Eppure Gesù al giovane ricco non ha chiesto di “organizzarsi”, ma di vivere come Lui!

L’AUTORE
Giuseppe Forlai è presbitero della diocesi di Roma. Ha insegnato mariologia presso la Facoltà Teologica del Triveneto, la Pontificia Facoltà Teologica Seraphicum e teologia spirituale presso la Scuola di Teologia per Laici dell’ISSR Ecclesia Mater di Roma. Attualmente è docente incaricato di mariologia presso la Pontificia Università Gregoriana. È membro dell’Associazione Mariologica Interdisciplinare Italiana (AMI). Tra i volumi pubblicato presso le Edizioni San Paolo ricordiamo: L’irruzione della grazia. Per una rilettura ecumenica del dogma dell’Immacolata (2010) e In questo mondo benedetto (2011). Ha redatto le voci «Europa» e «Movimenti Ecclesiali» per il dizionario Mariologia (San Paolo, 2009). Ha curato, insieme a Daniele Libanori s.j., l’edizione italiana del Trattato sul sacerdozio di San Giovanni d’Avila (Bologna, 2010).

DESTINATARI
• Religiosi e laici.
• Per giovani in discernimento vocazionale.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Profeti nell'ombra"
Editore: Lateran University Press
Autore: Luparia Marco Ermes
Pagine: 208
Ean: 9788846508461
Prezzo: € 18.00

Descrizione:In questo testo l'Autore desidera in primo luogo esprimere i sensi della più profonda riconoscenza verso chi, con grande coraggio e abnegazione, si pone al servizio della Chiesa assumendosi il grave onere di dare corso alla volontà di Dio nel grande mistero della chiamata. Soprattutto verso coloro i quali con santa umiltà, a un certo punto, scompaiono dalla scena collocandosi in quel benemerito consesso dei "profeti nell'ombra". In secondo luogo si propone di offrire una risposta organica e sistematica alle innumerevoli domande poste dai Vescovi e dai Formatori di Seminari o Istituti Religiosi, sia maschili sia femminili, che si è sentito rivolgere in tanti anni di servizio alla Chiesa. In questo saggio ha cercato di raccogliere in un modello unificatore e armonizzante i criteri di attenzione alla dimensione umana dei candidati al Sacerdozio ed alla Vita Consacrata così importante in questo tempo di grande fragilità della persona. Coglie anche l'occasione per porre l'accento su quali possono essere i rischi di colpevoli disattenzioni del discernente (qualunque sia la posizione nella gerarchia ecclesiastica o religiosa) soprattutto quando i segni contrari appaiono evidenti e ineludibili. In definitiva l'obiettivo principale del saggio è di sconfiggere la superficialità e il pressapochismo, per sostituirli con un attento, paziente e oculato processo di conoscenza della persona per far sì che "quel giorno", mirando a dare consistenza e forza alla risposta alla fatidica domanda, "Sei certo che ne sia degno?", nessuno abbia tremori o dubbi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU