Articoli religiosi

Libri - Storia Dell'arte



Titolo: "Sempatap. Catalogo della mostra (Lugano, ottobre 2018-17 febbraio 2019). Ediz. a colori"
Editore: Casagrande
Autore: Trachsel Vera
Pagine: 48
Ean: 9788877138231
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Vera Trachsel presenta una serie di nuovi lavori che nascono dal confronto primario con la fisicità dei materiali che utilizza. Carta, vetro, gesso, cartone, gommapiuma, schiuma poliuretanica, colori acrilici, legno sono scelti dall'artista per la loro duttilità e facilità di manipolazione. Semplici e poveri, questi materiali sono quasi sempre trovati e recuperati dagli scarti della produzione industriale o edilizia, come nel caso del sempatap, un prodotto isolante a base di lattice, che Vera Trachsel assume a titolo di questa mostra. Tra i lavori presenti in mostra, vi è anche una piccola busta di plastica appesa al muro con un pezzo di nastro adesivo nella quale sono raccolti dei frammenti di carte colorate dalle forme disparate. Osservandoli con attenzione, scopriamo che questi pezzi di carta non sono altro che gli scarti prodotti dalla realizzazione del libro d'artista che accompagna l'esposizione. Un libro senza parole, fatto solo di forme e colori, come un dipinto mutevole da sfogliare in continuazione, a cui è affiancata una seconda pubblicazione con un testo critico di Elio Schenini e una serie di scatti fotografici realizzati da Simone Haug che documentano il processo di realizzazione delle opere negli spazi del centro culturale indipendente Morel.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dante per immagini. Dalle miniature trecentesche ai giorni nostri"
Editore: Einaudi
Autore: Battaglia Ricci Lucia
Pagine: 300
Ean: 9788806239343
Prezzo: € 60.00

Descrizione:Nonostante le perdite, la quantità di materiali censibili sotto il cartellino Dante per immagini è sterminata: una ricchissima produzione d'opere d'arte che dai margini dei libri si estende alle pareti di chiese e di edifici pubblici e a dipinti e disegni sui supporti più diversi, o si fa plastica realtà in bassorilievi e sculture a tutto tondo. A dar vita a questa straordinaria produzione hanno collaborato artisti anonimi e nomi fra i più illustri della storia dell'arte occidentale: i vari "Maestri" che fra Tre e Quattrocento con i loro minii fecero «ridere le carte» del «poema sacro», e poi Botticelli, Signorelli, Michelangelo, Zuccari, Reynolds, Füssli, Delacroix, Ingres, Rodin, Doré, Dalí, Rauschenberg, Guttuso, fino ai contemporanei Mattotti, Ferrari e Paladino. Per ognuno di essi «il Dante» è stato una sorta di pietra di paragone su cui misurarsi o al servizio del quale piegare competenze e sensibilità personali. «Le opere di Delacroix e di Scheffer, due veri e propri capolavori del primo Ottocento francese, esemplificano perfettamente il modo in cui queste generazioni di artisti figurativi "guardano" alla Commedia e al suo autore: dopo essere stato travestito da poeta neoplatonico nell'èra di Landino e di Botticelli, l'Alighieri diventa ora "le poéte romantique par excellence". In effetti gli artisti che tra fine Settecento e primo Ottocento sono tornati a leggere il poema e a darne traduzione visiva hanno appuntato prevalentemente l'attenzione sulle grandi personalità e sulle sventurate eroine, facendone veri e propri simboli visivi capaci di vivere di vita propria e di rappresentare, estratte definitivamente dal libro, passioni e tensioni eterne. E anche gli artisti che hanno ripreso a tradurre in immagini l'intera esperienza oltremondana del pellegrino Dante, o singoli episodi di quella storia, hanno focalizzato l'attenzione sulle reazioni emotive di lui e dei suoi interlocutori piuttosto che sulla valenza educativa o morale di quell'esperienza o sul peculiare statuto del poema sacro. La prima compiuta, splendida testimonianza di questo nuovo modo di guardare alla Commedia è affidata a un quadro realizzato tra il 1770 e il 1773 da sir Joshua Reynolds, uno dei piú grandi artisti inglesi - "Il conte Ugolino e i suoi figli nella Torre della Fame" -, che segna, dopo il silenzio del XVII secolo, il risveglio dell'interesse degli artisti, e non solo il loro, per l'opera di Dante, inaugurando una nuova èra, profondamente segnata dalla sua presenza nell'immaginario collettivo, oltre che nella produzione artistica e letteraria».

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' anno mille"
Editore: Jaca Book
Autore: Castelfranchi Vegas Liana
Pagine: 239
Ean: 9788816605732
Prezzo: € 90.00

Descrizione:Il passaggio fra il primo e il secondo millennio è uno straordinario periodo di creatività nella storia Europea per ragioni letterarie, culturali, religiose, e risulta un vero e proprio spartiacque dal primo al secondo Medioevo. Nella storia dell’arte, in particolare, l’impero ottoniano, sostituendosi con efficacia alla pretesa unificatrice carolingia, diviene il centro e il motore delle novità artistiche dell’epoca. Sull’asse Germania-Lombardia si sviluppa infatti una corrente artistica di alto profilo, stilizzata e colta, che dà vita a notevoli cambiamenti nell’architettura e nelle arti minori. Basti pensare alle chiese di San Ciriaco a Gernrose, San Michele di Hildesheim o alla rotonda del duomo vecchio di Brescia, o, ancora, agli affreschi superstiti della Majestas Domini nella Basilica di San Vincenzo a Galliano, vicino a Cantù. E soprattutto alle numerose miniature, agli oggetti di culto, ai simboli del potere frutto della ricchissima committenza imperiale, in cui, oltre all’evidente influsso di Bisanzio, sono tangibili, in nuce, i segni di una nuova sensibilità e di un nuovo gusto propriamente occidentali. Il volume non tralascia le testimonianze artistiche del regno di Francia, con i tesori orafi di Conques e con Cluny, il monastero che all’epoca era in grado di rivaleggiare nella cristianità con Roma per magnificenza e importanza; pone in risalto l’inventiva dei centri inglesi di Winchester e Canterbury, o di Saint-Omer nelle Fiandre; infine affronta l’architettura sincretica della Spagna del Nord e l’invenzione delle Apocalissi e dei Beati negli scriptoria monastici iberici. Sono tasselli preziosi che si combinano sapientemente per delineare il momento storico che darà all’Europa la sua prima arte universale: il Romanico.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' arte di C. G. Jung. Ediz. illustrata"
Editore: Bollati Boringhieri
Autore:
Pagine:
Ean: 9788833932026
Prezzo: € 60.00

Descrizione:Per Carl Gustav Jung l'arte fu l'amorosa compagna segreta di tutta la vita. Disegnò, dipinse, scolpì, intagliò il legno, progettò architetture con la maestria e la versatilità di un artista rinascimentale. Pochissimi, tuttavia, ne conoscevano il talento fuori del comune, perché egli decise di non rendere pubbliche le sue opere. Il mondo rimase quindi stupefatto quando nel 2009, a quasi cinquant'anni dalla morte, venne dato alle stampe il Libro rosso, l'inedito forse più strabiliante dell'intero Novecento, dove Jung calligrafò la sua potente visione dell'inconscio, illustrandola con tavole degne della migliore tradizione miniaturistica del Medioevo. Da allora, l'artista che non volle mai chiamarsi tale occupa il posto che gli spetta anche nella storia dell'arte, oltre che nel pensiero contemporaneo. Ma molto rimaneva da scoprire. Al desiderio di ammirare finalmente i tesori mai usciti dagli archivi risponde questo libro, curato dall'istituzione che custodisce il lascito junghiano. La sontuosa iconografia, in larga parte inedita, e i saggi che ne commentano ogni aspetto - dalle raffinate tecniche pittoriche all'uso dei colori, dalle figurazioni simboliche alle valenze meditative, fino alle scelte collezionistiche, che fecero della biblioteca di Jung una «stanza delle meraviglie» - integrano in modo sostanziale quanto si sapeva della psicologia analitica, della sua genealogia e dei suoi sviluppi. Spesso prologhi visivi degli scritti, gli abbozzi, gli acquerelli, i guazzi e le sculture esprimono quel pensare per immagini che rende riconoscibili i processi psichici: un esercizio in vivo, con esiti artistici alti, del metodo dell'immaginazione attiva. E di fronte al cromatismo che accende qualsiasi soggetto Jung raffiguri, paesaggio, demone o mandala, non sarà eccessivo parlare di capolavoro.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Chi ha paura del disegno? Opere su carta del XX secolo. Catalogo della mostra (Milano, 22 novembre 2018-24 febbraio 2019). Ediz. italiana e inglese"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 104
Ean: 9788836641888
Prezzo: € 30.00

Descrizione:Il volume presenta al pubblico un'ampia selezione di lavori dei più rappresentativi artisti italiani del XX secolo, e di altri ancora da riscoprire, provenienti dalla prestigiosa Collezione Ramo, una delle maggiori raccolte private di opere su carta del XX secolo, iniziata alcuni anni fa dall'imprenditore milanese Pino Rabolini. Con circa 600 opere, a partire dal primo '900, la collezione segue le tracce dei maggiori protagonisti delle avanguardie storiche fino ai primi anni Novanta. Lo scopo della collezione è testimoniare la grande importanza dell'arte italiana del secolo scorso promuovendo una cultura del disegno dal valore autonomo, al pari di pittura e scultura.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il tennis nell'arte. Racconti di quadri e sculture dall'antichità a oggi"
Editore: Mondadori
Autore: Clerici Gianni
Pagine: 336
Ean: 9788804685982
Prezzo: € 36.00

Descrizione:Quando nasce il tennis? Quanti artisti l'hanno raffigurato? L'ironica voce narrante di Gianni Clerici traccia una storia divertita e inedita del tennis nell'arte. Molti sono infatti i grandi pittori che hanno raffigurato il tennis da Desubleo a Tiepolo, da Chardin a Goya, da Boccioni a Campigli a Carrà a Hopper, per non parlare di scultori come Calder, Thayaht, Tongiani. I racconti dedicati alle opere di questi grandi artisti si intrecciano con la storia personale di Gianni Clerici che, dopo una vita spesa a commentare il tennis, ci accompagna per la prima volta a scoprire anche la sua ricca e ampia collezione familiare di quadri e sculture. Un libro in cui la storia del tennis si interseca alla storia dell'arte passando attraverso episodi di vita, di personaggi famosi e non. Grazie alla delicatissima sensibilità di Gianni Clerici, ai suoi tocchi da narratore stilizzato e appassionato collezionista, il volume diventa una festa di considerazioni e di opinioni, perché quando a parlare è Gianni Clerici la voce si fa sempre ricca di registri e di colori, di emozioni e di divagazioni. Nel libro la ricerca e la scelta delle immagini che parlano del tennis crea un lungo racconto dall'antichità a oggi. Le oltre 100 opere e l'apporto delle schede storico-artistiche di Milena Naldi aiutano a seguire in ordine cronologico la narrazione, offrendo di ogni artista la sua storia. Un libro per appassionati del tennis e per curiosi dell'arte.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Fernanda Mancini. Il pensare le immagini è il luogo e il tempo delle icone. Ediz. italiana e tedesca"
Editore: Gangemi
Autore:
Pagine: 96
Ean: 9788849236866
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Un praticare l'arte come esperienza del pensiero, come eccitazione di una mistica visione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Antonio Fiore. Ufagrà. Dal post-futurismo alla cosmopittura con i futuristi della sua collezione da Balla a Dottori. Catalogo della mostra (Assisi, 9 dicembre 2018-6 gennaio 2019). Ediz. a colori"
Editore: Gangemi
Autore:
Pagine: 96
Ean: 9788849236897
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Antonio Fiore, nato a Segni nel 1938, è considerato dalla critica specialistica l'erede dei futuristi dell'ultima generazione. Non si considera però un epigono del movimento marinettiano, bensí un continuatore dello spirito futurista, lo stesso che gli trasmisero direttamente alcuni protagonisti dell'ultimo Futurismo con i quali ebbe rapporti intensi e fecondi. Fu infatti Sante Monachesi nel 1978 ad indirizzarlo verso la ricerca post futurista facendolo aderire al Movimento Agrà che aveva fondato nel 1962, battezzandolo futuristicamente Ufagrà (Universo Fiore Agrà). Conobbe anche Francesco Cangiullo, famoso poeta parolibero futurista, che gli trasmise suggestioni per i contenuti delle opere della prima stagione. Con Elica e Luce Balla, le figlie del maestro del futurismo, il pittore di Segni e la sua famiglia hanno vissuto una lunga, cordiale e feconda amicizia tessuta anche fra i ricordi entusiasmanti della vicenda futurista del padre. Infine, ha avuto rapporti con Mino Delle Site e Osvaldo Peruzzi, futuristi dell'ultima generazione e, soprattutto, con Enzo Benedetto, futurista anche lui che con la Dichiarazione Futurismo Oggi del 1967 sancì la continuità ideale del futurismo. A Fiore Benedetto lasciò idealmente il testimone della continuità dell'ideale marinettiano. Tali contatti con i futuristi sono documentati dai diari di molti anni fa della moglie dell'artista, Maria Pia. In occasione di questa importante mostra al Palazzo del Monte Frumentario di Assisi, promossa dal Comune di Assisi in occasione degli ottanta anni dell'artista e dei quaranta con la pittura, i curatori hanno ridefinito la sua cosmopittura come linguaggio evolutivo di un'idea che esplora spazi siderei non conosciuti, dove l'artista immagina colori e forme fiammeggianti che fluttuano magmaticamente nel vuoto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Arte e cultura fra classicismo e lumi. omaggio a Winckelmann"
Editore: Jaca Book
Autore:
Pagine: 654
Ean: 9788816414792
Prezzo: € 40.00

Descrizione:Nel 1779 si pubblicò a Milano la prima traduzione italiana di "Geschichte der Kunst des Alterthums", ossia la "Storia delle arti del disegno presso gli antichi" di Johann Joachim Winckelmann. Pur discussa da parte del mondo letterario europeo, quest'opera ha legato Milano e la Lombardia a diversi percorsi della cultura e dell'arte di ambito italiano, europeo ed extra continentale. Così i riflessi e gli echi di questo avvenimento trascesero la fase storica in cui la pubblicazione ebbe luogo. In virtù di questo sfondo e di questi presupposti è nato il progetto del volume: studiosi di differenti discipline hanno voluto omaggiare, con contributi riguardanti diversi ambiti del sapere, la vastità di interessi culturali contenuti nell'opera dell'intellettuale tedesco, nonché i legami con la temperie artistica del Settecento. A cavallo fra le celebrazioni del terzo centenario della sua nascita (Stendal, 9 dicembre 1717) e il ricordo della sua improvvisa morte (Trieste, 8 giugno 1768) si propone un ampio panorama di temi, nella speranza di sollevare nuovi ambiti di dibattito e aprire ulteriori prospettive di studio.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Disegni antichi della Pinacoteca di Faenza. La collezione Giuseppe Zauli. Ediz. illustrata"
Editore: NFC Edizioni
Autore: Zavatta Giulio
Pagine: 174
Ean: 9788867261901
Prezzo: € 40.00

Descrizione:Questo volume nasce dal ritrovamento nei depositi della Pinacoteca di Faenza di un corpus di circa 60 disegni provenienti dalla collezione di Giuseppe Zauli. La collezione fu acquistata dalla Municipalità nel 1797 per la nascitura scuola del disegno. Con l'occasione della schedatura scientifica dei fogli ritrovati, quasi tutti inediti, è stata approfondita la figura di Giuseppe Zauli. Sauro Casadei ne ha scritto un profilo biografico: la vita privata, il docente e fondatore della scuola di disegno, gli incarichi pubblici, il conoscitore apprezzato anche da Luigi Lanzi, il collezionista che acquisì la raccolta del grande incisore Giovanni Bernardi conosciuta anche da Vasari, il fondatore della Pinacoteca e tutore del patrimonio artistico della città, per finire con il suo rapporto con l'illustre allievo Tommaso Giulio Zavatta si occupa invece del fondo di disegni ritrovato: una contestualizzazione nell'ambito delle nascenti scuole di disegno ha ampliato notevolmente gli orizzonti: la cattedra fu molto ambita e fu assegnata a Zauli non senza la presenza di agguerriti competitori, come Francesco Alberi. La questione inoltre assunse una dimensione nazionale, e coinvolse il ministro della Repubblica Cisalpina Daniele Felici Cappello e il celebre artista Andrea Appiani. Vengono quindi analizzati gli stretti rapporti di Giuseppe Zauli con il maestro Gaetano Gandolfi e vengono così contestualizzati numerosi disegni gandolfeschi ancora presenti in collezione, oltre ai fogli di Giacomo Cavedone, Felice Cignani, Ercole Graziani, Francesco Monti, Vittorio Maria Bigari, Marcantonio Franceschini. I disegni dimostrano una sostanziale continuità con i gusti dell'Accademia di Bologna, della quale Zauli fu allievo. Un saggio particolare è infine dedicato ai fogli di Ferraù Fenzoni provenienti dalla raccolta Zauli.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Antonio Saladino. Reperti contemporanei. Catalogo della mostra (Catanzaro, 24 novembre 2018-19 gennaio 2019). Ediz. italiana e inglese"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 78
Ean: 9788836642120
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Antonio Saladino con "Reperti contemporanei" propone all'analisi la sua più recente produzione scultorea: un'originale ibridazione concettuale tra arte e archeologia. Le opere, documentate nel volume, sono oggetti la cui struttura segnica affonda le proprie matrici generative nella densità del tempo storico; sono straordinari e insoliti reperti nati dalla forza immaginativa dell'artista, affiorati dai margini rigogliosi del suo universo creativo. Sono reperti senza cronologia, senza storia, che narrano di storia, che declinano antiche seduzioni suggerendone di nuove attraverso la propria unicità di manufatto artistico realizzato nei modi e nei riferimenti linguistici della contemporaneità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Adriana Beretta. Stanze e distanze. Opere-Works 2007-17. Catalogo della mostra (Lugano, 26 novembre 2017-6 maggio 2018). Ediz. italiana e inglese"
Editore: Casagrande
Autore:
Pagine: 173
Ean: 9788877138033
Prezzo: € 48.00

Descrizione:Pubblicato in occasione dell'ampia mostra personale allestita a Villa Pia a Porza, presso la Fondazione d'Arte Erich Lindenberg, il libro documenta le opere più recenti di Adriana Beretta, offrendone anche tre "assaggi" in forma di altrettanti "cahiers" inseriti nel volume stesso. Testi in italiano e inglese di Tiziana Lotti Tramezzani, Gaspare Luigi Marcone, Annalisa Viati Navone e Matteo Terzaghi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pittori e dipinti del Novecento pisano. Nel secolo andato"
Editore: Pacini Editore
Autore: Renzoni Stefano
Pagine: 157
Ean: 9788869955112
Prezzo: € 18.00

Descrizione:La nostra non vuole essere una storia della pittura a Pisa del primo Novecento e neppure una breve sintesi dei pittori più significativi. Si tratta, molto più modestamente, di tredici medaglioni biografici di alcuni tra i principali pittori pisani del primo Novecento che, secondo il personalissimo parere di chi scrive, furono tra i più importanti, con l'aggiunta di qualcuno che forse così significativo non fu, ma che è stato pressoché totalmente dimenticato, e che meriterebbe invece una qualche riconsiderazione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Onufri prize XXIII. Memoria collettiva, memorie personali. Catalogo della mostra (Tirana, 20 dicembre 2017-30 gennaio 2018). Ediz. italiana, albanese e inglese"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 111
Ean: 9788836641864
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Il Premio Onufri è la massima rassegna albanese delle arti visive. Una mostra che ha sede nella Galleria Nazionale d'Arte di Tirana, in cui poter ammirare i capolavori del realismo socialista così come le ultime ricerche in campo visivo. La memoria, "Au fil du temps", è il tema scelto dal curatore per questa edizione, in un percorso che intreccia memoria collettiva e suggestioni personali, plurale e singolare, storia e vissuto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Giovanni Santi. Catalogo della mostra (Urbino, 30 novembre 2018-17 marzo 2019). Ediz. a colori"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 288
Ean: 9788836641604
Prezzo: € 34.00

Descrizione:Il volume ripercorre la vita e le opere di Giovanni Santi (Colbordolo, 1439, ante? - Urbino, 1 agosto 1494), personaggio poliedrico e dotato di molti talenti, nonché padre e primo maestro di Raffaello. Attraverso i saggi del volume e il ricco apparato iconografico, viene indagata la sua attività, strettamente legata alla città di Urbino e alla committenza del potente duca Federico da Montefeltro, la cui azione politica e militare fu rivolta alla creazione di una città ideale fondata sulla cultura. Fortemente partecipe di questo clima stimolante, ma anche arricchitosi dalla frequentazione di altri importanti centri italiani, Giovanni Santi fu leader di una bottega che monopolizzò la produzione artistica del territorio, realizzando opere di grande qualità. La sua fama fu presto oscurata da quella dal figlio, Raffaello, il quale, rimasto orfano a soli undici anni, divenne tuttavia l'espressione più alta della temperie artistica che nel giro di pochi anni avrebbe completamente mutato il corso della storia della pittura. Raffaello sentì tuttavia fortemente il legame con la famiglia e con la terra d'origine, e volle sempre mantenere il ricordo del nome paterno e della città che lo generò.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Predella (2016). Vol. 13-14"
Editore: ETS
Autore:
Pagine: CXLIV-304
Ean: 9788846752710
Prezzo: € 35.00

Descrizione:Contributi di: Diane Cole Ahl, Gail E. Solberg, Gabriele Fattorini, Marco M. Mascolo, Clario Di Fabio, Anthony M. Cummings, Marco Frati, Linda Pisani, Christa Gardner von Teuffel, Gabriele Donati, Claudio Casini, Jean K. Cadogan, Luigi Lazzerini, Sarah M. Cadagin, Caterina Bay, Pierluigi Nieri, Gerardo de Simone.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La scuola di San Lorenzo. Una «factory» romana. Catalogo della mostra (Jesi, 8 dicembre 2018-17 marzo 2019). Ediz. a colori"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 77
Ean: 9788836641789
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Attraverso trentasette opere, pittoriche e scultoree, il volume ripercorre le vicende biografiche e artistiche di quella che può ben identificarsi come generazione San Lorenzo, una compagine formata da sette artisti, Bruno Ceccobelli, Gianni Dessì, Nunzio, Piero Pizzi Cannella, Marco Tirelli, Giuseppe Gallo e Domenico Bianchi, radicati nei locali dell'ex Pastificio Cerere, nel popolare quartiere romano di San Lorenzo, che hanno mosso i primi passi in uno stesso contesto artistico e culturale. Seppur non si presentino come un gruppo omogeneo, vivono un contatto continuo mediante la scelta di spazi contigui di lavoro, rendendo cosi l'edificio di via degli Ausoni un grande laboratorio creativo. Il titolo infatti rimanda all'idea di factory, pienamente calata nella realtà culturale della Roma di quegli anni: un luogo non solo di produzione artistica, ma anche di sperimentazione e scambio, incarnando per questi artisti una sorta di genius loci che nel corso degli anni li ha identificati. Con un testo critico di Marco Tonelli.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Leonardo da Vinci e i segreti del Codice Atlantico. Ediz. illustrata"
Editore: White Star
Autore: Navoni Marco
Pagine: 206
Ean: 9788854041806
Prezzo: € 29.90

Descrizione:Il poliedrico genio di Leonardo da Vinci continua a stupire e affascinare il mondo attraverso scritti, disegni e dipinti anche secoli dopo la sua scomparsa. La recente decisione di sfascicolare le pagine del famoso Codice Atlantico, una delle maggiori raccolte di disegni e studi leonardeschi, conservato presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano, consente oggi al pubblico e agli studiosi un accesso più facile e diretto alle idee e ai pensieri del grande genio rinascimentale. Questo volume, che riproduce alcune delle più interessanti e significative pagine del Codice, approfondisce l'interesse di Leonardo da Vinci per i campi più disparati, dalle fortificazioni militari all'anatomia, dalle macchine da guerra all'architettura civile, dagli studi sul volo all'ingegneria idraulica. Il Maestro toscano affronta queste tematiche seguendo la sua peculiare visione della realtà, alla ricerca di un equilibrio che unisce utile e bello, arte e scienza. Ecco allora che nascono dalla sua mente, e trovano forma sulle pagine del Codice, idee innovative per la realizzazione di strumenti, congegni e opere di ingegneria che sembrano anticipare i tempi. Sempre in bilico tra elaborazione teorica e intento pratico, il lavoro di Leonardo emerge dalle pagine di questo libro con tutta la sua forza visiva, offrendo al lettore un'ulteriore prova della modernità delle sue concezioni e fornendo il segno tangibile della grandezza di un genio senza tempo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dall'ideale classico al Novecento. Scritti per Fernando Mazzocca"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 264
Ean: 9788836641901
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Il volume raccoglie, in occasione dei settant'anni di Fernando Mazzocca, 35 studi che amici e allievi hanno voluto dedicargli. I saggi, diversi per cronologia e ambiti, si rivelano in sintonia con le quarantennali ricerche del grande studioso, dedicate alle arti, alla critica e al collezionismo tra Settecento e Novecento. I contributi restituiscono importanti novità filologiche e decisive revisioni di storia della critica d'arte. Toccano, tra gli altri, protagonisti come Batoni, Canova, Appiani, Sommariva, Hayez, Leopardi, Pellizza da Volpedo, Sartorio. Il libro è completato dall'elenco ragionato degli scritti di Mazzocca.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Perugino. L'Adorazione dei Magi. Catalogo della mostra (Milano, 1 dicembre 2018-13 gennaio 2019). Ediz. italiana e inglese"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 95
Ean: 9788836642090
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Dopo l'apprendistato a Firenze nell'aggiornatissima bottega di Verrocchio, accanto a Leonardo da Vinci e a Lorenzo di Credi, Pietro Perugino riceve, attorno al 1475, il primo incarico importante dalla sua terra d'origine, l'Adorazione dei Magi per la chiesa di Santa Maria dei Servi a Perugia. Nella grande tavola il giovane pittore sposa apertamente la cultura figurativa fiorentina e prende a modello il coevo dipinto d'uguale soggetto di Sandro Botticelli. Introduce però anche le prime note personali - il paesaggio con le distese d'acqua, l'attenzione minuziosa ai particolari, le dolci fisionomie delle figure - che renderanno celebre la sua maniera e che per un paio di decenni ne faranno, come scrisse Agostino Chigi, "il meglio maestro d'Italia".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Fragili tesori dei principi. Le vie della porcellana tra Vienna e Firenze. Catalogo della mostra (Firenze, 13 novembre 2018-10 marzo 2019). Ediz. a colori"
Editore: Sillabe
Autore:
Pagine: 508
Ean: 9788833400426
Prezzo: € 35.00

Descrizione:"Palazzo Pitti ospita ora, a distanza di poco più di un anno, una seconda mostra dedicata alla porcellana: e mentre la prima, 'Omaggio al Granduca' (giugno-settembre 2017), era incentrata sulla produzione di Doccia in particolare nell'Ottocento, secolo cui gli studi specifici avevano finora dedicato meno attenzione, in questa seconda occasione l'argomento è la nascita e lo sviluppo nel Settecento, grazie al marchese Carlo Ginori, di quella splendida manifattura toscana, le relazioni strettissime che essa ebbe con quella viennese fondata nel 1718 da Claudius Innocentius Du Paquier, e l'importanza che le rispettive produzioni ebbero nella trasmissione di motivi, forme, tecniche artistiche: in breve, nella formazione del gusto dell'epoca." (dalla presentazione di Eike D. Schmidt). Presentazione di Johann Kräftner.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Francesco Paolo Michetti. Catalogo generale. Ediz. illustrata"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 416
Ean: 9788836641666
Prezzo: € 90.00

Descrizione:Francesco Paolo Michetti (1851-1929) è da riconoscere come uno dei protagonisti del panorama artistico italiano e internazionale del secondo Ottocento e primo Novecento per la singolarità di un percorso lungo, articolato e capace di evolversi maturando differenti tecniche e stili. Gli studi condotti negli ultimi vent'anni, nel mettere in luce la sua versatilità e la straordinaria facilità esecutiva e inventiva, hanno evidenziato l'urgenza di una ricognizione scientifica della sua vasta e fortunata produzione, soprattutto per discernere quanto effettivamente da lui realizzato e quanto riconducibile alla prolifica attività dei numerosissimi falsari e imitatori. Frutto di dieci anni di lavoro, il volume rappresenta un imprescindibile strumento di chiarezza critica che fissa il corpus delle opere pittoriche e grafiche e ripercorre, nei saggi introduttivi, la parabola umana e artistica di Michetti, punteggiata da prestigiosi incarichi, onorificenze e successi nazionali e internazionali. Se Napoli, Parigi e Roma costituiscono i tre vertici del suo percorso di affermazione, è l'Abruzzo, stretto tra montagne e mare, la principale fonte d'ispirazione. La sua natura e la sua gente sono i protagonisti di un grande poema ciclico e simbolico di vita e morte che si compone nel tempo e che, pur nell'evoluzione della forma, risponde all'esigenza mai tradita di penetrare l'essenza della realtà. Completato da importanti apparati bio-bibliografici, il volume contribuisce a restituire pienamente all'artista una posizione centrale tra i maestri europei.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I baffi del bambino. Scritti sull'arte e sugli artisti"
Editore: Quodlibet
Autore: Bertolo Luca
Pagine: 232
Ean: 9788822902993
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Vengono qui raccolti i testi sull'arte che Luca Bertolo, ormai da vent'anni, affianca alla sua attività di pittore. L'autore si confronta con dei nuclei tematici ben precisi, come il rapporto tra arte e politica o lo statuto della pittura contemporanea nel contesto di un'arte che si suppone postmediale, riflettendo allo stesso tempo sulla crisi attuale della critica d'arte. Questi temi vengono variamente declinati da Bertolo attraverso ritratti di artisti della sua generazione, recensioni di mostre e riflessioni teoriche più generali, restando sempre fedele all'urgenza di mostrare in controluce gli aspetti essenziali della propria pratica artistica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La strada. Dove si crea il mondo-The street. Where the world is made. Ediz. bilingue"
Editore: Quodlibet
Autore:
Pagine: 352
Ean: 9788822903006
Prezzo: € 22.00

Descrizione:In occasione dell'esposizione La strada. Dove si crea il mondo, il museo MAXXI e Quodlibet edizioni presentano un progetto editoriale che è al contempo il catalogo della mostra e uno strumento, ampio e articolato, per esplorare il ruolo della strada nella produzione dell'arte contemporanea, dalla seconda metà del Novecento a oggi. Due volumi, autonomi e allo stesso tempo legati tra loro, analizzano la strada come manifesto in continua mutazione della vita contemporanea, elemento di connessione ma anche di rottura, scenario delle esperienze del quotidiano. Qursto volume raccoglie i saggi di Hou Hanru, Pippo Ciorra, Mark Wigley, Simone Ciglia, Nikos Papastergiadis, Saskia Sassen, Homi K. Bhabha, Stefano Chiodi e dell'Università Sapienza di Roma. Un'articolata antologia di testi storici completa il percorso critico con, tra gli altri, testi di: Georg Simmel, Le Corbusier, Walter Benjamin, Theodor W. Adorno, Guy Debord, Claes Oldenburg, Vito Acconci, Robert Venturi, Denise Scott Brown, Steven Izenour, Michel Foucault, Franco Farinelli, Martha Rosler, Rem Koolhaas, Francesco Careri e Judith Butler.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La strada. Dove si crea il mondo-The street. Where the world is made. Ediz. bilingue"
Editore: Quodlibet
Autore:
Pagine: 488
Ean: 9788822903013
Prezzo: € 25.00

Descrizione:In questo volume sono illustrate le oltre duecento opere in mostra, alternate nel volume con la riproduzione di altre opere storiche del Novecento, così da comporre una sorta di enciclopedia tascabile che esplora il tema della strada in relazione all'arte. Un mosaico di lavori, esperienze artistiche, performance e installazioni che vede, tra le altre, la presenza di Francis Alÿs, Laurie Anderson, Archigram, Rosa Barba, Joseph Beuys, Botto&Bruno, Andrea Bowers, Atelier Bow-Wow, Alain Bublex, Daniel Buren, Georges Candilis, Cao Fei, Maurizio Cattelan, Chim?Pom, Christo, Jimmie Durham, Olafur Eliasson, Flavio Favelli, Yona Friedman, Alberto Garutti, Gilbert & George, Thomas Hirschhorn, Damien Hirst, Steven Holl, Alfredo Jaar, Allan Kaprow, William Kentridge, Jeff Koons, Barbara Kruger, Ugo La Pietra, Liu Qingyuan, Gordon Matta-Clark, Mario Merz, MVRDV, Claes Oldenburg, Lucy + Jorge Orta, Damián Ortega, Giulio Paolini, Adrian Piper, Michelangelo Pistoletto, Robert Rauschenberg, Ed Ruscha, SITE, Cindy Sherman, Stalker, Superstudio, Vedovamazzei, Andy Warhol, Sislej Xhafa e Zhou Tao.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU