Libreria cattolica

Libri - Storia Della Filosofia Occidentale



Titolo: "Quaderni neri 1942-1948. Note I-V"
Editore: Bompiani
Autore: Heidegger Martin
Pagine: 720
Ean: 9788845294204
Prezzo: € 30.00

Descrizione:Con questo volume si pubblica la seconda serie di quelli che Heidegger stesso definì "Quaderni neri", i quali presentano una forma che, secondo le sue caratteristiche, risulta oltremodo singolare non solo per Heidegger, bensì in generale per la filosofia del XX secolo. Questi manoscritti, in cui si alternano osservazioni sugli eventi del tempo, discussioni filosofiche, meditazioni sull'arte e sulla poesia come pure autoriflessioni poetiche, offrono una tessitura di pensiero impressionante. Il presente volume è il primo di due nei quali vedono la luce le "Note I-X". Raccoglie le "Note I-V" e contiene anche quel "Quaderno nero" che fino a poco tempo fa ancora si riteneva disperso. Il primo quaderno del volume comincia nel 1942, l'ultimo si conclude nel 1948. Le "Note I-V" mostrano come il pensiero di Heidegger di una storia dell'essere incominci a sbiadire in favore di un pensiero del Geviert, della "quadratura". Tuttavia, proseguono le problematiche interpretazioni dell'ebraismo nel quadro del tramonto spirituale dei tedeschi che già affioravano nelle "Riflessioni". Il dopoguerra è vissuto come un tradimento del proprio compito da parte dei tedeschi, del compito cioè di fondare l'"altro inizio" della storia dell'essere. In relazione a ciò, Heidegger comincia a elaborare non solo il fallimento dei propri progetti di politica universitaria del 1933-1934, bensì anche la sua interdizione all'insegnamento, ufficializzata nel 1946. Con la pubblicazione del primo volume delle "Note" si rende disponibile un'altra porzione del manoscritto che, compilato dall'inizio degli anni trenta fino all'inizio degli anni settanta, rende manifesto il "cammino di pensiero" di Heidegger attraverso gli scossoni del secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sento quindi sono. Fenomenologia e Leib nel dibattito contemporaneo"
Editore: Mimesis
Autore: Bizzari Valeria
Pagine: 320
Ean: 9788857549200
Prezzo: € 26.00

Descrizione:Che cosa significa essere corporei? E in che senso è possibile oggi parlare di embodiment? Attraverso un'indagine che si dipana su più livelli (storico, teorico e pratico), l'autrice affronta questi interrogativi, prefiggendosi l'obiettivo di offrire una riabilitazione ontologica e gnoseologica al ruolo che il corpo vivo - Leib - assume all'interno della vita di coscienza. Da un punto di vista storico, l'analisi prende in considerazione sia i fenomenologi "classici" (in particolare, Husserl e Merleau-Ponty) sia il dibattito contemporaneo e le forme che la fenomenologia ha assunto negli Stati Uniti. Nell'ultima parte del lavoro, invece, il metodo fenomenologico e la prospettiva embodied vengono messi in pratica nella disamina del concreto rapporto tra sé, altro e mondo. Il risultato è la rivalutazione di quegli aspetti taciti dell'esistenza che, tuttavia, sembrano connotarla tanto profondamente, al punto da poter definire il soggetto non tanto come "io penso" ma piuttosto come "io sento".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Partorire con la testa. Alle origini della maieutica"
Editore: Marsilio
Autore: Cianci Dorella
Pagine: 160
Ean: 9788831742900
Prezzo: € 13.00

Descrizione:Il termine «maieutica» si è introdotto nell'uso contemporaneo, dalla filosofia con i bambini alla politica, per sottolineare che si può partorire anche intellettualmente. Quando è iniziato l'accostamento, nella sfera educativa, fra parto e idee? Le origini potrebbero risalire al mito greco, che associava con più agio il "partorire con la testa" agli uomini. La formula più nota è quella creata da Socrate-maestro, citato dal suo allievo Platone. Solo da Platone? Ripercorrendo le origini e ammettendo un'esigenza contemporanea di riflettere sul dialogo, viene da chiedersi quanto la dialogicità oggi sia più efficace di quella socratica, che forse, per dirla con Umberto Eco, cercava di sfinire l'interlocutore a favore delle proprie convinzioni.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "«Il diritto di pensare con la propria testa». Educazione, cittadinanza e istituzioni in Mary Wollstonecraft"
Editore: Aracne
Autore: Vantin Serena
Pagine: 288
Ean: 9788825519631
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Il volume indaga i nessi tra questione educativa, assetti sociali e istituzioni nell'opera di Mary Wollstonecraft approfondendo, in particolare, alcuni aspetti rilevanti sul piano giusfilosofico: il rapporto tra diritti, libertà e prospettiva repubblicana; la problematica relazione tra sfera pubblica e sfera privata dell'esistenza; il nesso tra virtù e amicizia civica, nonché quello tra diritto e morale. L'argomentazione si muove nel solco - tratteggiato dalla stessa pensatrice - del principio di eguaglianza inteso quale criterio fondativo della cittadinanza.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Jean de Salisbury, nouvelles lectures, nouveaux enjeux. Ediz. francese, inglese e italiana"
Editore: Sismel Edizioni del Galluzzo
Autore:
Pagine: 312
Ean: 9788884508867
Prezzo: € 52.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Automazione e teoria critica. A partire da Friedrich Pollock"
Editore: Mimesis
Autore: Emery Nicola
Pagine: 202
Ean: 9788857553238
Prezzo: € 20.00

Descrizione:L'economista Friedrich Pollock (Friburgo in Brisgovia 1894 - Montagnola 1970) occupò un ruolo di primissimo piano nell'ambito della 'Scuola di Francoforte', incidendo notevolmente, dapprima con la sua elaborazione del concetto di capitalismo di Stato, sulle prospettive filosofiche di Max Horkheimer, Theodor W. Adorno e Herbert Marcuse. Pollock pubblicò nel 1956 "Automazione: dati per la valutazione delle conseguenze economiche e sociali", un'opera pionieristica e lungimirante, subito ben diffusa e ancora una volta fonte d'importanti influenze. Il presente volume raccoglie contributi sia dei maggiori specialisti internazionali dell'autore sia di noti studiosi del mondo contemporaneo, per mettere a fuoco la grande rilevanza e attualità dell'opera di Friedrich Pollock, proprio oggi - mentre è in corso la digitalizzazione dell'intera vita - paradossalmente un po' dimenticata.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Variazioni sul jazz. Critica della musica come merce"
Editore: Mimesis
Autore: Adorno Theodor W.
Pagine: 143
Ean: 9788857546919
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il pensiero di Theodor W. Adorno è attualmente oggetto di un'importante opera di riscoperta al centro della quale si situa, accanto alla parte più squisitamente filosofico-teoretica del suo pensiero, la sua filosofia della musica. Anziché concentrarsi esclusivamente sull'analisi dei fenomeni più tradizionali e "colti" - in primis la musica classica - l'Adorno musicologo preferisce estendere la propria indagine a quelle produzioni popular legate all'ambito dell'industria culturale, tra le quali figura il jazz. In questo volume sono presentati per la prima volta in italiano i principali saggi sul jazz del filosofo tedesco, rivelatisi fondamentali per la nascita degli studi sul genere e per l'affermazione del campo di ricerca autonomo conosciuto come "Popular Music Studies". Un'opera essenziale per comprendere la concezione di uno dei primi autori che ispezionò, spesso in modo fortemente critico, il jazz come materia di studio per il pensiero filosofico. Come affermava il celebre musicologo Richard Middleton: "Chiunque creda che sia importante studiare la popular music deve far proprio il pensiero di Adorno. Per quanto questa teoria si presenti a volte problematica, la sua forza è innegabile".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La violenza e Montaigne. Storia di un problema filosofico"
Editore: Mimesis
Autore: Baglivo Federico
Pagine: 430
Ean: 9788857551067
Prezzo: € 34.00

Descrizione:L'opera di Michel de Montaigne segna il germogliare della riflessione filosofica moderna sulla soggettività. Ma nei "Saggi", scritti in un frangente tra i più cupi e violenti della storia europea, è anche possibile scorgere un percorso parallelo, volto all'individuazione dei fondamenti pacifici dei rapporti umani. Attraverso l'analisi della storiografia, la precisa contestualizzazione del processo di elaborazione dei "Saggi" e soffermandosi estesamente sulle categorie di scetticismo, tolleranza e pluralismo che strutturano il suo discorso filosofico, questo libro descrive il legame di Montaigne con la violenza e l'originale forma di irenismo tratteggiata per arginarla. Sullo sfondo delle grandi questioni dell'epoca - di ordine politico-militare e giuridico, culturale e pedagogico - viene così definendosi il profilo di un pensatore che, in continuo dialogo con la tradizione classica e rinascimentale, ha cercato di rifondare un ideale di umanità morale che non deve essere considerato perduto. Prefazione di Philippe Desan.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Intellettuali ebrei italiani del XX secolo"
Editore: Franco Angeli
Autore:
Pagine: 172
Ean: 9788891770318
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Di tutti gli intellettuali ebrei italiani studiati o anche solo citati in questo libro - anche quelli che non si richiamarono culturalmente alla tradizione ebraica - vale che, tanti anni ormai trascorsi, a riguardarli uno ad uno si vede con chiarezza che tra i molti elementi delle loro diverse e complesse individualità, quello ebraico fu, in modi differentissimi, per tutti loro imprescindibile. Tra i saggi raccolti in questo volume, solo due, quelli di Emilia D'Antuono su Enrico, Enzo ed Emilio Sereni e di Geri Cerchiai su Eugenio Colorni, trattano di personalità che con l'ebraismo ebbero un rapporto profondo. Le prospettive culturali dei protagonisti studiati nel contributo di Enrico I. Rambaldi su Antonello Gerbi, e più ancora in quelli di Giovanni Rota su Giorgio Levi Della Vida e di Fulvio Tessitore su Giorgio Falco, non ebbero se non scarsi o nessun rapporto con la tradizione ebraica: essi furono personalità perfettamente assimilate, al limite definibili come "ebrei loro malgrado". Almeno due sono però i motivi, per i quali l'esser stati ebrei ha senso per tutt'e cinque le personalità qui studiate. Innanzi tutto, ha senso parlare di "intellettuali ebrei" perché negli antichi Stati preunitari e nel Regno d'Italia una specifica determinazione culturale, sociale e politica degli "ebrei italiani" esistette. In secondo luogo, a giustificare è l'"impersonale" crudezza biologica dell'antisemitismo nazifascista di Stato, che prescinde del tutto dalla soggettività specifica del singolo individuo. I saggi qui raccolti mostrano come nelle personalità da essi studiate si riflettano i temi e i destini degli ebrei italiani sotto il fascismo. Scritti di: Geri Cerchiai, Emilia D'Antuono, Enrico Isacco Rambaldi, Giovanni Rota, Fulvio Tessitore.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "De l'excellence et immortalité de l'âme. Extraict non seullement du Timée de Platon, mais aussi de plusieurs aultres grecz et latins philosophes, tant de la pythagorique que platonique famille"
Editore:
Autore: Bouchard Amaury
Pagine: 184
Ean: 9788872523803
Prezzo: € 19.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Derrida e le arti."
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Martino Feyles
Pagine: 256
Ean: 9788837232511
Prezzo: € 20.00

Descrizione:Il confronto con le arti e la letteratura è una costante nell'evoluzione del pensiero di Derrida. Mallarmé, Ponge, Artaud, Jabès, Joyce, Valéry, Adami sono alcuni dei protagonisti di un dialogo ininterrotto, che segna i passi fondamentali del cammino filosofico derridiano. In questo libro l'autore propone un commento critico dei saggi più significativi che Derrida ha dedicato alle arti e alla letteratura. Confrontarsi con questi testi, spesso oscuri ed enigmatici, significa accettare una sfida ermeneutica e cercare di "decifrare" gli innumerevoli significati nascosti tra le righe. Questo lavoro d'interpretazione produce un risultato duplice. Da una parte emerge chiaramente che - nonostante la diffidenza di Derrida nei confronti dell'estetica - l'incontro tra estetica e decostruzione è non solo possibile, ma anzi necessario. Dall'altra parte un'analisi approfondita dei testi consente di evidenziare i problemi e le difficoltà che sembrano caratterizzare l'approccio decostruzionista alle arti e ai testi letterari.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' identità che trascende nel valore. Una proposta sull'essenza dell'uomo fondata sul pensiero di Ernesto De Martino"
Editore: Mimesis
Autore: Calandruccio Paolo
Pagine: 126
Ean: 9788857552958
Prezzo: € 12.00

Descrizione:In questo libro si presenta una proposta metafisica che tenti di rispondere alla domanda sull'essenza dell'uomo da una prospettiva ancora inesplorata. Grazie al prezioso contributo che le ricerche dell'antropologo campano Ernesto De Martino hanno apportato all'indagine sull'anthropos, è possibile cogliere alcuni elementi essenziali, seppur polisemici, caratterizzanti la persona. Pertanto, in questo testo, dopo un accurato studio delle ricerche condotte da De Martino, si propone una teoria sull'essenza dell'uomo, caratterizzata da un concetto di trascendenza che è inscindibilmente connesso all'orizzonte etico. Tale prospettiva risponderà esaustivamente alla classica domanda "che cos'è uomo?", evitando di cadere sia in un relativismo culturale sia in un realismo riduzionista.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il bambino di Platone. Psicologia e filosofia a confronto sull'origine e lo sviluppo della cognizione morale"
Editore: Le due torri
Autore: Margoni Francesco
Pagine: 172
Ean: 9788885720114
Prezzo: € 17.50

Descrizione:Mosso da spinte biologiche e vincolato da norme sociali stabilite culturalmente, l'essere umano rappresenta un oggetto di studio affascinante e complesso. Oggi, lo sforzo collaborativo di molti ricercatori impegnati nello studio della psicologia umana permette di affrontare con rigore scientifico un ambito di conoscenza, temi e questioni di profonda rilevanza filosofica, favorendo così un proficuo dialogo tra discipline. Siamo naturalmente predisposti a comprendere le nozioni di autorità, giustizia, equità, bene e male, nozioni su cui ruota l'organizzazione delle nostre società? Come possiamo spiegare il comportamento aggressivo e immorale? Quali sono le basi psicologiche della religione? Il libro offre un'introduzione che intende essere di facile fruizione e stimolare nel lettore la curiosità per i temi trattati e la volontà di approfondirli. Hanno contribuito al volume: Luca Surian, Dario Bacchini, Simona Caravita, Sonia Cosio, Grazia De Angelis, Carla Sabatti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Teoria politica dell'arte. Riflessioni a partire da Hannah Arendt"
Editore: Orthotes
Autore: Fransoni Alessio
Pagine: 308
Ean: 9788893141598
Prezzo: € 23.00

Descrizione:Partendo da un'analisi puntuale della teoria politica di Hannah Arendt, questo libro si propone di indicare una possibile via per pensare l'arte in modo politico, considerando da un lato la teoria politica come un modo di pensare valido in generale, e cioè applicabile anche ad altre discipline, e mostrando dall'altro che l'arte ci dice qualcosa della natura stessa del politico. Su queste basi l'arte può essere osservata dalla prospettiva di una pluralità costitutiva, che essa stessa, insieme agli altri concetti del politico, aiuta a definire. Parlare d'arte vuol dire parlare di cosa significa stare tra gli uomini, e parlare delle modalità di questo "stare" ci pone davanti alla questione decisiva della relazione tra libertà e mondo, della quale l'arte è una risposta. La teoria dell'arte riformulata come teoria politica richiede un ripensamento dei rapporti tra storia e critica, degli approcci interpretativi e dei termini chiave della lettura formale, come pure delle pratiche artistiche paradigmatiche (dalla scultura della Grecia preclassica all'action painting), e dei momenti storici concettualizzati in categorie d'uso comune, quali "avanguardia" e "ritorno all'ordine".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Studi sulla filosofia di Karl Marx"
Editore: Franco Angeli
Autore: Quante Michael
Pagine: 178
Ean: 9788891779212
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Il 5 maggio 1818 nasceva in una piccola città della Renania, Treviri, Karl Marx. Dopo duecento anni da quel giorno, in un'epoca profondamente cambiata, ci troviamo ancora a confrontarci con il pensiero del filosofo tedesco, come se fosse un nostro contemporaneo. In questa raccolta di saggi Michael Quante mette tuttavia ben in guardia dall'illusione di poter semplicemente applicare alle problematiche che caratterizzano le società di oggi le risposte che possono essere rinvenute all'interno dell'opera marxiana. L'autore articola così un interessante percorso interno alla riflessione del filosofo di Treviri, senza esimersi al tempo stesso dal valutarla criticamente. Pur ruotando ogni capitolo attorno a concetti e concezioni chiave del pensiero marxiano come la dialettica, il riconoscimento, l'alienazione, la storia, la questione ebraica, la teoria dell'azione, i vari studi sottendono alcune tematiche comuni: è possibile limitare le deformazioni sociali che derivano dai mercati? Entro quali condizioni si può tentare di perseguire una piena, o quanto meno soddisfacente, realizzazione umana? Come è possibile operare una adeguata sintesi tra la sfera privata e quella pubblica all'interno di società oggi più che mai segnate dalla multiculturalità? Per rispondere a queste domande Quante rilegge la produzione filosofica di Marx nei termini di una vera e propria antropologia filosofica, difendendo la tesi di una continuità tra il "giovane" Marx e il Marx "maturo".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' ottimo medico è anche filosofo? Il proficuo scambio tra medicina e filosofia attraverso i secoli e le culture"
Editore: Le due torri
Autore: Cosio Sonia
Pagine: 170
Ean: 9788885720107
Prezzo: € 17.50

Descrizione:Già prima che la bioetica si imponesse come luogo di incontro privilegiato, medicina e filosofia si sono incontrate in modo proficuo, per dare risposte a interrogativi di carattere etico che costituivano delle sfide per il pensiero. Anche oggi medicina e filosofia si incontrano in molte circostanze e insieme riescono a trarre il meglio l'una dall'altra in una relazione che continua ad avvenire attraverso un fruttuoso e osmotico scambio che rappresenta, e da sempre ha rappresentato, una ricchezza per il pensiero. Prefazione di Alfredo Anzani. Contributi di Carmela Baffioni, Gaia Barazzetti, Chiara Cozzi, Federico Pennestri, Maria Teresa Russo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cartografia politica. Spazi e soggetti del conflitto in Niccolò Machiavelli"
Editore: Olschki
Autore: Marchesi Francesco
Pagine: 190
Ean: 9788822266064
Prezzo: € 28.00

Descrizione:La politica machiavelliana viene prevalentemente intesa, almeno a partire dalla metà del XX secolo, come una politica della pluralità, quando non del conflitto. Una tesi che appare parziale alla luce delle istanze di articolazione e ricomposizione del corpo sociale avanzate dal segretario lungo un'intera biografia intellettuale. Attraverso una riflessione sui saperi, gli spazi e i soggetti della politica machiavelliana è dunque possibile mostrare la centralità dell'ordine, nuovo, nel pensiero del fiorentino.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Royer-Collard. Il governo attraverso la Charte"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Petrone Alessandra
Pagine: 121
Ean: 9788849852301
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il libro ricostruisce le riflessioni politiche di Royer-Collard, capo del piccolo partito dei dottrinari durante la Restaurazione. Un itinerario teorico e di pratica politica che si dipana fra temi quali il concetto di governo rappresentativo, la libertà di stampa, il ruolo assegnato alla monarchia legittima e così via, avendo sullo sfondo la Charte del 1814, il testo costituzionale che diviene nella visione di Royer-Collard lo strumento di garanzia del nuovo ordine politico affermatosi dopo la Rivoluzione e l'Impero napoleonico. Non trascurando da ultimo, il rapporto di benevola amicizia che egli stringe con il giovane Tocqueville.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' arte di soffrire. La vita malinconica"
Editore: Stampa Alternativa
Autore: Scrima Stefano
Pagine: 91
Ean: 9788862226424
Prezzo: € 12.00

Descrizione:La malinconia ci sprona a pensare, a entrare nei vicoli più stretti della nostra psiche, a elaborare un senso per il nostro malessere, mostrandoci nella sua più profonda realtà la dialettica vitale luce/ombra. Già solo per questo può dirsi arte, una delle più raffinate. Ma, in più, è fonte di creazione, arte vera e propria. L'arte di soffrire si impara sulla propria pelle, non ha metodo né stili. Ognuno la forgia, se avrà il coraggio, secondo la forma dei propri organi. Per questo troverete qui dentro tante malinconie per quanti uomini ne hanno incontrate e vissute, in un viaggio in compagnia di Baudelaire, Beethoven, Nick Drake, Ficino, Freud, Goethe, Huysmans, Ippocrate, Kant, Keats, Leopardi, Melville, Pascal, Pavese, Sartre, Shakespeare e Van Gogh.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ermeneutica del riconoscimento. Fondazione filologica di un concetto"
Editore: Mimesis
Autore: Turra Valeria
Pagine: 473
Ean: 9788857553115
Prezzo: € 34.00

Descrizione:Interpretare con criteri filologici alcuni testi-chiave della tradizione occidentale permette di articolare una teoria del riconoscimento fondata su criteri razionali, che, partendo da un intento conoscitivo (comprendere l'essenza soggettiva, propria e altrui), approdi a una visione etica (il riconoscimento come base per orientarsi nei rapporti interpersonali senza smarrimenti irrazionalistici). Ma permette anche di rintracciare nelle due linee platonica e aristotelica, magnificamente sintetizzate nel pensiero kantiano, due autentici fils rouges della tradizione occidentale, infinitamente ripensati e rinnovati dagli autori più apparentemente lontani per spazi e tempi: il riconoscimento si dimostra cioè la base irrinunciabile di ogni ermeneutica che tenti di dirsi esaustiva. Non un semplice percorso a elenco sinottico si è dunque voluto presentare qui al lettore, bensì la ricostruzione minuziosa, fondata sull'interpretazione dei testi, dei "meccanismi" mentali grazie ai quali negli autori presentati il riconoscimento diventa possibile, indicando già, nella possibilità del proprio stesso prodursi, un tentativo di delineazione di un soggetto consapevole di sé, e in rivolta perenne contro la morte, propria e altrui. Prefazione di Michele Napolitano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Scrivere di filosofia. Letteratura e filosofia a confronto"
Editore: Le due torri
Autore: Cozzi Chiara
Pagine: 144
Ean: 9788885720152
Prezzo: € 17.50

Descrizione:Fin dalle origini della filosofia greca è esistito un dissidio tra filosofia e poesia, tuttavia il rapporto sussistente tra le due discipline ha subito una notevole evoluzione. I saggi contenuti nel volume intendono indagare tale rapporto, con particolare attenzione al fornire interpretazioni di tipo filosofico di opere letterarie, mentre in altri saggi viene messo in luce come molti filosofi, Nietzsche e Kierkegaard tra gli altri, possano essere considerati scrittori a tutti gli effetti. Contributi e capitoli: Daniel Blue: Nietzsche scrittore. Una disamina di alcune strategie letterarie; G. Carrus: Il sentimento più forte e più antico dell'animo umano è la paura. Uno sguardo filosofico su Howard Phillips Lovecraft; S. Cosio: Un seduttore, un marito, un uomo di Dio. La narrativa filosofica in Kierkegaard come emblema dell'esistenza; C. Cozzi: L'apologia del Mandarino cinese; G. Pili: Conrad oltre la tenebra. La filosofia dietro le quinte di un classico della letteratura; G. Varnier: La semplicità della poesia.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'idea di bene in Tolstoj e Nietzsche"
Editore: Castelvecchi
Autore: Lev Sestov
Pagine: 192
Ean: 9788832825206
Prezzo: € 17.50

Descrizione:L'idea di bene in Tolstoj e Nietzsche (1900) è l'opera che ha fatto conoscere ?estov in Russia, consentendogli di entrare a far parte del circolo di intellettuali che, a San Pietroburgo, ruotava attorno alla figura di Sergej Djagilev e alla rivista «Mir iskusstva» (Il mondo dell'arte). In questo saggio, il filosofo russo propone un parallelo tra due dei più significativi autori dell'Ottocento. È soprattutto la scoperta di Nietzsche che permette a ?estov di elaborare un concetto-chiave della propria idea filosofica dell'esistenza: l'impossibilità di riconciliare la tragedia umana con qualunque ragione o esigenza di tipo universale. A Tolstoj, che si rifugia nell'idea di bene e nell'umanitarismo, si contrappone Nietzsche, che non ha paura di riconoscere il primato della vita, l'ampiezza del dolore e la loro irriducibilità. Un coraggio e un rigore che Nietzsche mantiene fino alla teoria del superuomo, nella quale ?estov riconosce un cedimento e l'estremo tentativo di affidarsi a un punto d'appoggio etico.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La vita"
Editore: Bompiani
Autore: Aristotele
Pagine: 2496
Ean: 9788845298172
Prezzo: € 60.00

Descrizione:Alcune sue teorie furono confutate solo nel Settecento, altre ancora dopo. La biologia di Aristotele (Stagira 383/4 a.C. - Calcide 322 a.C.) è studio scientifico di tutti i viventi, espressa attraverso trattati e trattatelli costituiti da appunti, dispense, opere interne alle aule del Liceo, non di prima mano del maestro. D'altra parte, in tale veste ci sono giunte quasi tutte le opere aristoteliche, ben poco abbiamo di quelle rifinite, lineari, rivolte al pubblico esterno alla scuola. Dai trattati sui viventi dobbiamo aspettarci dunque un linguaggio a tratti aspro, ripetitivo, non sempre coerente, che molto fa rimpiangere l'assenza della voce di Aristotele che glossava, aggiungeva, spiegava. Siamo inoltre di fronte a due enormi novità: prima, non esisteva una scienza dei viventi, inoltre prima di Aristotele nessuna scienza era espressa in testi che non mescolassero diverse discipline, senza escludere la teologia e il sacro. Qui invece troviamo le "Ricerche sugli animali", che descrivono quasi seicento specie diverse di animali direttamente osservati, classificati nelle "Parti degli animali" con la distinzione fondamentale tra ovipari e vivipari, nonché per esempio l'attribuzione di balene e delfini ai mammiferi, per il loro respirare tramite polmoni e non tramite branchie.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Platone. Repubblica. Libro 11º. Lettera XIV"
Editore: Guida
Autore: Mario Vegetti
Pagine: 56
Ean: 9788868664558
Prezzo: € 5.00

Descrizione:Questo volume presenta due testi inediti di Platone, a lungo dimenticati poiché considerati apocrifi: il libro XI (nonché ultimo) della Repubblica, e la Lettera XIV agli amici d'Italia sulla giustizia. Entrambi i testi suscitano uno straordinario interesse perché documentano una svolta imprevista nel pensiero del grande filosofo: l'incontro di Socrate con l'enigmatica figura dello "straniero di Treviri", nel quale è forse possibile riconoscere un antico precursore di Karl Marx. Questo incontro è drammaticamente descritto nel libro XI della Repubblica. La Lettera invece documenta un episodio della storia d'Italia finora sconosciuto: un piccolo avventuriero, demagogo spregiatore della giustizia, esercita la tirannide con l'appoggio di alcune selvagge tribù di barbari del Nord. Entrambi gli scritti platonici sono accompagnati da ampi commenti critici e filologici.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Iris Murdoch. Una ética de la atención"
Editore: Aracne
Autore: Mauri Alvarez Maria Margarita
Pagine: 104
Ean: 9788825518207
Prezzo: € 8.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU