Articoli religiosi

Libri - Storia, Teoria E Metodi



Titolo: "Renzo de Felice. La storia come ricerca. Atti del Convegno (Firenze, 13-14 marzo 2015)"
Editore: Polistampa
Autore:
Pagine: 192
Ean: 9788859618157
Prezzo: € 15.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Radici. Studi di storia e storiografia greca offerti a Clara Talamo"
Editore: Aracne
Autore:
Pagine: 160
Ean: 9788825509595
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Il volume raccoglie sei contributi, di diversi autori, che si intrecciano intorno a tre grandi temi: racconti di fondazione e archaiologiai; le dinamiche di incontro e rappresentazione di elementi etnicamente diversi. Il primo riguarda diverse città greche dell'Asia Minore - da Cuma eolica a Mileto, Efeso, Colofone e ancora altre della dodecapoli ionica - (Ferraioli, Di Benedetto, Novello); il secondo è studiato nella lettura aristotelica delle vicende della storia cittadina milesia arcaica (Savino) e in un frammento di un dramma satiresco della Atene del V secolo (Polito); il terzo è affrontato, spesso in connessione con i primi due, nella storiografia relativa sia a diverse città greche d'Asia sia ai popoli dell'entroterra (Ferraioli, Novello, Savino, Saviano).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La lente del confronto. La persecuzione degli ebrei in Italia e le interpretazioni di Sarfatti e di Collotti"
Editore: Aracne
Autore: Lauria Pierpaolo, Pietrafesa Lucia
Pagine: 60
Ean: 9788825509533
Prezzo: € 6.00

Descrizione:Per decenni in Italia è prevalsa l'idea di un paese immune dalla Shoah. In questi ultimi trent'anni la situazione però è cambiata. Tra le varie ricerche che hanno squarciato il velo delle responsabilità italiane nella Shoah, le interpretazioni di Sarfatti e Collotti, protagonisti indiscutibili di questa svolta, hanno rappresentato due fuochi intorno a cui è gravitata la discussione critica sulla persecuzione e sullo sterminio degli ebrei italiani. Attraverso la lente del confronto emergono i punti di contatto e, soprattutto, le differenze interpretative che separano i due storici.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dal Risorgimento al Rinascimento"
Editore: Marcianum Press
Autore: Alessio Cotugno
Pagine: 176
Ean: 9788865125564
Prezzo: € 13.00

Descrizione:Al centro di questo libro è la storia incrociata di una coppia di parole, Rinascimento e Risorgimento, che hanno molto più in comune di quanto comunemente si creda. Al di là degli aspetti formali (in entrambe sono presenti lo stesso prefisso e lo stesso suffisso), ad avvicinarle è il tratto di strada che i loro significati hanno percorso insieme, fino al XIX secolo, quando i processi di costruzione di una storiografia nazionale resero necessaria la separazione dei loro destini. Il volume ripercorre così un segmento importante della storia d'Italia seguendo la vita e le avventure di due parole nelle quali essa può ancor oggi riconoscersi e identificarsi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Medioevo: istruzioni per l'uso. Ediz. Mylab. Con Contenuto digitale per download e accesso on line"
Editore: Pearson
Autore: Senatore Francesco
Pagine: 145
Ean: 9788891905772
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Come si sa, l'idea di Medioevo è fortemente deformata dal nostro immaginario letterario, cinematografico e persino scolastico: in effetti il Medioevo, come civiltà caratterizzata da peculiarità specifiche, non esiste. O meglio, esistono più Medioevi e più storie medievali. Con stile semplice e descrittivo, il volume aiuta lo studente a formarsi l'apparato interpretativo corretto attraverso la spiegazione dei concetti e delle categorie necessarie per capire la disciplina; fornisce un metodo di studio aggiornato, integrato dall'uso attento e mirato del Web, e propone l'analisi di alcune fonti esemplari. Compresa nel prezzo, la piattaforma online MyLab, contenente la versione digitale del volume, guida ai siti, schede e video di approfondimento, domande a scelta multipla e a risposta breve.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Gabriele De Rosa"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Malgeri Francesco
Pagine:
Ean: 9788849851571
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Gabriele De Rosa (1917-2009), storico e figura di primo piano nella vita culturale, politica e sociale del nostro Paese, ha insegnato nelle Università di Padova, Salerno - ove è stato a lungo rettore - e Roma "La Sapienza". È stato presidente dell'Istituto Luigi Sturzo dal 1979 al 2006, senatore della Repubblica per due legislature dal 1987 al 1994 e deputato dal 1994 al 1996. È stato fondatore e segretario generale dell'Istituto per le ricerche di storia sociale e religiosa di Vicenza e fondatore e presidente dell'Associazione per la storia del Mezzogiorno di Salerno e Potenza. I suoi contributi sulla storia del movimento cattolico italiano, su Luigi Sturzo, sulla storia della Chiesa e della pietà popolare e sulla religiosità nell'Italia moderna e contemporanea, sempre sorretti da un rigoroso metodo scientifico, hanno consentito una rilettura originale e incisiva della storia politica, sociale e religiosa del nostro paese. L'Istituto Luigi Sturzo, in occasione del centenario della nascita di Gabriele De Rosa, ha deciso di raccogliere e pubblicare una serie di contributi, a opera di allievi, colleghi e amici, su aspetti e momenti del suo impegno sul piano accademico, culturale e politico. Ne esce un quadro ricco e variegato, che ci consente di mettere a fuoco la personalità di un intellettuale animato da una intensa passione civile e da una viva sensibilità morale e religiosa, che ha lasciato una traccia profonda della sua presenza nella storia del Novecento italiano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dieci anni cento libri. 2006-2016: un decennio di Orientamenti Storici."
Editore: D'Ettoris
Autore: Andrea Rossi
Pagine: 160
Ean: 9788893280358
Prezzo: € 13.90

Descrizione:Come si è evoluta la storiografia del XX secolo nell'ultimo decennio? Quali sono stati gli elementi distintivi del dibattito fra studiosi in merito agli snodi più importanti della storia del secolo scorso? Queste le domande a cui si cerca di rispondere in questo volume, che raccoglie le schede critiche a cento saggi storici editi fra il 2006 e il 2016 sui temi del fascismo, dell'antifascismo, della resistenza, e della storia militare della seconda guerra mondiale. L'obiettivo del lavoro è quello di offrire, a studiosi e appassionati dei temi sopra indicati, una guida a quegli studi che maggiormente hanno influenzato il confronto fra i ricercatori, o che comunque hanno presentato sotto una luce diversa temi ancora oggi capaci di suscitare discussioni animate e pareri tutt'altro che univoci.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La persistenza della storia universale. Studi sulla professione di storico"
Editore: Bordeaux
Autore: Tagliaferri Teodoro
Pagine: 288
Ean: 9788899641535
Prezzo: € 28.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Storie orali. Racconto, immaginazione, dialogo"
Editore: Donzelli
Autore: Portelli Alessandro
Pagine: XVII-461
Ean: 9788868437022
Prezzo: € 29.50

Descrizione:Alessandro Portelli è considerato uno dei padri fondatori della storia orale non solo italiana ma internazionale. Deve tale fama al paziente accumulo di decenni di viaggi e interviste a cavallo dei continenti ai protagonisti della storia non ufficiale, quella fatta attraverso le voci dei testimoni diretti di grandi eventi che hanno segnato epoche e svolte culturali. In questo volume - che ha avuto una diffusione di culto tra gli appassionati del genere e che oggi viene ripresentato in una nuova edizione con una prefazione dell'autore - i saggi di Portelli vengono raccolti in una sorta di canone. Nell'ultimo quarto di secolo essi hanno contribuito a trasformare il metodo, gli obiettivi, le finalità stesse della storia orale, diventando riferimenti obbligati in ambito internazionale. La storia orale ricostruisce gli eventi del passato, soprattutto del mondo popolare e non egemone, e ne esplora il significato, attraverso l'analisi del racconto, l'immaginazione, il desiderio, il sogno, la soggettività - e attraverso il dialogo fra culture e persone, intervistati e intervistatori, ricercatori e narratori. La storia orale si intreccia con la letteratura, la linguistica, l'antropologia, le religioni, la musica, la cultura di massa - e la politica. Ecco perché i saggi di Portelli percorrono un tempo che va dalle stragi naziste e dai bombardamenti della seconda guerra mondiale all'impatto della globalizzazione sul mondo operaio e agli eventi del G8 di Genova, e uno spazio che va dalle acciaierie di Terni al Kentucky, da Roma all'India, passando per il Brasile o per il Vietnam. Partendo da eventi puntuali e da luoghi definiti, essi elaborano proposte generali di teoria e di metodo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "In guerra con il passato. Le falsificazioni della storia"
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Autore: Mieli Paolo
Pagine: 276
Ean: 9788817097314
Prezzo: € 13.00

Descrizione:C'è un conflitto che attraversa la storia ma non è stato mai apertamente dichiarato: la guerra contro il passato, la più stupida di tutte le guerre. Piegare il passato alle necessità del presente, semplificando e scomponendo i fatti storici, causa danni incalcolabili alla memoria collettiva. Dall'Anticristo agli anni di piombo, la retorica del nemico ha sempre segnato la narrazione sui fatti di ieri e inquinato lo sguardo su quelli di oggi. Paolo Mieli si interroga sulla storia per svelarne le verità nascoste e oscurate. Una ricostruzione di avvenimenti celebri e meno, il racconto di eroi, sconfitte e tradimenti, segnati da una battaglia tra memorie contrapposte.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Diodoro Siculo"
Editore: Vita e Pensiero
Autore: Rita Scuderi
Pagine: 160
Ean: 9788834334096
Prezzo: € 20.00

Descrizione:I libri XXIII e XXIV, pervenuti frammentari come tutta la seconda parte della "Biblioteca storica" di Diodoro Siculo, trattano la prima guerra punica. Il volume ne presenta un'introduzione, in cui si mettono in evidenza le fondamentali caratteristiche del testo diodoreo, che, pur privo di un "continuum" narrativo, offre informazioni e dettagli significativi non presenti in altre fonti. Diodoro non è un semplice compilatore, come talora è stato severamente valutato, ma attua con coscienza un programma compositivo di storia universale. Il moralismo didattico costituisce una sua peculiarità originale, che nelle vicende della prima guerra punica si esplica in casi emblematici, come quello di Attilio Regolo. I due libri diodorei vengono puntualmente commentati, ricavandone le fonti (fra le quali spicca Filino di Agrigento) e confrontandone la narrazione con gli altri autori antichi e la bibliografia moderna.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Erodiano"
Editore: Vita e Pensiero
Autore:
Pagine: 256
Ean: 9788834334119
Prezzo: € 25.00

Descrizione:La Storia dell'Impero dopo Marco di Erodiano è l'unica opera storiografica relativa agli eventi del III secolo d.C. che ci è giunta integralmente ma non ha ancora ricevuto adeguate attenzioni, poiché il suo autore è stato ritenuto in passato uno storico di scarso valore. Erodiano appare invece uno storico dotato di una spiccata autonomia di giudizio che offre chiavi interpretative originali sulla storia che va dalla morte di Marco Aurelio (180 d.C.) all'avvento di Gordiano III (238 d.C.) e coglie molto bene i sintomi di una crisi già in atto, che appare ai suoi occhi senza sbocchi e senza rimedio.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La storia e il suo racconto. La retorica in soccorso di Clio"
Editore: Franco Angeli
Autore: Panico Guido
Pagine: 128
Ean: 9788891753106
Prezzo: € 18.00

Descrizione:C'è un rapporto mai pienamente risolto tra memorialistica, scrittura di finzione e Storia. L'intento di queste pagine è di discuterne, evitando le suggestioni della storia come puro racconto. La retorica, nel senso classico del termine, ha la capacità, oltre che di affabulazione e di convinzione, di contribuire, a certe condizioni, a fare storia. Scrivere di se stessi, sotto la forma delle memorie e dell'autobiografia, richiede una particolare ipertrofia dell'io e la tendenza a imbellettarsi. Ciò non impedisce alla storia, costruita con consapevolezza di metodo, di scavare in quelle pagine in cerca della soggettività del passato, cioè di come è stato vissuto dai suoi protagonisti e narratori. Questo vale anche per le pagine letterarie e per quelle della cronaca. Il libro analizza in proposito autobiografie di alcuni protagonisti dell'Italia repubblicana, memorie famigliari, il racconto mediatico di un famoso caso giudiziario di inizio Novecento, e romanzi di varia natura e genere: da quelli dei cosiddetti "Ragazzi di Salò" a La tela di ragno di Joseph Roth a La briganta e lo sparviero di Licia Giaquinto. Quest'ultimo narra una vicenda veramente avvenuta nelle campagne del Mezzogiorno postunitario e batte nettamente, sul piano storico, tante pagine di lamentazione meridionale. Il capitolo finale è dedicato alla narrazione della camorra, che si è imposta in questi anni grazie a Roberto Saviano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Gioacchino Volpe medievista"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Cinzio Violante
Pagine: 432
Ean: 9788837231217
Prezzo: € 30.00

Descrizione:Sono qui raccolti gli scritti che Cinzio Violante ha dedicato dal 1970 al 1997 a Gioacchino Volpe (1876-1971), che idealmente considerava il proprio maestro. Fra i massimi storici della sua generazione, Volpe era stato anche uno degli intellettuali di spicco del regime fascista, e per questo la sua eredità fu un segno di contraddizione nell'Italia degli anni Quaranta e Cinquanta. Nelle sue opere Violante trovò una chiave di lettura del medioevo italiano e mediterraneo, e più in generale della storia intesa come movimento complessivo di cui gli uomini possono anche non essere del tutto consapevoli. Arricchiscono il volume la bibliografia di e su Volpe medievista, oltre all'edizione del carteggio da lui intrattenuto con Violante.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La storia ridotta sotto il concetto generale dell'arte"
Editore: Adelphi
Autore: Croce Benedetto
Pagine: 91
Ean: 9788845932205
Prezzo: € 7.00

Descrizione:«Così, dopo lunghe titubanze e una serie di soluzioni provvisorie, nel febbraio o marzo del 1893, meditando intensamente un giorno intero, alla sera abbozzai una memoria . che fu come una rivelazione di me a me stesso» scrive Croce in "Contributo alla critica di me stesso". In effetti, a partire da questa «memoria» fervidamente antipositivistica ? volta a confutare le tesi di storici come Droysen e Bernheim ? Croce si libera dal suo passato, dalla «scrittura di erudizione» come lui stesso la definiva, e, nell’affrontare le complesse relazioni fra arte, scienza e storia, scopre la sua vera vocazione: l’interesse, prepotente, per le questioni teoriche e le indagini storiche di più ampio respiro. Leggendola, ritroveremo non solo «la facilità e il calore» con cui Croce la compose, ma tutta la forza dimostrativa di uno stile ineguagliabile.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lo sguardo di Machiavelli. Una nuova storia intellettuale"
Editore: Il Mulino
Autore: Landi Sandro
Pagine: 303
Ean: 9788815273901
Prezzo: € 28.00

Descrizione:Lo sguardo che Machiavelli porta sulla realtà gli consente di vedere cose che i suoi contemporanei non vedono, come la natura e il comportamento dei collettivi, il carattere mentale del vincolo politico e religioso o l'importanza dell'opinione nel governo degli stati. Nato dalla constatazione che Machiavelli costituisce un caso storico non ancora pienamente esplorato, questo originale studio pone domande nuove all'opera del segretario fiorentino, aprendo una serie di piste inedite sulle sue fonti, sulle sue conoscenze del Nuovo Mondo, sul suo modo di concepire pratiche intellettuali come la lettura e la scrittura.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Critical history according to Bernard Lonergan"
Editore:
Autore: Humphrey Uchenna Ani
Pagine: 456
Ean: 9788878393691
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Critical history is a philosophy of history that highlights the peculiarity and originality of the epistemology and methodology of Bernard Lonergan in the study of history. It is a method of reading the movement of history, through the Lonerganian creative criticism as well as a critical instrument that can help one rise above diverse forms of oversight and bias while working for progress in a human community. It tries to expound on how one can build personal capacities that work for the advantage of the common good. Its precepts can help one achieve self-transcendence and authenticity which are essential in the making of a creative society. It can inspire and create symbols that link one's experience, imagination, rationality, responsibility and affectivity to authentic lived history. It can arouse an intellectual conversion that brings moral revival and can offer insights that help community planners in proposing proper solutions by identifying the actual drivers of progress, decline and re-covery in a society. Critical history creates an intellectual cultivation of mind and character achieved by insight which helps to build an authentic human person and progressive community. Its critical elements can lead to higher viewpoints that rise above prejudices, and these higher viewpoints can move one to integration to higher values. The result will be an authentic subjectivity and emergence of republic of virtues guided by objectivity and sound ethics.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ettore Passerini d'Entrèves. Uno storico "eretico" del Novecento."
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore:
Pagine: 216
Ean: 9788837231392
Prezzo: € 32.00

Descrizione:«Era possibile, secondo Passerin, leggere un'altra storia dello storicismo, o, per meglio dire, la storia di un altro storicismo, intrecciato con il primo, ma connotato, in virtù delle sue radici cristiane attinte consapevolmente o inconsapevolmente, da un invalicabile "senso del limite" della conoscenza storica, da un vivo "senso di quell'immenso e continuo atto di coscienza e di volontà, che è il cammino dell'uomo nella storia". Si trattava del solo storicismo capace di sottrarre irrevocabilmente a libertà dell'uomo nella storia ad ogni sorta di "tirannia teologica": non solo, dunque, a quella, già menzionata, di un Dio concepito come un Ente "esteriore", ma anche alla non meno oppressiva tirannia esercitata da leggi concepite come immanenti nella storia, ma dipendenti da logiche sovrastanti e totalizzanti dettate dalla Ragione o dalla Natura o dallo Spirito. Era all'interno di un siffatto storicismo cristiano - ma laico, perché strutturalmente disposto al dialogo - che Passerin individuava lo scenario concettuale e valoriale più pertinente alla propria sensibilità di storico e credente, facendone risalire le origini a Giambattista Vico (da cui peraltro erano scaturite, a suo dire, ambedue le tendenze storicistiche) e identificandone le manifestazioni a lui più congeniali in personaggi come Manzoni, Newman, Sturzo». (dall'Introduzione di Francesco Traniello)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dimensioni e problemi della ricerca storica. Rivista del Dipartimento di storia moderna e contemporanea dell'Università degli studi di Roma «La Sapienza» (2017)"
Editore: Carocci
Autore:
Pagine: 217
Ean: 9788843086962
Prezzo: € 28.00

Descrizione:Il presente numero della Rivista del Dipartimento di Storia moderna e contemporanea dell'Università degli studi di Roma "La Sapienza" riporta i contributi di Antonio d'Alvarez-Ossorio Morales, Benedetta Borello, Thomas Glesener, Diana Campoo Schelotoo, Cristina Bravo Lozano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La storia, il suo presente, il suo futuro"
Editore: Pacini Editore
Autore: Taine Hippolyte
Pagine: 126
Ean: 9788869952357
Prezzo: € 9.50

Descrizione:La storia, il suo presente, il suo futuro introduzione e note di Paolo Tortonese traduzione di Laura Tortonese La razza, l'ambiente e il momento: un'espressione fin troppo famosa, tanto da far dimenticare il saggio in cui Taine la ha usata, e che è qui riproposto: progetto di una storia psicologica dei popoli, capace di restituire ai moderni il senso delle civiltà scomparse.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Storia della storiografia italiana. Un profilo"
Editore: Laterza
Autore: Galasso Giuseppe
Pagine: VII-249
Ean: 9788858127704
Prezzo: € 20.00

Descrizione:Dalle cronache alle più impegnative scritture storiche medievali, l'Italia si dimostra un laboratorio di innovazioni e riflessioni di grande spessore nel contesto europeo. La storiografia umanistica e storici come Machiavelli e Guicciardini non sorgono, quindi, come estemporanee novità, e neppure è casuale il magistero italiano nell'Europa del rinascimento. Questo alto profilo viene in parte disperso nella "decadenza" italiana, finché con Vico, Muratori, Giannone si riapre una nuova grande stagione. Dal Risorgimento alla Repubblica il corso della storiografia italiana si fa molteplice e differenziato, in collegamento crescente con i paralleli sviluppi europei. Nel '900 la storiografia italiana è poi sempre più ricca di voci e di esperienze, che ne fanno un documento notevole della cultura contemporanea, pur mantenendo sempre una sua originale cifra di interessi e di metodi. Un ritratto d'autore del volto cangiante della storiografia italiana. Un profilo che definisce la fisionomia e la metodologia dello scrivere di storia nel nostro paese, sottolineandone l'organico rapporto con l'insieme della vita civile e culturale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Public history. Discussioni e pratiche"
Editore: Mimesis
Autore:
Pagine: 38
Ean: 9788857540696
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Nonostante le sue contraddizioni e l'eterogeneità delle sue pratiche la Public History è riuscita a mantenere un'identità di disciplina accademica e, dopo uno sviluppo fortunato negli Stati Uniti, ha iniziato un suo percorso di internazionalizzazione, soprattutto nei paesi linguisticamente affini, trovando solo da poco uno spazio nell'Europa continentale. Nel suo sviluppo internazionale si confrontano definizioni e applicazioni variegate, con diversi percorsi nazionali alla Public History. La Public History non è una disciplina "altra" rispetto alla storia, quanto piuttosto un approccio fondato sulla priorità di portare in pubblico la storia, di mediare con il pubblico la conoscenza storica accettando una negoziazione costante con le memorie e gli sguardi altri sul passato. Il public historian è prima di tutto uno storico che condivide con la comunità scientifica i fondamenti metodologici e le acquisizioni della storiografia più avvertita. Il suo scopo è quello di riconoscere la domanda che proviene dalla società, modulare di conseguenza la propria attività e su queste basi aprire un cantiere comune, in grado di attrezzare un percorso condiviso che conduca il pubblico dal passato alla storia, dal fatto all'interpretazione, un processo collaborativo e coinvolgente che condivida interrogativi e "autorità", che si chieda cosa significhi pensare storicamente, che espliciti quanto la conoscenza del passato sia sempre una costruzione e non un ritrovamento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il tormento della modernità"
Editore: Edizioni Inschibboleth
Autore: Giuseppe Cantillo
Pagine: 316
Ean: 9788898694464
Prezzo: € 26.00

Descrizione:Dalla quarta di copertina: Nell’anno in cui ricorre il cinquecentesimo anniversario delle 95 tesi di Wittenberg è parso opportuno riproporre in alcuni suoi aspetti fondamentali il pensiero di una delle più significative personalità della cultura cristiana ed europea del Novecento, qual è Ernst Troeltsch. Le sue ricerche, sollecitate, alla svolta dall’Ottocento al Novecento, dall’avvertimento di una profonda crisi della teologia, si sono sviluppate in una molteplicità di ambiti disciplinari (teologia, filosofia della religione, etica, sociologia della religione, politica, filosofia della storia) concentrandosi, però, su due linee principali: la relazione tra Cristianesimo e storia, tra Cristianesimo e modernità, e la questione dello storicismo, al cui fondo è la tensione tra la ricerca di principi e valori universalmente validi e il rispetto dell’individualità e mutevolezza dell’esperienza storica. È qui «il tormento del mondo moderno». Troeltsch non ha aggirato le ombre del «nichilismo europeo», ma ha cercato di comprenderlo e di prendere posizione di fronte ad esso. Così come, all’indomani della catastrofe della grande guerra, ha sentito il bisogno di avviare una riflessione critica sull’identità dell’Europa, anticipando la consapevolezza di problemi, che continuano ad inquietare profondamente il nostro presente e insieme suggerendo anche una traccia per affrontarli.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Giuseppe Rensi. Filosofo della storia"
Editore: Le Lettere
Autore: Gurashi Dario
Pagine: 211
Ean: 9788893660099
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Alla luce del primo conflitto mondiale, assunto come esperienza metafisica, Giuseppe Rensi matura una filosofia scettica e approda alla storia. La guerra diviene in tal senso simbolo di una consapevolezza tragica, rivelando al pensiero che la ragione è incapace di afferrare l'essenza degli eventi umani. Accertata la scissione tra ragione e storia, Rensi intraprende un'esplorazione metodologica, andando a rintracciare quei contributi filosofici che motivano la razionalità dei processi storici. Il confronto critico con Benedetto Croce e Giovanni Gentile diviene dunque un passaggio inevitabile per ritornare a Hegel, rispetto al quale Rensi intende formulare una propria teoria della storia. Pensatori come Schopenhauer, Renan, Taine, Zeller, Dilthey, Simmel abitano allora la meditazione sul significato della storia e forniscono al filosofo veronese una grammatica dei concetti adatta a favorire una comprensione dei fatti alternativa allo storicismo hegeliano. Collocandosi in una continuità di pensiero, Rensi apre così la sua vicenda intellettuale a una dimensione europea, alimentando però nel paradosso la radicalità dell'approccio: confutare la metodologia idealistica servendosi della dialettica hegeliana. L'esito del percorso teorico è dei più imprevedibili, poiché fonda la decifrabilità della storia su una scelta decisiva: scetticismo o pessimismo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Metodologie per la ricerca storica"
Editore: Gangemi
Autore: Baldazzi Anna
Pagine: 590
Ean: 9788849234855
Prezzo: € 30.00

Descrizione:"Comincio subito col dire che il testo in questione è davvero utile per tutti. Il tema della storia e della sua ricerca ci riguarda da vicino e nessuno studioso può ignorarlo. La storia costituisce quell'immenso e inestinguibile serbatoio al quale le diverse discipline non possono fare a meno di abbeverarsi. Proprio perché 'immenso e inesauribile' quel serbatoio non può essere avvicinato con superficialità e senza preparazione, ma necessita di una precisa metodologia. A questa esigenza cerca, con successo, di rispondere il lavoro di Anna Baldazzi che si divide in due parti. La prima, 'Fondamenti di metodologia storica', si occupa proprio della ricchissima e inesauribile bibliografia che, soprattutto nel XX secolo, ha occupato le più grandi menti anche di settori non propriamente legati agli studi storici. La seconda parte del volume, 'La metodologia degli storici', affronta tematiche non meno importanti che dimostrano come ogni seria metodologia storica non possa prescindere da un'adeguata preparazione filosofica dati gli strettissimi legami che intercorrono tra la storiografia e i diversi ambiti del sapere. Seguono i capitoli finali, che attraverso l'analisi del sapere e della ricerca, ci avviano alla creazione della conoscenza storica." (Dall'introduzione di Rocco Pezzimenti)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU