Libreria cattolica

Libri - Letteratura Dal 1800 Al 1900



Titolo: "Lettere d'una viaggiatrice"
Editore: Elliot
Autore: Serao Matilde
Pagine: 192
Ean: 9788869936708
Prezzo: € 12.50

Descrizione:Matilde Serao, cantora dei vicoli sordidi, una delle voci che meglio seppe denunciare la questione meridionale, fu anche superba narratrice di viaggio e acuta osservatrice del bel mondo. Quando fu pubblicato Lettere d'una viaggiatrice, nel 1908, Matilde Serao era già una scrittrice affermata ed era nota per le sue doti di giornalista geniale ed estrosa. "Non cerchi, l'amico lettore, in queste lettere di una viaggiatrice, né l'itinerario preciso, né l'ordine cronologico" avverte l'autrice nella prefazione di questo libro. Roma, Venezia, Verona, Nizza (che contiene meravigliose descrizioni di Eleonora Duse), Montecarlo, Parigi, il Tirolo e altri luoghi si mostrano filtrati dall'intelligenza e dall'ironia di questa viaggiatrice a metà strada tra il grand tour e una turista modernissima, che offre al lettore le sue preziose impressioni su un'Italia e un'Europa ancora scintillanti e frivole ma già toccate dalla crisi, sempre più prossime alla Prima guerra mondiale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L. Pirandello: natura, religiosità e mistero. Ediz. ampliata"
Editore: Gruppo Albatros Il Filo
Autore: Masiello Pasquale
Pagine: 136
Ean: 9788856797336
Prezzo: € 13.50

Descrizione:«La tesi secondo cui nel percorso poetico di Pirandello sia presente una "conversione", un prima e un dopo, non appare credibile. Il presente lavoro intende dimostrare, alla luce dei testi, invece, una evoluzione della poetica, nella continuità delle tematiche, un arricchimento dell'universo del sentire umano, nella diversità dei moduli espressivi.» (Pasquale Masiello)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Alice allo specchio. Deleuze, Carroll e la psicoanalisi"
Editore: Orthotes
Autore: Palumbo Fabio Domenico
Pagine: 246
Ean: 9788893141673
Prezzo: € 19.00

Descrizione:In questo volume l'opera di Gilles Deleuze Logica del senso è ripensata alla luce del rapporto tra inconscio e linguaggio. Ciò si rende possibile in virtù della ridefinizione deleuziana della differenza, non più pensata in termini negativi e limitativi secondo la tradizione strutturalista. Tramite l'uso affermativo e illimitato della disgiunzione, l'inconscio diventa infatti il luogo del linguaggio paradossale, del nonsense che produce senso. L'esplorazione del retroterra teorico di Logica del senso si traduce in Alice allo specchio in un percorso che incrocia due prospettive: una versione psicoanalitica di Alice, ma anche una lettura della psicoanalisi attraverso Alice e il resto della produzione carrolliana. È al crocevia tra meccanismi psichici e paradossi logici che si situa infatti la teoria deleuziana del senso, sulla linea di confine tra inconscio e linguaggio, tra il profondo e la pelle.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "C'era una volta il Natale"
Editore: Einaudi
Autore: Charles Dickens
Pagine: 350
Ean: 9788806236427
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Regali da nascondere sotto l'albero che brilla di luci, accanto a un presepe da salotto. Profumo di neve e di aghi di pino. Il camino che crepita e qualcuno che racconta una storia, magari di fantasmi. Senza dimenticare il cenone della vigilia, il rito della messa di mezzanotte, i baci sotto il vischio e i bambini che non vogliono andare a letto per aspettare la slitta carica di doni. In una parola: Natale. Un'antologia di racconti tra fiaba e realtà, tra sogno e leggenda, per ricordarci la magia della festa più amata. Perché anche quando tutto cambia Natale rimane sempre Natale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Frankenstein"
Editore: Lindau Edizioni
Autore: Mary Shelley
Pagine: 400
Ean: 9788833530581
Prezzo: € 24.50

Descrizione:Minacciosa per definizione, ecco la Creatura nasce da lì, emerge dal caos. Senza volerlo - o almeno facendoci credere di non averlo voluto davvero - Mary Shelley regala alla letteratura uno dei suoi personaggi più efficaci, negandogli un nome e una vita, e probabilmente rispecchiandovi parte della sua stessa unicità di donna della sua epoca. Scritta da un'esordiente appena diciannovenne, l'«opera germinale» di Mary Shelley, cui arrise presto un eccezionale successo di pubblico, ha attribuito definitiva cittadinanza nell'immaginario collettivo ad alcune stereotipie assai longeve, che tenderanno ad assumere nel corso del tempo un'importanza via via maggiore, fino a divenire miti ineludibili della modernità. Il lacerante conflitto tra un Creatore deluso e la sua Creatura ripudiata, l'obbrobrio del Mostro generato dalla luciferina presunzione dell'Uomo, la responsabilità (e, infine, la colpa) derivante dalle formidabili applicazioni di una scienza cieca e superba... questi e altri temi sottesi al plot della vicenda offrono tuttora appiglio ad altrettante riflessioni, infondendo una nuova scintilla vitale nel guazzabuglio di membra che torna ad agitarsi sotto i nostri occhi. E nel percorso pendolare di allontanamento/avvicinamento che si è dipanato nel tempo, compare ciclicamente il tentativo di riscoprire il significato profondo del «testo fonte».

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "De Sanctis e la Storia"
Editore: Viella
Autore: Quondam Amedeo
Pagine: 332
Ean: 9788833130552
Prezzo: € 35.00

Descrizione:La "Storia della letteratura italiana" di De Sanctis è stata protagonista della scena culturale e politica dopo l'Unità: pur non avendo niente del manuale scolastico, piacque ai borghesi colti della nuova Italia. A loro consegnò un'idea della nostra letteratura diventata il duraturo paradigma dell'intera storia d'Italia e della stessa identità nazionale. Un'idea al tempo stesso semplice, chiara e forte: con l'eccezione di Dante, la nostra letteratura conferma la lunga "decadenza" e la "servitù" della storia d'Italia nell'età moderna. De Sanctis, sempre con la tensione e la passione narrativa che della Storia fa un capolavoro, giudica negativamente gli scrittori da Petrarca a Metastasio, incapaci di quella «serietà di un contenuto vivente nella coscienza» che è, o dovrà essere, il fattore distintivo della «nuova letteratura» della nuova Italia. Questo libro, che nella sua prima edizione ha vinto il Premio De Sanctis 2018 per la saggistica, descrive l'impianto argomentativo della Storia con una minuziosa, e innovativa, analisi del suo lessico, documentando le forzature propriamente teoriche e ideologiche del mythos che inventa, ma anche le contraddizioni che lo innervano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Tra mito e storia antica, socialità e arte, esperienze di letteratura Sette-Ottocentesche in Italia. Dai fratelli Verri ai fratelli Pindemonte, da Isabella Teotochi Albrizzi ad Angela Veronese"
Editore: Aracne
Autore: Favaro Francesca
Pagine: 128
Ean: 9788825515343
Prezzo: € 14.00

Descrizione:I decenni disposti fra XVIII secolo e XIX costituiscono per la cultura italiana (e, in generale, per la cultura europea) un periodo assai intenso, nel quale si sfiorano o confondono nostalgie neoclassiche e desideri di nuovi orizzonti di poesia, memorie d'antico riscoperte e riformulate nel contatto con la natura, contaminazioni fra la letteratura e altre arti. Di tale varietà il volume intende offrire un'esemplificazione, proponendo saggi, riuniti in tre ambiti tematici differenti - il Settecento dei fratelli Verri; Canova, Isabella Teotochi Albrizzi e i fratelli Pindemonte; la poesia di ispirazione pastorale - dedicati ad autori e ad opere che si situano nei punti nevralgici che potremmo chiamare "dell'incrocio": incrocio fra passato e presente, incrocio fra le lingue, incrocio fra i generi. Prefazione di Antonello Fabio Caterino.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lettere 1845-1886"
Editore: Feltrinelli
Autore: Dickinson Emily
Pagine: 336
Ean: 9788807903182
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Accattivanti e tenere, sensuali e disperate, le lettere che Emily Dickinson, prima ragazza e poi donna, ci ha lasciato sono le tessere luminescenti e screziate con cui è possibile oggi tentare di ricostruire il mosaico della sua esistenza e della sua figura. Rappresentazione resa finora incerta da una sorta di vocazione alla solitudine, una specie di solipsismo congenito e apparente che fece di lei, negli anni in cui visse, a margine del Rinascimento americano, una figura di eccezionale, insospettata statura. Per diventare poi in pieno Novecento la figura simbolo della donna forte, colta, moderna e disperatamente sola. O volutamente tale. Eppure seducente, allusiva, maliziosa. Un viaggio nell'universo e nei sentimenti più reconditi della grande poetessa americana, nella cura della studiosa italiana della sua poetica. Postfazione di Valeria Gennero.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un piccolo mondo antico. Catalogo della mostra (Lugano, 25 marzo-21 ottobre 2018). Ediz. italiana e tedesca"
Editore: Silvana
Autore:
Pagine: 112
Ean: 9788836639540
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Uno spazio. Un territorio. Un mondo. Piccolo ma prodigiosamente incantato nella sfolgorante bellezza che si rispecchia da sempre sulle acque smeraldine del Lago di Lugano. Un mondo e la sua storia. Tratteggiati nei disegni di un grande artista, Pietro Chiesa; messi a fuoco dai ciak di un famoso regista, Mario Soldati. Narrati attraverso le parole di uno scrittore troppo a lungo dimenticato, Antonio Fogazzaro.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La mano di Kleist. Lettura della «Käthchen di Heilbronn»"
Editore: Quodlibet
Autore: Pizzingrilli Clio
Pagine: 304
Ean: 9788822900364
Prezzo: € 22.00

Descrizione:«La prova del fuoco» è il sottotitolo della Käthchen von Heilbronn, il dramma in versi che Kleist compose verso la fine della propria breve vita, e che rappresenta uno dei vertici della sua scrittura e, più in generale, della letteratura tedesca del Diciannovesimo secolo. Il dramma narra dell'amore della giovane Katharine, figlia dell'armaiolo di Heilbronn, per il conte Wetter vom Strahl, il quale le è apparso in sogno come futuro sposo, e che, da quel momento, lei ostinatamente insegue tra il mondo onirico e il mondo diurno. Una «prova del fuoco», effettivamente, Kleist ha posto ai suoi lettori, interpreti e traduttori, tanto la Käthchen si rivela ricca di suggestioni e delle più straordinarie evocazioni, risalenti fino all'epica germanica, che richiamano implicitamente questioni metafisiche, teologiche, estetiche e politiche. Goethe vi rinvenì «un singolare miscuglio di cose insensate e sensate», giudizio confermato da Benedetto Croce; Robert Walser vi ha visto la nascita del mito dostoevskijano del sottosuolo. In tale prova si è cimentato Clio Pizzingrilli, uno degli interpreti in maggiore sintonia con lo spirito e con il mondo di Kleist, che ha compiuto, qui, un'operazione finora inedita: riattivare Kleist con Kleist. Pizzingrilli ha inteso condurre il lettore nella selva del testo, senza mitigarne le asperità e le durezze, ma mettendone finalmente in evidenza tutti i richiami nascosti e le segrete questioni metafisiche, in modo da far risplendere tra le sue pieghe la consistenza più propria e originaria della lingua e del pensiero di Kleist.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "The insuperability of sensation. Indagini letterarie tra mente, corpo e «affect»"
Editore: La Scuola di Pitagora
Autore: Martinez Benedí Pilar
Pagine: 168
Ean: 9788865426807
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Qual è la relazione tra la mente e il mondo? In che modo conosciamo l'altro? Queste domande acquistano rinnovata attualità grazie al recente successo delle neuroscienze cognitive, le quali studiano prevalentemente il cervello quale supporto fisico di processi mentali apparentemente razionali e universali. Questo volume si propone di complicare tale idea di cognizione, combinando la critica cognitiva ad altri approcci (teoria del corpo, affect theory, disability studies) che valorizzano svariate forme di pensiero, riconoscendo il ruolo delle emozioni e dell'affect nel pensiero e prestando una crescente attenzione alle differenze individuali. Attraverso diversi testi letterari che ripercorrono svariati punti cronologici e culturali della tradizione angloamericana, la letteratura si presenta qui come un mezzo più immediato e meno asettico di un laboratorio per indagare la mente umana. I lavori di Herman Melville, Edith Wharton e Colson Whitehead ci invitano a riflettere su processi cognitivi che sono quasi irriconoscibili, lontani dalle forme note del pensiero astratto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "In America. Viaggi senza John"
Editore: Ponte alle Grazie
Autore: Mak Geert
Pagine: 624
Ean: 9788833311319
Prezzo: € 19.00

Descrizione:È il 1960 e John Steinbeck, accompagnato dal fido barboncino Charley, parte alla riscoperta della sua amata America a bordo di un pie wagon riconvertito in camper. Le impressioni e le osservazioni raccolte durante il viaggio confluiranno nel fortunato "Viaggio con Charley". Cinquant'anni dopo, il giornalista Geert Mak ripercorre le orme dello scrittore, cercando di capire cosa ne è stato del paese osservato da Steinbeck e del sogno americano in generale. Chilometro dopo chilometro, si addentra in questa terra sconfinata, visitandone le grandi metropoli e i piccoli centri rurali, le aree urbane come Detroit, che per decenni è stata al centro dell'economia e che ormai è una città fantasma, o come New Orleans, devastata dall'uragano. Ma soprattutto parla con storici, giornalisti e gente comune, ne raccoglie pareri e testimonianze, che usa per ricomporre il puzzle più autentico di questa realtà. "In America", infatti, è a tutti gli effetti un autorevole affresco della nazione, con le sue tante contraddizioni, le sconfitte a livello politico e sociale, i miti, in gran parte avviati sul sentiero del tramonto, la visione di sé e della missione nel mondo. Un resoconto dal respiro letterario, di grande interesse e godibilità, frutto dello sguardo critico di un osservatore molto raffinato e acuto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il romanzo in Italia"
Editore: Carocci
Autore:
Pagine: 683
Ean: 9788843085224
Prezzo: € 59.00

Descrizione:Il romanzo in Italia racconta la storia della forma principe della modernità letteraria, affrontando i temi e le questioni che ne hanno accompagnato, in particolare negli ultimi due secoli, l'affermazione nel nostro paese. Prerogativa dell'opera è ragionare non sul "romanzo italiano", ma sul "romanzo in Italia", ovvero sulla declinazione di una grande forma internazionale all'interno di una singola cultura. Oltre a ripercorrere la nostra specifica storia letteraria nella sua varietà e complessità, si riflette anche sulle traduzioni e sull'influenza delle letterature straniere, e, ancora, sulla confluenza e ibridazione tra romanzo, teatro, fumetto e arti audiovisive. Nel corso dell'Ottocento si ha il definitivo affermarsi del romanzo in Italia e la sua piena diffusione. Il volume, arricchito da decine di schede di romanzi, racconta il percorso che va dal capolavoro di Foscolo e dai Promessi sposi fino ai Vinti verghiani e alle prime prove di Italo Svevo. Una ricchezza e una varietà di soluzioni espressive che mostrano la versatilità della forma, adattabile al racconto dell'interiorità quanto alle ampie narrazioni della vita pubblica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le sorelle Brontë"
Editore: Becco Giallo
Autore: Santoni Manuela
Pagine: 197
Ean: 9788833140261
Prezzo: € 17.00

Descrizione:In un'epoca vittoriana artificiosa e opaca, nella campagna inglese di metà Ottocento, Charlotte, Emily e Anne - con un padre ormai anziano e un fratello dedito al bere - si ritrovano a far fronte da sole alle sorti economiche della famiglia Brontë. E lo fanno a modo loro: superando con orgoglio e con coraggio le difficoltà e i primi fallimenti, e trasformando il loro talento creativo e la passione per la scrittura in una fonte primaria di sostentamento, per poter vivere finalmente una vita intensa, in piena libertà.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Trilussa, Rosa Tomei e Lo Studio. La poesia, la vita, l'amore"
Editore: Gangemi
Autore: Marafini Secondina
Pagine: 400
Ean: 9788849236460
Prezzo: € 36.00

Descrizione:Trilussa ha ideato Lo Studio in via Maria Adelaide nel 1916. Dal 1930, il progetto ha gradualmente incluso la donna che è stata al suo fianco come convivente, collaboratrice e poetessa: Rosa Tomei.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Non solo Madame Bovary. Flaubert e i suoi personaggi"
Editore: Storia e Letteratura
Autore:
Pagine: 144
Ean: 9788893592154
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Il volume raccoglie i saggi dei maggiori specialisti italiani e francesi del grande scrittore "realista", i quali propongono una lettura dei testi attraverso la prospettiva della creazione e caratterizzazione dei suoi più famosi personaggi letterari: da Madame Bovary a Madame Arnoux dell'Education sentimentale, dalla cartaginese Salammbô alla danzatrice Salomé e la serva dal cuore semplice Félicité. Gli studiosi analizzano criticamente i testi, discutono interpretazioni accreditate e ne offrono di nuove, ma si soffermano anche, attingendo alla copiosa corrispondenza, sulle proiezioni biografiche che emergono nella finzione romanzesca; ricorrono inoltre a interessanti materiali ancora inediti, per illustrare la laboriosa genesi e costruzione dei personaggi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La poetica della pancia. Viaggio gastronomico nell'anatomia letteraria degli scrittori italiani dell'Otto-Novecento"
Editore: ETS
Autore: Massaro Costantino
Pagine: 245
Ean: 9788846751157
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Premesso che lo scrittore che non parla mai di fame, di cibo, di pranzi spesso ispira diffidenza, quasi manchi di qualcosa di essenziale, in questo saggio non ci si sofferma soltanto sulle preferenze e sulle abitudini culinarie private dei singoli artisti protagonisti, sì anche sui più significativi luoghi letterari (non solo epistolari o diaristici) in cui questi parlano di cibo, declinato nelle sue varie funzioni, dimostrando come sovente sia possibile rinvenire i gusti personali dei vari autori anche nelle pieghe delle loro opere, che, in tal caso, guadagnano un originale ed utile valore autobiografico e documentaristico. Ed ecco, allora, tante preziose curiosità: dalla poesia "Contro la minestra" di un Leopardi bambino, che sarebbe poi diventato un uomo capace di apprezzare i piaceri del buon cibo (altro che pessimista!), ai versi bizzarri di Montale redatti velocemente poco prima del cenone di fine anno; dal demostenico discorso contro la polpetta di un D'Annunzio ancora collegiale alle icastiche e gustose metafore culinarie del malinconico Gattopardo, fino alla carnale voracità dell'Angiolina di un sorprendente Svevo, passando attraverso il cibo e i falò di un Pavese insolito e nascosto. Tante le curiosità mai al servizio di una sterile aneddotica, ma sempre funzionali a un discorso critico, nuovo e diverso, sulla poetica di alcuni prestigiosi esponenti della letteratura italiana dell'Otto-Novecento, attraverso una suggestiva auscultazione della loro pancia per sentirne il respiro più umano e profondo. Prefazione di Donatella Puliga e postfazione di Francesco D'Episcopo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lo Hobbit e la filosofia. Qualche spunto per non smarrire la via, lo stregone e i nani"
Editore: Bompiani
Autore: Bassham Gregory, Bronson Eric
Pagine: 320
Ean: 9788845293610
Prezzo: € 13.00

Descrizione:"Lo Hobbit" di J.R.R. Tolkien è uno dei libri fantastici più amati di tutti i tempi. Se a una prima lettura può sembrare un racconto per ragazzi, il professore di Oxford vi ha nascosto in realtà preziosi insegnamenti tratti dalla storia del pensiero. Da Platone a Kant attraverso Aristotele e Confucio, i saggi contenuti in questo volume consentono di rileggere le avventure di Bilbo e Gandalf come un avvincente trattato sul senso dell'amicizia, sul libero arbitrio e sul valore della misericordia. È un libro imprescindibile per tutti i lettori affezionati di Tolkien e una buona occasione per scoprire le meraviglie della Terra di Mezzo per tutti quelli che ancora non l'hanno fatto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dostoevskij mio marito"
Editore: Castelvecchi
Autore: Dostoevskaja Anna Grigor'evna
Pagine: 432
Ean: 9788832825244
Prezzo: € 22.00

Descrizione:La mattina del 4 ottobre 1866, Anna Grigór'evna, giovane stenografa, bussa alla porta dell'appartamento al primo piano dello stabile in vicolo Stolijárnyj, a San Pietroburgo. Chi le ha proposto il lavoro l'ha avvertita che avrebbe avuto a che fare con un individuo singolare: si tratta di Fëdor Dostoevskij, che sta scrivendo il suo nuovo romanzo, "Il giocatore". Il primo impatto è penoso, eppure, da lì a poco, la compassione lascerà il posto all'amore e la stenografa diventerà la seconda moglie dello scrittore. Anna racconta le gelosie del marito, ma anche la sua dolcezza, l'amore per i figli e poi i libri, i viaggi, la lotta paziente contro il demone del gioco. Le sue memorie occupano un posto particolare nella contraddittoria letteratura su Dostoevskij: inusuali e preziose, costituiscono una cronaca fedele del periodo più fecondo della sua carriera. Questa è la prima traduzione italiana integrale di Dostoevskij mio marito, e comprende il saggio introduttivo scritto per l'edizione critica del 1971.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un atlante della cultura europea. Vittorio Pica. Il metodo e le fonti"
Editore: Olschki
Autore: Villani Giorgio
Pagine: VIII-140
Ean: 9788822265678
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Vittorio Pica (1862-1930) fu intellettuale attivissimo nel campo della critica d'arte come di quella letteraria. I suoi scritti, aggiornatissimi dossier sulle più importanti novità culturali d'Europa, nascevano da un accurato lavoro di documentazione condotto a partire da molteplici fonti. In questo saggio è descritto il metodo col quale Pica raccolse ed elaborò tali documenti in articoli, albi e profili pubblicati sulle più prestigiose riviste del tempo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La funesta docilità"
Editore: Sellerio Editore Palermo
Autore: Nigro Salvatore Silvano
Pagine: 210
Ean: 9788838938566
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Questo libro ha una intricata relazione con il racconto giallo, il saggio letterario, e l'«affaire». Ha un inquilino scomodo. Si chiama Alessandro Manzoni. E lo scrittore, ha rilevato Sciascia, «su cui si verificano sconcertanti paradossi, disastrose incongruenze: molto italiano senza gli italiani; molto cattolico senza i cattolici; molto laico senza i laici». Già il titolo del libro è un ossimoro. La «funesta docilità» è una colpa di condiscendenza: l'attitudine a conformare il proprio animo «all'affermare appassionato» della moltitudine. La definizione si trova nei Promessi Sposi. Manzoni l'attaglia a Renzo che, nella Milano della carestia, ha fatto sua l'opinione della massa fanatica che nel vicario di Provvisione ha additato «la cagion principale della fame». L'acquiescenza di Renzo si esaurì però nella partecipazione convinta al tumulto. Cessò di fronte alla «proposta» di «omicidio». Renzo si prodigò per salvare la vita al malcapitato vicario. Senza afflizione, «funestamente docile», risultò invece lo stato d'animo di Manzoni relatore (in una lettera del 1814) dell'assassinio, immotivato e truce, dell'inerme ministro delle finanze del Regno Italico, Giuseppe Prina; così aderendo al clima di una città che si dichiarò priva di «delitti» e che non volle che ci fosse una bara o una tomba da baciare. In una delle sue «inquisizioni», Sciascia tornò su quell'omicidio che risulta opaco nella lettera manzoniana: lettera che «ci inquieta», disse, «e che, in quel momento scritta senza inquietudine, crediamo sia poi diventata sostanza di una inquietudine profonda, drammatica e segreta dell'intera sua vita e dell'opera». Per «amore» di Manzoni, Sciascia si fece investigatore. L'efficienza analitica della sua indagine entrò nelle pieghe più riposte della scrittura dei Promessi Sposi alla ricerca di un «rimorso». Non lo trovò. Il giallo morale viene ora sciolto in questo racconto critico. La soluzione era nascosta nelle illustrazioni che Manzoni «dettò» e controllò, fino a correggerle, per l'edizione definitiva del suo romanzo. Nell'« affaire » si intrecciano le voci di Sciascia, Pomilio, e Natalia Ginzburg; e con esse le letture critiche in forma figurativa di Guttuso, Caruso, e Paladino.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un romanzo per gli occhi. Manzoni, Caravaggio e la fabbrica del realismo"
Editore: Carocci
Autore: Brogi Daniela
Pagine: 247
Ean: 9788843092949
Prezzo: € 23.00

Descrizione:All'interno di una taverna semibuia una canestra di frutta sporge dalla tavola, quasi fosse vera: è l'istante in cui Gesù, nell'atto di spezzare il pane, viene riconosciuto dall'oste e da due discepoli. È qui che la verità si rivela. Le figure vicine a Cristo, nella "Cena in Emmaus", appartengono alla moltitudine anonima e trova spazio nelle tele secentesche di Caravaggio e che assomiglia all'umanità "di piccol affare" passata sulla terra senza lasciar traccia, ma richiamata in vita dai "Promessi sposi". Il volume accosta Manzoni a Caravaggio con tre obiettivi principali: costruire uno scambio tra parola e immagine che non valga puramente come forma di interdisciplinarità o spunto suggestivo, ma funzioni come esperienza di reciproca implicazione; restituire un'attenzione non solo religiosa ma culturale alla ricchissima tradizione di temi e narrazioni fissata dal cristianesimo; infine, riformulare un'idea di realismo che arriva da molto più lontano rispetto a quello ottocentesco. È il realismo proveniente da un mondo popolare abituato a percepirsi e a consumare storie attraverso le immagini; quello che fa arrivare il sacro nelle taverne buie, nelle cucine, a tavola con gli straccioni.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La leggenda del Grande Inquisitore"
Editore: Marietti
Autore: Rozanov Vasilij
Pagine: 216
Ean: 9788821113260
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Pubblicata per la prima volta nel 1891, viene qui proposta una lettura originale della Leggenda del grande Inquisitore, racconto inserito da Dostoevskij nei Fratelli Karamazov. Il confronto drammatico tra la figura di Gesù e quella del grande Inquisitore testimonia il contraddittorio rapporto dello scrittore con il cristianesimo nelle sue diverse forme storiche. Sebbene della Leggenda di Dostoevskij si siano occupati molti autori, l'interpretazione di Vasilij Rozanov è particolarmente incisiva e attuale: più che a una critica letteraria siamo di fronte a un'indagine filosofica che ben si attaglia ai problemi dell'uomo contemporaneo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lezioni di letteratura"
Editore: Adelphi
Autore: Nabokov Vladimir
Pagine: 526
Ean: 9788845932922
Prezzo: € 26.00

Descrizione:«Il mio corso è, tra le altre cose, una sorta di indagine poliziesca sul mistero delle strutture letterarie». Del detective - e dello studioso - Nabokov possiede la passione bruciante per il dettaglio. Ma anche una voracità linguistica che lo guida a inseguire, negli scritti altrui, astuzie e trucchi verbali rivelatori; e una felice insistenza nella ricostruzione dei luoghi, degli spazi - dai mobili di una stanza a una città, e una regione - in cui si manifestano le storie. Sa bene, e lo ripete provocatoriamente, che utili insegnamenti e buoni propositi nulla hanno da spartire con la letteratura. Che è invece composta, in parti uguali, di esattezza e incantamento: «la precisione della poesia e l'intuizione della scienza». E questo insegna Nabokov nelle sue "Lezioni di letteratura": a leggere con occhio penetrante, ma disposto alla magia. A non guardare soltanto alle storie, ma al modo in cui sono raccontate. A riconoscere, al tempo stesso, il genio individuale dello scrittore e l'architettura dei testi. Rischiarati da un'intelligenza appuntita e beffarda, sfilano sette capolavori delle letterature occidentali, da Mansfield Park di Jane Austen all'Ulisse di Joyce. E lui, il professor Nabokov - docente a Wellesley e quindi alla Cornell tra il 1941 e il 1958 -, li racconta agli studenti americani, e a noi, con il brio conversevole, il coinvolgimento, l'attenzione minuziosa che, dalla sua viva voce, approdano direttamente a queste pagine. Introduzione di John Updike.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' inesausto grembo. La poesia dell'ultimo Leopardi"
Editore: Mimesis
Autore: Clementi Maurizio
Pagine: 103
Ean: 9788857551180
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Il saggio di Maurizio Clementi si propone di individuare le caratteristiche della poesia e del pensiero di Giacomo Leopardi durante il soggiorno a Napoli, nella convinzione che i quattro anni passati in quella città abbiano prodotto un effettivo cambiamento di approccio e di risultati artistici sulla produzione del recanatese. Tra i temi presi in causa da questa ricognizione, breve ma allo stesso tempo densa, vi sono il rapporto tra Leopardi e alcune figure significative, come Giordano Bruno e Giambattista Vico, e l'analisi dei contatti che intercorsero tra Leopardi e l'Oriente, la massoneria e, naturalmente, la città di Napoli. Il testo si avvale del contributo del filosofo Aldo Masullo, Premio "La ginestra" 2016.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU