Libreria cattolica

Libri - Letteratura Dal 1800 Al 1900



Titolo: "Apparizioni spiritiche e fantasmi letterari. Il «Modern spiritualism» e lo sviluppo della «ghost story»"
Editore: La Scuola di Pitagora
Autore: Becce Nicolangelo
Pagine: 264
Ean: 9788865425039
Prezzo: € 23.00

Descrizione:L'epoca di massima fioritura della ghost story, tra la seconda metà dell'Ottocento e i primi anni del Novecento, coincise con la rapida ascesa e il travolgente successo di un fenomeno culturale, il Modern Spiritualism, che si sviluppò in principio intorno a medium e sedute spiritiche, ma giunse poi a coinvolgere scienziati, filosofi e capi di stato. Negli anni in cui la ricerca scientifica si occupava seriamente di apparizioni spettrali e messaggi dall'aldilà, in che modo il lettore medio si accostava alla lettura dei racconti di fantasmi? E qual era il confine tra un "autentico" resoconto di apparizioni e un racconto di fantasmi "verosimile"? Attraverso la lettura di testi di alcuni fra i maggiori autori di ghost stories, come Théophile Gautier, Iginio Ugo Tarchetti e Henry James, il presente volume analizza le influenze reciproche tra i racconti di fantasmi del turn of the century e i coevi resoconti di apparizioni spiritiche.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La letteratura italiana"
Editore: Jaca Book
Autore: Gioanola Elio
Pagine: 332
Ean: 9788816413771
Prezzo: € 30.00

Descrizione:

Un’opera da leggere e non solo da studiare, un compendio della letteratura italiana dalle origini a oggi, capace di offrire al mondo della scuola uno strumento agile e completo nello stesso tempo. L’ intenzione è quella di aiutare a capire i problemi senza semplificarli fino a sviarne la natura, con l’accento sui punti essenziali e con la dovuta attenzione alla specificità e originalità del fatto letterario rispetto alle altre componenti storiche. A ogni inizio di secolo, o periodo letterario di autonomo rilievo, vengono offerti ampi quadri introduttivi che forniscono un affresco compiuto dei fatti culturali di spicco, in modo che gli argomenti prettamente letterari trovino un’adeguata cornice storico-concettuale. Nel complesso, questa non è un’opera compilativa ma, se così si può dire, d’autore, perché non è rifatta su altre letterature, ha una sua organica linea interpretativa e anche un suo particolare stile espressivo, senza concessioni ideologiche e con molta attenzione posta alle metodologie critiche più innovative.

ELIO GIOANOLA è nato a San Salvatore Monferrato (AL) nel 1934. Ha insegnato per trent’anni Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Genova. Per Jaca Book ha pubblicato, tra gli altri, i saggi Manzoni. La prosa del mondo (2015, fi nalista al Premio Viareggio nella sezione saggistica e vincitore del premio della critica), Montale. L’arte è la forma di vita di chi propriamente non vive (2011), Svevo’s story (2009), Pirandello’s story (2007), Psicanalisi e interpretazione letteraria (2005), Carlo Emilio Gadda. Topazi e altre gioie familiari (2004), Leopardi. La malinconia (1995, nuova ed. 2015), e i romanzi La malattia dell’altrove (2013), Don Chisciotte, Fausto Coppi e i misteri del Castello (2010) e Giallo al Dipartimento di Psichiatria (2006).



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Conversazioni letterarie. Cultura e società nelle scritture private di intellettuali italiani tra Settecento e Ottocento"
Editore: Forum Edizioni
Autore: Savorgnan Cergneu di Brazzà Fabiana
Pagine: 192
Ean: 9788884209610
Prezzo: € 16.50

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Victoriana. Maschere e miti, demoni e dèi del mondo vittoriano"
Editore: Odoya
Autore: Pezzini Franco
Pagine: 448
Ean: 9788862883498
Prezzo: € 24.00

Descrizione:L'età vittoriana rappresenta una sorta di Paradiso Perduto dell'immaginario dove personaggi come l'Alice di Carroll e Sherlock Holmes, Dracula, Carmilla e Jack Lo Squartatore, Jekyll e Hyde, Tess dei d'Urbervilles, gli eroi dei penny dreadful e magari dello steampunk più una pletora di fantasmi (si tratta in fondo dell'età d'oro della ghost story) incontrano scrittori, pittori, uomini di scienza, attivisti sociali, occultisti ed esploratori di tutta una storia reale, vissuta in carne e ossa tra i vicoli nebbiosi di Londra e le più lontane lande esotiche. Una dimensione evocata da romanzi d'epoca e ricostruzioni odierne, quadri, fumetti e film (magari quelli gotici Hammer, rigorosamente vittoriani per costumi e fremiti allusivi); qualcosa che assume forme e aspetti peculiari nel nostro immaginario. Alcune epopee sono notissime, ma tra le loro pieghe c'è molto più da scoprire di quanto spesso banalizzato; e tante altre restano poco conosciute, o magari a livello di ipotesi da inseguire. Tanto più che quella vittoriana è una lente che può condurci, come viaggiatori in un'età tanto avventurosa, a esplorare punti di vista differenti sulla storia del mondo ufficiale, e che da tale angolatura riesce a trasmettere un significato e un sapore particolare. Le dee antiche della pittura preraffaellita tra alcove e imbarazzanti antichità, il Medioevo di Robin Hood al filtro del teatro, la Restaurazione coi suoi libertini ormai tanto deprecati...

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lettere. Shelley in Italia"
Editore: Cinquemarzo
Autore: Shelley Percy Bysshe
Pagine: 248
Ean: 9788869700668
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Percy Bysshe Shelley, uno dei più grandi poeti del Romanticismo inglese, è uno sconosciuto nella sua amata Italia. Il suo "Paradiso degli esuli" gli ha voltato le spalle, le librerie italiane hanno consegnato da parecchi anni le sue raccolte poetiche all'oblio. Qualche sua poesia e vari saggi si trovano ancora solo nelle librerie su Internet. Shelley non si considerò mai un grande poeta, lo confessa in varie lettere, affermando appunto di scrivere per l'oblio. Forse però non si aspettava che gli italiani lo prendessero così alla lettera.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un amore bellissimo. Leopardi e la felicità"
Editore: Franco Angeli
Autore: Lo Bue Salvatore
Pagine: 120
Ean: 9788891743503
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Ritornare a Leopardi, accettare il suo radicale ateismo, dimenticando, una volta e per sempre, il polveroso magazzino di tutti i pessimismi e di tutti i titanismi possibili, le divisioni ormai fuori tempo tra piccoli e grandi idilli, che hanno reso travagliosa la via d'accesso al mistero del poeta di Recanati, rendendo la sua opera semplice, catalogabile e, per ciò, inoffensiva, è stato difficile per buona parte della critica leopardiana. L'implacabile difensore del vero guarda con occhio disincantato e indifferente il volgersi delle cose del mondo, generate per morire, destinate al nulla; ma sa opporsi a quella infinita notte che ci attende indicando nell'amore quella unica luce che dura nella brevis lux che è la nostra esistenza. Così l'anima del poeta sa tessere nei Canti l'elogio perfetto della felicità che si realizza nella comprensione, anch'essa perfetta, delle radici dell'Amore. L'intuizione del rapporto inscindibile tra Amore e Morte, cuore di tutta la sua poesia, indica nella fanciulla-Amore e nella fanciulla-Morte le due messaggere della gioia: la prima libera dal dolore di vivere consegnando ai mortali una felicità di poco inferiore a quella divina, un'emozione così grande che indìa l'anima che la accoglie; la seconda libera dal dolore di essere consegnando le anime in perenne affanno all'oblìo che libera dalla vita e dal dolore.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "A colloquio con Paolo Lioy. Letteratura, scienza, politica (1851-1905)"
Editore: Franco Angeli
Autore: Sari Carmen
Pagine: 240
Ean: 9788891740700
Prezzo: € 31.00

Descrizione:Paolo Lioy (1834-1911), insigne naturalista, poligrafo, poeta, romanziere, traduttore, autore di più di trecentosessanta testi in prosa e in versi, imprime alla propria produzione un orientamento divulgativo che gli consente di fondere filosofia e geologia, zoologia e filologia, botanica e politica. Richiamandosi ad una concezione assoluta di cultura, intesa quale sintesi delle manifestazioni sia intellettuali sia spirituali dell'uomo, lo studioso si propone d'instaurare un processo di armonizzazione tra epistemologia, religione e cultura tout court. Scienza e fede, cognizione del relativo e dell'Assoluto costituiscono parte integrante di un disegno divino che troverà la sua più compiuta rappresentazione nella letteratura. Brillante divulgatore scientifico e pedagogo, Lioy si occupò attivamente della diffusione della cultura fra gli operai e i ceti meno abbienti, fu partecipe del miglior attivismo vicentino antiasburgico e dimostrò il suo impegno di uomo politico prima come consigliere comunale e provinciale, poi come deputato e senatore del Regno.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Archeologia del romanzo. 1821-1872 bilancio di un cinquantennio"
Editore: Franco Angeli
Autore: Colummi Camerino Marinella
Pagine: 208
Ean: 9788891741493
Prezzo: € 27.00

Descrizione:Quando nel 1821 Manzoni comincia a scrivere il "Fermo e Lucia" il romanzo è percepito ancora come un corpo estraneo nella cultura italiana, sottoprodotto destinato ad adulti 'minori'. Nel mezzo secolo successivo esso si fa strada nel sistema letterario fino a ridisegnarne i confini e gli assi paradigmatici. Questo libro racconta l'affermazione del romanzo come genere letterario che nel lungo confronto con storia, dramma e novella - le forme confinanti acquisisce un suo autonomo statuto estetico. E racconta l'affermazione del romanzo come fenomeno culturale che, insieme al giornalismo, allarga il pubblico della letteratura trasmettendo modelli di comportamento e stili di pensiero; mentre concorre a orientare l'attività dei letterati verso la professione liberale e il lavoro dei tipografi-librai verso l'impresa moderna. Un'ultima linea di indagine, la quale salda le precedenti collegandole alla vicenda del Risorgimento, riguarda la domanda di identità nazionale che il genere supporta ed amplifica. Nel quadro disegnato da queste prospettive protagonisti sono dunque gli scrittori, i filosofi, gli economisti che individuano nel romanzo la forma per rappresentare la totalità di un mondo complesso; sono i giornalisti, i critici, i traduttori che sulla narrativa fanno le prove di un mestiere il cui solo 'mecenate' è il pubblico; sono gli editori che che progettano collane, edizioni popolari, campagne pubblicitarie accreditando il romanzo come una componente importante del mercato librario.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Orgoglio e pregiudizio. Un grande classico da colorare da Jane Austen"
Editore: EL
Autore:
Pagine: 96
Ean: 9788847734135
Prezzo: € 11.90

Descrizione:Un grande classico si trasformerà per voi in un meraviglioso mondo da colorare. Lasciatevi trasportare a Pemberly, immergetevi nella storia d'amore senza tempo di Elizabeth e Mr Darcy. Scegliete le vostre penne o matite preferite per colorare gli eleganti motivi tracciati a china, le elaborate decorazioni e le scene emblematiche di questa storia straordinaria. Le citazioni accuratamente selezionate dal romanzo danno voce agli indimenticabili personaggi di Jane Austen, tra momenti classici e battute di spirito.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le implacabili. Violenze al femminile nella letteratura americana tra Otto e Novecento"
Editore: Donzelli
Autore: De Biasio Anna
Pagine: XXV-192
Ean: 9788868435370
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Pochi temi sono terreno di silenzi e tabù come la violenza femminile. Che le donne possano essere attori della violenza e non solo vittime è sembrato a lungo un ossimoro: parte integrante dei sistemi permanenti e impliciti del pensiero, la rappresentazione del femminile è ancorata a un'immagine di dolcezza e di rifiuto del male che trova espressione nel classico cliché della donna-angelo o nell'icona della madre. A questa ritrosia si aggiunge il timore che trattare della violenza agita o immaginata da madri, sorelle e figlie possa far sviare l'attenzione dal drammatico problema della violenza subita, dagli abusi domestici agli stupri di guerra. Eppure, storia e letteratura sono popolate di donne capaci di opporsi al dominio maschile con il ricorso alla forza e persino di rivestire ruoli di rilievo nell'ambito virile per eccellenza, quello della guerra. Non ovunque, nei contesti nazionali, queste (anti)icone di genere hanno trovato la stessa visibilità. Se si esamina il campo letterario in lingua inglese, e particolarmente quello statunitense, ci si imbatte in scrittori e scrittrici che hanno tematizzato personaggi forti, bellezze letali, eroine sadiche e implacabili che non si esauriscono nello stereotipo misogino della femme fatale, ma diventano lo specchio letterario di istanze di emancipazione che portano le donne a confrontarsi progressivamente con lo spazio della violenza attiva e a raccontare (talvolta vivendoli in prima linea) i conflitti del loro tempo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Una saggezza selvaggia. Italo Svevo e la cultura europea nel vortice della «Krisis»"
Editore: Carocci
Autore: Sechi Mario
Pagine: 130
Ean: 9788843083008
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il volume offre un denso profilo di Italo Svevo "scrittore europeo" nell'approdo della sua piena maturità. Come lungo una pista intricata e piena di incroci, esso insegue gli sviluppi degli interessi filosofici, scientifici e letterari dell'autore, ricostruendo il filo delle sue letture e le liste dei suoi libri, e mettendo a fuoco il dialogo ininterrotto con la tradizione ottocentesca e con gli esponenti più significativi della nuova cultura della crisi, sui temi delle nuove scienze della vita e della psiche, delle filosofie dell'esistenza, della politica europea negli anni della grande guerra, della letteratura e del teatro post-naturalista. In questa fitta rete di relazioni e di scambi, si evidenzia appieno il rigoroso percorso delle scritture e dei pensieri di un maestro. Mario Sechi ritorna sulla straordinaria stagione di Zeno, degli ultimi abbozzi e dei racconti incompiuti, delle pièces teatrali più innovative, con uno sguardo di accresciuta penetrazione e lucidità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Leopardi teorico del tragico. Dagli abbozzi teatrali alla poesie lirica"
Editore: eum
Autore: Mirra Alessandra
Pagine: 270
Ean: 9788860563354
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Perché il giovane Leopardi si è più volte cimentato nel genere tragico nonostante la mancanza di una reale vocazione teatrale? Come vanno interpretati non i testi, ma i tentativi di questa scrittura all'interno della sua carriera letteraria? Ecco un'indagine che sottrae gli abbozzi teatrali a una sperimentazione fine a se stessa, per conferire loro una funzione militante, all'interno di un più vasto e articolato progetto di riforma letteraria. Un confronto tra la teorie drammaturgiche di Leopardi e quelle sette-ottocentesche che rivela un autore capace di apportare contributi originali anche in un ambito così poco congeniale alle sue inclinazioni. Distinguendo tra una sfiducia storica di Leopardi nel dramma moderno e una svalutazione molto più intrinseca della poesia drammatica, si individua in altre zone dell'opera leopardiana la presenza del tragico, ormai svincolatosi dal genere drammatico, sottolineando come Leopardi si ponga in realtà come caso paradigmatico di una più vasta tendenza primottocentesca, e come la sua poesia e il suo pensiero abbiano saputo precorrere alcune teorie del tragico che sarebbero state elaborate in Europa tra fine Ottocento e inizio Novecento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il naso corto"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Daniela Marcheschi
Pagine: 0
Ean: 9788810567340
Prezzo: € 8.00

Descrizione:

Alzi la mano chi ha davvero amato il capitolo finale delle Avventure di Pinocchio, dove il protagonista – dopo essere stato vegetale (legno) e animale (ciuchino) – diventa «un bambino per bene» in carne e ossa. Dopo un intero racconto di marachelle e avventure, il finale si spegne in modo moralistico e sciapo. Ma Collodi intendeva davvero questo? Oppure nella sua scrittura c’è qualche indizio che ci porta a pensare ad una burla dell’autore nei confronti dei lettori?

Note sull'autore

Daniela Marcheschi, docente e studiosa di letteratura italiana e scandinava, ha curato i «Meridiani» Mondadori delle opere di Carlo Collodi, di cui dirige l’Edizione nazionale. È autrice di saggi tradotti in molte lingue.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "«Io nel pensier mi fingo». Seminario leopardiano a quattro voci"
Editore: Il Nuovo Melangolo
Autore:
Pagine: 124
Ean: 9788869830648
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Chi di noi non conosce a memoria l'Infinito o A Silvia? Chi non ricorda la pagina dolente dello Zibaldone sul giardino malato? O quella in cui il nulla è colto come il fondamento di tutte le cose e di Dio stesso? Leopardi è un classico, e non solo per noi italiani. Ma che significa essere un grande classico? Quando e come lo si diviene? A queste domande, cogliendo un carattere essenziale della grande arte, la sua singolarità e dipendenza dalla personalità dell'autore che l'ha prodotta e insieme la sua vocazione all'universalità, la sua originalità e unicità e insieme il suo essere quasi anonima, Calvino cosi rispondeva: "I classici sono libri che esercitano un'influenza particolare sia quando s'impongono come indimenticabili, sia quando si nascondono nelle pieghe della memoria mimetizzandosi da inconscio collettivo o individuale". Questo è il grande mistero dell'arte: all'inizio v'è Giacomo Leopardi, individuo singolare e casuale fino al limite dell'accidentale, alla fine il poeta Giacomo Leopardi divenuto, grazie alla sua opera, universale e necessario nella sua singolarità. A questo e ad altri temi leopardiani guardano, da angolature diverse e persino opposte, i saggi di Pier Vincenzo Mengaldo, Rolando Damiani, Luigi Blasucci e Isabella Adinolfi raccolti in questo volume.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Leggere «I promessi sposi». Guide alle grandi opere"
Editore: Il Mulino
Autore: Frare Pierantonio
Pagine: 175
Ean: 9788815265074
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Un vademecum per leggere i capolavori della letteratura italiana, quei classici che non si smette mai di riscoprire: la storia del testo, la vicenda dell'opera, i temi dominanti, lo stile, la fortuna.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Manzoni e la Bibbia. Fonti bibliche nelle «Osservazioni sulla morale cattolica»"
Editore: Salerno Editrice
Autore: Ravasi Gianfranco
Pagine: 96
Ean: 9788869731785
Prezzo: € 7.90

Descrizione:Per la prima volta si cerca di ricostruire un particolare palinsesto dei testi manzoniani, quello della presenza delle S. Scritture. Sulle opere del grande scrittore lombardo si sono condotte le analisi più raffinate, soprattutto sulla sua profonda matrice religiosa. Mai, però, si è pensato di vagliare il retroterra biblico che alimentava il suo dettato e la sua spiritualità. Con questo saggio si sottopongono le "Osservazioni sulla morale cattolica", il suo scritto più strettamente "teologico", a una minuziosa radiografia critica, cosi da identificare la filigrana scritturistica che sorregge ogni pagina.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' Ave Maria di don Camillo"
Editore: Fede & Cultura
Autore: Alessandro Gnocchi
Pagine: 96
Ean: 9788864095066
Prezzo: € 11.00

Descrizione:Le storie di don Camillo sono diventate un classico della letteratura e, nel corso degli anni, si sono mostrate un’inesauribile miniera di temi religiosi. In questo volume, Alessandro Gnocchi, il maggior studioso dell'opera di Giovannino Guareschi, ce ne offre una limpida dimostrazione. Basta scorrere le pagine dedicate alla venerazione di Maria, in cui scopriamo i più duri mangiapreti di Mondo piccolo intenerirsi davanti allo sguardo luminoso della Madre di Dio; o quelle sulla vocazione, dove la risposta delle creature guareschiane al proprio destino si fa trama del vivere quotidiano. Storie che, nella loro semplicità, raccontano come, dopo l’incontro sincero con Maria, non si può più essere gli stessi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La malinconia allo specchio"
Editore: SE
Autore: Starobinski Jean
Pagine: 96
Ean: 9788867232338
Prezzo: € 12.50

Descrizione:La malinconia ha un profondo legame con la riflessione e gli specchi. Forse nasce nel punto in cui lo sguardo s'incontra nello specchio, questa "trappola di cristallo". Baudelaire è stato un mirabile testimone della congiunzione di specchio e malinconia. Un tale motivo, che ha dato vita ad allegorie e a rappresentazioni molteplici, esigeva un ascolto attento. Un ascolto qui consacrato ad alcune poesie, tra cui Le Cygne, autentico capolavoro. A questo si aggiunge, sotto l'influenza di Saturno, tutta la serie di "figure chinate", di occhi che si abbassano su altri sguardi, su sguardi che si rivolgono alle lontananze della patria assente o del vano riflesso. "Vedo tua madre" si legge in La Lune offensée "che piega la greve massa dei suoi anni verso lo specchio, imbellettando artisticamente il seno che t'ha nutrito!". Prefazione di Yves Bonnefoy.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le riscritture di «Great expectations». Sei letture del classico dickensiano"
Editore: Mimesis
Autore: Cao Claudia
Pagine: 393
Ean: 9788857534206
Prezzo: € 35.00

Descrizione:"Great Expectations" è un romanzo che ha appassionato generazioni di lettori andando incontro ai mutamenti estetici e culturali di oltre un secolo e mezzo. Come ogni classico, è un testo che si arricchisce a ogni nuova lettura: la molteplicità di storie e di destini che si intrecciano alla vicenda di Pip, ellittica e sfuggente, l'abile gioco di distorsione di schemi rappresentativi e topoi letterari, uniti alla riflessione metatestuale, rendono il capolavoro dickensiano un'opera ricca di fascino e capace di suscitare sempre nuovi interrogativi. Il gran numero di riscritture e adattamenti testimonia una parte delle risposte prodotte dai suoi lettori: la ricerca di un riscatto per i personaggi di Estella e Magwitch, riscoperti da nuovi e originali punti di vista, lo smascheramento dell'ipocrisia e dei falsi valori della borghesia inglese celati dietro l'ingannevole ascesa sociale di Pip, la messa in discussione parodica dell'auctoritas che il testo canonico rappresenta dalla prospettiva delle ex colonie. Sono queste alcune delle aperture create dagli autori che si sono cimentati nella riscrittura di Great Expectations come Peter Carey, Alanna Knight, Lloyd Jones, Michael Noonan, Sue Roe e H. G. Wells, cui è stato necessario accostare, per una visione d'insieme in diacronia, i percorsi dell'opera dalle prime trasposizioni teatrali ai nuovi media, passando per versioni illustrate, graphic novel, adattamenti radiofonici, cinematografici e televisivi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Giulio Piccini (Jarro) tra Risorgimento e grande guerra (1849-1915)"
Editore: ETS
Autore:
Pagine: 262
Ean: 9788846744692
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Questo volume intende offrire per la prima volta uno studio complessivo dell' attività e della sterminata produzione letteraria di Giulio Piccini, meglio noto come Jarro (Volterra, 28 ottobre 1849 - Firenze, 15 febbraio 1915). Editore di testi antichi, giornalista e critico drammatico e musicale, narratore e romanziere proto-giallista, umorista e gastronomo, Piccini fu un erudito e un poligrafo ammirato, tra gli altri, da Gabriele D'Annunzio, Luigi Capuana e Matilde Serao. I suoi poliedrici interessi, che spaziano dal teatro al cinema, dalla storia locale alla cronaca contemporanea, ne fanno non soltanto un testimone, ma anche un interprete acuto e spesso polemico di un'epoca di transizione e dei suoi protagonisti. L'esame di alcune delle principali opere di Jarro, con attenzione specifica rivolta alla loro circolazione, alla lingua e allo stile, nonché ai modelli di riferimento adottati, permette così di comprendere pienamente il valore e il significato del contributo dato da Giulio Piccini al panorama culturale italiano tra la fine dell'Ottocento e il primo Novecento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Leopardi traduttore. La prosa (1816-1817)"
Editore: Quodlibet
Autore: Camarotto Valerio
Pagine: 204
Ean: 9788874628469
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Tra il 1816 e il 1817, all'inizio della sua carriera poetica e nel pieno di un'intensa stagione di traduzioni in versi, Leopardi si dedica con entusiasmo al volgarizzamento dei testi appena scoperti da Angelo Mai: le opere di Frontone e alcune parti delle Antichità Romane di Dionigi di Alicarnasso. Rimaste inedite per volontà dello stesso autore, queste traduzioni sono state pressoché ignorate dagli studi. Eppure, come questo libro intende mostrare, l'incontro con i due scrittori antichi non solo costituisce un fondamentale tassello nel percorso intellettuale del primo Leopardi, ma lascia un segno notevole - a partire dallo Zibaldone - anche nella produzione futura, sul piano della riflessione estetica (l'imitazione e il rapporto antico/moderno), linguistica (la ricerca di una prosa italiana moderna) e morale (il confronto con lo stoicismo e la compassione).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Leopardi traduttore. La poesia (1815-1817)"
Editore: Quodlibet
Autore: Camarotto Valerio
Pagine: 188
Ean: 9788874628452
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Tra il 1815 e il 1817 il giovane Leopardi si dedica con fervore alla traduzione poetica: sul suo scrittoio si susseguono l'uno dopo l'altro i testi di Mosco, Omero, Virgilio, Esiodo (e altri ancora). Si tratta di una stagione determinante, non solo per la sedimentazione di immagini e temi destinati a emergere in seguito, ma anche e soprattutto per il fondamentale confronto con l'antico che essa ha significato. Partendo dunque dalla riflessione di Leopardi sul problema dell'imitazione e sulla condizione del poeta moderno (centrale anche in altri scritti coevi, almeno fino al Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica), questo libro propone una lettura d'insieme della variegata congerie delle versioni poetiche. A ciascuna di esse è dedicato un apposito capitolo, nel quale il confronto con i testi originali e il serrato dialogo con i modelli sono osservati anche alla luce della loro ripercussione sulla produzione successiva (dallo Zibaldone ai Canti).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il secolo di Baudelaire. Poe, Baudelaire, Mallarmé, Rimbaud, Laforgue, Valéry, Hofmannsthal"
Editore: Moretti & Vitali
Autore: Bonnefoy Yves
Pagine: 235
Ean: 9788871866550
Prezzo: € 18.00

Descrizione:"Nel XIX secolo nasce la poesia della modernità e Yves Bonnefoy ne traccia in questo libro il profilo. Lo delinea dialogando con i testi poetici di alcuni tra gli autori più significativi dell'Ottocento: da Poe a Baudelaire, da Mallarmé a Rimbaud, da Laforgue a Valéry, fino a Hofmannsthal. La grande innovazione di questi poeti consiste nell'aver compreso che la scomparsa del divino dai significati e dalle figure della struttura linguistica non può determinare che vada anche perduto il senso della trascendenza. Ecco perché nei loro testi mantengono vivi entrambi questi aspetti conferendo alla poesia una natura completamente nuova, assolutamente inedita: una natura in grado di connettere l'infinitezza all'esistenza ordinaria. Il compito al quale questi poeti non si sottraggono è di percepire nelle più semplici parole un residuo dell'originaria atemporalità, dell'infanzia del mondo, quando l'invisibile era ancora visibile. 'Quant'è difficile' esclama Bonnefoy 'condurre questa battaglia!'. E non si può non concordare con lui osservando come nel XX secolo la poesia dell'Ottocento non abbia avuto molti eredi, avendo preferito strade meno ardue, più familiari. L'invito è chiaro: torniamo a fare attenzione a ciò che hanno scritto autori come Baudelaire e Rimbaud. 'È in gioco la poesia' avverte Bonnefoy." (dalla postfazione di Flavio Ermini)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La letteratura italiana"
Editore: Jaca Book
Autore: Gioanola Elio
Pagine: 332
Ean: 9788816413627
Prezzo: € 30.00

Descrizione:

Un’opera da leggere e non solo da studiare, un compendio della letteratura italiana dalle origini a oggi, capace di offrire al mondo della scuola uno strumento agile e completo nello stesso tempo. L’ intenzione è quella di aiutare a capire i problemi senza semplificarli fino a sviarne la natura, con l’accento sui punti essenziali e con la dovuta attenzione alla specificità e originalità del fatto letterario rispetto alle altre componenti storiche. A ogni inizio di secolo, o periodo letterario di autonomo rilievo, vengono offerti ampi quadri introduttivi che forniscono un affresco compiuto dei fatti culturali di spicco, in modo che gli argomenti prettamente letterari trovino un’adeguata cornice storico-concettuale. Nel complesso, questa non è un’opera compilativa ma, se così si può dire, d’autore, perché non è rifatta su altre letterature, ha una sua organica linea interpretativa e anche un suo particolare stile espressivo, senza concessioni ideologiche e con molta attenzione posta alle metodologie critiche più innovative.

 

ELIO GIOANOLA è nato a San Salvatore Monferrato (AL) nel 1934. Ha insegnato per trent’anni Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Genova. Per Jaca Book ha pubblicato, tra gli altri, i saggi Manzoni. La prosa del mondo (2015, fi nalista al Premio Viareggio nella sezione saggistica e vincitore del premio della critica), Montale. L’arte è la forma di vita di chi propriamente non vive (2011), Svevo’s story (2009), Pirandello’s story (2007), Psicanalisi e interpretazione letteraria (2005), Carlo Emilio Gadda. Topazi e altre gioie familiari (2004), Leopardi. La malinconia (1995, nuova ed. 2015), e i romanzi La malattia dell’altrove (2013), Don Chisciotte, Fausto Coppi e i misteri del Castello (2010) e Giallo al Dipartimento di Psichiatria (2006).



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Gli animali nella poesia di Giovanni Pascoli"
Editore: Il Ponte Vecchio
Autore: Simeone Saverio
Pagine: 464
Ean: 9788865415603
Prezzo: € 23.00

Descrizione:Il libro di Saverio Simeone, proponendoci un'accurata indagine sulla presenze animali nella poesia pascoliana in lingua e in latino, ci permette un viaggio straordinario attraverso l'intera produzione di uno dei grandi poeti dell'Europa contemporanea: un viaggio colmo di suggestioni, di musica, di incanti della natura, di creature dell'aria, della terra e dell'acqua. Ricorda l'autore che "il vocabolario zoologico pascoliano appare ampio e di gran lunga più articolato di quello del lessico poetico italiano. Pascoli resta il poeta italiano con maggiori competenze naturalistiche. Dietro ai termini del vocabolario naturalistico, emergono precise conoscenze di piante spontanee e coltivate e di animali selvatici e domestici. Animali che spesso assumono un vero e proprio ruolo narrativo". Inseguendo passeri e merli, sgriccioli e cardellini, capinere e cappellacce, pispole e pittiere, pettirossi e assioli e le molte altre specie dei viventi, Simeone ci conduce ad una rilettura affascinante della poesia pascoliana.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU