Articoli religiosi

Libri - Saggistica E Storia E Critica Della Letteratura



Titolo: "Passatempi. Testo greco a fronte"
Editore: La Vita Felice
Autore: Pseudo Democrito
Pagine: 51
Ean: 9788893463225
Prezzo: € 7.00

Descrizione:Nella vasta letteratura pseudo-democritea spiccano i Paignia («divertimenti»), una breve collezione di formule magico-alchemiche, trucchi illusionistici e curiose prescrizioni mediche e sessuali. A lungo attribuiti al mago e naturalista egiziano Bolo di Mende (sec. I a.C.), seguace di Democrito, questi stravaganti procedimenti sembrano richiamarsi in modo particolare alle raccolte ellenistiche di mirabilia, alla paradossografia e alla letteratura ermetica, oltre che agli esperimenti di magia naturale diffusi nel Medioevo. Trasmessa da un celebre papiro del British Museum, l'opera rappresenta un documento significativo della tradizione magica greca.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Kursk. La storia nascosta di una tragedia"
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Autore: Moore Robert
Pagine: 360
Ean: 9788817138918
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Il 12 agosto 2000, nel corso di un'esercitazione, il sommergibile nucleare Kursk, vanto della Marina russa e ritenuto inaffondabile, si inabissò nelle acque dell'Artico a causa di due esplosioni dovute a un siluro difettoso, che devastarono il gigantesco doppio scafo d'acciaio. Dei centodiciotto membri dell'equipaggio, ventitré sopravvissero dietro la barriera protettiva dei reattori, nella parte posteriore del Kursk, sotto il comando del tenente di vascello Dmitrij Kolesnikov, giovane ufficiale di ventisette anni. Questa è la loro storia, scritta da chi era presente in quei giorni frenetici. In questo libro Robert Moore ha denunciato le responsabilità di questa disgrazia: la sua penna ci consegna un pezzo di Storia rimasto sommerso, e ci svela le numerose falle di un sistema militare imperfetto e gli errori del governo russo, per il quale la messa in salvo dei sommergibilisti non fu un'assoluta priorità. Dal ritardo con cui venne rilevato il disastro al fallimento delle missioni di soccorso, fino alla fatale decisione di non accettare in tempo gli aiuti internazionali, la tragedia del Kursk apre uno squarcio inquietante sui meccanismi di gestione del potere della nuova Russia, portando alla luce i numerosi insabbiamenti voluti dal Cremlino: per il giovane Vladimir Putin infatti, eletto da pochi mesi alla presidenza, l'affondamento di questo poderoso sottomarino è stato la prima grave crisi da affrontare, ma anche l'occasione per provarsi nel ridurre al silenzio e all'obbedienza le voci dissidenti e la stampa indipendente del Paese. Nella vicenda del Kursk e delle sue vittime si intrecciano dunque i drammi personali delle famiglie che hanno combattuto per ottenere verità e giustizia, ma anche le storture di un sistema politico e burocratico indifferente, e di uno Stato dai netti istinti autoritari. Una tragedia nascosta che riemerge in questa inchiesta, diventata anche un film interpretato da Colin Firth, Léa Seydoux e Matthias Schoenaerts.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Barzellette"
Editore: Einaudi
Autore: Celestini Ascanio
Pagine: 297
Ean: 9788806239589
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Una stazione, due uomini che aspettano un misterioso convoglio partito da lontano e un «brogliaccio» pieno di barzellette da leggere per ingannare l'attesa. Sono storielle popolate da naufraghi e cannibali, carabinieri e politici, scienziati e filosofi, preti, suore, ebrei e musulmani, mariti e mogli impegnati nell'eterna lotta tra i due sessi, e ancora animali, suocere, amanti. Storie che non appartengono a nessuno, ma sono a disposizione di tutti. Ci dicono cosa siamo diventati, ci consentono di scavare nel torbido senza diventare persone torbide. E, soprattutto, fanno letteralmente morire dal ridere.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Fisiologia dell'impiegato"
Editore: Elliot
Autore: Balzac Honoré de
Pagine: 96
Ean: 9788869937156
Prezzo: € 10.00

Descrizione:In questo trattato semiserio, Honoré de Balzac si batte contro quella potentissima forza inerziale che sa impedire o ritardare all'infinito le decisioni indispensabili: la burocrazia, pietra miliare dell'era moderna. Pubblicato per la prima volta nel 1841 e modello per il successivo "Gli impiegati" (1844), in questo libro sembra quasi che l'autore abbia saputo bloccare per un istante il poderoso ingranaggio della macchina burocratica facendone inceppare le ruote dentate, e riuscendo così ad analizzarne impietosamente tutte le componenti; ne emerge la prima analisi approfondita sull'argomento (ben prima che Kafka consegnasse alla letteratura i suoi incubi), che sa descrivere in modo delizioso la realtà intrisa di polvere dei lavoratori da ufficio, realtà che l'autore conobbe in prima persona dopo la laurea alla Sorbona e che lo lasciò irritabile e irrimediabilmente depresso.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Bollettino di italianistica. Rivista di critica, storia letteraria, filologia e linguistica (2018)"
Editore: Carocci
Autore:
Pagine: 210
Ean: 9788843094059
Prezzo: € 30.00

Descrizione:"Bollettino" è un titolo modesto, un po' ottocentesco, che si è voluto conservare dalla precedente serie del periodico proprio perché allude alla pazienza non esibizionistica di una ricerca ben documentata e rigorosa. È innanzitutto espressione delle forze intellettuali che si raccolgono nel dipartimento di studi filologici, linguistici e letterari dell'Università di Roma "La Sapienza" e si avvale anche di studiosi stranieri di italianistica, tra cui Zygmunt Baranski, David Forgàcs, Gilles Pécout e Jean Charles Vegliante. L'ampiezza dello spettro cronologico, dalle origini al presente, e da qui al futuro, corrisponde all'ampiezza degli interessi tematici e metodologici: la presenza forte di competenze disciplinari più tradizionali (storia della lingua e della letteratura italiana, filologia italiana ecc.) s'accompagna a una varietà di interessi e metodi, che consente di effettuare scandagli nelle direzioni e alle profondità più diverse, dalla sociologia della letteratura e della cultura alle comunicazioni di massa, alla letteratura comparata e ancora a quelle di genere.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Giardini, forme e design"
Editore: Elliot
Autore: Wolseley Frances Garnet
Pagine: 320
Ean: 9788869937354
Prezzo: € 14.50

Descrizione:Fondatrice di un college femminile in Inghilterra dedicato al giardinaggio, Frances Garnet Wolseley, nonostante le sue origini nobiliari, rifiutò di sposarsi per interesse e si dedicò all'insegnamento, iniziando le sue giovani allieve alle pratiche botaniche più raffinate. In questo libro, grazie anche alle eleganti illustrazioni di Mary G. Campion, Wolseley si fa portavoce del garden design, in cui occupano un ruolo di primo piano la componente artistica e architettonica e in cui sono continui i rimandi alle tradizioni italiana e giapponese. Il giardino come luogo di equilibri, dall'ingresso fino al giardino roccioso, in un manuale ancora oggi prezioso che non trascura il minimo dettaglio.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Discorso sulla natura degli animali"
Editore: Elliot
Autore: Buffon Georges-Louis
Pagine: 96
Ean: 9788869937255
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Il "Discorso sulla natura degli animali", quarto volume della "Storia naturale" di Buffon, apparve nel settembre del 1753, suscitando grande clamore e divenendo all'istante modello imprescindibile dell'arte di pensare e scrivere in modo scientifico. Anche i detrattori dell'autore, gli stessi che nel 1749 erano rimasti scioccati dall'audacia di "Teoria della Terra" e dai paradossi di "Storia dell'uomo", dovettero inchinarsi di fronte a questo genio del discorso scientifico e a quest'opera caposaldo dell'Illuminismo, capace di influenzare le successive generazioni di naturalisti, compresi gli evoluzionisti Jean-Baptiste Lamarck e Charles Darwin.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ettore Bernabei e il giornale del mattino"
Editore: Polistampa
Autore: Bernabei Ettore
Pagine: 368
Ean: 9788859619468
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Testimonianze di Marco Bernabei, Giuseppe Fedi, Sergio Lepri. Il volume presenta una serie di editoriali che Ettore Bernabei scrisse per «Il Mattino dell'Italia Centrale» e poi per «Il Giornale del Mattino» tra il 1951 e il 1956. I 75 interventi riportati permettono di documentare la battaglia ideale e politica che Bernabei condusse dalla prima pagina del suo giornale, la sua politica editoriale ma anche, come scrive Piero Meucci, "le scelte che fecero del Mattino/Giornale del Mattino un esperimento che trasmise idee e soluzioni tecniche anche alla stampa nazionale nel momento in cui stava nascendo il nuovo giornalismo democratico".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Diffido dell'immortalità. Conversazione con Liliana Heker"
Editore: Castelvecchi
Autore: Borges Jorge L., Heker Liliana
Pagine: 50
Ean: 9788832825497
Prezzo: € 12.00

Descrizione:«La parola "morte"? Mi suggerisce... una grande speranza. La speranza di smettere di essere. Sono sicuro, come mio padre, che moriremo corpo e anima. A volte, mi sento un po' sfortunato - capita a tutti noi -; soprattutto a un uomo che è solo, che è cieco, che ha senza dubbio alcuni cari amici, ma non molti, un uomo timido come me; a volte, mi sento triste». Così confessa nel 1980 Jorge Luis Borges, ormai ottantenne, alla scrittrice argentina Liliana Heker durante l'intervista per il libro "Diálogos sobre la vida y la muerte". In queste pagine Borges ci parla con intimità di Dio, del suicidio di Gesù, della bellezza del buddhismo, della vita segreta delle piante e delle vere ragioni della sua avversione per gli specchi; ci confida i suoi ricordi, ci racconta la vecchiaia e la frustrazione che presagiva nel suo sogno di immortalità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Seneca e la paideia ovvero Seneca maestro di vita"
Editore: Simple
Autore: Fagugli Alessio
Pagine: 186
Ean: 9788869244100
Prezzo: € 30.00

Descrizione:Questo libro consiste nella raccolta di oltre quattrocento passi, a carattere spiccatamente etico, selezionati da tutte le opere di Seneca e tradotte dall'autore (testo latino a fronte). Precede una breve biografia (con le opere) di Seneca ed un capitolo su Seneca e lo stoicismo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Libellus de descriptione Hibernie. Natura, meraviglie e magie dell'Irlanda medievale. Ediz. latina e italiana"
Editore: Sismel Edizioni del Galluzzo
Autore: Philip de Slane
Pagine: 222
Ean: 9788884508980
Prezzo: € 38.00

Descrizione:Nel contesto della turbolenta storia d'Irlanda dei primi decenni del XIV secolo, l'arcivescovo di Cork, il domenicano Philip de Slane, viene inviato ad Avignone come legato del re d'Inghilterra Edoardo II, per discutere con papa Giovanni XXII della complessa condizione dell'isola: in seguito al fallimento dello sbarco di Edward Bruce, fratello del re di Scozia, gli Anglonormanni continuavano a spadroneggiare e ad opprimere gli Irlandesi. Philip, membro di una famiglia anglonormanna, reca in dono al pontefice un libro, la "Piccola descrizione dell'Irlanda", una rilettura aggiornata della Topographia Hibernica di Giraldo Cambrense. Sorprendentemente, nel testo che ci è pervenuto, il diritto della corona inglese a dominare l'Irlanda viene fortemente messo in discussione: questo diritto spetta al papa e solo lui può concederlo ad altri, a certe condizioni. E queste condizioni sono state disattese dai re d'Inghilterra... Non sono esattamente le parole che ci si attenderebbe dal legato di Edoardo II. Un mistero letterario medievale, qui per la prima volta pubblicato in edizione critica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "E Sciascia che ne dice? Il catalogo è questo!"
Editore: Olschki
Autore:
Pagine: 108
Ean: 9788822266262
Prezzo: € 19.00

Descrizione:C'è uno scambio (1969-1978) quasi del tutto sconosciuto di un mannello di lettere tra Mino Maccari e Leonardo Sciascia. E poi, le pagine del «Diario» inedito di Maccari, e infine dall'archivio privato di uno degli amici palermitani di Sciascia trapiantati a Milano, salta fuori una scatola con disegni e materiale di cui non si sapeva nulla. Le carte ritrovate aiutano a ripercorrere l'amicizia tra due eretici ed eccentrici narratori del nostro Novecento, che nel contatto hanno prodotto scintille d'intelligenza, di arguzia, di provocazioni.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Viaggi fantasmagorici. L'odeporica delle esposizioni universali (1851-1940)"
Editore: Franco Angeli
Autore:
Pagine: 244
Ean: 9788891780812
Prezzo: € 30.00

Descrizione:Le esposizioni universali hanno agito nelle città in cui transitarono influenzandone lo sviluppo sia in termini materiali che culturali. Su questi eventi si innestarono flussi di viaggiatori che richiedevano una letteratura odeporica specifica ed appropriata a questo nuovo tipo di turismo. Venne così realizzandosi una produzione editoriale strettamente associata al viaggio verso queste cosiddette "fantasmagorie del progresso", allo stesso modo di quanto era accaduto per i viaggiatori coevi del nascente turismo di massa che si avvalevano di guide, cataloghi e tutta una svariatissima letteratura di accompagnamento. Il volume analizza con approccio interdisciplinare sette casi di città in cui, tra la seconda metà dell'Ottocento e la prima metà del Novecento, il transito delle esposizioni universali e internazionali stimola una letteratura odeporica che incrocia le rappresentazioni della città con i nuovi immaginari della modernità: si tratta di Londra, Parigi, Filadelfia, Chicago, Milano, Torino e New York. Scritti di: I.M.P. Barzaghi, D. Baviello, R. Biscioni, S. Fagioli, M.L. Fagnani, L. Maffi, M. Mancini, L. Massidda, A. Pellegrino, M. Viera de Miguel.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ultreya. Cronache di pace e di guerra"
Editore: Clichy
Autore: Naldini Maurizio
Pagine: 285
Ean: 9788867995820
Prezzo: € 18.00

Descrizione:«Ultreya», è l'incoraggiamento che i pastori della Galizia da mille anni rivolgono ai pellegrini del Cammino di Santiago. È un espressione latina e significa «vai oltre», abbi coraggio e fiducia, abbi speranza. Maurizio Naldini, un inviato speciale che per lavoro e incontenibile voglia di sapere ha visitato negli anni Africa ed Estremo Oriente, Mondo Arabo, India, America centrale, paesi dell'ex Jugoslavia, raccontando guerre o più semplicemente vicende quotidiane di realtà e culture profondamente diverse dalle nostre, ne fa il titolo di questo volume che raccoglie gli articoli da lui pubblicati sulla prestigiosa «Nuova Antologia» dal 2011 fino a oggi. Scritti con lo stile inconfondibile del grande reportage, quello un tempo ospitato nella Terza Pagina dei quotidiani, i ventiquattro racconti di questo volume offrono notizie, descrivono situazioni, coinvolgono il lettore in emozioni, riflessioni e idee. E così spaziano dalla descrizione dei luoghi ai personaggi, alla condizione della donna e ai suoi diversi modi di essere e di amare, parlano di soldati e mercenari, di eserciti formati da bambini, della sacralità e del culto dei morti, del senso del denaro, in un mondo che sempre più sostituisce la pace con la guerra. Da Haiti al Venezuela, dal Madagascar a Bali e al Golfo Persico, dai Caraibi al territorio Tamil, Naldini accompagna il lettore nei suoi lunghi viaggi, talvolta aprendo il sipario su vicende che ad oggi non hanno trovato posto nei giornali. Lo fa da giornalista colto, sensibile, da viaggiatore e scrittore autentico che ancora ha la capacità di stupirsi e di indignarsi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Questioni di riscritture. Arte, letteratura e cinema"
Editore: Mimesis
Autore:
Pagine: 227
Ean: 9788857550961
Prezzo: € 20.00

Descrizione:"Nothing is original." La lapidaria affermazione di Jim Jarmush illustra con efficacia il concetto di intertestualità, la trama di relazioni interne ed esterne, volontarie o inconsce, che compone ogni creazione dell'essere umano. Nell'epoca della rete delle reti che tutto e tutti connette, il concetto di intertestualità emerge con forza, svelando con i suoi riflessi prismatici i tessuti vivi e cangianti della testualità contemporanea. Quali limiti e quali possibilità è in grado di offrire un approccio intertestuale oggi? In che modo tale approccio può essere declinato da discipline diverse? Questioni di intertestualità propone una riflessione a partire da queste domande, analizzando la questione da tre prospettive diverse: quella delle visual arts, con un focus sulle "riscritture dello sguardo", quella dei film studies, incentrata sulle "visioni traumatiche nella non-fiction contemporanea", e quella di writing, translation, creativity, orientata verso il concetto di "straniamento come interfaccia critica".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Nuova rivista di letteratura italiana (2018)"
Editore: ETS
Autore:
Pagine: 194
Ean: 9788846754622
Prezzo: € 30.00

Descrizione:Questo fascicolo, curato interamente da Vinicio Pacca, indicizza i contenuti della rivista in occasione del suo ventennale. Vi sono raccolti: gli indici dei fascicoli pubblicati, già reperibili in questo sito e nelle iniziative di spoglio; un indice dei nomi di persona presenti in tutti gli articoli pubblicati; un indice ragionato di tutti i manoscritti e documenti d'archivio, organizzato per città, sede e fondo. L'indice dei fascicoli è scaricabile liberamente. Gli altri documenti sono consultabili insieme acquistando il fascicolo completo in formato PDF.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Viaggio in Etiopia e altri scritti africani"
Editore: Passigli
Autore: Malaparte Curzio
Pagine: 188
Ean: 9788836816637
Prezzo: € 18.50

Descrizione:Inviato in Africa da "Il Corriere della Sera" tra il gennaio e l'aprile del 1939, Curzio Malaparte sbarca a Massaua, visita l'Eritrea e, attraversando il territorio Amara e il Goggiam, arriva ad Addis Abeba. Nel corso di un viaggio lungo circa 6000 chilometri, percorsi in parte a dorso di mulo, partecipa anche alle operazioni militari contro la resistenza anti-italiana, guadagnandosi nella caccia ad Abebè Aregai, il più celebre patriota dell'Etopia centrale, una croce di guerra al valor militare. Nei progetti dello scrittore quel viaggio avrebbe dovuto documentare la creazione in un "paese nero" di un "impero bianco", e celebrare le glorie del regime offrendo a Malaparte una possibilità di riscatto politico dopo gli anni passati al confino. Ma lo scrittore si accorse ben presto che quell'esperienza gli offriva qualcosa di più e di molto diverso: da un lato, la scoperta di un' Africa del tutto inattesa, complessa e affascinante, e dall'altro la testimonianza di una vicenda militare anticipatrice della guerra ormai vicina, ma per gli italiani d'Africa e per lo stesso Malaparte del tutto inattesa.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Herman Melville. Racconto di un tipo strano"
Editore: Mimesis
Autore: Parisi Presicce Paolo
Pagine: 364
Ean: 9788857553580
Prezzo: € 28.00

Descrizione:L'autore del mitico Moby Dick sapeva più di quel che sapeva, e lo diceva in forma di racconto, come imparò affabulando durante i primi viaggi per nave. A volte taceva immobile, perso nella luce di un'estraneità soave e disarmante, altre era preso da un movimento continuo, come quando si lanciava al galoppo nel Berkshire o, come racconta il genero, cambiava continuamente di posto sul traghetto, al limite di una nevrosi gentile. Herman Melville incarnò il proprio tempo (1819-1891) tra viaggi e scenari esotici, svolte del destino, incontri magici, coincidenze, amicizie misteriose - celebre quella con lo scrittore Nathaniel Hawthorne - perdite e distacchi, difficoltà psichiche, audaci e ostinati progetti letterari e ripetuti fallimenti, fino al riconoscimento postumo, che ha segnato la sua definitiva consacrazione tra i classici. Tutto questo viene qui raccontato in una biografia dettagliata, rispettosa delle fonti e del metodo storiografico, ma capace di ripercorrere con sguardo partecipe e qualche libertà interpretativa la vita straordinaria e mutevole di un gigante della letteratura che segnò la via all'epos americano, attraversando con impenetrabile innocenza un secolo zeppo di eventi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Textus. English studies in Italy (2018)"
Editore: Carocci
Autore:
Pagine:
Ean: 9788843092093
Prezzo: € 21.50

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Convivio"
Editore: Mondadori
Autore: Alighieri Dante
Pagine: CXX-717
Ean: 9788804707387
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Nel "Convivio" Dante invita i suoi lettori a un banchetto nel quale cibarsi del miglior nutrimento che ci sia: la sapienza, il cibo degli angeli. Le "difficili vivande", ovvero le complesse materie trattate (dalla metafisica alla politica alla cosmologia), esposte nelle canzoni poetiche rilette allegoricamente, saranno accompagnate dal "pane" che ne facilita l'assimilazione, cioè le spiegazioni. E proprio perché queste siano comprensibili a tutti, Dante sceglie di usare il volgare, affermando ancora una volta la dignità della nuova lingua e dandone esempi di folgorante bellezza. Mentre commenta i propri versi, l'Alighieri reinterpreta insieme la propria vita e la propria produzione letteraria, collocandole in un contesto più ampio, complesso e consapevole, aprendo così la strada all'immensa impresa della "Commedia".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Frammenti di sipario"
Editore: Mimesis
Autore: Mazzocut-Mis Maddalena
Pagine: 113
Ean: 9788857552637
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Tratteggiare il limite tra tragedia, commedia, dramma e melodramma è il filo rosso che collega ogni capitolo di questo volume: da Voltaire, che colora il passaggio dalla tragedia al dramma, a Victor Hugo, che mette in scena una peculiare idea di teatro antimelodrammatico; da Victorien Sardou, che spinge ai vertici il melodramma, alla commedia di Eduardo, fino a Romeo Castellucci, che disegna una forma del tutto rinnovata di tragedia. Un percorso attraverso le evoluzioni del teatro, le sue riforme, le sue poetiche e i suoi protagonisti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Una sola goccia di sangue. Segreti e bugie di una startup nella Silicon Valley"
Editore: Mondadori
Autore: Carreyrou John
Pagine: 362
Ean: 9788804708261
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Quando, all'età di nove o dieci anni, un parente le chiese cosa avrebbe voluto fare da grande, lei rispose prontamente: «Voglio essere una miliardaria». Era sempre stata questa l'ossessione di Elizabeth Holmes, rampolla di una famiglia di impiegati governativi che poteva vantarsi di discendere da uno dei migliori generali di campo dell'esercito di Napoleone e dal medico danese fondatore del Cincinnati General Hospital. Il padre aveva cercato di inculcarle, fin da piccola, l'idea che nella vita, per lasciare un segno, bisogna darsi uno scopo, dedicarsi a un bene superiore, e fu così che coniugò, a modo suo, questo insegnamento con le sue aspirazioni. Dopo aver abbandonato il campus di Stanford al secondo anno di università, nel 2003, all'età di diciannove anni, fondò una piccola startup, la Theranos, per produrre e commercializzare degli analizzatori di sangue portatili che, grazie a una tecnologia estremamente innovativa, con una singola goccia di sangue avrebbero permesso di diagnosticare precocemente numerose malattie, salvando molte vite. Il tutto con costi davvero contenuti. Un'autentica rivoluzione nell'industria medica. L'idea della giovane e carismatica donna, che nella Silicon Valley fu presto additata come «il prossimo Steve Jobs», cominciò ad attrarre numerosi investitori e potenziali acquirenti, trasformando in breve tempo la Theranos in una vera e propria macchina da soldi. Nel 2014 la sua valutazione arrivò a toccare i 9 miliardi di dollari. C'era solo un piccolo problema, e di lì a poco si sarebbe scoperta l'amara verità: la tecnologia della Theranos non funzionava. John Carreyrou, giornalista del «Wall Street Journal» e due volte vincitore del premio Pulitzer, in "Una sola goccia di sangue" guida passo passo il lettore alla scoperta della più grande truffa aziendale degli ultimi anni, che ha bruciato miliardi di dollari e ha messo in pericolo decine di migliaia di vite umane. Con un'inchiesta meticolosa, basata su un centinaio di interviste con tutte le figure chiave coinvolte in questa vicenda, ha scoperchiato il grande vaso di Pandora del «sistema Silicon Valley», della cui mentalità il «caso Theranos» non è altro che l'esempio estremo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Viva l'Italia! Contro l'economia della paura. Perché non siamo il malato d'Europa"
Editore: Chiarelettere
Autore: Bonazzi Francesco
Pagine: 236
Ean: 9788832961065
Prezzo: € 16.00

Descrizione:La paura è uno stato d'animo personale, certo, ma per crearla e alimentarla su larga scala servono gli allarmi. Dietro ogni allarme c'è puntualmente qualcuno che ci guadagna. Ma l'Italia è davvero un paese sull'orlo del fallimento? Numeri alla mano, la situazione è ben diversa da quella che si dipinge. Come dimostra Francesco Bonazzi, in realtà il nostro è un paese molto ricco dove otto famiglie su dieci vivono in abitazioni di proprietà, con un patrimonio immobiliare che vale 3,8 volte il Pil, ovvero 6227 miliardi di euro, e con storie di eccellenza, specie nel settore della chimica industriale e della biochimica, che però fanno meno notizia dei successi degli chef stellati. Come ricorda il Censis, "il mondo è pieno di macchinari italiani, ma per saperlo bisogna andare a guardare l'etichetta". Il vero problema è la disuguaglianza, a cominciare da quella Nord-Sud, ma per ridurla non si fa nulla, con la scusa che l'Europa non ci concede i necessari margini di bilancio. Con oltre 5 milioni di poveri e un 10 per cento sempre più ricco, l'Italia non può continuare a essere uno dei paesi con la maggior ingiustizia sociale del continente. La vera sfida che abbiamo di fronte è innanzitutto sconfiggere questa economia della paura e della colpevolizzazione alla tedesca, fermare la cinesizzazione del lavoro e imparare a pensarci come potenza economica, che può decidere il proprio destino e migliorare le condizioni di vita dei cittadini. Evitando che il sovranismo prenda il posto della sovranità nazionale. Prefazione di Antonio Maria Rinaldi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Come si diventa leghisti. Viaggio in un paese che si credeva rosso e si è svegliato verde"
Editore: UTET
Autore: Allegranti David
Pagine: 221
Ean: 9788851167783
Prezzo: € 15.00

Descrizione:C'era una volta una terra in cui il centrodestra era condannato all'opposizione e il tempo era scandito al ritmo placido delle feste dell'Unità. Nessuno scandalo nazionale o burrasca elettorale sembrava importante, nessuna alternanza era prevista: che il partito si chiamasse Pci o Pds, Ds o Pd, poteva andare sul sicuro perché lì, si sa, "votano tutti a sinistra". Poi un bel giorno tutto è cambiato. Alle elezioni del 2018 la cosiddetta "Toscana Rossa" ha perso nel giro di qualche mese i sindaci di Massa, Siena e Pisa, dove la Lega è cresciuta di quasi 25 punti percentuali in soli cinque anni. Nel 2019 si voterà a Livorno, finora amministrata dai Cinque stelle, e Firenze, banco di prova degli ultimi scampoli di renzismo. Intanto Susanna Ceccardi, giovane e agguerrita sindaca salviniana di Cascina, punta alle regionali del 2020, e c'è chi dice che rischia di vincerle. Partendo da Pisa e allargando lo sguardo alle macerie rosse di tutta la regione, David Allegranti costruisce una rigorosa e documentata analisi di questa sconfitta che è anche un reportage di viaggio nel paese reale, qui dove gli edicolanti vendono più "La Verità" del "Manifesto" e dove le vecchie sedi del Pd vengono dismesse e cedute alla rampante sezione locale della Lega, qui dove gli anziani si rifiutano di affittare agli immigrati, i vecchi sindacalisti Cgil si candidano con la Lega e i parroci si sentono gli ultimi a resistere all'assalto, asserragliati nelle mense della Caritas sotto continuo attacco degli assessori leghisti. Perché il cambiamento non si ferma allo stile comunicativo di Salvini e non è nato dal nulla: è figlio della stanchezza e del senso di abbandono della gente, dei circoli Arci deserti che negli anni hanno perso la comunità che li animava. Solo attraversando questa terra risvegliata da un torpore lungo cinquant'anni si può capire che cosa sta succedendo davvero a questo Paese. Con e-book scaricabile fino al 30 giugno 2019.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le dieci bugie. Buone ragioni per combattere il populismo"
Editore: Mondadori
Autore: Barbano Alessandro
Pagine: 185
Ean: 9788804711285
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Le bugie del populismo, che governa l'Italia e assedia l'Europa, sono in parte le nostre bugie. Perché il populismo è figlio degli errori dei partiti che lo hanno preceduto. E perché i suoi tratti in qualche misura appartengono a tutti, si sono impossessati dei nostri ragionamenti, segnano il carattere della politica e della società. E raccontano in controluce la nuova notte della Repubblica, la più cupa e sinistra della sua storia. Riconoscere questa continuità tra un prima e un dopo è un dovere per chi voglia davvero sfidare il populismo. Da questa consapevolezza, secondo Barbano, si può rifondare un linguaggio della verità e della responsabilità, con cui tornare a parlare ai cittadini, e provare a convincerli senza ingannarli. Chi ritiene che i difetti, le miopie e gli egoismi che hanno condotto alla crisi della nostra democrazia stiano tutti da una sola parte ha già perso la sua battaglia. Così come chi insegue i populisti sul loro terreno non fa che dargli nuova linfa. In un modo e nell'altro si alimentano quelle dieci bugie che Barbano smaschera: luoghi comuni proposti come verità, che toccano questioni cruciali relative al lavoro, al fisco, al reddito di cittadinanza, alle pensioni, fino alla svolta falsamente epocale per cui il nuovo si pretende sempre meglio del vecchio. Strappare il velo della menzogna vuol dire «tenere insieme dubbi e coraggio, tanta capacità di autocritica e altrettanta voglia di ricostruzione», con la forza di un pensiero capace di cavalcare il progresso senza esserne dominato, di riannodare i diritti con i doveri, il senso con la ragione, gli individui con lo Stato. E, più di tutto, di riconoscere nella verità del limite l'essenza della sua stessa libertà.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU