Articoli religiosi

Libri - Psicoanalisi



Titolo: "Psicanalisi scienza aperta allo stupore. L'atto analitico tra invenzione e trasmissione"
Editore: Edizioni ETS
Autore: Berti Simone
Pagine: 123
Ean: 9788846750785
Prezzo: € 13.00

Descrizione:Freud afferma che l'uomo ha barattato un po' di felicità per un po' di sicurezza. All'infelicità quotidiana preferisce la miseria nevrotica che normalmente coltiva nel tentativo di nascondere la propria incompletezza e incoerenza. A che cosa lo portano i tentativi di rendersi meno precario in un contesto sempre più regolarizzato dalla normalizzazione della persona? La psicanalisi pensa la precarietà come uno spazio fecondo che può inaugurare un cambio di passo. Non pretende di agire per la salvezza del soggetto ma per una sua radicale trasformazione. Lo psicanalista è un testimone di ciò che a nostra insaputa parla in noi e per noi, dato che la sofferenza che ci affligge ci dà la possibilità di poter comprendere. Occorre tornare a prendersi cura della domanda, e, lasciando che l'inconscio diventi guida, aprirsi alla meraviglia del ritrovamento di qualcosa che amiamo ma non per conservare o tesaurizzare. La psicanalisi è scienza aperta allo stupore. Prefazione di Christine Dal Bon.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Donne dell'anima. Le pioniere della psicoanalisi"
Editore: Viella
Autore: Mons Isabelle
Pagine: 272
Ean: 9788867286522
Prezzo: € 27.00

Descrizione:La psicoanalisi è stata spesso percepita come qualcosa che riguarda solo gli uomini, anche se, fin dall'inizio, le donne hanno occupato ruoli di primissimo piano nella sua storia. Discepole e/o pazienti, si sono trasformate in professioniste e hanno contribuito, talvolta rischiando la reputazione se non addirittura la vita, a gettare un nuovo sguardo sulle teorie elaborate da Freud a Vienna, da Jung a Zurigo e poi da Lacan a Parigi. In perenne esilio, furono le staffette di una scienza ancora controversa. L'alba del XX secolo vede queste pioniere aprire la strada a una riflessione sull'anima, e ben presto gli psicoanalisti dovranno fare i conti, al di là dell'iniziale scetticismo, con il loro pensiero. Alla fine della grande guerra le troviamo quasi tutte lì, al Congresso dell'Aia, fianco a fianco degli uomini. Mentre in tutta Europa le donne si stanno mobilitando per la causa femminile, queste pioniere gettano nuova luce sull'inconscio, la donna, la sessualità e l'infanzia. I 14 ritratti qui tratteggiati vogliono rendere omaggio a queste personalità uniche, senza le quali le donne di oggi non avrebbero guadagnato il diritto di pensare altrimenti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Identità polifonica al tempo della migrazione"
Editore: Alpes Italia
Autore:
Pagine: 208
Ean: 9788865314555
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Alcuni psicoanalisti e un sociologo riflettono sulla dimensione dello straniero e sull'estraneità. Roussillon analizza Lo straniero di Camus in cui la questione è indagata secondo diverse modalità; Zilkha esplora sfaccettature della oggettivazione dal vertice della vergogna; Grassi riflette sugli 'affetti in transito'; Ambrosini esplora le trasformazioni delle famiglie di migranti; Sommantico considera il "fraterno" nell'ambito dell'adozione internazionale; Biondo elabora la teoria per cui l'adolescente migrante possiede una duplice natura identitaria. Nella parte conclusiva s'indaga la psicoanalisi in Libano, luogo di dialogo tra le comunità, dove non trova resistenza come negli altri paesi arabi: Khoury mostra come la psicoanalisi tragga origini da sorgenti talmudiche, islamiche e cristiane e si sia sviluppata in un contesto con una lunga tradizione di diversità e pluralismo culturale; Khair Badawi constata l'emergere di meccanismi di scissione in grado di attaccare il sentimento di appartenenza collettivo. Infine Rosso approfondisce l'intreccio tra lingua e cultura inquadrando la migrazione all'interno della nostra attuale realtà tecnologica e comunicativa.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' inconscio. Un'analisi concettuale"
Editore: Edizioni ETS
Autore: MacIntyre Alasdair
Pagine:
Ean: 9788846749512
Prezzo: € 15.00

Descrizione:A 60 anni dalla sua prima apparizione, il testo di MacIntyre sull'inconscio rappresenta un piccolo classico del confronto tra filosofia analitica e psicoanalisi. Esso offre una chiara esposizione della dottrina freudiana e una accurata discussione del ruolo svolto in essa dal concetto di inconscio. La trattazione di MacIntyre permette così di cogliere tanto i punti di forza, quanto le ambiguità e i limiti dell'edificio freudiano e, proprio per questo, essa ha contribuito alla crescita di un dibattito sui fondamenti della psicoanalisi che dura tutt'ora. L'edizione del testo che qui si presenta è quella del 2004, accompagnata da una nuova prefazione dell'autore che contiene le riflessioni recenti sulla psicoanalisi di uno dei più significativi filosofi morali di oggi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Quel che Lacan diceva dell'anoressia"
Editore: Mimesis
Autore: Ranieri Natascia, Bedon Carlotta
Pagine: 122
Ean: 9788857541594
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Jacques Lacan non ha mai dedicato all'anoressia un'esposizione sistematica. Nell'arco del suo vastissimo insegnamento, si rintracciano solo poche note, a volte molto brevi, spesso ricche di aporie e cambi di prospettiva. L'anoressia, di volta in volta, è intesa da Lacan come fissazione alla madre, come effetto traumatico dello svezzamento, come abbandono alla morte, come manovra di separazione, come scudo e supporto del desiderio. Questo testo prova a tenere aperte le contraddizioni e a valorizzare la ricchezza clinica e teorica delle vie praticate da Lacan nella sua interrogazione intorno all'anoressia. È questa la bellezza del suo insegnamento: ancora una volta, Lacan si rivela capace di fare emergere la verità nello scarto generato da diverse prospettive sullo stesso oggetto, scardinandola dal luogo di una cristallizzazione monolitica, facendola vivere nel movimento stesso del suo pensiero.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' amore del nome. Psicoanalisi del processo di soggettivazione tra angoscia e nominazione"
Editore: Mimesis
Autore: Lo Monaco Gabriele
Pagine: 78
Ean: 9788857545271
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Il nome proprio porta con sé una sorta di intraducibilità; questo fa la differenza tra un nome proprio e un nome comune. Quest'ultimo, infatti, esprime qualcosa sul contenuto di un oggetto, rendendone possibile l'identificazione, ma non ci dice nulla sulla sua particolarità. Se è vero che il nome proprio è quel punto di ormeggio che veicola la costituzione del soggetto, è vero anche che porta con sé le tracce dell'azione dell'Altro sul soggetto. Nessuno sceglie il proprio nome. Il nostro nome è sempre scelto da un altro, che indica il segno del suo desiderio nei nostri confronti. Dare un nome al soggetto è, nella sua essenza, un atto d'amore. Essere chiamati, essere "nominati", significa avere un determinato posto nel desiderio dell'altro e la dinamica di questo atto spesso orienta la vita di un soggetto e concorre alla costruzione del suo fantasma. Se dunque il nome proprio è scelto da un altro e, al tempo stesso, è connesso al processo di soggettivazione, notiamo come il destino del soggetto non possa prescindere e sia inestricabilmente vincolato alla funzione di oggetto che il soggetto stesso rappresenta per l'Altro. Dal buio del panico alla luce dell'amore, dal grido dell'abbandono alla pace del ritrovare (e del ritrovarsi) la vita che aveva, per troppo tempo, lasciato in sospeso, Alessandra troverà una salvezza, che, nel suo caso, non può che passare attraverso le vie dell'amore del nome. Ecco quali sono alcuni dei compiti fondamentali di un'analisi e i doni che essa può offrire: dare un nome al soggetto, favorire il processo di soggettivazione, promuovere la singolarità dell'esperienza, umanizzare una vita. Prefazione di Anna Zanon.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Aree di confine. Cosa, corpo, parole tra filosofia e psicoanalisi"
Editore: Mimesis
Autore:
Pagine: 167
Ean: 9788857541730
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Da quell'angolo sordido che può diventare il corpo (Bonacchi) il libro esplora il freudiano misterioso salto dalla mente al corpo quando accade di tenere a corpo qualcosa in attesa che possano compiersi mentalizzazioni che rendano mentalizzabile il non mentale, poiché pur dimenticate, queste cose continuano a esistere in un qualche modo arcaico nella nostra mente, a operare, a farsi sentire (Bion). Filosofi, traduttori, psicoanalisti indagano come e cosa avvii la traduzione-trasformazione che consente all'incomprensibile di diventare pensiero, al simbolo metafora e all'inerte cosa psichica. In tale luce il testo esplora l'inquietudine prodotta dall'alterità, quando questa minaccia l'identità soggettiva (Levinas), poiché sia l'inconscio che il nuovo che s'impone con le biotecnologie possono essere vissuti come alterità perturbante per l'identità e come una minaccia per il pensiero. Dal momento che la matrice di corpo, cosa e parola è comune, che accade se le parole non indicano più significati ma sono la cosa che indicano?

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole minori. La psicoanalisi e le nuove generazioni"
Editore: Rosenberg & Sellier
Autore:
Pagine: 240
Ean: 9788878855717
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Sempre più spesso ci imbattiamo in giovani che manifestano nuove forme di disagio. Le classificazioni diagnostiche non mancano, anzi si aggiornano rapidamente e si moltiplicano in modo esponenziale sotto la categoria del "Disturbo di o della...", che implicitamente rinvia alla necessità di trovare modi e mezzi per tacitarlo se non, addirittura, estirparlo. Genitori e Servizi sono spesso impotenti di fronte alle nuove forme del disagio contemporaneo, dove gli ideali che un tempo riuscivano in qualche modo a offrire delle soluzioni collettive o a temperarne l'angoscia hanno perso valore. Così il disagio si manifesta sempre più nella sua urgenza e l'unica soluzione possibile è la richiesta di interventi volti a "normalizzare" il comportamento del minore, interventi che spesso finiscono per acuire il disagio stesso e le modalità in cui ciascuno lo esprime. L'esperienza delle istituzioni che si rifanno alla psicoanalisi di Jacques Lacan rovesciano, invece, la prospettiva comune. Il disagio prima di tutto è una forma di appello, non un disturbo, e il comportamento che lo rivela è la parola, sebbene ridotta al torsolo, spesso mal formulata o espressa tramite agiti. Occorre ascoltarla nella sua declinazione singolare per farsi partner di ciascuno in modo unico, ritessendo relazioni di fiducia e sostenendo le invenzioni singolari che ognuno riesce a mettere in campo per trasformare il disagio in qualcosa d'altro. Quanto testimoniato in questo volume parte dalle esperienze di accoglienza di minori in diverse istituzioni, per introdurre una riflessione sul soggetto contemporaneo e abbozzare un discorso politico critico sulla spinta all'omologazione sempre più presente e offerta come l'unica possibile in una società che continua, invece, a dichiararsi democratica e globalizzata.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La via della psicosintesi. Una guida completa alle origini, ai concetti e alle esperienze della psicosintesi con una biografia di Roberto Assagioli"
Editore: Xenia
Autore: Guggisberg Nocelli Petra
Pagine: 398
Ean: 9788872738191
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Questo libro è un invito rivolto a tutti coloro che desiderano formarsi una visiona ampia ed esauriente dell'evoluzione della Psicosintesi, a partire dai primi scritti redatti da Roberto Assagioli agli inizi del '900, fino ai preziosi contributi dei suoi allievi diretti e di altri psicosintetisti contemporanei. Chi era Roberto Assagioli e in che modo le sue vicende biografiche si sono intrecciate con la formulazione del suo pensiero? Quali importanti contributi ha fornito alla nascita e allo sviluppo delle principali forze della psicologia? Come possiamo definire la Psicosintesi? Che visione dell'uomo e del suo cammino autorealizzativo propone? In cosa consiste il nucleo essenziale del suo insegnamento? Con l'intento di rispondere a queste domande, il lettore viene condotto in un avvincente viaggio alla scoperta delle idee chiave della Psicosintesi: un'accurata ricostruzione della storia di vita e dell'evoluzione del pensiero di Assagioli; la contestualizzazione della Psicosintesi rispetto al comportamentismo, alla psicoanalisi, alla psicologia esistenziale-umanistica, a quella transpersonale e alla psicoenergetica; le definizioni, i diagrammi, le chiavi del processo, le tecniche e i differenti campi applicativi; la trattazione dettagliata delle sette esperienze fondamentali della Psicosintesi, dalle originali enunciazioni alle evoluzioni odierne (l'animo molteplice e le subpersonalità, la disidentificazione, l'io personale e il Sé transpersonale, la volontà, il modello ideale, la sintesi e il supercosciente).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Contro il sacrificio. Al di là del fantasma sacrificale"
Editore: Cortina Raffaello
Autore: Recalcati Massimo
Pagine: 147
Ean: 9788860309686
Prezzo: € 13.00

Descrizione:La passione per il sacrificio è solo umana. Gli uomini non si sono limitati a sacrificare sull'altare animali offerti ai loro dèi, ma hanno sacrificato su quell'altare anche la loro vita. È il caso dell'uomo ipermorale che sacrifica il suo desiderio, o del martire del terrorismo che si immola per una Causa. Un fantasma fondamentale ha attraversato l'Occidente: vivere nel sacrificio per ottenere un rimborso illimitato (da Dio, dalla propria famiglia, dall'Altro). In psicoanalisi questa è la Legge paradossale del Super-io: il sacrificio non è una semplice rinuncia al soddisfacimento ma una forma masochistica del soddisfacimento. È un fantasma che proviene da una interpretazione solo colpevolizzante del cristianesimo. La psicoanalisi, insieme alla parola più profonda di Gesù, si impegna invece a liberare la vita dal peso del sacrificio. Il che comporta un diverso pensiero della Legge: l'uomo non è schiavo della Legge perché la Legge - come sostiene la lezione cristiana - è fatta per l'uomo e non l'uomo per la Legge.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Libertà relazionale. Caratteristiche del campo interpersonale"
Editore: Mimesis
Autore: Stern Donnel B.
Pagine: 278
Ean: 9788857541440
Prezzo: € 28.00

Descrizione:In "Libertà relazionale" si affrontano le proprietà emergenti del campo interpersonale nella clinica psicoanalitica e psicoterapeutica partendo da concetti quali l'esperienza non formulata, la dissociazione e l'enactment. Stern considera analista e paziente insieme, poiché la loro condotta conscia e inconscia costituisce la sostanza del campo. Se infatti la natura del campo determina l'esperienza creata da paziente e analista, la diade terapeutica riconfigura incessantemente il campo. La "libertà relazionale" è la concezione interpersonale del campo formulata da Stern, che l'autore confronta con l'opera dei teorici bioniani del campo. Il ruolo del campo viene tra l'altro esaminato nel trattamento del trauma, nel contesto della tecnica terapeutica, nella valutazione della ricerca quantitativa, dell'utilità del concetto di fantasia inconscia, nel trattamento del paziente difficile. "Libertà relazionale" è una dichiarazione chiara, autorevole e spassionata dello stato attuale della teoria psicoanalitica e della riflessione clinica relazionale, e un'introduzione ad alcune questioni centrali della psicoanalisi contemporanea.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' epoca del disincanto nel mondo islamico. La crisi del mondo islamico alla luce di alcune considerazioni psicoanalitiche"
Editore: Nulla Die
Autore: Ripamonti Orietta
Pagine: 270
Ean: 9788869151224
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Il lavoro, con il contributo della riflessione di alcuni psicoanalisti francesi di origine mediorientale, si propone di affrontare il tema della crisi del mondo musulmano contemporaneo, utilizzando alcuni elementi di lettura psicoanalitica. I fenomeni della radicalizzazione islamista, che possono giungere fino all'adesione a formazioni jihadiste e il diffondersi di tematiche millenariste, vengono ricondotti all'esperienza di un «crollo culturale», che ha la sua origine nell'incontro traumatico che le popolazioni islamiche hanno avuto con la modernità. Il riferimento al trauma è inteso nell'accezione freudiana: di esperienza che fa saltare le barriere difensive e pone l'individuo in balia di «eccitamenti» che non riesce più a padroneggiare. Traslando questo concetto dal piano individuale a quello collettivo, l'autrice formula l'ipotesi che l'incontro con la modernità abbia avuto per il mondo islamico una forza destabilizzante in quanto ha minacciato i presupposti religiosi su cui si regge l'ordine che disciplina l'economia del godimento e che organizza il vivere sociale. Ad arricchire il volume di Orietta Ripamonti, una postfazione di Angelo Villa, psicanalista.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Compendio di tutti gli scritti"
Editore: Bollati Boringhieri
Autore: Freud Sigmund
Pagine: 395
Ean: 9788833923482
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Il "Compendio di tutti gli scritti" è composto da circa seicento brevi estratti che riassumono l'intero corpus dell'edizione italiana delle "Opere" di Sigmund Freud e fornisce un'informazione puntuale ed esauriente, scientificamente affidabile, in modo da consentire al lettore di aggirarsi con sicurezza nel complesso campo della sterminata opera freudiana. «Non un "bigino" del pensiero freudiano - scrive Cesare Musatti - ma una guida, analitica e minuziosa, di quel vasto paesaggio rappresentato dal complesso degli scritti freudiani». Uno strumento per quanti si accostano agli scritti del padre della psicoanalisi con intenti di studio, di approfondimento e di ricerca, ma anche di sola curiosità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Oreste, la faccia nascosta di Edipo? Attualità del matricidio"
Editore: Mimesis
Autore: Gastambide Michèle, Lebrun Jean-Pierre
Pagine: 196
Ean: 9788857538532
Prezzo: € 18.00

Descrizione:In un momento in cui il triangolo edipico non sembra più esaurire le problematiche della contemporaneità, il gesto omicida di Oreste, che uccide la madre Clitennestra per vendicare l'assassinio del padre Agamennone, soddisfa un godimento incestuoso necessario al processo di umanizzazione del soggetto. Il distacco di un figlio dalla propria madre e della madre dal proprio figlio è oggi reso più difficile dal contesto nel quale viviamo. La radicale riconfigurazione del concetto di famiglia ha di fatto superato i riferimenti culturali della tradizione che sostenevano tale distacco. Attraverso l'analisi di casi clinici e di alcune personalità della letteratura (Proust, Artaud, Auster), il libro offre una riflessione articolata utile alla pratica clinica, ma anche a quella quotidiana dei genitori, ai quali resta il compito primario di educare e trasmettere ciò che costituisce la nostra condizione di umani. Prefazione di Massimo Recalcati. Postfazione di Marisa Fiumanò.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Crisi del lavoro, lavoro sulle crisi"
Editore: Franco Angeli
Autore:
Pagine: 140
Ean: 9788891753779
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Il concetto di lavoro, nella sua molteplicità di declinazioni quale attività psichica, relazionale, culturale e sociale, implica quello di trasformazione. In fisica il lavoro misura la variazione di energia cinetica di un corpo, ossia la quantità di energia necessaria per imprimere una trasformazione a un corpo. Nella concettualizzazione freudiana il lavoro, Die Arbeit, occupa un posto centrale assumendo su di sé il significato stesso del funzionamento dell'apparato psichico; per Freud il lavoro compiuto dall'apparato psichico rappresenta la misura dell'attività cui esso è sottoposto in virtù della sua connessione con il corpo. Il lavoro psicoanalitico sulla clinica contemporanea, caratterizzata dalla tendenza a cortocircuitare la realtà psichica, induce la trasformazione della quantità della sensazione corporea nella qualità della rappresentazione psichica. Lo scenario sociale e culturale attuale sembra caratterizzarsi per il venir meno dei garanti metasociali quali impianti di inquadramento e di regolazione della vita di ognuno con una ricaduta sui garanti della vita psichica, fondamentali nella strutturazione delle formazioni mentali. Emerge, così, l'insufficienza dei processi di sublimazione e di simbolizzazione con tutti i suoi drammatici derivati. Tali articolate questioni sono affrontate nel testo dai vari autori tramite visioni e prospettive diverse, tali da creare un confronto dialettico e vivace.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Gli argonauti (2017)"
Editore: Carocci
Autore:
Pagine: 95
Ean: 9788843087242
Prezzo: € 18.00

Descrizione:La rivista "Gli argonauti" si propone come strumento di apertura alla tematica psicoanalitica per persone, gruppi e operatori sociali che hanno interesse culturale e professionale per una riflessione sui problemi umani nella società attuale. Accanto alla discussione di temi teorici, essa offre ai lettori contributi di autori che operano come psicoanalisti in diversi contesti istituzionali.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Breve viaggio nell'inconscio freudiano"
Editore: Guida
Autore: Crispini Ines, Rotella Ivan
Pagine: 160
Ean: 9788868663025
Prezzo: € 14.00

Descrizione:I capitoli che compongono il presente volume rappresentano sei significative incursioni nel variegato arcipelago dell'opera di Freud, all'interno del suo laboratorio speculativo o, per dirla ancora con una metafora, sei passi nel "mistero" della psicoanalisi. Il filo di Arianna che consente ai due autori di penetrare e orientarsi nel problematico territorio del pensiero freudiano è costituito dal ripensamento critico di tre concetti chiave della teoria psicoanalitica: civiltà, coscienza morale e padre, con il precipuo intento di ricostruire, dall'interno degli stessi testi freudiani, il rapporto tra il pensiero di Freud e le sue fonti filosofiche. Centrale è in questa originale rilettura, la controversa questione dell'influenza che la tradizione filosofica avrebbe esercitato nella genesi di alcuni concetti essenziali della psicoanalisi. Di grande interesse è, peraltro, la discussione sulla "dissolvenza" del Super-io nella prospettiva della neuroetica, che lascia comunque aperte le questioni inerenti le deliberazioni etiche e le scelte morali.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Alcuni progressi nello studio del cuore umano. Proust e Freud"
Editore: Medusa Edizioni
Autore: Rivière Jacques
Pagine: 166
Ean: 9788876984037
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Marcel Proust e Jacques Rivière, lo scrittore e il critico, entrambi di esasperata sensibilità, morale ed estetica. Come in ogni coppia che si rispetti non può mancare il terzo: Sigmund Freud. Non solo, il primo scrive il suo fluviale romanzo come se fosse la sua personale resa dei conti con la propria sensibilità di uomo prima ancora che di scrittore; il critico, affascinato dall'enorme e inarrestabile capacità di scandaglio dell'animo umano che il romanziere dispiega nelle sue pagine non può che confrontarlo con lo scopritore dell'inconscio, o meglio, della presa che esercita sulla coscienza. Anche quest'ultimo promette bene quanto a «studio del cuore umano», narrazione compresa (basti pensare alla qualità letteraria dei casi clinici e dell'inaugurale Interpretazione dei sogni). Il tutto giocato sul filo di una probità intellettuale che il cattolico Rivière sa che è messa a dura prova dalla diffidenza di Freud verso la coscienza che si vuole chiara e distinta e che invece ai suoi occhi tale non è; così come dalla proustiana sfiducia nei confronti dei sentimenti. I due grandi spioni della coscienza lo inquietano e Proust, dichiara Rivière, è il «più spaventoso rivelatore su me stesso che potessi incontrare». Pronunciati come discorsi al Vieux-Colombier e a Monaco, tra il 1923 e il 1924, con l'appendice di altri due interventi, questi scritti di Rivière raccolgono una delle riflessioni critiche più acute, e anticipatrici, sul rapporto tra romanzo e verità dell'uomo e della sua coscienza alla luce delle prime formulazioni della psicoanalisi freudiana. È uno sguardo e un'attenzione a cui manca davvero poco per rivolgere il sospetto sugli stessi che lo promuovono. Come interpretare altrimenti la domanda finale di Rivière? «L'opera d'arte deve il suo potere di seduzione ad un certo slancio illusorio del pensiero. Sopravviverà se lo scrittore si proporrà quale compito fondamentale quello di contrastare tali forze e di smascherarle?».

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Percepire, allucinare, immaginare. Il rispecchiamento, il simbolo, il soggetto"
Editore: Franco Angeli
Autore: La Scala Marco
Pagine: 136
Ean: 9788891759894
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Il volume esplora il prendere forma, nell'apparato psichico, dei processi di simbolizzazione e di soggettivazione: processi che originano nell'area del narcisismo e sono qui proposti sia all'interno delle relazioni originarie dell'infans, come narcisismo dei primordi, sia attraverso la clinica psicoanalitica delle patologie narcisistiche. La sfida della psicoanalisi oggi è quella in cui le alterazioni nella mentalizzazione, per il permanere della dimensione dell'attuale e della coazione a ripetere, dominano la scena dell'analisi, come riscontriamo nelle patologie narcisistiche e borderline o nei così detti disturbi di personalità. In questo caso, la parola deve raggiungere le lontane tracce mnestiche che si sono bloccate, tracce relative ad un percettivo non armonizzato con la sessualità infantile e non adeguatamente lavorato dall'allucinatorio. Si tratta di tracce di memoria conosciute, ma non rappresentate, che sono rimaste isolate e condannate a ricercare, attraverso l'identità di percezione e la ripetizione dell'identico, un legame e una raffigurazione a cui non riescono ad avere accesso e dove il principio di piacere, lontano da forme di reale soddisfacimento, non permette un'adeguata protezione dell'apparato psichico. Nell'analisi, il rilancio di elementi della sessualità infantile dell'analizzando, in prossimità con quelli dell'analista, può scomporre e animare la fissità delle tracce e riavviare un processo di ricomposizione traducibile di elementi mai significati tramite un lavoro in doppio, quello che nell'allentarsi della tensione soggetto/oggetto permette una compartecipazione ai limiti della pensabilità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cyrano de Bergerac. Approccio psicoanalitico al personaggio"
Editore: Sovera Editore
Autore: Franchi Fabrizio
Pagine:
Ean: 9788866523864
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Diffuso e apprezzato in tutto il mondo fin dalla sua comparsa, e divenuto in Francia il simbolo della combattività e del riscatto nazionale dopo le umiliazioni militari della seconda metà del XIX secolo, il Cyrano di Bergerac continua ad essere uno dei lavori teatrali più rappresentati al mondo. Nel nostro paese ne esistono diverse traduzioni che pongono il problema di quanto il linguaggio dell'opera possa essere ammodernato. Mentre in Francia è reperibile un'ampia bibliografia sulla commedia eroica di Edmond Rostand, poco o niente è stato scritto in Italia. Eppure l'opera si presta ad analisi letterarie e a studi sull'esuberante personaggio. Il lavoro di Fabrizio Franchi compie un excursus assai sintetico su tutti questi temi, privilegiando alcuni aspetti psicologici della finzione, con l'immaginare cosa possa nascondersi sotto le apparenze di una tale personalità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' io-pelle"
Editore: Cortina Raffaello
Autore: Anzieu Didier
Pagine: XXXIII-270
Ean: 9788860309532
Prezzo: € 26.00

Descrizione:Se la pelle è l'involucro del corpo, allo stesso modo l'Io tende ad avvolgere l'apparato psichico. Da questo punto di vista, le strutture e le funzioni della pelle possono offrire agli psicoanalisti e agli psicologi analogie feconde e guidarli nelle loro riflessioni e nelle loro pratiche. L'io-pelle si presenta come un concetto operativo che definisce il modo in cui l'Io si appoggia sulla pelle e implica un'omologia tra le funzioni dell'Io e quelle del nostro involucro corporale: limitare, contenere, organizzare. L'idea che l'Io, come la pelle, si strutturi in un'interfaccia consente anche di arricchire le nozioni di frontiere, limiti, contenitori, in una prospettiva psicoanalitica. Inoltre, la pregnanza concettuale dell'Io-pelle permette di comprendere meglio una realtà clinica complessa: al di là della relazione tra le malattie dermatologiche e i disturbi psichici, Anzieu dimostra come il sovrainvestimento o la carenza di una funzione dell'Io-pelle servano a spiegare in particolare il masochismo perverso, il nucleo isterico della nevrosi o la distinzione tra personalità narcisistiche e borderline.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La teoria dell'attaccamento. John Bowlby e la sua scuola"
Editore: Cortina Raffaello
Autore: Holmes Jeremy
Pagine: XV-275
Ean: 9788860309549
Prezzo: € 25.00

Descrizione:John Bowlby è uno dei più eminenti teorici della psicologia del ventesimo secolo. Questa nuova edizione del libro di Jeremy Holmes è sia un resoconto della vita e delle idee di Bowlby, sia un'introduzione aggiornata agli studi contemporanei sulla teoria dell'attaccamento, ormai imprescindibile in psicologia, psicoterapia e sviluppo infantile. Holmes ripercorre l'evoluzione del lavoro di Bowlby, a partire dalla sua fecalizzazione iniziale sulla delinquenza e sulla deprivazione materiale e dalla sua insofferenza per l'impermeabilità della psicoanalisi nei confronti della scienza empirica, per arrivare sino all'affermazione della teoria dell'attaccamento come modello psicologico a se stante. Questa nuova edizione documenta l'esplosione dell'interesse per la teoria di Bowlby, con le ricerche e le nuove teorie dei suoi seguaci, che comprendono la scoperta da parte di Mary Main dell'attaccamento disorganizzato e la sua elaborazione àe\Y Adult Attachment Interview, le indagini sull'attaccamento in età adulta di Mikulincer e Shaver, e i contributi fondamentali di Fonagy, Bateman e Target. Vengono presi in esame anche i progressi nel campo della biologia e della neuroscienza dell'attaccamento. Questo libro, scritto in modo molto accessibile ma rigoroso dal punto di vista accademico da una figura autorevole in materia, resta la perfetta introduzione alla teoria dell'attaccamento per chi si interessi di psicologia, psichiatria, lavoro nel sociale e di cura.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Adolescenze. Itinerari psicoanalitici"
Editore: Magi Edizioni
Autore:
Pagine: 549
Ean: 9788874873807
Prezzo: € 40.00

Descrizione:"Adolescenze. Itinerari psicoanalitici" è un viaggio nella clinica destinato a quanti abbiano o stiano conseguendo una formazione psicoanalitica. Il libro nasce dalla convinzione che l'adolescenza sia un terreno particolarmente adatto per sperimentare la complessità dell'incontro clinico nelle sue tante sfaccettature e nei suoi diversi approcci tecnici. È un'opera completa e sistematica che affronta le principali aree psicopatologiche (gli stati depressivi, psicotici e borderline, i disturbi del comportamento alimentare, il disturbo post-traumatico, la somatizzazione...), ma anche il tema degli agiti, dei comportamenti auto ed etero-aggressivi e le sofferenze non inquadrabili nelle comuni categorie psichiatriche come, per esempio, gli aspetti psicologici delle malattie e degli incidenti. Data la peculiarità dell'adolescenza, i temi clinici «classici» assumono valenze originali e meritano una specifica trattazione: l'approccio clinico e la valutazione diagnostica, la costruzione di setting adeguati ai diversi contesti dell'incontro (scuola, spazi intermedi, casa famiglia, Pronto soccorso) e l'integrazione della psicoterapia psicoanalitica con altri interventi (la «terapia senza paziente», il compagno adulto, i laboratori) sono tematiche che trovano nel libro un rilievo particolare. La trattazione dei diversi argomenti prevede chiari e aggiornati inquadramenti teorici e numerose esemplificazioni cliniche di incontri psicoterapeutici con pazienti adolescenti. La coerenza della trattazione è garantita dal fatto che gli autori, psicoanalisti concretamente impegnati nel lavoro con gli adolescenti, condividono da decenni quello stile teorico-clinico fondato sul rigore e sulla chiarezza che, sotto la guida di Arnaldo Novellette ha negli anni caratterizzato l'Associazione Romana per la Psicoterapia dell'Adolescenza (ARPAd).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Logica della vita quotidiana. Il soggetto tra ripetizione, identificazione e sintomo"
Editore: Quodlibet
Autore: Razzanelli Leonarda
Pagine:
Ean: 9788874627844
Prezzo: € 20.00

Descrizione:Possiamo dire che la psicoanalisi è una logica della soggettività? Ma quale soggettività? Non certo quella della filosofia, di cartesiana memoria, rispetto a cui tuttavia si colloca. In psicoanalisi si tratta di un soggetto «sovvertito» da un desiderio che implica il corpo nel pensiero e il pensiero nel corpo. E il termine «logica» non è da intendere in senso classico, come la scienza che studia le leggi del pensiero, bensì come la definisce Lacan: «scienza del reale». L'intento è quello di tornare alle origini della sovversione freudiana, che introducendo nel mondo l'idea che l'io non è padrone in casa propria, ha scoperchiato il vaso di Pandora della psiche umana.il testo verte su tre concetti: il soggetto, la ripetizione e il sintomo. Il concetto di soggetto ha le sue radici nel discorso filosofico e scientifico che ha preceduto la stessa nascita della psicoanalisi e ne ha permesso il concepimento. La ripetizione è il presentarsi del soggetto dell'inconscio tout court, che, nel mancare l'incontro con il reale, ha l'esigenza di identificarsi ad un significante o ad un'immagine che viene dall'Altro. In ultimo, la nozione di sintomo, che alla fine del suo insegnamento Lacan denominerà "sinthomo", implica non solo la presenza di un soggetto che «sceglie» ma anche l'insistere di qualcosa che «torna sempre allo stesso posto». Prefazione di Antonio Di Ciaccia.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rêverie e trasformazioni tra madre e bambino. Esperienze di osservazione in famiglia e in ambiente ospedaliero e riabilitativo"
Editore: Franco Angeli
Autore: Schiappadori Isabella, Perobelli Sandra, Rebecca Lucilla
Pagine: 200
Ean: 9788891759924
Prezzo: € 27.00

Descrizione:L'osservazione in ambito psicoanalitico, oggetto di attenzione degli ultimi decenni, presenta una grande ricchezza di implicazioni conoscitive e cliniche. Da qui lo studio oggetto del volume, riferito al metodo dell'osservazione partecipe, enunciato ed elaborato da Bick, che intende valorizzare l'esperienza emotiva propria e altrui come condizione originaria per le trasformazioni del pensiero. Il "congetturare", nel senso dell'erraten freudiano, introduce modalità riflessive che propongono composizione e inclusione. La ricchezza del materiale clinico-osservativo offre un percorso formativo per il lettore interessato alle trasformazioni del vissuto individuale e della pratica di lavoro che, soprattutto in ambito istituzionale, ha comportato modificazioni concordate del setting. L'esperienza dell'attesa e dell'idealizzazione, le problematiche della separazione e dell'individuazione, il dolore connesso con il crescere, presenti anche nello sviluppo "normale", sono temi fondamentali che emergono dai contesti di vita e/o di cura e dalle relazioni che li animano. E quando la sofferenza e la malattia contengono la minaccia delle cronicità e del blocco evolutivo, l'elaborazione dei vissuti è assunta dagli osservatori e dai curanti come un compito esistenziale, oltre che sanitario, per favorire trasformazioni positive nelle "relazioni che curano".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU