Articoli religiosi

Libri - Psicoanalisi



Titolo: "I cicli della vita. Continuità e mutamenti"
Editore: Armando Editore
Autore: Erikson Erik H., Erikson Joan M.
Pagine: 156
Ean: 9788869924552
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Pubblicato come revisione della teoria psico-sociale di Erik H. Erikson, "I cicli della vita" illustra il contesto storico e autobiografico in cui sono stati elaborati gli ormai celebri concetti di crisi d'identità, interdipendenza tra storia sociale e storia personale, ciclo della vita e, soprattutto, la convinzione che la maturità non rappresenti la fine della crescita psicologica. L'autore, però, durante una vita di notevoli successi, non è riuscito a coprire il nono stadio: quello che segue l'età senile; era necessario considerare anche questo periodo della vita. Ci guida con maestria attraverso le sfide di questa età Joan Erikson, allargando l'orizzonte eriksoniano sulle fasi principali dello sviluppo umano. Nel parlare del nono stadio, infatti, getta una luce nuova sulle sfide degli anziani davanti alle inevitabili conseguenze del tempo, sottolinea il ruolo decisivo che la speranza e la fiducia svolgono nella vita degli anziani e ridiscute con sensibilità il concetto stesso di saggezza.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' ombra dell'oggetto. Psicoanalisi del conosciuto non pensato"
Editore: Cortina Raffaello
Autore: Bollas Christopher
Pagine: XXI-253
Ean: 9788832850499
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Considerato un classico della letteratura psicoanalitica, il libro prende in esame il modo in cui il soggetto umano registra le proprie esperienze iniziali dell'oggetto. È questa l'ombra dell'oggetto che ricade sull'Io lasciando tracce della sua esistenza nell'adulto. L'oggetto può gettare la sua ombra senza che il bambino sia in grado di elaborare questo rapporto con rappresentazioni mentali o con il linguaggio, come avviene per esempio quando un genitore usa il bambino per contenere le identificazioni proiettive. Anche se sappiamo qualcosa del carattere dell'oggetto che ci influenza, possiamo non averlo ancora pensato. Il lavoro della psicoanalisi clinica, in particolare quello sui rapporti oggettuali nel transfert e nel controtransfert, sarà in parte centrato sull'emergere nel pensiero dei più antichi ricordi dell'essere e del mettersi in rapporto. Questa caratteristica della psicoanalisi, del rivivere con il linguaggio ciò che è conosciuto ma non ancora pensato, è l'argomento del libro.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Enactment. Parola e azione in psicoanalisi"
Editore: Franco Angeli
Autore:
Pagine: 192
Ean: 9788891779755
Prezzo: € 26.00

Descrizione:La psicoanalisi può essere ancora definita un trattamento dove la dimensione dell'azione è assente? Sono ancora valide le parole di Freud secondo cui "nel trattamento analitico non si procede a nient'altro che a uno scambio di parole tra l'analizzato e il medico"? In questi ultimi decenni, affermare che paziente e analista interagiscono è diventata una constatazione condivisa e ha contribuito all'interesse per un fenomeno clinico denominato "enactment". Questo termine descrive quei momenti in cui l'analista si accorge di venire inconsciamente indotto ad "agire" da sollecitazioni transferali o identificatorie del paziente. Allargare l'orizzonte teorico del "dialogo agito" permette di affrontare la questione di come le diverse forme dell'inconscio vengono rappresentate nella stanza di analisi. Sostiene Stefano Bolognini nella sua presentazione del volume: "L'idea che l'area teorico-clinica dell'enactment costituisca la "quarta via regia" alla comprensione dell'inconscio, dopo il sogno, il transfert e il controtransfert, è ormai complessivamente accettata dalla maggioranza degli psicoanalisti in tutta la comunità internazionale". Entro questo quadro, la riflessione sul concetto di enactment e sull'agito in psicoanalisi porta con sé il valore della libertà di pensare: senza dimenticare il passato, ma senza precludersi l'apertura al futuro, al nuovo, al non ancora conosciuto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Soffrire la follia. Saggi psicoanalitici sulla psicosi"
Editore: Ananke
Autore: Hinshelwood Robert D.
Pagine: 208
Ean: 9788898986682
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Quando la follia diventa intollerabile per chi ne soffre, cosa possono fare i curanti per restare sani? Le istituzioni psichiatriche sono sempre state luoghi di paura e soggezione. La follia ha un impatto sulla famiglia, gli amici e i parenti, ma anche su coloro che offrono aiuto in un ambiente di cura, che si tratti delle grandi istituzioni del passato, e dei servizi diffusi nel territorio ai nostri giorni. Soffrire la follia si articola in tre saggi: sullo stress patito dal personale nei servizi psichiatrici; un tentativo di revisione sistematica dell'essenza della psicosi e dell'esperienza psicotica intollerabile con la quale il curante si deve confrontare nella quotidianità del proprio lavoro; sull'impatto della psicosi sui servizi psichiatrici, contesti che spesso si caratterizzano in modo tale da comportare un danno molto serio per l'offerta di cura. L'autore propone solide argomentazioni a sostegno della tesi secondo cui la cura nei servizi psichiatrici può essere concepita come un sistema complesso che vede coinvolti sia i curanti sia i pazienti; è necessario prestare attenzione a tutti gli aspetti per poter offrire cure che si rivelino il più possibile umane.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Per una psicoanalisi esistenziale. L'esperienza della posizione depressiva dell'analista"
Editore: Mimesis
Autore: Cooper Steven H.
Pagine: 234
Ean: 9788857549002
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Quale esperienza vive uno psicoanalista nel corso della terapia di cura di un paziente affetto da depressione? Invertendo la prospettiva, Steven H. Cooper analizza in questo saggio una tematica abitualmente applicata ai soggetti in cura, ma che non prevede quasi mai l'osservazione di chi dovrebbe guidare il percorso di guarigione. Il piacere di aiutare e la frustrazione di fallire, la soddisfazione di un miglioramento e la delusione di una regressione diventano parte essenziale del lavoro clinico e dell'opera di continuo riposizionamento da parte dell'analista. Una questione complessa, a tratti provocatoria, che interessa il lavoro di psicoanalisti e psicoterapeuti, così come di studenti e di insegnanti di psicoanalisi e psicoterapia psicodinamica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Weaning. Lo svezzamento come conflitto"
Editore: Mimesis
Autore: Klein Melanie
Pagine: 78
Ean: 9788857550824
Prezzo: € 6.00

Descrizione:Il testo sullo svezzamento che qui viene presentato fu esposto da Melanie Klein nell'ambito di una serie di lezioni aperte al pubblico alla Caxton Hall di Londra nel febbraio del 1936. Scritto un anno dopo "A Contribution to the psychogenesis of manic-depressive states", in cui Klein precisa dal punto di vista teorico e clinico la "posizione depressiva", il saggio sullo svezzamento ha per oggetto quelle che si potrebbero descrivere come delle strategie di contenimento delle angosce depressive del bambino, dettate dalla sensazione di aver perso per sempre l'oggetto amato interiorizzato e dal senso di colpa per averlo fantasticamente distrutto assimilandolo. Strategie difensive la cui funzionalità, tuttavia, deve essere costantemente affiancata dalla consapevolezza che, come la Klein avverte, "le frustrazioni giungono fino a un punto impossibile da evitare e le angosce fondamentali che ho descritto non possono essere in ogni caso completamente sradicate". Postfazione di Adriano Voltolin.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Psicoanalisi e psichiatria. Storia ed epistemologia"
Editore: Mimesis
Autore: Civita Alfredo
Pagine: 636
Ean: 9788857548777
Prezzo: € 38.00

Descrizione:Che cos'è la psicoanalisi? Qual è stata la sua evoluzione storica? Come è stato interpretato dai più grandi psicoanalisti il problema della natura umana e della genesi della capacità d'amare? Quanto è scientificamente attendibile la psicoanalisi? Che rapporto c'è tra psicoanalisi e psichiatria e tra psichiatria e filosofia? Che cosa significa studiare la mente? Che ruolo hanno avuto l'immaginazione, la magia e la religione nella storia della psichiatria? Come è possibile conoscere e curare una malattia mentale? Sono queste, in particolare, alcune delle tante domande a cui questo volume cerca di dare risposta. Si tratta di questioni essenziali che hanno rappresentato i principali oggetti della lunga attività di ricerca di Alfredo Civita: da una parte, il problema della natura umana, considerato soprattutto in una prospettiva psicoanalitica; dall'altra, la ricerca storico-epistemologica sui fondamenti delle scienze psicologiche, viste anche nel loro imprescindibile risvolto clinico. Lungi dall'esaurirsi in una rigida contrapposizione tematica, le due sezioni che compongono il volume - Psicoanalisi e natura umana: teorie e modelli e Psicoanalisi e psichiatria: aspetti storico-epistemologici - divengono in Civita l'occasione di un dialogo aperto e rigoroso, che chiama in causa a un tempo la filosofia, la psicoanalisi e la grande tradizione medico-psichiatrica occidentale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' ascolto del paziente"
Editore: La Meridiana
Autore: Paola Scalari
Pagine: 188
Ean: 9788861536548
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Il fascino della psicoterapia ad orientamento analitico riguarda il viaggio che la mente compie, di seduta in seduta, in territori psichici vergini. Un itinerario che diventa avvincente quando, passo dopo passo, si aprono panorami mentali inediti, luoghi preconsci affascinanti, aree emotive sconosciute. L'analisi dunque è il viaggio e non la meta. Un viaggio in cui il paziente deve però avvertire che questa esplorazione non la fa da solo, ma con l'analista che, immergendosi con lui nel viaggio più sorprendente che nella vita si possa fare, è desideroso di mostrargli quel che lui non scorge. Il testo, nato dall'esperienza diretta dell'Autrice, spiega come si possa ascoltare un paziente mettendosi in gioco con molta teoria e pratica alle spalle, ma liberi di adoperare la propria mente così come essa, se ascoltata, sa suggerirci, sollecitarci e comunicarci. L'autenticità alla base di ogni buona relazione, quindi, anche di quella professionale tra uno psicoterapeuta e un paziente. È di questa identità personale che il libro tratta e di come usarla, affinarla e arricchirla attraverso il sapere tecnico e metodologico che conduce ad occuparsi della sofferenza psichica altrui. Chi cura si cura lavorando e chi è in cura è sia il paziente qualsiasi sia lo psicoanalista che mantiene in esercizio la sua mente prima facendosi analizzare e poi auto-analizzandosi. Il testo è arricchito di piccoli incisi clinici, brevi storie di uomini e di donne, di ragazzi e ragazze con cui l'Autrice ha trascorso ore ed ore, alle volte per anni ed anni, in quel rituale appuntamento che ha permesso, seduta dopo seduta, di scoprirne la realtà interna. È così che si sono intrecciati l'essere ascoltata, l'ascoltarsi e l'ascoltare portando verso quell'ascoltandoci che conclude il libro e che rappresenta la conquista inalienabile di chi pratica la professione di psicoterapeuta. Ascoltare, riflettere, rielaborare, sognare, cercare e ricercare, per trovare il proprio modo di operare, divengono dunque il filo conduttore di tutto il testo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Psicoanalisi e formazione. Cambiamenti e prospettive del training psicoanalitico"
Editore: Franco Angeli
Autore: Kernberg Otto F.
Pagine: 264
Ean: 9788891771599
Prezzo: € 34.00

Descrizione:La formazione di uno psicoanalista è lunga, articolata e impegnativa. Non consiste, infatti, solo nella propria analisi personale, con un analista esperto, ma anche nella partecipazione ad un training, che si svolge negli istituti psicoanalitici di formazione, durante il quale partecipa ai seminari curriculari e viene supervisionato nella sua attività clinica con i pazienti. Questo lungo processo, spesso sconosciuto al grande pubblico, impegna e coinvolge molto le stesse istituzioni psicoanalitiche. La trasmissione della psicoanalisi è uno dei cardini più importanti di tutte le società psicoanalitiche e comporta un intenso lavoro di riflessione e ricerca nel campo. In "Psicoanalisi e formazione" Otto Kernberg non solo analizza le modalità attraverso le quali i fenomeni di gruppo, la struttura gerarchica degli istituti di training, l'influenza delle personalità individuali, la carenza di un'attività di ricerca e le falle nella supervisione possono paralizzare la creatività dei candidati e ostacolarne la crescita, ma offre anche indicazioni su come affrontare questi problemi e su come guardare al futuro della formazione in psicoanalisi. La prima parte del volume, dunque, mette a fuoco i problemi che si riscontrano nel percorso di training mentre la seconda parte si occupa delle possibili soluzioni, offrendo suggerimenti di fondamentale importanza. "Psicoanalisi e formazione" è un contributo utile per tutti coloro che, come psicoanalisti, psicoterapeuti, docenti, candidati e supervisori, sono coinvolti a questo livello.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I tabù del mondo"
Editore: Einaudi
Autore: Recalcati Massimo
Pagine: 175
Ean: 9788806238964
Prezzo: € 11.00

Descrizione:Il nostro tempo sembra aver dissolto ogni confine, compresi quelli stabiliti dai tabù. Non esiste più un limite che non sia possibile valicare. La trasgressione è divenuta un obbligo che non implica alcun sentimento di violazione. Ma i tabù devono semplicemente essere smantellati dalla nuova ragione libertina che caratterizza il nostro tempo oppure conviene provare a ripensarli criticamente senza nutrire alcuna nostalgia per il passato? Ci sono parole chiave come preghiera, lavoro, desiderio, colpa, eutanasia, famiglia, che sono state in modi diversi associate ai tabù e che esigono oggi di essere riattraversate criticamente. Vi sono anche figure mitologiche, storiche o letterarie che sono divenute crocevia essenziali della nostra storia individuale e collettiva e che ci spingono a incontrare in modo nuovo lo spigolo duro del tabù: Ulisse, Antigone, Edipo, Medea, Amleto, Isacco, Don Giovanni, Caino. Dal riferimento a grandi autori dell'Occidente - da Platone a Hegel, da Dostoevskij a Sartre, da Freud a Lacan, da Marx a Calvino, da Molière a Beckett - cosi come nelle miserie della nostra vita quotidiana, Recalcati rintraccia la sparizione del tabù e l'apparizione delle sue nuove maschere.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sigmund Freud. La passione dell'ingovernabile"
Editore: Feltrinelli
Autore: Lippi Silvia
Pagine: 165
Ean: 9788807227110
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il genio di Freud è largamente riconosciuto non solo nel campo della psicoanalisi. Le sue teorie hanno rivoluzionato in modo definitivo il pensiero occidentale. Ma quello che colpisce nella sua opera è l'anticonformismo, che si traduce in un'audacia teorica mai provocatoria e sempre razionale. Freud scopre l'Edipo scrivendo sul sogno poco dopo la morte di suo padre. Afferma che la sessualità determina la vita umana. E colloca all'origine della vita sessuale un desiderio ingovernabile che chiama "pulsione". Malgrado la cattiva reputazione di cui egli gode all'interno del movimento femminista e fra i sostenitori delle 'gender theories, Freud ha sempre considerato tutte le forme della sessualità, a cominciare da quella del bambino, come possibili e assolutamente accettabili. Questa sua rigorosa laicità è stata ed è ancora oggi rivoluzionaria». Se Freud ha ispirato molte delle grandi menti del ventesimo secolo, come Claude Lévi-Strauss, Gilles Deleuze e Jacques Lacan, Silvia Lippi procede in senso inverso, rileggendo i concetti della psicoanalisi alla luce delle loro teorie, al fine di mostrare, ancora una volta, l'audacia e la piena attualità del progetto freudiano. Edipo, pulsione, rimozione, angoscia, trauma, sintomo: ecco le nozioni che fondano la teoria dell'inconscio di Freud, dove la determinazione sessuale si intreccia con il fenomeno del linguaggio. È appunto questa relazione enigmatica a esplodere in ogni esperienza umana e in ogni sintomo, e di conseguenza a costituire il cuore di ogni cura psicoanalitica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Familiar-mente. Legami e prospettive che non ti aspetti"
Editore: Armando Editore
Autore: Irtelli Floriana, Vincenti Enrico
Pagine: 190
Ean: 9788869924200
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Gli autori propongono un nuovo modo di analizzare le relazioni familiari contemporanee, accostando un'ampia panoramica storica su teorie psicoanalitiche in merito alla famiglia e all'esplorazione di diverse ricerche scientifiche contemporanee, le quali: l'aumento del tasso di divorzi, la diffusione delle stepfamilies e l'uso dei social network. In virtù dei numerosi cambiamenti sociali in atto, la psicoanalisi si è interessata sempre più agli scenari iper-moderni che abbracciano soggetti, famiglie e società. Attraverso un singolare viaggio tra evoluzioni teoriche, ricerche scientifiche e pratica clinica, emerge l'importanza di approfondire il tema della famiglia poiché essa si rivela come entità sempre più complessa, sfaccettata e paradossalmente omogenea, sfumata, rinegoziabile, liquida e affettiva. Partendo da questi presupposti, nel libro viene esplorato lo "spirito del tempo" dell'epoca di Facebook confrontato con il tramonto della tradizione: la coppia, molto spesso, non è più retta dai dettami religiosi o sociali di un tempo e l'aumento delle nascite fuori dal vincolo matrimoniale ha portato a una (ri)definizione del matrimonio stesso. In questo ricco excursus si cerca anche la risposta ad alcuni interrogativi, tra i quali: come è possibile che i mezzi di comunicazione creati per facilitare la comunicazione interpersonale rappresentano, non di rado, un'arma a doppio taglio? Il tradimento è forse un segnale che invita a fare i conti con una necessaria ristrutturazione e rielaborazione della relazione? Si esplora dunque il ruolo della psicoanalisi anche in questo processo soffermandosi su vari esempi clinici e aprendo uno sguardo nuovo sulla crisi familiare, divorzio e genitorialità. Prefazione di Giulia Cavalli e prologo di Emanuela Saita.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Attualità lacaniana. Rivista della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi"
Editore: Rosenberg & Sellier
Autore:
Pagine: 186
Ean: 9788878856394
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Nel numero precedente, dedicato alla lettura delle impasse della civiltà e alle attuali forme di legame, diversi autori si sono soffermati sull'odio che J. Lacan individua come una delle tre "passioni dell'essere", insieme all'ignoranza e all'amore, e che si differenzia e distingue dagli affetti, dalle emozioni, come A. Turolla chiarisce nel suo articolo. L'odio, l'amore e l'ignoranza sono le passioni alle quali il soggetto... si appassiona con tutto il suo essere. Ma il termine passione ha anche il senso di patire di, essere mossi da passioni che hanno origini pulsionali e che sono anch'essi, come gli affetti, modi di godere. In particolare l'articolo di P. Lacadée ne analizza la matrice pulsionale e ne mostra l'impatto nel tempo dell'adolescenza. É. Laurent, in "Passioni religiose del parlessere", estende l'analisi delle passioni anche a livello politico: «Un corpo è il luogo che sperimenta affetti e passioni, tanto il corpo politico quanto il corpo individuale. Delle passioni politiche nuove sorgono come eventi di corpi politici nuovi, poi si trasformano» e mostra fino a che punto può spingersi un soggetto che si fa oggetto dei significanti che predominano nel discorso proprio dell'epoca. Affetti e passioni sono manifestazioni dei modi con cui il linguaggio colpisce il corpo, sono effetti del significante e tra gli affetti l'angoscia è il più potente, l'unico che non mente, afferma Lacan. G. Grisolia lo prende in esame a partire dalla relazione madre-bambino e nella sua relazione con il desiderio. «Per esistere, l'essere umano necessita che le parole, il dire, gli plasmino un corpo, un corpo che diciamo "nostro" ma è del linguaggio», scrive G. Di Giovanni, e nel suo articolo ne mostra l'incidenza nella dimensione clinica, nella struttura del soggetto. Un corpo che oggi è diventato un oggetto di passione, come rileva C. Leguil, il principale oggetto di preoccupazione del soggetto contemporaneo, con effetti che influenzano i modi di vivere la sessualità. A. Barbui interroga la questione dell'amore sui due versanti, uomo e donna: «l'amore funge da limite e quando viene a mancare c'è una sofferenza senza limiti e chi si pone in una posizione femminile viene invaso da una passione sfrenata che prende le forme della devastazione». R. Cavasola si occupa di quel godimento al di là del fallo detto "femminile" nel suo piacevole scritto sulla passione di alcune donne...per i gatti. Il testo di E. Cece analizza le "Passioni criminali" mettendo in luce gli apporti fondamentali di J. Lacan alla psichiatria e alla psicoanalisi grazie alle sorprendenti chiavi di lettura sui "passaggi all'atto" e i "delitti immotivati". "Diagnosticami!" Anche questa una passione attuale, come dice M. Bolgiani, così come attuale è la passione di farsi vittima di cui si occupa G. Lo Castro. Un'analisi può chiarire quale sia, per ogni soggetto, la passione che lo muove e il passaggio da un "senza saperlo" a un "saperlo dire" consente di farne uso, di decidere che cosa farne. L'entusiasmo di fine analisi ha a che fare con questo, con il cambiamento di segno di una passione che si fa vitale e può tradursi in entusiasmo. Un entusiasmo in questo caso per la psicoanalisi che ognuno declina a suo modo e i tre testi della rubrica "Passe e fine analisi" lo illustrano. Oltre alla parte monografica, questo numero ospita un saggio di Sergio Sabbatini con cui seguitiamo a interrogare la contemporaneità e i suoi sintomi e che ci consente di situare le origini del concetto di desiderio in Freud e Lacan. Il numero si conclude con quattro interviste dedicate principalmente alle psicosi ordinarie, tema dell'XI Congresso dell'Associazione Mondiale di Psicoanalisi di Barcellona e con un articolo della grecista R. Ioli, "Le passioni tragiche nel mondo antico", in cui con piacere ritroviamo Gorgia e le passioni come effetto della potenza della parola poetica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La spinta trasformativa. Riflessioni sulla tecnica psicanalitica"
Editore: Mimesis
Autore: Tognassi Fabio
Pagine: 169
Ean: 9788857551258
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Il testo prende le mosse dall'esperienza pratica della psicoterapia orientata dalla teoria di Freud e di Lacan e contiene riflessioni teorico-cliniche in merito al cambiamento psichico innescato dal lavoro psicoanalitico. Prefazione di Angelo Villa.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un pozzo nel deserto. Una lettura del Piccolo Principe alla luce della psicoanalisi"
Editore: Magi Edizioni
Autore: Vanzo Brian
Pagine: 145
Ean: 9788874873937
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Il libro nasce da una scoperta strabiliante: confrontando "Il Piccolo Principe", libro di A. de Saint-Exupéry, con le intuizioni tecniche e metapsicologiche di S. Ferenczi, l'autore raggiunge un'interessante conferma sia del valore terapeutico della narrazione sia delle teorie della psicoanalisi riguardo al trauma. Il personaggio del Piccolo Principe può essere pensato, infatti, come un sogno ad occhi aperti che riassume il percorso evolutivo dell'Aviatore e lo protegge in un momento di fortissimo stress psicologico. Una lettura nuova, accattivante, supportata da una ricerca solida e ben documentata, che dimostra come la via della maturità psicologica sia un ritorno sui propri passi per riacquistare lo stupore dei bambini sulla vita e sulle situazioni della vita, anche le più disperate. Senza mai dimenticare la poesia come luogo privilegiato per raggiungere le vette della nostra interiorità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Autoritratto in un interno viennese. Sigmund Freud si racconta"
Editore: Mimesis
Autore: Vitale Sergio
Pagine: 143
Ean: 9788857548876
Prezzo: € 14.00

Descrizione:La casa è il luogo che, più di ogni altro, reca le tracce del passaggio di un'esistenza, dove le cose si scoprono in potere di rivelare, a chi sappia interrogarle, quanto altrimenti resterebbe taciuto per sempre. È quanto accade a Freud nel corso di una lettera indirizzata a Edmund Engelman, per ringraziarlo del dono di un album di fotografie che ritraevano la propria abitazione viennese, al n. 19 della Berggasse, pochi giorni prima di lasciare l'Austria per sfuggire alla persecuzione nazista. Nell'esplorare l'inconscio che si nasconde in quelle immagini di ambienti pur così familiari, Freud si lascia andare ad un lungo racconto, di cui egli rimane il vero destinatario, che costituirà il tentativo di decifrare, per l'ultima volta, il senso della propria opera e del proprio destino.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Wilhelm Reich. Dall'energia vitale alla spiritualità naturale"
Editore: Anima
Autore: Sassone Roberto Maria
Pagine: 106
Ean: 9788863654554
Prezzo: € 10.00

Descrizione:"Questo saggio è il mio atto d'amore nei confronti di Wilhelm Reich, lo psichiatra allievo di Freud che ha "portato" il corpo nel setting analitico e che è stato dovunque perseguitato e calunniato, come spesso accade a quei geni che sono troppo avanti per il loro tempo. Mi propongo di chiarire gli equivoci e le distorsioni del suo pensiero che sono state perpetrate a suo danno, documentando le mie affermazioni con accurate citazioni. Le sue scoperte sulla sessualità e sull'energia orgonica ed il suo pensiero sociopolitico sono stati rivoluzionari ed è proprio su questi argomenti che è stato più attaccato e mal interpretato. Spero di essere riuscito a rendergli giustizia."

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Nevrosi di guerra in tempo di pace. Incidenza del soggetto e il futuro della psicoanalisi"
Editore: Luca Sossella Editore
Autore: Finzi Sergio
Pagine: 352
Ean: 9788897356622
Prezzo: € 20.00

Descrizione:Un classico di Sergio Finzi che parte dal paradosso di trovarsi in analisi soggetti la cui esperienza psichica si presenta tramata dai segni di un tempo di guerra mentre tutt'intorno c'è un tempo di pace. Il "tracciare" questi segni condurrà il lettore dentro una specie di thriller psicoanalitico che vedrà affiorare nella psiche umana configurazioni di colori, macchie, strisce che giocano un ruolo decisivo sull'esito di un'analisi. La nevrosi di guerra non colpisce combattenti o ex-combattenti, ma i loro discendenti, anche a decenni dal conflitto. Tuttavia è sempre un trauma che anziché connettersi a eventi bellici, si definisce rispetto al padre per sottolinearne le implicazioni sessuali. Il tratto originale e determinante del libro, oltre i sogni dei pazienti, rivela una lettura specifica dell'opera di Darwin. Punto di partenza (o di arrivo) sarà la scoperta della continuità tra forme della natura, animale, vegetale, ma anche minerale, e forme del soggetto. Lo schema dell'origine e della discesa dell'uomo aiuta a rilevare le corrispondenze con le tappe del soggetto in psicoanalisi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La tecnica della psicoanalisi. Sette lezioni su pratica, metodo, cura. Un contributo indipendente alla teoria freudiana"
Editore: Luca Sossella Editore
Autore: Sharpe Ella Freeman
Pagine: 200
Ean: 9788897356684
Prezzo: € 18.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Psiche. Rivista di cultura psicoanalitica (2018)"
Editore: Il Mulino
Autore:
Pagine: 318
Ean: 9788815276995
Prezzo: € 29.00

Descrizione:Psiche è una rivista della Società Psicoanalitica Italiana che, attraverso la voce di psicoanalisti e studiosi di varie discipline, vuole inserirsi nel dibattito culturale contemporaneo. La rivista è stata fondata e diretta da Nicola Perrotti nel 1948 e si è caratterizzata fin dai primi anni per l'attenzione agli aspetti psicologici della vita sociale e per questo era - ed è ancora oggi - rivolta ad una platea ampia di lettori, per i quali desidera essere uno strumento prezioso per l'analisi del tempo presente e delle sue trasformazioni. Psiche è una rivista aperta al dialogo interdisciplinare e propone una redazione mista - costituita da psicoanalisti, antropologi, filosofi, storici, letterati - che, nei due numeri annuali, offre incursioni nei diversi ambiti del sapere.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Incontrarsi e dirsi addio. Il misterioso salto fra psicoanalisi e psichiatria"
Editore: Alpes Italia
Autore:
Pagine: XXXVIII-438
Ean: 9788865314265
Prezzo: € 33.00

Descrizione:«Incontrarsi o dirsi addio? A partire da questa domanda abbiamo provato, in questo volume della collana Psiche, a scattare alcune istantanee dello stato del rapporto tra psicoanalisi e psichiatria. Siamo partiti dalla constatazione di come nella seconda metà del secolo scorso si sia sviluppato un importante patrimonio di conoscenze grazie all'incontro tra queste due discipline. In Italia, anche in virtù dei radicali cambiamenti realizzati dalla psichiatria istituzionale, gli ambiti nei quali questo incontro si è realizzato sono stati quelli delle patologie gravi, della psicosi schizofrenica (soprattutto nelle loro evoluzioni croniche), della riabilitazione, delle dinamiche istituzionali, del lavoro di manutenzione del gruppo curante e del ruolo della supervisione psicoanalitica. Ogni psichiatra-psicoanalista, ma auspicabilmente anche ogni psichiatra e ancor più ogni psicoanalista, dovrebbe avere ben presente il Thesaurus di conoscenze nato dall'incontro tra psicoanalisi e psichiatria in quegli anni. Un incontro che, a differenza del lavoro di questi ultimi anni che si è sviluppato più in silenzio e nell'ombra, ebbe allora vasta risonanza, declinandosi in una serie di esperienze che rappresentano dei veri e propri prototipi di un proficuo lavoro comune. Al ripensamento e alla messa a fuoco dei fondamenti di questa "base sicura" è dedicata la sezione "A partire dalla psicosi": la psicosi schizofrenica, a cominciare dalla sua versione manicomiale, ha rappresentato il primo terreno di lavoro comune nelle istituzioni dal quale ha preso l'avvio un rapporto più complesso di cui è necessario oggi delineare le tappe successive. Quale è oggi lo stato del rapporto tra psicoanalisi e psichiatria? Esistono ancora i presupposti per un lavoro comune o invece è necessario "dirsi addio"? Attraverso quali canali passa un eventuale lavoro comune? Intorno a quali problemi clinici e istituzionali si va organizzando questo lavoro? Come fa uno psichiatra-psicoanalista a tenere in contatto la sua formazione e attività clinica di psichiatra con quella di psico-analista e viceversa? Queste ed altre domande ci hanno guidato nel pensare la composizione di questo volume.» (Mario Rossi Monti)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Svelare l'enigma della psicosi. Fondamenti per una terapia analitica"
Editore: Mimesis
Autore: De Masi Franco
Pagine: 192
Ean: 9788857548227
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Tra le patologie che sfuggono a una conoscenza adeguata, la psicosi occupa sicuramente un posto di rilievo. Il processo morboso si sviluppa al di là della consapevolezza di chi ne soffre. Si tratta di uno stato morboso trasformativo della coscienza di cui il paziente ignora la natura e la pericolosità. Il paziente perde la consapevolezza della propria individualità e la percezione della realtà esterna, come esistente al di fuori di noi, viene inglobata nell'Io che ha perduto i suoi confini. Non è più possibile distinguere tra ciò che è sognato e ciò che è costruito nell'immaginazione. Lo psicoanalista ha un campo di osservazione ricco di potenzialità euristiche: lavora in diretto contatto con l'interiorità del paziente e può vedere come lui costruisca la sua psicosi dall'interno. Gli è possibile inoltre tornare indietro per riesaminare la sua infanzia, il periodo in cui sono stati gettati i primi semi della psicosi e mettere in evidenza i traumi emotivi che hanno impedito lo sviluppo spingendolo a ripudiare la realtà psichica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cartografie dell'oscurità. Architetture e psicogeografie veneziane"
Editore: Nicomp Laboratorio Editoriale
Autore:
Pagine: 210
Ean: 9788894989014
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Il libro raccoglie una serie di riflessioni incentrate sul tema dell'oscurità dettate da due direzioni: quella propria dell'architettura e quella riferita agli studi ed alle esperienze psicoanalitiche. Cartografie dell'oscurità è il risultato di un esperimento costruito attorno a queste due direzioni, ed è il secondo di una serie iniziata con Spazi del desiderio fra architettura e psicoanalisi, pubblicato dallo stesso editore. Il volume tratteggia una cartografia sui luoghi della materia oscura. La stessa mappa è al contempo astratta, rileva tracciati mentali e teorici, e riferita a luoghi reali presenti nella laguna di Venezia, come testimoniano i brani disegnati che appaiono in forma di esplorazioni. La prima parte del libro raccoglie alcuni contributi che impostano la cartografia, scritta tra architettura, psicoanalisi e teologia. Nella seconda parte sono presenti saggi e racconti binati su brani di una Venezia nota e sconosciuta.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il testo del desiderio. Letteratura e psicoanalisi"
Editore: Carocci
Autore: Alfano Giancarlo, Colangelo Stefano
Pagine: 230
Ean: 9788843092468
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Sin dai primi passi nel territorio dell'inconscio, Freud si è servito di personaggi ed episodi della letteratura ricavandone alcuni dei modelli narrativi e delle strutture operative che ha utilizzato per la prima volta negli Studi sull'isteria e che ha poi sviluppato in maniera più compiuta nell'Interpretazione dei sogni. Con l'affermarsi della psicoanalisi, concetti e strutture del discorso dell'inconscio sono stati progressivamente applicati ai diversi prodotti della cultura umana, a partire dalla letteratura. In questo modo si è capito sempre meglio che le realizzazioni più alte e sofisticate della civiltà sono compromesse con le forme più elementari dell'organizzazione psichica umana. Il libro offre una rivisitazione di questo grande paradosso, presentando il rapporto tra la psicoanalisi e la letteratura occidentale attraverso un'organizzazione bipartita. Nella prima parte sono affrontati i modi e il contesto teorico in cui avvenne l'incontro tra produzione letteraria e pratica psicoanahtica. La seconda affronta invece cinque questioni fondamentali che caratterizzano il pensiero freudiano e ì suoi sviluppi successivi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Simbiosi fusionalità e costruzione della soggettività. Parlando di clinica"
Editore: Franco Angeli
Autore: Bonfiglio Basilio
Pagine: 196
Ean: 9788891769701
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Come raggiungere i pazienti traumatizzati rispondendo alle loro esigenze di base e assecondando processi di sviluppo e forme via via più evolute di soggettivazione è l'argomento principale di questo volume, rivolto a tutti coloro che, in qualche forma, sono professionalmente a contatto col disagio psichico. Anche se sono ben identificabili nel testo le teorie psicoanalitiche di riferimento adottate, il testo parte prevalentemente dalla clinica. Ciò consente di evidenziare con maggiore chiarezza le convergenze e le differenze tra approcci diversi al paziente. I modelli teorici da soli, infatti, più facilmente rischiano di cristallizzarsi e di non dialogare tra loro, stimolando l'elaborazione di quelle che Bion ha definito delle "paramnesie", atte a rassicurare contro l'angoscia del non ancora conosciuto. La presa in esame di numerose vicende cliniche complesse mette in luce le difficoltà che si incontrano nella pratica quando si va ad aiutare pazienti carenti di una effettiva dimensione di esistenza psicosomatica. E consente di individuare, così, i modi per favorire la possibilità di giungere ad "essere". Assecondando i fisiologici processi di simbiosi tra terapeuta e paziente, il paziente può infatti accostarsi alle sensazioni e alle emozioni, percepirsi autore dei propri pensieri e delle proprie azioni e quindi vivere più intensamente la relazione con se stesso e con gli altri. I fenomeni descritti, che hanno spesso una loro progressione, si evidenziano in ogni rapporto psicoterapeutico prolungato nel tempo che raggiunga intensità e profondità, ma sono più facilmente evidenziabili in un assetto psicoanalitico definito, affidabile e prevedibile. Ciò vale per qualunque patologia, ma diviene vieppiù importante quanto più ci si accosta a pazienti con estese aree psicotiche della personalità o con psicosi conclamate.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU