Libreria cattolica

Libri - Monachesimo



Titolo: "Notte oscura"
Editore: OCD
Autore: Giovanni Della Croce
Pagine: 240
Ean: 9788872295069
Prezzo: € 13.00

Descrizione:

Una nuova edizione rivista e corretta della Notte Oscura di San Giovanni della Croce, con la traduzione di Silvano Giordano e un'introduzione di Federico Ruiz.

L'opera più celebre di Giovanni della Croce commenta i versi intitolati "En una noche oscura", che il carmelitano ha composto durante i nove mesi trascorsi nel carcere del convento di Toledo. È qui che Giovanni della Croce matura l'esperienza della notte.

 

INTRODUZIONE

Notte oscura suggerisce un'esperienza esistenziale lunga e sconcertante di contrasti dolorosi e allo stesso tempo fecondi: luce e tenebra, assenza e presenza di Dio, morte e vita nuova. Con questa mescolanza confusa di esperienze vissute, san Giovanni della Croce crea un sim­bolo, frutto maturo della sua originalità umana, mistica e poetica. Le dà il nome misterioso di notte oscura. Lo svi­luppa in una breve poesia di otto strofe, che poi commenta parzialmente in un libretto di poco più di cento pagine. Lo stesso nome o titolo vale per tre realtà: simbolo, poesia, libro. Questa opera profonda, breve e incompiuta si dimo­stra veramente inesauribile nella sua costante novità e nelle sue innumerevoli applicazioni.

E un'esperienza di vita, segnata da un sentimento forte di oscurità e di mancanza di senso, di vuoto e di sof­ferenza, che il soggetto affronta con aridità e fortezza. Si applica a esperienze intensive più o meno brevi. Quando riveste una particolare intensità e durata, si classifica come una delle fasi del cammino spirituale. In senso più ampio, notte oscura indica il carattere di mistero e di trascendenza che avvolge l'intera vita del credente e della persona con senso di trascendenza e valori di eternità. Questi diversi aspetti sono raccolti da san Giovanni della Croce nella sua opera Notte oscura.

La notte oscura acquista anche connotazioni positive e gioiose nella mente e nel linguaggio dell'autore, forme velate e gratificanti della comunicazione di Dio: «Conosco bene la fonte che sgorga e scorre, benché sia notte!». «La notte calma, la cena che ricrea e innamora» (C 15). «Nella notte serena, con fiamma che ricrea e non dà pena» (C 39). Tutte espressioni di un'intensità che già presentiamo e pregustiamo, benché solo parzialmente, come annuncio di pienezza. È Dio rivelato e nascosto nella mente e nel cuore, che trasforma la complicata storia degli uomini in storia di salvezza.

Giovanni della Croce la descrive con tanta natura­lezza, che non sembra stia esplorando nuovi mondi con la sua dottrina e la sua intuizione. Per lui è una cosa familiare: la notte oscura è lì, c'è sempre stata e lì continua ad essere presente e attiva nel cuore delle persone e nel corso della storia umana, in diverse forme di azione e di reazione. Come chi semplicemente indica e illumina un fe­nomeno che è sotto gli occhi di tutti. Tuttavia non era e non è tanto facile vedere e vivere con gli occhi della fede questo strano fenomeno.

1. LO SCRITTORE E I LETTORI

1.1. Originalità cosciente

D'altra parte, Giovanni della Croce è cosciente di aver ricevuto lumi particolari per muoversi su un terreno così difficile e poco esplorato. Allude solo brevemente alle prime manifestazioni, perché vuole «passare a trattare più in particolare della notte spirituale, perché dí essa si è parlato pochissimo, tanto in forma orale quanto in forma scritta, come anche si trova molto poco in fatto di espe­rienza» (1N 8, 2); «di essa abbiamo grave parola e dottrina» (1N 13, 3).

Riconosce con franchezza il suo interesse per l'espe­rienza e per il tema. Tra i diversi motivi che lo muovono ad occuparsene, ne indico tre: 1) si tratta di una grazia particolare, concessa da Dio a persone che Egli vuole condurre alla sua intima amicizia; 2) molte delle persone provate si ribellano e sprecano la grazia loro offerta perché non vo­gliono o non sanno ricevere l'aiuto opportuno e «restano in un basso modo di relazione con Dio»; 3) ignoranza col­pevole di molti maestri spirituali, i quali, «non avendo luce ed esperienza di queste vie, ostacolano e danneggiano tali anime piuttosto che aiutarle nel cammino».

Sono momenti critici di dolore e di oscurità nell'esi­stenza personale e collettiva, difficili da interpretare e da vivere come presenza di Dio, grazia trasformante, gesta­zione di una vita nuova. Sconcertano tanto le persone che li vivono quanto coloro che cercano di aiutarle. L'autore osserva la confusione che regna negli ambienti spirituali, nei libri e nella mente delle persone e ciò lo muove a scri­vere una parola chiarificatrice: «per la molta necessità che hanno molte anime» (S prologo, 3). «Molti maestri spiri­tuali fanno molto danno a molte anime» (F 3, 31). Qui non si tratta di opinioni o di dottrine. E in gioco la vita e la vocazione di persone, con il rischio di gravi perdite e danni per loro e per la Chiesa. «Le cose di Dio si devono trattare con molto tatto e con gli occhi ben aperti; soprattutto in un caso di tanta importanza e in una vicenda tanto elevata come è quella di queste anime, dove si rischia un guadagno quasi infinito se si riesce e una perdita quasi infinita se si sbaglia» (F 3, 56).

Tratta in modo lucido e originale queste situazioni cru­ciali della vita. Elabora una sintesi di alta qualità quando ancora non esisteva una riflessione sistematica sul tema. Presenta una visione organica del fenomeno su tre livelli: crea il simbolo notte oscura con le sue possibilità e i suoi ambiti di applicazione; percepisce e descrive l'esperienza oscura e contraddittoria; ne analizza le cause, le compo­nenti e le funzioni.

1.2. Merito riconosciuto

Quest'opera è ritenuta la creazione più originale del dottore mistico. I suoi meriti sono oggi universalmente ri­conosciuti. «Una delle parti più originali e profonde della dottrina di san Giovanni della Croce, con la quale ha fatto maggiormente progredire la teoria mistica e ha meritato il titolo di dottore, è quella relativa a ciò che egli chiama la notte passiva dello spirito» (R. Garrigou-Lagrange).

Esiste un cambiamento sensibile nell'atteggiamento del pubblico di fronte alla poesia e al libro di san Giovanni della Croce. Ha subito a lungo l'emarginazione e il rifiuto a mo­tivo dei suoi contrasti con le idee correnti sulla contempla­zione infusa e per l'apparente annichilazione delle facoltà intellettuali e affettive della persona. Appariva come un libro misterioso, riportante le opinioni e le possibili grazie personali dell'autore, che poteva essere di qualche utilità per anime provate in quel modo eccezionale e strano.

Ora che la fede e la cultura ci fanno sentire in carne viva il silenzio di Dio e le assurdità della storia umana, tutti andiamo a leggere quelle pagine oscure e luminose, vera fonte di luce e di coraggio per la notte che stiamo vivendo. Recentemente è stato dato a san Giovanni della Croce il titolo di «pneumatologo», ossia specialista delle malattie dello spirito, precisamente per la diagnosi e le cure che propone circa la notte oscura.

La Notte oscura è un libro pieno di vita propria e al­trui: Bibbia, tradizione patristica, spirituale e mistica, teo­logia, antropologia, poesia. La lettura richiede applicazione, sforzo e perseveranza per creare una sintonia spi­rituale in cui si compenetrano le luci dell'autore con le esperienze e le aspirazioni dei lettori. Come lettori, con­dividiamo in questo campo la dichiarazione che l'autore fa su se stesso nel prologo della Fiamma viva d'amore: «Si parla male nell'intimo dello spirito se non lo si fa con spirito intimo».

La grazia e l'esperienza della notte oscura è oggi una ca­tegoria spirituale di prim'ordine a motivo della forza e della precisione che le ha dato Giovanni della Croce. Il nome simbolico, nato come parte della poesia, passa intatto al vo­cabolario tecnico della teologia spirituale e all'uso corrente, non solo nell'ambito religioso, ma anche in quello culturale e sociale, come vedremo più avanti. La Notte oscura è dive­nuta un'opera classica, identificandosi con la stessa realtà che descrive. Sembra che siano nate e vissute sempre as­sieme. Pur essendo breve e incompiuta, l'opera è divenuta insostituibile a causa della sua originalità mistica, dottri­nale e letteraria. Molte persone si identificano con la Notte oscura, pur essendo fondamentalmente mistica, mentre la Salita del monte Carmelo, che in apparenza è maggiormente pratica e comprensibile, suscita obiezioni e critiche.

2. SIMBOLO, POESIA, SPIEGAZIONE

Nell'intenzione e nel progetto dell'autore si tratta di una grazia e di un'esperienza religiosa profonda, presente solo in chi l'ha vissuta o la sta vivendo. Ad essa si ordinano e si subordinano i molteplici fattori psicologici e ambien­tali che fanno parte dell'esperienza e dell'opera. Immagini, idee, parole, devono essere costantemente trascese per giungere al cuore della realtà. «La notte oscura in quanto tale non è nella poesia o nel commento. Unicamente è stata nell'esperienza vissuta. La poesia e il commento sono pure immagini, diverse ed entrambe necessarie, di approssima­zione, solo approssimazione, all'esperienza reale» (J.L. Aranguren).

2.1. Simbolo

Il simbolo notte oscura, o semplicemente notte, così come il nostro mistico lo intuisce e lo elabora, evoca di per alla vocazione.
La notte oscura è un modo integrale di vivere, non semplicemente un modo di soffrire o di pregare. Benché sia Dio a portare avanti l'opera, è la persona a vivere e ad aver bisogno di «mezzi di vita» adeguati a questi momenti sconvolti e cruciali. Non si possono affrontare con sem­plici reazioni di gusto o di disgusto.

Il vero atteggiamento e l'azione di risposta la dà la vita teologale in fede, amore, speranza. E la contemplazione è forma e modalità del suo esercizio.

Fede, speranza e carità hanno il compito di mantenere la comunione divino-umana in questo deserto spirituale. Avendole già ampiamente presentate nella Salita, Giovanni della Croce si riferisce ad esse nelle descrizioni, ma senza elaborare un nuovo sistema. Offre una descrizione breve e condensata in 2S 21, in tono vitale e descrittivo, sintetiz­zando le esperienze del cammino lungo e penoso e i frutti a cui è giunto. Il rimandare la trattazione del tema sino alla fine della notte si deve al fatto che ha aspettato a commen­tare «travestita», verso della seconda strofa. Ma sembra che influisca piuttosto il voler esporre l'esperienza della notte in tutta la sua crudezza spirituale e psicologica. Un'ampia spiegazione teologale inclusa nei capitoli 5-10 avrebbe svi­gorito la sofferenza purificatrice dell'esperienza reale.

Con il termine contemplazione è indicata l'azione delle virtù teologali. Giovanni della Croce lo utilizza nella Notte un centinaio di volte. È una parola ricca di contenuti e di suggerimenti nella sua opera, come in tanti classici del suo tempo e di tempi precedenti. Nel linguaggio e nella sensibilità attuali ha perduto vigore: a) per il suo tono filo­sofico e culturale di pensiero astratto ed estatico rispetto alla realtà; b) religiosamente, in quanto associata a forme di orazione elevata. Giovanni della Croce, tanto nella Salita quanto nella Notte, amplia il significato e i compiti della contemplazione. La porta fuori dal recinto dell'orazione e la colloca pienamente nell'ambito e nell'esercizio della vita teologale purificata e intensiva.

[..] 4. FRUTTI DI VITA NUOVA

L'autore, al concludere ogni passo importante del processo, nel momento in cui spiega il verso «Oh, felice ventura» descrive i frutti della nuova vita. Il poema riserva solo tre delle sue otto strofe a narrare gli aspetti duri e tenebrosi della notte oscura. Le cinque successive si riferi­scono alla vita che germoglia nelle tenebre. Esse avrebbero offerto la possibilità di narrare in dettaglio le eccellenze della vita nuova in pienezza, ma l'autore, senza offrire giustificazioni, interrompe la spiegazione e le lascia senza commento.

C'è una soluzione a questo problema, dato che nel corso dell'opera Giovanni della Croce espone ampiamente i «frutti» e gli effetti di trasformazione nella misura in cui essi emergono nel processo. Ne enumero alcuni. I diversi «frutti» coltivati e raccolti durante questa notte oscura co­stituiscono in realtà un insieme unitario, che è la qualità di vita, un altro essere, un altro vivere, un altro modo di rap­portarsi con Dio, con le persone, con le cose. Con l'autore ne enumeriamo alcuni in particolare.

Rivelazione di Dio, che appare in tutta la sua trascendenza e soprattutto nella sua misericordia salvatrice. Dio si rivela e si fa sentire come radice e fondamento dell'essere e del vivere dell'uomo. Non è un'idea religiosa o frutto di convinzioni. Come Giobbe, riconosce alla fine della sua storia: «Prima conoscevo Dio solo per sentito dire, ora l'ho visto con i miei occhi». Riferimento abituale a Dio nella vita e rapporto familiare sotto forma di comunione filiale o di preghiera esplicita. 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Fiamma d'amore viva"
Editore: OCD
Autore: Giovanni della Croce (san)
Pagine: 148
Ean: 9788872295076
Prezzo: € 9.00

Descrizione:La Fiamma d'amor viva è l'opera conclusiva di san Giovanni della Croce. Redatta infatti a due mesi dalla sua morte e legata necessariamente alla Notte oscura e al Cantico spirituale, è però originale quanto a esperienza mistica, creazione letteraria e dottrina spirituale. Come nelle opere preesistenti, lo scopo principale è narrare la grandezza e l'onnipotenza di Dio fatte amore, ma qui mettendo al centro il suo essere trinitario, e dando particolare risalto agli effetti prodotti nell'anima.Dominato da una forte carica emotiva, il linguaggio simbolico documenta l'ormai raggiunta maturità mistico-letteraria del Santo. Il simbolo fiamma-fuoco è prolungamento della notte-oscurità. La poesia, intensa, semplice e di grande bellezza, è più compatta del Cantico, meno progressiva e drammatica della Notte.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Monachesimo e mondo"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: AA. VV.
Pagine: 400
Ean: 9788831536844
Prezzo: € 34.00

Descrizione:

"Non è monachesimo la tunica nera, la berretta, e neppure la vita in monastero. Anche se tutto questo cambierà, il monachesimo rimarrà finché esisterà l'uomo-cristiano". A pronunciare questa frase è Teofane il Recluso, monaco e autore di testi spirituali che hanno formato intere generazioni. Una frase che contiene l'idea di un monachesimo non istituzionale e indica anche una non contrapposizione tra monachesimo e vita cristiana; infatti la vita cristiana è una vita orientata verso un punto unificatore, Dio. E questa aspirazione a una unità interiore è comune a tutti, non solo ai monaci.

Si può essere monaci, quindi, senza separarsi dal mondo. Se è possibile vivere l'essenziale dell'esperienza monastica rimanendo "nel mondo" a quale livello si colloca un monachesimo nel mondo? Quali percorsi o forme concrete si possono individuare?La tradizione spirituale russa ha cercato di rispondere a queste provocazioni attraverso una singolare scelta: quella di un monachesimo interiorizzato, vissuto al cuore stesso del deserto del mondo.Le testimonianze che presentiamo in questa antologia di testi dal sec. XVII al sec. XX, alcuni tradotti per la prima volta in italiano (Iulianija Lazarevskaja e F. Bucharev), altri come Mat' Marija e Paul Evdokimov già più noti, ci aiutano a compiere un percorso spirituale affascinante attraverso condizioni di vita molto diverse, ma tutte accomunate da un unico desiderio: custodire un cuore unificato, cioè monastico, vivendo nel mondo, come testimoni dell'amore di Cristo in mezzo alle sofferenze e alle contraddizioni degli uomini. Un libro che interessa in modo particolare i cultori della spiritualità russa.

PREMESSA

« Il monachesimo vuol dire la rinuncia a tutto, intimità con Dio nella mente e nel cuore. TI monaco è colui la cui vita interiore è disposta in modo tale che esiste solo Dio con lui, e lui si perde in Dio... E cosa vuole il cristianesimo? "Pensate alle cose di lassù... La vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio" (Col 3,2-3). In questo consiste il monachesimo. Non è monachesimo la tunica nera, la berretta, e neppure la vita in monastero. Anche se tutto questo cambierà, il monachesimo rimarrà finché esisterà l'uomo-cristiano ».

A fare questa affermazione in qualche modo radicale e, a una prima impressione, eccessivamente spiritualista, è uno dei più significativi rappresentanti del monachesimo russo del sec. XIX: si tratta di Teofane il Recluso, uno degli autori che maggiormente ha contribuito a diffondere, in Russia, la tradizione spirituale patristico-monastica (a lui si deve una delle traduzioni più complete della Filocalia) e a formare generazioni di monaci e di semplici fedeli. È un monaco a parlare, eppure ciò che dice sembra superare i limiti di una vita monastica istituzionale.Anzi sembra che Teofane giunga a una sovrapposizione tra monachesimo e vita cristiana, quasi a una identificazione: « il monachesimo rimarrà finché esisterà l'uomo-cristiano ». Questa unità che si crea tra monachesimo e vita cristiana sic et simpliciter è data dal massimalismo, dal radicalismo della stessa esperienza monastica. Ma tale massimalismo, ci ricorda Teofane, non deriva tanto da forme concrete o mezzi utilizzati (ascesi, strutture monastiche, elementi esteriori e così via); questi sono necessari, ma sono in funzione di una dimensione più interiore e totalizzante, cioè la tensione di tutta la vita verso un punto unificatore, Dio. Ecco allora che Teofane giunge a dare questa definizione di monaco: « Il monaco è colui la cui vita interiore è disposta in modo tale che esiste solo Dio con lui, e lui si perde in Dio ». A questo livello si colloca l'identificazione tra esperienza monastica e vita cristiana. Siamo nella linea di ciò che esprimeva Basilio di Cesarea nelle sue Regole morali:

Che cos'è proprio del cristiano? Il purificarsi da ogni sozzura della carne e dello spirito nel sangue di Cristo, portare a compimento la propria santificazione nel timore di Dio e nell'amore del Cristo, e non avere macchia o ruga o altro di simile, ma essere santo e immacolato...

Che cos'è proprio del cristiano? Vedere sempre il Signore davanti a sé.

Che cos'è proprio del cristiano? Vigilare ogni giorno e ogni ora, ed essere pronto nel compiere perfettamente ciò che è gradito a Dio, sapendo che all'ora che non pensiamo il Signore viene.

Sono propri del cristiano, ci ricorda Basilio, la purificazione interiore, la lotta contro le passioni, la memoria Dei, la vigilanza, la tensione escatologica, tutto ciò che permette una incessante presa di coscienza della propria relazione con il Signore. Ma ciò che Basilio elenca sono, di fatto, gli elementi essenziali dell'esperienza monastica. In un altro testo, rivolto espressamente ai monaci, Basilio riafferma l'unità della vita cristiana data, appunto, dall'unico scopo che la anima: « Unico è il modo di vivere (monotropos) la vita cristiana, poiché ha un unico scopo: la gloria di Dio. "Sia che mangiate, sia che beviate, sia che facciate qualsiasi altra cosa, fate tutto per la gloria di Dio" (1Cor 10,31), dice Paolo parlando in Cristo. Vario e multiforme è invece il modo di vivere la vita del mondo, perché essa muta continuamente per piacere a chiunque ».

Abbiamo voluto soffermarci sulle affermazioni di Teofane il Recluso e di Basilio riguardo al rapporto tra monachesimo e vita cristiana in quanto possono aiutarci a dare avvio a un percorso introduttivo su di un particolare aspetto dell'esperienza cristiana, affascinante e attuale; un aspetto allo stesso tempo esistenziale e spirituale che, sorprendentemente, ha avuto realizzazioni, intuizioni e forme concrete nella tradizione spirituale russa. Si tratta del monachesimo nel mondo o, se si vuole usare l'espressione cara al teologo ortodosso P. Evdokimov, del monachesimo interiorizzato.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Monachesimo orientale"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Filoramo Giovanni
Pagine: 320
Ean: 9788837224127
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Nella storia delle Chiese cristiane il monachesimo è una istituzione fondamentale che ha come scopo la ricerca della perfezione attraverso la scelta, sigillata dai voti, di un particolare tipo di vita religiosa incentrato sulla sequela Christi. Nella loro storia millenaria, in guise peculiari, in Oriente e in Occidente, le varie forme della vita monastica, diventate per lo più di tipo cenobitico e in genere istituzionalizzate, si sono radicate nelle diverse civiltà, non soltanto dal punto di vista squisitamente religioso ma, più in generale, politico, economico e culturale. In Oriente, il monachesimo è riuscito a resistere nei secoli ai cambiamenti indotti da una storia tumultuosa, che ha messo spesso in discussione l'esistenza stessa delle varie Chiese. In Occidente, soprattutto nella sua forma benedettina, esso si è imposto nell'arco millenario del medioevo come una realtà sempre più centrale, capace di fronteggiare i cambiamenti più profondi, generando, da Cluny a Citeaux, nuove risposte religiose e organizzative, per non dire delle innumerevoli familiae monastiche nate dal tronco principale. Il fenomeno monastico è una realtà variegata e complessa, messa in crisi in modo drammatico in età moderna tanto dalla Riforma protestante quanto dai processi di secolarizzazione; altrettante sfide corrosive cui tuttavia il monachesimo si è dimostrato capace, attraverso adattamenti e trasformazioni, di resistere, conservando il suo profilo identitario e quelle specificità i cui tratti essenziali furono definiti nei primi secoli dell'era cristiana. La storia che si dipana in queste pagine ha inteso indagare proprio tale periodo, insieme aureo e fondativo, concentrando l'attenzione sulla fase più antica del monachesimo, latino e soprattutto orientale. Il volume si pone così come un primo bilancio della più recente stagione di studi sul monachesimo antico: una storiografia innovativa, caratterizzata non solo da una molteplicità di tagli interpretativi, ma anche dall'allargarsi dello spettro delle fonti e da rinnovate prospettive di lettura.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Per eremi silenziosi"
Editore: Lindau Edizioni
Autore: Vasilij Rozanov
Pagine: 96
Ean: 9788871808635
Prezzo: € 12.50

Descrizione:Vasilij Rozanov intraprese il viaggio ai tre monasteri legati alla figura del beato Serafim di Sarov (uno dei più famosi asceti del XIX secolo) nella speranza che in quei luoghi benedetti potesse migliorare la salute della figlia Tanja, di nove anni. Accompagnato dalla moglie Varvara Dmitrievna, dalla stessa Tanja e dal figlio Vasja, di cinque anni, Rozanov ebbe modo di osservare la folla di pellegrini di ogni ceto sociale e di ammalati in attesa di una guarigione miracolosa, di godere della quiete irreale che circonda i monasteri ortodossi, di visitare le celle dei monaci e di seguire con stupore le monache impegnate nei lavori della semina e del raccolto, nella cura dell'eremo, nelle preghiere estatiche.Il viaggio gli offrì l'occasione per rappresentare (oltre alla difficile condizione dei connazionali) la realtà del monachesimo ortodosso, mettendola a confronto con la sua problematica interpretazione del cristianesimo inteso come religione della sofferenza e, soprattutto, della tristezza: «Ogni gioia terrena viene vista nel cristianesimo attraverso il prisma della tristezza: dove non c'è tristezza, non c'è cristianesimo!», e portandolo a riflettere sulla centralità della figura di Cristo.Pur nella sua brevità, Per eremi silenziosi racchiude, almeno in nuce, molti dei grandi temi filosofico-religiosi di Rozanov, e riflette i fermenti, i dubbi, le contraddizioni e le attese che caratterizzavano l'atmosfera culturale russa d'inizio '900, pervasa di misticismo, messianesimo, esotismo e idealismo, e percorsa al tempo stesso dalla sensazione tetra di una catastrofe imminente, rovinosa e palingenetica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un monaco nel cuore del mondo"
Editore: Paoline Edizioni
Autore:
Pagine: 448
Ean: 9788831538008
Prezzo: € 32.00

Descrizione:Nell'undicesimo centenario della fondazione di Cluny (910 - 2010) si danno qui in prima traduzione italiana 41 delle 193 lettere dell'epistolario "che rimane la fonte principale per scoprire l'uomo e il suo inserimento nel XII secolo" (Torrell Bouthillier). Accanto a "trattati", come la Lettera 20 sulla vita solitaria, o la Lettera 111 a Bernardo, autentico manifesto contro ogni fondamentalismo, troviamo scritti che hanno per tema l'amicizia, la vocazione religiosa, la preghiera, la speranza oltre la morte; altri che mostrano un saggio uomo di governo, tanto energico nel difendere i diritti della "chiesa cluniacense" quanto deciso a riformare la vita monastica, un cuore misericordioso che accoglie il perseguitato Abelardo, un intellettuale singolarmente attento all'emergere dell'Islam, di cui fa tradurre il Corano.La grande varietà dei destinatari, la diversità delle loro posizioni nella società civile e nel mondo ecclesiale, la complessità dei problemi affrontati di volta in volta permette di tracciare un affresco molto ricco sul panorama della prima metà del sec. XII.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Monachesimo e istituzioni ecclesiastiche in Egitto"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Giorda Mariachiara
Pagine: 184
Ean: 9788810415160
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Tra la fine del III e l'inizio del IV secolo il monachesimo inizia a differenziarsi da altri gruppi che compongono il panorama sociale cristiano: i laici secolari, i chierici e i monaci (in maggior parte laici) sono realtà distinte tra loro. In Egitto, la società cristiana assumerà molto presto una forma bipartita, con monaci e chierici da un lato e laici secolari dall'altro. I processi di istituzionalizzazione e clericizzazione che convolgono il monachesimo lo portano a definire nuovi rapporti con le istituzioni ecclesiastiche. All'indomani del concilio di Calcedonia (451 d.C.), che la Chiesa copta non accetta, si assiste a un'integrazione sempre più profonda tra le due parti e un intensificarsi delle collaborazioni all'insegna di una comune costruzione di un'identità cristiana specifica. In gioco vi è la definizione del cristianesimo copto, rispetto alla fede e alla politica bizantina di difesa dell'ortodossia. Le modalità che caratterizzano le relazioni tra i monaci e il clero si giocano dunque anche sul piano della spartizione dei territori e delle competenze. I differenti gradi di autonomia, gli spazi e i tempi di conflitto, di collaborazione - e anche di strumentalizzazione ed etero-direzione reciproca - contribuiscono a definire il quadro d'insieme. Il volume propone un'analisi di questi rapporti, attraverso una riflessione sulle figure protagoniste - monaci, chierici e vescovi - e sui loro campi d'azione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Estetiche monastiche"
Editore: Jaca Book
Autore: AA.VV.
Pagine: 152
Ean: 9788816409064
Prezzo: € 16.00

Descrizione:

Il mondo monastico del Medioevo conobbe diverse concezioni di bellezza, e specialmente di bellezza teologica, e una varietà di gusti artistici. È la ragione del titolo Estetiche monastiche assunto a tema dal 3° Convegno su san Bernardo promosso dall’Abbazia di Santa Croce in Gerusalemme nel 2008 e di cui questo volume pubblica gli Atti. Espressamente al tema sono dedicati i due saggi di iniziali.
Appare nel primo tutta la proprietà e il senso dell’estetica di san Bernardo, che rivelava, pur senza l’elaborazione di una teoria dell’arte, un preciso modo di pensare la bellezza teologica dell’edificio claustrale e di attuarla per dei monaci, stimolati a salire a Dio attraverso la luce, più che il colore, l’assenza, più che la presenza. Si rivela nel secondo, allo stesso modo, una singolare sensibilità estetica, sempre teologica e tuttavia differente da quella dell’abate di Clairvaux: Sugero, il geniale ricostruttore di Saint-Denis, forgia nella sua Fucina di Vulcano gli ornamenti o gli apparati liturgici con l’intenzione che nel loro stesso pregio, nella loro arte, nel loro colore rappresentino il più intensamente possibile Dio e aprano la salita a lui.
Anche nel saggio successivo potremmo parlare di estetica monastica cisterciense: quasi un’estetica spirituale o morale, un equilibrio e una bellezza che traspariscono quando si avverano, secondo il progetto di Stefano Harding e di Bernardo, «carità e umiltà, nel cuore e nel corpo, sino a vedere il Dio degli Dei».
Il nostro volume è impreziosito da tre contributi storici. Uno riguarda i cisterciensi in Svezia e l’influsso della spiritualità di Cîteaux nella vita del Medioevo svedese; un secondo la «missionarietà monastica» della trappa di Vitorchiano, mentre il terzo tratteggia il profilo di Thomas Merton, il celebre trappista dell’abbazia del Getsemani nel Kentucky, con il suo messaggio sulla contemplazione e la vita contemplativa. Siamo sempre in ambito cisterciense con il contributo sul De sacramento altaris di Baldovino di Ford: «Un modello di teologia eucaristica medievale», «un trattato di teologia spirituale eucaristica di grande valore», nato da un profondo contatto, biblico-patristicoliturgico e nel clima di preghiera del monastero. Né poteva mancare, nel IX centenario della sua morte, un saggio su Anselmo d’Aosta, non cisterciense, certo, ma monaco appassionato, dedito alla più alta, sottile e orante speculazione della fede. Chiude il volume una serie di acute osservazioni di don Simone M. Fioraso sulla impresa monastica e la sua molteplice creatività, che, con la liturgia e la devozione, l’arte e l’architettura, le strutture organizzative e i metodi educativi, hanno plasmato la coscienza culturale d’Europa.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Percorsi monastici. Incontri e studi nell'ultimo decennio"
Editore: Lateran University Press
Autore: Nardin Roberto
Pagine: 164
Ean: 9788846506580
Prezzo: € 9.00

Descrizione:Con la raccolta di questi scritti, che si possono considerare veritasselli per una rassegna di storiografia monastica, lo studiosopuò misurare i progressi delle ricerche storiche sul monachesimoanche in rapporto alla attenzione sulla attualità sotto il profilodottrinale, teologico e liturgico, compiuti in questo fecondo decennio.Inoltre non mancano riferimenti a figure, studi e scuolemonastiche che hanno, in vari ambiti, segnato la riscoperta delmonachesimo avvenuta lungo il Novecento. Riunire insieme questivari momenti costituisce fecondo stimoloper ulteriori ricerche.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il cammino del monaco"
Editore: Qiqajon Edizioni
Autore: Luigi d'Ayala Valva
Pagine: 992
Ean: 9788882272791
Prezzo: € 50.00

Descrizione:Sono qui radunati per la prima volta insieme tutti i testi legislativi o di riferimento della tradizione monastica d'oriente e d'occidente. Un'opera di completezza e organicità uniche per conoscere la vita monastica e le esigenze dell'Evangelo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cultura e desiderio di Dio"
Editore: Porziuncola Edizioni
Autore: A. Bartoli Langeli, J. Dalarun, A. Vauchez e altri
Pagine: 128
Ean: 9788827006405
Prezzo: € 16.00

Descrizione:È proprio vero che la cultura umanistica e quella monastica hanno rappresentato due poli opposti e inconciliabili nell'autunno del Medioevo? Questo volume - ricco di contributi significativi dal punto di vista storico, letterario e più direttamente linguistico e grafico - si propone di offrire alcuni tentativi di risposta, mettendo in luce aspetti della formazione, della cultura, dell'ambiente, dell'attività letteraria di alcune significative personalità di Clarisse dell'Osservanza. Ne emergono un mondo femminile culturalmente vivacissimo e una vera e propria "rete" di rapporti tra i diversi monasteri osservantini, che anche attraverso la circolazione dei testi rivela un progetto culturale ampio e consapevole. Una attività intellettuale "al femminile", discreta ma ostinata, capace di incrinare vecchie certezze e costruire nuovi spazi di riflessione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La filosofia monastica: "Sapere Gesù""
Editore: Jaca Book
Autore: Biffi Inos
Pagine: 704
Ean: 9788816408593
Prezzo: € 74.00

Descrizione:

Il monastero, durante tutto il medioevo, è luogo di produzione e invenzione filosofica
È di san Bernardo l'espressione: «Questa è la mia più sublime e la mia interiore filosofia: sapere Gesù»; in realtà, tutta la riflessione monastica è espressione di questa filosofia e di questo sapere. Certamente anche il monastero è una "scuola", dove tuttavia, più che a una conoscenza speculativa del mistero, si mira alla sua ammirata contemplazione, alla sua intima esperienza e alla sua fedele imitazione.
È quanto risalta dai saggi contenuti in questo volume dell'«Opera Omnia» di Inos Biffi. Dopo un'analisi dei tratti contrassegnanti il modo proprio di fare teologia nei chiostri, colombaniani, cisterciensi o benedettini, questi saggi ne esplorano l'ampia letteratura che ci hanno lasciato in eredità, per delineare sia alcuni profili di monaci (Colombano di Bobbio, l'abate di Clairvaux, Alfredo di Rievaulx, Gertrude di Helfta, e altri) sia alcuni aspetti del loro pensiero: un pensiero, che abitualmente si risolve nella figura di Cristo, suggestivamente definito come Colui nel quale è raccolta «tutta la dolcezza della terra», e per tutti rimane il termine del più vivo e orante desiderio.
I contributi del volume potranno concorrere efficacemente alla ripresa di un'immagine più integrale della teologia, che è indubbiamente «intelligenza della fede», ma anche «amore».



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La vita quotidiana di un convento medievale"
Editore: ESD Edizioni Studio Domenicano
Autore: Pietro Lippini
Pagine: 432
Ean: 9788870946550
Prezzo: € 29.00

Descrizione:Gli ambienti, le regole, l´orario e le mansioni dei Frati Domenicani del tredicesimo secolo.Fin dalla sua nascita l'Ordine domenicano ha una sua fisionomia caratteristica, che lo rende diverso non solo dai più antichi Ordini monastici, ma anche dagli Ordini mendicanti sorti nello stesso secolo XIII.Pietro Lippini ricostruisce, sulla base delle fonti duecentesche, lo stile di vita dei Domenicani nel primo periodo della loro lunga storia: la struttura del convento, l'ingresso dei giovani nella vita religiosa, la preghiera, lo studio, il governo delle comunità. Il volume comprende una traduzione delle antiche Costituzioni dell'Ordine domenicano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Piccola introduzione alla vita monastica"
Editore: Lindau Edizioni
Autore: Brunel Henri
Pagine: 128
Ean: 9788871807393
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Monaci buddisti, monaci zen, sufi, chassidim... tutti «uomini santi ». Il paradosso, all'alba del terzo millennio, sta nel fatto che, affascinati dalla spiritualità di questi mistici venuti da lontano, abbiamo dimenticato quel «monaco » che vive in mezzo a noi da oltre quindici secoli, che ha fondato i nostri villaggi, dissodato i campi, costruito le prime chiese, copiato e miniato i manoscritti, che ha raccolto, nutrito, curato, istruito, guidato e protetto i nostri avi: il monaco cristiano. Henri Brunel, mosso dalla curiosità e dall'amore per questi uomini, ci conduce nel cuore del monachesimo cristiano. Ci racconta la storia dei tre ordini principali - i Certosini, i Benedettini e i Cistercensi - parlandoci dei loro fondatori e delineandone gli assunti teologici e i precetti morali. Ma soprattutto descrive, grazie anche alle esperienze vissute in prima persona, la vita del convento, scandita oggi come un tempo da un insieme di attività e di riti quotidiani (la preghiera, lo studio dei testi sacri, il lavoro manuale, i pasti frugali...) che conservano intatta la propria suggestione e che trasmettono il profondo senso di dedizione e di sacrificio che anima questi «testimoni della fede» chiamati, secondo le parole di Giovanni Paolo II, «a essere lumi che rischiarano la strada sulla quale camminano tanti fratelli e sorelle in tutto il mondo».

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Uno con tutti"
Editore: Qiqajon Edizioni
Autore: Michel Van Parys
Pagine: 168
Ean: 9788882272456
Prezzo: € 12.00

Descrizione:L'uomo contemporaneo vede indebolite le proprie capacità di divenire se stesso in una libertà autentica e di accogliere l'altro in una comunione sincera: un monachesimo cristiano cosciente della forza della Parola e della sapienza secolare della propria tradizione, può aiutare gli uomini e le donne in mezzo ai quali vive a percorrere vie di senso e di dialogo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Monaci e città. Comuni urbani e abbazie cistercensi nell'Italia nord-occidentale (secoli XII-XIV)"
Editore: Biblioteca Francescana Edizioni
Autore: Grillo Paolo
Pagine: 362
Ean: 9788879621410
Prezzo: € 17.00

Descrizione:

L'esperienza del monachesimo riformato dei Cistercensi ebbe un grande successo nell'Italia settentrionale dei secoli XII e XIII. Le fondazioni dei monaci bianchi trovarono l'entusiastico supporto così delle famiglie signorili come dei membri del popolo urbano, oltre che dei vescovi e delle autorità comunali. Al di là delle teoriche proibizioni degli statuti dell'Ordine, le città divennero presto il principale punto di riferimento per le abbazie della regione. I monaci e le monache seppero mettersi in dialogo con le realtà urbane, accogliendo nel seno delle loro comunità esponenti dei diversi gruppi sociali e costruendo anche efficaci rapporti politici con i regimi popolari che si affermarono nella seconda metà del Duecento.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Disciplina caritatis. Il monachesimo vallombrosano tra medioevo e prima età moderna"
Editore: Viella
Autore: Salvestrini Francesco
Pagine: 470
Ean: 9788883343063
Prezzo: € 30.00

Descrizione:

Nel panorama del monachesimo benedettino italiano la congregazione vallombrosana, nata a una trentina di chilometri da Firenze all'inizio dell'XI secolo e presto diffusa in tutta la Toscana, ha costituito una delle più vivaci e interessanti esperienze di riforma ecclesiastica. L'attenzione degli storici, finora, si è concentrata prevalentemente sulle origini di questo movimento. Il presente volume, al contrario, tramite il duplice approccio alla storia della Casa madre e a quella dell'intero Ordine religioso, cerca di far luce anche sulle sue trasformazioni fino alla prima età moderna, con particolare attenzione al pieno e al tardo medioevo. Le tematiche prese in esame riprendono alcune fra quelle proposte dalla più recente storiografia italiana e internazionale, come la definizione istituzionale della congregazione, la gestione dei patrimoni pertinenti ai singoli chiostri, la tradizione degli studi, la documentazione archivistica, gli organi di controllo della disciplina comunitaria. In questo senso il libro intende illustrare quale sia stata la tradizione monastica vallombrosana nel periodo successivo ai convulsi decenni della sua prima comparsa, durante la lunga stagione che vide l'affermazione del nuovo ordine religioso e il definirsi dei suoi rapporti, talora anche conflittuali, sia con la Chiesa che con i poteri laici.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il monachesimo non cristiano"
Editore: Abbazia San Benedetto
Autore: Paolo Trianni
Pagine: 192
Ean: 9788887796483
Prezzo: € 13.00

Descrizione:E’ un bisogno dei nostri tempi, ma anche una pura esigenza teologica dello spirito, cercare un dialogo tra i percorsi religiosi attraverso i quali gli uomini hanno cercato il divino. Tale volumetto si situa all’interno di questo percorso per il quale Papa Montini affermava nel 1964: “Ogni religione possiede un raggio di luce […]”.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I monasteri cristiani. Guida storica ai più importanti edifici monastici del mondo"
Editore: Arkeios
Autore: Guter Josef
Pagine: 367
Ean: 9788886495936
Prezzo: € 32.50

Descrizione:

I monasteri esercitano oggi un fascino sorprendente. Dopo l'epoca della loro soppressione sembra diffondersi intorno a essi un crescente interesse che abbraccia ampi strati sociali. Le ragioni di questo interesse sono numerose e molto diverse perché i monasteri hanno qualcosa da offrire a ognuno. Questo dizionario enciclopedico è il risultato di un processo di raccolta e di ricerca durato un decennio e cerca di colmare una lacuna nella letteratura sul monachesimo, tentando di riunire in un libro una selezione di monasteri estesa a livello internazionale. Questa scelta è stata effettuata non solo in relazione a una determinata terra, famiglia linguistica, regione od Ordine, ma accogliendo monasteri di tutto il mondo, in base anche all'orientamento ecumenico, raccogliendo dunque monasteri che appartengono a tutte le chiese cattoliche e a ogni confessione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lavoro e preghiera. Un cammino spirituale con la Regola di san Benedetto e la Sacra Scrittura"
Editore: Gribaudi
Autore: Grün Anselm, Assländer Friedrich
Pagine: 208
Ean: 9788871529400
Prezzo: € 12.00

Descrizione:L'obbligo di minimizzare i costi e massimizzare i profitti genera in molte aziende, e soprattutto nei dirigenti, una forte pressione. Questo libro è rivolto proprio a chi vorrebbe applicare le virtù cristiane della guida delle persone anche all'ambito quotidiano del lavoro. Anselm Grün, monaco benedettino e famosissimo autore, unisce le proposte spirituali alle conoscenze tratte dall'esperienza di Friedrich Assländer come trainer e consulente aziendale. Numerosi testi ed esercizi pratici aiutano a sviluppare un'onesta autocritica nonché a inserire nella vita professionale di ogni giorno virtù fondamentali quali la lealtà, l'attenzione e l'autocontrollo. Un libro per capire che è possibile oggi dirigere e guidare le persone senza perdere di vista il singolo individuo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il monaco e la bibbia"
Editore: Abbazia San Benedetto
Autore: Réginald Grégoire
Pagine: 144
Ean: 9788887796490
Prezzo: € 11.00

Descrizione:

Delineare, in un agile volumetto, il rapporto tra Sacra Scrittura e monachesimo è un’ impresa ardua. Ma, perché sarebbe lecito o ragionevole ipotizzare un incontro tra monachesimo e Bibbia? In realtà, basterebbe già conoscere qualche monaco serio per indovinare la fonte della sua identità ecclesiale, oltre la fede, la vocazione: tutto è condizionato dalla sua familiarità con la Sacra Scrittura.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il monachesimo secondo la tradizione dell'Oriente cristiano"
Editore: Lipa
Autore: Spidlík Tomás
Pagine: 308
Ean: 9788889667132
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

La convinzione di base di questo libro è che il monachesimo è sempre da rifare, ma sempre è già detto, già fatto. La vocazione del monaco ha le sue radici profonde nella creazione dell’uomo ad immagine di Dio. Il peccato ha modificato la realizzazione di tale vocazione: c’è bisogno di una “rinascita dall’alto” per tornare a vivere questa vita. È il battesimo che costituisce questa novità. Ora, in modo emblematico, le professioni monastiche, prima in Oriente e poi in Occidente, si sono tutte modellate sui riti battesimali. Questo nella convinzione – una convinzione che l’Oriente non ha mai perduto – che la spiritualità monastica è semplicemente la radicalizzazione escatologica delle promesse battesimali e perciò è sentita esemplare per tutti i cristiani. La vita monastica quindi non come una condizione a parte, propria di una categoria di cristiani, ma come punto di riferimento per tutti i battezzati, nella misura dei doni offerti a ciascuno dal Signore, proponendosi come la paradigmaticità di uno stato cristiano cristallizzato in una forma particolarmente significativa e saporosa. Un libro utilissimo per conoscere ciò che la Chiesa universale custodisce attraverso quanto ha vissuto e trasmesso, e ancora oggi continua a fare, il monachesimo orientale. Indice: Introduzione * 1. Paragoni storici * 2. I monaci - uomini di Dio * 3. I consigli evangelici * 4. La vita ascetica * 5. La vita di preghiera * 6. L'opera dei monaci * 7. Le forme della vita monastica * 8. La città di Dio.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Benedetto. L'eredità artistica"
Editore: Jaca Book
Autore: AA.VV.
Pagine: 456
Ean: 9788816603622
Prezzo: € 160.00

Descrizione:Mentre è inconcepibile pensare alla storia della cultura e della religiosità europea senza il contributo dei benedettini, è meno ovvio riconoscere, nei 1.500 anni trascorsi da Benedetto, le numerose stagioni artistiche nelle quali il fattore culturale benedettino è stato fondamentale. Oggi non è più in uso la formula "arte benedettina", come se Benedetto fosse stato all’origine di un movimento artistico in senso proprio. È invece riconosciuto che nessun altro avvenimento ha influenzato le arti occidentali con tanta forza e in ondate successive come il fenomeno benedettino. Il volume non tratta quindi di arte benedettina ma di diverse stagioni artistiche, passi fondamentali, nella storia dell’arte occidentale. Con Benedetto, la scelta dello spazio monastico non racchiuso in se stesso diviene modello per il monachesimo occidentale. Nel IX secolo, con Benedetto d’Aniane e il favore di Carlo Magno, il monachesimo europeo diviene benedettino; lo stesso accade per l’arte monastica già prima dell’anno Mille. La riforma di Cluny segna l’esplosione dell’arte romanica europea. Poco dopo, a cavallo tra il romanico e il gotico, la riforma di Bernardo fa nascere l’arte cistercense. In età barocca, i benedettini danno la loro impronta monastica e artistica alla riforma cattolica, particolarmente in Europa centrale e in Brasile. Nel XIX secolo, alle arti sacre accade come all’esperienza monastica: sono respinte in una sorta di esilio nell’Europa liberale e borghese. Sul finire del secolo, tuttavia, la scuola artistica benedettina di Beuron getta ponti verso l’art nouveau e la modernità. Infine, l’età contemporanea vede nascere edifici che sono veri capolavori, legati alla committenza di monasteri e spesso per opera di architetti benedettini. Sono stati coinvolti in questo libro 32 autori tra i massimi studiosi dell'arte a livello internazionale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le istituzioni cenobitiche"
Editore: Qiqajon Edizioni
Autore: Giovanni Cassiano
Pagine: 388
Ean: 9788882272371
Prezzo: € 24.00

Descrizione:L'opera di Cassiano, ponte e anello di collegamento fondamentale tra oriente e occidente, ha permesso a innumerevoli generazioni di monaci di attingere alle fonti più antiche e autentiche del monachesimo e rimane una pietra miliare della letteratura cristiana della chiesa indivisa.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Privilegio d'amore"
Editore: Qiqajon Edizioni
Autore: Cecilia Falchini
Pagine: 388
Ean: 9788882272272
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Rileggendo le fonti camaldolesi si può comprendere meglio l'esperienza e la reale personalità di Romualdo, monaco vissuto tra X e XI secolo. I testi qui raccolti esprimono l'anelito iniziale e il progetto dei primi monaci camaldolesi e fanno emergere la centralità dello sviluppo della vita interiore nell'esperienza cristiana e monastica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU