Articoli religiosi

Libri - Letteratura Antica, Classica E Medievale



Titolo: "L' esoterismo di Dante"
Editore: Tipheret
Autore: Guénon René
Pagine: 88
Ean: 9788864964423
Prezzo: € 10.00

Descrizione:L'idea di Guénon, in questo volume apparso nel 1925, è che Dante Alighieri sia stato membro di un ordine iniziatico e che, scrivendo la Divina Commedia, abbia voluto lasciare ai lettori della sua opera un messaggio dottrinale nascosto nei versi. Il poema, infatti, è ricco di parallelismi massonici ed ermetici e come tale potrebbe essere letto e capito solo dagli iniziati. Le tre cantiche della Divina Commedia rappresentano quindi un percorso iniziatico: l'Inferno rappresenta il mondo profano; il Purgatorio illustra le prove iniziatiche e il Paradiso rappresenta l'illuminazione. Il numero tre compare ripetutamente nell'Opera e ha una grande importanza nel percorso iniziatico: tre sono i principi massonici (libertà, uguaglianza e fratellanza), tre le virtù teologiche (fede, speranza e carità), tre gli elementi alchemici (zolfo, mercurio e sale) necessari per creare la "Grande Opera". Il libro appare qui nella traduzione e curatela di Arturo Reghini.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cleofonte deve morire. Teatro e politica in Aristofane"
Editore: Laterza
Autore: Canfora Luciano
Pagine: IX-518
Ean: 9788858133682
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Siamo nel pieno della guerra del Peloponneso. Atene rischia la sconfitta. La tensione è altissima: il partito aristocratico vuole accordarsi a qualunque prezzo con Sparta e adottare il modello politico dei vincitori. I democratici vogliono resistere fino alla fine e salvare la costituzione. Cleofonte è il leader della parte democratica ed è l'uomo da abbattere. In questo tumultuoso quadro politico, un ruolo fondamentale lo giocano i drammaturghi. Alcuni di loro intrattengono un rapporto stretto con i gruppi di pressione decisi a scalzare il regime democratico. La commedia si fa, cosi, interprete della 'maggioranza silenziosa', quella che non va all'assemblea popolare, e la sobilla contro i suoi capi presentandoli come mostruosi demagoghi. Aristofane, il commediografo, si fa agitatore politico. La sua grande abilità consiste nel presentarsi come il difensore del popolo agendo, in realtà, per conto di chi intende distruggere il potere popolare. Nella commedia intitolata "Rane" getta la maschera, chiede e auspica la condanna di Cleofonte, accanito oppositore del potere oligarchico; rompendo la finzione scenica fa un vero e proprio comizio, e parla, questa volta apertamente, della bruciante attualità politica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Omero"
Editore: Lindau Edizioni
Autore: Enzo Mandruzzato
Pagine: 288
Ean: 9788867088614
Prezzo: € 19.50

Descrizione:L'Iliade e l'Odissea, le più alte creazioni del genio poetico greco, sono un patrimonio storico e narrativo di immenso valore che ha nutrito e continua a nutrire l'immaginario degli uomini. Chi non ricorda le appassionanti vicende e le grandi personalità dell'Iliade? Il litigio tra Achille e Agamennone che ha portato alla morte di Patroclo e alla disperazione di Achille; il colloquio tra Ettore e Andromaca, che porta in braccio il piccolo Astianatte; lo scontro finale tra i due eroi e la spedizione di Priamo nel campo acheo, per riavere la salma di suo figlio. Ma non meno intense sono le emozioni suscitate dalle avventure di Ulisse, quando è alle prese con Polifemo o con le sirene, o quando arriva a Itaca e ritrova il cane Argo e la vecchia nutrice, i primi a riconoscerlo, per poi rivelarsi a Penelope e uccidere i Proci. I personaggi dei due poemi non fanno che «dialogare, combattersi, rivaleggiare, amarsi e odiarsi», insomma esistere, esprimendo la natura umana in tutta la sua complessità. Guidandoci nella lettura di Omero, Enzo Mandruzzato restituisce piena attualità a quel mondo di uomini, Dei ed Eroi che fu per gli antichi mito e racconto sacro: «Idealizzati ma anche estremamente reali, uomini di sempre, in guerra e in pace. Uomini e donne».

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Theuerdank. The epic of the last knight"
Editore: Taschen
Autore:
Pagine: 400
Ean: 9783836566209
Prezzo: € 30.00

Descrizione:Le mirabili gesta del cavaliere Theuerdank e del suo scudiero Ehrenhold rappresentano l'ultima grande produzione epica del tardo Medioevo. Il viaggio compiuto da questo coraggioso cavaliere per ingraziarsi la sua futura moglie, Maria di Borgogna, le sue trionfali battaglie e altre perigliose avventure sono al centro di questa 'biografia' romanzata del futuro imperatore Massimiliano I (1459-1519). Re di Germania e dal 1508 imperatore del Sacro Romano Impero, Massimiliano fu un grande mecenate, ma anche il primo sovrano a intuire le grandi potenzialità della propaganda, al punto che commissionò una trilogia di sontuosi libri illustrati per immortalare le proprie gesta. Tra questi, il "Theuerdank", l'unico volume di cui vide la pubblicazione, composto da Melchior Pfinzing sulla base di una fantasiosa bozza scritta dall'imperatore stesso. Le 118 preziose xilografie rifinite in oro, una per ogni capitolo, furono realizzate da Hans Burgkmair il Vecchio, Hans Schäufelein e Leonhard Beck, mentre il tipo di carattere (conosciuto come Theuerdank e caratterizzato da mirabili svolazzi "a proboscide") fu creato appositamente per il libro dalla stamperia di Hans Schönsperger il Vecchio. Questa edizione, tratta da un rarissimo originale colorato a mano conservato alla Bayerische Staatsbibliothek di Monaco di Baviera, include un saggio di Stephan Füssel sulla vita e le opere di Massimiliano - che indaga in particolare il suo ruolo nello sviluppo dell'arte e della pratica della stampa -, nonché una selezione dalla clavis o 'chiave' di Melchior Pfinzing, un testo che nell'edizione originale aveva lo scopo di precisare, a beneficio dei contemporanei di Massimiliano, quali parti dei racconti fossero veritiere e quali invece frutto di fantasia. Il lettore potrà inoltre ammirare i famosi caratteri dagli svolazzi "a proboscide" nelle magnifiche riproduzioni a doppia pagina, fedeli all'originale in ogni minimo dettaglio, macchia o sbaffo. Riproponendo passo per passo i racconti tradotti in un linguaggio moderno, il libro getta luce sulle strategie narrative impiegate e sugli eventi storici che si celano dietro alle allegorie di quest'epopea.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Petri Alfonsi dialogus. Ediz. critica"
Editore: Sismel Edizioni del Galluzzo
Autore:
Pagine: 471
Ean: 9788884508614
Prezzo: € 98.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Yoyage dantesque. Viaggio dantesco. Testo francese a fronte"
Editore: Polistampa
Autore: Ampère Jean-Jacques
Pagine: 264
Ean: 9788859618751
Prezzo: € 20.00

Descrizione:La prima traduzione italiana del Voyage Dantesque di Jean-Jacques Ampère si colloca fatalmente, giusta - si direbbe - le potenti ed inesplicabili norme che, formalizzatesi nel celebre adagio latino nomen omen, legano magicamente nome e destino, nell'ambito di una rete tanto complessa quanto fascinosa di voyages, vorticosamente sospesi - nel cuore pulsante della comunicazione letteraria e della sociabilità culturale transnazionali ed intraeuropee del diciannovesimo secolo - tra verità e menzogna, identità autoriale ed errore attributivo, intentio originaria e trasposizione linguistica: viaggi, dunque, reali e metaforici, fisici e immaginativi, e contemporaneamente metamorfosi o addirittura usurpazioni, di idee e parole, di lingue e culture, di itinerari esplorativi e trouvailles euristiche, di sublimi o sublimate esperienze di sensiblerie così come di ermeneutica, e insieme di profili, veridici e inautentici, di scrittori-viaggiatori.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ovid. Loves, myths and other stories"
Editore: Arte'm
Autore: Ghedini Francesca
Pagine: 64
Ean: 9788856906554
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Papi che leggono Dante. La ricezione dantesca nel magistero pontificio da Leone XIII a Benedetto XVI"
Editore: Stilo
Autore: Merla Valentina
Pagine: 504
Ean: 9788864792125
Prezzo: € 35.00

Descrizione:In un clima polemico tra cattolici e non cattolici, negli anni dell'Unità d'Italia, in cui una falange del patriottismo italiano aveva incasellato l'Alighieri sotto l'egida del ghibellinismo anticlericale, Leone XIII interviene assolvendo la Monarchia dalla colpa di eresia e ricollocando il pensiero di Dante in seno alla Chiesa. Sulla scorta di tale assoluzione, Pio X incentiva le iniziative per il VII centenario dantesco, Benedetto XV rivaluta il poeta con l'enciclica "In praeclara summorum" (1921), aprendo le porte al riuso che i pontefici successivi faranno del corpus degli scritti danteschi: Dante diventerà una auctoritas a supporto delle argomentazioni, per mezzo di una fitta trama di allusioni e citazioni. Nel 1965, in occasione del VI centenario dantesco, Paolo VI con la lettera apostolica "Altissimi cantus" definirà Dante teologo e Giovanni Paolo II si servirà della fonte dantesca non solo nei documenti del magistero, ma anche nella sua produzione letteraria, soprattutto nel Trittico romano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Due bugie di Dante. Ciacco e Filippo Argenti non sono mai esistiti. Perché l'autore se li è inventati?"
Editore: Anicia
Autore: Tortorici Michele
Pagine: 157
Ean: 9788867093670
Prezzo: € 20.00

Descrizione:I primi commentatori della Commedia si sforzarono di trovare, per ciascuno dei personaggi coevi a Dante che compaiono nel poema, una precisa identità storica. Spesso una totale mancanza di documenti, palesi contraddizioni o fantasiose falsificazioni dimostrano che essi non avevano la più pallida idea di chi fossero quei personaggi. Una analisi dei casi di Ciacco e di Filippo Argenti condotta senza pregiudizi porta a scoprire che le incoerenze e le manipolazioni toccano per questi due personaggi livelli macroscopici e, per quanto riguarda il secondo, può far sospettare che quegli antichi commentatori (e tra loro, in prima fila, il Boccaccio) volessero tenere nascosto qualcosa che ritenevano disonorevole per Dante. Un vero e proprio giallo. L'autore affronta questo groviglio di questioni con un'indagine accurata dal punto di vista storico, critico e filologico, ma anche con una certa leggerezza narrativa: non è usuale trovare i nomi di Mike Buongiorno e di Caparezza in un saggio letterario. Ne emerge una certezza: né Ciacco né Filippo Argenti sono mai esistiti. Di conseguenza la domanda che l'autore si pone a proposito di questi personaggi non è più: "Chi furono storicamente?", ma: "Perché Dante se li è inventati?". La risposta a questa domanda, che conclude il saggio, penetra nelle pieghe più profonde del genio dantesco. Ma non la riveliamo qui: abbiamo detto che si tratta di un giallo!

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Natura ed etologia dall'antichità al Rinascimento"
Editore: Ledizioni
Autore:
Pagine: 158
Ean: 9788867054343
Prezzo: € 22.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Maia. 2/2018: Rivista quadrimestrale di letterature classiche."
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore:
Pagine: 208
Ean: 9788837232535
Prezzo: € 25.00

Descrizione:SOMMARIO Francesco Mori, Socrate, Palamede e l'empio processo. Declinazioni di un topos da Euripide a Senofonte Pedro Proscurcin Junior, Some Thoughts on the Socratic Use of Iliad x 224 in Plato's Protagoras and Symposium. A Dialogical Context Previous to the Dialectic Method? Mariachiara Angelucci, Polemone di Ilio e la sua opera Pro;~ Tivmaion Francesca Gazzano, La Lidia di Plinio il Vecchio Manuel Galzerano, Four Notes on Lucretius and a Note on Manilius Gianpiero Rosati, Enigmi e paradossi in Marziale (iv 3 e iv 18), o l'epigramma come teatro della vita Marta M. Perilli, Le armi improprie di Sceva. Suggestioni dalla Centauromachia ovidiana in Lucano (vi 169-179) Francesco Grotto, «Egregius formaque animisque». Un Marcello "virgiliano" in Stazio, Silvae iv 4 Davide Paolillo, Sul numero dei libri degli Annales e delle Historiae di Tacito. Un riesame della questione Morena Deriu, The Draught of Circe and the Songs of the Sirens. Satire in Lucian's On Dancing Michele Solitario, La polufwniva filosofica nelle orazioni di Massimo di Tiro Alessandro Schiesaro, Claudian's De raptu iii 126-127. Ceres' Intertextual Unconscious CRONACHE Gilberto Marconi, "Marginali". Sul testo, nel testo. Convegno internazionale, Macerata 12-14 aprile 2018 Maria Lavinia Porceddu, Animali parlanti. II. Letteratura, teatro, disegni. Convegno internazionale, Trento 17-18 aprile 2018 Caterina Mordeglia Aristofane, I Cavalieri, regia di Giampiero Solari, inda-Istituto Nazionale del Dramma Antico, 54° Festival del teatro greco di Siracusa, 29 giugno-8 luglio 2018 RECENSIONI Lisa Longoni rec. a Alessandra Rolle, Dall'Oriente a Roma. Cibele, Iside e Serapide nell'opera di Varrone, ets, Pisa 2017 Malena Trejo rec. a Guglielmo Cavallo, Escribir, leer, conservar. Tipologías y prácticas de lo escrito, de la Antigüedad al Medioevo, Ampersand, Buenos Aires 2017 Marina Giordanelli rec. a Gilberto Marconi, Anna e Gioacchino. I nonni materni di Gesù. Indagine sul Protovangelo di Giacomo 1-5, edb, Bologna 2017 SCHEDE Agricola, Rodolfo Mengotti, Petronio, Angelo Poliziano, Signes textes

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La dotta lira. Ovidio e la musica"
Editore: Marsilio
Autore: Isotta Paolo
Pagine: 426
Ean: 9788831742986
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Ovidio morì duemila anni fa relegato da Augusto sul mar Nero. Non riuscì mai a comprenderne il perché. Forse "Le metamorfosi", il suo più ampio poema, spaventarono il principe: ispirato com'è all'idea, modernissima, che nulla nell'universo è stabile, ma tutto dall'eternità muta e muterà. La materia incessantemente si trasforma, non è stata creata e non si distrugge. Gli dèi divengono uomini, gli uomini dèi, oppure animali, piante, aria, acqua: fiumi, laghi. Il poema è insieme il più grande racconto del mito, di tutti i miti, che la letteratura abbia mai tentato. Nessun poeta, nemmeno Omero e Virgilio, ha tanto ispirato la pittura e la scultura. Ma la dotta lira ha creato musica, da Poliziano a Strauss, attraverso Monteverdi, Cavalli, Scarlatti, Bach, Händel, Pergolesi, Porpora, Dittersdorf, Haydn, Cherubini, Clementi, Berlioz, Liszt, Offenbach, Massenet, e tanti altri, più di ogni altra voce poetica: voce poi echeggiata e variata per l'ultima volta nel Novecento dall'arte di D'Annunzio. Il teatro musicale nasce nel nome di Ovidio, e nei secoli opere, drammi musicali, cantate, sinfonie e concerti traggono alimento dalla sua poesia; poi, dai grandi ritratti di donne eroiche, innamorate, fedeli, infedeli, abbandonate presenti nelle "Metamorfosi" e, con i loro Lamenti, nelle "Eroidi"; dalle favole del calendario pagano nel poema dei Fasti. Apollo, Dafne, Orfeo, Euridice, Arianna, Medea, Teseo, Giunone, Giove, Dioniso, Venere, Amore, Mercurio, Cibele, Latona, Diana, Morfeo, Persefone, Plutone, Pan, Ercole, Fetonte, Atteone, le Baccanti, Perseo, Galatea, Polifemo, Fedra, il Minotauro, Icaro, Glauco, Pigmalione, Danae, Semele, Marsia, Ulisse, sempre rinascono in note. Con loro le favole del caos, della notte, degli inferi, dell'Olimpo, dell'origine dell'universo, del diluvio. Questo libro racconta il mito nella metamorfosi della musica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Studi classici orientali (2018)"
Editore: Pisa University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 9788833390178
Prezzo: € 50.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Quando la vita ti viene a trovare. Lucrezio, Seneca e noi"
Editore: Laterza
Autore: Dionigi Ivano
Pagine: 125
Ean: 9788858133293
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Per una meravigliosa e tremenda ambiguità linguistica, la morte e la vita sono iscritte nella stessa parola bios: bíos è vita, biós è arco. Noi siamo così un cerchio incompiuto, imperfetto, un arco, in cui inizio e fine non coincidono. Solitari restare a riva a osservare le tempeste della vita o salire a bordo senza troppo curarci dei compagni di viaggio? Seguire le leggi del cosmo o le leggi dell'io? Scegliere la politica o l'antipolitica? Il negotium o l'otium? Credere o capire di fronte a Dio e alla morte? Seguire la lezione dei padri o la rivoluzione dei figli? Basta volgere lo sguardo al mondo classico di Atene e Roma per trovare i nostri più naturali interlocutori, coloro che ci hanno preceduti nelle nostre stesse domande. Lucrezio e Seneca hanno fatto il controcanto al presente ponendosi le domande ultime. Non importa quali risposte abbiano dato, importa invece la loro allergia al pensiero unico, tanto da averci prospettato concezioni diverse e rivali del mondo. Importa il coraggio di sperimentare, in solitudine e in autonomia, cosa significa sopportare la verità quando la vita ti viene a trovare. A loro dobbiamo rivolgerci per ricordarci come eravamo e come potremmo essere.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il «Furioso» fra epos e romanzo"
Editore: Ledizioni
Autore: Zatti Sergio
Pagine: 215
Ean: 9788867058044
Prezzo: € 18.00

Descrizione:La fedeltà del Furioso al genere cavalleresco si misura nell'accoglimento, ma anche nella decisiva trasformazione, dei due elementi che lo caratterizzano dal punto di vista della forma narrativa e del contenuto tematico. Invece di ripudiare una tecnica ormai abusata come l'entrelacement, Ariosto la fa propria con una tale frequenza e intensità di applicazione da compromettere, in misura ben maggiore dei predecessori recenti (Pulci, Boiardo), la linearità e la fluidità del racconto. Parallelamente, estremizza certe infrazioni già boiardesche sul piano tematico: l'amore di Orlando trasformato e degenerato in follia, l'oltranza cortese (e il suo contrario, l'oltranza vilain) di certe situazioni e personaggi. Ariosto insomma sfrutta a fondo le risorse di una tecnica (entrelacement) e valorizza certi meccanismi tematici (inchiesta). Ma fa qualcosa di più importante ancora: mette in rapporto di implicazione reciproca i due elementi in questione. Una delle novità storicamente sostanziali del Furioso è da individuare nella esemplarità di questo rapporto di interdipendenza che si viene a stabilire fra entrelacement e inchiesta. prefazione di Comelli Michele.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' Egloga IV di Virgilio e l'interpretazione di Salvatore de Lorenzo"
Editore: LAS Editrice
Autore:
Pagine: 138
Ean: 9788821313233
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Moralité de fortune, maleur, eur, povreté, franc arbitre et destinee. Ediz. critica"
Editore: Rosenberg & Sellier
Autore:
Pagine: CCXXVI-240
Ean: 9788878856547
Prezzo: € 32.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La lingua delle «cantigas». Grammatica del galego-portoghese"
Editore: Carocci
Autore: Larson Pär
Pagine: 139
Ean: 9788843093953
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Tra gli ultimi decenni del XII secolo e la metà del XIV, i "trobadores" galego-portoghesi crearono un corpus di poesia amorosa, satirica, morale e religiosa che poco ha da invidiare alle opere dei coevi trovatori e trovieri provenzali, francesi e italiani. La parlata della Galizia - il "finis terrae" atlantico fino ad allora noto soprattutto come meta di pellegrinaggi - e del Nord del Portogallo divenne così la principale lingua lirica della Penisola iberica, praticata da nobili, chierici e giullari, nonché da due re, mecenati e raffinati poeti: Alfonso X di Castiglia e León (1252-84) e Don Denis di Portogallo (1279-1325). In Italia, questa scuola poetica è stata oggetto di studio fin dall'Ottocento da parte di filologi di vaglia (un nome per tutti: Ernesto Monaci), che hanno aperto la strada con approfonditi lavori sia sugli aspetti letterari, ecdotici e metrici, sia sulla tradizione manoscritta. Mancavano finora studi incentrati specificamente sulla lingua delle "cantigas de amor", "de amigo", "d'escarnio" e "de mal dizer", nonché delle "Cantigas de Santa Maria" di Alfonso X. Questa grammatica, d'impostazione innovativa, è un tentativo di descrizione sistematica del galego-portoghese, che ha il fine di agevolare la lettura e la comprensione dei testi da parte degli studenti universitari.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Boccaccio: gli antichi e i moderni"
Editore: Ledizioni
Autore: Cabrini Anna Maria, D'Agostino Alfonso
Pagine: 302
Ean: 9788867058082
Prezzo: € 28.00

Descrizione:I saggi raccolti nel volume intendono sottoporre a un nuovo e approfondito esame un significativo ventaglio di temi e di aspetti relativi alla vitale presenza di autori "antichi" e "moderni" nell'opera di Boccaccio nonché all'eccezionale ricezione secolare della sua produzione letteraria: da Omero alla riflessione sulla poesia e sui poeti, da questioni metodologiche e tematiche sull'intertestualità alla centralità e risonanza della parola, in forma diretta e nella scrittura, dalla fortuna ai modi di trasformazione e riappropriazione in altre letterature e arti fino all'epoca contemporanea.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sguardo contemplativo. Saggio su Pietro Damasceno autore filocalico"
Editore: Pazzini Editore
Autore: Bielawski Maciej
Pagine: 126
Ean: 9788862573122
Prezzo: € 12.50

Descrizione:Pietro Damasceno è un solitario bizantino dell'XI/XII secolo. Della sua vita non sappiamo quasi nulla, possediamo invece un suo testo, esteso, curioso e profondo, che tratta di questioni spirituali come preghiera, meditazione, ascesi, umiltà e contemplazione. Per il suo stile lento, pacato e saggio, Pietro potrebbe essere chiamato il "Montaigne bizantino". È un autore da scoprire.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dante. Una vita in esilio"
Editore: Laterza
Autore: Mercuri Chiara
Pagine: 232
Ean: 9788858133217
Prezzo: € 18.00

Descrizione:L'esilio è come il mar Rosso che si richiude dietro alle spalle, senza aprire alcuna Terra Promessa; ti lascia lì in mezzo al guado, impossibilitato ad andare avanti, impedito nel tornare indietro. Mandare qualcuno in esilio nell'Italia del Trecento, significava volergli fare terra bruciata intorno, distruggergli il nido, buttargli giù la casa pietra a pietra, sasso a sasso, trave a trave. A partire dal racconto tragico dell'esperienza dell'esilio, riprendono vita le vicende biografiche e poetiche di uno dei più grandi autori della letteratura mondiale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il cavaliere e l'animale. Aspetti del teriomorfismo guerriero nella letteratura francese medievale (XII-XIII secolo)"
Editore: eum
Autore: Sciancalepore Antonella
Pagine: 400
Ean: 9788860565594
Prezzo: € 21.00

Descrizione:Nei romanzi e nelle canzoni di gesta medievali, il cavaliere si presenta come un assemblaggio di marchi identitari che ancorano l'individuo alla società attraverso la costante mediazione degli animali. Interpellando una folta schiera di testi appartenenti al rigoglioso panorama letterario francese dei secoli XII e XIII, questo volume propone un'esplorazione globale delle modalità in cui l'animale interviene a costruire l'identità del cavaliere. Attraverso questo percorso testuale, l'autrice rivela la complessità simbolica dell'animale nella codificazione medievale della mascolinità, della nobiltà e della violenza, e invita il lettore a districarsi nel rapporto di intimità e di alterità che lega l'umano e l'animale nella longue durée della cultura europea.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' Islam e il Graal. Studio sull'esoterismo del Parzival di Wolfram von Eschenbach"
Editore: SE
Autore: Ponsoye Pierre
Pagine: 158
Ean: 9788867232956
Prezzo: € 20.00

Descrizione:La leggenda del Graal è un "mistero" intorno al quale gli studiosi continuano a interrogarsi. Pur sfuggendo a una definizione teologica specifica, il Graal può essere descritto come "visione di Dio", cioè come l'incontro di Dio con se stesso nell'uomo. Ma l'universalità del Graal, in quanto tale, pone un problema maggiore: quello delle fonti non cristiane che sono all'origine della sua leggenda. Rifacendosi alle dottrine esoteriche tradizionali, e rileggendo in questa luce il "ciclo" del Parzival di Wolfram von Eschenbach, Pierre Ponsoye rintraccia gli elementi islamici presenti nella leggenda del Graal, spesso trascurati dagli studiosi, rivelando così la Tradizione sacra che costituisce la segreta genealogia di un simbolo universale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il grande racconto dei miti classici"
Editore: Il Mulino
Autore: Bettini Maurizio
Pagine: 496
Ean: 9788815279262
Prezzo: € 28.00

Descrizione:Per i Greci i miti sono in primo luogo racconti: narrazioni meravigliose, che mescolano il divino e l'umano, il quotidiano e lo straordinario, suscitando davanti ai nostri occhi immagini di eroi, dèi, fanciulle, mostri e personaggi fiabeschi. Una schiera interminabile, perché più ci si addentra in questo fantastico mondo - attraverso l'ausilio della voce, della scrittura o delle immagini - più ci si accorge che ciascuno di questi racconti non è mai concluso in sé, ma rinvia sempre ad altri eventi, altri personaggi, altri luoghi, in un raccontare infinito che chiede solo di diventare a sua volta immagine o scrittura. La mitologia ha infatti la forma di una rete, in cui si intrecciano mille nodi. Nel corso del tempo, questa rete con i suoi molteplici richiami narrativi è stata calata infinite volte nel mare della cultura e, trascinata sul fondo, ha raccolto nomi, fatti, rituali, usi, costumi, regole, atteggiamenti, visioni del mondo. Per questo, raccontare o ri-raccontare oggi i miti degli antichi significa entrare dalla porta principale nella memoria della loro, della nostra cultura.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Bestiari tardoantichi e medievali"
Editore: Bompiani
Autore:
Pagine: 2592
Ean: 9788845295492
Prezzo: € 50.00

Descrizione:Nel medioevo cristiano tutto è simbolo e tra i simboli della natura gli animali sono certamente i più affascinanti e misteriosi. È impensabile avvicendarsi nei meandri della cultura medievale senza conoscerne la zoologia sacra. E il genere letterario che la illustra è quello dei bestiari, raccolte di descrizioni zoologiche (spesso fantastiche) seguite da interpretazioni allegoriche o morali. Solo negli ultimi decenni questi testi sono diventati oggetto di ricerche, di edizioni e di traduzioni. Il presente volume presenta - con i testi originali a fronte - una trentina di bestiari, praticamente l'integralità delle opere che appartengono a questa tradizione, a cominciare dall'archetipo del genere, il «Fisiologo greco». In diversi casi si tratta di nuove edizioni o di testi mai tradotti prima in italiano.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU