Articoli religiosi

Libri - Sessualità E Morale



Titolo: "L’affettività dei bambini da 0 a 6 anni. Parlare di amore e sessualità ai bambini"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Bettetini Massimo
Pagine: 128
Ean: 9788821560880
Prezzo: € 9.00

Descrizione:La dimensione affettiva è uno dei temi centrali e di primaria importanza su cui si gioca il destino di bambini, ragazzi e adolescenti. Il libro - primo di tre volumi dedicati alle diverse età dei bambini e ragazzi - nasce dal bisogno dei genitori di "sapere come comportarsi" e di "sapere cosa dire". Attraverso brevi capitoli, l'autore offre una visione realistica ma non pedante delle diverse fasi di sviluppo dell'affettività e dei suoi diversi aspetti, partendo dalle prime reazioni del neonato, dal preimprinting alle reazioni del papà e della mamma, dal pensiero magico alla prima coscienza del proprio sviluppo, dalla "condanna" della crescita al gusto della soddisfazione. L'autore, psicoanalista e psicologo della fiaba, usa spesso le metafore del mondo fiabesco per aiutare la comprensione e donare efficacia al proprio linguaggio. Massimo Bettetini (Milano 1965), laureato in Medicina e chirurgia, è psicoterapeuta, psicologo della fiaba e poeta. Collabora continuativamente con riviste pedagogiche. Ha vinto premi letterari nazionali e internazionali: Premio Internazionale Eugenio Montale (1990), Premio Lodi Città di Ada Negri (1991), Premio Giovan Battista Basile (2000), Gran Premio Capri - San Michele (2002). Tra le sue pubblicazioni: Fiabe Boeme (Rusconi 1993); Fiabe georgiane (Rusconi 1994); Fiabe russe (Rusconi 1994); Lo Scemo del Villaggio (Piemme 2000); Karol Wojtyla. La dottrina della fede in San Giovanni della Croce (Bompiani 2003); Karol Wojtyla. Il senso della vita (Ed. Corriere della sera, 5 maggio 2005). Per le Edizioni San Paolo ha pubblicato: Che fine ha fatto Peter Pan? (2005) e Amici pelosi e altre bestie (2006).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L’omosessualità nella Bibbia"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: AA.VV.
Pagine: 124
Ean: 9788821559921
Prezzo: € 11.00

Descrizione:In questo volume tre esegeti cristiani, due cattolici e uno protestante, accettano la sfida di tornare al testo biblico, di attenersi ad esso e di rileggerlo senza tabù né pregiudizi, per chiarire ciò che la Bibbia dice sull'omosessualità. Essi accettano di sottomettersi al testo, senza ricorrere a interpretazioni personali o ecclesiali. Per pronunciarsi sull'omosessualità a partire dalla Bibbia, bisogna infatti, prima di tutto, precisare ciò che la Bibbia dice e ciò che va oltre le sue intenzioni. Soltanto in un secondo momento, ci si può chiedere se l'insegnamento biblico mantenga il suo valore per la nostra società. Il presente studio, senza essere un trattato di etica sull'omosessualità, evidenzia l'importanza dell'insegnamento biblico per tale questione. Biblisti autorevoli e noti, Innocent Himbaza e Adrien Schenker sono membri del Dipartimento di Studi Biblici dell'Università di Friburgo, mentre Jean-Baptiste Edart, della Comunità dell'Emmanuel, è docente presso il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II in Roma, per gli studi sul matrimonio e sulla famiglia.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "ABC per una visione cristiana della sessualità"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Cascone Mario
Pagine: 64
Ean: 9788821559617
Prezzo: € 2.50

Descrizione:Continua la fortunata serie degli ABC che forniscono un primo approccio di base a diversi argomenti spesso difficili da affrontare per la loro naturale complessità. L'ABC offre un quadro complessivo orientando il lettore a comprendere le dimensioni dell'argomento, le fonti, il dibattito aperto e l'insegnamento cattolico sull'argomento. In particolare, sul tema della sessualità, il lettore troverà i punti cardine per inquadrare il problema: la sessualità come dono, cosa dice la Sacra Scrittura, la dimensione antropologica, la questioni più problematica e i suggerimenti per approfondire il tema. Mario Cascone è sacerdote della diocesi di Ragusa dal 1981. è stato animatore spirituale nazionale ed europeo del movimento "Cursillos di cristianità" dal 1996 al 2002. Attualmente è parroco della chiesa del Sacro Cuore a Vittoria (RG) e direttore del quindicinale diocesano Insieme di Ragusa. Insegna teologia morale e bioetica presso l'Istituto superiore di scienze religiose all'Apollinare di Roma, lo Studio Teologico San Paolo di Catania e l'Istituto Teologico Ibleo di Ragusa. Ha pubblicato diverse opere, tra cui Temi di bioetica, S.E.I., Torino 1996; Volare ad alta quota, ed. RnS, Roma 2001; Famiglia, credi in ciò che sei! Elementi di morale familiare, Ed. RnS, Roma 2003; Diakonìa della vita. Manuale di bioetica, Ed. Università S. Croce, Roma 2004

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Che male c'è? La sessualità nella vocazione all'Amore"
Editore: Porziuncola Edizioni
Autore: Mariateresa Zattoni - Gilberto Gillini - Massimiliano Michielan - Massimo Reschiglian
Pagine: 152
Ean: 9788827005965
Prezzo: € 12.00

Descrizione:I temi importanti affrontati in questo testo (valore del corpo, maturità affettiva, rapporti pre-matrimoniali, autoerotismo...) sono chiariti con un linguaggio semplice e alla luce del progetto di Dio.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Orizzonti di libertà. Dialogo su sessualità e amore nei giovani"
Editore:
Autore: Scotto Raimondo
Pagine: 192
Ean: 9788831125512
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Oggi si parla spesso e facilmente di sessualità; in televisione, sui giornali, tra amici è un argomento di conversazione ricorrente. Le più ampie informazioni sull'argomento però non impediscono che esista ancora una conoscenza insufficiente e spesso superficiale dei suoi reali contenuti. Eppure la sessualità è una realtà intrinseca ad ogni essere umano, che attraversa tutta la sua esistenza, ed è una componente determinante nella formazione dell'identità personale. Nel presente volume l'autore affronta con competenza e delicatezza l'argomento, rivelando doti non comuni di comunicatore e divulgatore. Il volume è rivolto soprattutto ai giovani, single o fidanzati, ma può essere uno strumento utile anche per educatori, formatori.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La sessualità nell'Islam"
Editore: Mondadori Bruno
Autore: Bouhdiba Abdelwahab
Pagine: IX-324
Ean: 9788842420903
Prezzo: € 11.00

Descrizione:Il libro analizza il nesso profondo che nelle società arabo-musulmane lega l'elemento sessuale e la sfera del sacro, facendo del modello islamico una sintesi armoniosa di corpo e spirito, di desiderio e ascesi. Una visione meditata e rivoluzionaria, in cui la cultura islamica si configura come un processo dialettico tra godimento fisico e fede religiosa e il paradiso costituirebbe la piena realizzazione dei propri desideri, la realizzazione del sé nella trascendenza dell'altro. Una tale sintesi si è mai concretizzata? Non è rimasta semplicemente un ideale a cui tendere, un modello o una norma da rispettare? Queste le domande cui l'autore cerca di rispondere.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Se questo è amore... ABC dell'affettività e della sessualità"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: Vinerba Roberta
Pagine: 312
Ean: 9788831531054
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il volume prende le mosse da un corso sull'affettività e la sessualità che suor Roberta Vinerba ha tenuto (e tuttora tiene) ad adolescenti e giovani. Questo testo viene alla luce non come esperienza squisitamente intellettuale, pensata a tavolino e avulsa dal contesto vissuto, ma al contrario, come il risultato di una rete di colloqui, di relazioni, di esperienze di vita vissuta delle quali sono stata testimone e anche interprete. Ogni parola, ogni pagina ha la densità del vissuto di giovani e di adolescenti impegnati a districarsi nelle faccende della crescita, e perciò non può che avere come principale protagonista quell'amore da tutti cercato per il quale tutti, prima o poi, andiamo incontro a disillusioni e sofferenze. "Nell'accompagnare tanti di loro in questa "faccenda d'amore", e anche nell'avere ben viva la mia esperienza di adolescente e di giovane impegnata, (...) mi sono resa conto che, dietro la fitta rete di relazioni personali e di richieste di aiuto, si nascondeva un appello da parte di Qualcuno che mi invitava ad ascoltare, a ricordare e a riflettere tutto alla luce del Vangelo. Non in maniera sporadica, ma in modo da offrire un quadro organico, un vero cammino per imparare l'amore". (dall'Introduzione).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Per una cultura della famiglia: il linguaggio dell'amore"
Editore: Marcianum Press
Autore: Melina Livio
Pagine: 169
Ean: 9788889736081
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Voluta fortemente dal compianto Giovanni Paolo II e rilanciata con decisione dal Santo Padre Benedetto XVI, la riflessione intorno all'amore coniugale e alla sessualità umana appare oggi maggiormente bisognosa di approfondimento e specializzazione. Di fronte all'ideologia antipersonalistica del gender che riduce la sessualità umana ad una ricerca individualistica e arbitraria del piacere, la proposta cristiana non si limita a contrapporre delle limitazioni moralistiche. Per approfondire questo percorso, Mons. Melina, Preside dell'Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia, insiste sulla pienezza teologica del corpo, che nulla toglie, ma apre prospettive di straordinaria ricchezza alla vita sessuale e affettiva dell'uomo e della donna.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "In principio la differenza. Omosessualità, matrimonio, adozione"
Editore: Vita e Pensiero Edizioni
Autore: Lacroix Xavier
Pagine: 124
Ean: 9788834312667
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Su un argomento tanto delicato come quello delle relazioni familiari viene oggi avanzata una nutrita serie di rivendicazioni. Si chiede che alla convivenza tra partner dello stesso sesso venga riconosciuto uno statuto identico alla costituzione di una famiglia da parte di un uomo e di una donna. O che venga decretato per legge che un bambino possa avere come genitori solo due padri, o solo due madri. Xavier Lacroix, filosofo e teologo, affronta questi temi attuali e controversi con l'intento di offrire al grande pubblico dei "non specialisti" strumenti analitici e criteri di giudizio per poter sostenere un dibattito ponderato.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "ABC per capire l'omosessualità"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Obiettivo Chaire
Pagine: 64
Ean: 9788821554544
Prezzo: € 2.50

Descrizione:Vademecum essenziale per capire l'omosessualità, sullo sfondo delle scienze umane, della storia, delle correnti ideologiche contemporanee e dell'insegnamento della Chiesa. Obiettivo Chaire è il nome di un'équipe multidisciplinare formata da professionisti del campo psicologico, medico, filosofico e da sacerdoti. Insieme, essi propongono un percorso informativo e formativo circa l'identità di genere, in risposta al crescente bisogno di una sana informazione, prevenzione e accompagnamento personale. L'ottica adottata è quella del Magistero della Chiesa, nell'unità fondante di corpo, psiche e spirito.I membri dell'equipe possono essere contattati all'indirizzo di posta elettronica: info@obiettivo-chaire.it

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'educazione sessuale delle persone disabili"
Editore: Ares Edizioni
Autore: Mariani Vittore
Pagine: 328
Ean: 9788881553297
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Sulla base di una chiara visione antropologica, il libro aiuta a comprendere che cos'è la sessualità per una persona disabile (con particolare riferimento alla disabilità mentale) e che cosa si può fare per sostenerla in questo suo bisogno affinché possa vivere l'esperienza comunitaria il più serenamente possibileella prima parte Giuseppe Castelli offre un prezioso ausilio per approfondire senza ingenuità le varie questioni. La seconda parte, di Vittore Mariani, è propedeutica alla riflessione pedagogica e aiuta a predisporre itinerari educativi valorialmente fondati. Laddove si conclude l'analisi psicologica, inizia la proposta pedagogica. Ne risulta una guida completa, seria, leggibile e proficua per la quotidianità delle persone disabili e di coloro che sono chiamati ad accompagnarle nel cammino della vita; un manuale che tiene in considerazione l'unicità e irripetibilità di persone, relazioni e situazioni e che quindi lascia spazio alla professionalità, alla creatività e alla progettualità, senza fuorvianti pianificazioni. Un testo chiaro per genitori, familiari, educatori, operatori, responsabili di realtà per disabili, specialisti che vi troveranno spunti utili e rasserenanti. A dimostrazione che si può trattare un tema così delicato senza paure e senza enfasi, senza tabù e senza banalità, senza tentennamenti e senza eccessi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Adolescenti sessualità amore. Nell'essere uomo e donna c'è una tacita chiamata di Dio all'incontro e all'amore"
Editore: Elledici
Autore: Losana Ottavio, Zonta Luigi
Pagine: 36
Ean: 9788801072365
Prezzo: € 1.00

Descrizione:Il libretto affronta l'argomento della sessualità mettendone a fuoco e in discussione tutti i temi più scottanti. I giovani (e gli educatori) non vi troveranno formulette o risposte semplicistiche, ma un campo di discussione e di riflessione che li aiuterà a formarsi una personalità più informata e soprattutto più consapevole e armonica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Verginità e celibato oggi. Per una sessualità pasquale"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Cencini Amedeo
Pagine: 232
Ean: 9788810508305
Prezzo: € 19.80

Descrizione:«La verginità è anzitutto sessualità, non la sua negazione, ma sessualità che è passata attraverso il mistero della Pasqua, che ha... superato l'esame pasquale e ne è stata "promossa", non mortificata» (dall'Introduzione). Strumento prezioso per la formazione, iniziale e permanente, scritto con lo stile della comunicazione immediata, facile, rapida, fresca, piena di esempi, di rimandi suggestivi, con punte di ironia smitizzante, il volume costituisce uno strumento a servizio della formazione permanente del mondo sacerdotale e della vita consacrata. Esso propone non solo dei contenuti ma soprattutto un metodo, espresso anche attraverso l'originale struttura di ogni capitolo: all'inizio la parola di Dio, per lasciarsi da essa scrutare fin nelle profondità inconsce della persona; quindi una riflessione progressiva sul senso della verginità, in base alla quale viene suggerita una verifica a partire dall'esperienza; seguono delle proposte di lettura particolarmente significative, sotto forma di citazioni qualificate - tratte dai Padri e da autori moderni - per illuminare il tema trattato nel capitolo; infine una poesia, quale espressione orante-adorante.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La sessualità secondo Giovanni Paolo II"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Semen Yves
Pagine: 208
Ean: 9788821554674
Prezzo: € 15.00

Descrizione:

Nei primi quattro anni del suo lungo pontificato (1978-2005), Giovanni Paolo II dedicò le udienze generali del mercoledì al più ampio insegnamento che un papa abbia mai impartito su un medesimo argomento: la «teologia del corpo», un approccio originalissimo - ma altrettanto sconosciuto, ignorato - sul corpo, la sessualità e il matrimonio. Paradossalmente, quest'insegnamento resta ancora sconosciuto, nonostante si tratti, secondo l'autore, di vere e proprie svolte sia nella teologia cattolica sia nella storia del pensiero moderno.

 

PREFAZIONE
di MONS. DOMINIQUE REY 

Nelle catechesi del mercoledì dedicate all'amore urna-no secondo il piano di Dio, Giovanni Paolo II elaborò un'antropologia che rivaluta in modo innovativo e consapevole la teologia del corpo. Con vero talento pedagogico, Yves Semen si ripropone di far partecipare il lettore ai risultati di quella teologia e di rendere accessibile al grande pubblico il pensiero del papa. Un pensiero che «cerca di capire e interpretare l'uomo sotto l'aspetto per cui è essenzialmente umano». Basandosi sull'esperienza dei significati che della sessualità emergono alla coscienza e fedelmente commentando l'insegnamento di Giovanni Paolo II sulla teologia del corpo, Yves Semen ne sottolinea l'arricchimento «personalistico» rispetto a una teologia classica del matrimonio, maggiormente «istituzionalistica» e quindi più «oggettivistica», perfino «fisicista». Non va neanche trascurato il radicamento profondo nelle Scritture di questa teologia del corpo secondo Giovanni Paolo II.

Dobbiamo in effetti sottolineare che nella Costituzione Gaudium et spes il concilio Vaticano II, dando ascolto a certe correnti personalistiche degli inizi del secolo XX, aveva scelto di presentare il matrimonio non già e anzitutto come un'istituzione, cioè un officium naturae, bensì come una communitas vitae e amoris coniugalis, al primo posto mettendo quindi i valori personali dell'amore.

Giovanni Paolo II, la cui formazione filosofica fu impregnata di personalismo, si pone evidentemente sulla medesima linea, e nell'enciclica Familiaris consortio e nelle catechesi del mercoledì precisa ulteriormente questi arricchimenti personalistici. È comunque anche un fatto che la sua formazione teologica, d'ispirazione nettamente tomistica, corregge un certo qual «personalismo psicologico» che volesse insistere esclusivamente sui dati soggettivi dell'amore coniugale, con il rischio di minimizzare i dati oggettivi del corpo, per sviluppare invece un «personalismo oggettivo, od ontologico», che intende mostrare come il corpo, nell'uomo, in ragione della sua sostanziale unità con un'anima spirituale, sia dotato d'un «linguaggio» e d'un «significato» sponsali. Fa perciò ben risaltare come il «significato» sponsale del corpo affondi le radici nella sua «struttura intima», che l'orienta intrinsecamente alla donazione interpersonale degli sposi nell'amore.

Il presupposto di queste affermazioni, presupposto che a me pare un vero e proprio «principio sintetico» del pensiero di Giovanni Paolo II in questa materia, è, secondo l'originale espressione della Gaudium et spes, l' idea della vera «natura della persona umana» (n. 51), per cui l'uomo è «unità di corpo e anima», corpore et anima unus (n. 14). Ciò porta ad affermare che la sessualità — incarnata nella realtà corporale dell'uomo e della donna — è una «componente fondamentale» della persona: mascolinità e femminilità sono attributi della persona e ne qualificano la sua «unità sostanziale», o «totalità unificata», e non sono quindi una semplice differenza accidentale; in questo caso, invero, si potrebbero anche sostenere dei comportamenti sessuali in cui la differenza non avrebbe più importanza alcuna, e quindi i significati unitivo e procreativo della sessualità sipotrebbero anche dissociare, per collegarli invece alla sincerità dei sentimenti

Infondo, la grande idea sviluppata da Giovanni Paolo II, in particolare nelle sue catechesi sulla teologia del corpo, è che il carattere sponsale del corpo è l'incarnazione della capacità della persona di amare come dono di sé. Nell'enciclica Veritatis splendor, Giovanni Paolo II tornerà su quest'unità sostanziale di corpo e anima che costituisce la «natura della persona umana», contro ogni dualismo che volesse confinare il corpo alla periferia della persona: il corpo e l'anima sono intimi l'uno all'altra.

In un contesto di relativismo e pluralismo in materia di morale, quest'opera di Yves Semen ci aiuta a riprendere in considerazione, con grande fedeltà all'insegnamento morale della Chiesa, come la risurrezione del corpo illumini la realtà attuale della sessualità.

 

INTRODUZIONE

Come vivere bene con un'anima e un corpo, un corpo sessuato? Come fare un'unità di queste due dimensioni che ci fanno essere quel che siamo e tuttavia paiono fra loro nemiche? Come vincere questo contrasto, quest'opposizione che percepiamo in noi, e spesso in maniera dolorosa, per non dire angosciante?

Queste domande non soltanto hanno scandito tutta la storia umana, come tutte le culture dimostrano, ma sono anche un interrogativo d'ogni cuore umano, nel più profondo di esso. Abbiamo coscienza — e non è anormale — d'avere delle difficoltà ad accettarci nella dualità del nostro corpo e della nostra anima. Percepiamo questa disunità come un dramma, e di ciò accusiamo noi stessi, rendendoci responsabili della contraddizione fra gli slanci della nostra anima, della nostra ragione, della nostra intelligenza, della nostra volontà, di tutto ciò che di spirituale c'è in noi e le pesantezze del nostro corpo, dei nostri sensi, della nostra «carne».

O, magari, di tutto ciò accusiamo Dio, rimproverandogli d'aver creato l'uomo con un'anima o d'averlo creato con un corpo. Avesse creato l'uomo puro spirito o semplice animale! Viviamo questa situazione come una contraddizione nel più intimo e segreto di noi, e alla fin fine è proprio lì che si gioca il successo o il fallimento di tutta la nostra vita umana. Tutta la vita dell'uomo può riassumersi nel tentativo d'arrivare a un equilibrio — che comunque resterà sempre precario, imperfetto e incompleto — fra queste due dimensioni del suo essere che non riesce a far coesistere in maniera armoniosa. La sapienza pagana l'esprime nel celebre detto del poeta Ovidio, contemporaneo di Gesù: «Vedo ciò che è meglio e l'approvo, ma poi compio il peggio». Non vi scampa neppure Paolo, che si lamenta: «Vedo una legge (...) nelle mie membra che osteggia la legge della mia mente (...). Uomo infelice che sono! Chi mi libererà da questo corpo che mi porta alla morte?» (Romani 7,23-24). Rifiuto del corpo o rifiuto dello spirito: proprio questo pare il dilemma fondamentale della condizione umana, da cui il più delle volte tentiamo d'uscire negando il nostro corpo, dato che abbiamo come un sentimento di disumanizzarci di meno rifiutando il corpo che non negando lo spirito.

E se un luogo c'è in cui assai concretamente prendiamo coscienza di tutta la nostra difficoltà a coniugare ciò che di spirituale c'è in noi con ciò che c'è di carnale è proprio il matrimonio, come il luogo di esercizio normale o abituale della sessualità. E in effetti, par proprio che sia la sessualità a cristallizzare in sé l'essenza della contraddizione fra corpo e spirito, segnata come essa è, tutt'insieme, da magnificenza e povertà. Magnificenza dal punto di vista della sua finalità, direttamente connessa con il mistero della vita; povertà dei mezzi in cui s'esprime e in cui l'uomo sente tutta la sua tremenda vulnerabilità carnale.

Tutto ciò è più d'una semplice problematica antropologica e psicologica; è anche una problematica teologica di fondamentale importanza. Infatti, la religione cristiana è anzitutto e soprattutto una religione del corpo, fondata com'è sull'incarnazione del Verbo di Dio. E non è che ciò non sollevi dei problemi. La storia della Chiesa e dello sviluppo della dottrina cristiana è la prova di quanto sia difficile capire e accettare che un Dio si faccia uomo e adotti tutte le dimensioni della condizione umana: «Visse in tutto la nostra condizione, eccetto il peccato», dice la quarta Preghiera eucaristica. E su questo punto che l'intelligenza recalcitra. I primi secoli della storia della Chiesa ma ogni tanto il problema ricompare — sono la prova di tutta la difficoltà che ebbe il pensiero teologico a consolidarsi su questo punto essenziale della fede cristiana. Non diceva Nestorio, nel 431, al concilio di Efeso: «Non accetterò mai di chiamare Dio un bebè che vagisce in una culla!»? Ma andiamo fino al fondo di questo realismo: ci è ben difficile renderci conto che Dio ha sperimentato tutta la vulnerabilità e la dipendenza d'un bambino, che ha bisogno di venire allattato, cambiato, lavato. Un Dio che ha vissuto tutte le servitù del corpo, fino alle più umilianti: d'un corpo che si stanca, si sente sfinito e si ribella, che ha fame, sete e non può, restare sempre pulito, un corpo che suda e soffre... È qui la radice dell'arianesimo, che la Chiesa ha sempre faticato a estirpare in maniera definitiva: se Gesù è totalmente uomo, non può essere veramente Dio. Alla nostra ragione e al nostro cuore riesce difficile accettare che Dio abbia potuto decidere di conoscere e amare fino al limite del nostro corpo. Siamo nel vivo dell'esigenza più profonda della fede cristiana.

Rifiuto del corpo, rifiuto dell'Incarnazione e rifiuto anche di quel Dio che si spinge fino a voler farsi cibo per noi. Quando Gesù afferma: «Chi si ciba della mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna, e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. La mia carne infatti è vero cibo e il mio sangue è vera bevanda» (Giovanni 6,54-55), per i discepoli è troppo. Non possono, o non vogliono ascoltare oltre: «Questo discorso è duro. Chi lo può ascoltare? (...) Da quel momento molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui» (Giovanni 6,60.66). E tuttavia, non si può essere veramente cristiani se non si accetta fino in fondo il proprio corpo e la sua dignità, o quando si accusa il corpo di ciò che in realtà è il peccato del cuore. Gesù dà fondo a tutte le sue energie per farlo capire ai discepoli, dopo averlo proclamato — invano, pare — alle folle che accorrevano per sentirlo: «Anche voi siete ancora privi d'intelligenza? Non capite che tutto ciò che di esterno entra nell'uomo non può contaminarlo, giacché non entra nel suo cuore, bensì nel ventre, per finire poi nella fogna? (...) Ciò che esce dall'uomo, questo sì contamina l'uomo. Dall'interno, cioè dal cuore degli uomini, procedono i cattivi pensieri, le fornicazioni, i furti, le uccisioni, gli adultèri, le cupidigie, le malvagità, l'inganno, la lascivia, l'invidia, la bestemmia, la superbia e la stoltezza. Tutte queste cose malvagie procedono dall'interno e contaminano l'uomo» (Marco 7,18-23). Il vero problema dell'equilibrio umano non sta nel corpo, che è fin troppo facile accusare, ma nel cuore dell'uomo, che si lascia traviare.

È questa prospettiva, questo modo di vedere le cose che fa da contesto alla teologia del corpo di Giovanni Paolo II: «La teologia del corpo non è tanto una teoria, quanto piuttosto una specifica, evangelica, cristiana pedagogia del corpo». Come pedagogia, questa teologia del corpo è una maniera d'addomesticare il nostro corpo, perfino di «riconciliarci» con esso: anzitutto comprendendolo alla luce del disegno di Dio alle origini, nell'epoca — per riprendere le parole stesse di Giovanni Paolo II — della «preistoria teologica dell'uomo», e attribuendogli il posto che lì gli spetta; poi capendo come il peccato delle origini — quella monumentale catastrofe che segna l'avvento dell'«uomo storico» — abbia ferito il cuore dell'uomo e della donna e definitivamente insinuato un'opacità nel loro sguardo sui propri corpi; e, infine, aprendosi alla redenzione del nostro corpo donataci da Gesù nella sua incarnazione e accettando il soccorso della grazia, in particolare la grazia del sacramento del matrimonio, quella grazia che è l'unica realtà che ci aiuta a vivere una vita sessuale autenticamente umana, cioè calata in una dinamica di dono vero delle persone. Ecco l'intenzione di fondo del papa: dare le chiavi per capire il nostro corpo alla luce del piano divino, rifiutato dall'uomo, restaurato da Cristo, proclamato dalla Chiesa.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Non solo sesso. Per una dimensione totale dell'amore"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: Avanti Gigi
Pagine: 154
Ean: 9788831526159
Prezzo: € 8.50

Descrizione:Per G. Avanti la sessualità, è la realtà da ascoltare più che interrogare, perché strettamente vicina al mistero, e perché è in stretta relazione con l'azione creatrice primordiale. In questo contesto il termine sessualità assume un'accezione ampia ed esprime una realtà che travalica i confini del sesso umano. Scrive l'autore nell'introduzione: "permea l'intera creazione fino a essere un vero e proprio segno di riconoscimento; la sessualità non è un monopolio della natura umana, ma prerogativa del creato", è fondamentalmente "un dono per amare, un talento da usare con intelligente fantasia d'amore, quale che sia la nostra scelta esistenziale". Il volume, comprendente sei capitoletti: Sessualità: caratteristica fondamentale della persona; Connotati generali e funzioni della sessualità; Sessualità e affettività "adolescente"; Fare l'amore in senso totale; Per una educazione sessuale seria e serena; L'ecosistema della sessualità; un capitoletto conclusivo in cui si riportano due piccoli racconti e degli aforismi. Di particolare impatto la lettera di risposta a Roberta sui rapporti prematrimoniali, nel terzo capitolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parlami dell'amore. Educazione affettiva e sessuale dei bambini dai 3 ai 12 anni"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: Pélissié du Rausas Inès
Pagine: 250
Ean: 9788831525572
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Il volume di I. Pélissiè du Rausas è suddiviso in quattro parti.Nella I Parte una indovinata considerazione su L'amore, relazione tra due persone in cui si mette a fuoco la realtà fondamentale della persona umana e del rapporto con il "suo" corpo.Nella II Parte si sviluppa Il rispetto dell'altro in famiglia. Qui si mette a fuoco l'importanza del pudore sia dei genitori che dei bambini; si parla della libertà e si sottolinea quanto sia insostituibile la presenza dei genitori nel cammino di maturazione armoniosa dei figli.La III Parte è la più consistente: L'educazione affettiva e sessuale del bambino. Qui l'autrice conduce un discorso per fasce di età e di crescita psicologica dei bambini: dai 3 ai 5 anni; dai 5 agli 8 anni; dagli 8 ai 12/13 anni.La IV parte: L'educazione affettiva e sessuale, e "Cultura di vita" riconduce genitori e figli verso il grande valore della vita, verso la sua difesa (prevenendo gli abusi e le facilonerie nei comportamenti), verso anche la vita spirituale dei figli. L'ultimo capitolo di questa parte è riservato all'educazione affettiva e sessuale del bambino handicappato.Pagine preziose e utili per la concretezza e la chiarezza del linguaggio, destinate a quei genitori che desiderano educare e formare i figli ad avere uno sguardo sereno e fiducioso sul loro corpo, sulla sessualità e sul rapporto d'amore verso l'altro-l'altra.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Al cuore si comanda? La coppia necessaria, identità e sessualità"
Editore: Borla Edizioni
Autore:
Pagine: 192
Ean: 9788826315508
Prezzo: € 18.50

Descrizione:Questo volume comprende le relazioni presentate al Convegno "La coppia necessaria. Identità e sessualità" organizzato presso l'Università di Padova in collaborazione con il Centro Veneto di Psicoanalisi (2002). Non si tratta semplicemente di un volume di atti, sia perché fin dall'inizio i relatori e i diversi temi sono stati progettati in modo da poter sviluppare l'argomento in forma integrata, sia perché è stato fatto un successivo lavoro di editing, che ha comportato l'aggiunta di ulteriori lavori. L'invito è a confrontarsi sull'amore di coppia, nella convinzione che sia tempo di tornare a parlare di sessualità, tenendo conto delle acquisizioni della teoria psicoanalitica postfreudiana sul narcisismo, sul preEdipo dunque, e sul processo di strutturazione dell'identità, acquisizioni che possono avere una ricaduta vantaggiosa sul nostro modo di ripensare la crisi di identità introdotta dall'ingresso ne! conflitto Edipico, nell'infanzia e successivamente nell'adolescenza, e i differenti e pur simili percorsi che nel maschio e nella femmina, portano alla costruzione della genitalità adulta. Vi figurano interventi teorici e clinici di numerosi psico-analisti della S.P.I. e dell'I.P.A. e inoltre i contributi della giornalista Stefania Rossini e dell'antropologo Franco La Cecia, interessati a confrontarsi con il pensiero psicoanalitico. Sono affrontati argomenti quali lo sviluppo del femminile, le attuali difficoltà di orientamento nell'identità di genere, l'inizio e la conclusione del rapporto amoroso, le problematiche cliniche della relazione di transfert, la relazione narcisismo - amore nell'organizzazione genitale, il linguaggio amoroso.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le mani del vasaio. Un figlio omosessuale: che fare?"
Editore: Ancora
Autore: Pezzini Domenico
Pagine: 136
Ean: 9788851401962
Prezzo: € 9.00

Descrizione:

Don Pezzini sollecita una radicale revisione degli atteggiamenti negativi che ancora oggi scattano quasi in modo automatico davanti alla scoperta di sapere che un conoscente o un figlio è omosessuale. Lo sforzo dell'autore è quello di rompere con i pregiudizi e di indicare sul piano educativo, soprattutto a genitori e educatori, come aiutare la persona omosessuale a giungere all'accettazione di sé, ma soprattutto comporre con le esigenze evangeliche la propria vita affettiva, in una parola il proprio mondo relazionale, costruendosi un'autentica capacità di amare. Il libro ruota attorno a tre parole chiave: accogliere, comprendere, aiutare, aggiungendo in chiusura alcune testimonianze dirette di ragazzi e genitori.

ESTRATTO DALLA PRIMA PARTE

Accogliere, comprendere e aiutare sono i tre verbi nei quali Domenico Pezzini compendia il ruolo dei genitori che scoprono di avere un figlio omosessuale. A ben guardare si tratta di verbi che definiscono, più in generale, il senso e le prospettive dell'azione educativa e che hanno — aggiungiamo — una grande risonanza etica. Scandendo attorno ad essi la propria riflessione, che procede con rigore logico ma che è connotata soprattutto da una profonda tensione sapienziale, Pezzini sollecita una radicale revisione degli atteggiamenti che hanno per molto tempo contrassegnato (e che, per alcuni aspetti, tuttora contrassegnano) il modo di accostarsi alla condizione omosessuale o — come egli in modo più appropriato dice — alle persone omosessuali. Sono noti i numerosi pregiudizi di ordine culturale che si sono progressivamente sedimentati nella coscienza collettiva (spesso nell'inconscio) provocando uno stato di diffidenza preconcetta che alimenta il rifiuto o provoca quanto meno una situazione di diffuso disagio esistenziale. Come nota è la situazione di marginalità sociale che ha a lungo contrassegnato chi si riconosceva appartenente a tale condizione.

Lo sforzo che Pezzini fa (e che ci sembra perfettamente riuscito) è quello di rompere con tali pregiudizi e di indicare sul piano educativo i presupposti non solo perché l'omosessuale giunga all'accettazione di sé (accettando la propria identità), ma soprattutto perché riesca a comporre con le esigenze evangeliche la propria vita affettiva, in una parola il proprio mondo relazionale, costruendosi un'autentica capacità di amare. Tra le cause che hanno influito sulla creazione di molti stereotipi negativi persistenti nel linguaggio e nella mentalità dominante, un posto di rilievo va senz'altro ascritto all'etica, grazie soprattutto all'enorme influenza da essa esercitata sulla produzione dei modelli e, più ancora, sulla determinazione del costume.

Lo sviluppo di un modello fortemente repressivo in campo sessuale (soprattutto ma non solo nell'ambito della Chiesa cattolica), e l'affermarsi di una concezione restrittiva del fatto etico, ridotto al ruolo di momento del giudizio e della condanna, hanno largamente contribuito a dare vita alla tabulizzazione di molti comportamenti — quello omosessuale in primis — considerati in se stessi gravemente inaccettabili. È allora evidente che la costruzione di un'attitudine positiva come quella auspicata da Pezzini passi anche (e forse in primo luogo) attraverso l'elaborazione di un modello etico alternativo: un modello in cui il riferimento al dato valoriale si sviluppi nel segno dell'accoglienza e della comprensione e si traduca in una forma di aiuto alla piena liberazione della persona. I tre verbi — e in questo caso i tre sostantivi da essi derivati — richiamati da Pezzini ritornano, e sembrano spingere l'etica a imboccare nuove strade per fornire al lavoro educativo il supporto di serenità di cui necessita e contribuire perciò a renderlo efficace.

Anzitutto l'accoglienza. Accogliere non è impresa facile: presuppone un animo sgombro da precomprensioni negative che non hanno origine soltanto nell'emotività personale, ma sono spesso espressione di una morale conformista, che ripudia per principio (salvo poi praticarli nascostamente) quei comportamenti che non rispettano i canoni del perbenismo borghese. Questa concezione ha ricevuto particolare impulso con l'introduzione del concetto di «natura» (e di «legge naturale») quale criterio di discriminazione del bene e del male — è questa la posizione della morale cattolica — e perciò a seguito della considerazione dell'omosessualità come fenomeno «innaturale» (o «contro natura») che va condannato in quanto «intrinsecamente cattivo». Senza entrare nel merito di questioni complesse, che van-

no affrontate in sedi più appropriate, ci sembra di poter dire che la possibilità di fuoriuscita da questo vicolo cieco è rappresentata dal ricupero, al di là della «natura» (o forse più radicalmente in alternativa ad essa), del primato della «persona», nella sua unicità e irripetibilità, come fulcro della vita morale. Se è vero che non esiste l'omosessualità (se non come processo astrattivo teso a individuare alcuni lineamenti dell'identità personale che accomunano taluni soggetti), non è meno vero che non può esistere una morale del tutto oggettiva, fondata su una astratta definizione della «natura», ma che la morale deve avere, in ultima analisi, come referente, la persona di cui va rispettata e assecondata l'identità. Questo non significa negare importanza ai valori che delineano le mete da perseguire nel cammino di crescita; significa semplicemente riconoscere che essi vanno rapportati alla persona e alle tappe del suo sviluppo così da favorire processi di vera umanizzazione.

L'accoglienza presuppone l'accettazione incondizionata dell'altro in quanto altro; presuppone cioè una grande disponibilità verso il «mistero» che avvolge ogni soggetto umano. La morale della pura conformità alla legge è del tutto estranea a questo progetto; va sostituita da una morale della persona, che educhi ciascuno a porsi in attitudine di attenzione e di ascolto verso l'altro, evitando la tentazione di facili (e aprioristici) giudizi e creando le condizioni perché possa diventare ciò che è, mettendo a frutto i doni ricevuti e perseguendo la propria vocazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Bibbia e omosessualità"
Editore: Claudiana
Autore:
Pagine: 173
Ean: 9788870164213
Prezzo: € 13.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le declinazioni dell'amore. Sessualità e vita di coppia"
Editore:
Autore: Scotto Raimondo
Pagine: 160
Ean: 9788831125291
Prezzo: € 11.00

Descrizione:

Oggi si parla spesso e facilmente di sessualità; in televisione, sui giornali, tra amici è un argomento di conversazione ricorrente. Le più ampie informazioni sull'argomento però non impediscono che esista ancora una conoscenza insufficiente e spesso superficiale sui suoi reali contenuti. Eppure la sessualità è una realtà intrinseca ad ogni essere umano, che attraversa tutta la sua esistenza, ed è una componente determinante nella formazione dell'identità personale da cui dipendono conseguenze d'importanza decisiva sia per, la vita dei singoli che della società. E quello che sottolinea l'Autore nel presente volume in cui, grazie ad una lunga esperienza di medico e di consulente nei corsi di preparazione al matrimonio, affronta con competenza e delicatezza l'argomento, rivelando doti non comoni di comunicatore e divulgatore. Attraverso i contributi delle diverse scienze umane si cerca di cogliere il significato e il valore della sessualità in una prospettiva antropologica cristiana. Uno strumento utile per sposati, fidanzati, educatori, formatori e per quanti desiderano avvicinarsi o approfondire l'argomento.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le nozze. Festa, sessualità, diritto"
Editore: Ares Edizioni
Autore: Carreras Joan
Pagine: 264
Ean: 9788881552047
Prezzo: € 14.46

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Educare alla sessualità"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Leone Salvino
Pagine: 228
Ean: 9788810505397
Prezzo: € 21.00

Descrizione:Quando si parla di educazione sessuale due errori sono assai frequenti. Il primo è quello di confondere l'educazione con la semplice informazione, limitando poi quest'ultima a una serie di nozioni anatomiche e di "istruzioni per l'uso" (è l'impostazione prevalente nelle scuole, orientata a far superare più un esame di medicina che di vita di coppia). Il secondo è quello di chi, pur percependo che la dimensione educativa è prioritaria, non ne trae le dovute conseguenze "biologizzando" l'educazione stessa e rischiando quindi di ridurre alla sfera riproduttiva tutta la problematica sessuale. L'obiettivo che l'autore si propone è quello di fornire agli educatori - suoi primi destinatari - alcuni materiali per lo studio e la personale rielaborazione, dando spazio soprattutto alla prospettiva formativa. Il tutto integrato da alcuni riferimenti di ordine letterario, che affrontano il tema sotto l'angolatura di altri linguaggi descrittivi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Indice concettuale del medio giudaismo [vol_2] / Sessualità"
Editore: Qiqajon Edizioni
Autore:
Pagine: 80
Ean: 9788882270810
Prezzo: € 15.50

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cura pastorale delle persone omosessuali"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: Cong.Dottrina della Fede
Pagine: 26
Ean: 9788831504676
Prezzo: € 1.60

Descrizione:Il documento, pubblicato nel 1986, è una lettera della Congregazione dottrina della Fede ai Vescovi della Chiesa Cattolica sulla cura pastorale delle persone omosessuali. Non ha la pretesa di affrontare una trattazione esaustiva del complesso problema, ma concentra l'attenzione sul contesto specifico della prospettiva morale cattolica. In appendice: alcune considerazioni concernenti la risposta a proposte di legge sulla non-discriminazione delle persone omosessuali.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il corpo e lo spirito. Sessualità e vita cristiana"
Editore: Qiqajon Edizioni
Autore: Lacroix Xavier
Pagine: 152
Ean: 9788885227859
Prezzo: € 10.50

Descrizione:Nessun disprezzo del corpo e della sessualità, ma la stimolante riscoperta della grande originalità della rivelazione cristiana: il corpo, con tutto ciò che lo rende "carnale", ha una dignità e una gloria inaudite, è il "tempio dello Spirito santo" cui è promessa la resurrezione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU