Categoria
           
Num. Prodotti x Pagina
           
Ordina Per

Libri
Warning: fread() [function.fread]: Length parameter must be greater than 0 in /web/htdocs/www.piemontesacro.it/home/negozio/funzioni.php on line 198



Titolo: "Piccolo manuale dello spazio scenico"
Editore: Audino
Autore: Console Nicola
Pagine: 86
Ean: 9788875273453
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Questa è una storia dello spazio scenico teatrale a uso soprattutto degli studenti. Ed è illustrata con circa 180 disegni realizzati a mano libera dallo stesso autore. Attraverso un percorso di riflessione per immagini, si affrontano le tappe architettoniche che hanno permesso la codificazione di regole costruttive inizialmente tramandate per via orale. Oggetto privilegiato del metodo di studio offerto da questo manuale è l'atto conoscitivo del disegnare, che viene accompagnato da spiegazioni precise ed essenziali. "Piccolo manuale dello spazio scenico" è destinato in primis ai professori che insegnano scenografia nei licei artistici, dove, in seguito alla riforma della didattica, è ora prevista la scelta dell'indirizzo nel triennio. Tuttavia, coinvolgendo le capacità pratiche e riflessive dei lettori, il testo è adatto anche a chi studia scenografia nelle accademie di belle arti. Inoltre, grazie alla sinteticità e alla presenza delle nozioni fondamentali delle diverse concezioni sceniche, può essere un utile prontuario per chiunque si interessi di teatro. Il primo volume tratta la storia dell'architettura teatrale e della scenografia dalla Grecia antica al Medioevo. L'analisi viene svolta in rapporto ai vari tipi di rappresentazioni, con una particolare attenzione al ruolo del sacro. Il testo è adottabile al primo anno di scenografia del liceo artistico (terza superiore).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Piccolo manuale dello spazio scenico"
Editore: Audino
Autore: Console Nicola
Pagine: 96
Ean: 9788875273477
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Questa è una storia dello spazio scenico teatrale a uso soprattutto degli studenti. Ed è illustrata con circa 180 disegni realizzati a mano libera dallo stesso autore. Attraverso un percorso di riflessione per immagini, si affrontano le tappe architettoniche che hanno permesso la codificazione di regole costruttive inizialmente tramandate per via orale. Oggetto privilegiato del metodo di studio offerto da questo manuale è l'atto conoscitivo del disegnare, che viene accompagnato da spiegazioni precise ed essenziali. "Piccolo manuale dello spazio scenico" è destinato in primis ai professori che insegnano scenografia nei licei artistici, dove, in seguito alla riforma della didattica, è ora prevista la scelta dell'indirizzo nel triennio. Tuttavia, coinvolgendo le capacità pratiche e riflessive dei lettori, il testo è adatto anche a chi studia scenografia nelle accademie di belle arti. Inoltre, grazie alla sinteticità e alla presenza delle nozioni fondamentali delle diverse concezioni sceniche, può essere un utile prontuario per chiunque si interessi di teatro. Il secondo volume tratta la storia dell'architettura teatrale e della scenografia dal Rinascimento alla fine del '900, con descrizioni puntuali dei principali teatri stabili e riflessioni sullo scopo del teatro. Il testo è adottabile al secondo e al terzo anno di scenografia del liceo artistico (quarta e quinta superiore).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La cultura in condominio. Diario di un festival nelle periferie cittadine"
Editore: Pendragon
Autore:
Pagine: 214
Ean: 9788865988695
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il Festival "In&Out La cultura in condominio" nasce nel 2011 dalla convinzione che la socialità e la cultura siano i valori immateriali più importanti di una comunità. Ci piace l'idea di creare sempre più comitati per le feste ed avere sempre meno comitati antidegrado. Degrado, la parola più abusata dell'ultimo decennio dopo la parola sicurezza, per noi significa mancanza di relazioni umane, la mancanza di curiosità verso l'altro. Da quando è nato, il Festival ha portato teatro, musica e arte sotto casa delle persone producendo cultura a km 0. In questo libro i racconti, i testi teatrali, le esperienze di chi, forse in maniera un po' donchisciottesca, ha fatto parte di questa avventura socioculturale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lezioni di drammaturgia. Luigi Pirandello «I Giganti della montagna». Incontri con gli allievi registi dell'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica «Silvio D'Amico»"
Editore: Aracne
Autore: Boggio Maricla
Pagine: 192
Ean: 9788825501490
Prezzo: € 11.00

Descrizione:Partendo dalle lezioni di drammaturgia ai suoi allievi registi dell'Accademia, Maricla Boggio esamina "I Giganti della montagna" di Luigi Pirandello secondo criteri metodologici rispetto alla struttura, ai personaggi, al linguaggio e alle didascalie, individuando gli elementi attraverso cui approfondirne l'esame (nodi drammatici, colpi di scena, incidenti, parossismi, arco del personaggio) e dando attenzione all'interpretazione diversificata attraverso i vari livelli di esistenza dei personaggi: realistici, creazioni fantastiche, immagini, fantocci, elementi di sogno. Gli allievi interagiscono realizzando un laboratorio di drammaturgia animato dai loro apporti, in continuo dialogo con la docente. Basilare l'inserimento del metodo mimesico del maestro Orazio Costa, del quale l'autrice è prosecutrice, per afferrare la temperie del testo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Migrazioni drammaturgiche. I teatri del boulevard du Temple (1759-1862)"
Editore: Aracne
Autore: Mazzoleni Elena
Pagine: 72
Ean: 9788825501421
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Dalla seconda metà del Settecento gli spettacoli delle fiere di Saint-Germain e Saint-Laurent, derivati dalla contaminazione con l'ancien Théâtre Italien, iniziano a migrare verso i teatri del quartiere del Temple, dove si sviluppa una drammaturgia fondata sull'intreccio sperimentale tra coreografia, dialogo e musica. Lo studio, corredato da materiali iconografici e documentari d'archivio, mette in luce le specificità di questi repertori, caratterizzati dalla diversificazione e dall'ibridazione dei tanti generi che li attraversano. Il volume presenta l'edizione di "Ma Mère l'Oie ou Arlequin et l'oeuf d'or" (1830) di Lambert e Eugène. Costruita sui lazzi delle maschere della Commedia dell'Arte, questa pantomima è rappresentativa della flessibilità delle forme sceniche popolari, che ispireranno anche alcune teorie novecentesche intese a riformare il teatro attraverso il gesto dell'attore e il coinvolgimento degli spettatori. Prefazione di Gianni Cicali.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Illusione scenica e pratica teatrale. Atti del Convegno Internazionale di studi in onore di Elena Povoledo"
Editore: Le Lettere
Autore:
Pagine: 358
Ean: 9788893660082
Prezzo: € 32.00

Descrizione:Il volume raccoglie gli Atti del Convegno Illusione scenica e pratica teatrale, organizzato in onore di Elena Povoledo e tenutosi presso la Fondazione Giorgio Cini di Venezia il 16 e 17 novembre 2015. Attraverso i contributi di docenti e studiosi internazionali, il Centro Studi per la Ricerca Documentale sul Teatro e il Melodramma Europeo ha ricordato e celebrato la figura della Povoledo, pioniera nello studio della relazione tra arti figurative e spettacolo. I suoi ambiti di ricerca spaziano dalla storia del teatro e della scenografia all'iconografia teatrale. Studiosa riconosciuta a livello internazionale, Povoledo è stata una dei docenti più amati dell'Accademia d'Arte Drammatica "Silvio D'Amico" di Roma, caporedattore e curatore dell'apparato iconografico dell'Enciclopedia dello Spettacolo e autorevole collaboratrice della Fondazione Giorgio Cini per le mostre di argomento teatrale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il teatro del Cocomero a Firenze (1701-1748)"
Editore: Le Lettere
Autore: Pagnini Caterina
Pagine: 272
Ean: 9788893660013
Prezzo: € 26.00

Descrizione:Il teatro del Cocomero di Firenze, fondato nel 1650, fu inizialmente gestito dall'accademia degli Immobili di Giovan Carlo de' Medici. A partire dal 1699, grazie all'attività dell'accademia degli Infuocati, lo «stanzone» di via del Cocomero si configurò come una delle principali realtà spettacolari del tessuto cittadino: una tendenza decretata ufficialmente dalla sua rifondazione nel 1701 e dalla protezione accordata dal «granprincipe» Ferdinando de' Medici. Il teatro si trasformò in un vero e proprio 'ente pubblico' fino a diventare un punto di riferimento del circuito italiano e internazionale; l'opera in musica e gli spettacoli dei comici dell'arte furono i vertici del repertorio. Sotto la sapiente conduzione degli accademici, il Cocomero arrivò a sopravanzare la produzione e l'attività della Pergola, il più istituzionale dei teatri fiorentini. La politica liberale dei protettori (prima Ferdinando poi Gian Gastone) consentì all'accademia una salda conduzione economica e un'ampia libertà impresariale. L'avvento della dinastia dei Lorena e la protezione del granduca Francesco Stefano portarono al riordino del sistema spettacolare cittadino. Il decreto imperiale sui teatri pubblici (1748) definì la speciale attenzione riservata dal potere granducale all'attività del Cocomero rispetto agli altri teatri. Dell'esperienza vissuta dal teatro tra il 1701 e il 1748 il libro fornisce una ricca analisi basata su numerose fonti primarie, proponendo il suo inquadramento storico all'interno del circuito teatrale, sullo sfondo degli avvicendamenti politici contemporanei.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La scena di Mariano Fortuny. Atti del Convegno (Padova-Venezia, 2013)"
Editore: Bulzoni
Autore:
Pagine: 300
Ean: 9788868970642
Prezzo: € 30.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' antropologia va in scena. Nuove dimensioni teatrali"
Editore: Edizioni ETS
Autore: Puccio Francesco
Pagine: 230
Ean: 9788846747075
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Nell'ambito della definizione delle poetiche dei grandi maestri del teatro del Novecento, l'autore compie un viaggio nell'antropologia teatrale e nel teatro come linguaggio d'arte e come processo culturale. La ricerca teatrale viene vista attraverso la lente dell'antropologia, si amplia e si arricchisce nello scoprire la sua alterità. Alcune tematiche antropologiche, relative al corpo e alle sue rappresentazioni, all'immagine, al doppio, alla voce, infatti, possono trovare spazio in questa prospettiva. Si costruiscono, così, rappresentazioni che mettono in scena temi di rilevanza contemporanea pur restando legati al mondo antico. Di qui, l'indagine su uno degli ultimi grandi esponenti della ricerca teatrale contemporanea, Nin Scolari, la cui esperienza sul mito antico ha saputo creare - grazie al suo progetto di valorizzazione delle aree archeologiche e dei siti museali - un dialogo alternativo a quello tradizionale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cinquant'anni di teatro con Giorgio Strehler. Ediz. a colori"
Editore: Skira
Autore: Frigerio Ezio
Pagine: 170
Ean: 9788857234472
Prezzo: € 45.00

Descrizione:"Viene prima Stan Laurei o Oliver Hardy? Narciso o Boccadoro? Bonnie o Clyde? Il rapporto tra Ezio Frigerio e Giorgio Strehler è di quella specie. È impossibile determinare chi abbia lanciato l'idea, chi l'abbia rimpallata ed elaborata. Quel che importa è che quelle idee hanno trovato spazio, forma, concretezza di quinte, luci e colori sul palcoscenico; e che ancora, dopo decenni in alcuni casi, vengano citate e rimpiante come alcuni tra gli esempi più felici di teatro nel secondo Novecento. Sicuramente Frigerio ha dato a Strehler ciò che questi non poteva trovare in altri scenografi, sia pure della grandezza di Gianni Ratto e Luciano Damiani: la solidità, la calibratura, la vastità, talvolta l'imponenza dello spazio." (Vittoria Crespi Morbio)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La formazione dell'attore. Una finestra sul fare, insegnare ed essere del Teatro de los Andes"
Editore: Zona
Autore: D'Amico Giulia
Pagine: 226
Ean: 9788864385655
Prezzo: € 18.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Una delle ultime sere di cCarnovale di Goldoni per Luigi Squarzina"
Editore: Edizioni ETS
Autore: Cambiaghi Mariagabriella
Pagine: 206
Ean: 9788846745903
Prezzo: € 19.00

Descrizione:"Una delle ultime sere di Carnovale" di Goldoni con la regia di Luigi Squarzina debutta il 27 settembre 1968, collocandosi al centro della carriera artistica del regista, all'epoca direttore del Teatro Stabile di Genova, e all'inizio di una stagione tormentata per il teatro italiano e per l'intero paese, scosso dai movimenti di contestazione politica, sociale e culturale. Muovendo dall'attività teatrale di Squarzina, il volume ricostruisce il processo di creazione dello spettacolo, a partire dai documenti di archivio e dallo studio delle fonti dirette, e analizza la versione teatrale comparandola con l'allestimento televisivo, realizzato per la Rai nel 1970. Ampio spazio è lasciato al commento dell'accoglienza della critica italiana e straniera al lungo ciclo di recite del Carnovale, che rimase in scena in Italia fino al 1973 e fu inserito in molte tournée europee, riscuotendo ovunque grandi consensi e guadagnandosi una posizione di spicco anche nella storia delle regie goldoniane del Novecento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il teatro delle vere passioni. Le meraviglie dell'arte scenica tra Settecento e Ottocento"
Editore: Bulzoni
Autore: Alberti Carmelo
Pagine: 190
Ean: 9788868970529
Prezzo: € 15.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Per un teatro povero"
Editore: Bulzoni
Autore: Grotowski Jerzy
Pagine: 306
Ean: 9788878709874
Prezzo: € 22.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Una gigantesca follia. Sguardi sul Don Giovanni"
Editore: Edizioni ETS
Autore:
Pagine: 291
Ean: 9788846746832
Prezzo: € 28.00

Descrizione:Sul mito di Don Giovanni si è incentrato, dall'ottobre del 2014 a tutto il 2015, il poliedrico festival "Una gigantesca follia", scaturito dalla collaborazione tra Teatro Verdi e Università di Pisa, che ha permesso di attraversarne molte possibili declinazioni: nella musica, nell'opera lirica, nel teatro, nel cinema, in televisione, e anche grazie a letture e conversazioni portate avanti nel corso di oltre un anno in vari luoghi della città e in molte scuole secondarie a cura della stessa Università. Il testo raccoglie gran parte delle riflessioni sulle quali si sono confrontati diversi studiosi. La figura di Don Giovanni, e il suo mito, raggiunge l'apice con la rappresentazione mozartiana, ma si innesta su diverse precedenti versioni, popolari e colte, e si irradia nel futuro, mostrandosi vitale ancora oggi. Il dialogo è stato il filo conduttore di questa operazione culturale: dialogo tra sguardi disciplinari diversi, ma anche tra enti, istituzioni, intellettuali, artisti, studenti e cittadini.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Metodo o follia? Otto lezioni sulla recitazione da uno dei fondatori del Group Theatre"
Editore: Audino
Autore: Lewis Robert
Pagine: 94
Ean: 9788875273323
Prezzo: € 13.00

Descrizione:Questo libro, finora inedito in Italia, è uno dei testi fondamentali di chi, negli anni '50., ha introdotto in Occidente il Metodo che ha rivoluzionato la tecnica della recitazione moderna. Membro prima del Group Theatre e poi dell'Actors Studio, Robert Lewis, come i suoi colleghi e compagni, adottò completamente il Sistema di Konstantin Stanislavskij, punto di partenza di varie e celebri "evoluzioni" o interpretazioni, da quella di Stella Adler a quella di Lee Strasberg, creatore di un Metodo che finì per confondersi con quello originale. Il ciclo di otto lezioni tenuto da Lewis nella primavera del 1957 al Playhouse Theatre di New York aveva proprio l'obiettivo di chiarire le idee su Stanislavskij e sui "metodi" di recitazione a quel tempo in voga. A una platea composta da attori, registi, sceneggiatori, Lewis raccontò la vera natura del Sistema stanislavskijano palesando ciò che non era, le sciocchezze, le interpretazioni distorte e i miti sorti intorno a esso. Dalle basi alla "verità" dell'attore, dallo stile della messa in scena al Metodo in sé, nelle sue otto lezioni Robert Lewis affrontò in maniera completa ed esaustiva tutto ciò che di dubbio o confuso c'era nelle teorie del tempo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Storia del teatro antico"
Editore: Carocci
Autore: Adriani Elena
Pagine: 194
Ean: 9788843083282
Prezzo: € 12.00

Descrizione:L'invenzione del teatro e della drammaturgia costituisce una delle eredità irrinunciabili che l'Occidente moderno ha attinto dalle antiche civiltà dei greci e dei latini. Ad Atene, tra il VI e il IV secolo a.C. si assiste all'ascesa, allo splendore e al declino di una stagione fertile di autori e attori, in un tempo in cui il fenomeno teatrale si carica di inedite valenze sociali, politiche e rituali. È l'età d'oro del V secolo, quando nella figura del drammaturgo si riassumono le competenze del poeta, del musicista, del coreografo, dell'interprete e del metteur en scène. I tragediografi e i commediografi romani assimilano l'esperienza spettacolare attica e vi conferiscono l'impronta della propria creatività, nel contesto di un universo civico e religioso profondamente mutato rispetto a quello ateniese. La miglior fortuna della commedia si accompagna all'ampio seguito di cui godono, anche oltre il tramonto del teatro letterario, forme spettacolari autonome dal domino della parola drammatica, come la farsa, il mimo, il pantomimo. Focalizzando l'interesse soprattutto sulle personalità e sui generi di maggior rilievo, il libro intende proporre un panorama esauriente della teatralità greca e romana, che presta attenzione sia all'aspetto drammaturgico sia al momento della messinscena.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "E sempre allegri bisogna stare. Le canzoni del signor Dario Fo"
Editore: Giunti Editore
Autore: Monti Giangilberto
Pagine: 160
Ean: 9788809844223
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Pochi lo sanno ma Dario Fo ha scritto in vita sua centocinquanta canzoni, dalle farse orchestrate da Fiorenzo Carpi al teatro-cabaret ideato con Enzo Jannacci, dalla dolce sigla di una memorabile "Canzonissima" a brani di forte impegno civile, dove accanto all'onnipresente Carpi compaiono spesso gli arrangiamenti folk del "tuttofonista" Paolo Ciarchi. Parole e musiche per ragionare sulla nostra società e cantarci sopra, come voleva il titolo di quel memorabile spettacolo degli anni '60. In queste pagine la segreta storia, un lungo, divertente, avvincente "racconto musicale" che serve a ripercorrere anche una parte importante della vita del nostro Paese, di cui Fo è stato spesso portavoce nelle sue istanze più nobili.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Groucho e i suoi fratelli. La vita e l'arte dei Marx Bros"
Editore: Castelvecchi
Autore: Martello Luca
Pagine: 299
Ean: 9788869443206
Prezzo: € 22.00

Descrizione:La prima monografia italiana integralmente dedicata agli indimenticabili Marx Bros. Luca Martello ci guida attraverso la vita e l'arte di Chico, Harpo, Groucho, Gummo e Zeppo: il gruppo comico più celebre mai esistito. Si profila così, pagina dopo pagina, una storia intrigante come un romanzo, magnetica come un film. Dai primi, timidi passi sui palchi del vaudeville fino agli esordi nel cinema sonoro, senza trascurare gli anni del declino e la resurrezione televisiva. Disegnando un quadro delle vicende e dei migliori aneddoti che ne hanno accompagnato la carriera, "Groucho e i suoi fratelli" costituisce oggi il testo di riferimento per chiunque abbia amato questo formidabile gruppo di attori e, incuriosito dalla loro figura, voglia scoprirne i retroscena segreti e il percorso artistico.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pirandello fra metateatro e mostri familiari. Intorno a «Questa sera si recita a soggetto»"
Editore: Edizioni di Pagina
Autore:
Pagine: XVI-184
Ean: 9788874705894
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Il gruppo di lavoro guidato da Roberto Alonge che ha creduto nell'ultima impresa di Marco Bernardi, l'allestimento per il Teatro Stabile di Bolzano di Questa sera si recita a soggetto, si è impegnato a dimostrare con approccio diversificato - attraverso il 'corpo a corpo' con il testo, ma anche per via documentaria ed intertestuale - che, nonostante le apparenze, la geniale commedia di Pirandello può essere letta in profondità, perché una profondità, a ben vedere, la possiede. È l'abisso dell'inconscio dove nascono, crescono, fanno sentire la loro voce, pur nascondendosi, i mostri familiari, nella fattispecie quelli di casa La Croce (e di casa Verri). In tale prospettiva il metateatro può essere visto come un meccanismo censorio e depistante che garantisce a quei mostri la clandestinità, sia pure solo parziale e temporanea.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il castello di Elsinore (2017)"
Editore: Edizioni di Pagina
Autore:
Pagine:
Ean: 9788874705450
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Paese della sceneggiata"
Editore: Medusa Edizioni
Autore: Fofi Goffredo
Pagine: 99
Ean: 9788876983832
Prezzo: € 9.50

Descrizione:Per tutto il corso del Novecento, fino agli anni Ottanta e Novanta, la sceneggiata è stata la forma di spettacolo prediletta dal proletariato napoletano e campano, dal cosiddetto sottoproletariato urbano - in realtà proletariato marginale - e dal mondo contadino che, quando era costretto a entrare in città, trovava il suo svago al teatro Duemila o al Trianon, vicini alla stazione ferroviaria e a piazza Garibaldi. Gli spettacoli erano tre al giorno, la mattina alle 11, il pomeriggio alle 6, la sera alle 9 e il programma cambiava di settimana in settimana, e si provava il nuovo copione nell'unica mattina in cui il teatro era chiuso. Come nel teatro dell'Ottocento, la compagnia aveva attori in ruoli fissi: al centro, "isso, essa e 'o malamente" e la coppia comica. La scena era il vicolo, e simili erano le storie narrate: l'innocenza insidiata, i buoni e i cattivi, un vicinato partecipe. Tutto diventava pubblico, tutto tornava strada. Al quinto atto, la canzone che dava il titolo a ogni testo e ne riassumeva vicenda e sentimenti. Ci fu un tempo in cui il popolo produceva la propria cultura, le proprie forme di spettacolo, la propria musica. Aveva gusti e idee propri e non quelli imposti dal potere attraverso comunicazioni di massa artefici di una cultura omologata e massificata. È utile ricordarlo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lo spettacolo senza riforma. La compagnia del San Samuele di Venezia (1726-1749)"
Editore: Firenze University Press
Autore: Galletti Lorenzo
Pagine: 294
Ean: 9788864533605
Prezzo: € 12.90

Descrizione:La compagnia del San Samuele di Venezia costituisce un caso esemplare della straordinaria vitalità delle truppe comiche nel primo Settecento, prima del successo della drammaturgia goldoniana. La ricostruzione della cronologia dell'attività della formazione guidata dal capocomico Giuseppe Imer consente di osservare la straordinaria versatilità degli attori dell'Arte e l'ampiezza di un repertorio che tra il 1726 e il 1749 svariava dai drammi agli intermezzi musicali, passando per i canovacci della Commedia Improvvisa e per le tragedie. Grazie a documenti inediti e a un'analisi critica dei repertori l'autore elegge gli attori a principali protagonisti della scena spettacolare veneziana e propone importanti aggiornamenti sulle migrazioni dei comici nel secondo quarto del XVIII secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Animazione teatrale e teatro ragazzi nell'Italia del XX secolo. Un fenomeno fiorente nella prassi educativa e culturale"
Editore: LAS Editrice
Autore: Lewicki Tadeusz
Pagine: 212
Ean: 9788821312854
Prezzo: € 14.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Shelagh, fa' un inchino"
Editore: Vita e Pensiero
Autore: Franco Lonati
Pagine: 144
Ean: 9788834332634
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Shelagh Delaney fu tra i protagonisti della new wave che negli anni Cinquanta travolse e cambiò il teatro inglese. Accanto a personalità come Osborne, Wesker e Pinter ci fu anche questa drammaturga di soli diciannove anni che con la sua opera d'esordio sfidò i pregiudizi, e svelò ipocrisie e contraddizioni, di una società classista e troppo compiaciuta. Scritto in un linguaggio ironico, contemporaneo e realistico, A Taste of Honey (1958) fu forse il più innovativo, certamente il più coraggioso, fra i drammi degli autori emergenti, portando all'attenzione temi considerati tabù nel teatro dell'epoca, come l'amore interrazziale, l'omosessualità, le dure condizioni di vita della working class. Autentica teenage wonder nel breve periodo di massima popolarità, Delaney sarebbe poi scomparsa rapidamente dalla ribalta, dopo lo scarso successo del suo secondo dramma. Da allora l'autrice è stata quasi dimenticata, anche se la sua opera ha continuato a influenzare, più o meno direttamente, la cultura britannica: dal dramma e il romanzo della stagione del kitchen sink realism, alla drammaturgia femminista degli anni Settanta, al cinema di denuncia degli anni Ottanta e Novanta. Questo volume si propone una lettura di A Taste of Honey nel suo contesto storico, sociale e culturale, al fine di fornire gli strumenti per apprezzare l'opera e comprenderne la rilevanza nella storia della letteratura inglese.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO