Categoria
           
Num. Prodotti x Pagina
           
Ordina Per

Libri
Warning: fread() [function.fread]: Length parameter must be greater than 0 in /web/htdocs/www.piemontesacro.it/home/negozio/funzioni.php on line 198



Titolo: "Servo di Dio Padre Gregorio Fioravanti, ofm"
Editore: Elledici
Autore: Pozzebon M. Antonietta
Pagine: 48
Ean: 9788801053074
Prezzo: € 3.50

Descrizione:Ludovico (poi padre Gregorio) Fioravanti nasce nel 1822 a Grotte di Castro (Viterbo). Francescano, viene inviato prima a Viterbo e poi a Venezia. Fonda e guida con sacrificio, dedizione e umiltà le Suore Francescane Missionarie del Sacro Cuore. Muore nel 1894.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cardinale Carlo Lavigerie"
Editore: Elledici
Autore: Taroni Massimiliano
Pagine: 48
Ean: 9788801053142
Prezzo: € 3.50

Descrizione:Nato a Bayonne (Francia) nel 1825, fu nominato arcivescovo di Algeri, e successivamente creato cardinale e nominato Primate di tutta l'Africa. Percorse tutta l'Europa per sensibilizzare l'opinione pubblica contro lo schiavismo. Muore nel 1892.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il santo parroco di Pianura"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Roberto Italo Zanini
Pagine: 176
Ean: 9788821576317
Prezzo: € 12.00

Descrizione:

Per don Giustino, parroco di Pianura e fondatore delle congregazioni delle Divine Vocazioni, la ricerca della santità non è stata solo un impegno personale o un compito legato al suo ministero pastorale, bensì un’esigenza universale, per tutti e per tutto, che ha informato l’intera sua vita e l’intero suo operato. «Vuoi farti santo? Invoca lo Spirito Santo! Invocalo oggi, invocalo domani, invocalo sempre ed Egli ti colmerà della sua luce e ti riempirà dei suoi doni». Don Giustino Russolillo

DESTINATARI
• Religiosi, studiosi di vite di santi e movimenti religiosi a cavallo tra Ottocento e Novecento.

L’AUTORE
Roberto Italo Zanini, è giornalista e lavora presso la redazione romana di Avvenire. Si occupa di politica dei mass media. Ha collaborato con la rivista Popoli e Missione, settimanali diocesani e quotidiani locali. Per le Edizioni San Paolo ha pubblicato: Bakhita. Inchiesta su una santa per il 2000 (2001; 20053); «Io sono nessuno». Vita e morte di Annalena Tonelli (2004; 20124); Il cuore ci martellava nel petto. Il diario di una schiava divenuta santa (2004); Annalena Tonelli. Un amore più forte di ogni odio (2006); Padre Semeira. destinazione carità (2008); Gina Tincani. Sulla strada delle alte cime (2008); Più forti del male. Il demonio, riconoscerlo, vincerlo, evitarlo (con G. Amorth, 20114).Della stessa forza di Dio (2011).



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Don Giuseppe Dossetti"
Editore: Cantagalli Edizioni
Autore: Biffi Giacomo
Pagine: 72
Ean: 9788882728748
Prezzo: € 7.50

Descrizione:Il volume raccoglie in maniera organica tutte le riflessioni del cardinale su questo straordinario uomo. Un omaggio affettuoso e doveroso e insieme l'occasione di offrire i testi autentici e completi a chi volesse conoscere in profondità e senza mediazioni il pensiero del cardinal Biffi su una figura centrale del Novecento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Teresa Neumann"
Editore: Edizioni Segno
Autore: Irene Corona
Pagine:
Ean: 9788861385931
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

Grande mistica, stigmatizzata ed anima vittima, non tutti la conoscono per le sue profezie straordinarie che riguarderebbero i tempi in cui viviamo: dal cielo la morte e la salvezza per una terra che barcolla, si apre e si rinnova in se stessa, insomma un’autentica tragedia cosmica per la fine di questi tempi malati di egoismo, dove il senso della fede e l’appartenenza come figli a Dio sembra sempre più una favola...



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'amore che guarisce"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Riccarda Lazzari
Pagine: 176
Ean: 9788821576713
Prezzo: € 18.00

Descrizione:

Dalle parole, dai gesti, dalle intuizioni e dall’infaticabile attività, emerge in suor Cherubina una figura dotata di talenti naturali, di qualità spirituali profonde, di spirito attivo e creativo, rigorosamente responsabile. In quest’ottica, la sua biografia può essere letta con interesse da varie categorie di persone e, da esse, scelta come modello di vita. Accanto ai malati e ai sofferenti, lei esprime una professionalità sanitaria di alto profilo, che non richiede soltanto competenza scientifica, ma esige passione, intuizione, donazione. Lei insegna che le professioni sanitarie esigono uno spirito artistico, creativo ed esigente, senza il quale la cura dei malati resta povera e fredda, incapace di leggere oltre i sintomi, oltre il linguaggio dei testi scientifici.

DESTINATARI
• Appassionati di biografie, interessati alle professioni sanitarie

L’AUTORE
Riccarda Lazzari, delle suore Ministre degli Infermi di San Camillo, è dottore in teologia con specializzazione in Teologia pastorale sanitaria. È diplomata in Mariologia. Ha l’abilitazione a funzioni direttive nell’arte infermieristica e insegna al ‘’Camillianum’’: Istituto internazionale di Teologia pastorale sanitaria. È responsabile dell’Ufficio nazionale di Pastorale sanitaria dell’Usmi e autrice di varie pubblicazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Quando il Maestro parla al cuore"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Courtois Gaston
Pagine: 240
Ean: 9788821574986
Prezzo: € 7.90

Descrizione:

I quaderni spirituali di Gaston Courtois, dei quali è qua presentata una selezione a cura di Agnès Richomme, sono la materializzazione del suo ininterrotto ascolto del Signore; e rispondono al preciso impegno di offrire, dopo la sua scomparsa, a quanti lo avrebbero accolto, qualcosa dei segreti della sua vita. Ora l’eredità di questo grande sacerdote, instancabilmente teso nella donazione totale di sé al servizio della Chiesa, delle missioni e delle anime bisognose di un concreto aiuto fraterno, è nelle nostre mani. Tocca a noi, nutrendocene, imparare a pregare, ad ascoltare e, soprattutto, ad amare, stimolati dal suo esempio di vita.

DESTINATARI
Un libro sul quale tutti i cristiani possono riflettere.

L’AUTORE
Gaston Courtois nacque a Parigi nel 1897. Qui compì gli studi superiori alla Sorbonne e presso l’Institut catholique. Come ufficiale prese parte alla guerra del 1914-1918, fu gravemente ferito e in seguito insignito della Légion d’honneur. Nel 1921 si fece religioso tra i Figli della Carità, congregazione fondata nel 1918 da padre Jean- Emile Anizan, dedita all’evangelizzazione dei poveri e degli operai, e nel 1925 fu ordinato sacerdote. Il suo apostolato fu intenso: fondò insieme a Joseph-Léon Cardijn la Jeunesse Ouvrière Chrétienne (JOC), animò associazioni sacerdotali e religiose, promosse opere caritative e missionarie, suscitò movimenti vivacissimi di vita cristiana, soprattutto tra i giovani (Coeurs Vaillants). Nel 1960 fu nominato segretario generale della Pontificia Unione Missionaria del Clero. Morì a Roma nel 1970.

 

PRESENTAZIONE
dell'edizione italiana 
di Agnes Richomme

Un anno e mezzo prima di morire, Padre Courtois ave­va tratteggiato in un'immagine eloquente il suo modo di concepire il sacerdozio. Si trovava a Roma, per il giubileo sacerdotale di un confratello.
«Il sacerdote — disse in quell'occasione — dev'essere un Uomo di Dio, un Uomo degli Uomini, un Uomo della Chiesa».
Questa formula lapidaria può costituire una definizione della sua stessa vita.

Uomo di Dio. Quest'uomo dalle idee sempre nuove, questo apostolo dalle innumerevoli iniziative era, soprat­tutto e anzitutto, l'uomo della preghiera. Egli si rinnovava continuamente nel «cuore a cuore» col Signore. Nessun impegno, pur urgente che apparisse, gli faceva rinunzia­re a quel «tempo forte» riservato a Dio che è l'orazione.

Quest'uomo d'azione era un grande contemplativo, e ciò spiega la fecondità straordinaria di tutte le sue impre­se. Sapeva e proclamava che «il sacerdote non potrebbe essere un uomo in tutto simile agli altri». Si sforzava di vivere, ed era solito dirlo, «in persona Christi». A quan­ti lo interpellavano ripeteva instancabilmente le stesse direttive: preghiera, orazione, giornata settimanale di silenzio, durante la quale, interrotta ogni attività, ci si «ricarica» di Dio per meglio esprimerlo e donarlo.

Uomo di Dio, certamente, in tutto il suo essere, si con­siderava un consacrato e regolava il suo modo di vivere su quel dono iniziale al suo Signore, in risposta a una chiamata precoce che egli stesso pone nel febbraio 1909, quando non era ancora dodicenne. Questa aspirazione a una vita di intimità con Dio, provata sin dall'adolescen­za, crebbe insieme a lui, a tal punto che la preghiera fu il vero motore di tutta la sua azione pastorale.

Da molto tempo aveva preso l'abitudine di scrivere, < quasi sotto dettatura del Signore», i suoi quaderni: in tasca ne aveva sempre uno. Oltre a quanto Padre Courtois ha già diffuso nel mondo, attraverso un'abbondante produzione di opere, purtroppo in gran parte esaurite, si trova in questi quaderni l'espressione di rapporti più intimi con Colui che era il suo tutto. Anche se si schermiva di sentire qualsiasi «voce». «Esprimo solamente nel mio vocabo­lario — diceva — ciò che io credo che Egli voglia dirmi».

Uomo degli Uomini. Vivendo per Dio nel modo più totale possibile alla condizione umana, Padre Courtois, per logica conseguenza, si mostrò sempre disponibile a tutti i bisogni degli uomini suoi fratelli. In questo spi­rito egli concepiva il suo sacerdozio: «Non è certo per noi che siamo stati ordinati sacerdoti, ma per gli altri», dichiarava. Lo spirito di servizio gli era quasi natura­le, poiché traeva origine direttamente da Colui che ha dichiarato di essere venuto «non per essere servito, ma per servire».

In questo spirito, ancora studente, trascinava i suoi compagni all'apostolato tra i ragazzi di un oratorio parigino.
Giovane sacerdote, radunò i suoi confratelli in un «Gruppo di aiuto sacerdotale» che si riuniva regolarmente per scambi fruttuosi.
Vice-parroco in una parrocchia popolare, lavorò col Padre Guérin alla fondazione della .1.0.C. (Gioventù Operaia Cattolica) francese.

Entrato tra i Figli della Carità per realizzare meglio, nella vita religiosa, il «dono totale» al quale aspira-Va, e presto destinato all'organismo dell'Unione delle Opere Cattoliche di Francia, fondò il giornale «Coeurs Vaillants» (Cuori Valorosi) — donde trasse origine il Movimento omonimo — seguito poi dal giornale «Ames Vaillaintes» (Anime Valorose).

Preoccupato di aiutare le anime consacrate, predicò numerosi ritiri a sacerdoti e suore, e diede vita all'Unio­ne delle Religiose Educatrici Parrocchiali.
Eletto Procuratore Generale del suo Istituto nel 1955, trascorse gli ultimi quindici anni della sua vita a Roma. Chiamato, sin dal 1957, alla Congregazione «De Propaganda Fide» (attualmente detta «per l'Evangelizza­zione dei popoli») quale membro permanente del Con­siglio superiore della Propagazione della Fede, diventò nel 1960 Segretario Generale della Pontificia Unione Missionaria del Clero, e fondò, a tal titolo, i «Documents­Omnis Terra», che ancor oggi si pubblicano a Roma in tre lingue.

Uomo degli uomini, Padre Courtois lo era sia sul pia­no personale sia su quello delle grandi realizzazioni. Lo ha sottolineato il Card. Garrone, nell'omelia tenuta alla messa delle sue esequie: «L'amicizia del Padre Courtois era immediata, universale, sempre fervorosa. Poteva per­sino stupire, proprio per tale fervore, spesso inatteso. Ma era impossibile contestare, anche per un attimo, la sincerità, e la prima occasione forniva la prova che il suo cuore non mentiva e che era capace di ogni sacrificio». Quante persone potrebbero confermare questa testimo­nianza autorevole! Il Padre Courtois era la benevolen­za personificata, sempre pronto, nella gioia, ad aiutare quanti si rivolgevano a lui, anche se sconosciuti. Si può dire che mettesse in pratica, in modo del tutto naturale, laformula: «Ogni uomo è mio fratello» . Questa bene­volenza e questa amicizia universali, che furono sue ca­ratteristiche,portavano il Padre a non permettere mai che la critica o la maldicenza si esprimessero dinanzi a lui. Riusciva abilmente a deviare la conversazione e all'occorrenza tagliava corto. Un tale profondo amore, attinto al Cuore stesso di Dio, si esprimeva in tutti i modi e in tutte le occasioni.

Uomo degli uomini, Padre Courtois apprezzava il det­to: «Nulla diquello che è umano mi è estraneo». Edu­catore nato, applicava le leggi della psicologia. Tra le sue numerose opere, «Pour réussir auprès les enfants», «L'art d'élever les enfants d'aujord'hui», «L'art d'etre Chef», «L'École des Chefs»' sono miniere alle quali an­cor oggi si può attingere con efficacia. Pur insistendo instancabilmente sullo spirito di preghiera, che nulla può sostituire, consigliava con insistenza di chiedere fedel­mente la grazia «di un giudizio retto, di un buon senso solido, di un equilibrio perfetto», valori questi di cui egli era abbondantemente provvisto. Coltivava il buon umore, frutto dell'intima gioia di amare Dio e di servirlo.
Uomo della chiesa, «È nella Chiesa, con la Chiesa, e per la Chiesa che noi preti realizziamo la nostra missio­ne», diceva nel 1969.

Così aveva sempre pensato, e le scosse che già allora si facevano sentire non appannavano in alcun modo la fiducia e l'amore che egli professava per la Chiesa di Gesù Cristo. «È bene per noi, diceva ancora, in momenti come questi, in cui si critica la Chiesa con tanta facilità e carenza di senso storico...fare tutt'uno con essa, affer­mare la nostra fierezza di appartenerle, ridire la nostra gioia di poter lavorare vicino al suo Capo».

Uomo leale, Padre Courtois riteneva normale spingersi fino in fondo ai suoi impegni; la sua fedeltà era senza sbavature. Il suo naturale ottimismo gli faceva superare le contingenze e lo legava alla unica verità che ne vales­se la pena: «Non c'è Gesù Cristo da un lato e la Chiesa dall'altro. Essa è qualcosa di Lui. Anzi, è misticamente il suo Corpo in stato di crescita, nutrito e vivificato da Lui nella misura in cui ciascuno accetta di esserlo, ma ciascuno al suo posto, secondo la sua funzione, nel suo, ruolo complementare per il bene di tutto il Corpo».

Il senso missionario del Padre Courtois diventò molto intenso durante gli anni della sua permanenza a Roma. Non rifiutando nessuno dei lunghi viaggi (malgrado i preavvisi del male che lo avrebbe condotto alla tomba), andava e riandava dall'America all'Africa, continenti che percorse numerose volte, portando, col suo sorriso aperto, un conforto sicuro a tutti coloro che lavoravano nella evangelizzazione, in condizioni spesso difficili. Anche il Medio Oriente lo vide spesso, e non sono ancora stati dimenticati i sostanziosi ritiri spirituali da lui predicati. La sua fraterna dedizione alla Chiesa greco-melchita gli valse il titolo di Grande Iconomos e il Patriarca d'allora, Maximos IV, lo designava col titolo affettuoso di «figlio dell'Occidente con cuore Orientale».

Un filo direzionale legava intimamente tutte le iniziative del Padre Courtois e fecondava tutte le sue attività: il bisogno di far conoscere e amare Dio.
Di questi quaderni, quasi materializzazione del suo co­stante «ascolto di Dio» (titolo, anche questo, di un suo libro), egli non era avaro e, secondo l'occasione, ne co­municava alcuni brani. Sembra finanche che intravedesse l'eventualità di una loro pubblicazione, come risulta da queste righe che vi si trovano: «Devi cogliere le idee che metto in te ed esprimerle nel tuo vocabolario, a mano a mano che te le ispiro. Altrimen­ti svaniranno nella nebbia dell'oblio. Se le faccio sorgere nel tuo spirito, è anzitutto per te stesso, poiché ti aiute­ranno a pensare come penso io, a vedere le cose come le vedo io, a tradurre i segni dei tempi come voglio essere compreso nel chiaroscuro della fede.»

Ebbene, ripetiamolo, il Padre Courtois non ha voluto e non ha cercato se non questo: amare il Signore quanto meglio era possibile, e lavorare con tutte le sue forze a farlo amare.
Possa questo messaggio postumo continuare quella che fu l'opera di tutta la sua vita!

 

ESTRATTO DAL PRIMO CAPITOLO

ASCOLTAMI E PARLAMI

Ascolta. Comprendi. Raccogli. Assimila. Metti in pra­tica. È difficile, lo so, darmi ascolto quando la testa è piena di chiasso. È necessario il silenzio, è necessario il deserto. Si ha terrore dell'aridità e del vuoto. Ma se tu sei fedele, se perseveri, lo sai, il tuo Diletto farà sentire la sua voce, il tuo cuore brucerà e questo ardore interiore ti darà la pace e la fecondità. Allora assaporerai fino a che punto il tuo Signore è soave, fino a che punto il suo peso è leggero. E sperimenterai, al di là del tempo che consacrerai esclusivamente a me, la realtà del Dilectus meus mihi et ego.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Gioacchino da Fiore"
Editore: Vivere In
Autore: Stipo Rosa Maria
Pagine: 146
Ean: 9788872634226
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Gioacchino da Fiore, abate, nacque nel 1130 ca. a Celico, paese della Calabria. Egli ebbe una profonda fede nell'imminente Regno di Dio: una terza età del genere umano l'età dello Spirito dopo l'età del Padre e del Figlio. Lo Spirito Santo è portatore del progresso; tutti i popoli della terra ne sono partecipi. Nato per essere guida di altri uomini, credeva fermamente che il monaco doveva essere "sentinella di Dio". Nel Liber Concordiae infatti così scriveva: "È nostro dovere salire sull'osservatorio della montagna e, non appena avvistati i nemici, dare l'allarme? Voi da degni soldati di Cristo, quali siete, mettete da parte le opere delle tenebre e indossate le armi della luce.Noi, se non diamo fiato alla tromba siamo responsabili del vostro sangue; voi, se trascurate di indossare le armi della luce, perirete per colpa vostra".Conoscere Gioacchino è significativo in un tempo come il nostro, in cui si avverte l'esigenza di riconquistare e difendere quella che l'abate chiama il più insigne dono dello Spirito: "la pace spirituale del mondo"

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Scritti in onore di Elio Sgreccia"
Editore: Cantagalli Edizioni
Autore: Assoc. Scienza e Vita
Pagine: 568
Ean: 9788882728250
Prezzo: € 25.00

Descrizione:

Una testimonianza culturale di amicizia, condivisione, gratitudine. Autorevoli studiosi e docenti rendono omaggio al maestro di bioetica, riconosciuto a livello internazionale, fondatore di una Scuola di alto prestigio e diffuso apprezzamento. Nell'orizzonte di senso offerto dalla grande significanza del pensiero e dell'insegnamento di Elio Sgreccia, si rileva tangibilmente ciò che fonda da sempre il suo operare: virtuosa armonia tra rigore intellettuale e fortezza spirituale, lungimiranza progettuale e inesauribile entusiasmo, delicatezza relazionale e sobrietà rappresentativa, indefettibile amore per la verità e incessante apertura al dialogo.

INTRODUZIONE
di Lucio Romano

Scritti in onore di Elio Sgreccia: una testimonianza culturale di amicizia, condivisione, gratitudine.

Autorevoli studiosi e docenti hanno da subito accolto l’invito dell’Associazione Scienza & Vita a contribuire, per le rispettive competenze, con la redazione di articoli il cui significato è immediatamente percepibile: rappresentano un omaggio al maestro di bioetica, riconosciuto a livello internazionale, fondatore di una Scuola di alto prestigio e diffuso apprezzamento. Certo, sono tanti coloro che, di pari rilievo accademico ed ecclesiale, avrebbero potuto partecipare a questa iniziativa ma, come facilmente intuibile, si sarebbe dovuto pensare ad un’opera con diversa impostazione editoriale.

Raccogliere sinteticamente, nello spazio proprio di un’introduzione, il pensiero di S. Em.za Prof. Elio Sgreccia è compito inesigibile. Si rimanda, pertanto, alla vasta letteratura in merito e ai contributi riportati nel volume. Tuttavia è prioritario rilevare l’orizzonte di senso offerto dalla grande significanza del pensiero e dell’insegnamento di Elio Sgreccia che, giustificati con argomentazioni fondate razionalmente, assicurano la possibilità di declinare virtuosamente scienza e fede.

L’antropologia personalista ontologica non è lettura della vita che esclude il confronto e la ricchezza dei contributi di altre conoscenze, come quelle della biomedicina. Tutt’altro. Rappresenta una semantica di verità inclusiva, riconoscibile da ognuno e che – dando ragione della irriducibile unicità e intrinseca dignità di ogni uomo – è apertura autentica e rigorosa al dialogo con i vari saperi umani e loro sviluppi. L’antropologia di riferimento, come ci ricorda lo stesso Sgreccia nel suo Manuale di bioetica, è «cresciuta nell’alveo del pensiero classico-patristico, fatta propria da Tommaso d’Aquino e ravvivata continuamente da pensatori di grande e non precario valore, come J. Maritain, E. Mounier, E. Gilson, G. Capograssi, A. Gemelli ed altri viventi, che hanno attinto alla forza della ragione, non mortificata ma sostenuta dalla fede cristiana, i criteri di valutazione etica».

In altri termini l’argomentazione e la metodologia di analisi proposte offrono la concreta possibilità di coniugare – con ragionevolezza immediatamente riconoscibile – la dimensione scientifica con quella antropologica, etica e giuridico-deontologica. Infatti, sulla base dell’antropologia personalista di riferimento si armonizzano le riflessioni in ambito bioetico e biogiuridico, con innegabili risultati per quanto attiene anche agli altrettanto attuali aspetti dell’etica sociale.

Last but non least. Con il volume che ho l’onore di introdurre, l’Associazione nazionale Scienza & Vita – unitamente a tutti gli autori che hanno partecipato – attesta in maniera tangibile ciò che caratterizza da sempre l’operare di S. Em.za Prof. Elio Sgreccia: costante armonia tra rigore intellettuale e fortezza spirituale, lungimiranza progettuale e inesauribile entusiasmo, delicatezza relazionale e sobrietà rappresentativa, indefettibile amore per la verità e incessante apertura al dialogo.

ESTRATTO DAL PRIMO CAPITOLO

Carlo Bellieni 

Rifondare la bioetica

Oggi più che mai, la bioetica deve essere fondata sulla ragione e sull’esperienza del reale, perché l’etica è esclusivamente legata al conoscere, cioè al riconoscere. Questo ci porta ad inevitabili conseguenze.

La bioetica nasce dal riconoscere la realtà

La ragione è approcciare la realtà cercando di non censurare nulla, abbracciandola secondo la totalità dei suoi fattori. Ma contemporaneamente non dimenticando nulla di noi: la nostra storia e i nostri desideri. Confrontare storia e desideri con la totalità dei fattori di ciò che incontriamo significa conoscerli, dunque farne esperienza. L’uso della ragione nella conoscenza implica due cose: che non ne censuriamo nulla a priori (ragionevolezza), e che addirittura siamo disposti a cambiare qualsiasi opinione che ci siamo pre-formata, se la realtà del fatto che affrontiamo lo impone (realismo). E, terza premessa, che la realtà ci interessi davvero: senza interesse ogni giudizio etico è formale e superficiale, dunque artefatto.

Certi giudizi etici dipendono da pregiudizi legati al vissuto personale

Le reazioni affettive ad un evento avverso hanno anch’esse bisogno della mediazione della ragione per organizzarsi e sbocciare. Non sono immediatamente sviluppate dall’evento che le produce. Perdendo la capacità di ragionare, subentra un meccanismo che potremmo definire sottocorticale, cioè stereotipato, che talora sfocia in patologia, in pensiero catastrofico, che così tanto imbibisce la nostra società.

L’ipotesi che io sollevo, è che alla base di tanti fenomeni etici “nuovi”, come suicidio assistito, liberalizzazione della droga, aborto facile, ci sia una mentalità negativa personale, che diventa una patologia sociale: una paura e una negazione del reale di alcune persone, che contagia la visione del reale della popolazione, la rende pessimista e nichilista, tanto da preferire la morte ad affrontare la realtà.

La bioetica non deve seguire “principi”, ma “la realtà”

Il primo passo per una nuova bioetica è superare la bioetica dei principi o quella delle conseguenze, che cercano di dettare delle norme accettabili da tutti, ma che trovano difficoltà a mettere dei paletti, dato che per esse la persona decide autonomamente (principialismo) o che il fine giustifica i mezzi (consequenzialismo).

Si deve tornare ad una bioetica basata sulla ragione (non censurare nessun fattore del fatto reale), sul realismo (accettare di cambiare idea se la realtà lo impone) e sull’empatia (l’amore o almeno l’interesse verso il soggetto che si ha davanti). Senza queste tre dimensioni, il giudizio etico è un giudizio burocratico, fatto per nascondere le nostre fobie e patologie mentali. La persona etica non è chi segue le norme, ma chi riconosce nella realtà un disegno buono (una legge naturale) e cerca di seguirlo. E occorre ironia. Perché senza ironia prendiamo troppo sul serio noi stessi, mentre dobbiamo prendere sul serio la realtà (e il mistero divino di cui la realtà è segno), non la nostra capacità o forza tecnica.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Don Didaco Bessi: un parroco nella Toscana postunitaria"
Editore: Cantagalli Edizioni
Autore: Coralli Filippo
Pagine: 120
Ean: 9788882728427
Prezzo: € 13.00

Descrizione:L'autore con questo volume offre Una biografia interamente dedicata a Don Didaco Bessi, proclamato «Servo di Dio», di cui attualmente è in corso la causa di beatificazione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Quello che vuoi tu, Padre"
Editore:
Autore: Donegana Costanzo
Pagine: 84
Ean: 9788831155304
Prezzo: € 7.00

Descrizione:«Non ciò che voglio io, ma quello che vuoi tu, Padre» (Mt 26, 39): era il programma di vita di Benedito (1935-2009), il filo d'oro che lega e spiega i vari episodi della sua vita.Ordinato sacerdote del Pime nel 1969, grazie al suo carattere forte e concreto, animato da una fede profonda, padre Benedito ha suscitato numerose comunità di fedeli in tutto il Brasile, spesso in situazioni di estrema povertà o di drammatico conflitto sociale, conquistando giovani e adulti. Il libro attraverso il ricordo di quanti l'anno conosciuto ne ripercorre la vita, in un linguaggio semplice e colloquiale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Iride"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Minetti Annalisa
Pagine: 138
Ean: 9788821576454
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Iride è il racconto della vita e del percorso di fede di Annalisa Minetti, finalista di Miss Italia, cantante vincitrice del Festival di Sanremo, moglie, madre e atleta. Annalisa, nonostante la cecità da cui è affetta, è sempre stata una sportiva e il suo talento e la sua costanza le hanno permesso di qualificarsi e vincere la medaglia di bronzo nei 1500 metri ai Giochi Paralimpici di Londra 2012, bronzo che le è valso il record del mondo nella categoria T12 (non vedenti); un risultato straordinario ottenuto grazie anche all'aiuto di Andrea Giocondi, mezzofondista che prese parte alle Olimpiadi di Atlanta del 1996, insieme al quale si allena e partecipa alle competizioni. Nell'affrontare le sfide — ordinarie e straordinarie — della vita, Annalisa non è mai sola, perché oltre all'amore dei famigliari, del marito Gennaro Esposito — ex calciatore professionista — e del figlio Fabio, può contare sulla sua fede in Gesù. Questo libro — composto da un capitolo per ciascun colore dell'arcobaleno — non è quindi solo il racconto di una vita, ma soprattutto di un cammino costante di fede, di un affidarsi che permette di superare gli ostacoli che ci si parano dinanzi e di trasformare le difficoltà in opportunità. Cantante, campionessa olimpica, moglie e madre. Annalisa Minetti racconta la sua vita e il cammino di Fede Oltre la cecità e le difficoltà di ogni giorno.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Padre Pantaleone Palma"
Editore: Elledici
Autore: Passatelli Gaetano
Pagine: 64
Ean: 9788801052749
Prezzo: € 5.00

Descrizione:Un uomo che visse le Beatitudini fino in fondo (1875-1935).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I Martiri francescani di Praga"
Editore: Elledici
Autore: Metelli Francesco
Pagine: 24
Ean: 9788801052770
Prezzo: € 2.00

Descrizione:Il 15 febbraio 1611, nel corso di un assedio della città di Praga, una turba scalmanata di duemila uomini fece irruzione nel convento di Santa Maria della Neve e perpetrò un orribile massacro dei religiosi. La Chiesa, dopo 401 anni, riconosce il martirio dei 14 frati, proclamandoli Beati, nell'ottobre 2012.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Caro amico santo ti scrivo..."
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Licinio Ivan
Pagine: 128
Ean: 9788821576935
Prezzo: € 12.00

Descrizione:

Bartolo Longo, oltre ad essere stato un apostolo del Vangelo, un araldo della carità, uno scrittore, un pubblicista, un pedagogista, un urbanista, un fondatore, fu anche e soprattutto uomo di dialogo. Il volume di Ivan Licinio, che ripropone il carteggio tra Bartolo Longo con santi e beati del suo tempo, fra cui Giuseppe Moscati, Eustachio Montemurro, Michele Rua, Paolo Manna, Giustino Maria Russolillo, padre Pio da Pietrelcina, Annibale Maria di Francia e Giuseppe Toniolo, dimostra in pieno la verità dell’asserto. Inoltre rivela come la Provvidenza tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 abbia intrecciato la storia di tanti santi uomini e donne, dando vita ad un ricamo perfetto della volontà di Dio, concretizzata in opere di carità e di promozione umana. In Appendice sono riprodotte alcune lettere autografe.

Destinatari
• Sacerdoti, cultori di storia della Chiesa.

L’autore
Ivan Licinio è nato a Vico Equense il 31 ottobre del 1983. È stato ordinato sacerdote della Prelatura di Pompei il 7 dicembre 2011 e attualmente è Responsabile della Pastorale Giovanile diocesana e vicario parrocchiale della Parrocchia “Sacro Cuore di Gesù”. Specializzato in Teologia Pastorale e Profetica presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale “San Tommaso d’Aquino” a Napoli, la sua tesi di Baccalaureato in Sacra Teologia è stata incentrata sui circoli di santità in Italia tra XIX e XX secolo attraverso l’analisi dei rapporti epistolari del Beato Bartolo Longo, fondatore del celebre Santuario mariano e delle opere di carità annesse, della Congregazione delle Suore Domenicane Figlie del Santo Rosario di Pompei e della stessa città di Pompei.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Padre Candido Amantini c.p."
Editore: Elledici
Autore: Coluccia Antonio
Pagine: 48
Ean: 9788801052602
Prezzo: € 3.50

Descrizione:Sacerdote Passionista, esorcista, confessore e direttore spirituale (1914-1992).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Don Giuseppe Quadrio teologo e testimone"
Editore: LAS Editrice
Autore: Escudero Antonio
Pagine: 300
Ean: 9788821308437
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

La figura del venerabile don Giuseppe Quadrio è stata più volte ripresa per afferrare i molteplici aspetti della sua esistenza. A cinquant’anni dalla sua scomparsa l’impegno di mantenere viva la sua memoria non soltanto non è cessato, ma conserva tutto il suo valore, anche per evitare di perdere i contenuti e le suggestioni da lui offerte. In particolare il momento attuale sembra adatto per realizzare ancora un passo nella comprensione del suo pensiero: siamo ad una significativa distanza storica dal tempo della sua attività teologica, abbiamo la disponibilità di accedere con facilità agli scritti e possediamo una serie di buoni lavori sul nostro Autore. L’indagine sul suo apporto alla riflessione teologica, sulla qualità del suo discorso accademico e pastorale, sui motivi portanti della sua elaborazione sistematica, o sulle prospettive da lui percepite, è perfettamente aperta. Gli studi contenuti nel presente volume indicano la validità di tale indagine nel prendere in esame alcuni temi teologici e pastorali, come l’antropologia teologica, la dottrina sui sacramenti, in particolare la Riconciliazione e il Matrimonio, l’identità e la missione del ministro ordinato nella Chiesa, la mariologia.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Testimone"
Editore: Edizioni Segno
Autore: Silvia Tripaglia
Pagine:
Ean: 9788861385641
Prezzo: € 8.00

Descrizione:

Noi non saremo tutti chiamati a testimoniare con il sacrificio del sangue, ma la nostra missione ci obbliga a donare tutta la nostra vita senza riserve. L’essenziale è che decidiamo veramente di seguire Cristo e di testimoniarlo senza posa di fronte agli uomini, anche se non ci è possibile conoscere in anticipo i sacrifici che questa imitazione di Gesù Cristo esigerà certamente da noi. Così disse Giovanni Paolo II: “I santi sono i testimoni visibili della santità della Chiesa. Sono i santi che la Chiesa beatifica e canonizza, ma anche tutti i santi nascosti, anonimi: essi salvano la Chiesa dalla mediocrità, la riformano dal di dentro, direi per contagio, e la trascinano vero quel che essa dev’essere”.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Una vita rubata"
Editore: Piemme
Autore: Dugard Jaycee
Pagine: 270
Ean: 9788856625561
Prezzo: € 16.00

Descrizione:

"Nell'estate del 1991 ero una bambina normale. Facevo cose normali, avevo amici e una mamma che mi amava. Ero come voi. Fino al giorno in cui mi hanno rubato la vita. Per diciotto anni sono stata prigioniera. Sono stata oggetto di uso e abuso. Per diciotto anni non mi è stato permesso di pronunciare il mio nome. Sono diventata madre e costretta a essere sorella. Per diciotto anni sono sopravvissuta in una situazione impossibile. Il 26 agosto 2009, mi sono reimpossessata del mio nome. Mi chiamo Jaycee Lee Dugard. Io non penso a me stessa come a una vittima. Io sono una sopravvissuta. Questa è la mia storia, con le mie parole, a mio modo, esattamente come la ricordo."



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sopra il cielo di Ravello"
Editore: Libreria Editrice Vaticana
Autore: Grieco Gianfranco
Pagine: 240
Ean: 9788820988685
Prezzo: € 22.00

Descrizione:In occasione del III Centenario della morte del Beato Bonaventura da Potenza, la Libreria Editrice Vaticana propone un'originale biografia sull'umile padre lucano beatificato nel 1775.L'Autore, giornalista e scrittore, profondo studioso del Beato, ripercorre i sessant'anni della sua vita, districandosi tra la storia, la cultura, l'arte, la spiritualità che hanno contraddistinto il periodo a cavallo tra Seicento e Settecento, e riportando notizie e documenti inediti che rendono questa biografia originale ed affascinante.Il volume risulta di particolare interesse sia per i devoti di Padre Bonaventura, ma anche per tutti i fedeli che colgono nel Beato un potentino un esemplare modello di vita da seguire.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Maria Nanni"
Editore: Centro Volontari della Sofferenza Edizioni
Autore: Giorgini Antonio
Pagine: 254
Ean: 9788884071835
Prezzo: € 12.00

Descrizione:

Biografia di Maria Nanni, Silenziosa Operaia della Croce, donna forte, "persona bellissima, che ha vissuto la missione di far fiorire il dolore". Il libro è accompagnato da alcune lettere di Maria che ne svelano la profondità spirituale, e da testimonianze di chi l'ha conosciuta, seguita e amata.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' uomo, a che prezzo?"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Etchegaray Roger
Pagine: 136
Ean: 9788821576966
Prezzo: € 8.90

Descrizione:

Novant’anni a settembre, una vita intera spesa a servizio della Chiesa in ogni parte del mondo, a contatto con tutti i più grandi della terra. Uno sguardo unico sui temi della pace, dei diritti umani, della giustizia. Il testamento spirituale di Roger Etchegaray. Qual è il ruolo della Chiesa oggi? Come può superare la crisi in cui imperversa il mondo e aiutare allo stesso tempo gli uomini? Un percorso e un’analisi attraverso le esperienze del Cardinale Etchegaray che dall’incontro con i grandi della terra ha saputo trarre insegnamenti positivi. Un libro che rappresenta un messaggio di pace e di solidarietà tra culture diverse che devono avere come unico obiettivo la Buona Novella.

DESTINATARI
• Tutti i credenti.

L’AUTORE
Roger Marie Elie Etchegaray nato nel 1922 a Espelette (in Francia), ordinato sacerdote nel 1947, nel 1969 viene nominato Vescovo da Paolo VI. Nel 1979 viene ordinato Cardinale da Giovanni Paolo II e in seguito diventa Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace e Presidente del Pontificio Consiglio “Cor Unum” Nel suo ruolo di Diplomatico della Santa Sede ha sempre cercato di svolgere un instancabile servizio a favore della pace, dei diritti umani e dei bisogni dei più poveri, contribuendo a diffondere il messaggio e la carità del Papa in ogni angolo del mondo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Essere carità"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Mirra Pierluigi
Pagine: 112
Ean: 9788821575488
Prezzo: € 8.00

Descrizione:

“Essere Carità” non è uguale a “fare la carità”. Essere carità è uguale ad essere amore, immedesimarsi in Dio stesso che è Amore, e far vibrare i palpiti del proprio cuore al ritmo di quelli del cuore di Dio. Madre Maria Agostina, la cui vita è raccontata in questo volume, è stata carità coll’essere “Madre” con un amore illuminato da Dio e che ha generato nella Chiesa testimoni che rendono visibili nel tempo l’amore eterno del Signore. Le figlie di Madre Maria Agostina, sparse ed operanti sotto vari cieli e su vasti orizzonti, oggi vivono nella Chiesa il carisma della Fondatrice e continuano a portare a tutti il messaggio della loro Madre: «Essere carità sempre, essere carità per tutti».

DESTINATARI
• Religiosi.

AUTORE
Pierluigi Mirra è un religioso della Congregazione dei Padri Passionisti. Ha collaborato con varie case editrici, sia per biografie, sia come compositore di musica. Ha all’attivo varie pubblicazioni, specialmente di biografie di Santi e Beati del suo Istituto. Ha pubblicato raccolte di racconti (Rogate 2002) e ultimamente una raccolta di poesie dal titolo Io sono un camminatore (Ed. Il Mezzogiorno 2011). Missionario itinerante, dirige la Rivista Presenza Missionaria Passionista (Napoli).



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Germana Sommaruga"
Editore: Elledici
Autore: Anna Frattini
Pagine: 48
Ean: 9788801052589
Prezzo: € 3.50

Descrizione:La vita di Germana Sommaruga (1914-1995) fu segnata da un'idea originale e profetica: dar vita a un movimento di laiche consacrate che nel mondo assistano i malati nello spirito di San Camillo. Fondò l'Istituto secolare che prenderà il nome di Missionarie degli Infermi, guidò nel Lombardo-Veneto l'associazione Unione Cattolica Infermiere, e fondò il Centro Assistenza Malati (C.A.M.), che si diffonderà in varie parti del mondo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Don Mario Ciceri"
Editore: Elledici
Autore: Taroni Massimiliano
Pagine: 48
Ean: 9788801052664
Prezzo: € 3.50

Descrizione:Sacerdote e parroco lombardo (1900-1945), conquistò l'affetto e la stima dei parrocchiani per la sua bontà, per il suo impegno, per la sua profonda spiritualità. La sua azione pastorale coprì tutti i campi: dall'oratorio al confessionale, dai ragazzi agli anziani, dagli ammalati ai carcerati.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO