Articoli religiosi

Libri - Storia



Titolo: "Basilio II Bulgaroctono"
Editore: Gruppo Albatros Il Filo
Autore: Zambon Giannantonio
Pagine: 102
Ean: 9788856798401
Prezzo: € 13.50

Descrizione:L'apogeo di una potenza nella storia è sempre segnato da una figura autorevole, un personaggio in grado di rappresentare il proprio popolo, di dominare i propri nemici e spegnere i focolai di rivolte interne. Sono periodi più o meno lunghi, ma entrano di diritto nella Storia e nella sua narrazione. Giannantonio Zambon ricostruisce in questo saggio, chiaro e sintetico anche per i non specialisti, il periodo storico che vide emergere e trionfare la figura di Basilio II, imperatore dei Bizantini, che passò gran parte della sua vita sui campi di battaglia, e per questo viene ricordato come "Bulgaroctono" ("il Massacratore dei Bulgari"). Il suo regno, a cavallo dell'anno Mille, durò mezzo secolo e fu segnato da incredibili novità sul piano economico-sociale, politico e religioso. Ostile al potere degli aristocratici, redistribuì le terre tra i contadini accattivandosi il loro consenso. Estraneo ai rituali di corte, il Basileus fu spietato con i suoi nemici interni ed esterni, meditando continue vendette e pretendendo la più completa sottomissioni.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "The name Constantine"
Editore: Montabone
Autore: Marotta Ezechiele
Pagine: 180
Ean: 9788832275032
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il nome Costantino. I tracciati della memoria"
Editore: Montabone
Autore: Marotta Ezechiele
Pagine: 180
Ean: 9788832275056
Prezzo: € 20.00

Descrizione:Flavio Valerio Aurelio Costantino, conosciuto anche come Costantino il Grande e Costantino I, è stato un imperatore romano dal 306 alla sua morte. Costantino è una delle figure più importanti dell'Impero romano, che riformò largamente e nel quale permise e favorì la diffusione del cristianesimo. Tra i suoi interventi più significativi, la riorganizzazione dell'amministrazione e dell'esercito, la creazione di una nuova capitale a oriente, Costantinopoli, e la promulgazione dell'Editto di Milano sulla libertà religiosa.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "«Vera amicitia praecipuum munus». Contributi di cultura medievale e umanistica per Enrico Menestò"
Editore: Sismel Edizioni del Galluzzo
Autore:
Pagine: 246
Ean: 9788884509093
Prezzo: € 35.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Guglielmo il Conquistatore"
Editore: Oaks Editrice
Autore: Slocombe George
Pagine: 379
Ean: 9788894807400
Prezzo: € 20.00

Descrizione:La vita di un sovrano coraggioso e intelligente, che, unico nella storia, concepì e realizzò l'audace piano di invadere e conquistare l'Inghilterra. Una storia vera, che racconta come Guglielmo "il Bastardo" divenne Guglielmo "il Conquistatore".

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I Medici"
Editore: Pontecorboli Editore
Autore: Giannetti Vincenzo, Giannetti Stefano
Pagine: 318
Ean: 9788833840239
Prezzo: € 18.00

Descrizione:La famigli medici, la cui storia è così varia e affascinante da sembrare un romanzo, ha dominato per quasi quattro secoli, due dei quali, il quindicesimo e il sedicesimo, sono i due più interessanti, sia dal lato della storia sia da quello dell'arte: un periodo che comprende il passaggio dal Medioevo all'Evo Moderno e, corrispondentemente, il passaggio dal sistema feudale con la formazione di Stati potenti in Europa, in continuo conflitto tra loro. Grande fu il loro mecenatismo che ebbe di mira l'arte e le scienze, per cui le loro immense ricchezze furono largamente elargite a far vivere il sapere e a sostenere le arti. Pertanto può sembrare un atto di alterigia relegare la storia dei grandi e potenti Medici in questa piccola pubblicazione: essa è solo un omaggio, a questa famiglia gloriosa. è una allettante storia che gli autori affidano al lettore, sempre curioso e attento alla conoscenza del passato di Firenze.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' antitesi perfetta della rivoluzione. Gli scritti sul Carlismo della «Civiltà Cattolica» (1873-1875)"
Editore: Solfanelli
Autore:
Pagine: 112
Ean: 9788833051277
Prezzo: € 10.00

Descrizione:"«L'Antitesi perfetta della Rivoluzione». Così padre Raffaele Ballerini definisce Carlo Maria di Borbone-Spagna nel suo articolo La missione di Carlo VII, pubblicato il 7 giugno 1875, quando la terza guerra carlista (1872-1876) lasciava intravvedere spiragli di una possibile restaurazione. Ma la definizione "antitesi perfetta della rivoluzione" non è riferibile al solo Monarca spagnolo, bensì a tutto il movimento, anzi a tutto l'ideario carlista: lungi dall'essere un semplice partito dinastico (esso nacque nel 1830 in seguito alla decisione di Ferdinando VII di abolire la Legge Salica e di lasciare il trono alla figlia Isabella anziché al proprio fratello Carlo Isidoro, suo legittimo erede), il Carlismo contrappose due inconciliabili Weltanschauungen. Da un lato quella liberale, incarnata nei seguaci di Isabella (o isabellini), fautori di una monarchia accentratrice, erede di quella assoluta, costituzionale, sostanzialmente indifferentista in religione; dall'altro la visione del mondo tradizionale, incarnata nei seguaci di Don Carlos, fautori di una monarchia organica, profondamente cattolica, rispettosa dei diritti locali (fueros)..."

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "In treno con Teresio. I deportati del Trasporto Bolzano - Flossenbürg (5-7 settembre 1944)"
Editore: Unicopli
Autore:
Pagine: 157
Ean: 9788840020600
Prezzo: € 25.00

Descrizione:La ricerca nasce come catalogo della mostra "In treno con Teresio" che aveva l'obiettivo di ricostruire le caratteristiche del trasporto di politici partito da Bolzano il 5 settembre 1944 e arrivato a Flossenbürg il 7 settembre. Il titolo vuol mettere in evidenza il concetto di "comunità di destino", nel senso dell'andare insieme verso una meta (il lager) che è conseguente alla propria scelta morale e politica. Contro l'ideologia nazifascista che voleva discriminare le persone, fomentando l'odio razziale e politico, e che in lager intendeva distruggere l'identità e la storia del singolo, le vicende individuali ricostruite dimostrano la capacità della persona di resistere anche in situazioni estreme e l'impossibilità del persecutore di distruggerne l'umanità. La storia del gruppo dei resistenti e dei suoi valori è stata ricostruita attraverso una pluralità di fonti prodotta sia dai nazisti che dai deportati stessi. L'arte, la poesia, la memorialistica sono state utilizzate per comprendere la complessità del vissuto nel lager.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Studi storici nel centenario dell'Associazione Nazionale Alpini"
Editore: Unicopli
Autore:
Pagine: 331
Ean: 9788840020655
Prezzo: € 15.00

Descrizione:L'Associazione nazionale alpini fu fondata nel 1919, cento anni fa: un secolo di una storia non ordinaria. Oggi l'associazione conta alcune centinaia di migliaia di associati, promuove annuali manifestazioni di massa che occupano le prime pagine dei giornali, svolge - attraverso le migliaia di sezioni e gruppi disseminati nel Paese - un'attività varia, di memorie e di solidarietà, si distingue per capacità organizzative e realizzative in interventi di protezione civile. Ma come si è arrivati a questa realtà odierna? La sua storia in cosa assomiglia e in cosa si distingue da quelle delle altre associazioni d'arma, combattentistiche e di reduci? In questo terzo volume, di una serie di tre, si indaga, con il mestiere dello storico, il 'vincolo associativo' che, dopo che essi hanno svolto il servizio militare in pace o in guerra, ha tenuto assieme tante centinaia di migliaia (e, nel corso della sua oramai secolare storia, milioni) di italiani - e, al giorno d'oggi, anche italiane - dentro appunto l'Associazione. Cosa li ha spinti ad associarsi? C'è, anche, in questo, una specificità 'alpina'? Storia militare dei reparti, in pace e in guerra, e storia politica e sociale dell'Associazione hanno un legame?

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il furibondo cavallo ideologico. Scritti sul Novecento"
Editore: Quodlibet
Autore: Cantimori Delio
Pagine: 372
Ean: 9788822903136
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Tenere a bada il «furibondo cavallo ideologico» fu forse il dovere che Delio Cantimori impose più costantemente al suo lavoro di storico. Come testimoniano gli scritti qui raccolti, stesi tra il 1946 e il 1965, il compito fu tutt'altro che semplice per lo storico degli eretici e degli utopisti dell'età moderna. La prima metà del Novecento aveva lasciato tracce profonde nel suo percorso umano e intellettuale. Per lui, mazziniano per tradizione familiare, poi fascista, quindi comunista e iscritto al Pci sino alla svolta del 1956, riflettere su quel recente passato non fu un esercizio dettato da narcisismo. Frammenti di memoria personale si mescolano alla storia collettiva, mentre il filo rosso dell'autobiografia (che unisce buona parte degli scritti qui presentati) gli consente di tracciare, sia pure di scorcio, il ritratto di personalità centrali della cultura storica del Novecento, da Johan Huizinga a Federico Chabod. Per Cantimori, che in gioventù aveva registrato in presa diretta gli umori di un'«Europa sotterranea» di cui si erano nutriti nazismo e fascismo, tornare su quegli anni a distanza di tempo comportò perciò il passaggio dalla testimonianza alla storiografia, il tutto all'insegna di una spietata autocritica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Tappa a Karkow"
Editore: Gruppo Albatros Il Filo
Autore: Vacca Gaetano
Pagine: 138
Ean: 9788856798616
Prezzo: € 13.50

Descrizione:In pieno conflitto mondiale, Gaetano Vacca - padre di famiglia e medico - viene mandato in Russia per dare supporto sanitario a chi in quella terra sta combattendo. Dopo il rientro in Italia, i suoi ricordi prendono la forma di un diario. Da fine osservatore, l'autore dipinge un quadro delicato, neutro e completo che svela la tristezza e la devastazione che si celano dietro ogni guerra, dove gli uomini - tutti diversi e tutti uguali - si scoprono fragili e nudi di fronte alla barbarie della violenza.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Arbeit Macht Frei. Il lavoro rende liberi. Il sacrificio dei soldati rubanesi nei campi di concentramento tedeschi 1943-1945"
Editore: Adle
Autore: Donato Giovanni
Pagine: 426
Ean: 9788884010964
Prezzo: € 18.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le pioniere del calcio. La storia di un gruppo di donne che sfidò il regime fascista"
Editore: Bradipolibri
Autore: Di Salvo Giovanni
Pagine: 128
Ean: 9788899146610
Prezzo: € 13.00

Descrizione:Per quale motivo una bambina non dovrebbe sentire il piacere, la gioia, l'emozione di fare ciò che è la sua passione e perché non dovrebbe avere gli stessi diritti e le stesse opportunità per poter sviluppare, far crescere e affinare il suo massimo potenziale? Perché giochi a calcio? Perché, ancora oggi, si sente la necessità di porre questa domanda a una bambina/ragazza che gioca a calcio? Non c'è una motivazione alla passione: questa nasce con te, fa parte di te e chiede semplicemente e naturalmente di potersi esprimere senza alcuna resistenza esterna.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Storia della Repubblica"
Editore: Oaks Editrice
Autore: Accame Giano
Pagine: 441
Ean: 9788894807462
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Una storia dei primi cinquantacinque anni della Repubblica italiana scritta da un intellettuale eretico che ha ricavato da una enorme mole di documenti una lettura politica, sociologia ed economica della prima Repubblica, così come fu vista dal Paese reale nella sua complessità.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Fine della Grande Guerra. Sulla via della pace. Vinta la guerra, persa la pace"
Editore: EBS Print
Autore: De Carli Szabados Romana
Pagine: 240
Ean: 9788893495318
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Questa nuova opera di Romana de Carli Szabados costituisce il naturale completamento della sua trilogia sulla Grande Guerra (1914: Preludio di un suicidio mondiale, Rigoni; 1916-17: Guerra il tuo nome è morte. Anatomia di un massacro inutile, Eta-Beta. Il 1915 e il 1918-Trincea tempio sacro, Eta-Beta) che unisce all'impegno culturale un forte contributo maieutico. L'Autrice, infatti, ha già visitato la storia del conflitto con attenzioni ai fatti salienti che ebbero luogo tra il luglio 1914 ed il novembre 1918, ma nello stesso tempo alle loro matrici essenziali ed alla maturazione delle coscienze che, nonostante la grande tragedia consumata sui fronti di combattimento e nelle stesse retrovie, diede luogo ad effetti irreversibili. Il primo anno di guerra, che per l'Italia fece seguito a dieci mesi di attesa e di aspri confronti ideologici (singolarmente uguali a quelli di ventiquattro anni dopo: una coincidenza che fa pensare) fu quello delle "radiose giornate" e dell'estremo sacrificio di tanti Volontari, fra cui parecchi Irredenti, che avevano sognato l'abbattimento degli ultimi sistemi autocratici.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Etica e società. Diario della crisi socioeconomica dal 2006 al 2009"
Editore: Aracne
Autore: Nasuelli Piero Augusto
Pagine: 292
Ean: 9788825519198
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Dal 2006 al 2009 il sistema economico, sociale e politico italiano non riesce a elaborare il progetto di riforma globale di cui ha estremamente bisogno poiché non trova la strada da percorrere dopo lo sgretolamento del sistema politico del dopoguerra causato da Democrazia Cristina e Partito Comunista in seguito alle vicende di "mani pulite" e alla caduta del regime sovietico.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Robert Michels e la prima guerra mondiale. Lettere e documenti (1913-1921)"
Editore: Olschki
Autore:
Pagine: XII-750
Ean: 9788822266118
Prezzo: € 65.00

Descrizione:Autore de La sociologia del partito politico nella democrazia moderna (1911), Robert Michels rientra tra gli intellettuali europei più cosmopoliti del Novecento. Attraverso i documenti inediti del suo carteggio è possibile fare luce su una porzione cruciale del suo itinerario biografico e, in particolare, venire a capo delle ragioni che, in coincidenza con lo scoppio della Grande guerra, lo spinsero ad auspicare, per il bene dell'Europa, la sconfitta della Germania.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Autobiografia del fascismo. Antologia dei testi fascisti 1919-1945"
Editore: Luni
Autore: De Felice Renzo
Pagine:
Ean: 9788879845762
Prezzo: € 30.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "«Gianna» e «Neri»: vita e morte di due partigiani comunisti. Storia di un «tradimento» tra la fucilazione di Mussolini e l'oro di Dongo"
Editore: Mursia (Gruppo Editoriale)
Autore: Giannantoni Franco
Pagine: 692
Ean: 9788842560470
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Storia di un «tradimento» tra la fucilazione di Mussolini e l'oro di Dongo. L'omicidio di due partigiani comunisti, la morte di Mussolini, l'oro di Dongo: una delle pagine più oscure della storia della Resistenza. Fondatore della 52a Brigata partigiana «il capitano Neri» è un comunista da sempre sospetto alle gerarchie del Pci milanese e al Comando regionale delle Divisioni Garibaldi. Arrestato dalla Brigata Nera sul lago di Como nel gennaio del 1945 con Giuseppina Tuissi, la staffetta «Gianna», riesce a fuggire ma, accusato di tradimento, viene condannato a morte con la compagna di lotta da un tribunale partigiano. Reintegrato nella «sua» brigata, è fra i protagonisti della cattura e della morte di Mussolini, sventa il tentativo di consegnare il Duce agli Alleati, cura l'inventario del «tesoro» di Dongo, è testimone infine della decisione di Pietro Terzi «Francesco», commissario di guerra del Pci, di fucilare Mussolini e la Petacci. I due cadono a Giulino di Mezzegra per mano di Michele Moretti «Pietro Gatti», di Walter Audisio «colonnello Valerio» e di Luigi Canali che esploderà i due colpi di grazia. Il 7 maggio 1945 «il capitano Neri» scompare a Como: ucciso perché conosceva troppi fatti scomodi o perché in dissenso con i vertici del Pci? «Gianna» ne seguirà la sorte un mese dopo. (Con inserimento fotografico)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Mussolini il rivoluzionario (1883-1920)"
Editore: Einaudi
Autore: De Felice Renzo
Pagine: 784
Ean: 9788806241728
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Agitatore, scrittore, ribelle, pacifista, interventista, volontario: l'autore mette insieme i diversi aspetti del giovane Mussolini e li ricostruisce dagli anni dell'infanzia alla nascita del regime. In appendice sono raccolti i documenti relativi al periodo considerato: le lettere di Mussolini, il manifesto-programma del Partito politico futurista, il programma dei fasci di combattimento e quello dannunziano per la marcia su Roma.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il dissenso meridionale e il Gruppo di studio Antonio Gramsci. 1943-1956"
Editore: Franco Angeli
Autore: Russo Tommaso
Pagine: 160
Ean: 9788891781949
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Il volume presenta un'analisi di lacerti di storia meridionale del secondo dopoguerra, finora poco esplorati o soggetti a interpretazioni elusive e di comodo. L'Autore sottopone a considerazioni critiche le modalità della ricostruzione postbellica e, nel contempo, esamina vicende e percorsi di gruppi e associazioni a sinistra del Pci, anche con l'intento di capire la tradizione comunista nel Mezzogiorno. Si va così dalla scissione di Montesanto, alla "Cgl rossa", al gruppo di studio Antonio Gramsci, che Ermanno Rea ha reso noto come il caso Piegari. L'idea di fondo è che l'intero universo del dissenso meridionale possa essere compreso utilizzando l'omonima categoria politica, per evitare di ridurlo a istanza sociologica. Per ricostruire quegli anni Russo si è avvalso di fonti della stampa coeva, di archivi pubblici e privati, di documenti inediti e della letteratura di riferimento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Storia intima della Grande guerra. Lettere, diari e memorie dei soldati dal fronte"
Editore: Donzelli
Autore: Antonelli Quinto
Pagine: XXXIII-309
Ean: 9788868439231
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Questo libro non è per noi. Siamo degli intrusi noi che oggi sbirciamo tra le lettere e i diari dei soldati. I loro testi erano infatti parte di una comunicazione intima, chiusa all'interno della cerchia famigliare. Se gli ufficiali colti, quando scrivono alla famiglia, scrivono un po' anche per i posteri, chi scrive queste pagine è per lo più un soldato subalterno (che prima di essere chiamato alla guerra faceva l'operaio, il contadino, l'artigiano), con l'unica ambizione di rivolgersi ai suoi famigliari, per difendere quel ponte comunicativo che il conflitto rischia di interrompere: «Ti raccomando di scrivermi presto onde potermi rallegrare un poco, perché la mia vita di trincea è peggiore a quella dei nostri porci». Si tratta di una ricchissima documentazione (che quasi sempre si sottrae alle norme ortografiche e sintattiche, e per questo può sembrare ingovernabile) raccolta presso il Museo storico del Trentino, e a lungo esclusa dal racconto nazionale, in quanto considerata marginale, se non conflittuale: gli autori sono infatti «tutti» gli italiani, anche quelli che un secolo fa erano sudditi dell'Austria: trentini, giuliani, triestini.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Weimar, cent' anni dopo. La storia e l'eredità: bilancio di un'esperienza controversa"
Editore: Donzelli
Autore: Wirsching Andreas
Pagine: VI-136
Ean: 9788868438876
Prezzo: € 17.00

Descrizione:Le ragioni che accompagnarono la nascita e determinarono la tragica fine della Repubblica di Weimar rappresentano una delle questioni cruciali della storia tedesca e ancor più della storia d'Europa. A cent'anni dall'avvio di una delle esperienze fondative del cammino democratico del nostro continente, nella sua ricchezza intellettuale e culturale ma anche nella sua estrema fragilità, Andreas Wirsching, esponente di primissimo piano della nuova generazione di storici tedeschi, traccia insieme una ricostruzione della parabola della prima Repubblica tedesca e un bilancio di quella esperienza, passando al setaccio gli assetti istituzionali e politici, l'economia, la società e la cultura dei quindici anni di vita della Repubblica, dal 1919 al 1933. L'analisi di Wirsching si concentra in particolare sugli equilibri costituzionali e sul sistema dei partiti, su quell'idea di grande coalizione che trova proprio in Weimar il suo primo esempio più significativo. La frammentazione e soprattutto l'indebolimento dei partiti conservatori e liberali condussero alla fine alla paralisi politico-istituzionale, che sfociò poi nell'inarrestabile avanzata del nazionalsocialismo. La domanda è dunque quanto le ragioni della precarietà e del fallimento di quel modello possano esserci utili oggi per capire cosa stia succedendo ai partiti tradizionali e ai loro governi, minacciati da populismi ed estremismi, in una dinamica del dibattito pubblico che riporta in auge la vecchia opposizione amico-nemico. Ci si interroga sempre più in Europa sulla tenuta delle democrazie occidentali e sul dilagare degli estremismi di destra, e Weimar, che con la sua Costituzione, considerata «la più democratica» di tutte le costituzioni democratiche, finì tuttavia nella dittatura nazista, rappresenta tuttora uno spettro difficile da allontanare. Anche se la Repubblica federale, proprio in forza dell'esperienza di Weimar e della sua funzione di monito, ha ormai consolidato una stabile democrazia pluralista, che rappresenta oggi un baluardo a livello europeo contro le spinte sovraniste e populiste. La rilettura del fallimento della prima Repubblica tedesca, nata in uno dei tornanti più drammatici della storia tedesca e della vicenda europea, si presenta dunque, a cent'anni di distanza, come un ammonimento sulla fragilità della democrazia: si trattò, come scrive Angelo Bolaffi nella sua prefazione, di «un grandioso esperimento politico e culturale terminato in una catastrofe senza precedenti. Un fallimento che ancora oggi, a distanza di un secolo, continua a inquietare la coscienza politica d'Europa».

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Controstoria della Repubblica. Dalla Costituzione al nazionalpopulismo"
Editore: Castelvecchi
Autore: Teodori Massimo
Pagine: 282
Ean: 9788832826067
Prezzo: € 20.00

Descrizione:L'improvviso successo del nazionalpopulismo in Italia ha le sue radici nella storia politica del Paese, che questo libro ricostruisce, dalla Costituente a oggi, con particolare attenzione alle forze che più hanno difeso lo Stato di diritto, il parlamento e i diritti individuali: i democratici occidentali, liberali, socialisti e laici. Massimo Teodori confuta la tesi, spesso difesa con approssimazione, che comunisti e cattolici siano stati gli unici pilastri dell'Italia repubblicana, mostrando come proprio dal loro seno siano nati anche populismi e nazionalismi; l'antipolitica oggi al potere affonda le radici nel giustizialismo che liquidò la "prima Repubblica", causando la fine degli storici partiti democratici e socialisti che più avevano presidiato la liberaldemocrazia in Italia. Un libro controcorrente che con una vasta e rigorosa documentazione, poco conosciuta, libera il campo da molti luoghi comuni, indispensabile per capire il nostro passato e interrogarci sulle possibili evoluzioni autoritarie del nostro futuro. Postfazione di Giuliano Ferrara.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dizionario degli dei"
Editore: Jaca Book
Autore: Mircea Eliade
Pagine: 403
Ean: 9788816415102
Prezzo: € 40.00

Descrizione:Quando nascono gli dei? Nel Vicino Oriente l’Homo sapiens sapiens ha compiuto un notevole e subitaneo progresso, assicurando il passaggio decisivo verso l’umanità moderna. Tale avvenimento si articola in tre livelli: sedentarizzazione, cultura, religiosità. La sedentarizzazione è un processo progressivo di stanziamento sul suolo in agglomerati di abitazioni, costruite da comunità umane che vivono delle risorse di un ambiente naturale favorevole, dando origine così al villaggio agricolo, base della futura civiltà urbana. I primi villaggi natufiani del IX millennio a.C. ne sono un esempio, sebbene non conoscessero ancora l’agricoltura. A partire dall’8000 a.C. l’umidificazione del clima rende le steppe circostanti molto ricche di graminacee e favorisce la proliferazione naturale di cereali selvatici. L’agricoltura non doveva perciò rispondere direttamente a una necessità alimentare, ma all’interno della società preneolitica, in continua espansione a causa dell’aumento della popolazione, si poneva ormai un problema di equilibrio. La comparsa dell’agricoltura sembra essere la soluzione a tale problema, perché i campi coltivati costituiscono un luogo di lavoro collettivo e simultaneo. È alla fine del Natufiano, all’antivigilia dell’invenzione dell’agricoltura, che assistiamo alla «nascita degli dei». Intorno all’8000 a.C., nella regione dell’Eufrate, figure antropomorfe femminili affiancano sempre più spesso le espressioni artistiche che raffigurano principalmente forme animali proprie del Paleolitico recente. Dopo averne compiuto uno studio sistematico, Cauvin non esita a scrivere che all’inizio dell’VIII millennio, in un ambiente paesano sedentarizzato ma che ancora non conosce l’agricoltura, vediamo ritrarre la figura che sarà la «Grande Dea orientale». La sua comparsa non simboleggia perciò un’idea di fecondità agricola – che si preciserà più tardi – ma un nuovo senso del divino. Intorno al 7000 a.C. una seconda figura umana maschile accompagna talvolta la dea, ma occorrerà attendere fino al vi millennio per trovare questo dio nel pantheon neolitico. Comincia così la straordinaria avventura nel sacro che questo libro ci invita a percorrere attraverso sentieri spesso poco conosciuti ma in cui riusciamo, malgrado le differenze, a riconoscerci.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU