Libreria cattolica

Libri - Filosofia



Titolo: "Del convivere. La società postfamiliare"
Editore: La nave di Teseo
Autore: Tamponi Michele
Pagine:
Ean: 9788893447249
Prezzo: € 19.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Edgar Wind, filosofo delle immagini. La biografia intellettuale di un discepolo di Aby Warburg"
Editore: Mimesis
Autore: Branca Bernardino
Pagine: 374
Ean: 9788857556345
Prezzo: € 28.00

Descrizione:Edgar Wind (1900-1971) fu uno stretto collaboratore di Aby Warburg e continuò i suoi studi sulla sopravvivenza dell'antico nell'arte del Rinascimento. Nel 1933, in seguito all'avvento del nazismo in Germania, trasferì la Biblioteca Warburg a Londra per poi lasciarla definitivamente nel 1945 in seguito ai forti contrasti con il suo direttore, Fritz Saxl, riguardo all'impostazione da dare alle ricerche dell'istituto. Formatosi durante i tumultuosi e prolifici anni della Repubblica di Weimar, ma influenzato anche dal pragmatismo americano, Edgar Wind dedicò la sua intera attività di studioso a un solo tema: la Verkörperung, il prendere corpo delle idee metafisiche di un'epoca nella pittura e scultura. Il focus principale delle sue numerose pubblicazioni, edite e inedite, si concentrò sul Rinascimento italiano, ma non mancarono studi su altri periodi. Gli argomenti filosofici e teologici, come quelli letterari e alchemici, ovvero tutto l'universo spirituale rinascimentale, per Wind prendevano corpo nelle opere dei grandi artisti italiani attraverso la loro capacità tecnica e immaginativa di trasporre il pensiero in immagine. Nutrito da ricerche d'archivio e studi che spaziano dalla storia delle idee ai temi di carattere iconologico e filosofico (di cui l'ampia bibliografia dà testimonianza), il presente volume è una biografia sulla vita e le opere di questo studioso che, più di ogni altro, restò vicino al pensiero di Warburg.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lo spirito europeo"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Karl Jaspers
Pagine: 96
Ean: 9788837232788
Prezzo: € 9.00

Descrizione:«Se vogliamo darle dei nomi - afferma Jaspers nel discorso del 1946 qui pubblicato -, l'Europa è la Bibbia e l'antichità. L'Europa è Omero, Eschilo, Sofocle, Euripide, è Fidia, è Platone e Aristotele e Plotino, è Virgilio e Omero, è Dante, Shakespeare, Goethe, è Cervantes e Racine e Molière, è Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Rembrandt, Velàzquez, è Bach, Mozart, Beethoven, è Agostino, Anselmo, Tommaso, Niccolò Cusano, Spinoza, Pascal, Kant, Hegel, è Cicerone, Erasmo, Voltaire. L'Europa è nei duomi e nei palazzi e nelle rovine, è Gerusalemme, Atene, Roma, Parigi, Oxford, Ginevra, Weimar, l'Europa è la democrazia di Atene, della Roma repubblicana, degli svizzeri e degli olandesi, degli anglosassoni». Ma essa non è un museo e non è nemmeno identificabile con uno di questi momenti: per definirne la natura bisogna risalire alla sua origine più profonda, dove libertà, storia e scienza danno vita a una sempre nuova e rinnovantesi trasformazione. Non si è europei, ma lo si diventa stando in equilibrio sull'orlo di questa origine.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' agire intimo. Resistere all'osceno"
Editore: Mimesis
Autore: Navarria Davide
Pagine: 132
Ean: 9788857553702
Prezzo: € 12.00

Descrizione:La partita dell'umano si gioca al livello del singolo, intimo atto di coraggiosa resistenza all'osceno dilagare del diktat performativo, della banalità del bene non realizzato, dell'indifferenza al destino delle cose, della riduzione dell'esistente a merce consumabile qui e ora. L'agire intimo intende descrivere e proporre un modo d'essere alternativo, creativo e resistente, opposto al dilagare osceno della prassi idolatrica e dell'iperedonismo distruttivo. Il testo si pone come articolazione e approfondimento teorico di due categorie ermeneutiche inedite nel panorama filosofico odierno, "intimità" e "oscenità". Tali strumenti concettuali diventano così lenti d'ingrandimento per analizzare alcuni fenomeni della società dello spettacolo e non solo, passando da serie tv come "Game of Thrones", programmi televisivi come "C'è posta per te", film come "Matrix" e "Gran Torino", senza trascurare la letteratura - Camus, Ibsen, McCarthy, Greene. Le analisi svolte sono supportate e nutrite da un costante dialogo con alcuni protagonisti del dibattito antropologico in senso ampio del XX secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il discorso del potere. Il premio Nobel per l'economia tra scienza, ideologia e politica"
Editore: Il Saggiatore
Autore: Brancaccio Emiliano, Bracci Giacomo
Pagine:
Ean: 9788842825678
Prezzo: € 19.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "De iure"
Editore: La nave di Teseo
Autore: Gómez Dávila Nicolás
Pagine:
Ean: 9788893446945
Prezzo: € 19.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Fede e modernità"
Editore: Castelvecchi
Autore: Karen Armstrong
Pagine: 48
Ean: 9788832824810
Prezzo: € 5.00

Descrizione:Quali sono gli effetti della perdita di fede nella modernità? Karen Armstrong ci accompagna in un coinvolgente viaggio dalle origini all'evoluzione della fede. Partendo dal significato primordiale del "credo" e dalla tradizionale distinzione tra mythos e logos, l'autrice racconta la storia delle religioni ebraica, cattolica e islamica fino a giungere all'era moderna, in cui l'uomo, schiavo della ragione scientifica e sempre più distante dal mito, perde il senso sacro della vita. Ma come ci siamo arrivati? La saggista britannica, attraverso le riflessioni di Cartesio, Hobbes, Pascal e Nietzsche, ripercorre il cammino che ha portato alla supremazia di un logos svincolato dal mito, invitandoci infine a ricercare il senso del divino nella nostra vita, senza il quale l'uomo precipita facilmente nella disperazione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il metro della felicità"
Editore: Mondadori
Autore: Canova Luciano
Pagine: 165
Ean: 9788804711261
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Esiste uno strumento in grado di misurare la felicità? Il denaro è ancora un elemento imprescindibile del benessere di un individuo e di una nazione? Perché il livello del Pil - il famigerato prodotto interno lordo da cui dipendono le nostri sorti - è così importante? È davvero un indicatore affidabile oppure aveva ragione Bob Kennedy quando, in un famoso discorso tenuto nel 1968 alla Kansas University, fece notare che il Pil «mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa e le prigioni per coloro che cercano di forzarle»? Prendendo spunto da questi e altri interrogativi il libro di Luciano Canova cerca di sfatare un luogo comune duro a morire: che gli economisti, alfieri di una «scienza triste», non si siano mai occupati di felicità. È vero il contrario. Insieme ai filosofi, i primi a porsi la domanda cruciale - che cosa ci serve per vivere una vita migliore? - sono stati i padri della scuola neoclassica. Poi, soprattutto nell'ultimo mezzo secolo, fior di economisti e premi Nobel - da Easterlin a Kahneman, da Samuelson a Kunets - hanno proseguito il loro cammino, dedicandosi allo studio delle principali dinamiche comportamentali che inducono le persone a compiere certe scelte, anziché altre, in tema di lavoro, acquisti, tempo libero, relazioni sociali. I risultati dei loro esperimenti empirici - che Canova riassume in maniera semplice - mostrano che accanto al reddito e alla salute vi sono altri elementi che concorrono a una vita felice: la propensione alla generosità, il supporto sociale, la libertà di prendere una decisione in autonomia, il grado di fiducia nella comunità in cui si vive, e in particolare la motivazione, vero e autentico motore delle decisioni. Ecco perché politiche ispirate alla sola crescita economica e materiale rischiano di perdere di vista il ruolo giocato da altri fattori imponderabili ma di assoluto valore per una società complessa come quella attuale, alle prese con la rivoluzione digitale e l'avvento dei big data. "Il metro della felicità" è un libro divertente e al tempo stesso profondo, che nel ridisegnare i confini del nostro sguardo sul mondo ci aiuta a capire qualcosa in più delle leggi economiche che lo governano. E di noi stessi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Filosofia della vulnerabilità. Percezione, discriminazione, diritto"
Editore: Carocci
Autore: Zanetti Gianfrancesco
Pagine: 166
Ean: 9788843094080
Prezzo: € 17.00

Descrizione:Il volume mette a fuoco alcuni aspetti dell'intersezione fra la nozione di vulnerabilità e quella di percezione sensoriale. Quest'ultima non è mai neutrale, e in essa può fiorire sia la motivazione a discriminare le figure vulnerabili sia l'argomentazione che a tale discriminazione si oppone sul piano normativo. Lontano da ogni intento di rigida categorizzazione, il libro propone un possibile percorso argomentativo che collega ciascun senso a una figura della vulnerabilità: la "razza" è così associata a simbolismi visivi del colore e dell'occhio, e lo "straniero morale" è la figura che sfida le nostre capacità di ascolto. Attraverso la metafora dei cinque sensi, si giunge così a scandagliare alcune dinamiche culturali e giuridiche che orientano il rapporto tra percezione e discriminazione, e che si annidano in varie articolazioni sociali e istituzionali.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pensare per immagini. Arte e simbolo nel Rinascimento. Alcune testimonianze dai musei milanesi"
Editore: Mimesis
Autore:
Pagine: 208
Ean: 9788857552170
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Il Rinascimento italiano ha saputo valorizzare il rapporto tra pensiero e immagine in maniera unica e per certi versi insuperata. In questo volume l'incontro tra arte, storia, iconologia e filosofia consente di indagare, secondo varie sensibilità e differenti tipi di approccio, i sincretismi e i nessi simbolici maturati in epoca rinascimentale, riservando un'attenzione particolare ad alcune loro declinazioni milanesi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Looking for Europe. Cercando l'Europa"
Editore: La nave di Teseo
Autore: Bernard-Henri Lévy
Pagine: 91
Ean: 9788893448901
Prezzo: € 7.00

Descrizione:«L'Europa è in pericolo. Il programma comune delle forze populiste che stanno dilagando in tutto il continente vuole interrompere ogni progetto di costruzione, ritrovare una cosiddetta "anima delle nazioni", rilanciare "un'identità perduta" che non esiste se non nella fantasia dei demagoghi. La mia scommessa è sull'Europa, la mia fede è in questa grande Idea di cui i nostri padri ci hanno trasmesso l'eredità, la convinzione che lei sola avrà la forza, domani, di scongiurare il ritorno dei demoni, quello dei totalitarismi e quello di conseguenza della crisi e della miseria - tutto questo mi sta troppo a cuore ed è, dalla caduta del Muro di Berlino, oggetto di un impegno personale fortemente sentito e costante, perché io possa, trent'anni più tardi, decidere di gettare la spugna.» (Bernard-Henri Lévy)

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sulla religione"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Remi Brague
Pagine: 176
Ean: 9788810565131
Prezzo: € 19.50

Descrizione:Trent'anni fa si discuteva di politica quando si voleva rendere serio un dibattito, ma per ridere si parlava di religione. La situazione oggi si è rovesciata: nel migliore dei casi la politica suscita un'impietosa alzata di spalle, ma riguardo alla religione non si ride più. L'inquietudine si insinua negli animi di fronte ad alcune sue forme e alla violenza che talvolta ne discende. In questo libro Rémi Brague evita accuratamente la psicologia e la sociologia del fenomeno religioso per indagare ciò che fa di una religione quello che è; ciò che fa in modo che i cristiani siano cristiani, gli ebrei ebrei, i musulmani musulmani. Questa essenza delle religioni può essere definita come la loro dogmatica, indipendentemente dal fatto che abbia trovato una formulazione esplicita o perfino obbligatoria, o se sia semplicemente presupposta dalla pratica. Brague riflette su ciò che la religione dice di Dio e dell'uomo, ne osserva i rapporti con il diritto e la politica e mostra come essa possa preservare o minacciare ciò a cui l'uomo d'oggi tiene in modo particolare, la sua libertà morale e la sua integrità fisica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'etica fiscale ed economica nell'opera di Ezio Vanoni"
Editore:
Autore: Del Debbio Paolo
Pagine: XVI-224
Ean: 9788828808404
Prezzo: € 25.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La persona a fondamento della comunità. Una riflessione a partire da Edith Stein"
Editore: Aracne
Autore: Miranda Davide
Pagine: 344
Ean: 9788825523119
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Il volume presenta la riflessione di Edith Stein sulla relazione dell'individuo con l'intersoggettività come modello teoretico per il quale la base metodologica dell'evidenziazione della soggettività coscienziale fonda, in chiave fenomenologicamente analitica, ogni possibile modalità investigativa circa la partecipazione della persona alle forme di unità transindividuale. Emerge una nozione di "comunità", ove la preservazione della libertà e responsabilità degli individui che la compongono ne rappresenta il tratto fondativo e la peculiarità essenziale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il mistero di Marco Aurelio"
Editore: Marcianum Press
Autore: Mario Spinelli
Pagine: 256
Ean: 9788865126417
Prezzo: € 19.00

Descrizione:L'intento dell'autore è di sondare il "mistero" dell'imperatore filosofo, cioè capire come mai uno dei più alti spiriti del pensiero e della coscienza antichi (in certe pagine dei Pensieri decisamente vicino alla visione cristiana) abbia potuto perseguitare e reprimere i cristiani con intensità, continuità e talora efferatezza.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il fascino di Chora. Fortuna contemporanea di una intuizione platonica"
Editore: Mimesis
Autore: Ciucci Andrea
Pagine: 316
Ean: 9788857552439
Prezzo: € 28.00

Descrizione:Il volume analizza la sorprendente fortuna contemporanea della Chora, introdotta da Platone nel Timeo nel tentativo di superare un problematico e insoddisfacente dualismo. Riscoperta da Heidegger, diventata un'ossessione per Derrida e consacrata definitivamente da Kristeva, tale termine - come si analizza nella prima parte del volume - diventa luogo centrale di un significativo filone del pensiero filosofico contemporaneo, legato ai temi della differenza ontologica, della comprensione del soggetto umano, dei limiti del linguaggio e della razionalità, dell'inaccessibilità della totalità. "Il fascino di Chora" travalica però i confini della filosofia per diventare stimolo fecondo per la riflessione teologica, la teoria architettonica e geografica, gli studi di genere - a questi temi è dedicata la seconda parte del volume. L'ultimo Platone emerge così in tutta la sua attualità: e se Chora fosse il nome antico del principio di indeterminazione di Heisenberg? Prefazione di Salvatore Natoli.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il gioco dell'esistenza. De-coincidenza e libertà"
Editore: Feltrinelli
Autore: Jullien François
Pagine: 128
Ean: 9788807105395
Prezzo: € 15.00

Descrizione:"Nel paradiso terrestre, Adamo ed Eva 'coincidevano': vivevano 'felici' (lo sapevano?) ma non esistevano. Vivevano in maniera adeguata (in accordo con l'ordine della Creazione) e non ne dubitavano. Neanche immaginavano di poterne dubitare. In questo mondo improntato al perfetto adattamento, senza nemmeno un abbozzo di disgiunzione o dissidenza, Adamo ed Eva non potevano immaginare un Fuori a cui aggrapparsi per tenersi fuori, 'e-sistere', avventurarsi. Mangiando la mela, però, hanno introdotto la fecondità di un'incrinatura in quell'ordine stabilito, hanno aperto uno scarto che li estraeva da quel mondo e dalla sua saturazione-soddisfazione." Sarebbe rassicurante pensare che la felicità sia là dove le cose raggiungono un accordo, una coincidenza perfetta. Eppure, proprio quando le cose si sovrappongono completamente, il loro adeguamento diventa sterile. La coincidenza è la morte. La vita, invece, avviene nella de-coincidenza. Dio stesso, morendo sulla croce, promuove la vita. Solo nello scarto della de-coincidenza, nell'apertura allo sconosciuto e all'infinito, è possibile la libertà. François Jullien accoglie questa sfida e gioca con il concetto di "coincidenza" nella Bibbia, nella pittura, nella letteratura e nella filosofia, per mostrare qual è il gioco dell'esistenza.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "MacIntyre e l'etica della finanza. Una proposta basata su beni, norme e virtù."
Editore: Edusc
Autore: Marta Rocchi
Pagine: 244
Ean: 9788883338014
Prezzo: € 20.00

Descrizione:"MacIntyre e l'etica della finanza" considera la proposta di impostazione e articolazione della filosofia morale di Alasdair MacIntyre come fondamento per la costruzione di un'etica della finanza nella prospettiva della "prima persona" e basata su beni, norme e virtù. Dopo tre capitoli di profonda revisione bio-bibliografica della figura di MacIntyre, con particolare attenzione ai concetti di "pratica" e "virtù" - facilmente utilizzabili come aggiornato manuale in italiano su MacIntyre - l'Autrice fa propri gli strumenti dell'indagine filosofica macintyreana e li rende disponibili per l'analisi del complesso settore finanziario e del comportamento dei suoi agenti: il risultato è un'originale impostazione dell'indagine di etica applicata che mette a sistema beni, norme e virtù con prodotti finanziari, agenti e mercati. Il tutto si svolge nella cornice di una redefinizione del significato stesso di "finanza" alla luce del suo possibile contributo al bene comune.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La fragilità dello Spirito. Leggere Hegel per comprendere il mondo globale"
Editore: Franco Angeli
Autore: Mancini Roberto
Pagine: 262
Ean: 9788891780430
Prezzo: € 34.00

Descrizione:Il mondo globalizzato ha una sua struttura logica che bisogna saper leggere. Essa ha portato alla costruzione di una società dell'astrazione, dove i valori vivi e concreti (persone, animali, piante, relazioni) sono sacrificati a sistemi di potere che li riducono a strumenti. A riguardo la filosofia di Hegel ha molto da insegnare perché egli è il primo a diagnosticare il sorgere del regime dell'astrazione nella modernità. La critica dell'alienazione poi sviluppata da Marx ha la sua radice nella critica delle logiche sociali astratte svolta da Hegel stesso. Questo libro apre una via d'accesso al suo pensiero, considerando la "Fenomenologia dello Spirito" e la "Scienza della logica", le opere che più indagano la dialettica tra logica astratta e "Spirito". Questo termine designa la concretezza dell'identità tra verità e vita. Ciò che le religioni chiamano "Dio" per Hegel è lo Spirito, ossia il Pensiero vivente e universale. Mentre l'esposizione manualistica della filosofia hegeliana la vede incentrata sull'idea di uno Spirito Assoluto trionfante nel mondo, qui si evidenzia che tale stereotipo è infondato. Dai testi considerati emergono non solo la libertà e la forza generativa dello Spirito, ma anche la sua fragilità, dato che è esposto, proprio come noi e la natura, all'eventualità che l'astrazione fine a se stessa prenda il sopravvento. Se ciò accade la vita intera perde la sua integrità spirituale e viene sottomessa alle logiche del potere. Il libro mostra come Hegel ci insegni a diagnosticare lo stesso pericolo che oggi investe la società globalizzata. E spiega come da lui ci vengano indicazioni preziose per riprendere il cammino verso una forma di società liberata, dove i viventi siano riconosciuti e rispettati.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Con Emmanuel Lévinas. Alterità e identità"
Editore: Mimesis
Autore: Ponzio Augusto
Pagine: 376
Ean: 9788857544670
Prezzo: € 28.00

Descrizione:Le delimitazioni di ordine etico-normativo, giuridico e politico della responsabilità individuale, le leggi dello scambio eguale, le funzioni fissate dai ruoli e dalla posizione sociale, le distinzioni sancite dalla legge fra identità individuali, ciascuna con la propria sfera di libertà e di imputabilità: nulla di tutto questo riesce a eliminare né a ridurre l'esposizione all'altro, a sciogliere l'intrico fra l'io e l'altro, a eliminare la non-indifferenza per l'altro, a evitare la responsabilità senza alibi nei suoi confronti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il futuro non è un vicolo cieco. Lo stato tra globalizzazione, decentramento ed economia digitale"
Editore: Sellerio Editore Palermo
Autore: Gallo Franco
Pagine: 152
Ean: 9788838939273
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Con la chiarezza che deriva da un profondo sapere giuridico, Franco Gallo, presidente emerito della Corte costituzionale, guida il lettore dentro alcune delle problematiche che più interessano l'attuale discussione pubblica. Sono i temi relativi alla globalizzazione, all'Europa, al decentramento e ai network nei loro rapporti con lo Stato e la sua capacità di decisione, vale a dire le questioni su cui, spesso con troppa approssimazione, vertono i discorsi di questa fase critica della democrazia rappresentativa e su cui insistono con facile presa le descrizioni dei nuovi movimenti politici. Al contrario, è proprio l'approssimazione, la mancanza di precisione e conoscenza, che questo libro spinge a superare. Gallo si occupa di chiarire e ricostruire nelle loro obbligate conseguenze, anche le più critiche, i vari meccanismi giuridici, preparati da leggi e regolamenti approvati, intorno alle questioni cruciali di questo momento sociale. Per esempio: come si sta spostando l'equilibrio tra i diritti sociali e i diritti proprietari e quanto questo spostamento è compatibile con i fondamenti costituzionali? Quanto è armonica con i principi di giustizia sociale interni ai nostri ordinamenti l'obbligatorietà dell'equilibrio di bilancio? Il mercato e le sue regole fino a che punto possono limitare il potere di imposizione fiscale degli Stati nazionali, per dirne una, di fronte alle multinazionali? Quali traumi ai principi di sussidiarietà e di solidarietà recano certi schemi, oggi prevalenti, che si dichiarano federalistici? Alcune delle domande che investono il nostro futuro, che solo l'inadeguata consapevolezza rende minaccioso e ineluttabile. Prefazione di Gianni Puglisi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Mente, mondo e affetti. Filosofia e psicologia in Germania tra le due guerre"
Editore: Il Mulino
Autore: Toccafondi Fiorenza
Pagine: 296
Ean: 9788815280596
Prezzo: € 23.00

Descrizione:Le scienze cognitive contemporanee hanno fortemente ripensato il modo di guardare all'esperienza offertoci dal cognitivismo classico. Una mutata concezione della relazione tra mente, corpo e ambiente, il carattere pragmatico ed emotivamente connotato del nostro rapporto primario col mondo, gli aspetti cross-modali dell'esperienza sono tratti salienti del nuovo quadro che abbiamo dinanzi. Nella Germania dei primi decenni del Novecento, questi temi erano stati al centro di un dibattito nel quale si intrecciavano riflessione filosofica, indagini scientifiche e suggestioni neoromantiche. Attraverso autori come Klages, Scheler, Werner, i gestaltisti di prima e di seconda generazione, Plessner, Cassirer, Bühler, Wittgenstein il libro ricostruisce una parte rilevante di un dibattito denso e attuale, che spesso si trovò a coagularsi intorno al nucleo tematico dell'espressività del mondo e della patica ricettività dei sensi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Karl Marx. Una introduzione"
Editore: Clinamen
Autore: Schinco Edoardo
Pagine:
Ean: 9788884102898
Prezzo: € 14.50

Descrizione:Con l'attuale rivoluzione industriale-elettronica, con la caduta del muro di Berlino nel 1989, e con le crisi economiche e politiche che connotano il mercato globale, lo spettro di Marx inizia nuovamente ad aggirarsi nel mondo e continua ad offrire strumenti critici indispensabili per affrontare la nostra epoca. In questo contesto, la presente introduzione, rigorosa ma al contempo chiara, si propone di ripercorrere in maniera puntuale tutto il pensiero di Marx, dai lavori giovanili sino alle riflessioni finali sulla proprietà comune russa. In particolare, contro una semplificazione ed una deproblematizzazione sempre più diffuse, qui si offre un quadro dinamico della complessità di quel pensiero, soffermandosi, con particolare attenzione, sugli scritti di carattere storico (colpevolmente messi al margine dalla maggior parte degli interpreti) e fornendo una limpida lettura degli scritti di economia politica, con specifico riguardo ai «Grundrisse» e al «Capitale». Le intuizioni fulminanti, i vicoli ciechi teorici e le analisi spregiudicate sono posti in evidenza, al fine di mostrare la ricchezza di una visione del mondo che ancor oggi ispira modelli alternativi di società ed esistenza nonché inedite prospettive utopiche.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' amore sconfinato"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Romano Penna
Pagine: 240
Ean: 9788892218079
Prezzo: € 22.00

Descrizione:L'amore non ha una sola dimensione. Per sua natura sua è illimitato, senza misure e scon nato poiché è aperto, disponibile e accogliente. Gli Antichi lo concepivano o come eros, quale atto di conquista e di possesso, oppure come amicizia, quale riconoscimento di una comune uguaglianza. Solo il cristianesimo riuscì a viverlo e a proporlo come agàpe, cioè come amore di traboccamento, del tutto gratuito e immotivato, che ha solo se stesso come motivazione. La quali ca di Dio come amore e insieme fonte di amore rappresenta una rivoluzione nella storia delle religioni. In questo volume Romano Penna traccia un documentato e a ascinante cammino di scoperta della natura dell'amore partendo dalla Grecia antica con il suo profondo e sfaccettato pensiero sia mitologico che  loso co, per passare poi alla prospettiva propria di Israele con le sue originali e diversi cate accentuazioni in materia, per approdare in ne alle origini cristiane con l'incomparabile novità incentrata sulla  gura del nazareno Gesù. Ne deriva un ripensamento della cristologia, della ecclesiologia e della morale: la libertà cristiana, da una parte, è il prodotto di una liberazione; dall'altra, è funzionale a un servizio di amore. Il cristiano è libero per poter amare meglio.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pleasure of imitation. Naturalismo e filogenesi del linguaggio nelle teorie di Hensleigh Wedgwood e di Charles Darwin"
Editore: ETS
Autore: Piattelli Michela
Pagine: 219
Ean: 9788846754691
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Il libro prende in considerazione l'influenza delle teorie imitative del linguaggio sulla genesi e lo sviluppo del pensiero linguistico darwiniano. Si analizza, in particolare, il contributo del filologo inglese Hensleigh Wedgwood (1803-1891), promotore di una visione naturalistica dell'origine del linguaggio improntata a meccanismi onomatopeici, interiezionali e analogici. La prima parte del testo è dedicata all'analisi della teoria wedgwoodiana e al suo inquadramento all'interno del panorama britannico, con particolare riferimento alla tradizione filologica dell'epoca, al modello uniformista proposto dalla geologia e al dibattito accesosi con il sanscritista tedesco Friedrich Max Müller. La seconda parte esamina la presenza del pensiero di Wedgwood nell'opera di Darwin e l'importanza che ha rivestito, in particolare in "The descent of man", per fornire una spiegazione dell'origine del linguaggio che fosse coerente con la teoria della trasmutazione delle specie.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU