Libreria cattolica

Ebook - Parole Di Vita



Titolo: "Sul senso dell'esilio (Ez 12,1-20)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Carlo Broccardo
Pagine:
Ean: 2484300011474
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Ancora una volta Dio chiede a Ezechiele di compiere un’azione simbolica e di interpretarla in tutta la sua crudezza: ci sarà un nuovo assedio di Gerusalemme, peggiore del primo. Ma il profeta è colui che anche qui sa riconoscere il progetto di Dio.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L 'efficacia della parola profetica"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Tiziano Lorenzin
Pagine:
Ean: 2484300011535
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- La parola di Dio è una parola che interpella il profeta, il quale si sente spinto a chiamare a conversione il suo popolo. È una parola che mette in movimento e mentre viene ascoltata rinnova la natura, il cuore dell’uomo e la vita della comunità. Ci si può difendere da essa con la burla, la menzogna, la nostalgia e la religiosità.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Tra verità, abuso e menzogna"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Benedetta Rossi
Pagine:
Ean: 2484300011481
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Attraverso una molteplicità di voci e volti, Ez 12,21-14,11 offre un quadro complesso della crisi che investe l’istituzione profetica; la casa d’Israele si rivela vittima, ma allo stesso tempo partecipe dello snaturamento della profezia.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300011467
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

Editoriale

Continuando l’analisi del libro di Ezechiele, nella sezione che contiene gli oracoli di giudizio contro Israele incontriamo altri capitoli significativi per comprendere lo stile e il messaggio di questo profeta. Iniziamo con un’azione simbolica sul senso dell’esilio (Ez 12,1-20), interpretata in tutta la sua crudezza: proprio perché il profeta sa riconoscere il progetto di Dio, annuncia che ci sarà un nuovo assedio di Gerusalemme, peggiore del primo (Carlo Broccardo).

Attraverso una molteplicità di voci e di volti, la sezione Ez 12,21-14,11 offre un quadro complesso della crisi che investe l’istituzione profetica, dove la verità è accompagnata da abusi e persino menzogne: la casa d’Israele è vittima e allo stesso tempo responsabile dello snaturamento della profezia (Benedetta Rossi).

Superando l’antico schema tribale della colpa collettiva, Ezechiele mette a fuoco l’importante tema morale della responsabilità individuale, come risulta in diverse pericopi del suo libro (Ez 14,12-23,18): ai deportati egli insegnava che la responsabilità dell’esilio e della caduta di Gerusalemme non era esclusivamente dei loro padri, ma anche di loro stessi (Gabriel Witaszek).

In due splendidi capitoli (16 e 23) il profeta rilegge la storia d’Israele, come la vicenda di una donna, sposa del Signore e adultera, contro la quale viene sviluppata un’ampia requisitoria: nel c. 16 l’accento è posto sulla dimensione cultuale, mentre sull’aspetto politico insiste il c. 23; in entrambi il problema da risolvere è la teodicea (Donatella Scaiola).

Anche nel c. 20 troviamo un’interpretazione della storia d’Israele, che Ezechiele vede come ribellione ricorrente, in forte contrasto con la celebrazione liturgica che continua a proclamare le grandi opere di Dio: tuttavia, il giudizio divino conduce a salvezza e il profeta annuncia un nuovo esodo che il Signore realizzerà per mostrare la santità del suo nome (Marcello Milani).

La sezione centrale del libro di Ezechiele contiene una serie di oracoli di condanna rivolti ai popoli pagani (Ez 25-32): contro sette nazioni (goyim), tradizionali nemici d’Israele, è emesso un giudizio divino, attraverso il quale si rivela la signoria di Yhwh sul mondo intero (Sebastiano Pinto).

Un ultimo articolo propone una sintesi teologica sull’efficacia della parola profetica, tema frequente e importante nelle pagine di Ezechiele. Infatti, se viene ascoltata, la parola di Dio rinnova il cuore dell’uomo e la vita della comunità; ma ci si può difendere da essa con la burla, la menzogna, la nostalgia e la religiosità (Tiziano Lorenzin).

Come di consueto la «scheda biblica» si trova al centro del fascicolo e presenta un altro percorso formativo, basato sulla vita stessa del profeta che si fa segno. (Serena Noceti).

Fra le rubriche che accompagnano l’intera annata troviamo anzitutto il «laboratorio biblico» (Valentino Bulgarelli) che suggerisce alcune attività sul tema dell’esilio; poi la riflessione dell’«apostolato biblico» (Dionisio Candido) si sofferma sul capitolo quinto della Costituzione conciliare Dei Verbum, che tratta «il Nuovo Testamento», completando il dittico inaugurato nel capitolo precedente. Quindi nella «vetrina biblica» (Claudio Doglio) vengono proposte alcune schede di presentazione di volumi recenti, utili per approfondire la conoscenza biblica.

Infine, la rubrica dedicata all’«arte» (Marcello Panzanini) commenta una miniatura che rappresenta il profeta Ezechiele come «divoratore del libro»: un giovane mangia un libro che gli viene offerto, simbolo affascinante per indicare una persona nutrita della parola di Dio.

 

Claudio Doglio



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Giustizia divina e responsabilità individuale (Ez 14,12-23,18)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Gabriel Witaszek
Pagine:
Ean: 2484300011498
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Ezechiele ha svolto la maggior parte della sua missione profetica nel periodo compreso tra l’esilio babilonese e la caduta di Gerusalemme (597-587 a.C.). Egli annunciava ai deportati che la responsabilità della situazione in cui si trovavano, non era esclusivamente dei loro padri, ma anche di loro stessi.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La speranza di un nuovo inizio dopo lesodo della gloria di YHWH (Ez 8-11)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Simone Paganini
Pagine:
Ean: 2484300011115
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- La gloria, manifestazione della presenza di Yhwh, abbandona il tempio a causa delle colpe del popolo. Il messaggio della visione di Ezechiele è tuttavia positivo e rivoluzionario: Yhwh staccandosi dal santuario raggiunge un resto del popolo cui viene prospettato un nuovo inizio, con un cuore di carne invece che con un cuore di pietra.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il giudizio di Dio su tutto Israele (Ez 6-7)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Giuseppe De Carlo
Pagine:
Ean: 2484300011108
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Se i capitoli 4 e 5 di Ezechiele annunciano il castigo a Gerusalemme, i capitoli 6 e 7 estendono l’annuncio all’intero Israele. Idolatria e ingiustizia sono causa della rovina e attirano la spada del nemico e l’ira di Dio. In vista della conversione, del riconoscimento del Signore.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La visione della gloria del Signore (Ez 1,1-28)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Tiziano Lorenzin
Pagine:
Ean: 2484300011085
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Visione che il sacerdote e profeta Ezechiele ebbe in Babilonia tra i deportati. Si aprirono i cieli ed egli vide scendere un carro di fuoco avvolto da una nube, sostenuto da quattro esseri viventi, sopra il quale poggiava un trono su cui sedeva Dio stesso in sembianze umane.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La sentinella muta."
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Rosanna Virgili Dal Pra
Pagine:
Ean: 2484300011092
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- I capitoli 2-3 del libro di Ezechiele completano il lungo racconto – iniziato nel capitolo primo – della vocazione del profeta. Costituito, soprattutto, dalle parole che il Signore gli rivolge, esso contiene anche la missione del profeta.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ezechiele e Geremia"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Guido Benzi
Pagine:
Ean: 2484300011061
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Lo sguardo di Geremia ed Ezechiele sul medesimo evento della distruzione di Gerusalemme e dell’esilio è diverso. Geremia ha uno sguardo storicoteologico, egli è partecipe direttamente della vicenda fino a portare inscritte nella sua biografia e nel suo corpo tutte le drammatiche fasi della città. La ricchezza di gesti simbolici, corredate da visioni e simbologie oniriche, rendono la profezia di Ezechiele complessa, ma le donano una dimensione di lettura ampia e profonda della vicenda dell’esilio. Se la profezia di Geremia aveva il sapore di uno sguardo storico-teologico e politico, quella di Ezechiele diventa immancabilmente una teologia della storia come comprensione dell’agire umano libero e responsabile di fronte al grande disegno divino.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ezechiele, un profeta singolare"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Donatella Scaiola
Pagine:
Ean: 2484300011078
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Ezechiele potrebbe a prima vista scoraggiare il lettore per il linguaggio inusuale usato e per le metafore barocche che compaiono nel libro. Esso presenta, tuttavia, interessanti aspetti teologici, mostrando, ad esempio, la stretta relazione che intercorre tra il profeta e il messaggio che egli deve annunciare.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Purificazione e santificazione in Ezechiele. I segni di un amore esigente"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Sebastiano Pinto
Pagine:
Ean: 2484300011122
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Muovendo dall’idea di santità che si ritrova in alcuni testi di tradizione sacerdotale di Esodo e Levitico, si affronta il significato che tale categoria assume in Ezechiele evidenziando l’esigenza della coerenza della vita sottolineata dal profeta.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300011054
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

Editoriale

Dopo i primi tre fascicoli dedicati al profeta Geremia passiamo ora a considerare il profeta Ezechiele: entrambi sono sull’orlo della crisi, perché hanno vissuto lo stesso dramma della fine e dell’esilio, seppure da posizioni differenti e con sguardi diversi. Per precisare il passaggio dall’uno all’altro, l’articolo introduttivo (Guido Benzi) fa notare come allo sguardo storico-teologico di Geremia succeda la profezia di Ezechiele, che diventa una teologia della storia e risulta più complessa, perché connotata da una dimensione di lettura profonda della vicenda, con l’intento di comprendere l’agire umano libero e responsabile di fronte al grande disegno divino.

Alcuni elementi introduttivi aiutano, quindi, a inquadrare Ezechiele come profeta singolare (Donatella Scaiola): a prima vista il suo testo potrebbe scoraggiare il lettore perché adopera un linguaggio inusuale e abbonda in metafore barocche; tuttavia, questo libro biblico presenta interessanti aspetti teologici, soprattutto per il fatto di mostrare la stretta relazione che intercorre tra il profeta e il messaggio che egli deve annunciare. Passando quindi alla lettura del testo stesso, iniziamo dalla prima pagina (Ez 1,1-28), che descrive la visione della gloria del Signore (Tiziano Lorenzin). Il sacerdote e profeta Ezechiele, mentre si trovava in Babilonia tra i deportati, visse questa singolare esperienza: si aprirono i cieli ed egli vide scendere un carro di fuoco avvolto da una nube, sostenuto da quattro esseri viventi, sopra il quale poggiava un trono su cui sedeva Dio stesso in sembianze umane. In quel contesto di visione (Ez 2,1-3,27) ha luogo la sua sorprendente vocazione (Rosanna Virgili Dal Pra): dopo cinque anni di desolazione, Ezechiele viene sorpreso dalla presenza di Yhwh sul canale Chebar, distante migliaia di chilometri dalla città santa e da questo momento il Signore lo stabilisce profeta, sentinella per Israele, incaricato di annunciarne l’inevitabile distruzione a causa delle colpe del popolo.

Fra i numerosi testi di rimprovero che segnano la prima parte del libro, abbiamo scelto di commentare i cc. 6-7, che estendono l’annuncio del castigo all’intero Israele e non solo a Gerusalemme, come fanno i cc. 4-5 (Giuseppe De Carlo). Il profeta indica come idolatria e ingiustizia siano causa della rovina e attirino la spada del nemico nonché l’ira di Dio. Ma tale minaccia è finalizzata alla conversione e a un pieno e fedele riconoscimento del Signore.

Un’altra visione della gloria divina segna il libro di Ezechiele (Ez 8-11): la presenza di Yhwh abbandona il tempio a causa delle colpe del popolo (Simone Paganini). Il messaggio che il profeta vuole trasmettere è tuttavia positivo e rivoluzionario: il Signore, staccandosi dal santuario, raggiunge un resto del popolo cui viene prospettato un nuovo inizio, con un cuore di carne invece che con un cuore di pietra.

La prima parte del fascicolo termina con un articolo di sintesi teologica sul tema di purificazione e santificazione (Sebastiano Pinto): l’esigenza della coerenza di vita lascia intendere queste regole come segni di un amore esigente. Infine, la bibliografia ragionata (Tiziano Lorenzin) presenta i principali commentari su Ezechiele, oltre ad alcuni testi di carattere divulgativo e altri di approfondimento.

Al centro del fascicolo si trova la «scheda biblica», elaborata da Serena Noceti, che propone un percorso formativo, prendendo spunto da alcuni segni di profezia per leggere la storia proposti da Ezechiele. Quindi per le rubriche, costanti in tutta l’annata, il «laboratorio biblico» (Valentino Bulgarelli) suggerisce alcune attività sul tema della speranza. Segue poi la rubrica dell’«apostolato biblico» (Dionisio Candido), in cui viene proposta una riflessione sul quarto capitolo della Costituzione conciliare Dei Verbum, che tratta L’Antico Testamento per i cristiani. Quindi nella «vetrina biblica» (Claudio Doglio) sono presentate alcune recenti pubblicazioni che possono interessare ai nostri lettori; e infine la rubrica dedicata all’«arte» (Marcello Panzanini) commenta l’immagine di Ezechiele dipinta da Piero della Francesca: un giovane ebreo contempla la porta chiusa del nuovo tempio di Gerusalemme, figura di speranza perché, oltre quella porta, è simboleggiata la salvezza del mondo.

Claudio Doglio



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Processo al profeta (Ger 26)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Donatella Scaiola
Pagine:
Ean: 2484300010538
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Ger 26 è un testo interessante nel quale vengono affrontate questioni rilevanti come, ad esempio, il rapporto tra veri e falsi profeti, o il difficile, ma vitale, ruolo che svolge Geremia all’interno del suo contesto religioso e politico.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Passione e risurrezione dello scritto profetico (Ger 36)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Patrizio Rota Scalabrini
Pagine:
Ean: 2484300010576
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Ger 36 narra innanzitutto della messa per iscritto del messaggio profetico di Geremia, «impedito» di accedere al tempio. Segue poi la lettura del rotolo da parte del discepolo-segretario Baruc. Infine, dopo la bruciatura del rotolo da parte del re, si dà l’evento di una sua riscrittura completa e ampliata. Il libro/rotolo vi appare come il personaggio fondamentale del racconto, perché suscita continuamente reazioni, le più disparate, dall’accettazione piena al rifiuto più ostinato.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La lettera agli esiliati (Ger 29)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Elena Di Pede
Pagine:
Ean: 2484300010545
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Le scelte e le decisioni prese da un popolo in esilio influiscono direttamente sulla sua vita. Geremia scrive ai giudei deportati per spingerli a fare dell’esilio un’esperienza di umanizzazione. Saranno pronti a ascoltare questa parola?



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La vita come bottino (Ger 39,45)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Sebastiano Pinto
Pagine:
Ean: 2484300010583
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- L’accostamento vita-bottino è cifra del tragico momento della storia del popolo d’Israele, ormai preda dei Babilonesi. Non perdere la vita, per chi è fedele al progetto divino, significa già accaparrarsi il proprio bottino.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La salvezza attraverso la sventura"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Claudio Doglio
Pagine:
Ean: 2484300010552
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- I capitoli centrali di Geremia annunciano la salvezza e, al centro del libro, servono come chiave di lettura per comprendere il paradossale annuncio del profeta, che propone uno schema nuovo: la salvezza non si realizza al posto della sventura, ma proprio attraverso la sventura. Oltre che distruggere egli è mandato a costruire: perciò garantisce che nella distruzione l’azione di Dio realizzerà in modo inimmaginabile la sua promessa di bene.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Nabucodonosor, nemico o servo di Yhwh"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Guido Benzi
Pagine:
Ean: 2484300010590
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Il re babilonese Nabucodonosor, con il suo accadico e altisonante nome – Nabu protegga i miei confini – ha meritato, tra i personaggi biblici, non solo il triste ricordo legato alla distruzione di Gerusalemme e all’esilio degli ebrei, ma anche una gloria più mondana, legata al celeberrimo melodramma che da lui prende nome (Nabucco, appunto) e che consacrò definitivamente nel Teatro alla Scala, il 9 marzo 1842, la carriera artistica di Giuseppe Verdi.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La consolazione promessa nel giudizio: il «cuore» del libro di Geremia (cc. 29.30-33)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Benedetta Rossi
Pagine:
Ean: 2484300010521
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- In Geremia la promessa di consolazione e salvezza trova la sua espressione più estesa non dopo l’attuazione del giudizio, ma al suo interno (cc. 29; 30-33); siamo di fronte a un paradigma di senso decisivo per comprendere il messaggio e la teologia del libro.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La nuova alleanza (Ger 31,31-34)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Carlo Broccardo
Pagine:
Ean: 2484300010569
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- In uno dei momenti più difficili per il suo popolo, Geremia ha una parola di speranza: Dio stabilirà una nuova alleanza, capace di resistere al peccato; un’alleanza che, per noi cristiani, apre al mistero della morte e risurrezione di Gesù.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300010330
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

Editoriale

Il terzo fascicolo che Parole di vita dedica al profeta Geremia si occupa della parte centrale del libro: in quanto cuore dell’intera opera, è formata da un insieme di oracoli di consolazione che annunciano la salvezza operata da Yhwh, nonostante il peccato di Israele. A questo centro ideale, il cosiddetto «libro della consolazione» (cc. 30-33), fanno da cornice i racconti biografici che narrano le tragiche vicende di Geremia, emblema personale di sofferenza e di salvezza (cc. 26-29 e 34-45). Tale importante sezione viene introdotta da Benedetta Rossi, che ne presenta il contenuto e ne delinea l’interpretazione.

Il primo testo della biografia di Geremia (c. 26) riguarda un processo al profeta a causa del suo discorso contro il tempio: Donatella Scaiola commenta questo interessante racconto in cui viene affrontato il difficile rapporto tra veri e falsi profeti, evidenziando il ruolo vitale che Geremia svolge all’interno del suo contesto religioso e politico.

Nel capitolo 29 è conservata una lettera che Geremia inviò ai giudei deportati in Babilonia per spingerli a fare dell’esilio un’esperienza di umanizzazione: Elena Di Pede mette in rilievo come le scelte e le decisioni prese da un popolo in esilio possano influire direttamente sulla sua vita.

Gli oracoli che si trovano al centro dell’opera sono presentati nelle loro linee generali da Claudio Doglio: i capitoli 30-31 servono, infatti, come chiave di lettura per comprendere il paradossale annuncio del profeta, che propone uno schema nuovo, sostenendo che la salvezza non si realizza al posto della sventura, ma proprio attraverso la sventura. La vicenda stessa di Geremia garantisce che, pur nella distruzione, l’azione di Dio realizzerà in modo inimmaginabile la sua promessa di bene.

La breve pericope di Ger 31,31-34 costituisce il vertice della sezione centrale e riguarda il grande annuncio della nuova alleanza: Carlo Broccardo commenta questo passo in cui il profeta rivolge una parola di speranza al suo popolo, promettendo da parte di Dio la stipulazione di un nuovo patto, capace di resistere al peccato. Questa nuova alleanza, per noi cristiani, apre al mistero della morte e risurrezione di Gesù.

Tornando al racconto biografico, il capitolo 36 narra la vicenda significativa del rotolo in cui Geremia mette per iscritto il suo messaggio: Patrizio Rota Scalabrini spiega che tale rotolo appare come il personaggio fondamentale del racconto, suscitando reazioni disparate. Con la sua riscrittura, inoltre, sopravvive a tutti gli altri protagonisti ed emerge quasi come «risorto da morte».

L’ultima parte della narrazione sulle vicende del profeta (Ger 39-45) è presentata da Sebastiano Pinto e unificata sotto la formula «la vita come bottino»: l’accostamento dei due termini infatti è indizio del tragico momento storico d’Israele, giacché in quel frangente non perdere la vita significava già accaparrarsi il proprio bottino.

Infine Guido Benzi delinea la figura del re babilonese Nabucodonosor, responsabile della fine di Gerusalemme: con riferimenti all’opera verdiana «Nabucco» viene studiato questo personaggio la cui funzione nei testi di Geremia oscilla fra l’ostilità del nemico e il ruolo provvidenziale di servo di Yhwh.

Al centro del fascicolo trova posto la scheda biblica, elaborata da Serena Noceti, che propone un percorso formativo, prendendo spunto dai segni con cui il profeta Geremia esprime la sua comprensione della storia umana e del rivelarsi in essa del volto di Dio. Nella rubrica del «aboratorio biblico», curata da Valentino Bulgarelli, vengono proposte alcune attività sul tema della profezia, seguendo la consueta triplice attenzione alla Parola: di Dio, nella Chiesa, al mondo. Continua poi la rubrica dell’«apostolato biblico», in cui viene offerta una sintesi della Costituzione Dei Verbum: Dionisio Candido riflette sul terzo capitolo, dedicato all’interpretazione della Scrittura ispirata. Segue la «vetrina biblica», curata da Claudio Doglio, in cui sono presentate ai nostri lettori alcune pubblicazioni recenti e interessanti di argomento biblico. Infine Marcello Panzanini commenta l’opera di Rembrandt che raffigura Geremia mentre assiste all’incendio che brucia Gerusalemme e piange addolorato: paradossalmente le sue lacrime spengono quel fuoco e saranno fertili per la ricostruzione.

Claudio Doglio



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La crisi del profeta (Ger 20,7-18)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Giuseppe De Virgilio
Pagine:
Ean: 2484300010156
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- Lo studio delle «confessioni di Geremia», in particolare di Ger 20,7-18, fornisce una luce straordinaria per comprendere il turbamento interiore del profeta e l’intensità dei sentimenti che lo legano a Dio e al destino del suo popolo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Tra preghiera e trasgressione: ritratto di una comunità in tempo di crisi (Ger 14,7-9.19-22)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Benedetta Rossi
Pagine:
Ean: 2484300010149
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- I cc. 11-20, pur nella loro variegata disomogeneità, rappresentano un importante momento di riflessione sulle cause che condurranno alla distruzione di Giuda e Gerusalemme. Tale riflessione è condotta attraverso una doppia linea di sviluppo: da una parte il dramma vissuto dalla comunità, dall’altra quello patito dal profeta, di cui le confessioni costituiscono un’attestazione emblematica. Attraverso uno sguardo di sintesi, verranno proposte alcune chiavi di lettura che possano favorire la comprensione della sezione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Chiavi di lettura per una sezione complessa (Ger 11-20)"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Benedetta Rossi
Pagine:
Ean: 2484300010132
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Introduzione

- I cc. 11-20, pur nella loro variegata disomogeneità, rappresentano un importante momento di riflessione sulle cause che condurranno alla distruzione di Giuda e Gerusalemme. Tale riflessione è condotta attraverso una doppia linea di sviluppo: da una parte il dramma vissuto dalla comunità, dall’altra quello patito dal profeta, di cui le confessioni costituiscono un’attestazione emblematica. Attraverso uno sguardo di sintesi, verranno proposte alcune chiavi di lettura che possano favorire la comprensione della sezione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU