Categoria
           
Num. Prodotti x Pagina
           
Ordina Per

Ebook
Warning: fread() [function.fread]: Length parameter must be greater than 0 in /web/htdocs/www.piemontesacro.it/home/negozio/funzioni.php on line 198



Titolo: "Integrazione europea e trasformazioni socio-economiche"
Editore: Franco Angeli
Autore: AA. VV.
Pagine:
Ean: 9788891765154
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Partendo dalla crisi degli anni Settanta, i saggi qui raccolti – scritti da storici, economisti e giuristi – ricostruiscono alcune delle trasformazioni socio-economiche più significative che hanno interessato l’Italia e l’Europa negli ultimi decenni, mostrandone le connessioni con il processo di integrazione sovranazionale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Integrazione europea e trasformazioni socio-economiche"
Editore: Franco Angeli
Autore: AA. VV.
Pagine:
Ean: 9788891765147
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Partendo dalla crisi degli anni Settanta, i saggi qui raccolti – scritti da storici, economisti e giuristi – ricostruiscono alcune delle trasformazioni socio-economiche più significative che hanno interessato l’Italia e l’Europa negli ultimi decenni, mostrandone le connessioni con il processo di integrazione sovranazionale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ciò che non è scritto nei miei libri"
Editore: Franco Angeli
Autore: Viktor E. Frankl
Pagine:
Ean: 9788891765000
Prezzo: € 12.99

Descrizione:Un testo ormai classico. Un’autobiografia che è il manifesto di una visione positiva dell’esistenza umana. Racconti, flash, sentimenti, aneddoti: la straordinaria esperienza che il fondatore della logoterapia e analisi esistenziale, Viktor Emil Frankl, fece dal 1942 al 1945 in quattro campi di concentramento nazisti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ciò che non è scritto nei miei libri"
Editore: Franco Angeli
Autore: Viktor E. Frankl
Pagine:
Ean: 9788891764997
Prezzo: € 12.99

Descrizione:Un testo ormai classico. Un’autobiografia che è il manifesto di una visione positiva dell’esistenza umana. Racconti, flash, sentimenti, aneddoti: la straordinaria esperienza che il fondatore della logoterapia e analisi esistenziale, Viktor Emil Frankl, fece dal 1942 al 1945 in quattro campi di concentramento nazisti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La vita è un sogno"
Editore: Franco Angeli
Autore: Nicola Ghezzani
Pagine:
Ean: 9788891765178
Prezzo: € 13.99

Descrizione:Nonostante sia ancora in parte misconosciuto, il disturbo da depersonalizzazione e derealizzazione si avvia a essere uno dei più diffusi del mondo contemporaneo, afflitto da ansia nei rapporti umani, abuso di droghe e psicofarmaci e da vite sempre più isolate e virtuali. Scritto da un ex derealizzato, guarito con la psicoterapia e divenuto egli stesso psicoterapeuta, il libro è un’occasione preziosa per identificare il disturbo e delineare un efficace percorso terapeutico.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La vita è un sogno"
Editore: Franco Angeli
Autore: Nicola Ghezzani
Pagine:
Ean: 9788891765161
Prezzo: € 13.99

Descrizione:Nonostante sia ancora in parte misconosciuto, il disturbo da depersonalizzazione e derealizzazione si avvia a essere uno dei più diffusi del mondo contemporaneo, afflitto da ansia nei rapporti umani, abuso di droghe e psicofarmaci e da vite sempre più isolate e virtuali. Scritto da un ex derealizzato, guarito con la psicoterapia e divenuto egli stesso psicoterapeuta, il libro è un’occasione preziosa per identificare il disturbo e delineare un efficace percorso terapeutico.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Soccorritore e vittima"
Editore: Franco Angeli
Autore: Germaine Catherine Roulet
Pagine:
Ean: 9788891765543
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Un libro per quanti operano in situazioni di emergenza, a contatto con vittime traumatizzate, perché possano legittimare i propri vissuti interni – angosce, paure e altre emozioni dolorose – e imparare a riconoscere i “campanelli d’allarme” di un eventuale disagio psicologico. Grazie alla chiarezza espositiva il testo si presta anche alla lettura e allo studio di chi vuole avvicinarsi alle professioni di aiuto o semplicemente desidera saperne di più su questo mondo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Soccorritore e vittima"
Editore: Franco Angeli
Autore: Germaine Catherine Roulet
Pagine:
Ean: 9788891765536
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Un libro per quanti operano in situazioni di emergenza, a contatto con vittime traumatizzate, perché possano legittimare i propri vissuti interni – angosce, paure e altre emozioni dolorose – e imparare a riconoscere i “campanelli d’allarme” di un eventuale disagio psicologico. Grazie alla chiarezza espositiva il testo si presta anche alla lettura e allo studio di chi vuole avvicinarsi alle professioni di aiuto o semplicemente desidera saperne di più su questo mondo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Giornalismo 4.0"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Vincenzo Grienti
Pagine:
Ean: 9788849854381
Prezzo: € 5.99

Descrizione:I new media non cannibalizzeranno i media tradizionali se redazioni e giornalisti avranno la capacità di reagire propositivamente alla valanga digitale che sta investendo il mondo dellinformazione e delleditoria. Un giornalismo di qualità è ancora possibile. Il web 3.0 non è un rischio, ma unopportunità. È importante però un cambio di mentalità, una maggiore consapevolezza e la capacità duso degli strumenti. La sfida è proiettarsi in avanti puntando a newsroom e content hub che inneschino processi di partecipazione collaborativa dentro le redazioni e di convergenza cooperativa dei contenuti pubblicati nei siti e nei social media grazie alla multimedialità e alla crossmedialità. Per farlo occorre un nuovo pensiero digitale e limpegno a lavorare per lecosistema e non per legosistema.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cyber Espionage e Cyber Counterintelligence"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Antonio Teti
Pagine:
Ean: 9788849854398
Prezzo: € 7.99

Descrizione:Negli ultimi decenni le aziende, le organizzazioni civili, governative e militari di tutto il mondo, stanno combattendo quotidianamente dei cyber conflicts allinterno del Cyberspazio. La dinamicità e lambiguità degli attacchi informatici, in costante evoluzione, impongono ladozione di nuove tecniche, metodologie e competenze finalizzate al contrasto delle minacce presenti in Internet. Sono strumenti difensivi/offensivi che non possono prescindere dalla ricerca e continua acquisizione di informazioni online che riguardano le peculiarità degli avversari. In questo scenario lo spionaggio e il controspionaggio cibernetico assumono un ruolo fondamentale per la tutela dellintegrità del patrimonio informativo. Tutti i dati in grado di produrre una cornice di conoscenza utile per fronteggiare gli attacchi provenienti dal Cyberspazio, sono presenti principalmente nel web e soprattutto nei social network (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube). Per estrarre queste informazioni dal mare magnum del complesso ecosistema digitale che ci avvolge, è possibile ricorrere a due nuove metodologie di intelligence: Social Media Intelligence (SOCMINT) e Web Intelligence (WEBINT). Se la sicurezza informatica tende allottimizzazione dellinfrastruttura tecnologica per ridurre le vulnerabilità dei sistemi informatici, le attività di cyber espionage e cyber counterintelligence sono finalizzate alla creazione di una saggezza indispensabile per la formulazione di previsioni sugli scenari futuri, per comprendere le tendenze e gli obiettivi degli avversari e per fornire un supporto ai processi decisionali. Allinterno delleterogeneo meccanismo di attività di cyber intelligence è possibile cogliere anche lefficacia di nuovi strumenti di contrasto e manipolazione delle informazioni, come le azioni di inganno online (cyber deception), che mirano allindebolimento degli attacchi informatici, e ladozione di schemi psicologici, cognitivi e comportamentali (cyber behavior) finalizzati al condizionamento dei pensieri e degli atteggiamenti degli individui. Lo spazio operativo in cui si consumano le operazioni di spionaggio e controspionaggio cibernetico, non si limita a quello della difesa nazionale, ma si espande anche ad altri che interessano maggiormente, e con conseguenze più dirette ed evidenti, la popolazione (intelligence economica, politica, sociale, industriale, religiosa).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Pubblico Impiego nell'Ente Locale"
Editore: Edizioni Giuridiche Simone
Autore: Anna Cacace
Pagine:
Ean: 9788824429030
Prezzo: € 9.99

Descrizione:L’organizzazione e la gestione delle risorse umane, aspetto fondamentale della vita dell’ente locale, rappresenta uno dei maggiori punti di criticità nello studio delle discipline giuridiche sia per la complessa articolazione delle fonti che regolamentano la materia sia per la costante opera di sistemazione organica e di revisione da parte del legislatore. Il volume, suddiviso in quattro parti, illustra la normativa sul personale alle dipendenze degli enti locali partendo dall’analisi dell’evoluzione normativa della materia, nei suoi aspetti più significativi, nonché dallo studio dei principi fondamentali e delle fonti. La parte seconda del testo ha per oggetto la regolamentazione giuridica del rapporto di lavoro, ovvero la disciplina dei diritti patrimoniali e non patrimoniali che sorgono all’instaurazione del rapporto di pubblico impiego, e dei profili attinenti le responsabilità e gli obblighi dei pubblici dipendenti su cui ha fortementente inciso il D.Lgs. 25 maggio 2017, n. 75 di modifica e integrazione del Testo unico sul pubblico impiego (D.Lgs. 165/2001). La trattazione prosegue (parte terza) con la normativa relativa alla dirigenza e alle altre figure di vertice nell’organizzazione burocratica dell’ente locale e del sistema dei controlli e valutazione della performance, analizzato alla luce del D.Lgs. 25 maggio 2017, n. 74, attuativo della riforma Madia. Completa il volume un capitolo unico sui profili giurisdizionali attinenti il lavoro pubblico e un’appendice normativa che illustra il decreto Brunetta (D.L.gs. 150/2009) come modificato dal decreto legislativo, n. 74.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La violenza contro le donne nella storia"
Editore: Viella
Autore: Simona Feci, Laura Schettini
Pagine:
Ean: 9788867289875
Prezzo: € 15.99

Descrizione:Il volume presenta per la prima volta un’ampia rassegna sulla storia della violenza contro le donne, esplorando sia i contesti dove questa si produce e si manifesta, e in particolare l’ambito delle relazioni familiari, sia le politiche del diritto adottate per regolarla e contrastarla. I saggi si muovono lungo un arco cronologico ampio, dalla prima età moderna al presente, e spaziano tra aree differenti del territorio nazionale. La prospettiva storica si dimostra particolarmente preziosa nell’analisi del fenomeno della violenza, perché dimostra che il gesto violento, nella sua apparente naturalità e immediatezza, assume e veicola forme, linguaggi, contenuti, valori sociali diversi secondo i contesti storico-geografici. Le stesse modalità di accoglienza o di rifiuto della violenza contro le donne da parte delle società e delle istituzioni sono storicamente determinate e altrettanto capaci di concorrere alla costruzione delle relazioni tra i sessi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'eguaglianza senza distinzioni di sesso in Italia"
Editore: Giappichelli
Autore: Maria Grazia Rodomonte
Pagine:
Ean: 9788892174245
Prezzo: € 15.49

Descrizione:L’ampio settore delle norme in materia di eguaglianza tra i sessi è uno di quelli nei quali, con ogni probabilità, si sono registrate nel nostro Paese, dal 1948 ad oggi, le trasformazioni più profonde. L’elenco è fin troppo lungo per poter essere in questa sede anche solo abbozzato: basti riflettere sul fatto che, se fino alla previsione contenuta nella legge n. 66 del 1963 relativa all’“ammissione della donna ai pubblici uffici e alle professioni” – previsione che poteva essere all’epoca salutata come una rivoluzione – era ancora precluso l’accesso delle donne alla magistratura, nel 2011, esaurita la stagione della rimozione delle disparità, l’attenzione si è spostata sulla presenza delle donne nei ruoli di vertice del mondo del lavoro arrivando ad introdurre, con la legge n. 120, le c.d. “quote rosa” «nei consigli di amministrazione delle società quotate in borsa e delle società controllate da pubbliche amministrazioni non quotate in mercati regolamentati»; o, ancora, basti riflettere sul fatto che, se le donne in Italia hanno potuto votare per la prima volta solo nel 1946 , si è giunti oggi ad assicurare, come si esaminerà oltre, anche la parità di accesso alle cariche elettive nei vari livelli di governo. Tale profonda evoluzione normativa è stata certamente frutto della progressiva trasformazione sociale, economica e culturale che ha riguardato il nostro Paese proprio in relazione al ruolo della donna nella società e nella famiglia. Una trasformazione spesso riletta dalla Corte costituzionale non solo avendo quale “faro” del proprio intervento il dato costituzionale in materia, ma anche alla luce della giurisprudenza delle Corti europee che essa ha provveduto a veicolare nel sistema normativo interno, secondo la ben nota linea di progressiva incidenza delle interpretazioni delle codificazioni sovranazionali . Partendo, quindi, proprio dall’innegabile dato della realtà rappresentato dalle trasformazioni che hanno contraddistinto il settore delle norme in materia di eguaglianza tra i sessi, l’analisi delle evoluzioni giurisprudenziali, in specie quelle della giurisprudenza costituzionale, oltre che delle scelte assunte dal legislatore con riferimento a tale contesto, non possono che essere riguardate come un terreno di riflessione fecondo in relazione alle innovazioni costituzionali ed ai limiti interpretativi che dovrebbero imporsi in una Costituzione rigida, in particolare ai suoi principi. In primo luogo va, infatti, ricordato come sia stata la stessa Costituzione del 1948 a essersi fatta carico dell’esigenza di superare l’evidente disparità della condizione femminile, certamente presente all’atto della sua elaborazione. Ciò a partire proprio dal principio di eguaglianza sancito all’art. 3 Cost. Secondo quanto previsto al suo primo comma tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. In ordine testuale il primo divieto ad essere quindi menzionato è proprio quello riferito alle distinzioni in base al sesso. Nel testo costituzionale il divieto richiamato non è, tuttavia, esclusivo ed isolato, ma successive ed ulteriori specificazioni di esso si dipartono quali rami dal tronco principale rappresentato dal «valore fondante» dell’eguaglianza espressa dall’art. 3 Cost. La Costituzione, infatti, proprio nella prima parte dedicata ai «diritti e ai doveri dei cittadini» conferisce «uno specifico risalto a determinate applicazioni di quel principio in ordine alle relazioni sociali ritenute più significative» , offrendo accoglienza a distinti rami del principio di eguaglianza corrispondenti ad altrettanti settori nei quali la discriminazione tra uomo e donna si palesava al Costituente, con ogni probabilità, in tutta la sua evidenza . In particolare, nell’art. 29 Cost. si afferma il superamento della radicale distanza che separa i coniugi nella disciplina codicistica del 1942, statuendone l’eguaglianza morale e giuridica, sia pur con il limite rappresentato dalla garanzia dell’unità familiare. Nell’art. 37, comma 1, Cost., in materia di lavoro si prevede inoltre la parità di diritti e la parità di trattamento economico della donna lavoratrice rispetto all’uomo lavoratore, a parità di lavoro, ponendo inoltre l’obiettivo della protezione sociale della maternità (e dell’infanzia) rispetto alla prestazione lavorativa ed «imponendo la predisposizione di garanzie speciali che, senza cadere nell’ottusa cecità delle differenze di genere e di età», assicurino però la funzione delle donne all’interno della famiglia . Infine, nell’art. 51 Cost. – che appare strettamente connesso a quanto disposto dall’art. 48 Cost. con riferimento all’introduzione del suffragio universale, anche nella sua originaria formulazione, ancor prima, quindi, della modifica intervenuta nel 2001 – si sancisce l’eguaglianza, senza distinzioni di sesso, nell’accesso ad uffici pubblici ed a cariche elettive «secondo i requisiti stabiliti dalla legge». Partendo, dunque, dalla generale ma fondamentale affermazione del principio di eguaglianza presente nell’art. 3 Cost., il Costituente arriva a specificare i tre distinti ambiti – la famiglia, il lavoro e la politica – nei quali tale principio dovrà declinarsi come principio da proteggere e disciplinare da parte del legislatore secondo quelle successive previsioni costituzionali che concorrono quindi a definire, assieme all’art. 3 Cost., lo “statuto costituzionale” della donna. Tale statuto, tuttavia, non potrebbe ritenersi completo se non si considerasse assieme all’eguaglianza formale, prevista al primo comma dell’art. 3 Cost., anche la successiva eguaglianza sostanziale. Si è a ragione evidenziato che «l’eguaglianza nei diritti non può essere effettiva se non esistono le condizioni che ne rendono possibile l’esercizio» . I Costituenti sono certamente consapevoli dei limiti della sola eguaglianza innanzi alla legge ed a tal fine riconoscono come necessaria proprio quella rimozione degli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione. Alla tradizionale eguaglianza davanti alla legge si affianca così un’eguaglianza nuova, l’eguaglianza sostanziale, attraverso la quale può completarsi il quadro del riconoscimento di “eguali diritti”. Come si esaminerà oltre, proprio grazie al collegamento tra primo e secondo comma dell’art. 3 Cost. sarà infatti possibile riconoscere progressivamente la necessità di un intervento attivo di rimozione, da parte della Repubblica, anche di tutto quanto possa impedire l’effettiva eguaglianza tra l’uomo e la donna, poiché la realtà è che «le persone non sono eguali e proclamarle “eguali” non è sufficiente a modificare una realtà che senza interventi diretti a produrre un minimo di omogeneità sociale rimane immutata lasciando sullo sfondo l’eguaglianza come un miraggio irraggiungibile» . L’art. 3 Cost. individua dunque un obiettivo, un progetto da realizzare che richiede, per un verso, un intervento legislativo di progressiva attuazione; per un altro – secondo il disegno costituzionale del 1948 che, in linea con i canoni del costituzionalismo contemporaneo, alla garanzia della rigidità affianca quella del controllo di costituzionalità – l’intervento del giudice costituzionale a difesa dei contenuti del principio di eguaglianza quali ricavabili, in questo caso, dall’art. 3 Cost. e dalle successive declinazioni di quel principio negli artt. 29, 37 e 51 Cost. È chiaro quindi il ruolo svolto dall’attività interpretativa, vero e proprio snodo cruciale con riferimento al tema in oggetto. La natura progettuale dell’eguaglianza non può, infatti, che implicare un carattere evolutivo delle sue pratiche declinazioni ad opera del legislatore. D’altro canto, è innegabile che «la Costituzione non intende essere totalizzante, non nutre eccessi giacobini, non impone modelli astratti, ma traccia concrete linee di tendenza e offre – alla politica che sappia e voglia servirsene – gli strumenti per assicurare il progresso dei singoli e dell’intera comunità nazionale» . Se, dunque, proprio con riferimento all’attuazione dell’eguaglianza, in particolare sostanziale, la Costituzione non individua un modello di società ma un «processo di emancipazione» , appare evidente come non possa che essere riconosciuto un campo d’azione piuttosto vasto al legislatore. A quest’ultimo spetta infatti il compito, certo non facile, di operare il necessario collegamento tra le esigenze espresse dalla società, per loro natura mutevoli, e il dato certamente elastico ma stabile della Costituzione , al fine di costruire un diritto che non sia avulso dal contesto sociale nel quale opera, ma per fa sì che le linee di tendenza espresse a livello costituzionale possano effettivamente incarnarsi nella storia. Quel che si chiede al legislatore è, in altri termini, di farsi interprete delle esigenze espresse dalla società cercando di individuare quel punto di incontro, necessariamente dinamico e in continua evoluzione, tra queste ultime e gli indirizzi espressi dal testo costituzionale . Se è indubbio che il tratto caratteristico del principio di eguaglianza sia quello di presentare «innumerevoli sfumature» , appare evidente però come discrezionalità del legislatore – nell’opera di inveramento del principio – e interpretazione del giudice costituzionale – nell’attività di raffronto della legislazione al parametro costituzionale – siano destinati ad un incessante confronto e condizionamento. I reciproci ambiti di intervento appaiono, infatti, determinati dal progressivo superamento dell’idea, affermata in una prima fase dalla giurisprudenza della Corte costituzionale, che ad essa non spetti sindacare l’esercizio del potere discrezionale da parte del legislatore, ma esclusivamente assicurarne la coerenza per il tramite del principio di eguaglianza . Un indirizzo che viene dunque progressivamente superato dal giudice costituzionale, in primo luogo per il sempre più frequente riferimento al canone della ragionevolezza. Questo è, però, «concetto non univoco bensì flessibile, duttile, non immobile nel tempo ma dinamico» , tale quindi da apparire a tratti incerto. Con la conseguenza che «ciò che in un determinato momento può essere considerato ragionevolmente conforme al principio di eguaglianza, può non esserlo più anche a distanza di poco tempo» , con evidenti ricadute sull’incidenza del ruolo del giudice costituzionale. Inoltre, non può non considerarsi il progressivo passaggio da una configurazione restrittiva dell’eguaglianza, valutata esclusivamente alla stregua del solo primo comma, ad una interpretazione estensiva e tale da condurre lo stesso giudice costituzionale a valutare l’attività del legislatore alla luce dell’effettivo perseguimento delle “pari opportunità” . Nella fase più recente, infatti, il giudice costituzionale, affacciandosi sul terreno del riferimento al secondo comma dell’art. 3 Cost., accede sicuramente ad un parametro più incerto, benché ricco di potenzialità ancora in parte da esplorare e tale da consentire, in ogni caso, un ampliamento dei confini del suo intervento. Infine, non può non considerarsi un ulteriore fattore di condizionamento dei rapporti tra legislatore e giudici. Sulla realizzazione ottimale del processo di concretizzazione del progetto insito nel principio di eguaglianza pesa oggi, infatti, la crisi della politica nel suo ruolo di strumento ineludibile di trasmissione delle domande dalla società al circuito della rappresentanza . Ciò ha evidenti riflessi anche sulle tendenze espansive del ruolo del giudice costituzionale rispetto al ruolo del legislatore, con una inevitabile limitazione della discrezionalità di quest’ultimo. A ciò si aggiunge un più generale ruolo di supplenza da parte dei giudici comuni, ruolo spesso indotto dall’inerzia del legislatore e strettamente connesso all’ampliamento dei confini di intervento da parte della Corte costituzionale. Non può negarsi, infatti, che «all’apporto creativo di norme della giurisprudenza costituzionale si aggiunge quello della giurisprudenza dei giudici ordinari, che procedano sull’onda dei principi individuati dalla Corte nelle sue sentenze» . Il problema che si pone di fronte all’esigenza di pratica traduzione delle indicazioni che provengono dalla Costituzione è allora evidentemente legato al tema dell’interpretazione costituzionale , intesa come metodo, e alla necessaria elasticità delle diverse possibili soluzioni interpretative dei casi costituzionali ; ancor di più appare però collegata alla capacità della politica di riempire di contenuti il disegno tracciato dalla Costituzione. La complessità del reale e con essa dell’attuazione della Costituzione, certamente passibile di declinazioni diverse in relazione alle esigenze del momento storico nel quale questa attuazione si colloca, è evidente. Ciò che ci si propone in queste pagine non è allora offrire risposte conclusive agli interrogativi collocati sullo sfondo della complessa trama di relazioni tra dato costituzionale, realtà sociale, scelte del legislatore e interpretazioni del giudice. Piuttosto si intende dare conto del percorso di attuazione dell’eguaglianza senza distinzioni di sesso, tentarne cioè un bilancio, giunti ormai a settant’anni dall’approvazione del testo costituzionale, cercando al pari di cogliere, di volta in volta, i segnali ora di effettiva concretizzazione di un percorso dai confini costituzionalmente segnati, ora di fughe in avanti, ora, talvolta, persino di involuzioni e arretramenti. Non si ha dunque la pretesa di fornire risposte definitive o un quadro esaustivo quanto piuttosto, si spera, uno spunto al dibattito per gli studi sul tema. A tal fine appare in particolare necessario muovere dalla ricostruzione e dalla individuazione di tutte le possibili implicazioni del quadro costituzionale in materia, dall’art. 3 Cost. ai successivi articoli che definiscono l’eguaglianza nell’ambito familiare (art. 29 Cost.), lavorativo (art. 37 Cost.) e politico (art. 51 Cost.) nonché ricostruire le principali tappe attraverso le quali, ad opera del legislatore e della giurisprudenza costituzionale, si snoda il percorso che conduce all’attuazione successiva del dettato costituzionale, a partire dai primi interventi volti a rimuovere le più evidenti discriminazioni fino alla fase più recente contraddistinta dall’obiettivo dell’empowerment anche nelle politiche del nostro Paese, attraverso la «partecipazione ai processi decisionali» e «l’accesso al potere» da parte delle donne . Una particolare e specifica attenzione si è ritenuto infine opportuno riservare all’evoluzione conosciuta dall’applicazione dell’art. 51 Cost. anche in ragione della prolungata situazione di disparità di condizioni di partenza che ha caratterizzato in questo settore i rapporti tra i sessi. L’applicazione del disposto dell’art. 51 Cost., in particolare per quel che attiene l’accesso alle cariche elettive, è stata infatti, come è noto, tardiva e condizionata dall’interpretazione del giudice costituzionale. Tale specifica attenzione al percorso evolutivo che ha contrassegnato l’applicazione e l’interpretazione dell’art. 51 Cost. appare inoltre giustificato da ragioni diverse che vanno ricondotte, in primo luogo, al campo di intervento della norma – ovverosia la fase dell’accesso alla vita pubblica, sia che si tratti di pubblici uffici che di cariche elettive. L’ambito al quale la norma si riferisce sembra aver comportato, infatti, almeno in una prima fase, un ben più problematico “aggancio” al secondo comma dell’art. 3 Cost. ed alla necessità di interventi positivi volti a promuovere la parità di punti di partenza proclamata dal testo costituzionale. Il complesso intreccio delle questioni della parità anche con quelle connesse alla rappresentanza politica ha contribuito infine a determinare una parziale diversità di percorso che ha posto interrogativi meritevoli, a nostro giudizio, di autonoma e specifica riflessione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Guida Pratica Fiscale Imposte Indirette 1/2018"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Studio Associato CMNP
Pagine:
Ean: 9788832490848
Prezzo: € 21.90

Descrizione:Aggiornata con tutte le ultime novità normative (in particolare, la Legge di Bilancio 2018 e il relativo Collegato fiscale) e di prassi, la Guida illustra in modo operativo, con un linguaggio chiaro e la caratteristica grafica del "Sistema Frizzera24" (esemplificazioni, tabelle e riquadri di sintesi), la disciplina relativa all'imposizione indiretta: Iva, registro, bollo, ipotecarie e catastali, concessioni governative, successioni e donazioni.
Ha collaborato all'aggiornamento della Guida lo Studio Associato CMNP.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Formulario del rapporto di lavoro 2018 con CD"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Gabriele Bonati
Pagine:
Ean: 9788832490831
Prezzo: € 47.90

Descrizione:Il volume è uno strumento indispensabile per la gestione "guidata" di tutti i contratti di lavoro e delle "lettere" che regolano il rapporto di lavoro, dall'assunzione alla gestione e alla cessazione del rapporto stesso.
Il software consente all'azienda e al professionista di "creare" formule standard oppure personalizzabili per la corretta gestione del personale, seguendo un percorso guidato.
Inoltre l'utente ha la possibilità di integrare il facsimile anche con l'anagrafica dell'azienda e del dipendente e con il CCNL applicato, selezionando quest'ultimo direttamente dal proprio archivio.
Le formule create possono essere modificate, salvate sul proprio computer e stampate, inoltre in occasione di modifiche normative e di prassi amministrativa, disponendo di una connessione internet attiva, il programma sarà aggiornato automaticamente.

Requisiti HW e SW
Lettore CD-Rom.
Almeno 500 Mb di spazio su disco rigido;
Microsoft Windows™: Vista oppure 7 oppure 8
Adobe Acrobat Reader 9.2 o successivi
Miscrosoft Office Excel 2007 o successivi


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "INDUSTRIA 4.0"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Michele Brusaterra
Pagine:
Ean: 9788832491364
Prezzo: € 8.90

Descrizione:Superammortamento, iperammortamento, agevolazione fiscale per i beni immateriali, formazione 4.0, ricerca e sviluppo, sabatini-ter, tante le agevolazioni confermate e ampliate dalla legge di Bilancio per il 2018 al fine di sostenere e rilanciare il mondo delle imprese.
Il nuovo fascicolo Industria 4.0 propone l'analisi puntuale della normativa, focalizza le novità e sviscera gli aspetti fiscali, un vero e proprio supporto operativo per chi vuole cogliere tutte le opportunità della quarta rivoluzione industriale.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Shintoismo"
Editore: Editrice Bibliografica
Autore: Rossella Marangoni
Pagine:
Ean: 9788870755626
Prezzo: € 5.99

Descrizione:Linsieme di riti, culti e concezioni del sacro di varia provenienza, che si sviluppò nel Giappone arcaico e che venne compreso nella definizione convenzionale di shint? (letteralmente la via dei kami, ossia delle divinità shintoiste), è stato considerato a lungo come la religione autoctona giapponese, immutabile e caratterizzata da una supposta unicità. Da molti anni lo shint? è sottoposto a una revisione interpretativa volta a metterne in luce la natura di fenomeno religioso eterogeneo e complesso. Questa breve introduzione vuole essere un invito a non limitarsi alle interpretazioni precostituite dello shint?, bensì a prendere in esame una visione problematica di questa tradizione, che ha interessato tutti gli aspetti della sfera emotiva dei giapponesi e che è ben viva nella quotidianità del Giappone contemporaneo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Kin Hin. Meditare camminando"
Editore: Vallardi A.
Autore: Marc Lestal
Pagine:
Ean: 9788869877148
Prezzo: € 7.99

Descrizione:UNA GUIDA PRATICA E SPIRITUALE PER RITROVARE LA STRADA.
LA MEDITAZIONE IN MOVIMENTO

Accompagnandoci in un viaggio straordinario alla scoperta di camminate meditative delle più diverse tradizioni e culture, Marc Lestal ci mostra l’atto del camminare in una prospettiva nuova: non più come semplice modalità di locomozione, ma quale formidabile mezzo di meditazione e ricerca interiore.
Grazie alla sua lentezza, la passeggiata offre infatti l’opportunità di riscoprire l’ambiente circostante assimilandolo con tutti i nostri sensi: studiandone caratteristiche e benefici, l’autore ci aiuta a trovare il passo giusto per rapportarci serenamente con lo spazio e il tempo, relazionarci con la nostra interiorità e il corpo che la accompagna, affinare il modo con cui avanziamo nella vita.
 
«Mettere un piede davanti all’altro, semplicemente, significa entrare in sintonia profonda con il presente, il luogo in cui tutto accade e in cui ogni cosa è perfetta.» Marc Lestal
 
Un elogio del cammino quale apertura al mondo e comunione con la natura, un pellegrinaggio alla riconquista dell’anima propria e delle cose.


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Kin Hin. Meditare camminando"
Editore: Vallardi A.
Autore: Marc Lestal
Pagine:
Ean: 9788869877131
Prezzo: € 7.99

Descrizione:UNA GUIDA PRATICA E SPIRITUALE PER RITROVARE LA STRADA.
LA MEDITAZIONE IN MOVIMENTO

Accompagnandoci in un viaggio straordinario alla scoperta di camminate meditative delle più diverse tradizioni e culture, Marc Lestal ci mostra l’atto del camminare in una prospettiva nuova: non più come semplice modalità di locomozione, ma quale formidabile mezzo di meditazione e ricerca interiore.
Grazie alla sua lentezza, la passeggiata offre infatti l’opportunità di riscoprire l’ambiente circostante assimilandolo con tutti i nostri sensi: studiandone caratteristiche e benefici, l’autore ci aiuta a trovare il passo giusto per rapportarci serenamente con lo spazio e il tempo, relazionarci con la nostra interiorità e il corpo che la accompagna, affinare il modo con cui avanziamo nella vita.
 
«Mettere un piede davanti all’altro, semplicemente, significa entrare in sintonia profonda con il presente, il luogo in cui tutto accade e in cui ogni cosa è perfetta.» Marc Lestal
 
Un elogio del cammino quale apertura al mondo e comunione con la natura, un pellegrinaggio alla riconquista dell’anima propria e delle cose.


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Storia Contemporanea"
Editore: Edizioni Giuridiche Simone
Autore: Redazioni Edizioni Simone
Pagine:
Ean: 9788824429047
Prezzo: € 6.99

Descrizione:Proponendosi come utili sussidi per chi si appresta a sostenere concorsi, esami o colloqui di lavoro, i volumetti della collana SimOneWeek consentono lo studio e il ripasso di diverse materie, dalla Grammatica italiana alla Letteratura, dalla Storia alla Geografia, dalla Sociologia alla Psicologia e Pedagogia, attraverso trattazioni che, pur nella snellezza tipica delle sintesi, garantiscono esaustività e precisione. La struttura, improntata alla massima funzionalità, consente di apprendere rapidamente concetti e contenuti indispensabili a una conoscenza generale ma non lacunosa degli argomenti. Semplicità di linguaggio, aggiornamento dei contenuti e un’estrema praticità d’uso completano le caratteristiche di ogni volumetto. Il presente volume, in particolare, risulta particolarmente utile per quanti debbano studiare o ripassare in tempi brevi una disciplina vasta e complessa come la storia contemporanea. Il testo, aggiornato ai più attuali eventi storici, propone un quadro esauriente delle cause e degli effetti dei vari accadimenti politici e militari e dei relativi contesti socio-economici, tracciando con precisione le coordinate spazio-temporali degli eventi riportati. A completamento del testo, una serie di validi corredi didattici, costituiti da tavole cronologiche, carte storiche e glossari dei termini più significativi.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Codice del processo tributario 2018"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Ernesto Maria Ruffini
Pagine:
Ean: 9788832490954
Prezzo: € 23.90

Descrizione:Il Codice del processo tributario, contenente sia la normativa fiscale che il Codice di procedura civile, completa la linea dei Codici Fiscali Frizzera: uno strumento essenziale per il professionista che si accinge ad affrontare una controversia di natura tributaria.
La normativa sul processo tributario è correlata attraverso puntuali rimandi alle norme della procedura civile applicabili.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'autore in cerca di editore"
Editore: Editrice Bibliografica
Autore: Maria Grazia Cocchetti
Pagine:
Ean: 9788870756029
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Giunto alla sua quarta edizione, questo saggio leggero può ormai essere considerato un classico nel suo genere. Il volume esplora il paese degli editori, senza tralasciare le agenzie letterarie, le scuole di scrittura e gli itinerari alternativi quali leditoria a pagamento, i concorsi e i festival letterari, le riviste e i blog. Arricchito da numerose interviste ad autori di fama ed esperti del settore, offre uno spaccato del mondo editoriale e dei suoi protagonisti, corredato di consigli e informazioni aggiornate su come contattare gli editori e percorrere la via verso la pubblicazione. Frutto della lunga esperienza dellautrice, si conferma quale insostituibile reference book per gli autori professionisti di narrativa, libri per ragazzi, non fiction, manualistica, poesia, che intendono esplorare nuovi orizzonti, ma anche per gli scrittori inediti. Senza dimenticare gli studenti dei corsi di laurea in Scienze della comunicazione e delle varie scuole di specializzazione in editoria, storytelling e tecniche di scrittura, per i quali si rivela un ottimo strumento di studio e di approfondimento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Una testa pensante è meglio di una testa piena"
Editore: Egea
Autore: Giuseppe Monteduro
Pagine:
Ean: 9788823815759
Prezzo: € 11.99

Descrizione:Per rilanciare lo sviluppo del Paese l’Italia ha bisogno che i propri giovani migliori siano capaci di inventare nuove imprese o di inserirsi in imprese già esistenti e di portarle al successo o migliorarne le performance. Per questo molti dirigenti scolastici, formatori e docenti stanno elaborando proposte formative più o meno innovative per attirare questi giovani e fornire loro la formazione più adatta a sviluppare le capacità manageriali. Questo libro presenta i risultati di una ricerca che ha voluto chiedere direttamente ai top manager italiani quale sia, sulla base della loro esperienza, la formazione migliore e quali capacità (skills) debba far “fiorire”. Il volume, illustrando i mutamenti delle imprese e, di conseguenza, del ruolo di manager, attraverso una rassegna critica della migliore letteratura sociologica e di management, si rivolge, quindi, agli operatori del mondo scolastico e universitario impegnati nella progettazione formativa, ma anche ai giovani che ambiscono a svolgere un lavoro di tipo manageriale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Kybalion"
Editore:
Autore: Tre Iniziati
Pagine:
Ean: 9788833360171
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Definito come un completamento della Tavola Smeraldina, la più importante opera ermetica mai scritta, Il Kybalion – uscito anonimo negli Stati Uniti nel 1908 – è il testo di occultismo più letto del XX secolo. Le sue pagine aprono un'affascinante prospettiva sui meccanismi della realtà oggettiva e generano in chi le medita con mente aperta nuovi livelli di consapevolezza e comprensione. Per permettere al lettore di inoltrarsi con profitto nello studio, ognuno dei sette grandi principi ermetici – Mentalismo, Corrispondenza, Vibrazione, Polarità, Ritmo, Causalità, Genere – è analizzato e messo in relazione con le verità incarnate dagli altri. Sarà così possibile comprendere quali significati avessero per gli Antichi l'astrologia, l'alchimia e la psicologia mistica e in cosa consistesse la trasmutazione mentale, orientarsi nei testi occulti e, infine, riconciliare le diverse teorie e dottrine che hanno attraversato la storia dell'umanità. Magia, saperi occulti e scienza naturale si mescolano in questo libro dagli infiniti livelli di lettura, un compagno indispensabile nella ricerca della verità nascosta.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Kybalion"
Editore:
Autore: Tre Iniziati
Pagine:
Ean: 9788833360164
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Definito come un completamento della Tavola Smeraldina, la più importante opera ermetica mai scritta, Il Kybalion – uscito anonimo negli Stati Uniti nel 1908 – è il testo di occultismo più letto del XX secolo. Le sue pagine aprono un'affascinante prospettiva sui meccanismi della realtà oggettiva e generano in chi le medita con mente aperta nuovi livelli di consapevolezza e comprensione. Per permettere al lettore di inoltrarsi con profitto nello studio, ognuno dei sette grandi principi ermetici – Mentalismo, Corrispondenza, Vibrazione, Polarità, Ritmo, Causalità, Genere – è analizzato e messo in relazione con le verità incarnate dagli altri. Sarà così possibile comprendere quali significati avessero per gli Antichi l'astrologia, l'alchimia e la psicologia mistica e in cosa consistesse la trasmutazione mentale, orientarsi nei testi occulti e, infine, riconciliare le diverse teorie e dottrine che hanno attraversato la storia dell'umanità. Magia, saperi occulti e scienza naturale si mescolano in questo libro dagli infiniti livelli di lettura, un compagno indispensabile nella ricerca della verità nascosta.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO