Seleziona la categoria di interesse dal menù principale,
in questo modo le tipologie associate saranno subito visibili.


Categoria


Tipologia


Num. Prodotti x Pagina


Ordina Per

Ebook - Ebook - Riviste



Titolo: "Lateranum n. 3/2017"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 9788846512017
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

INDICE

 

 

Giuseppe Lorizio, Editoriale

 

Lubomir ak, Il “realismo” come visione del mondo: intro­duzione al concetto di complessità elaborato da Pavel A. Florenskij

 

Vladislav Shaposhnikov, Mathematics as the Key to a holistic World View: the Case of Pavel Florensky

 

Natalino Valentini, «Florenskij – filosofo della religione e del culto». Dalla fenomenologia del sacro alla santificazione della realtà

 

Mario Enrico Cerrigone, «Il sentiero del mago». Il significato del disapprendimento nella nicosofia di Florenskij

 

Nicolai Pavliuchenkov, Establishment of “Ontologicity” as the Basis for Pavel Florensky’s Name Worshipping Standpoint

 

Silvano Tagliagambe, La concezione antinomica della verità alla prova delle neuroscienze

 

Gilberto Safra, Pavel Florensky’s Contribution to the Psycho­analytic Field

 

Márcio Luiz Fernandes, As correspondências carcerárias de Pavel Florenskij: expressões do pensamento complexo

 

Francisco José López Sáez, La kénosis silenciosa de un homo sacer: el todo del sentido del mundo desde el «ángulo diver­so» de la estancia en el lager de Pavel Florenskij

 

FidelVillegas Gutiérrez, Pável Florenski en la «Isla de los vien­tos». El combate por la belleza

 

«Penetrare nel profondo delle cose». Bibliografia ragionata (a cura di Giuseppe Malafronte)

 

Recensioni

 

Libri ricevuti

 

Indice

 

Indice dell’annata

 

 

 

-----

 

 

 

EDITORIALE

 

Le miscellanee commemorative sul pensiero dei grandi maestri, affidate agli specialisti, corrono un duplice rischio. In primo luogo quello della setto¬rializzazione monografica, in quanto ciascuno, attingendo al bagaglio della propria erudizione sull’opera dell’Autore che si commemora, ne approfondisce un aspetto o una tematica, condannando il proprio lavoro a ricevere attenzione soltanto dagli specialisti della materia. In secondo luogo tali iniziative rischia¬no di incrementare una sorta di “scolastica”, nel nostro caso florenskijana, la quale, piuttosto che liberare il pensiero lo incatena in categorie e prospettive, che restano comunque relegate nell’epoca e nel contesto dell’Autore, senza interpellare il nostro tempo e i nostri contesti.

 

Onde sfuggire a queste tentazioni e non incorrere nei suddetti rischi si richiede un passaggio, certamente faticoso e per nulla scontato, dal monogra¬fico allo speculativo, che risulterà decisamente fecondo, incrociando tematiche e problematiche vive nell’attuale contesto teologico, filosofico e scientifico.

 

Nel tentativo di offrire qualche spunto, come chiave di lettura, di questo fascicolo monografico della nostra rivista teologica, che pubblichiamo in oc¬casione dell’ottantesimo anniversario della morte di P.A. Florenskij, tenterei di individuare due fuochi intorno ai quali può muovere la riflessione, nutrendosi delle risultanze del cammino del grande e geniale pensatore russo.

 

Il primo fuoco si individua facilmente nel titolo che si è voluto dare a que¬sta raccolta di saggi e che proviene dallo stesso Florenskij: “Ho contemplato il mondo come un insieme”. Si direbbe oggi che siamo di fronte a una visione olistica o integrale del mondo, che tuttavia non intende affatto nascondere la complessità e l’articolato dinamismo del reale. Il secondo fuoco si concentra sul “realismo” gnoseologico, che il pensatore russo ritiene di adottare, nel proporre la propria visione del mondo.

 

Indubbiamente si tratta di questioni di estrema e, se si vuole, perenne at¬tualità, che, se tenute insieme, fanno emergere una domanda fondamentale: è possibile una visione olistica del mondo che sia al tempo stessa profondamen¬te realistica? La pretesa relativa alla “possibilità di conoscere il tutto” (F. Ro¬senzweig) non richiede altrettanta immaginazione? Ovvero non è necessaria una fondamentale presa di distanza dal reale per poterlo descrivere come un insieme?

 

La teologia fondamentale più recente sta coltivando un’attenzione all’im¬maginario, che richiede certamente spirito critico, ma anche adeguato approfondimento speculativo. Nel nostro incontro con Florenskij, che abbiamo voluto inserire fra i “testimoni/martiri” nel nostro bilancio della teologia fonda¬mentale del Novecento, abbiamo tracciato tre prospettive, a partire dalle quali si possono rinvenire suggerimenti per offrire risposte plausibili ai quesiti di cui sopra. Si tratta della logica del paradosso (in senso antinomico), del pensiero iconico e del nesso inscindibile fra verità e libertà.

 

Nel primo di questi orizzonti (paradosso come antinomia), ove vale il principio hegeliano Das Wahre ist das Ganze, siamo chiamati a considerare l’immaginario come uno degli aspetti costitutivi dello stesso reale, che può essere colto come insieme solo attraverso un atteggiamento contemplativo. A tal proposito mi sembra di estremo interesse la necessità, sottolineata in uno dei contributi di questo fascicolo, del “disapprendimento”, ispirato dalla “ni¬cosofia”, come forma di conoscenza che si incarica di decostruire il cosiddetto sapere del “senso comune” che non ha nulla a che vedere col sano ed autentico realismo.

 

Il secondo orizzonte (quello del pensiero iconico) ci conduce alla consi¬derazione, anch’essa paradossale, relativa al realismo dell’icona, che nasce dalla meditazione contemplativa e naturalmente non esclude l’immaginazione dell’iconografo. Sarà il “canone”, ovvero la “tradizione” a ricondurre l’artista al senso del reale che intende iconicamente rappresentare. Del resto Florenskij sarebbe certamente disposto a sottoscrivere il famoso detto di Stravinsky: “tut¬to ciò che non è tradizione è plagio”.

 

Infine, a proposito del nesso verità/libertà, la possibilità di percepire/con¬templare il mondo come un insieme, si realizza all’interno del superamento di una visione scientifica del reale, ispirata al determinismo, attraverso il salto (che richiede l’esercizio della libertà) dalla scienza alla sapienza, onde intro¬dursi in una visione sofiologica del reale, che nasce dall’intuizione intellettuale piuttosto che dalle induzioni scientifiche o dalle deduzioni logiche.

 

La lettura di queste pagine potrà allora diventare un inizio per ulteriori approfondimenti, che rifuggendo dall’attualizzazione selvaggia, sempre in ag¬guato, potrà forse consentirci di interrogare l’opera geniale di P.A. Florenskij a partire dalle questioni del nostro tempo e del nostro villaggio globale.

 

Giuseppe Lorizio



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Concilium - 2018/1 - Cristianesimi asiatici"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023583
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

 

Sommario

Daniel Franklin Pilario – Felix Wilfred

Huang Po-Ho, Editoriale. Cristianesimi asiatici:

incontri postcoloniali

Abstracts


I. Cristianesimi asiatici

 

1. Cristianesimi asiatici: letture postcoloniali

 

1.1 Felix Wilfred, Cristianesimi e teologie asiatici

attraverso la lente del postcolonialismo

I/ Un’istantanea

II/ Un monito: la sepoltura frettolosa del colonialismo

III/ Decostruire la rappresentazione eurocentrica

del cristianesimo asiatico e riconoscere il suo carattere

e il suo modus operandi che sono peculiari

IV/ Oltre l’universale e il particolare, guardare al singolare

V/ Una critica postcoloniale dell’inculturazione in Asia

VI/ La strada ecumenica postcoloniale delle chiese asiatiche:

verso il postdenominazionalismo

VII/ Gettare una rete ecumenica più ampia

VIII/ Conclusione: teologie asiatiche e Concilium

 

1.2 Jose Mario Francisco, Rivendicare il cristianesimo

come asiatico

I/ Liberarsi dalle prospettive distorcenti

1/ Il cristianesimo come minoranza

2/ Il cristianesimo come coloniale

3/ Il cristianesimo come estraneo

II/ Verso la rivendicazione del cristianesimo come asiatico

1/ La comparsa del soggetto cristiano asiatico

2/ La valorizzazione del cristianesimo asiatico vissuto

3/ Traduzione e dialogo in nome della cattolicità

 

1.3 Pablo Virgilio David, Una lettura postcoloniale

di Gal 3,28

 

1.4 Marie-Theres Wacker, Approcci postcoloniali

a Gal 3,27-28 per una varietà del cristianesimo in Asia 64

I/ Ricordi

II/ Lingua

III/ Ebraismo

IV/ Schiavitù

V/ Genere

V/ Conclusione

 

2. Teologie della liberazione e teologie femministe:

incontri asiatici

 

2.1 Diego Irarrázaval, La liberazione dell’America del Sud

alimentata dal cristianesimo asiatico

I/ Sollecitudini fondamentali

II/ Ricerche all’avanguardia

III/ Priorità interconfessionali

IV/ Paradossi postcoloniali

 

2.2 José M. De Mesa, La dominazione linguistica

in teologia I/ Il predominio dell’inglese: un’esperienza vissuta

II/ Gli effetti residui delle colonizzazioni spagnola e americana

III/ Il linguaggio come luogo di contestazione

IV/ Una formazione teologica occidentale

V/ Reinterpretare da una prospettiva filippina: un esempio

 

2.3 Linda Hogan, Etica interculturale femminista:

colloquiare con l’Asia

I/ Dalla prima analisi femminista in teologia

alla critica postcoloniale

II/ La sfida da affrontare: sempre più

pluralismo e interculturalità

III/ L’onere del rappresentare

 

2.4 Agnes M. Brazal, Immagine femminile di Dio

e leadership delle donne in Ciudad Mistica de Dios

I/ Introduzione

II/ Ciudad Mistica: informazioni di base

III/ Una lettura contrappuntistica

IV/ Ciudad Mistica come religione ibrida

V/ Simbolismo divino ed etica

VI/ Dialogo sulla leadership delle donne

 

2.5 Stefanie Knauss, Percepire l’Altro e il Divino

attraverso esperienze incarnate

I/ Introduzione

II/ Teologia estetica come teologia aistetica

III/ Teologia estetica e aistetica in Asia

IV/ Conclusone: il significato teologico del gustare,

dell’odorare, del toccare

 

3. Dialoghi interreligiosi e tra fedi diverse in Asia

 

3.1 Huang Po-Ho, Il dialogo tra fedi diverse

nei contesti religiosi asiatici

I/ Una profonda religiosità e le sfide che pone all’Asia

II/ Il dialogo: interreligioso o fra diverse fedi?

III/ Il proselitismo e il cristianesimo asiatico

IV/ Il dialogo fra fedi diverse nei contesti asiatici

V/ Conclusione

 

3.2 Thierry-Marie Courau, La mano che ascolta.

Essere in dialogo con le tradizioni asiatiche

Introduzione

I/ La chiesa, sacramento di salvezza

II/ Il dialogo della salvezza

III/ La via singolare del Buddha

Conclusione

 

3.3 Jojo M. Fung, Incontri postcoloniali

con le religioni indigene

per la pace e l’armonia ecologica

I/ Introduzione

II/ Un cambiamento di paradigma negli incontri postcoloniali

III/ Trattative di pace in mezzo alle contese

IV/ Sostenibilità sacra: una strategia negoziale per la pace

1/ Sostenibilità sacra: un senso mistico vissuto e incarnato

2/ Sostenibilità sacra: una rete sacra di interdipendenza

3/ Sostenibilità sacra: un costume e un cammino di vita

V/ Conclusione

 

II. Forum teologico

 

1. Ramon Echica, Profetizzare o non profetizzare:

è questo il dilemma?

I/ L’attivismo della chiesa filippina in passato

II/ La profezia al tempo del presidente populista Duterte

III/ Conclusione: la profezia autentica

 

2. Eliseo Mercado, Soffia un vento nuovo che modella

nuove piattaforme per il dialogo interreligioso

 

III. Rassegna bibliografica internazionale

 

 

Editoriale

Cristianesimi asiatici:

incontri postcoloniali

Gli storici del cristianesimo sono concordi nell’affermare

che, prima della fine del I secolo, la fede cristiana aveva raggiunto

persino l’India e la Cina. È poi storicamente documentato

che un certo Teofilo, inviato dall’imperatore Costantino in

«altre parti dell’India» nel 354, avesse incontrato un gruppo

di cristiani in ascolto «della lettura del vangelo, in posizione

seduta», la qual cosa urtò la sua sensibilità ariana1. Oppure si

può citare la calda accoglienza riservata, nel 635, ad Alopen,

missionario occidentale, da parte dell’imperatore cinese Taizong,

della dinastia Tang, la cui amministrazione tollerante

ammetteva il cristianesimo2. Alopen non fu il primo cristiano

a mettere piede in Cina, poiché molti cristiani già da diverso

tempo commerciavano lungo la Via della Seta.

Tuttavia, questa direttrice storica asiatica è poco nota, perché

la storiografia dominante del cristianesimo è sempre stata

eurocentrica. La maggior parte dei libri di storia utilizzati nei

seminari riporta una divisione in tre scansioni temporali: epoca

antica (ebraica-greca), epoca medioevale (europea) ed epoca
moderna (espansione coloniale). Quest’ultima corrisponde alla

“nuova epoca della missione mondiale”, in cui America latina,

Africa e Asia fanno il loro ingresso nella narrazione cristiana.

Ciò che viene omesso in questa narrazione è il fatto che

durante il primo millennio, esistevano già espressioni differenti e

mature e vivaci del medesimo cristianesimo in tutte le principali

culture del mondo antico: quella romana ma anche quelle mediterranea,

persiana, cinese, indiana, armena, araba, africana ecc.3.

L’Oriente cristiano, per esempio, è stato cancellato dalla

storiografia dominante, visto che i cristiani di quelle terre sono

stati etichettati come eretici o scismatici – ariani, nestoriani o

monofisiti – e, nel nostro secolo, li riteniamo addirittura delle

nullità, quasi fossero stati spazzati via con la forza. Così, il

cristianesimo asiatico è divenuto «un cristianesimo perduto»4.

Ma non si può negare che, agli inizi, esso fosse più radicato

in Asia e nel Nord Africa che non in Europa; e che «soltanto

dopo il 1400 circa l’Europa (e l’europeizzato Nord America)

divennero infine il cuore del cristianesimo»5. Tramite diverse

forze esterne di natura politica, militare, religiosa e culturale,

il cristianesimo è stato quasi del tutto eliminato dal continente

asiatico, a partire dal XIV secolo. Pertanto, esso prese ad essere

automaticamente considerato come “europeo”: «L’Europa

era l’unico continente dove non era stato distrutto. Gli eventi

avrebbero potuto avere uno sviluppo ben diverso»6.

È con lo spirito di voler recuperare le voci perdute dei

cristianesimi asiatici che Concilium intraprende questo dialogo

con i teologi asiatici. In questi confronti si è consapevoli

che, lungo tutto il corso della storia, il cristianesimo in Asia e

ovunque ha incontrato diverse voci, fedi, economie, culture e [...]




VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023606
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

 S. Sirboni

La tradizione clona il passato

o orienta al futuro?

Studi

 A. Grillo

Perché per innovare

si vuol tornare indietro?

 L . Balugani

I preti del futuro:

tra tradizione e postmodernità

 P. Tomat is

Vicende di termini contesi:

sacro e mistero

 M . Gallo

Una riforma imposta?

 M .A. Paiano

La riforma della liturgia

come problema

nella storia della Chiesa

 K.P. Dannecker

Dimmi come celebri e ti dirò chi sei

 R . De Zan

Convocati e rinnovati dalla Parola

 D. Vita li

Mistero della liturgia

e mistero della Chiesa

Formazione

 Federazione Oratori Cremonesi

Preadolescenti e liturgia:

1. Santi loro… santi noi?

 M . Di Benedetto

Giovani e liturgia

2. Quando la vita diventa liturgia

 E . Massimi

Guida per cantare la messa

2. Atto penitenziale, Kyrie, Gloria

Nota

 R . Barile

La giovinezza della Chiesa

nell’eucologia del Messale


 

Silvano Sirboni

La tradizione clona il passato

o orienta al futuro?

Editoriale

Perché alcuni ambienti ecclesiali,

di vertici e di base (anche giovanili) –

sebbene minoritari – chiedono il ritorno

a forme celebrative e a strutture ecclesiali

preconciliari? Quali ingenuità,

ma anche quali malesseri evidenziano?

È a partire da questa domanda sempre

più urgente che prende l’avvio il secondo

numero della nostra rivista per

l’anno 2018. Il lucido intervento del

prof. Andrea Grillo pone le basi perché

ciascuno e possibilmente anche gruppi

parrocchiali affrontino l’argomento in

modo da superare lo stereotipo inadeguato

di una certa identità cattolica

che confonde semplicemente il passato

con la tradizione.

In questo contesto postconciliare suscita

una certa sorpresa l’atteggiamento

di non pochi seminaristi e giovani

preti che si sentono profondamente

attratti dal fascino di una liturgia e, di

conseguenza, dal fascino di una chiesa

fortemente sacrale. La documentata

analisi di Luca Balugani allarga opportunamente

lo sguardo sui giovani postmoderni

e, pertanto, questo intervento

diventa prezioso anche per affrontare

problematiche che vanno oltre l’ambito

strettamente liturgico. Potrebbe costituire

una stimolante riflessione per

discutere con i giovani il loro rapporto

con la fede e con il culto.

A completamento di queste tematiche

offre una preziosa chiave di lettura

l’intervento di Paolo Tomatis che si

propone di superare lo scontro frontale

fra sacro e profano.

Una vecchia e infondata accusa vorrebbe

far credere che la riforma liturgica

sia stata un’operazione di pochi,

anzi di alcuni gruppi massonici nemici

della chiesa. Chi dice queste cose non

conosce la storia di oltre tre secoli e

in particolare la storia del Movimento

liturgico. Non solo, ma ignora, o finge

di ignorare, tutto il lavoro di ricerca

che ha preparato e accompagnato il

dibattito conciliare che, per quanto

riguarda la liturgia, si concluse con

un’entusiastica approvazione di tutta

l’assemblea conciliare (con solo quattro

voti contrari).

Il tradizionalismo si alimenta nell’ignoranza

della storia. Sono ben due,

sebbene con taglio diverso, gli inter...

 

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023590
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

INDEX

 

 

Editoriale

Sebastiano Pinto

 IL CONFLITTO FRATERNO:

 GIUSEPPE TRA GELOSIA E INVIDIA

 Guido Benzi

 «GELOSO È IL SUO NOME» (ES 34,14).

 LA GELOSIA DI DIO:

 ATTRIBUTO O IDENTITÀ?

 Donatella Scaiola

 GELOSIA E VIOLENZA:

 UN BINOMIO INSCINDIBILE? (NM 25)

 Benedetta Rossi

 GELOSIA E PROFEZIA:

 UNA PASSIONE IN ATTO

 Davide Arcangeli

LO ZELO DI GESÙ

E IL COMPIERSI DELLE SCRITTURE

Andrea Albertin

INGELOSIRE ISRAELE: LA PEDAGOGIA

PARADOSSALE DI DIO IN RM 9–11

Serena Noceti

SOGGETTI DI DESIDERIO/AL DESIDERIO.

UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA

Valentino Bulgarelli

LA GELOSIA. EDUCARE ALLA RELAZIONE

Rosella De Leonibus

GELOSIA, AMORE E LIBERTÀ

PER SAPERNE DI PIU

Marcello Panzanini

La liturgia cosmica di Filone di Alessandria

MEN AT WORK

Valeria Poletti

Il mostro dagli occhi verdi

APOSTOLATO BIBLICO

Calogero Manganello

La Bibbia, un testo che genera e nutre la fede

VETRINA BIBLICA

ARTE

Marcello Panzanini

Il marchio della gelosia: Caino e Abele di L. Hegedu”s

 

 

 

EDITORIALE

Come già s’è detto nel primo fascicolo del

2018, per due anni Parole di Vita attraverserà

le pagine della Scrittura alla ricerca dei

sentimenti di cui è impregnata, anzi intessuta.

Iniziamo il nostro percorso con un sentimento

non facile: la gelosia.

Partiremo dalla storia di Giuseppe, che dipinge

con tinte assai realistiche un conflitto tra fratelli in cui

– almeno all’inizio – la gelosia e l’invidia sembrano

avere la meglio; ma alla fine la tensione si risolve: solidarietà,

disponibilità al perdono, superamento della

gelosia, dell’invidia e del rancore; il racconto biblico è

una lezione di maturità (Sebastiano Pinto). Di gelosia

la Bibbia parla anche in relazione a Dio; anzi, nel libro

dell’Esodo si dice che «Geloso è il suo nome» (Es

34,14). Qui non c’entra nulla l’invidia: il Dio biblico

si presenta come un Dio “coinvolto” nelle vicende del

suo popolo, un Dio che è intimamente animato da

un sentimento di “gelosia” perché ama tanto (Guido

Benzi). Ci sono alcune pagine della Bibbia che sconcertano,

perché la gelosia di Dio diventa intransigente

nei confronti dei tentativi di mescolare la fede in lui

con quella in altre divinità. La violenza – inutile tentare

di negarlo – è una delle risposte che la Scrittura

dà allo zelo/gelosia per/di Dio; ma vale la pena ricordare

che non è l’unica né la prevalente (Donatella Scaiola).

Se guardiamo ai libri dei profeti, vediamo che la

gelosia di Dio è una passione trasformante, una forza

inarrestabile, capace di infliggere un giudizio spietato,

ma altrettanto capace di guarire la ferita che essa

stessa ha provocato (Benedetta Rossi). Pensando ad

un sentimento così potente da essere devastante, forse

non ci viene spontaneo attribuirlo a Gesù; eppure

l’evangelista Giovanni – e, seppur con una terminologia

non specifica, pure gli altri evangelisti – non

esita a raccontare di un Gesù per il quale fare la volontà

del Padre è una realtà vissuta con zelo e sensazioni

viscerali quali la fame e la sete (Davide Arcangeli).

Infine, la nostra carrellata di testi biblici si conclude

con i capitoli 9–11 della Lettera ai Romani, in

cui Dio usa la gelosia come strumento per “convertire”

a sé il popolo eletto; anche coloro che ora non

hanno accolto Gesù, infatti, diventeranno gelosi vedendo

che i pagani sono entrati a far parte del popolo

di Dio e saranno quindi disponibili ad essere reinnestati

nell’olivo da cui sono nati (Andrea Albertin).

Sono molte le realtà che si celano dietro al vocabolo

«gelosia», come si può vedere dai sei passaggi

dell’Antico e del Nuovo Testamento che affronteremo

in questo fascicolo di Parole di Vita. Non per

semplificare una situazione complessa, ma per avere

alcune chiavi di lettura, vi offriamo anche tre articoli

di sintesi. Il primo da un punto di vista teologico

(Serena Noceti): i testi biblici affrontati, infatti, sollecitano

la riflessione teologica a non relegare i sentimenti

nel capitolo della morale, ma ad allargare la riflessione

sull’antropologia teologica (che tipo di uomo

e donna vengono rappresentati nelle Scritture?)

e alla teologia fondamentale (quale immagine di Dio

ne emerge?). Il secondo articolo è relativo più alla catechetica-

spiritualità: affetti e sentimenti, per quanto

possano essere destabilizzanti, non vanno esclusi dai

percorsi di formazione e di crescita nella fede (Valentino

Bulgarelli). Il terzo articolo, infine, si pone da un

punto di osservazione psicologico-psicoterapeutico: la

gelosia, sentimento universale, può manifestarsi come

emozione momentanea che scalda le relazioni o

come veleno che le soffoca; il dolore, la rabbia, l’umiliazione

e la sfiducia possono distruggere i rapporti

che vorrebbero preservare. Si può imparare ad amare

coniugando impegno e libertà (Rosella De Leonibus)?

Rimangono sul tema della gelosia anche la copertina

e la rubrica “Per saperne di più…” (Marcello

Panzanini), che rileggono le vicende di Caino e Abele

con gli occhi del filosofo Filone di Alessandria (I secolo

a.C. – I secolo d.C.) e del pittore László Hegeds

(XIX-XX secolo); così come la rubrica “Men at

work” (Valeria Poletti). Continua invece il suo percorso

sui giovani la rubrica “Apostolato biblico” (Calogero

Manganello) e prosegue sulla Bibbia come paradigma

culturale l’inserto staccabile, che passa ora

dall’Antico al Nuovo Testamento (Marco Tibaldi).

Carlo Broccardo



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 496"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023477
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

SOMMARIO

RUBRICA

Per comunicare meglio

42. I casi difficili/11. Parlare di se stessi all’inizio del ministero

in una comunità (Roberto Laurita)

DOSSIER

I nostri modi di dire

2 Lasciarsi guidare dallo Spirito

1. Lasciarsi guidare dallo Spirito: quale significato assume

nel contesto contemporaneo? (Valeria Boldini)

2. Lasciarsi guidare dallo Spirito: prospettiva biblica

(Patrizio Rota Scalabrini)

3. Guida dello Spirito e lettura delle Scritture

(Daniel Attinger)

SUSSIDIO

Settimana vocazionale (Roberto Laurita)

PREPARARE LA MESSA

Dalla domenica di Pasqua alla domenica di Pentecoste

Domenica di Pasqua (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)

2ª domenica di Pasqua (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)

3ª domenica di Pasqua (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)

4ª domenica di Pasqua (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)

5ª domenica di Pasqua (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)

6ª domenica di Pasqua (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)

Ascensione del Signore (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)

Solennità di Pentecoste (Nicoletta Gatti, Roberto Laurita)



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pável Florenski en la «Isla de los vientos». El combate por la belleza"
Editore: Lateran University Press
Autore: Fidel Villegas Gutiérrez
Pagine:
Ean: 2484300023484
Prezzo: € 4.00

Descrizione:1. Introducción, 669 – 2. Un niño asombrado, 670 – 3. La integridad de la persona, 672 – 4. Si no fuese por vosotros, guardaría silencio, 675 – 5. Separado de todas las criaturas vivas, 679 – 6. Final: Contemplar la luz, 683

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La kénosis silenciosa de un homo sacer: el todo del sentido del mundo desde el «ángulo diverso» de la estancia en el lager de Pavel Florenskij"
Editore: Lateran University Press
Autore: Francisco José López Sáez
Pagine:
Ean: 2484300023491
Prezzo: € 4.00

Descrizione:1. La kénosis del silencio en la praxis final, 658 – 2. El último gesto kenótico: el saludo a la imagen de Dios en el hombre en un mundo desacralizado, 664

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Márcio Luiz Fernandes"
Editore: Lateran University Press
Autore: As correspondências carcerárias de Pavel Florenskij: expressões do pensamento complexo
Pagine:
Ean: 2484300023507
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. Introdução, 639 – 2. Por uma visão global do mundo, 641 – 3. A contemplação do mundo interior, 644 – 4. A dimensão educativa e cultural, 649 – 5. Conclusão, 655



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pavel Florenskys Contribution to the Psychoanalytic Field"
Editore: Lateran University Press
Autore: Gilberto Safra
Pagine:
Ean: 2484300023514
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La concezione antinomica della verità alla prova delle neuroscienze"
Editore: Lateran University Press
Autore: Silvano Tagliagambe
Pagine:
Ean: 2484300023521
Prezzo: € 4.00

Descrizione:1. La sfida: l’esperienza dell’antinomicità, 615 – 2. La retroazione positiva completa, 619 – 3. La retroazione positiva tra intuizione e discorso, 621 – 4. L’intuizione-discorso al vaglio delle neuroscienze, 625

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Establishment of Ontologicity as the Basis for Pavel Florenskys Name Worshipping Standpoint"
Editore: Lateran University Press
Autore: Nicolai Pavliuchenkov
Pagine:
Ean: 2484300023538
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Mathematics as the Key to a holistic World View: the Case of Pavel Florensky"
Editore: Lateran University Press
Autore: Vladislav Shaposhnikov
Pagine:
Ean: 2484300023569
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. Mathematical idealism, 536 – 2. Catharsis and mathematicalapologetics, 540 – 3. Mathematics as the source of paradigmaticexamples in The Pillar, 544 – 4. From set theoryto Sophia, 546 – 5. Formula of form: Florensky’s Pythagoreanismtinged with Goetheanism, 551 – 6. Concrete Mathematics:Fighting abstractions and rationalism within mathematics, 553 – 7. Conclusion, 560



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il realismo come visione del mondo: introduzione al concetto di complessità elaborato da Pavel A. Florenskij"
Editore: Lateran University Press
Autore: Lubomir ak
Pagine:
Ean: 2484300023576
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. Introduzione, 513 – 2. Il realismo nell’arte, 517 – 3. Il concetto di complessità del reale, 521 – 4. La struttura intesa alla luce del pan-en-teismo cristiano, 525 – 5. Conoscere il reale nella sua complessità, 530 – 6. Conclusione, 533



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "«Il sentiero del mago». Il significato del disapprendimento nella nicosofia di Florenskij"
Editore: Lateran University Press
Autore: Mario Enrico Cerrigone
Pagine:
Ean: 2484300023545
Prezzo: € 4.00

Descrizione:1. Premessa, 591 – 2. Filosofia e Nicosofia, 591 – 3. La nicosofia ed il significato del fondamento, 595 – 4. Cos’è, dunque, la nicosofia?, 597 – 5. Il sentiero del mago, 599

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "«Florenskij filosofo della religione e del culto». Dalla fenomenologia del sacro alla santificazione della realtà"
Editore: Lateran University Press
Autore: Natalino Valentini
Pagine:
Ean: 2484300023552
Prezzo: € 4.00

Descrizione:1. Premessa, 563 – 2. La fenomenologia del sacro, tra scienza esuperstizione, 565 – 3. Il sacro e la percezione del miracolo, 570– 4. Dalle scienze religiose del sacro alla filosofia del culto, 574– 5. Il sacro e il santo, 582 – 6. La liturgia, epifania del santo, 586

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 495"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023354
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

RUBRICA

Per comunicare meglio

41. I casi difficili/10. Parlare di se stessi all’inizio del ministero

in una comunità (Roberto Laurita)

DOSSIER

I nostri modi di dire

1 Portare la propria croce

1. Portare la propria croce: il significato nel linguaggio comune

e in quello religioso (Valeria Boldini)

2. Portare la propria croce: una lettura spirituale (Angelo Brusco)

3. Portare la propria croce: un punto di vista esistenziale

(Daniele Rocchetti)

SUSSIDIO

Alla scoperta del sacramento della Penitenza (Roberto Laurita)

PREPARARE LA MESSA

Dal Mercoledì delle ceneri alla Veglia pasquale

Mercoledì delle ceneri (Nicoletta Gatti, Simone Toffolon, Roberto Laurita)

1ª domenica di quaresima (Nicoletta Gatti, Simone Toffolon, Roberto Laurita)

2ª domenica di quaresima (Nicoletta Gatti, Simone Toffolon, Roberto Laurita)

3ª domenica di quaresima (Nicoletta Gatti, Simone Toffolon, Roberto Laurita)

4ª domenica di quaresima (Nicoletta Gatti, Simone Toffolon, Roberto Laurita)

5ª domenica di quaresima (Nicoletta Gatti, Simone Toffolon, Roberto Laurita)

Domenica delle palme (Nicoletta Gatti, Simone Toffolon, Roberto Laurita)

Giovedì santo (Simone Toffolon, Roberto Laurita)

Venerdì santo (Simone Toffolon, Roberto Laurita)

Veglia pasquale (Simone Toffolon, Roberto Laurita) 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023361
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Editoriale

2 M. Gallo

Un Messale per i giovani?

Studi

5 F. Garelli

In fuga dalla liturgia

10 P.C. Rivoltella

Liturgie, giovani e ‘cyber liturgia’

16 L . Voltolin

Il rito: l’avatar di Dio

21 C. Monge

Una liturgia giovane: il caso Taizé

26 I . Seghedoni

Una liturgia con i giovani:

il caso GMG

31 D . Cravero

Liturgia senza emozioni?

Il caso giovanile

36 S. Currò

I giovani nell’assemblea:

le difficoltà di partecipazione

Formazione

41 D . Piazzi

Giovani e liturgia:

una indagine empirica

49 M. Di Benedetto

Giovani e liturgia

1. «Ci vogliono i riti!»

54 E . Mass imi

Guida per cantare la messa

1. Il canto d’ingresso

Sussidi e testi

61 D . Donatelli

Preghiera a portata di dita

Approfondimento

66 S. Pindiyan

Questione liturgica

e catechesi in Francia (1965-1995)

 

 

EDITORIALE
Congedare il Messale dei fanciulli 
e scriverne uno per i giovani?

 

Perché questo tema. Non solo perché

il prossimo Sinodo dei Vescovi (ottobre

2018) ne tratterà, la rivista sceglie

di dedicare questo numero al rapporto

tra giovani, riti e liturgie. Interrogarsi

sul tema è percepire una faglia tra

mondo giovanile e chiesa che ha ormai

almeno cinquant’anni di storia, con le

sue analisi, i tentativi di lavoro e una

interessante bibliografia.

Una chiesa che non sa celebrare con

i giovani, non sa celebrare con nessuno.

«Una chiesa che non parla ai giovani

è una chiesa che non parla a nessuno,

perché loro sono il termometro,

e dunque ci dobbiamo misurare con

loro che hanno le energie che noi dobbiamo

solo tirar fuori e accompagnare

»1. Questo suggestivo passaggio è

tratto dall’omelia di inizio mistero di

mons. Derio Olivero, vescovo di Pinerolo

(15 ottobre 2017). È significativo

che il servizio episcopale inizi con

questa consapevolezza che potremmo

declinare ulteriormente: una chiesa

che non sa celebrare con i giovani

sarebbe dunque in realtà una chiesa

che non sa celebrare con nessuno. Gli

ambiti, infatti, di cui si occupa questo

numero della rivista sembrano partire

da questioni più specificatamente tipiche

del mondo giovanile, ma ognuna di

esse si rivela invece più generale ed ecclesiale.

La trasformazione dei tempi, i

nuovi media, l’estraneità del linguaggio

liturgico, la questione dell’integrazione

del mondo emotivo nel rito riguardano

tutto il fenomeno cristiano, e non solo

i più giovani. Questi, forse, solo con

più urgenza.

I giovani sono in fuga dalla liturgia?

In tutte le ricerche sociologiche2 si

registra uno scarto tra chi si dichiara

anche convintamente credente e la

percentuale di chi frequenta i riti della

religione a cui sente di appartenere.

Questa forchetta, tra i giovani, è decisamente

più ampia, e tra loro chi si

dichiara distante dal mondo religioso

è sensibilmente più numeroso. Nel vivere

la liturgia i giovani manifestano,

come nel mondo scolastico, difficoltà

a tenere la concentrazione per tempi

prolungati, fastidio nel non sentirsi

coinvolti, finendo per indicare di preferire

elementi rituali più tipici del [...]




VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023378
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

Index


Editoriale

Donatella Scaiola

LA BIBBIA:

UN LIBRO RICCO DI SENTIMENTI

Gaetano Piccolo

SI PUÒ SENTIRE SENZA PENSARE?

L’UNITÀ ORIGINARIA DI PENSIERI

E SENTIMENTI

Annalisa Guida

IL DIO DEI SENTIMENTI

Laura Invernizzi

APPUNTI DI ANATOMIA METAFORICA

DEI SENTIMENTI

Dionisio Candido

TRADURRE I SENTIMENTI BIBLICI

Benedetta Rossi

RAGIONE E SENTIMENTO.

RITRATTI DI DAVIDE

Giulio Cirignano

EMOZIONI E PASSIONI IN PAOLO

Paolo Messina

I SENTIMENTI NELLA SCRITTURA:

TRA SPONTANEITÀ E COMANDAMENTO

BIBLIOGRAFIA RAGIONATA

Donatella Scaiola

PER SAPERNE DI PIÙ

Marcello Panzanini

L’Apocalisse di Elia

MEN AT WORK

Valeria Poletti

Dare nomi alle emozioni

APOSTOLATO BIBLICO

Calogero Manganello

Il senso della Bibbia nella vita del giovane

VETRINA BIBLICA

ARTE

Marcello Panzanini

I colori dei sentimenti: Elia e il figlio della vedova,

di Ford Madox Brown

 

EDITORIALE

Per quasi sessant’anni la nostra rivista ha dedicato

ogni singolo fascicolo ad introdurre e

accompagnare la lettura dei libri della Bibbia,

Antico e Nuovo Testamento. Poi nel 2015

abbiamo approfittato dell’anniversario della Dei Verbum

e abbiamo approfondito questo bellissimo documento

sulla parola di Dio, che il concilio Vaticano

II ha donato alla chiesa il 18 novembre 1965. Invece

che tornare a libri biblici già visti in passato, abbiamo

poi deciso di affrontare alcuni temi trasversali.

Nel 2016-2017 ci siamo lasciati accompagnare da

dodici personaggi della Bibbia, sei dell’Antico e sei

del Nuovo Testamento; ora per due anni ci faremo

guidare dai sentimenti che questi stessi personaggi

(sia quelli che abbiamo visto sia altri ancora) hanno

espresso. Sentimenti, affetti, emozioni: è un mondo

magmatico, difficile da definire e da precisare, eppure

molto umano e dunque noto a ciascuno di noi; sarà

interessante scoprire come la Bibbia utilizzi molto il

linguaggio dei sentimenti (Donatella Scaiola)! Questo

primo fascicolo lo dedicheremo ad una riflessione

introduttiva, che farà da premessa per gli affondi

dei prossimi numeri, concentrati invece sul singolo

sentimento: gelosia, paura, compassione e misericordia,

vergogna e onore, ira…

Per entrare nel mondo dei sentimenti, una prima

operazione da fare è chiarire di che cosa stiamo parlando;

perché magari con la parola “sentimento” intendiamo

realtà diverse. Sarà importante, per esempio,

superare il tradizionale conflitto tra pensiero e

sentimento, razionalità e affettività; con un neologismo

si potrebbe parlare di “pensi-mento” (Gaetano

Piccolo). Così come è importante fin da subito chiarire

che i sentimenti non riguardano solo gli esseri

umani; nelle pagine della Bibbia anche Dio è “emotivo”

fin nelle viscere quando in gioco c’è la relazione

con l’uomo (Annalisa Guida). Come terza riflessione

di fondo, necessaria per capirci nei prossimi fascicoli,

ecco una “anatomia” metaforica dei sentimenti: anche

nella Bibbia, come nel nostro modo comune di

parlare, il sentire emotivo viene associato ad alcune

parti del corpo; solo che non sono le stesse a cui noi

(occidentali del XX secolo) spontaneamente pensia-
mo. La sede delle emozioni, solo per fare un esempio,

non è nel cuore, ma nelle reni (Laura Invernizzi). Ovviamente

le varie traduzioni della Bibbia hanno modificato

spesso l’immagine usata dal testo originale;

ma non si tratta di un tradimento, quanto piuttosto

di un adattamento al contesto per cui la traduzione

era pensata (Dionisio Candido).

Chiariti questi quattro aspetti di fondo, dedicheremo

gli ultimi tre articoli ad altrettanti mini-approfondimenti.

Allacciandoci alle annate precedenti, prenderemo

come esempio un personaggio dell’Antico

Testamento e uno del Nuovo Testamento: Davide,

attraversato dai sentimenti più contrastanti (Benedetta

Rossi), e Paolo, che, pur essendo lontano fisicamente

dalle comunità a cui scrive, riesce con le sue

lettere ad essere dentro il loro cammino (Giulio Cirignano).

Ci soffermeremo infine su questo nodo particolare:

la Bibbia talora esorta ad avere determinati

sentimenti, quando proprio non li comanda. Ma si

può imporre un sentimento (Paolo Messina)? Il tema

è così ampio e le pagine a nostra disposizione poche;

una bibliografia ragionata offre al lettore interessato

la possibilità di approfondire ulteriormente il tema

(Donatella Scaiola), nell’attesa dei prossimi fascicoli

di Parole di Vita.

Una parola sulle rubriche che ci accompagneranno

quest’anno. L’inserto staccabile sarà ancora su

«Bibbia e scuola» (Marco Tibaldi); così come rimarrà,

ormai classica, la rubrica «Arte», che illustra l’immagine

di copertina (Marcello Panzanini). Conserveremo

dall’ultima annata anche le rubriche «Per saperne di

più…», dedicata a curiosità bibliche (Marcello Panzanini),

e «Men at work», che traduce in esperienza

alcune riflessioni emerse nel fascicolo (Valeria Poletti).

La pagina dell’Apostolato biblico cambierà, sintonizzandosi

sul tema del prossimo Sinodo dei vescovi

su «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale».

Iniziamo quindi un percorso nuovo, forti del lavoro

d’équipe della redazione e del sostegno costante

di voi lettori e lettrici.

Carlo Broccardo

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "The Book of Conformities: Its Printers, Illustrators and Protestant Critics (411-438)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: William J. Short, OFM.
Pagine:
Ean: 2484300023422
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Il De conformitate di Bartolomeo da Pisa (ca. 1385/90) può essere considerato la più completa opera medievale su san Francesco. Da parte dei frati, la sua indole di dimostrare la più stretta conformità della vita di Francesco con quella di Gesù trovò, nei secoli successivi, i suoi imitatori e difensori. Nella Riforma, invece, la stessa opera fu accolta come esempio paradigmatico d’idolatria francescana; ne nasceva una polemica di cui si fece portavoce l’Alcorano dei Francescani di Erasmus Alber (1542), coinvolgendo, tra gli altri, Martin Lutero e ancora l’illustratore Bernard Picart (1733). Solo con Paul Sabatier (1894), il discorso sull’opera del Pisano ritrovò una certa serenità. Percorrendo la sua movimentata Wirkungsgeschichte, l’articolo annuncia l’imminente pubblicazione di una traduzione inglese integrale del De conformitate.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "An Unknown Addition to the Constitutiones Alexandrinae by Minister General Egidio Delfini (1502) (439-476)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Kevin L. Potter
Pagine:
Ean: 2484300023439
Prezzo: € 5.00

Descrizione:Le costituzioni di Egidio Delfini del 1502 qui edite, per molto tempo ignorate a motivo della scarsa diffusione di questa alquanto rara edizione, aiutano a far luce sulla confusa cronologia del generalato del Delfini e lo sviluppo di quegli anni. Esse rivelano almeno in parte l’intenzione del Ministro generale e la natura della sua riforma, certo non per contrastare gli Osservanti, ma per riformare con prudenza e gradualità le consuetudini dei Conventuali e rinnovare l’amministrazione dei conventi in preparazione di una più ampia riforma.   

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un volgarizzamento della bolla Ite vos di Leone X in un codice fiorentino (477-500)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Andrea Bartocci
Pagine:
Ean: 2484300023446
Prezzo: € 5.00

Descrizione:The present contribution offers the edition of the bull Ite vos by Leo X (1517) in Tuscan volgare, preserved in a manuscript from the convent of San Salvatore in Ognissanti of Florence and now at the Central National Library of the same city. The present vernacular version was composed in the context of the circulation of decisions regarding Observants and Conventuals within the Tuscan Province of Observants around 1520, a literary mediation deemed necessary by the authorities of the Order, as displayed by other contemporary translations of the same juridical text (Orazio Diola, frei Marcos de Lisboa, Diego Navarro, Filippo de Sosa).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Asprenas n. 2-4/2017"
Editore:
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023798
Prezzo: € 7.50

Descrizione:

EDITORIALE

STUDI

CARMELA BIANCO, Dei diritti e dei doveri. Spunti per il superamento dell’inflazione dei diritti

PIERLUIGI CACCIAPUOTI, Erasmo e Lutero: lo scontro delle volontà

ERNESTO DELLA CORTE, Dalla teofania del Sinai a Pentecoste: le tre giornate

CIRO PUNZO, Ritornare alla doppia conforme? Riflessioni giuridico-pastorali

GIUSEPPE VERSALDI, Il contributo della scienza teologica in una società pluralista

NOTE CRITICHE

PASQUALE GIUSTINIANI, Quale rapporto tra metafisica ed etica? La proposta di Carlos Cardona Pescador

DAVIDE PENNA - EMANUELE PILI, Abitare il tempo delle rovine. Rileggere Giobbe con Luigino Bruni

NICOLA ROTUNDO, Famiglia ed economia: una rilettura etico-teologica

RASSEGNE&FIGURE

GIUSEPPE FALANGA, Una liturgia viva per una chiesa viva. I 70 anni del CAL

MICHELE GIUSTINIANO, Nel nome di Colui che ci riconcilia tutti in un solo corpo

RECENSIONI

SCHEDE BIBLIOGRAFICHE

LIBRI RICEVUTI

INDICI DELL’ANNATA LXIV - 2017

 

 

Editoriale 

«C’è bisogno di una teologia che aiuti tutti i cristiani ad annunciare e

mostrare, soprattutto, il volto salvifico di Dio, il Dio misericordioso, specie

al cospetto di alcune inedite sfide che coinvolgono oggi l’umano: come quella

della crisi ecologica, dello sviluppo delle neuroscienze o delle tecniche che

possono modificare l’uomo; come quella delle sempre più grandi disuguaglianze

sociali o delle migrazioni d’interi popoli; come quella del relativismo

teorico ma anche di quello pratico. E c’è bisogno, per questo, di una

teologia […] che sia fatta da cristiane e cristiani che non pensino di parlare

solo tra loro, ma sappiano di essere a servizio delle diverse chiese e della

chiesa; e che si assumano anche il compito di ripensare la chiesa perché sia

conforme al Vangelo che deve annunciare» (FRANCESCO, Discorso all’Associazione

Teologica Italiana [29-12-2017]).

Come fare teologia oggi? Bergoglio sembra rispondere in questo modo:

assumendoci, come cristiani impegnati, la responsabilità di annunciare il

Vangelo in «un modo nuovo, più consono a un mondo e a una cultura profondamente

mutati» (ivi). L’intelligenza della fede, sempre pronta a rendere

ragione della speranza che è in noi (cf. 1Pt 3,14-15), è chiamata a recepire

quella “fedeltà creativa” al Vangelo – di cui tanto parla papa Francesco –,

affinché il “fare teologia” non sia un momento accademico soltanto per gli

“addetti ai lavori”, ma costituisca, invece, un’occasione di annuncio e di

evangelizzazione per tutta la chiesa. “Legami di solidarietà” e anche di “amicizia

autentica” sono aspetti indispensabili per la comunità teologica che

non si esprime nella semplice ricerca del singolo, bensì attraverso l’impegno

comune di servire il popolo santo di Dio con un cuore pieno di fede, aperto

al desiderio di mostrare veramente agli uomini e alle donne del nostro tempo

il volto misericordioso del Padre. In tale prospettiva, non è possibile fare

teologia senza stupore, privi di meraviglia, ossia come se il Mistero trinitario

che celebriamo nella liturgia e contempliamo nello studio non debba [...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rassegna di Teologia n. 4/2013"
Editore: Collegium Professorum Sectionis Sancti Aloisii
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023941
Prezzo: € 13.00

Descrizione:

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rassegna di Teologia n. 1/2014"
Editore: Collegium Professorum Sectionis Sancti Aloisii
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023958
Prezzo: € 13.00

Descrizione:

Contenuto del fascicolo, con sommario di ogni articolo.

FOCUS

Mario Imperatori SJ, Fede e matrimonio: un diverso

orizzonte teologico

È necessario prendere in seria considerazione teologica il rapporto

tra fede e matrimonio, iniziando dal suo fondamento biblico,

dove si tratta di attuare un importante cambiamento di paradigma

esegetico, combinando approccio storico-critico e narrativo.

Diritto Canonico - Esegesi - Fede - Matrimonio

STUDI

Amaury Begasse de Dhaem SJ, La kenosi del verbo e la

profondita del mistero. L’attualita cristologica del Quod

unus sit Christus di Cirillo d’Alessandria

Cirillo d’Alessandria coglie il paradosso di Cristo che, entrando

nei «limiti della kenosi», rivela la «profondità del mistero» di

Dio e dell’uomo.

Calcedonia - Cristologia - Kenosi - Mistero

 

Gianfranco Calabrese, La santita della Chiesa come vita

cristiana e cammino comune di discepolato

Il valore evangelico e teologico della santità non può essere

ricondotto a una visione individualistica e volontaristica. Per

fondare la riscoperta della santità è necessario approfondirne

la dimensione teologica, antropologica, ecclesiologica e sacramentale

e il primato di Dio e della grazia.

Battesimo - Chiesa - Concilio Vaticano II - Santità

 

Bartolomeo Puca, Un caso eccezionale: la “preghiera”

personale di Paolo (2Cor 12,7-10)

La ricchezza del contenuto dell’unica preghiera personale

dell’apostolo Paolo e l’efficacia retorica ad essa attribuita fanno

apprezzare l’essenza di quell’esperienza di dialogo con Dio

che chiamiamo “preghiera”.

Analisi Retorica - Esegesi - Grazia - Preghiera

 

Wasim Salman, Memoria e tentazioni. Heidegger e

Agostino

I corsi giovanili di Heidegger rilevano che la presenza di Agostino è

fondamentale per la redazione di Essere e tempo.

Abbandono - Agostino - Heidegger – Tentazione

 

Dario Vitali, Per una teologia del diaconato: la lezione

conciliare

Nel dibattito sulla recezione del Concilio, uno dei punti caldi riguarda

il ministero ordinato e, in particolare, la dottrina del diaconato

come grado proprio e permanente dell’Ordine.

Chiesa - Concilio Vaticano II - Diaconato - Sacramento dell’Ordine

 

NOTE & DISCUSSIONI

Paul Gilbert SJ, Metafisica, Saggezza e Tempo

L’idea di metafisica connota quella di saggezza. Il buon giudizio

e l’ascolto chiedono tempo per lasciarsi toccare dalle realtà e

dal loro significato; richiedono la formazione a un atteggiamento

interiore, alla capacità di meravigliarsi.

Meraviglia - Metafisica - Sapienza - Tempo

RUBRICHE

Presentiamo un libro

Renato Serpa, La Metafisica di Cornelio Fabro

La metafisica è considerata una dottrina dogmatica in senso

deteriore. Invece è esercizio del logos fecondato dalla presenza

intrascendibile dell’essere.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rassegna di Teologia n. 2/2014"
Editore: Collegium Professorum Sectionis Sancti Aloisii
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023965
Prezzo: € 13.00

Descrizione:

FOCUS

Andrea Grillo, La Sacrosanctum Concilium,

la Riforma Liturgica e il sociale.

Rilettura storica e pastorale di un rapporto delicato

Il paradigma della partecipazione attiva alla liturgia, secondo la

Costituzione Conciliare Sacrosanctum Concilium, permette di

comprendere il rito come mediazione corporea, accidentale e

contingente tra Evento e vita.

Fede - Liturgia - Rito - Sacrosanctum Concilium

 

STUDI

Antonio José de Almeida, La categoria “tradizione” nella

teologia della liberazione

L’autore, dopo una breve presentazione del progetto della teologia

della liberazione, analizza la categoria “tradizione” in J.L.

Segundo, segnalandone pregi e limiti e raccogliendo i presupposti

teologico-fondamentali della sua produzione.

Rivelazione - J.L. Segundo - Teologia della liberazione – Tradizione

 

Giorgio Agnisola, Religiosità di Giacomo Manzù.

La Porta della morte in San Pietro

La Porta della morte in San Pietro di Giacomo Manzù è uno

degli esempi più interessanti di arte religiosa contemporanea.

Una analisi dell’uomo e dell’artista consente di cogliere in profondità

lo spirito religioso del maestro e della sua opera.

Arte - Giacomo Manzù - Morte - San Pietro

 

Gianfranco Terziani, Apocalisse 21,22. La presenza/

assenza del tempio nella Gerusalemme celeste

Il testo di Ap 21,22 presenta una novità assoluta; dopo la caduta

del “tempio terreno” (70 d.C.), la comunità cristiana nascente,

pur parlando della sua “assenza”, ne rivela la “presenza”.

L’edificio fisico viene sostituito da quello spirituale,

fondato sulle “pietre vive”, che riconoscono in Cristo il loro Dio.

Apocalisse - Città santa - Gerusalemme – Tempio

Gaetano Piccolo SJ, Le parole inutili. Linguaggio e conoscenza

nel De magistro di Agostino

L’articolo intende ricostruire il ruolo delle parole nella prima fase

del pensiero di Agostino, a partire da un’indagine sul concetto di

signum, che denota l’insieme più ampio a cui appartengono anche

le parole.

Agostino - Linguaggio - Parola – Stoicismo

 

Secondo Bongiovanni SJ, Affidati a noi stessi. Un approccio

filosofico all’esperienza spirituale

Nella prospettiva di alcune ricerche fenomenologiche l’autore traccia

un’interpretazione dell’esperienza spirituale colta nell’evento

dell’essere affidati a noi stessi in modo unico e intrascendibile nella

relazione del mondo.

Agostino - Coscienza - Esperienza spirituale – Fenomenologia

 

NOTE & DISCUSSIONI

Andrea Vaccaro, Teologia e metafisica digitale

Nel panorama della filosofia contemporanea si è affacciata

una nuova figura denominata «metafisica digitale». L’Autore ne

tratteggia le linee principali e offre qualche considerazione sulle

richieste di confronto con la teologia.

Filosofia digitale - Metafisica digitale - Tecnologia – Teologia

 

RUBRICHE

Presentiamo un libro

Rocco Pititto, La persona via della Chiesa. Nota a margine

di Persona e Chiesa: un sentiero interrotto di N. Salato

Compito della teologia è parlare agli uomini su Dio, un impegno

difficile e pericoloso. Nicola Salato affronta questo tema

mettendo il rapporto persona-Chiesa al centro della sua riflessione

ecclesiologica.

Recensioni

Libri ricevuti



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU