Categoria
           
Num. Prodotti x Pagina
           
Ordina Per

Ebook
Warning: fread() [function.fread]: Length parameter must be greater than 0 in /web/htdocs/www.piemontesacro.it/home/negozio/funzioni.php on line 198



Titolo: "Rivelazione e comunione nella prima lettera di Giovanni"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Dionisio Candido
Pagine:
Ean: 2484300018497
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Con la citazione di 1Gv 1, il proemio della Dei Verbum traccia la cornice biblica dell’intero documento: la Chiesa è la comunità vivente che fa esperienza del Cristo, parola di Dio, colui che rivela il Padre e introduce nella comunione divina.

 

Le prime parole della Dei Verbum (DV) sono tra le più note dei documenti del Concilio Vaticano II e a ragione ne sono state considerate come l’introduzione generale. Non a caso, il n. 1 è detto Proemio ed è spesso citato semplicemente con questa dizione.

 

Dagli atti e dalle cronache conciliari si apprende che il proemio non faceva parte del primo schema presentato in aula nel 1962. In realtà, si tratta di un testo “finale”, frutto dell’ampia e approfondita riflessione che è via via maturata all’interno del Concilio stesso.

 

In poche dense battute si descrive la natura non solo di quella particolare assemblea che è il Concilio, ma soprattutto della Chiesa intera. E la sua natura è posta proprio in relazione alla parola di Dio, nella cornice della rivelazione che Dio ha affidato alla Chiesa. La Dei Verbum dimostra così di voler tenere insieme vari registri: biblico, teologico, ecclesiologico e cristologico.

 

Il proemio, in particolare, si apre coraggiosamente con una citazione biblica tratta dalla prima lettera di Giovanni (1Gv 1,2-3) e prosegue con una citazione patristica degli scritti di sant’Agostino (De catechizandis rudibus IV, 8): un modo per affermare il primato della parola di Dio, mentre si indica anche il percorso di assimilazione della Bibbia nella vita della Chiesa.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lateranum n. 3/2015"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 9788846511157
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

Articoli

Giuseppe Lorizio, Faith in Christ Jesus Generates a New Humanism 

Serge-Thomas Bonino, La Lumen Ecclesiae del beato Paolo VI 

Vittorino Grossi, A proposito di un’etica (?) della bugia in Agostino d’Ippona. De mendacio (394/5), Contra mendacium (420)

Giuseppe Franco, Joseph Höffner e gli ordinamenti economici alla luce della Dottrina Sociale Cristiana

Pascal Ide, Une lecture polysémique de la nature. Trois propositions pour un discours des méthodes. I 

Alejandro Bertolini, Existiendo en el Espíritu. La imprescindible dimensión pneumatológica de la Antropología trinitaria

Omaggio a Marcello Bordoni

 

Note

Carlo Lorenzo Rossetti, Cura della natura per un vero progresso. Una lettura della Laudato si’ di papa Francesco



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Faith in Christ Jesus Generates a New Humanism"
Editore: Lateran University Press
Autore: Giuseppe Lorizio
Pagine:
Ean: 2484300020452
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

The article reiterates the address to the V Congress of the Italian Church (in Florence, November 2015). It indicates guidelines towards a new humanism that is founded on the new covenant instituted by Christ and meant to be lived and actualized in the Church and in the world. The establishment of this new covenant puts the ecclesial action of our communities in a state of continual conversion, pushing us to go beyond a pastoral ministry founded on structures, moving us towards care for persons. In particular, re-reading the Christ-event through the light of the covenant concerns: the covenant between man and nature, between man and woman, between generations, between peoples, between religions, between citizens and institutions, and between Christ and the Church.

Keywords:

Church; New Humanism: covenant; pastoral conversion; Christ-event.

 

Abstract

L’articolo riproduce la relazione al V Convegno della Chiesa Italiana (Firenze, novembre 2015). Esso indica alcune linee di un nuovo umanesimo che si fonda sulla nuova alleanza, realizzatasi in Cristo, che va vissuta e attualizzata nell’oggi della Chiesa e del mondo. L’attualizzazione di questa nuova alleanza, pone l’agire ecclesiale delle nostre comunità in uno stato di conversione, spinge a superare una pastorale fondata sulle strutture muovendo verso l’attenzione alle persone. In particolare l’alleanza alla cui luce rileggere l’evento Cristo concerne: l’alleanza uomo-natura, uomo-donna, l’alleanza tra le generazioni, fra popoli, fra religioni, fra cittadino e istituzioni, fra Cristo e Chiesa

Parole chiave:

Chiesa; nuovo umanesimo: alleanza; conversione pastorale; evento Cristo.

 

__________________________________________________________

0. Introduction

Our being “here” and “now” invites us to think. The “here” of Florence – “like a blossoming tree, which has its trunk and branches in the Piazza de’ Signori, but the roots bring forth new vitalities from the limpid and fertile valleys” (Rinuccio’s aria in Gianni Schicchi) – immerses us in a context rich with the fruits of historical humanism. We are here, not as tourists, but rather to question ourselves on behalf of our ecclesial communities about the significance of the Gospel and of history in our present day. Our purpose is to rediscover the historical roots of humanism, and even more importantly, the roots of the “new” humanism recovered by faith in Christ Jesus, which unites us without homogenizing us and challenges us without oppressing us.

We are talking about a “humanism” that risks being mistaken because it is hidden among the different forms of humanism present in the global village, just as the truth risks being confused with opinions and the Eucharist can be lost among common bread (cf. B. Pascal quoted by Fides et Ratio, 13). Each of us, every cell of the Church, is charged with the task of revealing the absolute novelty of that which is human, which is witnessed to by the Gospel and incarnated in Jesus of Nazareth. The perception of this radical and perennial newness prevents a merely humanistic reduction of the faith, a faith called to live on the frontiers and map the terrain in a daily martyria (witness), which is both personal and communal. While it is true that “the more Christian we are, the more human we are,” it is not automatically true that “the more human we are, the more Christian we are.” The act of faith and the action of grace lead us further into that dynamic which Dante calls trasumanare, or “beyond the human,” which the Florentine poet finds impossible to capture and express in words and concepts.

Faith in Christ Jesus does not simply accommodate, contemplate, and perhaps imitate what is human-historical knowledge would suffice for this; rather, faith sees and professes the human and divine in a deep personal unity, which engages us both within and beyond history.

The last and definitive Covenant is accomplished in the person of the Incarnate Word, joining God and man, the Eternal and time, and the Infinite and the finite. This (hypostatic) union, when understood by faith, generates a humanism that the famous, twentieth-century theologian Karl Rahner did not hesitate to define as “concrete” and so new that one could say it is “non-human” – not in the sense of anti-human, but beyond-the-human, or “supernatural.” It involves contemplating and living the paradox of “the concrete universal,” admirably described by that other great thinker of the last century, Hans Urs von Balthasar. To make this covenant, God became a nomad through the gift of the Son, in order to meet a nomadic people. He pitched his tent among us in the ecclesial form of a field hospital, where wounds are healed, illnesses cured, and each person encountered and redeemed. Thus, the experience of migration becomes the time and place of experiencing the presence of God, who becomes flesh and blood in solidarity with us. It is the place and time of the unique, new covenant that extends beyond the nomadism of the wandering Aramean and is made present in the different forms of the current human condition—a condition impressionably represented by Pope Francis, who began his greeting to the White House by presenting himself as the son of an immigrant (Sept. 25, 2015). God becomes nomadic to meet man in his essential poverty, devoid of masks, roles, superstructures, and trappings that threaten to obscure his profound identity. It is the condition of the wandering family of Nazareth, obliged to lay the newborn in a manger “because there was no place [oÙk Ãn aÙto‹j tÒpoj] for them in the inn” (Lk 2:7); it is the nomadism of the Son of Man, who, unlike the foxes and birds, “has nowhere to lay his head” (Mt 8:20; Lk 9:58).

[...]

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La Lumen Ecclesiae del beato Paolo VI"
Editore: Lateran University Press
Autore: Serge-Thomas Bonino
Pagine:
Ean: 2484300020469
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

Il contributo ripercorre la Lumen Ecclesiae di Paolo VI sottolineandone il valore e l’importanza malgrado l’impatto limitato nel rinnovamento del tomismo in direzione di un “tomismo vivente” superando finalmente il tomismo “fondamentalista” e quello d’ispirazione. In particolare dalla lettera emerge l’esperienza di una maggiore considerazione del contesto storico-dottrinale dell’opera di San Tommaso, l’invito alla lettura dei testi più che dei commenti, l’importanza del realismo filosofico e della concezione tomista del rapporto fra natura e grazia

Parole chiave:

Tomismo; Tommaso d’Aquino; Paolo VI; Realismo filosofico

Abstract

This article reviews the Apostolic Letter of Pope Paul VI, Lumen Ecclesiae, and underscores its importance notwithstanding the limited impact that it had in renewing Thomism in the direction of a “living Thomism” through the overcoming of a “fundamentalist” Thomism. Specifically, the Letter promotes the emergence of a wider consideration of the historical-doctrinal context of the works of St. Thomas, and it invites an interpretation of the texts rather than the commentaries written about them, while it also stresses the importance of philosophical realism and of the Thomistic conception of the relationship between nature and grace.

Keywords:

Thomism; Thomas Aquinas; Paul VI; Philosophical Realism

 

__________________________________________________________

Il 1974 è per il tomismo un anno cerniera, e non soltanto a causa delle numerose celebrazioni intorno al settimo centenario della morte di san Tommaso. Il 1974 segna l’inizio di una lenta resurrezione del tomismo dopo un periodo di forti turbolenze. Difatti, dodici anni prima, nell’ottobre 1962, l’assemblea conciliare, rigettando gli schemi preparatori elaborati da una Commissione teologica che era, in gran parte, l’emanazione del tomismo romano del Sant’Uffizio, aveva segnato la fine di un certo tomismo. Si legge in una lettera contemporanea (17 dicembre 1962) del futuro Cardinale Georges Cottier a Jacques Maritain:

«I teologi romani hanno fatto un terribile favore a san Tommaso; i loro progetti di cui il rigetto era prevedibile (e, spesso, meno male), riflettevano il linguaggio dei manuali, e, più gravemente, erano l’espressione di una teologia a base di san Roberto Bellarmino, di encicliche e di diritto canonico, tutto ciò che ovunque, sia per ignoranza sia per malafede, si confonde col “tomismo”, con la scolastica. Ne risulta che tutte le altre scuole, comprese le più inquietanti, trionfano»1.

Quindi, fu la morte del tomismo? Certo, no. Mutatur, non tollitur. Il tomismo cambia, non sparisce. Il sistema che affonda negli anni Sessanta non è il tomismo come tale ma una certa figura del tomismo, quella che, iniziata da Leone XIII, era stata poi utilizzata come strumento di normalizzazione dottrinale nella lotta anti-modernista. Figura che viene talvolta chiamata neo-scolastica o neo-tomismo. Per quanto sia diversificato (il tomismo di Leone XIII non è esattamente quello di san Pio X), questo neo-tomismo viene caratterizzato da almeno cinque tratti principali. Primo, si interessa più alla filosofia che alla teologia, perché il suo obiettivo principale è di proporre una filosofia alternativa alla filosofia moderna che sia suscettibile di fornire i fondamenti di una civiltà cristiana integrale. Secondo, questa filosofia tomista ricostituita viene considerata come una variante cristiana, battezzata, dell’aristotelismo. Terzo, temendo soprattutto questa forma di relativismo che si chiama storicismo, cioè la teoria secondo la quale una dottrina è così intrinsecamente legata al contesto storico della sua elaborazione che essa smette di essere valida fuori da questo contesto, il neo-tomismo tende a presentare un san Tommaso astorico, distaccato dalla storia. Quarto, san Tommaso è letto come l’iniziatore di una tradizione, una scuola, da cui è inseparabile e che costituisce un criterio ermeneutico sicuro per interpretare il suo pensiero. Infine, quinto, il tomismo serve ad una normalizzazione autoritaria dell’insegnamento ecclesiastico.

Nel contesto del venir meno di questo neo-tomismo, la lettera Lumen Ecclesiae, primo documento magisteriale così autorevole sul tomismo dopo il Vaticano II, appare come il segno e lo strumento dell’emergere di una nuova figura del tomismo. Senza rinnegare gli apporti positivi del neo-tomismo, il beato Paolo VI invita ad un «aggiornamento (accomodata renovatio) dell’eredità scolastico-tomistica» (26). Nell’intenzione del papa, questo aggiornamento del tomismo si situa nel contesto di quello più generale del Vaticano II, nella prospettiva di ciò che Benedetto XVI chiamerà ermeneutica della continuità.

In questo breve intervento, tratterò soltanto tre aspetti della Lumen Ecclesiae; essi corrispondono a tre domande. Primo, quale tipo di tomismo il beato Paolo VI intende promuovere tramite questa lettera; Secondo, cosa diviene in questo nuovo contesto l’autorità speciale finora riconosciuta dalla Chiesa a san Tommaso d’Aquino; Terzo, quarant’anni dopo la Lumen Ecclesiae, quali sono gli apporti più recenti degli studi tomistici che manifestano tanto la dimensione profetica quanto i limiti della Lumen?

[...]

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "A proposito di unetica (?) della bugia in Agostino d'Ippona. De mendacio (394/5), Contra mendacium (420)"
Editore: Lateran University Press
Autore: Vittorino Grossi
Pagine:
Ean: 2484300020476
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

L’articolo mette in luce la riflessione di sant’Agostino intorno all’etica della menzogna e della verità. Una questione che si rivela molto complessa in quanto deve tener conto delle due opere che il Vescovo di Ippona ha dedicato al tema: De mendacio (394/395), Contra mendacium (420) e del percorso di riflessione intellettuale da lui compiuto nell’intervallo di tempo che le separa. Si giunge così a evidenziare il passaggio da una certa intransigenza e perentorietà del primo scritto, ad una soluzione più attenta alla dimensione pastorale del secondo: l’esigenza della verità deve tener conto del contenuto, della forma nella quale esso è trasmesso, ed anche dell’interlocutore perché la veritas sia sempre anche salus.

Parole-chiave:

Agostino d’Ippona; De Mendacio; Contra mendacium; etica; teologia morale; teologia pastorale; menzogna; verità

 

Abstract

This article focuses on St. Augustine’s reflection on ethical questions concerning truth telling and lying. This question in Augustine is complicated inasmuch as it involves treatment of two works that he dedicated to this theme: De mendacio (394/395) and Contra mendacium (420), as well as the intellectual journey that he undertook during the intervening years. By comparing these two writings one can detect movement in Augustine’s thought from a certain intransigence, evidenced in the earlier work, to a solution more attentive to the pastoral dimension in the later work, in which Augustine makes clear that the moral exigence in favor of telling the truth should take into account the content, the form in which it is transmitted and the receiver of the communication, in order that truth telling (veritas) is always also salutary (salus).

Keywords:

Augustine of Hippo, De mendacio; Contra mendacium, Ethics, Moral Theology, Pastoral Theology; Lying; Truth

 

__________________________________________________________

Il voler parlare di un’etica della bugia in Agostino d’Ippona è voler dire qualcosa circa il suo pensiero sull’etica del dire la verità, impresa molto complessa data la sua progressiva acquisizione in merito dal tempo del presbiterato (391-395) ai suoi ultimi scritti (426-430). In questa ricerca analizziamo il De mendacio, uno scritto da presbitero degli anni 394-395, e il Contra mendacium scritto invece da vescovo oltre vent’anni dopo (nel 420). Ne vediamo la problematica, il supporto biblico della sua posizione, la sua definitiva acquisizione circa la normativa etica del dire la verità cristiana nei suoi ultimi scritti (427-430), quindi anche oltre il Contra mendacium del 420.

1. La problematica

Il problema della menzogna al tempo di Agostino interessava, oltre come problema morale, principalmente come problema biblico, e cioè se la Bibbia contenga o meno qualche menzogna o almeno una sua simulazione. Nei tempi moderni per la “menzogna” ci si rifà al problema esploso alla fine del 1700 con lo scritto di Beniamin Constant de Rebeque (1767-1830, amico di Madame de Staël) Delle reazioni politiche, un piccolo trattato in cui dall’angolazione filosofica si prende in considerazione il tema della menzogna. Constant, ragionando dei principi universali, che per ancorarsi alla vita necessitano di un punto di appoggio, ricavò l’assioma: «Dire la verità è un dovere, ma solo nei confronti di chi ha diritto alla verità».

Con tale affermazione il filoso francese si opponeva all’accreditata logica di Immanuel Kant (1724-1804) per il quale bisogna sempre dire la verità: «Persino – egli sosteneva – di fronte a degli assassini che vi chiedessero se il vostro amico, che lo stanno inseguendo, si sia rifugiato in casa vostra, la menzogna sarebbe un crimine». Kant rispose a Constant con lo scritto Su un presunto diritto di mentire per amore dell’umanità riaffermando la sua posizione:

«Chiunque mente, per quanto buone siano le sue intenzioni, ha l’obbligo di assumersi le responsabilità delle conseguenze che ne derivano. […] È pertanto un sacro precetto della ragione – precetto che si impone incondizionatamente ed è irriducibile a ogni ordine di convenienza – essere veritieri (onesti) in ogni dichiarazione».

La polemica è approdata nei nostri tempi anche nell’editoria italiana con il volume, I. Kant - B. Constant, Il diritto di mentire1 e di I. di Mendiola, Elogio della menzogna2, che rivendica il diritto a mentire come una protezione contro il mondo e il suo non-senso3. Per avallare siffatta posizione, cioè la positività della menzogna che, nei nostri tempi, chiede sempre più spazio anche sul piano strettamente etico, s’invoca la menzogna culturale quale ruolo della bugia in politica, in economia e nella società in genere. In tale ottica, nel tentativo di coinvolgervi anche la Chiesa, l’editoria riporta all’attenzione il volume di Thomas Hobbes, Historia ecclesiastica, in cui la condanna del potere papale viene veicolata dalla domanda: «di quante menzogne ha avuto bisogno la chiesa nella storia?»4.

Quanto alla bugia in politica, divenuta sistema necessario per alcuni, nel 1974 Alessandro Solzenicyn ai dirigenti sovietici lanciò l’appello di Vivere senza menzogna. Lo scrisse il 12 febbraio del 1974, qualche ora prima che venisse arrestato e mandato in esilio5. In esso lo scrittore russo espone i principi morali di lettura della storia della Russia legata all’Occidente. Su quella provocante posizione ben presto si accese in Occidente un vasto dibattito all’interno delle diverse correnti politiche e culturali. Solzenicyn parla di guerre che si fanno per “una ideologia morta”, essendo la Russia e l’Occidente caduti in un “vicolo cieco”.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Joseph Höffner e gli ordinamenti economici alla luce della Dottrina Sociale Cristiana"
Editore: Lateran University Press
Autore: Giuseppe Franco
Pagine:
Ean: 2484300020483
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

Il teologo, sociologo ed economista tedesco Joseph Höffner (1906-1987), è una delle figure centrali del cattolicesimo sociale del XX secolo in Germania. Il presente contributo prende in considerazione le sue analisi dedicate ai vari ordinamenti economici nella prospettiva della Dottrina Sociale Cristiana. Saranno discussi i modelli economici legati al liberalismo del laissez-faire, il neoliberalismo e il socialismo. Di particolare importanza riveste il confronto con l’Ordoliberalismo della Scuola di Friburgo e l’Economia Sociale di Mercato, di cui si mettono in evidenza le affinità e le convergenze con la prospettiva dell’etica cristiana. Inoltre, si argomenta a quali condizioni l’economia di mercato rappresenti per la Dottrina Sociale Cristiana la forma efficiente e giusta dell’ordinamento economico che sia degna dell’uomo.

Parole Chiave:

Dottrina Sociale Cristiana, Etica dell’economia, Liberalismo del laissez-faire, Ordoliberalismo, Economia Sociale di Mercato

Abstract

The theologian, German sociologist and economist Joseph Höffner (1906-1987), is one of the central figures of social Catholicism of the twentieth century in Germany. This paper examines his analysis of various economic orders from the perspective of the social doctrine of the Church. We discuss business models related to laissez-faire liberalism, neo-liberalism and socialism. Of particular importance is the comparison between the “ordoliberalism” of the Freiburg School and the social market economy, which reveals the similarities and convergences with the perspective of Christian ethics. Moreover, the paper argues the conditions in which a market economy represents an efficient and fair economic order that nevertheless is worthy of man when judged according to Christian social teaching.

Keywords:

Christian social teaching, business ethics, liberalism of laissez-faire, ordoliberalism, social market economy

 

__________________________________________________________

Introduzione

Joseph Höffner (1906-1987), teologo, sociologo ed economista, è una delle figure centrali del cattolicesimo sociale del XX secolo in Germania. Höffner ha dedicato una particolare attenzione alle radici storiche del pensiero sociale cristiano, analizzando in modo particolare le concezioni etiche, economiche, giuridiche e sociali della Scolastica. Egli, inoltre, ha offerto numerosi studi sullo sviluppo del cattolicesimo sociale, sullo statuto epistemologico della Dottrina Sociale Cristiana (= DSC), come anche sulle questioni connesse al diritto naturale, alla politica sociale e al ruolo della famiglia. Nel seguente contributo saranno prese in considerazione le valutazioni che Höffner ha operato dei diversi ordinamenti economici e sociali alla luce della DSC, quali il liberalismo del laissez-faire, il neoliberalismo, il socialismo, l’Ordoliberalismo e l’Economia Sociale di Mercato (= ESM), indicando soprattutto le affinità e le convergenze della DSC con le ultime due concezioni.

Höffner ha contribuito al consolidamento e alla diffusione della prospettiva dell’Ordoliberalismo della Scuola di Friburgo e può essere considerato a buon ragione un fautore e padre fondatore della Soziale Marktwirtschaft. Egli non soltanto ha creato dei ponti tra Ordoliberalismo, Economia Sociale di Mercato e DSC, ma è stato una delle personalità più influenti che hanno contribuito alla loro elaborazione concettuale e realizzazione pratica, in particolare riguardo alla costituzione dello Stato e della politica sociale e all’applicazione del principio di sussidiarietà nell’ordinamento sociale ed economico tedesco.

La situazione economica, politica e sociale dei primi decenni del XX secolo rappresenta lo sfondo storico del lavoro scientifico di Höffner. L’intensificarsi della crisi internazionale dopo la prima guerra mondiale, l’esperienza della crisi economica tra le due guerre, l’ascesa dei regimi totalitari del nazismo, del fascismo e del socialismo, lo scoppio della seconda guerra mondiale, la degenerazione storica del capitalismo e del liberalismo, e l’acuirsi della questione sociale spingono Höffner, come anche i suoi contemporanei esponenti dell’Ordoliberalismo, a porsi delle domande sulla questione dell’ordine politico e sociale e sulla possibilità di come costituire un ordinamento economico efficiente e degno dell’uomo. Nell’elaborazione della sua concezione dell’etica economica Höffner inquadra il suo discorso all’interno della DSC, tenendo conto della natura e dei compiti dell’economia. Höffner e gli Ordoliberali si chiedono quale sia quell’ordinamento economico che possa corrispondere al fine intrinseco dell’economia.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Une lecture polysémique de la nature. Trois propositions pour un discours des méthodes. I"
Editore: Lateran University Press
Autore: Pascal Ide
Pagine:
Ean: 2484300020490
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

Le discours sur la nature est aujourd’hui dans une situation paradoxale : d’un côté, il est presque exclusivement scientifique ; de l’autre, les approches du cosmos demeurent multiples : certes scientifique, mais aussi philosophique, écologique, esthétique, psychologique, théologique, etc. L’article se propose d’accueillir cette diversité (polysémie) et d’en offrir une vision synthétique. Après un bref parcours historique (première partie), il progresse en trois temps, de plus en plus englobants, ponctués par des tableaux récapitulatifs. La première unification, univoque, qui concerne les cosmologies philosophiques et les sciences de la nature, s’organisent autour de trois perspectives complémentaires, atomiste, substantialiste et holistique (deuxième partie). La deuxième partie de l’article explorera les deux autres unifications.

Termes-clés:

Nature, sciences de la nature, cosmologie philosophique, cosmologie théologique, unité, méthode, transdisciplinarité, transcendantaux, être comme amour.

 

Abstract

Discourse on nature today finds itself in a paradoxical situation. On the one hand it is almost exclusively scientific. On the other hand approaches to the universe remain manifold: some are scientific, but at the same time philosophical, ecological, aesthetical, psychological, theological, etc. This article welcomes this polysemeity and offers a synthetic account of it. Following a brief historical outline (first part), the article develops in three movements, each one more encompassing. The first unification, univocal, which concerns philosophical cosmologies and natural sciences, is organized around three complementary perspectives: atomist, substantialist and holistic (second part). The second part of the article explores the other two unifications.

Keywords:

Nature, Natural Sciences, Philosophical Cosmology, Theological Cosmology, Unity, Cross-disciplinary Method, Transcendentals, Being as Loving

 

__________________________________________________________

« La philosophie naturelle se vit attribuer la plus petite part dans le soin des hommes.

Et, pourtant, c’est elle qu’il faut regarder comme la grande mère des sciences ».

« Nous avons perdu toute la poésie de l’univers ».

 

L’intelligence de la nature se trouve aujourd’hui dans une situation paradoxale. D’un côté, la lecture qui est donnée du cosmos est exclusivement scientifique ; le seul discours audible, reçu, relève des sciences empirico-formelles. Et même si ces propos plus théoriques sont maintenant presque toujours doublés de discours d’ordre pratique qui relèvent de la responsabilité éthique (précisément, écologique), les seconds s’étayent sur les premiers. Je retiendrai deux signes révélateurs de cette univocisation de l’approche cosmologique. Pendant des siècles, la nature fut l’objet d’études précises et précieuses de la part des philosophes qui, d’ailleurs, ne distinguaient pas, comme on le fait aujourd’hui, philosophie et sciences de la nature. Depuis quelques décennies – pour se limiter à la France4 –, les chaires de philosophie de la nature se sont raréfiées, au point de disparaître totalement au profit de chaires de philosophie des sciences – ce qui délivre un double enseignement implicite : seule la science est habilitée à parler de la nature de manière rigoureuse, les anciennes cosmologies philosophiques sont discréditées ; la philosophie est dépossédée d’un contenu propre, pour en demeurer à un discours réflexif sur les conclusions des sciences, l’épistémologie, les méthodes, etc. Corrélatif de cet effacement institutionnel, se rencontre la quasi-disparition des colloques de philosophie de la nature5. En fait, cet effondrement ne date pas d’aujourd’hui : « Si l’on s’en tient à la conception qui semble prévaloir aujourd’hui, la philosophie de la nature a pratiquement cessé d’exister – dit Norbert A. Luyten voici une soixantaine d’années. On est assez généralement d’avis que la science de la nature s’est très avantageusement substituée à la philosophie de la nature. L’étude de la nature est laissée à la seule science, tandis que le rôle de la philosophie se réduit à être une théorie de la science »6. Et l’auteur illustre son propos en observant que le xie Congrès international de philosophie où il intervient, en 1953, le programme ne laisse aucune place à la philosophie de la nature, mais bien à la philosophie des sciences de la nature, alors que le congrès précédent, daté de 1948, avait réservé une section à cette même cosmologie philosophique7. Enfin, l’affaissement institutionnel s’accompagne d’un appauvrissement éditorial, non pas absolu, mais relatif : livres et articles continuent à paraître en philosophie de la nature ut sic8 ; mais cette littérature paraît indigente comparativement aux ouvrages ou aux manuels d’épistémologie ou d’histoire de la philosophie des sciences et, bien entendu, la bibliographie étrangère, par exemple, anglophone9 ou, moins connue, italophone10, en cosmologie philosophique.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Existiendo en el Espíritu. La imprescindible dimensión pneumatológica de la Antropología trinitaria"
Editore: Lateran University Press
Autore: Alejandro Bertolini
Pagine:
Ean: 2484300020506
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

Partendo da un contesto latinoamericano dove la comprensione esistenziale dello Spirito è prevalente, l’autore sottolinea il necessario riferimento alla pneumatologia sistematica per delineare un’antropologia trinitaria. Muovendo da una descrizione delle caratteristiche dello Spirito Santo nella sua relazione con Gesù, l’autore prova a concentrare l’attenzione sulla posizione dello Spirito Santo nella vita immanente del Dio Triuno in modo da proiettare l’impatto di queste nozioni su una rinnovata antropologia, basata su due pilastri: l’identità aperta e la divinizzazione come umanizzazione.

Parole chiave

Spirito Santo; America Latina; Pneumatologia sitematica; identità aperta; divinizzazione come umanizzazione

 

Abstract

From a Latin American context, in which the existential understanding of the Spirit predominates, the Author highlights the necessary reference to systematic pneumatology in order to sketch a trinitarian anthropology. Moving from a description of the Holy Spirit’s features in its relation with Jesus, the Author focuses attention on the position of the third person in the immanent life of the triune God in order to project the impact of these notions on a renewed anthropology, one built on two pillars: open identity and divinization as humanization.

Keywords

Holy Spirit; Latin America; Systematic Pneumatology; Open Identity; Divinization as Humanization

 

__________________________________________________________

Los gemidos y primicias del Espíritu, según el documento resultante de la Conferencia Episcopal de Medellín1, están presentes en los sufrimientos y las esperanzas de las transformaciones que animaron la vida de la iglesia latinoamericana desde la mitad del siglo XX. Desde entonces, el emerger eclesial del pueblo de este subcontinente es percibido como la recepción del Concilio Vaticano II, especialmente de su carácter pentecostal2.

Las claves que permiten esta lectura son muchas: la acción liberadora que reemplaza la pasividad de los sometidos, la conciencia de libertad respecto de la potencia opresora, la fuerza de la palabra que reemplaza el mutismo resignado de los vencidos, la acción transformadora del evangelio que toca la dimensión social del pueblo y lo promueve hacia una vida intregral e integrada, la recuperación de la historia como espacio de la experiencia de Dios, etc. En el fondo de la praxis latinomericana subyace dinámicamente la tercera persona de la Trinidad impregnando la historia y abriéndola desde dentro a la trascendencia3. Por esta razón un texto fundamental de esta tradición invita a beber del propio pozo4, dando por sentado el carácter radicalmente teologal de esta teología contextuada5.

Dicho esto, muchos autores coinciden en el predominio de una comprensión del Espíritu de corte vivencial6. La reflexión sistemática sobre el “Des conocido más allá del Verbo” se encuentra todavía en estado larvario7, y esto se debe en parte a el carácter “evasivo”8 del objeto material de este potencial estudio, en parte a la lógica dependencia que esta disciplina tiene respecto de la teología trinitaria, cuyo estadio de madurez luego de su explosión creativa9 en el siglo pasado está apenas asentándose. Se agrega a esta cuestión el talante “ortopráctico” que ha mostrado siempre la teología latinoamericana, decididamente más orientada al aquí y ahora como escenario propio de la historia de la salvación, que a la teo-logía entendida de forma clásica como la vida de Dios en sí mismo. Más liberación que especulación, y en todo caso: especulación para la liberación.

Pero lo cierto es que la circulación hermenéutica entre historia y teo-logía hace al mismo dinamismo interno de la inteligencia de la fe. Si es cierto que en estas latitudes no se puede hacer teología fecunda sino es a partir de la revelación concreta del Crucificado en los crucificados, (historia de salvación) también es cierto que este primer contacto y conocimiento nos dice algo de lo que Dios es en sí mismo (teo-logía). Contemplando estos dos polos inescindibles, hemos de decir con G. Lafont10, que en la dimensión más teórica y especulativa de la teología estriba la posibilidad de interpretar y expresar más auténticamente la manifestación de Dios en la historia.

El ritmo anábico y catábico del pensar teológico es simultáneamente cristológico y pneumatológico. Es en el misterio del Verbo encarnado (GS 22), en su estructura calcedónica, que se nos revela la clave hermenéutica11 del hombre y la creación entera. Y es pneumatológico por dos motivos: porque el Espíritu es el único horizonte en el quién nos encontramos con Cristo, y porque le es propio conducirnos hacia la plenitud de la Verdad (Jn 16,12-14), a su anchura, longitud y profundidad (Ef 3,18).

Y esto tiene particular interés para nosotros, dado que en este caso que nos ocupa objeto y actor del movimiento teológico coinciden: si hemos de considerar al hombre en su relacionalidad trinitaria, su existencia como nueva creatura en el Espíritu es la premisa fundamental. Esto implica asomarnos a los rasgos del Espíritu en su relación con Jesús (1), barruntar luego su posición en el misterio de Dios trino (2) para finalmente posar la atención sobre el hombre a fin de constatar el impacto de algunos de los rasgos relevados en su comprensión trinitaria.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Omaggio a Marcello Bordoni"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300020513
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

L’inaugurazione del “Fondo librario Marcello Bordoni” e la dedicazione di un’aula nella Facoltà di Teologia della Pontificia Università Lateranense al docente, avvenuta il 26 Febbraio 2015, è stata occasione per fare memoria del maestro che tanto ha illustrato l’istituzione che lo ha visto prima allievo e poi protagonista nell’insegnamento e nella ricerca per tutta la vita.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cura della natura per un vero progresso. Una lettura della Laudato si di papa Francesco"
Editore: Lateran University Press
Autore: Carlo Lorenzo Rossetti,
Pagine:
Ean: 2484300020520
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. Gesù Cristo, essenza del cristianesimo

«Il tema dell’identità di Gesù Cristo ci porta al cuore dell’essenza del cristianesimo, al fondamento della Chiesa cristiana e della sua missione nel mondo. Possiamo dire che, con esso, affrontiamo pure il perenne valore della pretesa della verità del “cristocentrismo della fede”»1. Questa affermazione in un saggio del 2002 mette bene in evidenza come la cristologia sia stata veramente il cuore della teologia di Marcello Bordoni. Indirettamente, lo dimostrano anche gli stessi titoli delle due opere pubblicate in occasione del suo settantesimo e ottantesimo compleanno2. La sua opera cristologica è costituita dalla trilogia: Gesù di Nazareth Signore e Cristo. Saggio di cristologia sistematica, I. Problemi di metodo; II. Gesù il fondamento della cristologia; III. Il Cristo annunciato dalla Chiesa3. Questa trilogia è stata sintetizzata nel volume Gesù di Nazareth. Presenza. Memoria. Attesa4, e in seguito proposta come cristologia pneumatologica in La Cristologia nell’orizzonte dello Spirito5.

Il contesto culturale delle rivoluzioni di fine secolo XX nel quale il Bordoni ha insegnato e scritto di cristologia, è quello in cui dominava lo slogan: Gesù sì, Chiesa no. A partire da questo slogan, si è intensificata la lotta alla chiesa cattolica, contro la quale sono stati scritti diversi libri. In essi dominano le accuse di ingerenza nel potere secolare, di provocazione di guerre, di rovina dei bambini, e, ultima, d’invenzione del Dio cristiano. Non è un caso che il sottotitolo di uno degli ultimi libri su Gesù, di Paolo Flores D’Arcais, reciti: L’invenzione del Dio cristiano6, e il suo tono sia costantemente polemico, per non dire offensivo, nei confronti della chiesa cattolica e del papa. Il paradosso di tutta questa propaganda, tuttavia, è che con l’abbandono della Chiesa non è aumentato l’interesse per Gesù. Lo dimostra, tra gli altri aspetti, il poco interesse per la conoscenza dei Vangeli. Si presta maggiore interesse per il dialogo ragione e fede, per i temi eticamente sensibili, per la promozione della pace e la difesa dei diritti umani. Molto spesso, la Chiesa è vista come un’agenzia umanitaria e Gesù come un maestro di morale.

2. Sintesi tra cristologia dal basso e cristologia dall’alto

Nell’ambito del mio intervento, vorrei richiamare brevemente tre aspetti presenti nella cristologia di Bordoni: una sapiente sintesi tra cristologia dal basso e cristologia dall’alto; una chiara riaffermazione dell’unicità salvifica di Cristo; l’attenta considerazione della molteplicità delle mediazioni.

La sintesi tra storia e fede, tra cristologia dal basso e cristologia dall’alto, la troviamo contenuta già nel titolo stesso del primo volume: Gesù di Nazareth Signore e Cristo, ed è stata riproposta, in qualche modo, anche dal volume di R. Penna, Gesù di Nazareth, la sua storia, la nostra fede7. Per quanto riguarda la cristologia dal basso, sappiamo come teologi, filologi ed esegeti, a partire dalla seconda metà del XIX secolo, si siano cimentati nella ricerca su Gesù, uomo vissuto in Palestina e condannato alla pena della crocifissione da Ponzio Pilato nel primo secolo della nostra era. Queste analisi, volte ad approfondire la storicità della vita terrena di Gesù e che si sono susseguite in un incalzare di tre distinte tappe (old, new e third quest), hanno prodotto una grande quantità di immagini di Cristo. Esse, in un movimento “a pendolo”, hanno avuto un’oscillazione che ha portato a considerare Cristo da moralista a fazioso politico e rivoluzionario, da mago a filosofo, da asceta mistico a fondatore di una nuova religione; il tutto avendo come sfondo o come contesto i vangeli analizzati sotto l’egida delle norme del metodo storico-critico. Bordoni ha sapientemente evitato gli estremismi e gli assolutismi di queste tesi e, nell’approccio al mistero di Gesù, ha perseverato in una impostazione armonica di storia e fede. Il mistero del Cristo non è stato mai banalizzato o razionalizzato, bensì investigato ed esposto nel rispetto della sua valenza soprannaturale. Bordoni è stato sempre consapevole dell’eccedenza della fede, per cui il “di più” della persona divina di Gesù di Nazareth, del suo essere Signore e Cristo, non può essere esaurito dalle categorie della sapienza umana. Queste hanno ridotto Gesù Cristo ad uno dei tanti maestri di umanità e moralità della storia. Ma la salvezza dell’uomo non può essere garantita da un maestro di morale in più; bensì da un salvatore, che dimostri di essere l’unico salvatore necessario.

[...]

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'ecumenismo: vocazione e riconoscimento"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Simone Morandini
Pagine:
Ean: 2484300017254
Prezzo: € 2.50

Descrizione:

Sommario

L’istanza ecumenica è una componente essenziale dell’autocomprensione ecclesiale scaturita dal Vaticano II. In questa ottica si può parlare dunque di un riconoscimento di ecclesialità anche fuori dalla chiesa cattolica. L’articolo quindi, dopo queste premesse, rievoca l’esperienza del SAE in Italia e del CEC. Poi volgendosi al presente, vengono evidenziati i gesti e le parole con cui papa Francesco ha dato nuovo impulso al dialogo ecumenico. Certo, il cammino da compiere per la riconciliazione tra i cristiani e per raggiungere la piena unità ecclesiale è ancora lungo, ma ci sono motivi di speranza e prospettive da esplorare all’interno delle varie chiese.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "ROTOLI LITURGICI MEDIEVALI (secoli VII-XV). Censimento e bibliografia"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: X Andrzej Wojciech Suski; Giacomo Baroffio; Manlio Sodi
Pagine:
Ean: 2484300017469
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

A.W. Suski - G. Baroffio - M. Sodi pp. 603-621

Rotoli liturgici medievali (secoli VII-XV). Censimento e bibliografia

Il rotolo occupa una posizione dominante in varie situazioni legate alla liturgia. Nel mondo ebraico ce n’è una di assoluta egemonia nella diffusione incontrastata dei rotoli con testi biblici. In ambito cristiano latino i rotoli sono stati resi famosi dalla trasmissione dell’Exultet pasquale, soprattutto a causa di sontuosi apparati iconografici che illustrano i principali testimoni. Quanto mai opportuna è la ricognizione di A.W. Suski. Con certosina pazienza egli ha raccolto una ricca documentazione che illustra l’attuale patrimonio dei rotoli liturgici latini sopravvissuti sino ai nostri giorni. Le scarne notizie di ordine codicologico sono una piccola, ma pur indispensabile traccia per muoversi nel territorio dove s’incontrano tipologie diverse e sedi di conservazione talora poco conosciute.

Medieval liturgical rolls (VII-XV centuries). Census and bibliography

The roll holds a dominant position in different situations that are related to liturgy. In the Jewish world there is an absolute hegemony about the undisputed diffusion of rolls with biblical texts. Within Christian Latin circle, rolls have been got famous by the transmission of the Easter Exultet, above all owing to the iconographic sumptuous ornaments that illustrate the main examples. Very opportune indeed is the recognition made by A.W. Suski. With a painstaking patience, he has collected a rich documentation that illustrates the present heritage of the liturgical Latin rolls, that have survived until nowadays. The short information with reference to the chronological order are a little, but indispensable trace for moving in a territory where we meet different typologies and conservation’s centres that are sometimes not much known.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Credere Oggi"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300017216
Prezzo: € 6.75

Descrizione:

Editoriale

Fondati insieme sul comune vangelo di Gesù Cristo

Dio dona se stesso agli uomini e ci invita a entrarein comunione con lui e con la sua chiesa.È questa la fonte della nostra gioia per la fede comune.

Nel discorso pronunciato a Erfurt il 23 settembre 2011, durante l’incontro con i rappresentanti del Consiglio della chiesa evangelica di Germania, Benedetto XVI così ha commentato la vicenda umana e spirituale di Lutero: «Ciò che non gli dava pace era la questione su Dio, che fu la passione profonda e la molla della sua vita e dell’intero suo cammino. “Come posso avere un Dio misericordioso?”: questa domanda gli penetrava nel cuore e stava dietro ogni sua ricerca teologica e ogni lotta interiore. Per Lutero la teologia non era una questione accademica, ma la lotta interiore con se stesso, e questo, poi, era una lotta riguardo a Dio e con Dio. “Come posso avere un Dio misericordioso?”. Che questa domanda sia stata la forza motrice di tutto il suo cammino mi colpisce sempre nuovamente nel cuore. Chi, infatti, oggi si preoccupa ancora di questo, anche tra i cristiani? Che cosa significa la questione su Dio nella nostra vita? Nel nostro annuncio? La maggior parte della gente, anche dei cristiani, oggi dà per scontato che Dio, in ultima analisi, non si interessa dei nostri peccati e delle nostre virtù».Queste parole di Benedetto XVI ci sembrano le più adatte a introdurre il presente fascicolo. Nel 2017, cattolici e luterani sono invitati a commemorare insieme per la prima volta il quinto centenario dalla diffusione delle 95 tesi di Martin Lutero a Wittenberg, che diedero avvio al movimento della Riforma. Oggi si è accertato che si tratta di una data simbolica, perché sicuramente non corrisponde a verità storica che egli abbia affisso tali tesi con il martello in pugno sulla porta della chiesa di Wittenberg. Come pure è sicuro che non voleva fondare una nuova chiesa, ma rinnovare in profondità la vita cristiana riportandola alla purezza del vangelo.Questa commemorazione centenaria giunge dopo cinquant’anni di dialogo ecumenico. Dopo secoli di conflitti, le chiese cristiane hanno scoperto che sono più le cose che le uniscono di quelle che le dividono e che la chiesa è per natura sempre bisognosa di riforma (cf. Unitatis redintegratio, n. 6). Sarà dunque un’occasione non per celebrare la divisione delle chiese, ma per cercare insieme una sempre maggiore fedeltà al vangelo e tendere alla reciproca comunione. Oggi gli studi e le riflessioni sulla figura e sul pensiero di Martin Lutero ne hanno riconosciuto il valore spirituale e teologico. Così il 2017 diviene una duplice sfida posta a entrambi, cattolici e luterani, per una purificazione e guarigione delle memorie del passato, nonché per la ricerca dell’unità tra tutti i cristiani secondo il mandato e la verità del vangelo di Gesù.Il fascicolo si apre con uno status quaestionis molto preciso di Angelo Maffeis che delinea dal punto di vista cattolico la posta in gioco, i punti scottanti e le linee di convergenza in atto tra le due chiese. Il secondo intervento di Dieter Kampen, pastore della comunità luterana di Trieste, illustra i cambiamenti che Lutero ha portato nella cristianità di allora e gli spunti che ancora oggi sono attuali per un rinnovamento costante della fede in ascolto attento della Parola. Paolo Ricca espone in una lucida sintesi il percorso compiuto dalle chiese cristiane negli ultimi due secoli culminato nella creazione del Consiglio ecumenico delle chiese ad Amsterdam nel 1948 e tuttora organismo di confronto e di stimolo per le cristianità del mondo intero. Saretta Marotta presenta con un’attenta ricostruzione storica il cambiamento avvenuto nella chiesa cattolica come si è espresso nel Vaticano II, che è passato dall’ipotesi del «ritorno» dei fratelli separati alla visione di un comune cammino da compiere verso l’unità voluta da Cristo. Da un altro versante, Paolo Naso si interroga se il fenomeno delle chiese pentecostali sia l’ultimo anello della catena che rimonta fino a Lutero o se l’irrompere dei movimenti carismatici sia l’inizio di una fase assolutamente nuova nella storia della cristianità.L’intervento di Simone Morandini richiama il tema della vocazione ecumenica non solo come proprio della struttura gerarchica, bensì come atteggiamento fondamentale di ogni cristiano da vivere in gesti, parole e concrete collaborazioni con chi appartiene a comunità cristiane diverse da quella cattolica. Uno dei punti che oggi crea serie difficoltà a un’azione comune è l’etica, un ambito divenuto critico specialmente in questioni che riguardano, ad esempio, le unioni omosessuali, le tecniche artificiali di procreazione e lo status dei divorziati risposati, come spiega diffusamente Placido Sgroi. Un altro dei punti di discordia è il ruolo e la figura del papa, o meglio del «vescovo di Roma», come ama definirsi papa Francesco. Su ciò interviene Paolo Gamberini, mostrando le possibilità indicate appunto dal papa attuale in ordine al superamento del centralismo e a una rinnovata prassi sinodale.Infine l’ampio saggio di Paolo Cocco esplora il tema della successione apostolica nell’ambito dei dialoghi ecumenici, da cui risulta come da una dottrina di natura soprattutto giuridica, che poggia su una presunta successione ininterrotta di ordinazioni episcopali discendenti dagli apostoli, occorre passare a una visione propriamente teologica, basata sulla missione del Figlio di Dio e degli apostoli che con la forza dello Spirito Santo sono al servizio della chiesa perché sia fedele al Signore, custodendo inalterata la parola di Dio e celebrando nei sacramenti il mistero della salvezza.Nella Documentazione sono riportati alcuni significativi brani dai due documenti preparatori al giubileo del 2017: Dal conflitto alla comunione, frutto della Commissione mista luterana-cattolica, nonché di Giustificazione e libertà, pubblicato dalla chiesa evangelica di Germania e ancora inedito in lingua italiana. Infine, l’Invito alla lettura, curato da Luigi Dal Lago e Simone Morandini, offre abbondante materiale per ulteriori ricerche e il necessario approfondimento di un tema così ampio sul quale sarà certo opportuno ritornare nei prossimi anni.* * *Diamo il benvenuto con questo numero al nuovo direttore della nostra rivista, il padre Germano Scaglioni, ofmconv, docente di Sacra Scrittura presso la Pontificia Facoltà Teologica «San Bonaventura» Seraphicum di Roma, augurandogli buon lavoro nel vasto e avvincente campo della comunicazione teologica in dialogo con la vita religiosa, culturale e sociale dei nostri giorni.Il nuovo anno 2015 si profila ricco di tematiche interessanti come il dibattito sulla religione fonte di violenza, i problemi della famiglia e della vita consacrata nel mondo d’oggi, nonché la comprensione della necessaria ritualità della liturgia e l’apporto della teologia agli ambiti consueti della vita quotidiana. Con questi temi ci auguriamo una sempre migliore diffusione di «CredereOggi», invitando i lettori a confermare la loro adesione rinnovando prontamente il loro abbonamento per il 2015.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "«L'unità della grazia ecumenica fatta al nostro secolo»: la chiesa cattolica di fronte al movimento ecumenico"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Saretta Marotta
Pagine:
Ean: 2484300017278
Prezzo: € 2.50

Descrizione:

Sommario

L’articolo ripercorre le tappe che la chiesa cattolica ha attraversato dalla seconda metà del secolo XIX fino al presente riguardo al problema della divisione delle chiese cristiane. Una prima fase è individuata nella prospettiva del «ritorno» delle altre chiese nel senso della vera chiesa da cui si erano staccate. Questo periodo «unionista» giunge fino agli anni Trenta del XX secolo con alterne vicende. Il dramma della seconda guerra mondiale segna una cesura con il passato, ma anche permette l’incontro tra persone di diversa confessione religiosa, unite però nella lotta contro la tirannide. Ciò favorisce l’avvio di un dialogo impostato su basi nuove: non più un «ecumensimo cattolico», ma un metodo comune di confronto e di ricerca, come sarà il titolo dell’Unitatis redintegratio. Nel postconcilio, passato l’iniziale entusiamo, si registra una fase di stallo, con poce eccezioni, mentre con il pontificato di papa Bergolgio si sono riaccese le aspettative di una nuova «primavera ecumenica».



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il ministero del cantore tra gli innumerevoli canti gregoriani e l'unico Canto Gregoriano"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Giacomo Baroffio
Pagine:
Ean: 2484300017476
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

G. Baroffio pp. 623-636

Il ministero del cantore tra gli innumerevoli canti gregoriani e l’unico Canto Gregoriano

Per molti che affrontano lo studio del canto liturgico tradizionale, il gregoriano si riduce ancora al solo Proprium Missae, quando non si restringe alla proposta, assai discutibile, del Graduale Simplex. Alcuni direttori e cantori sono convinti di essere all’altezza del loro impegno liturgico solo perché, dopo aver sostituito al Graduale Romanum il Graduale Triplex, usano oggi il Graduale Novum preferendolo al Triplex. L’orizzonte dei canti gregoriani è assai più vasto di quanto viene solitamente prospettato. Le fonti medievali propongono non solo uno sterminato numero di melodie, moltissime ancora inedite, ma anche un’infinita varietà di recensioni musicali, che riflettono complesse procedure di trasmissione. In questi processi confluiscono le varie modalità con cui si affronta di volta in volta l’esigenza di adattare il patrimonio tradizionale alle necessità liturgiche, alla sensibilità estetica e alla cultura musicale del nuovo ambiente. In questa linea lo studio, invitando a superare il mito di un canto autentico, tende a evidenziare la dimensione spirituale del canto gregoriano a servizio della sua sorgente, la Parola.

The ministry of cantor among the numberless Gregorian songs an the one Gregorian Song

For many people who deal with the study of the traditional liturgical song, the Gregorian is still reduced only to the Proprium Missae, when it is not limited to the very questionable proposal of the Graduale Simplex. Some choir’s conductors and cantors are convinced that they are up to the task of their liturgical role only because they, after having replaced the Graduale Romanum with the Graduale Triplex, are using today the Graduale Novum, preferring it to the Triplex one. The horizon of Gregorian songs is very much larger than what it is usually proposed. Medieval sources offer not only an immense melodies number, a great many of them still unedited, but contain also an endless variety of musical revisions that reflect complex transmission’s procedures. In these processes flow the different ways with them from time to time is dealt the need of adapting the traditional patrimony to the liturgical requirements, to the aesthetic sensibilities and to the musical culture of the new milieu. Following this line, the present study invites to get over the myth of an authentic song and aims to highlight the spiritual dimension of the Gregorian song, that wants to serve its source, the Word.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sacerdozio e culto: tra attesa e compimento"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Giuseppe De Virgilio
Pagine:
Ean: 2484300017834
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Ebrei e 1Pietro contengono un importante sviluppo della relazione tra «sacerdozio e culto». Offrendo una visione unitaria di tale binomio, ci proponiamo di cogliere gli aspetti di novità emergenti dall’approfondimento teologico delle due lettere.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Forme architettoniche e «sensus Ecclesiae»"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Severino Dianich
Pagine:
Ean: 2484300017452
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

S. Dianich pp. 588-602

Forme architettoniche e «sensus Ecclesiae»

La costruzione delle chiese, impegno imponente di tutta la storia del cristianesimo, costituisce per la Chiesa una trama comunicativa che essa intesse con il mondo e, all’interno della comunità, tra i fedeli. Le diverse forme spaziali che si susseguono nel tempo non sono puramente funzionali all’evoluzione della liturgia, né il frutto di singolari intuizioni estetiche o del gusto variante nel tempo. Vi si leggono, invece, i movimenti e i travagli dell’autocoscienza della Chiesa, nella sua esperienza di fede e nei suoi rapporti con il mondo. L’articolo cerca di mostrarlo mettendo in luce, alla fine, cause e componenti della complessa problematica attuale, segnata dalla necessità e dalla difficoltà di trovare una nuova via.

Architectural Forms and «sensus Ecclesiae»

Building churches, that is an enormous engagement of all the history of Christianity, is for the Church like a communicative filling that is interwoven with the world and, within the community, among the faithful. The different spatial forms that follow on another in time, are not merely functional to the liturgical evolution, nor are they the issue of singular aesthetic intuitions or of a changing taste in time. On the contrary we can read in these different structures the movements and troubles in the self-consciousness of the Church, in its faith’s experience and in its relations with the world. This essay tries to show all that, stressing finally the reasons and components of the present, complex problems, that are marked by the need and difficulty of finding a new way.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il bacio negli Ordines Romani"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Pietro Sorci
Pagine:
Ean: 2484300017544
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

P. Sorci pp. 737-742

Il bacio negli Ordines Romani

Gli Ordines Romani, eredi della migliore tradizione patristica, conoscono il bacio come segno di venerazione all’altare e al libro dei vangeli, di comunione tra i ministri dell’altare e tra coloro che nella celebrazione professano la stessa fede e partecipano al corpo e sangue di Cristo. Il bacio è attestato come segno di venerazione verso la croce, simbolo del mistero pasquale, e come segno di accoglienza e di comunione tra coloro che sono costituiti nel santo ministero. Si scorgono, tuttavia, sintomi di scadimento quando si inflaziona e diviene segno di sottomissione verso persone o di venerazione verso oggetti che si riferiscono al culto.

The kiss in the Ordines Romani

The Ordines Romani are heirs of the best Patristic tradition and know the kiss as sign of reverence to the altar and to the Gospels Book, as sign of communion among the altar’s ministers and those who during the celebration profess the same faith and share the body and blood of Christ. The kiss is attested as sign of reverence towards the cross, symbol of the Easter mystery, and as sign of welcoming and communion among those who are constituted in the sacred ministry. Nevertheless we can perceive symptoms of a decadence when this sign is overdone and becomes sign of submission towards persons or of reverence to objects referred to the worship.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il discernimento negli scritti apostolici"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Dionisio Candido
Pagine:
Ean: 2484300017803
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Interrogato provocatoriamente dai farisei sulla fine dei tempi, Gesù aveva risposto: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!» (Lc 17,20-21). Nel tempo in cui le prime generazioni cristiane attendevano il ritorno del Risorto, queste parole del Maestro dovevano suonare come una consolazione ed un ammonimento. All’attesa spasmodica e disordinata della fine bisognava imparare a sostituire una lettura sapienziale del qui ed ora (cf. Lc 12,54-57): l’ossessione per la fine doveva cedere il passo al discernimento tra vera e falsa fede, tra spiriti buoni e cattivi, tra luce e tenebra.

Quelli che possono essere definiti gli scritti apostolici del Nuovo Testamento sembrano rispondere, tra l’altro, proprio alla preoccupazione di una lettura sapienziale della storia delle comunità cristiane e del mondo alla luce del Vangelo. Attingendo alla vita di Gesù e all’insegnamento degli apostoli, le prime generazioni della Chiesa danno vita così ad una vera e propria “grammatica del discernimento”, che dal canone scritturistico arriverà fino alla migliore agiografia cristiana.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il significato psicologico del bacio: messaggio di tenerezza in ogni relazione"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Sofia Tavella
Pagine:
Ean: 2484300017506
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

S. Tavella pp. 674-684

Il significato psicologico del bacio: messaggio di tenerezza in ogni relazione

Entrato a far parte del rituale cristiano e carico di numerosi significati culturali e religiosi, il bacio rappresenta l’elemento di affermazione di quella parola silenziata che dice tutto attraverso l’organo dell’oralità: la bocca. Nel silenzio delle parole il bacio s’insinua come elemento protagonista di una comunicazione che dice tenerezza, amore e compassione. Tre livelli esperienziali imprescindibili per ogni relazione di amore tra Dio e l’uomo e tra l’uomo e la donna.

The psychological significance of the kiss: a tenderness message in all relationships

Being part of the Christian rite and bearer of many cultural and religious significances, the kiss is the confirming element of that silent word that says all through the oral organ: the mouth. Into the silence of words, the kiss penetrates as an element that becomes protagonist of a communication which says tenderness, love and compassion. Three levels of experience that are indispensable in all love’s relationships between God and mankind, between man and woman.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il bacio nel linguaggio del corpo come elemento di comunicazione nelle varie culture"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Jerônimo Pereira
Pagine:
Ean: 2484300017490
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

J. Pereira pp. 659-673

Il bacio nel linguaggio del corpo come elemento di comunicazione nelle varie culture (dimensione antropologica e psicologica)

Partendo dal principio che «la teologia non può considerare a priori estraneo nulla di ciò che riempie le ore sublimi dell’uomo» e che lo studio della celebr-azione, in quanto actio liturgica, deve usufruire di tutti gli strumenti che servono per meglio capirla così com’è, e poiché – si potrebbe dire – che tutto nel quotidiano praticamente comincia e finisce con un bacio, l’articolo intende studiare, partendo dalle teorie della nascita del bacio, come questo gesto gravido di tenerezza può aiutare nell’arte del celebrare. Il contesto socio-culturale del bacio, o dei vari tipi di baci, il potere di guarigione che gli è tributato dai miti e dalle fiabe, la sua grande capacità di comunicazione, costituiscono la base di un percorso verso una teologia fenomenologica del bacio nella celebrazione eucaristica.

The kiss as a body language. An element of communication in the different cultures (anthropological and psychological dimension)

Taking as a principle that «theology cannot previously consider extraneous nothing of all that fills the man’s sublime hours» and that the study of the celebr-action, as an actio liturgica shall make use of all tools that help to better understand it as it is; and since – as we might say – in everyday life all begins and ends with a kiss, this essay, starting from the theories about the birth of the kiss, aims to study how this gesture, that is full of tenderness, can help the art of celebrating. The sociocultural context of the kiss, or of the different kinds of the kiss, the healing power that is given to it by myths and fables, its great communication’s capacity are the basis for outlining a way towards a phenomenological theology of the kiss within the liturgical celebration.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I libri per il canto: una pluralità di generi per una diversità di ministeri"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Giacomo Baroffio
Pagine:
Ean: 2484300017438
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

G. Baroffio pp. 523-546

I libri per il canto: una pluralità di generi per una diversità di ministeri

L’evoluzione della liturgia sul piano ministeriale e rituale ha inciso in modo decisivo sulla nascita e lo sviluppo della bibliotheca ritualis. La produzione libraria annovera anche una serie di sussidi pensati e organizzati per l’uso specifico, e spesso esclusivo, dei cantori (solista, schola) e dell’assemblea anch’essa chiamata a cantare. Si deve però tener presente un fatto. Non soltanto i cantori eseguono delle melodie, ma alla quasi totalità dei ministri tocca, prima o poi, cantare dei testi, in misura minore o maggiore. Lo studio invita ad accostarsi alla ricchezza della tradizione musicale per cogliere la bellezza delle miniature e il loro valore simbolico, e prendere atto dei numerosi libri che sono stati predisposti nel tempo.

The Song’s Books: a plurality of kinds for a diversity of ministries

Liturgy’s evolution, with reference to ministries and rites, has affected in a decisive way the birth and the development of the bibliotheca ritualis. The books productions includes also a number of aids that were thought and organized for the specific, and often exclusive use of cantors (soloist, or schola) and of the congregation, that was also invited to sing. A matter of fact shall be taken into consideration. Not only cantors are performing melodies, but almost the totality of ministries, sooner or later, are called to sing some texts, in a greater or smaller measure. This study invites to approach the richness of the musical tradition in order to perceive the beauty of the illuminations and their symbolic value, as well to take note of the numerous books that were arranged in time.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Stile di relazioni: la misura della giustizia cristiana"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Benedetta Rossi
Pagine:
Ean: 2484300017841
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

Subito dopo la formula di apertura e i saluti iniziali, la seconda lettera di Giovanni attesta una locuzione singolare, presente altrove solo in 3Gv 3-4: «camminare nella verità». Queste le parole indirizzate dal presbitero alla «Signora eletta»: «Mi sono molto rallegrato di aver trovati alcuni tuoi figli che camminano nella verità» (2Gv 4). Il verbo «camminare» (peripatéin) fa riferimento ad una concreta condotta di vita, che nasce da «un principio interno di verità» e si attua nella fedeltà al «comandamento che abbiamo ricevuto dal Padre» (v. 4). Il comandamento, «quello ricevuto fin da principio» (v. 5), trova la sua esplicitazione nell’amore reciproco, nel quale si invita a camminare: «il comandamento che avete appreso da principio è questo: camminate nell’amore» (v. 6). Il richiamo tra le due espressioni «camminare nella verità» e «camminare nell’amore» suggerisce come la verità, dalla quale scaturisce la vita cristiana, non si configuri semplicemente come un contenuto intellettuale; si tratta piuttosto di un’esperienza che si traduce in un concreto stile di vita e – ancora più precisamente – in una specifica modalità di vivere la relazione: quella dell’amore reciproco. Questo è il criterio di fondo che anima le relazioni e stabilisce l’appartenenza alla comunità dei credenti: «Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello, è ancora nelle tenebre» (1Gv 2,9).

L’amore reciproco, anima delle relazioni, si declina in una serie di indicazioni pratiche che regolano i diversi ambiti di relazione. Troviamo così indicazioni inerenti all’impiego dei beni e delle ricchezze, così come riferimenti al comportamento nei confronti di categorie sociali più deboli e svantaggiate. Viene, inoltre, evidenziata la difficoltà nella relazione tra i diversi membri della comunità, abitata frequentemente da passioni divisive e laceranti.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un enigma intrigante: il concetto di mistero nella lettera agli Efesini e ai Colossesi"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore: Aldo Martin
Pagine:
Ean: 2484300018503
Prezzo: € 2.00

Descrizione:

La disamina dei testi di Efesini e Colossesi relativi al «mistero» rivela una molteplicità di accezioni, che sono armonizzabili tra loro attorno a un concetto originale: il progetto divino di unificazione dell’umanità e del cosmo.

 

Nel numero 2 della Dei Verbum incontriamo una frase in cui compare un termine assai curioso: «Piacque a Dio nella sua bontà e sapienza rivelarsi in persona e manifestare il mistero della sua volontà (cf. Ef 1,19)». Ma cosa significa precisamente «mistero»?

 

Quando si ascoltano programmi televisivi o si scorrono i titoli di un giornale, è abbastanza facile imbattersi nella parola «mistero», che, a seconda dei contesti in cui viene pronunciata, si presenta realmente con volti molto differenti: un delitto di difficile soluzione, una questione religiosa incomprensibile, un luogo affascinante da visitare, l’orizzonte inesplorato della ricerca scientifica, una narrazione fantastica (mystery fiction), un inquietante fenomeno paranormale.

 

Sappiamo che mystérion significa «cosa nascosta, segreta» e che deriva dal verbo mýein, «esser chiuso, serrato». I «misteri», poi, riguardavano le conoscenze dell’universo di alcune dottrine filosofiche e le pratiche occulte dei culti esoterici. Ora, guardando al Nuovo Testamento1 e, in particolare, alle lettere agli Efesini e ai Colossesi, il termine «mistero», affiora in più occasioni: come va inteso? Con una delle sfumature sopraelencate o con nessuna di esse? Per rispondere al quesito circa il senso inteso dall’autore (o autori) delle due lettere, bisogna condurre un’indagine serrata sui testi.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 464"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300017162
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

Per comunicare meglio

 16. I preti scrivono... ma sanno comunicare?/2 (Roberto Laurita)

 

Le nostre grandi parole

51 Figli di Dio

1. Figli di Dio: il significato dell’espressionenella comprensione corrente (Valeria Boldini) 

2. Figli per sempre: al cuore della testimonianza biblica,l’antidoto decisivo alla rimozione e alla censurapiù subdole (Roberto Vignolo) 

3. Chiamati ad essere figli: spunti dalla teologiacontemporanea (Angelo Maffeis) 

 4. Figli di Dio: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin) 

5. Figli di Dio: breve antologia di testi(Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)


Per incontrare Gesù. Una proposta di ritiroper i cresimandi delle medie (Roberto Laurita)

 

Dalla 2ª domenica dopo Natale alla 6ª domenica ordinaria

2ª domenica dopo Natale (Nicoletta Gatti, Giulio Osto) 

Epifania del Signore (Nicoletta Gatti, Giulio Osto)

Battesimo di Gesù (Nicoletta Gatti, Giulio Osto) 

2ª domenica ordinaria (Antonio Nepi, Dora Castenetto, Pierino Boselli) 

3ª domenica ordinaria (Antonio Nepi, Antonio Gentili, Pierino Boselli) 

4ª domenica ordinaria (Antonio Nepi, Lucio Pinkus, Pierino Boselli) 

5ª domenica ordinaria (Antonio Nepi, Angelo Brusco, Pierino Boselli)

6ª domenica ordinaria (Antonio Nepi, Carmine Di Sante, Pierino Boselli)



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO