Libreria cattolica

Ebook - Ebook - Riviste



Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300020117
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Studi

S. PETROSINO, Il dramma dell’abitare 

Che cosa significa abitare? E perché l’abitare deve essere considerato come un gesto antropologicamente

sempre drammatico? Partendo dal testo heideggeriano l’articolo si propone di evidenziare i tratti

essenziali dell’abitare umano prestando particolare attenzione al lógos biblico e alla definizione in esso

contenuto: abitare è coltivare-e-custodire (Gen 2,15).

 

F. BERTELLINI, Una terra da abitare 

Israele è chiamato ad ‘abitare con fede’ la terra. Fondamentale è la distinzione simbolica tra ‘dominare’

e ‘abitare’. Anche la terra perduta nell’esilio deve essere ritrovata, abitandola non come padroni, ma

come ospiti di Dio. La pienezza del ritorno si ha con Gesù, il pellegrino e l’ospite, che dà vita a una

comunità di uomini e donne capaci di abitare con fede in ogni terra, pur vivendo da stranieri.

 

C. MARGARIA, L’abitare di Gesù 

L’articolo indaga l’abitare di Gesù lasciandosi condurre dal filo del racconto evangelico per far emergere

non tanto ciò che Gesù fa, ma molto più precisamente come Gesù accoglie la vita, la impara e la

abita. Dall’inizio fino al dramma della sua morte e alla gioia della risurrezione quella vita ci è narrata

come possibilità di gratitudine al vivere nell’appassionante gioco di incontri, abitando il dato centrale di

ogni umanità: il bisogno dell’altro, delle cose, di Dio.

 

P. TOMATIS, Nel mondo senza essere del mondo: l’abitare liturgico 

Il cristiano è chiamato a vivere nel mondo senza essere del mondo. In questa tensione ci domandiamo

quale sia l’apporto della liturgia in relazione al nostro abitare nel tempo e nello spazio degli uomini.

Nella tensione tra storia ed escatologia, la liturgia insegna ad abitare il mondo scoprendolo abitato da

Cristo e dalla sua grazia, in virtù dei suoi linguaggi ‘liminali’.

 

L. MANICARDI, ‘Abitare’ l’assemblea per stare nel mondo 

L’eucaristia ha qualcosa da dire circa l’etica cristiana, le modalità di abitare il mondo da parte della

chiesa, il come vivere quotidianamente le relazioni interpersonali, sociali, politiche, storiche? La risposta

è netta: sì. E queste modalità di abitare il mondo appaiono già nell’assemblea eucaristica.

 

Temi pastorali

P. CHIARAMELLO, «Nobile semplicità». Uno stile celebrativo sobrio testimonianza di una chiesa povera

e per i poveri 

Per uno stile celebrativo sobrio, nobile e semplice, testimonianza di una chiesa povera e per i poveri,

c’è bisogno di cura della celebrazione nella sua verità. Occorre dare molta attenzione all’assemblea;

bisogna recuperare la preghiera dei fedeli come ‘litania della carità’ e la presentazione dei doni come

autentico luogo di attenzione alle necessità della chiesa e dei poveri.

 

E. SAPORI, Celebrare in contesti di fragilità 

Il Verbo di Dio, «che è venuto ad abitare in mezzo a noi», quale medico delle anime e dei corpi diventa

esempio non solo di donazione, ma anche di ascolto dei sofferenti. Le celebrazioni terranno conto delle

situazioni particolari delle persone, con la preghiera che preveda non solo la messa, ma anche celebrazioni

della parola di Dio e/o con la recita dei salmi del malato o della bontà e misericordia di Dio.

 

D. GIANOTTI, Prendersi cura delle piccole comunità 

Come far sì che la chiesa abiti e si prenda cura di comunità piccole e disperse? L’autore risponde chiedendo

nuove ministerialità che custodiscano l’edificio chiesa, una ritualità più snella dell’eucaristia e

maggiore varietà di celebrazioni liturgiche o devozionali.

Schede per la formazione

 

M. DI BENEDETTO, La natura sociale e politica dell’atto liturgico.

Spunti di catechesi liturgica 

A fronte del rischio sempre nuovo di strumentalizzare le celebrazioni per altri scopi, l’autore cerca

di ritrovare la dimensione politica e sociale della liturgia fondandosi sulla natura cristologica e antropologica

dell’atto liturgico. Sottolineando l’intelligenza liturgica del raduno in assemblea, degli spazi

celebrativi, del cammino rituale e del linguaggio verbale, si cerca di rintracciare il senso evangelico

dell’impegno dei cristiani nel mondo.

 

Anno santo

R. BARILE, Chiedere, ottenere, dare misericordia:

le tre forme del sacramento della Penitenza 

 

Sussidi e testi

G. VENTURI, Prendersi cura della fragilità. Traccia di ritiro spirituale

per i volontari della Caritas 

 

Cronaca

G. DI NAPOLI, Pontificio Ateneo S. Anselmo. La decretale

di papa Innocenzo I a Decenzio vescovo di Gubbio 

 

Segnalazioni

P. BIGNARDI, Giovani e liturgia: riflessioni dopo una indagine



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Concilium 3-2016: La sofferenza e Dio"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore: Luiz Carlos Susin, Solange Lefebvre, Daniel Franklin Pilario, Diego Irrarázaval
Pagine:
Ean: 2484300020315
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

Sintesi:

Pensare la sofferenza è, anzitutto, rendersi solidali con chi soffre e preoccuparsi dell’assistenza premurosa e della giustizia. Ma la sofferenza solleva questioni che accrescono tanto il dolore quanto l’urgenza dell’attenzione da prestare. Da una parte c’è un’enorme varietà di sofferenze umane: biologiche, psicologiche, sociali; dall’altra, tali sofferenze producono una varietà di reazioni perfino opposte, dalla pietà all’odio, dalla paralisi legata alla delusione, fino all’impegno attivo. Ma soprattutto il carattere eccessivo della sofferenza solleva questioni che oltrepassano la filosofia e l’etica e coinvolgono la dimensione religiosa.

Parole chiave: sofferenza, teodicea, ingiustizia



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300020100
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

 

 

EDITORIALE

 

Davide. Il suo nome attraversa tutta la Bibbia:

dai libri storici al salterio, dai vangeli

all’Apocalisse. Musicista, guerriero,

amante, padre, re: un personaggio dai

mille volti (Dionisio Candido). Chi di noi può dire di

non averne mai sentito parlare, prima di aprire questo

fascicolo di Parole di Vita? La sfida che vogliamo

raccogliere, come al nostro solito, è quella di presentarvi

un ritratto il più possibile completo, che tenga

conto di molte – se non di tutte – le pagine bibliche

che ci parlano del re Davide. Sarà un rivisitare episodi

già noti e, allo stesso tempo, un aprire porte su

aspetti meno conosciuti della sua storia.

Nella Bibbia Davide fa la sua comparsa nei panni

di un ragazzo, addetto a sorvegliare il gregge di suo

padre Iesse. Ma subito si mostra che in quei panni

c’è spazio per un guerriero forte e astuto, che riesce

ad abbattere l’enorme filisteo, Golia, e che non avrà

timore di usare la violenza per unificare e difendere

il suo regno. Purtroppo, alla fine egli rimarrà imbrigliato

dalla violenza, che gli “rovinerà” gli ultimi anni

di regno (Paolo Messina). Ma non conviene che corriamo

subito alla fine: torniamo piuttosto al periodo

in cui Davide era già stato unto re da Samuele, ma

sul trono sedeva ancora Saul. In quel periodo fiorisce

l’amicizia con Gionata, il figlio di Saul; la serenità del

loro essere amici è raccontata anche nell’immagine di

copertina, di Cima da Conegliano (Marcello Panzanini).

Il protagonista di questa bella amicizia però non

è Davide, sempre un po’ “freddo”, bensì Gionata: nel

suo modo di agire appare uno degli esempi più alti di

amore gratuito e disinteressato, con tratti che fanno

pensare allo stile di Gesù (Donatella Scaiola). Di quel

periodo della vita di Davide non possiamo tralasciare

il difficile rapporto con Saul; potremmo quasi dire

che Davide mostra di aver imparato da Gionata,

perché – pur avendone l’opportunità – non uccide

colui che lo perseguita. È vero che fin dai primi anni

c’è molta violenza nel suo curriculum, ma quel giorno

nel deserto di Giuda il perdono fiorisce inatteso

sul terreno della violenza (Dionisio Candido).

 

SOMMARIO

4. Davide

Editoriale

Dionisio Candido

DAVIDE, TRA STORIA

E RILETTURE BIBLICHE

Paolo Messina

DAVIDE RE VIOLENTO?

IL POTERE DELLA VIOLENZA

E LA VIOLENZA DEL POTERE

Donatella Scaiola

L’AMICIZIA TRA DAVIDE E GIONATA:

UN QUADRO REALISTICO?

Dionisio Candido

LA SCELTA DI DAVIDE (1 SAM 24):

VIOLENZA E PERDONO

NEL RAPPORTO CON SAUL

Benedetta Rossi

ALL’OMBRA DEL POTERE.

DAVIDE, LE SUE DONNE E I SUOI FIGLI

Francesco Bargellini

MISERIA E NOBILTÀ DI DAVIDE

Tiziano Lorenzin

DAVIDE E LA CITTÀ SANTA

Annalisa Guida

UN UOMO

SECONDO IL CUORE DI DIO.

LA COSTRUZIONE DEL PERSONAGGIO

Valentino Bulgarelli

LA MISERICORDIA DI DIO

E LA FRAGILITÀ DI DAVIDE

PER LEGGERE E RILEGGERE

Valeria Poletti

Davide nelle arti

APOSTOLATO BIBLICO

Dionisio Candido

Alcuni orientamenti operativi

VETRINA BIBLICA

ARTE

Marcello Panzanini

Il compiacimento dell’anima? È l’amicizia



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 478"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300020049
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

 

RUBRICA

Per comunicare meglio

28. I preti scrivono... ma sanno comunicare?/14 (Roberto Laurita)

DOSSIER

Le nostre grandi parole

63 Castità

1. Castità: nel linguaggio e nella sensibilità diffusa

della cultura odierna (Valeria Boldini)

2. L’insegnamento biblico sulla castità (Patrizio Rota Scalabrini)

3. La castità nella teologia morale cattolica, oggi (Maurizio Chiodi)

4. Castità: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin)

5. Castità: breve antologia di testi

(Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)

SUSSIDIO

Nel segno della misericordia. Una giornata di ritiro

durante un campo estivo per adolescenti (Roberto Laurita)

PREPARARE LA MESSA

Dalla 16ª domenica alla 21ª domenica del Tempo ordinario

16ª Domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Walther Ruspi, Vittorio Brunello)

17ª Domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Antonio Gentili, Vittorio Brunello)

18ª Domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Giuseppe Sovernigo,

Vittorio Brunello)

19ª Domenica ordinaria

(Gianluigi Corti, + Gianni Ambrosio, Angelo Lameri)

20ª Domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Sergio Nicolli, Angelo Lameri)

Assunzione di Maria (Gianluigi Corti, Angelo Lameri)

21ª Domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Giovanni Ancona,

Angelo Lameri



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lateranum n. 2-3/2016"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 9788846511232
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

Prolusione

Nicola Ciola, Le ragioni del Lateranense IV e le sue possibili riletture “teologiche”

 

Relazioni

Giululia Barone, Innocenzo III teologo e riformatore 

Sergio P. Bonanni, Teologia ed ermeneutica dell’alterità. Il dibattito medievale fino al Concilio Lateranense IV 

Riccccardo Ferri, I sermoni tenuti da Innocenzo III durante il Lateranense IV 

Antonio Pitta, Quali riferimenti e quale ermeneutica biblica al Concilio Lateranense IV? 

Pierluluigi Sguazzardo, I principali contenuti dogmatici del Lateranense IV 

Danilo Mazzoleni, L’iconografia del Concilio Lateranense IV nei saloni sistini in Vaticano 

Giuseppe Lorizio, La professione di fede (Firmiter credimus) “quarto simbolo della Chiesa”? Riflessione speculativa 

Santiago del Cura Elena, “Nemo nisi sacerdos”: Sacerdote y Eucaristia en la profesión de fe del IV concilio de Letrán (1215) 

Giovanni Tangorra, Romano pontefice ed episcopato nel Lateranense IV

Antonio Sabetta, I temi “recoepti” del Lateranense IV in prospettiva storico-teologica 

Natale Loda, La legislazione del 1215 del Concilio Lateranense IV. I greci e i cristiani orientali fra tradizione ed innovazione del diritto canonico 

Renzo Gerardi, “Regimen animarum”, predicazione e disciplina dei sacramenti al concilio Lateranense IV 

Roberto Nardin, «Mores et acta clericorum» al Concilio Lateranense IV 

Claudio Canonici, Hoc salutare statutum frequenter in ecclesiis publicetur. La ricezione del canone XXI De confessione nella normativa sinodale pre-tridentina (secoli XIII-XV) 

Alvaro Cacccciotti, Gli Ordini mendicanti. Riforme e innovazioni nella vita religiosa al tempo di Innocenzo III 

Luigi Michele de Palmlma, Eresia e repressione: la Crociata contro gli Albigesi 

Philippe Chenaux, Chiesa ed ebrei secondo le decretali del Lateranense IV 

Lubomir ak, Il Lateranense IV. Bilanci e prospettive

 

 

Editoriale

Il 30 novembre 1215 nella Basilica di San Giovanni in Laterano si chiuse il Concilio Lateranense IV. È sembrato doveroso alla Facoltà di Teologia della Pontificia Università Lateranense, così da vicino legata alla sede del vescovo di Roma in Laterano, soffermarsi a riflettere, nell’VIII centenario di quell’evento (1215-2015), sul lascito del più importante concilio del medioevo e tra i più significativi della storia della chiesa. 

Il presente fascicolo contiene gli Atti del Simposio che si è svolto nella Pontificia Università Lateranense il 30 novembre e l’1 dicembre 2015 in occasione appunto degli 800 anni di quell’assise. Il Simposio si era prefissato due scopi: anzitutto voleva far emergere il valore del contributo delle ricerche sul Lateranense IV. Esso non può essere sottaciuto, per il suo rilevante apporto sul piano teologico e canonistico, specialmente in relazione con l’impegno di riforma della Chiesa e di rinnovamento spirituale della vita dei fedeli. 

Nello stesso tempo il Simposio ha cercato di operare una ri-lettura del Lateranense IV soprattutto in prospettiva teologica. Si è inteso cioè far emergere la fecondità di temi e formule che hanno accompagnato la storia della teologia, per far sì che quell’eredità possa dire qualcosa di significativo per noi oggi. I temi teologici maggiormente trattati nel Simposio hanno riguardano Dio come sostanza, la Trinità, la dottrina della analogia, della creazione de nihilo, l’ecclesiologia, la teologia sacramentaria, cioè quei capitoli della professione di fede che continuano ad interrogare oggi la riflessione teologica.

 Questo peculiare angolo visuale “teologico” non poteva però prescindere dalla storia e dai suoi significati. Hanno trovano così spazio quegli argomenti che fecero del Lateranense IV il crocevia di eventi epocali e concrete risposte a situazioni nuove che si stavano venendo a creare nella chiesa di quel tempo e dalle quali anche oggi vi è da imparare nel processo di riforma della chiesa. 

Nel giudizio degli storici il Lateranense IV costituisce «la più importante codificazione canonica realizzata prima del concilio di Trento. Dogma, morale, disciplina e organizzazione della chiesa sono oggetto di decisioni che costituiscono un notevole adattamento dei principi tradizionali alla situazione presente» (A. Fliche). Nel IV Concilio Lateranense va pertanto riscontrata «una tappa essenziale di quel generale processo di riorganizzazione pastorale, caratterizzato da una linea di attenzione verso le esigenze religiose di fondo del popolo cristiano, quali si erano venute prospettando in conseguenza degli esiti della riforma gregoriana e dei nuovi sviluppi della società» (M. Sensi).

Nicola Ciola



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Credere Oggi"
Editore: Edizioni Messaggero
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300020216
Prezzo: € 6.75

Descrizione:

EDITORIALE

 

Il gender, una questione che ci interpella

Un vero e proprio «conflitto simbolico, politico e pratico»1 si è aperto intorno alla «questione del genere», con innegabili risvolti di ordine culturale, teologico, educativo, sociale e giuridico. Del dibattito che ne è scaturito, i media non di rado hanno fornito una rappresentazione a tinte manichee, favorendo la polarizzazione dei fronti contrapposti, con il risultato che è sotto gli occhi di tutti: semplificazione del problema, fraintendimenti, barricate ideologiche.

In questo panorama, in cui la logica della contrapposizione sembra prevalere su quella dell’ascolto, il fascicolo intende dare spazio a una riflessione articolata, rispettosa della complessità, nella convinzione che in merito al gender, vi sono certamente alcune interpretazioni non condivisibili, soprattutto alla luce di una visione antropologica cristiana, ma anche «istanze che meritano di essere seriamente considerate», come osservato in una nota dell’Ufficio scuola della diocesi di Padova (2015), consultabile nella rubrica Documentazione.

Sul modo di intendere la «questione del genere» non vi è accordo. Secondo un’efficace sintesi di Chiara Giaccardi, per alcuni «l’ideologia gender esiste ed è unica» (posizione dei «no gender»), mentre per altri, «l’ideologia gender non esiste ed è una invenzione di chi non accetta i cambiamenti (tesi dei “pro gender”)»2. Posta in modo così riduttivo, la contrapposizione rischia di far perdere di vista il nodo della questione, che si può così riassumere: «Quale rapporto intrattenere con la nostra dimensione biologica, in un tempo in cui i confini di ciò che è “naturale” si sono ridefiniti e sono continuamente forzati in ogni direzione?»3.

Nel dibattito mediatico, sembra prevalere una visione del gender nella sua versione più radicale. Secondo questa impostazione, il genere è una pura costruzione sociale, mentre il dato biologico assume un rilievo secondario: ciò che veramente conta è la scelta dell’individuo. Si tratta, come noto, delle posizioni assunte da frange estreme del femminismo di genere, posizioni rifiutate anche da coloro che alla riflessione sul gender hanno fornito un contributo fondamentale (la stessa Judith Butler ha preso le distanze da queste tesi).

Con tutto questo, però, non si può banalizzare né considerare superflua la discussione sul gender, derubricando la questione a semplice espressione di minoranze ideologizzate. La storia è lì a ricordarci che sull’asse delle differenze di genere, lungo i secoli – ma ancor oggi in diverse parti del mondo – si sono praticate discriminazioni, «giustificando» le diseguaglianze unicamente in rapporto all’appartenenza a un sesso piuttosto che a un altro. Detto altrimenti, se da una parte, occorre riconoscere il proprium del maschile e del femminile, rispettando e valorizzando le diversità, a partire dal dato biologico, dall’altra, la difesa dei «confini naturali» non può più significare la marginalizzazione del femminile. Si tratta di rivedere posizioni astratte, che ignorano come l’essere umano sia sempre un «essere situato» in una cultura, una storia, uno spazio, ma ancor prima in un corpo sessuato. Da più parti, ormai, si coglie il carattere datato di certe «narrazioni» della femminilità e della mascolinità, consapevolezza che deve tradursi in uno stimolo alla ricerca di nuovi linguaggi e modalità espressive che valorizzino lo specifico di ciascun sesso, in un’epoca segnata da nuove modalità dell’essere. In questa direzione, si muovono i contributi ospitati nel fascicolo.

Con Voci della differenza sessuale: genere, differenza, differenze, Lucia Vantini prende in esame termini che rimandano a epistemologie, visioni del mondo e pratiche molto distanti tra loro. Come si può facilmente intuire, si tratta di nodi cruciali nella comprensione dell’umano, ma non sempre intesi allo stesso modo: per alcuni, essi esprimono una felice attenzione alla dualità dei generi, per altri, invece, rappresentano segni di disgregazione della civiltà.

Dopo aver richiamato le differenti interpretazioni del gender, Serena Noceti, nell’articolo L’antropologia incompiuta, propone il «genere» come categoria analitico-critica capace di veicolare un’interpretazione culturale, storica, simbolica delle differenze sessuali, necessaria a una re-visione del pensiero teologico sull’anthropos.

Uno sguardo sociologico sul genere, campo di conflitti è il titolo del contributo di Italo De Sandre, per il quale non si può comprendere il dibattito sulle questioni intorno al genere, senza uno sguardo ai soggetti coinvolti, ai loro valori, alle paure e agli obiettivi che li caratterizzano. Non solo, però, in rapporto al presente, ma anche con un’attenta considerazione delle dinamiche storiche, insieme alla pluralità dei contesti culturali, in cui si osservano diversi modi di concepire i ruoli sessuali.

Marinella Perroni riflette su Uomini e donne nella Bibbia, tema in apparenza semplice e lineare. In realtà, nella storia dell’interpretazione del testo biblico, il rilievo attribuito alle figure maschili e femminili è stato molto diverso. Riguardo ai personaggi femminili, il riconoscimento del loro valore letterario e teologico è un’acquisizione recente degli studi esegetico-teologici, mentre sul versante delle figure maschili resta ancora molto da chiarire riguardo a ciò che significa e comporta la loro maschilità.

Pier Davide Guenzi affronta la questione del rapporto tra Genere e magistero. Prendendo le mosse dall’unico riferimento al lemma gender nell’esortazione apostolica postsinodale Amoris laetitia (n. 56), l’articolo considera la questione «genere» nei documenti ascrivibili al magistero della chiesa cattolica nell’arco dell’ultimo ventennio: dall’intervento della Santa Sede alla IV Conferenza mondiale sulla donna, promossa dall’ONU (Pechino, 1995) sino ai due recenti sinodi sulla famiglia (2014-2015).

Respingendo una concezione dissociata e strumentale del corpo rispetto allo spirito, Aristide Fumagalli propone un saggio sull’Antropologia dei corpi sessuati. Ne emerge un approccio simbolico del corpo, in forza del quale – osserva l’autore – «la persona non riduttivamente ha un corpo, ma è corporea». In questa prospettiva, il corpo maschile e quello femminile incarnano ed esprimono diverse disposizioni spirituali che pur non essendo esclusive dell’uno o dell’altra, ne forniscono però la caratterizzazione.

Maschile e femminile nella storia delle religioni e i problemi del gender offre, invece, una panoramica sul modo in cui alcune tradizioni religiose hanno compreso e declinato la differenza di genere. Tra le varie suggestioni offerte da Aldo Natale Terrin, è da segnalare la proposta di un’«epistemologia al femminile», istanza culturale più che mai attuale e necessaria per conseguire un equilibrio che in passato non è stato sempre raggiunto.

L’articolo di Placido Sgroi, «Nato da donna». Un percorso fra teologia e maschilità, risponde a un interrogativo che si può così formulare: come mettere insieme maschilità e teologia? Quattro le tappe che hanno segnato questo singolare percorso, tappe sulle quali si concentra l’autore, suggerendo preziosi spunti di riflessione: paternità, filialità, parzialità e reciprocità.

Infine, uno sguardo critico al presente, muovendo da una prospettiva originale. In Identità, differenze. Note a margine del dibattito sul gender, Elisabetta Musi esamina il confronto in atto nel nostro paese circa le questioni di genere. Lo scopo non è prendere una posizione piuttosto che un’altra, ma individuare gli interrogativi di fondo e i presupposti – spesso impliciti e non sempre riconoscibili –, a partire dai quali si sviluppa il dibattito.

Nella Documentazione, come abbiamo detto, si trova una nota a cura dell’Ufficio scuola della diocesi di Padova, pubblicata nel 2015, in risposta a richieste di chiarimento in merito alla «questione del gender». L’intervento considera diversi aspetti della questione, soffermandosi in modo particolare sulle ricadute in ambito educativo delle problematiche di genere.

L’Invito alla lettura propone un ricco repertorio bibliografico, organizzato da Rita Torti, nella forma di un vero e proprio «percorso ragionato», attraverso la presentazione critica delle opere che hanno segnato la riflessione sui diversi aspetti delle questioni affrontate nel fascicolo.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La silloge bonaventuriana del ms. isidoriano 1/73 (3-45)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Felice Accrocca
Pagine:
Ean: 2484300020131
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

While MS 1/73 at Collegio S. Isidoro, Rome, had been studied by L. Lemmens and E. Pásztor for some important early Franciscan texts that it contains (the Intentio regulae, the Verba Francisci and the Speculum perfectionis), this article now transcribes the extracts of Bonaventure’s Legenda maior present in the same manuscript at ff. 58v-78v and highlights some of its characteristics. The compiler of these extracta moralia et devota, the author concludes, might be situated in the early Observance movement, offering spiritual texts for friars in a hermitage setting or, at least, for those less concerned with pastoral activities. 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Peter of John Olivis Allusions to the Condemnation of 7 March 1277 in Question 57 of His Quaestiones in secundum librum Sententiarum (47-98)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Dominic Whitehouse, OFM
Pagine:
Ean: 2484300020148
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

L’articolo esplora la natura della risposta, da parte di Pietro di Giovanni Olivi, alla censura di 219 proposizioni dottrinali decretata dal vescovo di Parigi, Etienne Tempier, nel 1277. Un attento esame delle obiezioni e soluzioni contenute nella q. 57 delle Quaestiones in II° librum Sent. sul determinismo psicologico rivela che Olivi infatti allude a un buon numero delle proposizioni che, secondo il vescovo ed i suoi consiglieri, mettevano in dubbio l’esistenza del liberum arbitrium. Olivi non utilizza la condanna di proposizioni particolari da argumentum ad verecundiam; e non le cita neppure direttamente o indirettamente. Si tratta piuttosto di allusioni discrete che, come tali, sono scappate all’attenzione degli studiosi dell’Olivi.  



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Fra Antonio da Vercelli (1483) tra sentimento e raziocinio (163-194)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Remo L. Guidi
Pagine:
Ean: 2484300020162
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Lenten sermons of the Quattrocento, although rather little studied, are an almost inexhaustible source of curious stories and of the most diverse sorts of information. In addition, they preserve the personalities of the often humble and anonymous friars who gave them and who with their untiring pastoral zeal allowed the Church to escape shipwreck before Trent. The article brings to our attention the Observant friar Antonio da Vercelli, studies his character, and evaluates his intellectual horizons. The main focus is on Antonio’s sermons, whereas his Memoriale, sent to Lorenzo de’ Medici after the Pazzi Conspiracy (1478), will have to be studied in a distinct monograph. 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Les Remarques du Couvent de Sainte Claire dArgentan (195-250)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Pierre Moracchini
Pagine:
Ean: 2484300020179
Prezzo: € 5.00

Descrizione:The chronicle of the Argentan Leonist Poor Clares, written between 1663 and 1743, offers a complete list of the abbesses and Franciscan confessors of this monastery since its early beginnings in 1517/18. As such, the chronicle helps to establish a large family network of sisters, brothers and benefactors which includes various branches of the Franciscan Order and beyond. The chronicle also insists on a continuous attachment to the monastery by the descendants of Marguerite of Lorraine, Duchess of Alençon and foundress of the monastery, even in times when her noble family had adhered to Protestantism. The article recalls the somewhat complex foundational history of the Argentan community and transcribes the full text of its chronicle.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Hospital balneario franciscano de Los Baños (Laguna, Filipinas). Nuevos documentos para su historia (251-308)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Cayetano Sànchez Fuertes. OFM.
Pagine:
Ean: 2484300020186
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Among the various hospitals established and/or run by the Franciscans in the Philippines in the early modern period, Los Baños was famous for the healing qualities of its hot springs. The transcription of 22 documents pertaining to the history of the hospital between 1603 and 1877 contributes to filling some gaps in our knowledge of Los Baños. They mainly speak of its regal and, especially, local funding, therefore giving some interesting insights into the economic and social history of this small place in Laguna Province. Some documents also shed light on projects for the rehabilitation of the facility in 1827/28 and in 1877. The hospital finally came into public hands in the 1880s and was closed in the aftermath of World War II. 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lateranum n. 1/2016"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 9788846511027
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

Articoli

Romano Penna, Martin Lutero e la Bibbia

Giuseppe Lorizio, The Eucharistic Doctrine of Luther, Read and Interpreted by a Catholic Theologian

Ricc ardo Ferri, Le missioni divine nel De Trinitate di Agostino d’Ippona. Commento ai libri II-IV

Pascal Ide, Une lecture polysémique de la nature. Trois propositions pour un discours des méthodes. II

Carlo Lorenzo Rossetti, Dignitas dilectionis munus. Dignità umana e Fede cristiana

 

Note

Karel Skalick ý, La Rivelazione e il tempo. Abbozzo della tipologia della rivelazione secondo il parametro del tempo

Wilfried Härle, Kirche als congregatio oder als – zweifache – communio sanctorum?

 

 

EDITORIALE

Il 31 ottobre 2017 faremo memoria dei cinquecento anni della riforma.

La nostra Facoltà di Teologia partecipa attivamente a un percorso di avvicinamento

all’evento attraverso un progetto di ricerca interfacoltà, attivato col contributo

del Servizio Nazionale per gli studi superiori di Teologia e di Scienze

religiose della Conferenza Episcopale Italiana. Il lavoro si svolge in sinergia

con la Facoltà Valdese di Teologia di Roma, la Facoltà Teologica dell’Italia

Settentrionale di Milano, l’Istituto ecumenico San Bernardino di Venezia e

l’Istituto Sophia di Loppiano e vede il coinvolgimento di un gruppo qualificato

di studiosi, che programmano corsi comuni per le nostre specializzazioni

e si incontrano periodicamente per incontri seminariali di confronto. La tematica

generale e l’orizzonte in cui si svolge questo impegnativo lavoro è stata

individuata nella spiritualità della riforma. E gli argomenti dei corsi comuni,

attivati a partire dal 2015-16, saranno rispettivamente: la theologia crucis, la

spiritualità del simul iustus et peccator e la riforma dell’agire ecclesiale.

Se lo scopo del progetto è anzitutto la preparazione e la celebrazione del

V centenario della Riforma, tuttavia il suo intento più ampio è di continuare,

anche dopo il 2017, questo lavoro di ricerca e di promozione di studi sulla Riforma,

interconfessionale e di interfacoltà. Gli ambiti epistemologici e metodologici

di tali ricerche sono stati individuati sostanzialmente in due direzioni

diverse ma interagenti fra loro:

1. l’ambito storico (così da coinvolgere anche i vari Dipartimenti di storia

delle Università statali e non), volto ad approfondire i “significativi mutamenti”

di metodo, analisi e valutazione su personaggi ed eventi del XVI secolo

che la storiografia degli ultimi cento anni ha introdotto; questa precisa

attenzione alla storia parte anche dalla sensazione che tale “evoluzione” storiografica

non trovi adeguato peso e ascolto nei tradizionali manuali delle

facoltà teologiche.

2. L’ambito teologico con particolare attenzione alla dimensione esistenziale,

spirituale e pastorale della teologia secondo la visione di Lutero e degli

altri riformatori; una teologia, quindi, non tanto “di scuola”, ma a livello di

vita e di comunità, e in tal senso pastorale e spirituale, elaborata e finalizzata

alla formazione (“ri-forma”) costante dei singoli credenti e della Chiesa alla

luce del Vangelo.

L’attualità dell’argomento ri-forma è fuori discussione, ma essa incrocia

anche la tematica dell’anno giubilare che la Chiesa cattolica sta celebrando.

Benedetto XVI, infatti, nel bellissimo discorso pronunciato ad Erfurt il 23

settembre 2011, ebbe modo di dire:

«Ciò che non dava pace [a Lutero] era la questione su Dio, che fu la passione

profonda e la molla della sua vita e dell’intero suo cammino. “Come posso avere

un Dio misericordioso?”: questa domanda gli penetrava nel cuore e stava dietro

ogni sua ricerca teologica e ogni lotta interiore. Per Lutero la teologia non era

una questione accademica, ma la lotta interiore con se stesso, e questo, poi,

era una lotta riguardo a Dio e con Dio. “Come posso avere un Dio misericordioso?”.

Che questa domanda sia stata la forza motrice di tutto il suo cammino mi colpisce

sempre nuovamente nel cuore. Chi, infatti, si oggi si preoccupa ancora di questo,

anche tra i cristiani? Che cosa significa la questione su Dio nella nostra vita? Nel

nostro annuncio? […] il male non è un’inezia. Esso non potrebbe essere così potente

se noi mettessimo Dio veramente al centro della nostra vita. La domanda: Qual è

a posizione di Dio nei miei confronti, come mi trovo io davanti a Dio? – questa

scottante domanda di Lutero deve diventare di nuovo, e certamente in forma

nuova, anche la nostra domanda, non accademica, ma concreta. Penso che questo

sia il primo appello che dovremmo sentire nell’incontro con Martin Lutero».

Con queste motivazioni e con questo spirito, la rivista espressione della Facoltà di

teologia della nostra Università ospita ed ospiterà studi afferenti a tale progetto

di ricerca, perché oltre il gruppo degli addetti ai lavori, tutta la comunità accademica

e i nostri lettori possano partecipare a questo impegnativo e affascinante cammino.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "The Eucharistic Doctrine of Luther, Read and Interpreted by a Catholic Theologian"
Editore: Lateran University Press
Autore: Giuseppe Lorizio
Pagine:
Ean: 2484300020544
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Abstract

In line with a renewed relationship with Luther’s thought instead of a reductionist vision that tends to emphasize what the Lutheran theology negates, the article highlights the positive aspects in some of Luther’s writings on the sacrament of the Eucharist. From his Eucharistic Sermons to the Polemical and «Doctrinal» Works, an evolution can be disclosed. But the Eucharistic realism remains the underlying fundamental perspective based on the realism of the very mystery of Christ, of His incarnation, passion, death and resurrection, which no hypothetical formula could encase without reducing or removing it. In clear opposition to the “representationism” of his fellow reformers, the Father of the Reformation holds that the formula ist is not bedeutet, and affirms the realistic sacramentality of the Lord’s Supper, where the word of God actualizes what it expresses. The article fleshes out also three perspectives of interiority, otherness, and gratuity, which, along with Luther, can be discerned in the Eucharistic mystery-sacrament, seen in the light of Trinitarian ontology and agapic metaphysics.

Keywords

Luther, Reformed Tradition, Eucharist, sacrament, Trinitarian ontology, Christ

 

Abstract

In linea con un modo diverso di considerare Lutero, alternativo al riduttivismo che tende a enfatizzare ciò che la teologia luterana nega, l’articolo sottolinea la dottrina luterana sul sacramento dell’eucaristia in alcuni suoi scritti. Dai sermoni sull’eucarestia alle opere polemiche e dottrinali, si rivela un’evoluzione dentro cui però rimane fondamentale e costante il realismo del vero mistero di Cristo, della sua passione, morte e risurrezione. In aperta opposizione al “rappresentazionalismo” dei suoi seguaci riformatori, il Padre della riforma sostiene che la formula “ist” non va confusa con “significa” e afferma la sacramentalità reale della cena del Signore, dove la parola di Dio attualizza ciò che esprime. L’articolo abbozza anche tre prospettive – interiorità, alterità e gratuità – che con Lutero possono essere riconosciute nel mistero-sacramento dell’Eucarestia, considerato alla luce dell’ontologia trinitaria e della metafisica agapica.

Parole chiavi

Lutero, Tradizione Riformata, Eucarestia, Sacramento, Ontologia trinitaria, Cristo

 

__________________________________________________________

This reflection begins with a double difficulty. The first obstacle is the reverential fear with which I approach this exposition of Luther’s thought among specialists who certainly have a greater familiarity with, and understanding of, the Father of the Reformation than I do. At the same time, the fact that our shared work aims to reciprocally aid one another in the comprehension of what we profess and celebrate in our confessional belongings helps me overcome this first difficulty, otherwise insurmountable. The second challenge is a serious difficulty which derives from my first encounter with De captivitate. I experienced this text from the perspective of one who is, first of all, a Christian and Catholic priest who has sought to put the Eucharistic mystery, celebrated and lived in faith and devotion, at the center of faith and spirituality, as I was taught from the start of my preparation for First Communion and, as a young man, in the studies that led me to receive (thirty-five years ago) the gift of the priesthood, just as the Church to which I belong intends and lives it. I overcame this second dilemma with the knowledge of Luther’s own predicament when faced with a liturgical-sacramental praxis that had certainly deviated and was, by then, far from not only early Christianity but also the Gospel itself and its salvific word.

My hermeneutical position, which gives the perspective of this reflection, arises from the recognition of a reductionist vision of Lutheran theology that persists among Catholics. This vision especially tends to emphasize what the Lutheran tradition negates in relation to the Eucharistic mystery. This is evident not only in pre-Vatican II manualist works, but also in certain misdirected readings of the liturgical reform that have accompanied and followed the Council, almost as if the reform had adopted a Lutheran and, in general, a Reformed approach to the celebration of the sacraments, in particular, the Eucharist.

A reading which is interesting, though substantially misleading, might be the one offered by an entry in the Dictionnaire de théologie catholique entitled Luther and authored by J. Paquier.1 Faced with these positions – which defining as outdated would be reductive – I have deliberately chosen to highlight first the positive aspects in Luther’s writings (not all of them, of course) on the sacrament of the Eucharist, addressing the light that he sheds on this fundamental mystery. Then, I will look at the shadows he casts, addressing what he often virulently but in a critically prophetic way seems to insist on negating. This hermeneutical perspective is in line with a renewed relationship with Luther’s thought, the path suggested by the scholars (among others) J. Wicks, our professor at the Gregorian, and Y. Congar. The latter, besides dedicating a substantial chapter of his work on Luther to Eucharistic doctrine, expressed his opinion in the following manner: in Catholic interpretations (primarily French) “Luther showed the greatness of his errors, but he and his life were seen under the sign of mediocrity (Denigle), of the pathological (Grisar), of subjectivity (Maritain). Certainly Luther carried all of this within himself, but also how many treasures! May God be praised: in the last fifty years, historians and Catholic theologians have taken a more authentic approach.”2

Naturally, the perspective of the fundamentum dynamicum fidei, which underlies our entire work, will animate the discussion, exchange of views, and debate with Lutheran theology.

My study will proceed in the following manner: 0. Contextual notes; 1. Luther’s sermons on the Lord’s Supper; 2. The polemical works (De captivitate and Against the Heavenly Prophets); 3. The crystallization of doctrine in the Catechisms and the Confessio augustana; 4. Excursus: reflections on celebration (lex orandi). I will follow a primarily chronological order, with some exceptions, namely the discussion of Luther’s 1534 Holy Thursday sermon in Section One.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le missioni divine nel De Trinitate di Agostino d'Ippona. Commento ai libri II-IV"
Editore: Lateran University Press
Autore: Riccardo Ferri
Pagine:
Ean: 2484300020551
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

L’articolo segue la linea di sviluppo dei libri II-IV del De Trinitate di Agostino d’Ippona, il cui tema principale è costituito dalla riflessione sulle missioni divine del Figlio e dello Spirito Santo. Dopo l’enunciazione dei principi ermeneutici che presiedono all’interpretazione dei passi della Scrittura in cui si tratta delle missioni, l’intento di Agostino è mostrare, contro l’esegesi ariana, che missione non implica subordinazione. Tale fine è perseguito esaminando tre questioni, che ritmano la struttura dei tre libri: quale sia il soggetto delle teofanie veterotestamentarie; quali le loro modalità; quale il rapporto tra quelle e la pienezza della rivelazione della Trinità nell’opera di Cristo e nel dono dello Spirito Santo.

Parole-chiave

Essenza divina; incarnazione; mediatore; mediazione; missioni divine; persone divine; processione; teofania; Trinità economica; Trinità immanente; unità di Dio.

 

Abstract

This article presents the line of development in Books 2-4 of Augustine’s De Trinitate. In these Books the purpose of the author is to reflect about the divine missions of the Son and the Holy Spirit. After the examination of the hermeneutic criteria that guide the interpretation of the biblical passages in which the idea of mission appears, Augustine shows against Arian exegesis that “mission” does not mean “subordination”. This aim is pursued through the investigation of three issues, all of them concerning Old Testament theophanies: who is their subject; how they happen; what is their relationship with the fullness of Trinity’s revelation in the New Testament.

Key-words

Divine essence; divine missions; divine persons; economic Trinity; immanent Trinity; incarnation; mediation; mediator; procession; theophany; unity of God.

 

__________________________________________________________

In continuità con l’indagine fatta sul libro I del De Trinitate (d’ora in poi De Trin.)1 di Agostino2, prendiamo qui in considerazione i libri II-IV. I tre libri nel loro insieme costituiscono una chiara e indiscussa unità tematica, in quanto vertono principalmente sull’idea di missione divina. È vero che nel corso dell’esposizione il vescovo d’Ippona inserisce talora digressioni e divagazioni, tuttavia la nostra attenzione cercherà di seguire il filo principale della spiegazione, tralasciando le questioni meno attinenti o incidentali.

Riguardo alle missioni, poi, due sono gli aspetti che la lettura e il commento del testo metteranno in evidenza: in primo luogo il costante riferimento economico a qualsiasi affermazione fatta riguardo alla vita divina immanente: proprio la riflessione sulle missioni, che nel piano dell’opera precede un lavoro di intelligentia fidei sulla Trinità immanente, evidenzia l’attenzione agostiniana di partire dalla manifestazione che Padre, Figlio e Spirito Santo hanno fatto di se stessi nella storia della salvezza (dalla rivelazione ai Patriarchi e a Israele fino al compimento in Cristo) per poter fare qualsiasi affermazione sulla loro identità ad intra. In secondo luogo coglieremo il sapiente equilibro che emerge nella speculazione agostiniana tra il riferimento al distinto agire delle persone divine nella storia e la loro unità essenziale, in modo che nessuno dei due punti di vista abbia una priorità sull’altro, ma al contrario ciascuno rimandi intrinsecamente all’altro.

1. Libro II

Possiamo distinguere il libro II in tre sezioni: i primi paragrafi del libro (De Trin. 2, 1 - 2, 4, 6) considerano i principi ermeneutici che presiedono alla lettura di quei passi della Scrittura in cui si parla della differenza tra Padre, Figlio e Spirito Santo; la seconda (ibidem, 2, 5, 7 - 2, 7, 12) introduce la riflessione sulle missioni divine; il § 2, 7, 13, poi, costituisce la chiave di volta dell’intera architettura dei libri II-IV, in quanto presenta i tre principali problemi inerenti le missioni: la trattazione del primo occuperà la parte restante del libro II, mentre al secondo sarà dedicato il libro III e al terzo il libro IV.

1.1. Principi ermeneutici

Agostino comincia il libro II con un breve ma pregnante proemio, in cui delinea le difficoltà che si presentano nell’intelligenza della Trinità. Con un linguaggio che riprende i termini delle Confessiones, laddove aveva descritto la prima esperienza di Dio avvenuta dopo la lettura dei libri platonicorum3, il vescovo d’Ippona ammette che a causa della debolezza umana (infirmitas humana) dello sguardo della mente (acies mentis) nello sforzo d’intuire la luce inaccessibile (intueri inaccessibilem lucem) e a causa del linguaggio molteplice e multiforme della Scrittura (in ipsa multiplici et multimoda locutione Litterarum sacrarum) è facile cadere in errore quando si tratta della Trinità. Tuttavia, se almeno riesce a evitare i due errori più gravi (prendere partito prima che sia apparsa la verità e ostinarsi nell’errore), Agostino intende indagare la substantia Dei sia per mezzo della Scrittura, sia per mezzo delle creature (sive per Scripturam, sive per creaturam).

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Kirche als congregatio oder als zweifache communio sanctorum?"
Editore: Lateran University Press
Autore: Wilfried Härle
Pagine:
Ean: 2484300020599
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Abstract

Zentral geht es um das Verständnis von Kirche – just im Blick auf die systematisch relevante Bedeutung ererbter Begrifflichkeiten. Unter dieser Rücksicht werden vor allem communio und congregatio aneinander gespiegelt. Dabei tritt die für Kirche bestimmende Dialektik von vertikaler und horizontaler Logik deutlich hervor. Aus der gründenden Gemeinschaft mit Gott geht die Gemeinschaft der Gläubigen untereinander hervor. So erhellt sich die sakramentale Abendmahlsfeier als identitätsstiftendes Geschehen.

Schlüsselwörter:

Kirche; communio sanctorum; congregatio; Anteilgabe und -habe; Beziehung; Gemeinschaft mit Gott; Abendmahl

 

Abstract

The central question all focuses on the correct way of defining the Church. Terms and concepts taken from the tradition are analysed – right to emphasize their relevance in systematic theology. Mainly communio and congregatio are pointed out according to their particular significance. It gets evident that the nature of Church is characterized by some inner dialectics between vertical and horizontal logic. All is based on the communion with God, and only in a second moment the communion among those who believe gets relevant. That’s the reason why the Last Supper’s sacramental celebration really creates identity.

Keywords:

Church; communio sanctorum; congregatio; make participate; participation; relation; community and unity with God; Last Supper

 

___________________________________________________________

1. Eine Retractatio

Ich bin nun spätestens in dem Alter angekommen, in dem einem – nach dem Vorbild des großen Augustinus – Retractationes wohl anstehen. Ich habe damit allerdings schon sehr viel früher begonnen. Mein Schriftenverzeichnis weist schon im Jahr 1972 eine erste Miszelle mit dem Titel „Selbstkritik“1 aus, und sie war auch genau so gemeint. Wer viel irrt und damit frühzeitig beginnt, und beides habe ich getan, hat viel Gelegenheiten für Retractationes. Dass diese nicht nur Alterserscheinungen sind, sondern auch eine sportliche Note haben und insofern auch auf Lebendigkeit und Fitness, ja vielleicht sogar auf innere Jugendlichkeit, verweisen können, habe ich aus der patristischen Literatur gelernt, in der „Retractatio“ häufig mit „Rückzieher“, gelegentlich sogar mit „Fallrückzieher“ übersetzt wird.

Einen solchen muss und will ich aus Anlass dieses Vortrags machen, und zwar bezogen auf einen Text, mit dem ich ansonsten auch nach einem Vierteljahrhundert immer noch sehr zufrieden bin: meinen Artikel „Kirche VII. Dogmatisch“ in der TRE.2 Dort schrieb ich im Rahmen meiner „dogmatische(n) Erörterung der Lehre von der Kirche, die sich ihrer konfessionellen – in diesem Falle evangelisch(-lutherischen) Herkunft bewusst ist“3: „In der Formulierung des Apostolikums ‚communio sanctorum’ kommt auf prägnante Weise zum Ausdruck, dass die Kirche durch die Teilhabe an dem sie heiligenden Wort und Werk Gottes als Gemeinschaft von Geheiligten (= Glaubenden) existiert. Diesen komplexen Sachverhalt expliziert die Confessio Augustana ansatzweise in der Formel ‚congregatio sanctorum et vere credentium’ (CA VIII).

Am deutlichsten kommt diese Wesensbestimmung der Kirche in der Formulierung der Schmalkaldischen Artikel zum Ausdruck, wenn es dort heißt: ‚es weiß gottlob ein Kind von 7 Jahren, was die Kirche sei, nämlich die heiligen Gläubigen und ‚die Schäflin, die ihres Hirten Stimme hören’ …“.4 An dem, was ich damals geschrieben habe, ist nichts falsch, jedenfalls nicht „richtig falsch“, aber es ist doch missverständlich, so, als seien die lutherischen Formeln in CA und SA eine hinreichende Explikation der Formel „communio sanctorum“. Zwar bin ich rückblickend froh, dass ich damals nur gesagt habe, die Formel „communio sanctorum“ werde in CA VIII „ansatzweise“ expliziert, und dass ich für die Formel „communio sanctorum“ nur das Apostolikum als Quelle in Anspruch genommen habe, aber es wäre doch zumindest erhellend gewesen, wenn ich hinzugefügt hätte, dass die Formel „communio sanctorum“ in den lutherischen Bekenntnisschriften ausschließlich als Zitat aus dem Apostolikum und nie zur Explikation der eigenen Ekklesiologie verwendet wird.

Ich habe das damals nicht so geschrieben, weil es mir noch nicht bewusst war, und nicht etwa, weil ich das verheimlichen wollte. Im Gegenteil: Es hätte als kritischer Hinweis sehr gut zu dem von mir selbst schon damals vertretenen ekklesiologischen Ansatz gepasst. Aber dazu hätte es mir eben bewusst sein müssen, und das war es leider nicht. Heute meine ich – wie gesagt – zu wissen, dass die ekklesiologische Zentralformel „communio sanctorum“ in den lutherischen Bekenntnisschriften ausschließlich als Zitat aus dem Apostolikum5 und niemals zur eigenständigen Explikation der lutherischen Ekklesiologie vorkommt. Und es ist mir auch deutlich, wodurch das so gekommen ist: Der Begriff „congregatio sanctorum (et vere credentium)“ (also Versammlung) hat ihr den Rang abgelaufen bzw. sich als Ersatz für „communio sanctorum“ etabliert. Gründe für diese Ersetzung von „communio“ durch „congregatio“ habe in den reformatorischen Texten nirgends genannt oder ausgeführt gefunden. Ist es der „personalere“ Charakter von congregatio im Gegenüber zu „communio“?

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le vicende extra conciliari di Fernando Ruiz y Solórzano, arcivescovo di Yucatán (Messico)"
Editore: Lateran University Press
Autore: Piero Doria
Pagine:
Ean: 2484300021350
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Al concilio Vaticano II hanno partecipato complessivamente 3058 padri conciliari. Tuttavia, non tutti coloro che erano tenuti ad intervenire, secondo il Codice di Diritto Canonico o per concessione del papa, furono presenti. Nel 1964, per esempio, su 3074 aventi diritto presero parte ai lavori in aula 2466 vescovi, e nel 1965 su 3093 (valore più alto) risposero alla chiamata 2625 padri1.

Tra gli assenti, tutti giustificati, molti furono coloro che chiesero di essere esentati per ragioni di età, di salute o anche perché impediti dai rispettivi governi – soprattutto dell’Europa dell’Est, sotto l’influenza e il controllo dell’Unione Sovietica, e della Cina che aveva il triste primato del maggior numero di vescovi in carcere per fede – che, rifiutandosi di rilasciare il passaporto, ne vietarono di fatto la partecipazione. Tra di essi emerge anche il caso, eccezionale, di un vescovo messicano, Fernando Ruiz y Solórzano (arcivescovo di Yucatán)2, al quale per ragioni disciplinari venne impedito da Paolo VI di prendere parte all’Assemblea durante i lavori del terzo (1964) e del quarto periodo (1965). Ed è la seguente vicenda che esaminerò, in questa sede, attraverso la documentazione conservata nell’Archivio del concilio Vaticano II.

Come già detto, si tratta di un evento eccezionale che non ha, vale la pena di precisare, nulla a che vedere con la grande Assemblea dei Vescovi e che mette, al contrario, ancora una volta in evidenza lo stile e la proverbiale delicatezza, ormai ampiamente nota, di Paolo VI, che seppe prendere o far prendere (Congregazione Concistoriale) gli opportuni provvedimenti senza particolari clamori o pubblicità e, soprattutto, nel pieno rispetto della dignità della persona umana secondo gli insegnamenti di sant’Agostino. Tema, del resto, quest’ultimo (del rispetto della dignità della persona umana) ampiamente evocato dallo stesso pontefice nei suoi interventi durante tutto il periodo conciliare.

A questo proposito, mi sembra di poter affermare, che tranne i pochi direttamente interessati, per questione di ufficio, vale a dire, ovviamente oltre a Paolo VI, il cardinale Amleto Giovanni Cicognani (Segretario di Stato), Pericle Felici (Segretario Generale del Concilio), Angelo Dell’Acqua (sostituto della Segreteria di Stato), il cardinale Carlo Confalonieri (segretario della Congregazione Concistoriale), Sergio Guerri (segretario del Segretariato Amministrativo) e Luigi Raimondi (delegato apostolico in Messico, per il mezzo del quale veniva trasmessa la documentazione del Vaticano all’Arcivescovo di Yucatán), nessuno altro venne a conoscenza della vicenda o così, almeno, sembrerebbe.

Ma veniamo ai fatti!

Nel corso del mese di agosto 1964 giungeva inaspettata a Sergio Guerri una lettera del direttore dell’Hotel Americana, in via Aurelia a Roma, con la quale respingeva il rinnovo della prenotazione in favore di Fernando Ruiz y Solórzano e del sacerdote Luis Muñoz, segretario di Luis Altamirano y Bulnes (arcivescovo di Morelia in Messico)3, per il terzo periodo, entrambi in qualità di ospiti della Santa Sede, come persone non desiderate in quanto, a detta del responsabile dell’albergo, resesi protagoniste di comportamenti inappropriati.

Di seguito le due note riservatissime redatte da Sergio Guerri, il 14 agosto 1964, e trasmesse ad Angelo Dell’Acqua, riguardanti rispettivamente l’Arcivescovo e il Sacerdote:

S. E. Mons. Ruiz y Solorzano Fernando, Arcivescovo di Yucatan (Mexico) durante la seconda sessione del Concilio Ecumenico Vaticano II, è stato ospitato, a carico della Santa Sede, presso l’Hotel Americana di Roma, Via Aurelia.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Mons. Pietro Rossano: cultura e dialogo"
Editore: Lateran University Press
Autore: Andrea Riccardi
Pagine:
Ean: 2484300021367
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Ringrazio per questa occasione** di ricordare mons. Pietro Rossano e per avermi invitato a prendere la parola su questa figura di un amico scomparso ormai molti anni fa. Abbiamo continuato a ricordarlo e a studiarlo negli anni passati, non solo per affetto ma per il significato della sua figura poliedrica, che non può essere esaurita in una sola definizione: biblista, studioso delle religioni, docente universitario, uomo di Curia e altro. Eppure la sua storia ci appare confinata in un tempo lontano, prima della globalizzazione e prima della dissoluzione dell’Unione Sovietica: muore nel luglio 1991, a cinquantotto anni, un mese prima della fine dell’URSS. In quegli anni cominciava un tempo differente, mentre culture, religioni e civiltà entravano in un rapporto più stretto, che poteva divenire conflittuale.

Pietro Rossano era cittadino di un mondo che aveva le sue radici nell’Italia povera della guerra e del secondo dopoguerra. Ricordava sempre l’effetto pacificatore su di lui adolescente (che non capiva appieno quel che succedeva con la guerra) delle parole del radiomessaggio di Pio XII, il 24 agosto 1939: «Nulla è perduto con la pace. Tutto può esserlo con la guerra. Ritornino gli uomini a comprendersi. Riprendano a trattare». Da giovane ha vissuto le povertà di quell’ambiente e ha perseguito fin dai primi anni la via della fede “pensata” (avrebbe detto più tardi), del sacerdozio, di un’esistenza di studio, ricerca, amicizie nutrite di idee e dialogo. Evoco brevemente, tra i suoi amici, la figura di Natale Bussi, intellettuale di provincia che guardava lontano,

amico del domenicano e biblista Giuseppe Girotti di Alba, ucciso a Dachau nel 1945 per aver nascosto gli ebrei durante le razzie naziste.

Vorrei interrogarmi, con uno sguardo rivolto al futuro della Chiesa, su Pietro Rossano servitore della Santa Sede, proprio nel periodo della riforma della Curia, operata da Papa Paolo VI, con la Regimini Ecclesiae, che è del 1967, due anni dopo la conclusione del Vaticano II (la progettazione della riforma dura due anni e il papa stesso ne è l’architetto).

Bisognerebbe anche parlare della sua cultura, della sua dedizione allo studio della storia delle religioni: un impegno iniziato da ventenne autodidatta e perseguito successivamente con rigore scientifico e strumenti più adeguati, fino a dirigere la prestigiosa collana della UTET Classici delle religioni assieme a Luigi Firpo e Francesco Gabrieli1. Interessato a tanti aspetti del sapere, era un divoratore di libri e a lui si potrebbe attribuire quanto ha scritto Umberto Eco: «Chi non legge, a 70 anni, avrà vissuto una sola vita. Chi legge avrà vissuto 5.000 anni. La lettura è un’immortalità all’indietro». Dopo gli studi alla Gregoriana e al Biblico, ritornato ad Alba, si laureò in Lettere classiche all’Università di Torino: lì non solo apprese a frequentare i Padri (vi insegnava il prof. Michele Pellegrino), ma anche «a guardare al mondo teologico-biblico mettendomi […] dall’altra sponda»2.

Timido e riservato, aveva però il gusto dell’amicizia, ricordando quello che diceva un suo collega ad Alba, Piero Chiodi: «meglio stare un’ora insieme che scrivere un articolo». Questa cordialità ha fatto sì che, negli anni, si costituisse attorno a sé una rete di rapporti, sempre attraversati dal dialogo sui temi che gli stavano a cuore, fino a toccare ambienti lontani dal suo tramite i contatti interreligiosi e universitari. Alla lettura – la sua biblioteca ne era testimone –, all’amicizia, si accompagnava un gusto per il viaggio. E nel viaggio, l’uomo di cultura e di storia apprendeva ed era capace di “leggere” quello che vedeva e visitava.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Centro Vaticano II - Studi e Ricerche"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 9788846511171
Prezzo: € 12.00

Descrizione:

INDICE

 

Bertrand Lesoining, Louis Bouyer, un théologien dans les coulisses du concile Vatican II 

Alexandra von Teuffenbnbach, P. Sebastiano Tromp, Segretario della Commissione teologica preparatoria e conciliare 

Piero Doria, Le vicende “extra conciliari” di Fernando Ruiz y Solórzano, arcivescovo di Yucatán (Messico) 

 

Protagonisti

Andrea Riccardi, Mons. Pietro Rossano: cultura e dialogo 

 

Ricerche

Matteo Mennini, La «Chiesa dei poveri» e il Vaticano II 

 

Recensioni

Giovanni Tangorra, su “Sacrosantum concilium”. Gratitudine e impegno per un grande movimento di comunione ecclesiale, atti del simposio organizzato dalla Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei sacramenti, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2015. 

Marialuisa Lucia Sergio, su Angelo Biancnchi (a cura di), Il concilio Vaticano II. Crocevia dell’umanesimo contemporaneo, Vita e Pensiero, Milano 2015. 

Gilfredo Marengo su Paolo Prodi, Giuseppe Dossetti e le Officine bolognesi, il Mulino, Bologna 2016



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 477"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300019821
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

Per comunicare meglio

27. I preti scrivono... ma sanno comunicare?/13 (Roberto Laurita)

 

DOSSIER

Le nostre grandi parole

62 Testimonianza

1. Testimonianza: l’uso giuridico del termine e il significato cristiano dell’esperienza testimoniale (Valeria Boldini)

2. La testimonianza nel Nuovo Testamento (AugustoBarbi)

3. Testimonianza: una comprensione teologica (Raffaele Maiolini)

4. Testimonianza: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin)

5. Testimonianza: breve antologia di testi (Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)

 

SUSSIDIO

Suggerimenti per la preghiera del mattino in un GREST parrocchiale (Roberto Laurita)

 

PREPARARE LA MESSA

Dalla solennità della SS. Trinità alla 15ª domenica del Tempo ordinario

Santissima Trinità (Gianluigi Corti, Pierino Boselli)

SS. Corpo e Sangue di Cristo (Gianluigi Corti, Pierino Boselli)

10ª domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Angelo Brusco, Pierino Boselli)

11ª domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Valeria Boldini, Pierino Boselli)

12ª domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Maurizio Aliotta, Pierino Boselli)

13ª domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Giuseppe Anzani, Alessandro Ghersi)

14ª domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Alberto Carrara, Alessandro Ghersi)

15ª domenica ordinaria (Gianluigi Corti, Livio Corazza, Alessandro Ghersi)



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La rivelazione e il tempo. Abbozzo della tipologia della rivelazione secondo il parametro del tempo"
Editore: Lateran University Press
Autore: Karel Skalický
Pagine:
Ean: 2484300020582
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

L’articolo, dopo aver preso in esame i cinque modelli di Rivelazione proposti da A. Dulles nel suo celebre saggio Models of Revelation (1983-1992), intende proporre una rilettura delle tipologie di rivelazione alla luce di un parametro che sembra escluso da quella prospettiva: il tempo. A partire da qui, pertanto, vengono rilette le interpretazioni della rivelazione divina proposte dalle diverse religioni con riferimento a questa categoria fino a giungere ad un sintetico confronto con la religione ebraico-cristiana e con il suo concetto di Rivelazione nella storia.

Parole chiave

Rivelazione; tempo; storia; salvezza; Induismo; Buddhismo; Gianismo; Zoroastrismo; Gnosticismo; Manicheismo; Islam; Ebraismo; Cristianesimo

 

Abstract

After examining the five models of revelation proposed by A. Dulles in his celebrated book Models of Revelation (1983-1982), this article proposes a re-reading of the typologies of revelation in the light of a parameter that seems excluded from Dulles’ perspective: time. Thus the article re-examines the interpretations of divine revelation proposed by different religions with reference to time in order to propose a synthetic comparison between the former and the Jewish-Christian religion with its concept of revelation in history.

Keywords

Revelation; Time; History; Salvation; Hinduism; Buddhism; Jainism; Zoroastrianism, Gnosticism, Manicheism; Islam; Judaism; Christianity

 

_________________________________________________________

1. Introduzione

La rivelazione è indubbiamente una categoria centrale nella vita religiosa dell’umanità. La teologia cristiana ha elaborato una assai completa teologia della rivelazione esposta nella Costituzione sulla divina Rivelazione del Concilio Vaticano II, Dei Verbum. Avery Dulles ha messo bene in luce come in questa concezione conciliare della rivelazione sono confluite cinque diverse teologie di rivelazione, elaborate già prima del Concilio da diverse correnti teologiche1. Si tratta secondo lui dei seguenti modelli:

1.1. Tipologia teologica

a) La rivelazione concepita come locutio Dei, il parlare di Dio. Questa concezione è stata elaborata nell’ambito della teologia cattolica scolastica dalla così detta “apologetica classica”. Questo modello Dulles lo chiama Revelation as doctrine2.

b) La rivelazione concepita come actio Dei, ossia come l’agire salvifico di Dio nella storia dell’umanità. Questa concezione è stata elaborata nell’ambito della teologia protestante da Oscar Cullmann – Revelation as history3.

c) La rivelazione concepita come autocommunicatio Dei, come la Selbstmitteilung Gottes all’anima umana. Questa concezione è stata elaborata nell’ambito della teologia cattolica neoscolastica da Karl Rahner – Revelation as inner experience4.

d) La rivelazione concepita come la stessa Persona di Gesù Cristo, Verbo fatto uomo. Questa concezione è stata elaborata nell’ambito della teologia protestante da Karl Barth – Revelation as dialectical presence5.

e) La rivelazione concepita come una progressiva presa di coscienza del divino da parte della coscienza collettiva dell’umanità. Questa concezione è stata abbozzata nell’ambito della teologia moderna che suppone, a differenza dei primi quattro modelli, un altro concetto di trascendenza divina. I primi quattro modelli la pensano come l’altezza spaziale Dio, è “là sopra nel cielo”, per cui la sua rivelazione si presenta alla guisa di un meteorite che “scende” dalle altezze celesti nelle regioni inferiori della nostra terra. Il quinto modello invece pensa la trascendenza di Dio alla guisa del “più profondo fondamento” soggiacente e portante ogni essere creato. Dio è intimius, intimo nostro. Per cui la sua rivelazione viene intesa nella maniera di una “eruzione vulcanica” o “emergenza” dalle profondità inconsapevoli dell’essere creato alla piena luce della coscienza riflessiva – Revelation as new awareness6.

Questi cinque modelli di rivelazione, elaborati dalle diverse correnti di teologia cristiana, rappresentano quindi un primo abbozzo di tipologia della rivelazione, fatto però unicamente sulla base della religione cristiana.

1.2. Diverse tipologie proprie delle scienze della religione

Appena però allarghiamo la visuale oltre i confini della cristianità, ci si presenta una situazione che richiede una tipologia diversa.

Finora sono state abbozzate dalla Scienza delle Religioni diverse tipologie secondo diversi parametri quali: a) autore; b) strumento o medium; c) contenuto; d) recettore o consegnatario; e) effetto. Così vengono riassunti da Alfonso M. di Nola7, mentre G. Wiessner riporta nel Lexikon der Religionen sostanzialmente gli stessi parametri8. Il tempo come parametro determinante una ben precisa tipologia di rivelazione è ignorato.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Louis Bouyer, un théologien dans les coulisses du concile Vatican II"
Editore: Lateran University Press
Autore: Bertrand Lesoing
Pagine:
Ean: 2484300021336
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Etudier le rôle de Louis Bouyer (1913-2004) au concile Vatican II s’apparente à une entreprise bien périlleuse**. L’oratorien français est unanimement reconnu comme l’un des grands artisans du renouveau théologique de l’entre deux-guerres. A ce titre, il a indéniablement contribué à la préparation lointaine du concile. Il suffit ici de mentionner la surprenante destinée de la locution «Mystère pascal», que son essai de 1945 avait contribué à diffuser et vulgariser et qui fut ratifiée par la constitution Sacrosanctum Concilium. Après la clôture du concile, il participe à la mise en oeuvre de la réforme liturgique ainsi qu’à plusieurs commissions oecuméniques. Mais force est de constater que Louis Bouyer figure, au même titre que son ami Hans Urs von Balthasar, parmi les grands absents de l’assemblée conciliaire. Aucun évêque français n’a voulu s’encombrer de cet homme brillant, estimé de ses pairs, mais connu aussi pour ses prises de position abruptes, ses embardées et un caractère pour le moins imprévisible. Le concile semblerait à première vue constituer dans la vie du théologien une sorte de rendez-vous manqué avec l’histoire. C’est cette vision, probablement trop simpliste, que nous voudrions ici corriger, ou du moins nuancer.

1. «Un itininéraire aussiussiussiussi sinsinsinguliuliulier que fécond»

«Un itinéraire aussi singulier que fécond»: c’est par ces mots que le cardinal Jean-Marie Lustiger a salué la mémoire et ressaisi l’étonnant parcours de

Louis Bouyer1. Ce-dernier est un homme dans la force de l’âge au moment du concile. Né en 1913 à Paris, dans une famille de la moyenne bourgeoisie protestante, il est très marqué dans son enfance par la mort de sa mère2. Sa santé fragile est mise à rude épreuve par cet événement intime qui semble l’avoir durablement marqué. Parti se reposer sur les bords de Loire à Sancerre, il découvre avec émerveillement l’oeuvre de John-Henry Newman, qui devient rapidement un compagnon de route, mais aussi un miroir de sa propre évolution3.

Après son baccalauréat en 1930, le jeune homme s’inscrit à la faculté de théologie protestante de Paris, en vue de se préparer au ministère pastoral. Dans une faculté encore très nettement libérale, il est séduit par quelques voix nouvelles qui font leur apparition, comme celle du néo-calviniste Auguste Lecerf. Surtout, par le biais d’autres étudiants et la FUACE, il entre en contact avec la théologie de Karl Barth4. Sur les bancs de la même université, il fait connaissance avec un jeune dominicain, encore inconnu qui allait devenir un de ses plus fidèles correspondants et amis: Yves Congar. Mais à cette époque, c’est surtout vers l’orthodoxie que regarde Louis Bouyer. Paris est alors la capitale de l’émigration russe. La théologie et la spiritualité orthodoxes attirent nombre de catholiques et protestants cultivés. L’étudiant entre en contact avec cet univers par le biais de Lev Gillet, plus connu sous son nom de plume «un moine de l’Eglise d’Orient»5. Cet ancien bénédictin catholique converti à l’orthodoxie initie Bouyer à la pensée de Vladimir Lossky et Serge Boulgakov, lui faisant découvrir la sophiologie. Par l’orthodoxie l’étudiant adhère dès le début des années 30, au moins in pectore, à la tradition de l’Eglise indivise une.

Après deux années d’études supérieures à Paris, il continue sa formation théologique à Strasbourg. Ordonné pasteur en 1935, il exerce le ministère dans une petite paroisse parisienne6. Comme Newman avant-lui, il tente un

essai de «recatholicisation” du protestantisme.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300020056
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Per un nuovo umanesimo in Gesù Cristo: annunciare

 

Studi

L. Diotallevi, Annunciare al tempo di un tweet 3

Nella logica del mondo un ruolo decisivo viene svolto dall’immagine. Una volta rappresentato, qualsiasi

fattore che avrebbe potuto destabilizzare il mondo, vi viene invece normalizzato. Difficile farsi un’immagine

di una parola. Rischiosissimo e farsi una icona e molto difficile e anche solo scrivere la Parola

che dice il Regno che nella storia e come storia avviene. Incorniciata, la Parola si mondanizza. Il tweet

tende a privilegiare la battuta. La battuta magari graffia, ma non sovverte.

E. Massimi, Annunciare celebrando: contrappunto di linguaggi 9

Nelle celebrazioni liturgiche l’annuncio della salvezza possiede caratteristiche proprie poiche i diversi

elementi (architettura, iconografia, canto, parola, silenzio, gesti, vesti liturgiche) coinvolgono il fedele

in tutte le sue dimensioni. Anche l’annuncio verbale nella liturgia interagisce con altri linguaggi: viene

proclamato in uno spazio, e associato a dei gesti, e sostenuto da una melodia.

F. Pieri, Dall’evangelizzazione alla liturgia:

la celebrazione nasce dall’annuncio 17

Quale rapporto intercorre tra ‘vangelo’, nella sua valenza primaria di nomen actionis equivalente a

‘evangelizzazione’, e ‘cultura’? Essendo la cultura dimensione ineludibile di ogni comunicazione, anche

l’annuncio della buona notizia non puo che inerirvi costitutivamente. La stretta connessione del

vangelo alla cultura umana di ogni tempo e luogo si declina con caratteristiche peculiari entro quella

singolare fattispecie che e il ‘culto’, ossia la ritualita rivolta alla dimensione trascendente.

G. Cavagnoli, La liturgia ‘annuncio’ del mistero pasquale 22

L’esperienza liturgica risulta concreta realizzazione del k rygma, non solo letto/annunciato/proclamato,

ma attuato ritualmente, mediante segni sensibili (Sacrosanctum concilium 7). La riforma del Vaticano II,

in proposito, ha mirato a conservare la centralita della Pasqua come il krygma primitivo e riassuntivo

di tutte le molteplici esperienze rituali.

Temi pastorali

M. Di Benedetto, L’omelia nel rito del battesimo dei bambini 33

La preparazione dell’omelia per il battesimo dei bambini offre al ministro l’occasione per annunciare

l’iniziativa misericordiosa di Dio nella vita dei suoi figli; proprio per questo e richiesta una speciale cura

nel raccordare gli elementi della lex orandi - lex credendi del rito battesimale con i fattori situazionali

dei richiedenti e dell’assemblea celebrante. I due schemi omiletici proposti intendono offrire alcuni

elementi metodologici e di contenuto a servizio dell’omileta.

B. Borsato, L’omelia nel rito del matrimonio 39

Il matrimonio, piu di altri sacramenti, ha subito questa contrazione individualistica. Come annunciare

l’amarsi, l’amarsi nella chiesa e l’indissolubilita/fedelta del matrimonio? L’autore partendo da Gen 1–2

e Mc 10,2-16 propone due schemi di omelia per la celebrazione del matrimonio.

F. Trudu, L’omelia nel rito delle esequie 45

Nell’omelia esequiale si ripongono spesso non poche aspettative poiche la morte sollecita tante domande

con insoddisfacenti risposte. Si annuncia e testimonia la presenza del Signore anche nel momento

del lutto e insieme si offre il sostegno della fede. La scheda prende in considerazione l’omelia in due

contesti diversi, quando non si conosce la persona del defunto e quando invece la si conosce, per individuare

criteri e possibili schemi omiletici.

Schede per la formazione

L. Donati Fogliazza, La liturgia ‘annuncio’ del mistero pasquale 50

Ogni annuncio cristiano e fatto di gesti e di parole. La liturgia, fatta di gesti e parole, annuncia perche

inserisce in una esperienza concreta che dalla stessa concretezza della vita attinge la sua forza. L’incontro

proposto, nello stile del laboratorio, cerca di puntare l’accento su questa esigenza di incarnazione

dell’annuncio e, mentre puntualizza alcune sue implicazioni, chiede una nuova creativita della liturgia,

perche essa possa dispiegare tutta la sua capacita comunicativa.

M. Soranzo, Il mistero pasquale nell’arte 56

L’iconografia della risurrezione e stata molto varia nei secoli poiche i racconti evangelici sono molto

scarni: dal simbolismo iniziale alle mirofore, dall’incontro con la Maddalena alla risurrezione vera e propria.

L’iconografia tradizionale dell’ascensione, invece, vede in basso gli apostoli con Maria e due angeli

e in alto Cristo nella mandorla accompagnato da angeli oranti oppure che ascende da solo lasciando,

talvolta, l’impronta dei piedi sulla montagna, mentre nella pentecoste prevale il gruppo degli apostoli

riuniti attorno alla Vergine con lo Spirito Santo sotto forma di colomba, di raggi o lingue di fuoco.

Anno santo

R. Barile, Chiedere, ottenere, dare misericordia: i percorsi della liturgia 62

A prescindere dal Rito della penitenza, in liturgia la dimensione penitenziale non e un ‘riordino’ della

propria vita, che richiederebbe analisi piu complesse e tempi piu prolungati. E invece la memoria di

questa precedente penitenza che si rinnova e si riconferma in un nuovo atto. Il piu delle volte poi e

il rivolgersi alla misericordia di Dio per ottenere una purificazione in vista dell’atto di culto che si sta

compiendo.

Sussidi e testi

F. Gomiero, La notte più chiara del giorno: cantare l’annuncio pasquale 67

Questo annuncio trova ogni anno la sua espressione rituale, ma anche l’esperienza da cui nasce nella

Veglia pasquale. E un rito unico nell’anno, al quale sono riservati tutti gli elementi che ne fanno un rito

solenne, importante, singolare nella sua struttura e nella sua esecuzione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "A proposito dell'edizione di Warren Lews della Lectura super Apocalipsim di Pietro di Giovanni di Olivi. Alcune osservazioni (99-161)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Alberto Forni - Paolo Vian
Pagine:
Ean: 2484300020155
Prezzo: € 5.00

Descrizione:The Lectura super Apocalipsim by Peter of John Olivi has had a tormented editorial history; as a matter of fact, despite a wide knowledge of its manuscript tradition since the late 19th century and various attempts to publish the entire Lectura throughout the last century, none of the initiatives came to a conclusion. The long-awaited first critical edition of Olivi’s Lectura super Apocalipsim by W. Lewis (2015) finds a close examination in this article. The authors consider: its ratio editionis; the presentation and classification of the manuscript witnesses with the stemma codicum; one presumed interpolation (on the commutatio pontificatus); the nature of MS Novara, Bibl. Capitolare, CXXVII; Olivi’s original Latin spelling; and the coherence between the text and the critical apparatus. All in all, the examination reveals serious shortcomings. Nevertheless, Lewis’ work serves as a milestone on which scholars can build in order to come up with improved results.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dignitas dilectionis munus. Dignità umana e Fede cristiana"
Editore: Lateran University Press
Autore: Carlo Lorenzo Rossetti
Pagine:
Ean: 2484300020575
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Estratto

La dignità sta alla base del rispetto dei diritti dell’uomo e quindi della legislazione di molti Stati democratici. Il saggio mira ad una sintesi sistematica alla luce della Scrittura e del Magistero (specie del Vaticano II e di s. Giovanni Paolo II), per dimostrare l’importanza di tale nozione nella fede cristiana. Il punto iniziale è la dottrina della creazione (protologia) con l’affermazione del binomio “creaturalità trascendente” e “responsabilità etica” della persona. Il ché trova riscontro in altre religioni e nella migliore riflessione etica laica (Kant). Sul piano prettamente cristiano (soteriologia), si distingue un triplice livello di dignità: ontologico (figliolanza), etico (santità) ed escatologico (gloria). Si evidenzia pure il paradosso della redenzione attraverso la Croce in cui si palesa il “grande prezzo” con cui Dio ha stimato l’essere umano. Il saggio propone infine alcune “Tesi sistematiche” in cui, tra l’altro, si propone di definire la dignità come “sacralità e santità”, additando la suprema attestazione della propria dignità etica nel potere/dovere tutelare la dignità di chi non la può rivendicare, mediante la compassione, la misericordia e la cura ecologica.

Parole chiave:

Dignità; umana; creazione; Fede cristiana; adozione filiale; redenzione; sacralità; santità; natura; grazia; gloria; protologia; soteriologia

 

Abstract

Dignity is the foundation of human rights and therefore is basic for the legislation of democratic states. This essay, based on Scripture and the Magisterium (with special regard to conciliar texts and those of St. John Paul II), shows the central place of this topic in Christian faith. In fact, the entire Catholic creed is a powerful statement reinforcing human dignity. The starting point (protology) is the creatural and ethical dignity of the person, which is shared also by other religions as by the best ethical tradition (Kant). In Christian soteriology we can distinguish a threefold dignity: ontological, ethical and eschatological (Filiation – Holiness - Glory). The paradox revealed by redemption through the Cross is also stressed. The essay offers some synthetic theses, which among other things, define dignity as sacredness and holiness according to which the supreme manifestation of one’s own (ethical) dignity consists in protecting and saving the (ontological) dignity of those who apparently cannot claim it. This happens through compassion, mercy and ecological care.

Keywords:

Human Dignity; Christian Faith; Creation; Filial Adoption; Redemption; Nature; Grace; Glory; Sacredness; Holiness; Protology; Soteriology

 

_________________________________________________________

«In realtà, quel profondo stupore riguardo al valore e alla dignità dell’uomo si chiama Vangelo, cioè la buona novella. Si chiama anche cristianesimo». «Il Vangelo dell’amore di Dio per l’uomo, il Vangelo della dignità della persona e il Vangelo della vita sono un unico e indivisibile Vangelo»

(Giovanni Paolo II, RH [1979] 10b; Id., EV [1995] 2).

«Coloro che s’impegnano nella difesa della dignità delle persone possono trovare nella fede cristiana le ragioni più profonde per tale impegno»

(Francesco, LS [2015] 65).

Valore intrinseco e inalienabile della persona, “diritto ad avere diritti” (H. Arendt), la dignità1 sta al centro degli interessi di filosofi, giuristi e teologi; essa è non solo nozione centrale e per così dire “culminante” dell’antropologia, ma anche principale fonte di legittimazione del rispetto dei diritti umani e quindi fondamento della legislazione di molti Stati contemporanei e organismi internazionali2.

D’altra parte, non va ignorato che oggi, da vari ambienti, la rilevanza se non il concetto stesso della dignità siano messi in discussione3. Eppure la riaffermazione e fondazione di questo valore pare imprescindibile anche in vista di una promozione di quel “nuovo umanesimo” del quale si avverte nei nostri giorni una urgente necessità4. Risulta quindi utile tentare di cogliere, in modo sintetico e sistematico, l’essenza della dignità umana, così come viene proposta dalla dottrina cattolica. In ambito cristiano infatti, tale questione si riscontra a 360° della dottrina della fede e della prassi della chiesa. Parafrasando un importante numero del Catechismo della chiesa cattolica (= CCC) dedicato al problema del male (cf. n. 309) si potrebbe dire che «non c’è un punto del messaggio cristiano che non sia, per un certo aspetto, una affermazione della dignità della persona umana».

Nostro intento è quindi di giustificare la dignità come irrinunciabile principio antropologico con ricadute etiche, sociali e giuridiche indicando quanto la fede cristiana aiuti a fondarlo nella teoria per poi tutelarlo nella prassi.

Dopo una breve introduzione in chiave storica (§ 0), distingueremo il contributo al pensiero della dignità umana offerto dalla protologia (§ 1) e poi dalla soteriologia cristiane (§ 2). Concluderemo offrendo alcune tesi sintetiche (§ 3). Proprio secondo l’esergo tratto dalla Laudato si’ (n. 65), la fede nell’amore di Dio per l’umanità (agapê / philanthropia, cf. Tt 3,4) si rivelerà essere la massima attestazione della dignità come sacralità e intangibilità nonché il più forte movente per la sua concreta valorizzazione.

0. Umanesimo cristiano e approdi magisteriali

L’argomento della dignità umana ha radici nella filosofia antica (specie

platonismo e stoicismo) e nella rivelazione biblica; esso cresce nell’humus

patristico e medievale che vedeva l’uomo come capax Dei (Ireneo), fatto per

Dio («fecisti nos ad Te»; s. Agostino); posto “in tanta dignità” dall’“amore

inestimabile” di un Dio “innamorato” che lo vuole partecipe del “suo Bene

eterno” (s. Caterina da Siena)5. Esso fiorisce però, come esplicito tema dottrinale,

con il cosiddetto Umanesimo cristiano tra XV e XVI secoli; umanesimo,

in verità, tanto prossimo alla visione degli antichi autori alessandrini (Filone,

Origene, Clemente) e poi felicemente ripreso dalla Nouvelle Théologie e dal

Concilio Vaticano II.

Pico della Mirandola († 1494), che ambiva a conciliare ellenismo e sapienza

biblica, scorgeva il fulcro della dignità umana nella libertà che ha

l’uomo di giungere all’assimilazione con Dio: «medium mundi […] ut tui

ipsius quasi arbitrarius honorariusque plastes et fictor, in quam malueris tute

formam effingas». Interprete della natura mediante i suoi sensi e la sua intelligenza,

l’uomo è posto nell’universo per intuirne la razionalità (ratio), per

amarne la bellezza (pulchritudo) e per ammirarne la grandezza (magnitudo)6.

Certo la “camaleontica” capacitas di cui è provvisto l’uomo – e che lo rende

come ricettacolo di ogni semente (omnifaria semina) – ne attesta già un’incomparabile

nobiltà rispetto alle altre creature naturalmente condizionate.

Ma la vera dignità si palesa quando l’uomo mette in atto la sua straordinaria

potenzialità, ossia quando i germi da lui posseduti giungono a frutto nella

divinizzazione, ossia nell’unione con Dio: «E se di nessuna creatura rimarrà

pago, rientrerà nel centro della sua unità, e lo spirito, fatto uno con Dio, verrà

assunto nell’umbratile solitudine del Padre che s’aderge sempre al di sopra di

ogni cosa» (l. 31).



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "P. Sebastiano Tromp, Segretario della Commissione teologica preparatoria e conciliare"
Editore: Lateran University Press
Autore: Alexandra von Teuffenbnbach
Pagine:
Ean: 2484300021343
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. Introduzione**

Si dice che durante l’ultima, grande assise ecclesiale si sia svolto un avvincente conflitto tra due fronti, tra due blocchi monolitici1. Riguardo al concilio si è soliti operare delle distinzioni, quando addirittura non vengono individuate delle vere e proprie “fazioni” in seno al concilio medesimo, opposte tra loro: destra e sinistra, minoranza e maggioranza; esponenti “romani” e teologi e vescovi d’Oltralpe; conservatori e progressisti; personaggi legati a Pio XII e altri legati a Giovanni XXIII; si distinguono quelli “chiusi” da quelli “aperti”, o ecumenici; ci si spinge addirittura a distinguere i “buoni” dai “cattivi”. I “cattivi” contro cui combattere sono i rappresentanti della Commissione teologica, innanzitutto il cardinale Ottaviani e il gesuita Sebastiano Tromp2, ma anche tutti gli altri vicini alle loro posizioni. I “buoni” sarebbero,

al contrario, quei teologi, soprattutto d’Oltralpe, che avevano avuto problemi con il Sant’Uffizio, pensiamo a Yves Congar OP e Henri de Lubac SJ, o che erano stati sottoposti a “censura” interna all’ordine religioso di appartenenza, come padre Karl Rahner SJ.

Tra i primi ad utilizzare queste categorie, queste divisioni nette, astoriche, semplicistiche – fra coloro che si sentivano legati alla dottrina tradizionale da una parte, e quanti invece sembravano più aperti dall’altra – troviamo, come ricorda Caprile, l’«Avanti!», il quotidiano del partito socialista3. Le faziose semplificazioni giornalistiche, rese possibili forse dal clima di guerra fredda e allo scopo di attirare l’attenzione del pubblico normalmente non interessato a complicate questioni teologiche, sono invece indegne di un’analisi storica o teologica, soprattutto oggi, a cinquant’anni dal concilio.

La storia della Chiesa si dovrebbe basare, se vuole essere scienza, al pari della storia in genere, sulle fonti, e sarebbe auspicabile che si diffondesse sempre più una serena analisi dei fatti e dei personaggi4. In tal modo ne uscirebbe un quadro ben più differenziato e complesso di quello giornalistico. Così può destare meraviglia che Yves Congar OP e Henri de Lubac SJ fossero chiamati a servire il concilio come consultori della Commissione teologica su espresso desiderio di Franz Hürth, anziano consultore del Sant’Uffizio, che li volle per «chiudere la bocca» agli avversari5. Ma in questa mossa dell’anziano gesuita si può anche riconoscere la preoccupazione di formare un gruppo, preparatorio al concilio, abbastanza equilibrato da poter sopportare le critiche ed essere preso sul serio. Karl Rahner SJ invece, nonostante le insistenze di Sebastiano Tromp per farlo entrare nella commissione teologica preparatoria (pressioni di cui Rahner stesso non sarebbe mai venuto a conoscenza), fece parte della commissione per i sacramenti.

Durante il concilio furono questi teologi d’oltralpe, insieme ad altri sulla loro stessa linea, a mantenere i contatti in modo più assiduo con la stampa.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU